daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy | DMCA | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Altre discussioni > Progettare e costruire



Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools Rate Thread
Old November 18th, 2011, 06:21 PM   #1
TRINACRIA FELIX
Registered User
 
TRINACRIA FELIX's Avatar
 
Join Date: Jul 2009
Location: Messina
Posts: 4,099
Likes (Received): 1312

Rifiuti: metodi di trattamento oltre l'inceneritore.

Apro questa nuova discussione per avere un'idea di quanti e quali siano i metodi alternativi all'inceneritore e perchè si parla solo e sempre di inceneritori.

Il trattamento meccanico Biologico dei rifiuti.
Questo è l'impianto di Tel Aviv in Israele. I gestori sono dei privati e ci guadagnano! Producono metano, fertilizzanti, recuperano materiali e vendono tutto.




Il THOR (Total House-waste Recycling), riciclaggio completo dei rifiuti domestici.
Un sistema sviluppato dal Cnr permette di recuperare e raffinare i rifiuti solidi urbani senza passare per i cassonetti differenziati. Costa un quinto della spesa per lo smaltimento di un inceneritore e restituisce materiali utili e combustibile dal potere calorico elevato.
Thor (Total house waste recycling - riciclaggio completo dei rifiuti domestici) è una tecnologia ideata e sviluppata interamente in Italia dalla ricerca congiunta pubblica e privata, che si basa su un processo di raffinazione meccanica (meccano-raffinazione) dei materiali di scarto, i quali vengono trattati in modo da separare tutte le componenti utili dalle sostanze dannose o inservibili.
Come un "mulino" di nuova generazione, l’impianto Thor riduce i rifiuti a dimensioni microscopiche, inferiori a dieci millesimi di millimetro. Il risultato dell’intero processo è una materia omogenea, purificata dalle parti dannose e dal contenuto calorifico, utilizzabile come combustibile e paragonabile ad un carbone di buona qualità.
http://www.ieni.cnr.it/content/view/754/104/lang,it/

__________________
EUROLINK S.C.p.A.
IMPREGILO S.p.A. (Mandataria) SOCIETA’ ITALIANA PER CONDOTTE D’ACQUA S.p.A. (Mandante) SACYR S.A.U. (Mandante)
COOPERATIVA MURATORI E CEMENTISTI – C.M.C. di Ravenna soc. Coop. A.r.l. (Mandante)
ISHIKAWAJIMA – HARIMA HEAVY INDUSTRIES CO. Ltd. (Mandante) A.C.I. S.C.P.A. – CONSORZIO STABILE (Mandante)
Il Ponte su Facebook/The Bridge on Facebook: http://www.facebook.com/pages/STROM-...ref=ts[/B]
TRINACRIA FELIX no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
 
Old November 18th, 2011, 08:36 PM   #2
Ingegné
Ingenere attempatello
 
Ingegné's Avatar
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 1,826
Likes (Received): 43


Ho letto con interesse l'articolo, ma mi pare si mantenga più sull'enunciazione di principi che sulla descrizione tecnica del processo e dei risultati. In particolare mi lascia perplesso questo dato:
Quote:
“Un’area urbana di 5000 abitanti produce circa 50 tonnellate al giorno di rifiuti solidi”, informa il ricercatore. “Con queste Thor permette di ricavare una media giornaliera di 30 tonnellate di combustibile, 3 tonnellate di vetro, 2 tonnellate tra metalli ferrosi e non ferrosi e 1 tonnellata di inerti, nei quali è compresa anche la frazione ricca di cloro dei rifiuti, che viene separata per non inquinare il combustibile”. Il resto dei rifiuti è acqua, che viene espulsa sotto forma di vapore durante il processo di micronizzazione.
A parte che spero ci sia un errore sugli abitanti (5.000 --> 50.000?) o sulla quantità di rifiuti (50 tonnellate --> 5 tonnellate?), altrimenti avremmo 10 Kili pro capite di rifiuti ogni giorno (quindi a Napoli avrebbero 10.000 tonnellate di problemi al giorno!) noto questo:
Visto che si parla di materiale non differenziato all'origine (il sogno delle municipalizzate) mi sembra strano che si recuperino solo il vetro ed i metalli per un totale di 5 tonnellate su 50 di rifiuti.
E la carta e la plastica che fine fanno? Mi sembra di capire che vengono anch'esse trasformate in combustibile, per cui è tutto materiale prezioso che non viene recuperato (e ci credo che il potere calorico risulta elevato!).
In pratica i rifiuti vengono comunque bruciati, solo che lo si fa in un luogo diverso.
Paragonato con l'inceneritore è senza dubbio un successo, ma non se sia altrettanto positivo il confronto con il ciclo raccolta differenziata/termovalorizzatore.

Spero che l'argomento riscuota l'interesse che merita. Grazie Trinacria Felix.
__________________
Nihil difficile volenti

Last edited by Ingegné; November 18th, 2011 at 08:41 PM.
Ingegné no está en línea   Reply With Quote
Old November 18th, 2011, 09:28 PM   #3
logan1975
Registered User
 
logan1975's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 10,206
Likes (Received): 1604

Già più di 20 anni fa tutte le case in America avevano il tritarifiuti nel lavabo della cucina, si eliminava così più del 50% dell'umido. In Italia ovviamente non si è mai diffuso...
__________________
North-east of Sicily

Lasciate entrare il cane coperto di fango: si può lavare il cane e si può lavare il fango, ma quelli che non amano né il cane, né il fango, quelli no, non si possono lavare.
Jacques Prévert
logan1975 no está en línea   Reply With Quote
Old November 19th, 2011, 03:44 PM   #4
mizuno
Gatto con gli stivali
 
mizuno's Avatar
 
Join Date: Jul 2004
Location: Milano
Posts: 521
Likes (Received): 36

é uno dei migliori acquisti che abbia mai fatto. Naturalmente si può installare solo in palazzi recenti, dove gli scatichi sono fatti a regola d'arte. Ma quando vivevo da solo e mangiavo spesso fuori, potevo tranquillamente buttare un sacchetto di indifferenziata al mese, tanto non puzzava minimamente.
mizuno está en línea ahora   Reply With Quote
Old November 20th, 2011, 03:04 PM   #5
Ipaq
Registered User
 
Ipaq's Avatar
 
Join Date: Oct 2006
Posts: 1,045

Quote:
Originally Posted by logan1975 View Post
Già più di 20 anni fa tutte le case in America avevano il tritarifiuti nel lavabo della cucina, si eliminava così più del 50% dell'umido. In Italia ovviamente non si è mai diffuso...
Se non sbaglio in Italia sono vietati cioè dovrebbe essere vietato lo smaltimento dei rifiuti nelle fognature.
__________________
Nego ogni addebito.
Ipaq no está en línea   Reply With Quote
Old November 20th, 2011, 08:47 PM   #6
JoNapo
la manica di fetenti
 
JoNapo's Avatar
 
Join Date: Feb 2007
Location: Napoli
Posts: 2,049
Likes (Received): 1

a cosa servirebbe mai gettare i rifiuti nelle fogne?
__________________
si è sempre i meridionali di qualcuno
my flickr http://www.flickr.com/photos/jodm82/
[B]
JoNapo no está en línea   Reply With Quote
Old November 21st, 2011, 11:18 AM   #7
gruber
Mal di pancia user
 
gruber's Avatar
 
Join Date: Jun 2004
Posts: 13,712
Likes (Received): 4177

Quote:
Originally Posted by Ipaq View Post
Se non sbaglio in Italia sono vietati cioè dovrebbe essere vietato lo smaltimento dei rifiuti nelle fognature.
Non più.


Articolo 9-quater del decreto legge 6 novembre 2008, n. 172

"Ai fini di una maggiore sostenibilità economica e gestionale dello smaltimento della parte organica dei rifiuti solidi urbani sul territorio nazionale e di una riduzione quantitativa dei rifiuti da avviare allo smaltimento finale, il comma 3 dell'articolo 107 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4, è sostituito dal seguente:
«3. Non è ammesso lo smaltimento dei rifiuti, anche se triturati, in fognatura, ad eccezione di quelli organici provenienti dagli scarti dell'alimentazione trattati con apparecchi dissipatori di rifiuti alimentari che ne riducano la massa in particelle sottili, previo accertamento dell'esistenza di un sistema di depurazione da parte dell'ente gestore del servizio idrico integrato, che assicura adeguata informazione al pubblico anche in merito alla planimetria delle zone servite da tali sistemi.
L'installazione delle apparecchiature è comunicata da parte del rivenditore al gestore del servizio idrico, che ne controlla la diffusione sul territorio»."


Lo stesso articolo ha abrogato la norma di cui all'art. 2, cc. 8-bis e 19, del decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4, la quale modificava il comma 3 nei seguenti termini: "3. Non è ammesso lo smaltimento dei rifiuti, anche se triturati, in fognatura".



***

Negli USA, dove il tritarifiuti è stato inventato a metà degli anni 30, in molte città è proibito il loro utilizzo perchè danneggiano il sistema fognario, sono anti igienici e creano grossi problemi ai sistemi di depurazione delle acque. A New York sono stati reintrodotti a fine anni 90 dopo la proibizione di installarli ed usarli sin da fine anni 60.
Nelle piccole città invece il sistema è diffusissimo. Circa il 50% delle famiglie americane ha un tritarifiuti.

Qui c'è uno studio di una commissione municipale di N.Y. su vantaggi e svantaggi dell'utilizzo dei tritarifiuti.
E per i cittadini e per la comunità.

http://www.nyc.gov/html/dep/pdf/grinders.pdf

Last edited by gruber; November 21st, 2011 at 11:24 AM.
gruber no está en línea   Reply With Quote
Old November 21st, 2011, 05:04 PM   #8
Ingegné
Ingenere attempatello
 
Ingegné's Avatar
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 1,826
Likes (Received): 43

Durante il fine settimana ho ragionato su questo Thor ed ho trovato quale potrebbe essere il suo punto di forza.

Ammettendo che funzioni lo stesso dopo aver recuperato carta e plastica, il suo indubbio fascino è che l'impianto può essere più o meno grande, a seconda della quantità di rifiuti da smaltire.
Se veramente è così economico e facile da installare. sarebbe l'arma finale contro i NIMBY.
Ogni paese, cittadina, quartiere ecc. potrebbe installare il suo impianto su misura e nel suo territorio. Così si porta a kilometri zero il trasporto ed ognuno si cucca i suoi rifiuti e non può più protestare.
E il combustibile ricavato si utilizza nello stesso quartiere per gli impianti di riscaldamento centralizzato.

Naturalmente resterà il problema di smaltire quel 2% di inerti e di sostanze dannose, che nessuno vorrà tenersi sotto casa.
__________________
Nihil difficile volenti
Ingegné no está en línea   Reply With Quote
Old January 26th, 2012, 11:14 AM   #9
Ruston
Registered User
 
Ruston's Avatar
 
Join Date: Aug 2011
Posts: 1,029
Likes (Received): 189

Quote:
Originally Posted by Ingegné View Post

Naturalmente resterà il problema di smaltire quel 2% di inerti e di sostanze dannose, che nessuno vorrà tenersi sotto casa.
Il problema non è il 2% che resterebbe prima dell'uso come combustible (cosa su cui dubito), ma il 30/35% di ceneri in peso che restano da smaltire dopo la produzione di energia.

Sono comunque convinto che non abbiano fatto un bilancio energetico ed una analisi dei costi proprio approfondita , mi occupo di macinazione da anni , e l'unica certezza è che diminuendo la dimensione del macinato i costi salgono con una curva ben più ripida di una progressione geometrica.

Già arrivare ad un granulato da griglia 10 mm. è molto costoso e per questo non viene fatto, anche se permetterebbe la separazione automatica di oltre il 90% del rifiuto, salire alla micronizzazione ...
Ruston no está en línea   Reply With Quote


Reply

Thread Tools
Rate This Thread
Rate This Thread:

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 08:07 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.8 Beta 1
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.2.5 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2014 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2014 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu