search the site
 daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy | DMCA | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Architettura ed urbanistica in Italia > Progetti in corso



Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old September 30th, 2014, 11:13 AM   #121
fabrik
Registered User
 
fabrik's Avatar
 
Join Date: Jan 2005
Location: Dalla vostra parte
Posts: 16,022

Ieri su La Stampa, articolo sul 25esimo anniversario della IED a Torino, neanche un minimo accenno a questo progetto, nonostante abbiano scritto di tutte le sedi torinesi succedutesi nel tempo...
fabrik no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
Old October 1st, 2014, 12:44 PM   #122
snowtura
Registered User
 
snowtura's Avatar
 
Join Date: Mar 2009
Location: Augusta Taurinorum
Posts: 2,391
Likes (Received): 934

Da quando ci sono stati i primi proclami per la nuova sede è cambiato il direttore dello IED di Torino, quindi è possibile anche che siano cambiate le priorità.
snowtura no está en línea   Reply With Quote
Old November 11th, 2014, 04:30 PM   #123
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,877
Likes (Received): 2727

sigh...

Quote:
Secondo quando annunciato dallo IED, il campus sarà inaugurato con l’avvio dell'anno accademico-2014.

Surface area: 12 700 m2
Budget: 9,5 ML €
Project Mario Cucinella Architects Team: Mario Cucinella Elizabeth Francis Hyun Kim Susanna Tundo Linda Larice
Structural engineering: Politecnica Ingegneria e Architettura
Electrical engineering: Politecnica Ingegneria e Architettura 3D Rendering Engram Studio
http://www.archilovers.com/projects/...-ied.html#info

allegato
http://img.archilovers.com/projects/...bae7dd2d14.pdf
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old November 23rd, 2015, 10:15 PM   #124
The Cyclist
- = +
 
Join Date: Jun 2011
Posts: 2,041
Likes (Received): 878

__________________

fabrik, snowtura liked this post
The Cyclist no está en línea   Reply With Quote
Old June 30th, 2017, 04:19 PM   #125
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,877
Likes (Received): 2727

e nel frattempo, continua a non muoversi una foglia...
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old June 30th, 2017, 04:23 PM   #126
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,877
Likes (Received): 2727

interessante

Torino post-industriale: il caso OSI-Ghia

Negli ultimi anni si è parlato molto della transizione di Torino da città industriale a città della cultura. Ma non tutti i luoghi del "glorioso passato torinese" sembrano stare al passo con i tempi. Viaggio nell'ex OSI-Ghia.



Quote:

[...]

Progettazione eterna

Eppure di progetti ce ne sono stati: tra il 2009 e il 2011 il Comune di Torino ha dato il via ai lavori per i progetti di riordino (qui il piano di riordino approvato da Comune e Provincia). Nel 2012 La Stampa annunciava un progetto da 60 milioni: giardini pensili, la sede del nuovo Istituto Europeo del Design, un eco-campus ad emissioni zero e 300 appartamenti. Dopo tre anni, il Sole 24 Ore, in questo articolo, rilanciava il magnifico piano strategico di Torino che puntava, tra altre zone, anche sull’area OSI-Ghia. Già, perché l’OSI non è l’unica area dismessa: da anni si specchia nelle macerie della Ghia, un’altra carrozzeria fondata nel 1916 e chiusa anch’essa nel 2001, che si trova proprio lì accanto. L’area OSI-Ghia è un’area immensa: 52mila metri quadri, e cinquemila di questi sono proprietà della famiglia Milanesio. Sono gli unici che si sono salvati: vi è nato il co-working ToolBox. Eppure sarebbero dovuti fiorire anche altri progetti. Nel suo insieme l'area OSI-Ghia è così grande che, anche nel caso di un avvio senza problemi dei vari progetti, il 50% dello spazio sarebbe rimasto intonso, a testimonianza del passato industriale della città. Ma ad oggi tutta l’area è in stato di degrado e abbandono. Come dichiarato in un video dell’Ordine degli Architetti di Torino: «Solo di recente le mutate condizioni economiche e la crisi del mercato immobiliare non hanno reso possibile dare corso al progetto». Di sicuro però adesso non c’è alcun rischio che il passato industriale venga dimenticato. Nel frattempo ci sono i writers a riscrivere il glorioso passato industriale. I loro murales dipingono la OSI con colori più accesi dello sporco che sovrasta, donano un po’ di vita al luogo. Eppure, la vita che incontriamo nell'OSI non sta solo sui muri, ma dorme sui pavimenti.


Mai sentito parlare della crisi?

Milanese accetta di buon grado di rispondere alle nostre domande, è contento di vedere che non siamo delinquenti. «Ecco chi diamine era a far suonare l'allarme tutta la mattina!», afferma, prima di continuare. «La Ghia era una carrozzeria, una delle storiche con Bertone e Pininfarina. Comprata dalla Ford una quindicina di anni fa, ha continuato la produzione qui per qualche anno, poi è stata trasferita a Francoforte, in Germania, dove c'è la sede della GM Europa». Gli chiediamo dei cartelli di lavori in corso. Dovevano terminare nel 2014, ma a due anni di distanza pare non siano nemmeno iniziati. Infatti i cartelli si riferiscono a lavori di bonifiche e demolizioni, ma poi «è andato tutto a ramengo». Milanese spiega: «Una società aveva acquistato l'area verso Corso Dante e aveva un grande progetto di sviluppo residenziale. In cambio dei diritti edificatori, gli standard relativi alle costruzioni prevedevano che quest'area fosse data al comune una volta bonificata e demolita». Tutto si è paralizzato. Il motivo è il solito: «Mai sentito parlare della crisi?» afferma sarcastico Milanesi. I fondi c'erano, ma i guadagni ipotizzati non erano sufficienti: gli appartamenti sarebbero rimasti invenduti.
E oggi a chi appartengono tutti quei metri quadri di nulla? «Oggi il proprietario è il fondo NICHER, uno dei fondi della Serenissima SGR di Venezia», spiega Milanesi. Adesso non ci sono più prospettive, né progetti. Ora la speranza è quella del "grande investitore straniero", perché Torino costa meno di Milano, perché si può comprare e abbandonare senza perder troppi quattrini. Nell'attesa della sua venuta, la Ghia ha ritrovato nello spaccio una nuova ragion d’essere.



Una storia di co-working

Il luogo dove è sorto il Toolbox Co-working invece si è salvato. Qui nel 1920 c'erano le Fonderie Garrone. Nel 1934 sono acquisite dalla Fiat per poi divenire, negli anni '50, una trafilatura meccanica e, negli anni '70, il magazzino della IDS, un marchio d'abbigliamento. Quando nel 2010 l'azienda si è trasferita si è posto il problema di cosa fare di questo edificio che il contesto rendeva difficile da piazzare. «Si iniziava a parlare in giro del mondo del co-working. Così nell'aprile del 2010 abbiamo messo a posto il piano terra» racconta Milanesi. La struttura architettonica del Toolbox Co-Working è quasi gerarchica. È possibile affittare un posto ad un grande tavolo di lavoro condiviso, o una scrivania singola al pian terreno dove i clienti sono giovani freelance, startup o chiunque non abbia voglia di lavorare nella solitudine casalinga o non si possa permettere uno studio in proprio. Al primo piano troviamo invece gli uffici privati di aziende già avviate. Da qualche anno lo stabile ospita anche il FabLab, il primo laboratorio di fabbricazione digitale in Italia. Spegniamo il registratore, è il momento di una visita guidata.

http://www.cafebabel.it/lifestyle/ar...-osi-ghia.html
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)

snowtura liked this post
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old July 3rd, 2017, 02:15 AM   #127
mb_bs
Alfista
 
mb_bs's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Location: Torino
Posts: 457
Likes (Received): 77

Quote:
Originally Posted by dreaad View Post

Comprata dalla Ford una quindicina di anni fa, ha continuato la produzione qui per qualche anno, poi è stata trasferita a Francoforte, in Germania, dove c'è la sede della GM Europa»
Ha le idee un po' confuse su questo... Ghia comprata nel 1973 da Ford (di Colonia, niente a che fare con GM), chiusa la produzione pochi anni dopo, rimase solo il centro stile fino al 2001.

Chissà quando si sbloccherà qualcosa li, l'area ha un potenziale enorme. Forse stanno aspettando la dismissione di qualche fascio binari di Porta Nuova per fare un progetto unico, ma anche quel discorso mi sembra arenato...
mb_bs no está en línea   Reply With Quote


Reply

Tags
torino

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Related topics on SkyscraperCity


All times are GMT +2. The time now is 06:49 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2017, vBulletin Solutions Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu