search the site
 daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy | DMCA | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Infrastrutture e Trasporti > Ferrovie



Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old January 6th, 2012, 11:01 PM   #1
MassyScraper
Registered User
 
MassyScraper's Avatar
 
Join Date: Jan 2012
Posts: 526
Likes (Received): 118

LAZIO | Ferrovia "Fara Sabina - Rieti"

Buonasera a tutti, innanzitutto mi presento, mi chiamo Massimo e scrivo dal reatino. Seguo già da un po' di tempo i thread inerenti la Orte-Civitavecchia, le costruende metro di Roma, l'anello ferroviario, la Civitavecchia-Rosignano.

Vorrei chiedervi se qualcuno ha notizie della ferrovia Passo Corese-Rieti, tanto decantata nelle campagne elettorali dalla seconda metà dell'800 ad oggi, peggio dell'anello ferroviario di Roma......

Grazie e buona serata
MassyScraper no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
Old January 7th, 2012, 06:46 PM   #2
PINNAZZA
Registered User
 
PINNAZZA's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Ragusa e Roma
Posts: 599
Likes (Received): 35

Benvenuto.

In Wikipedia, alla voce Rieti - argomento Infrastrutture e trasporti, è detto quanto segue:

"Il 6 marzo 2009, pur escludendo la Rieti - Passo Corese dalle opere strategiche immediatamente cantierabili, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha confermato la disponibilità di 90 milioni di euro per tale opera."

La fonte citata di detta informazione è Il Messaggero, Prima pagina Cronaca di Rieti, di Martedì 14 aprile 2009.
__________________
"fatti non foste a viver come bruti
ma per seguir virtute e canoscenza"

(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120)
PINNAZZA no está en línea   Reply With Quote
Old January 7th, 2012, 08:47 PM   #3
gabriele pillon
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 458
Likes (Received): 26

Credo che il progetto fosse talmente costoso con ponti e gallerie in modo tale da renderla inattuabile apposta.
gabriele pillon no está en línea   Reply With Quote
Old January 7th, 2012, 10:38 PM   #4
MassyScraper
Registered User
 
MassyScraper's Avatar
 
Join Date: Jan 2012
Posts: 526
Likes (Received): 118

Quote:
Originally Posted by gabriele pillon View Post
Credo che il progetto fosse talmente costoso con ponti e gallerie in modo tale da renderla inattuabile apposta.
Ahhhhh c'è anche il Sig.Pillon!!! Buonasera, la "conosco" perchè è dal 2004 che seguo le vicende della Cco, quindi ho letto molti dei suoi interventi sui giornali e sui forum. Complimenti per l'ottimo lavoro svolto!!

Per quanto concerne la ferrovia sabina, sò che oltre il costosissimo progetto di Italferr ce n'era anche uno di una Università romana, con minor impatto ambientale, ma probabilmente in pochi ne sapranno qualcosa...
MassyScraper no está en línea   Reply With Quote
Old January 8th, 2012, 10:52 AM   #5
gabriele pillon
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 458
Likes (Received): 26

Grazie

Oltretutto mi sembra che il progetto Italferr non prevedeva stazioni tra RietI e Passo Corese.
gabriele pillon no está en línea   Reply With Quote
Old January 8th, 2012, 03:50 PM   #6
Kauz
Registered User
 
Join Date: Aug 2010
Posts: 801
Likes (Received): 162

il progetto "Passo Corese - Rieti" è stato "definanziato" in aprile 2010.

le tappe del progetto sono ricapitolate nella relativa scheda del rapporto sul programma delle infrastrutture strategiche
http://www.camera.it/temiap/2011scheda%5B068%5D.pdf

Quote:
DATI STORICI
2001
Nella delibera CIPE n. 121, la tratta “Passo Corese-Rieti” è compresa nell’ambito dei “Corridoi trasversali e dorsale appenninica” alla voce “Sistemi Ferroviari” e viene indicato un costo complessivo di 335,7 Meuro, con una previsione di spesa nel triennio 2002-2004 pari a 39,3 Meuro.

2002
Nell’Intesa Generale Quadro (IGQ) tra Governo e Regione Lazio, sottoscritta il 20 marzo, l’opera è compresa tra le “infrastrutture di preminente interesse nazionale” che interessano il territorio laziale.Il Piano delle Priorità degli investimenti ferroviari (PPI) – ediz. settembre 2002, prevede, tra i “nuovi progetti di Legge Obiettivo”, la linea Passo Corese-Rieti indicando lo stesso costo della delibera n. 121.

2003
Il soggetto aggiudicatore trasmette il progetto preliminare al MIT e agli altri organismi competenti.A seguito della procedura di VIA regionale, cui l’opera è sottoposta, la Regione Lazio esprime parere favorevole in data 7 agosto. Anche il Ministero per i beni culturali esprime parere favorevole. Il PPI (ediz. ottobre 2003) indica il nuovo costo di 792,2 Meuro, motivando l’aumento con approfondimenti progettuali, ampliamenti funzionali e modalità di appalto. Il MIT trasmette al CIPE la relazione proponendo l’approvazione del progetto preliminare con prescrizioni. La Regione Lazio esprime parere favorevole con prescrizioni sulla progettazione preliminare. Il CIPE, con delibera n. 124 del 19 dicembre, prende atto dei pareri favorevoli con prescrizioni espressi sia dalla Regione Lazio che dal Ministero per i beni culturali e approva il progetto preliminare. Il soggetto aggiudicatore viene individuato in RFI Spa e l’ultimazione dei lavori è prevista entro il mese di aprile 2013. Il costo dell’intervento è quantificato in 753,8 Meuro, di cui 7,5 per opere compensative, ai quali vanno aggiunti ulteriori 38,4 Meuro, determinati dall’accoglimento delle ulteriori prescrizioni formulate dalle amministrazioni locali. Il valore complessivo del progetto risulta quindi di 792,2 Meuro. La disponibilità è di 1,34 Meuro, a carico della legge n. 488/1999.

2004
L’intervento è incluso nel Piano delle Priorità degli Investimenti (PPI) di RFI Spa, edizione aprile 2004.Il CIPE con delibera n. 91 del 20 dicembre, approva il PPI di RFI Spa, edizione aprile 2004.

2005
Il 17 novembre il soggetto aggiudicatore (RFI) trasmette al MIT il progetto definitivo, già inviato a cura di Italferr Spa, società incaricata della progettazione, agli altri Enti e alle Amministrazioni interessati.

2006
Nel corso delle conferenze di servizi (cds), RFI mostra disponibilità a migliorare le soluzioni su cui alcuni enti avevano formulato critiche. Gli enti gestori delle interferenze e le amministrazioni competenti al rilascio di permessi e autorizzazioni, tra cui Regione Lazio ed enti locali, si pronunciano sul progetto definitivo, generalmente con pareri favorevoli con prescrizioni, mentre il Comune di Fara in Sabina conferma la valutazione negativa formulata in fase d’esame del progetto preliminare presso la Regione.Sempre nel corso delle cds, la Regione Lazio conferma l’avvenuta ottemperanza del progetto definitivo alle prescrizioni formulate dalla Regione in sede di approvazione del progetto preliminare. ll Ministero per i beni culturali, con nota del 21 marzo, esprime parere favorevole, con prescrizioni, in ordine al nuovo tracciato ferroviario in corrispondenza del sito archeologico n. 40 in Comune di Fara Sabina e conferma il parere favorevole già espresso per il restante tracciato della nuova linea ferroviaria Passo Corese-Osteria Nuova. In marzo il MIT trasmette al CIPE la relazione istruttoria sulla “Nuova linea ferroviaria Passo Corese – Rieti: tratta funzionale Passo Corese – Osteria Nuova”, proponendo l’approvazione, con prescrizioni e raccomandazioni, del progetto definitivo. Il CIPE, con delibera n. 105 del 29 marzo, approva il progetto definitivo “Nuova linea ferroviaria Passo Corese–Rieti: tratta funzionale Passo Corese – Osteria Nuova”, conferma in 792,2 Meuro il costo complessivo dell’intera linea Passo Corese-Rieti. Indica, inoltre, in 350 Meuro il costo della prima tratta funzionale e assegna un contributo, suscettibile di sviluppare un volume di investimenti di 90 Meuro, per la realizzazione degli interventi prioritari individuati dal MIT all’interno della prima tratta funzionale, del costo complessivo pari all’ammontare del contributo concesso. L’intervento è contemplato dalla delibera CIPE n. 130 di rivisitazione del PIS.

2008
Nel CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2008, sottoscritto tra il MIT e RFI in data 18 marzo, ’intervento “Nuova linea Passo Corese-Rieti” è inserito tra le “altre opere da realizzare”, con un costo di 792 Meuro e una disponibilità di 90 Meuro.

2009
L’opera è contemplata dalla delibera CIPE n. 10 di ricognizione del PIS.

2010
RFI Spa, con nota informativa sullo stato di avanzamento del progetto “Nuova linea Passo Corese-Rieti”, riferisce tra l’altro che il finanziamento di 90 Meuro assegnato dal CIPE all’opera con delibera 105/2006, pur inserito nel Contratto di Programma 2007-2011 (aggiornamento 2008), non è stato attivato in quanto non sufficiente a coprire significative fasi funzionali del progetto. La scarsità delle risorse finanziarie a disposizione di RFI Spa ha suggerito di operare una rimodulazione del Contratto di Programma (aggiornamento 2009), utilizzando il finanziamento di 90 Meuro previsto per la realizzazione di una fase funzionale del tratto Passo Corese - Osteria Nuova al fine di completare il finanziamento del progetto “potenziamento della linea ferroviaria Rho Gallarate (progettazione e 1^ fase ) inserita
nella tabella “Opere in corso”. Tale rimodulazione, è stata intesa come mera anticipazione delle risorse necessarie per far fronte all’urgenza di completare la rete ferroviaria a disposizione della mobilità a servizio dell’Expo 2015, da reintegrare in occasione dell’aggiornamento 2010 del Contratto di Programma di RFI Spa. Per quanto riguarda i tempi e i costi, la nota riferisce che il Contratto di Programma 2007-2011, aggiornamento 2009, include l’intervento fra le opere programmatiche”, con un costo di 792 Meuro. La programmazione dell’intervento è condizionata dall’effettiva disponibilità delle risorse finanziarie necessarie alla sua realizzazione. Il CIPE, con delibera n. 27 del 13 maggio, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2009 del CdP RFI 2007-2011. Nella stessa seduta il CIPE, con delibera n. 33, approva il progetto definitivo del primo lotto funzionale Rho - Parabiago del "Potenziamento della linea Rho - Arona, tratta Gallarate – Rho" e revoca il contributo di 89,8 Meuro, a valere sui fondi Legge obiettivo, assegnato con la delibera n. 105/2006 a favore della «Nuova linea Passo Corese - Rieti» e lo assegna al primo lotto funzionale della Rho-Gallarate. Nell’Allegato Infrastrutture alla DFP 2011-2013 l’opera "Linea ferroviaria Passo Corese - Rieti", articolata in due interventi (Tratta funzionale Passo Corese - Osteria Nuova e completamento) è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche – Aggiornamento 2010”; “3: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere non comprese nella tabella 2”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2010”. Nella seduta del 4 novembre la Conferenza Unificata Stato-Regioni sancisce l’accordo sull’Allegato Infrastrutture. Nel CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2009, sottoscritto il 23 dicembre, sono compresi gli interventi: "Progettazione definitiva 1 ^ Stralcio Passo Corese-Osteria Nuova" tra le opere in corso, tabella A03-Sviluppo infrastrutturale rete convenzionale, con un “Costo a Vita Intera” di 4 Meuro, interamente disponibili al 2008 e contabilizzati al 2009; "Nuova linea Passo Corese-Rieti" tra le opere programmatiche, A03-Sviluppo infrastrutturale rete convenzionale, con un “Costo a Vita Intera” di 792 Meuro di cui 90 disponibili al 2008 e 702 da reperire a valere su risorse della Legge obiettivo.

2011
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2012-2014 l’opera "Linea ferroviaria Passo Corese - Rieti", articolata in due interventi (Tratta funzionale Passo Corese - Osteria Nuova e completamento) è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche - Aggiornamento aprile 2011”; “3: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere non comprese nella tabella 2”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2011 (marzo)”.
Le ragioni del definanziamento sono contenute nella "Relazione informativa" del 28 ottobre 2010 relativa all'aggiornamento 2009 del Contratto di Programma con RFI
http://documenti.camera.it/apps/nuov...#pagemode=none

a pag. 13 si legge

Quote:
Le competenti strutture del Ministero (Struttura Tecnica di Missione e Direzione Generale per le Infrastrutture e interoperabilità ferroviaria) vista la scarsità di risorse finanziarie a disposizione di RFI, suggeriscono di operare una rimodulazione delle risorse assegnate a progetti di investimento per i quali non è stato possibile attivare i finanziamenti concessi.
Tra questi investimenti previsti nelle "opere programmatiche" figura il progetto definitivo "Passo Corese-Rieti", che è stato approvato in via preliminare dal CIPE, con delibera 124/2003 ed in via definitiva per la sola tratta Passo Corese-Osteria Nuova con Delibera 105/2006 che prevedeva l'assegnazione di un finanziamento di 90 mln di euro a valere sui fondi recati dall‘art.I, comma 78, della legge n.266/2005; finanziamento non ancora attivato in quanto non sufficiente a coprire significative fasi funzionali del progetto.
Con nota MIT prot. 766 del 9 aprile 2010 RFI è stata quindi autorizzata, nell'aggiornamento 2009 del CdP, a riallocare le risorse inizialmente previste a vantaggio della "linea ferroviaria Passo Corese-Rieti" classificata nella tabella “Opere Programmatiche“, al progetto di investimento "Potenziamento della Linea Gallarate-Rho" inserito nella Tabella A — "Opere in corso".
Il Ministero ha inoltre comunicato nella medesima nota che questa rimodulazione è da intendersi come mera anticipazione di risorse che saranno reintegrate in occasione dell'aggiornamento 2010 del Contratto di Programma.
siamo nel 2012 e l'aggiornamento 2010 del contratto di programma RFI non è ancora stato emanato
__________________
nel paese dei polli i piccioni sono aquile
----
Il sonno dell'ironia genera imbecilli (© ?)

Last edited by Kauz; January 8th, 2012 at 04:00 PM.
Kauz no está en línea   Reply With Quote
Old January 12th, 2012, 06:37 PM   #7
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 586
Likes (Received): 68

Se non sbaglio pero' a breve aprira' il viadotto stradale presso le marmore, che permettera' ai reatini di non prendere la salaria per arrivare a Roma. Naturalmente andrebbe potenziata ancora di piu' la stazione ferroviaria di Terni e la direttrice Terni-Orte-Roma.
Analizziamo con voi le possibilita' da parte dei reatini di andare a Roma sfruttando la Rieti-Terni stradale fino alla stazione e di qui un Terni-Orte-Roma in sostituzione della salaria stradale o di un Rieti-Roma tutto treno?
Credo che un Rieti-Roma sia nell'ordine di 1 ora e 35 minuti.
Un Terni-Roma 55 minuti. Quindi se la nuova strada permettera' di raggiungere agevolmente in 20 minuti la stazione di Terni, credo che potrebbe essere conveniente per un reatino una soluzione mista, che ne pensate?
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old January 20th, 2012, 04:31 PM   #8
MassyScraper
Registered User
 
MassyScraper's Avatar
 
Join Date: Jan 2012
Posts: 526
Likes (Received): 118

Quote:
Originally Posted by Kauz View Post
il progetto "Passo Corese - Rieti" è stato "definanziato" in aprile 2010.

le tappe del progetto sono ricapitolate nella relativa scheda del rapporto sul programma delle infrastrutture strategiche
http://www.camera.it/temiap/2011scheda%5B068%5D.pdf



Le ragioni del definanziamento sono contenute nella "Relazione informativa" del 28 ottobre 2010 relativa all'aggiornamento 2009 del Contratto di Programma con RFI
http://documenti.camera.it/apps/nuov...#pagemode=none

a pag. 13 si legge



siamo nel 2012 e l'aggiornamento 2010 del contratto di programma RFI non è ancora stato emanato
Che bello oggi il CIPE non c'ha messo neanche 10 euro sopra... -_-'
MassyScraper no está en línea   Reply With Quote
Old March 27th, 2014, 12:44 AM   #9
MassyScraper
Registered User
 
MassyScraper's Avatar
 
Join Date: Jan 2012
Posts: 526
Likes (Received): 118

UUUUUUUPPPP!!!!!

Qualcuno sa se, in questi due anni, se ne è, seppur in modo vago, parlato?

Ho provato a cercare su google e sul sito italferr, ma nulla.

Grazie anticipatamente.
__________________
Moderazione dura e chi va FUORI OT viene moderato (cit.)

Noto che qualcuno ha deciso di imboccare la via del Trollo, quella traversa della Portuense dall'altra parte del Tevere rispetto a Tor di Valle e che dà il nome a tutto un quartiere, il Trollo, avete presente no?
Il quartiere abitati dai trolli, almeno prima che li bannino. (cit.)
MassyScraper no está en línea   Reply With Quote
Old Yesterday, 03:53 PM   #10
Gabbianone94
Registered User
 
Join Date: Jun 2016
Posts: 11
Likes (Received): 4

Riprendo questo thread non tanto perché ci siano novità sulla costruzione della ferrovia Rieti-Passo Corese, che anzi è più arenata che mai (con l'aggiornamento del sito Italferr hanno tolto anche la pagina dove se ne parlava), ma per riportare le evoluzioni dei collegamenti Rieti-Roma via treno (sperando che l'argomento non sia troppo OT).

Per fare un breve riassunto: nel 2006 il progetto Italferr aveva incontrato diverse critiche da parte di un comitato ambientalista di Fara Sabina, appoggiate da buona parte della sinistra provinciale, e soprattutto c'era molta poca fiducia che i 792 milioni di euro sarebbero arrivati. Per questo già dall'epoca l'attenzione della politica locale si è spostata verso un obiettivo meno ambizioso ma anche meno costoso e quindi di realizzazione (in teoria) immediata, ossia l'utilizzo della linea ferroviaria esistente (direttissima Roma-Orte, linea Orte-Terni, e linea non elettrificata Terni-Rieti). Già nel 2006 il presidente della provincia Melilli ottenne la sistemazione delle coincidenze dei regionali Rieti-Terni con quelli Terni-Roma, mentre con l'orario del dicembre 2008 si ottenne l'istituzione del primo treno diretto Rieti-Roma via Terni, con partenza da Rieti alle 7:58 e arrivo a Roma Tiburtina alle 9:35 (effettuato con triple di automotrici diesel ALn 776 di Ferrovia Centrale Umbra). Purtroppo, nonostante l'obiettivo sia molto più modesto rispetto alla costruzione della ferrovia diretta, questo treno è rimasto a lungo l'unico, e senza nemmeno un corrispondente treno di ritorno verso Rieti. Infatti si è dovuto aspettare qualche anno per avere il suo spostamento ad un orario che fosse utile per chi si reca a lavoro a Roma (ora parte alle 6:10 e arriva alle 7:54) e solo dal dicembre 2015, grazie all'interessamento del deputato Oreste Pastorelli, si è aggiunto un treno di ritorno (con orario molto scomodo: parte da Tiburtina alle 20:35 per arrivare a Rieti alle 22:15).

Le difficoltà purtroppo non sono poche: innanzitutto la direttissima Roma-Orte è quasi satura e negli orari di punta mancano le tracce orarie che servirebbero per aggiungere nuovi treni. Inoltre con il materiale attuale il tempo di percorrenza è 1h 40, non competitivo con quello degli autobus COTRAL che transitando sull'A1 impiegano 1h 15 (figuriamoci con il trasporto privato), ragion per cui questi due treni sono molto poco frequentati. Tuttavia provincia e comune sostengono che possa essere abbassato a 1h 15 con l'acquisto di una/due coppie di treni nuovi e più veloci. Il costo, ovviamente, sarebbe irrisorio rispetto ai 792 milioni della ferrovia e il tempo di percorrenza non troppo superiore (con la Rieti-Passo Corese si parlava di circa un'ora).

Anche qui purtroppo ci sono diversi ostacoli: per compensare l'allungamento del tragitto, 150 km contro i 60 in linea d'aria, i treni dovrebbero essere veloci (capaci di sfruttare la velocità consentita dalla direttissima) ma al tempo stesso diesel, o in alternativa bimodali, dato che la Rieti-Terni non è elettrificata. Inoltre la regione Lazio, a cui da tempo viene chiesto di acquistare i treni, fa orecchie da mercante sfruttando il fatto che l'itinerario Roma-Terni-Rieti esce fuori dai confini regionali. A ciò si aggiunge che la Rieti-Terni non possedeva tutti i requisiti per essere percorsa dai nuovi treni; per questa ragione, in un incontro in Comune tra RFI, Comitato Pendolari Reatini e il deputato Pastorelli sono stati decisi degli interventi (che immagino siano stati la causa della chiusura della linea nel mese di agosto, che ormai va avanti da diversi anni): è stato appesantito l'armamento, sono state risagomate le gallerie, sostituite le traverse con quelle in cemento armato precompresso, e soprattutto è stato innalzato il peso assiale massimo grazie alla sostituzione di due ponti ferroviari.

Proprio ieri, in piazza del comune a Rieti, si è svolto un convegno della UIL dove si è parlato di treni diretti Rieti-Roma via Terni, alla presenza del viceministro ai trasporti Riccardo Nencini. Sperando di non fare cosa sgradita (il post è visibile da tutti sul suo profilo facebook) riporto qui un breve resoconto fornito da Gabriele Bariletti, che ha presentato una relazione sulle possibilità della linea via Terni:

Quote:
Comunque, non sarà molto, ma, a detta del Viceministro si tratta soltanto dell'inizio, se la regione Lazio non ci boicotta, da dicembre avremo un'altra coppia di treni fra Rieti (o antrodoco) e Roma su slot "gentilmente" offerto dall'AD RFI Maurizio Gentile.

Nencini si è dichiarato pronto a condividere il mio progetto (fatto per il comune di Rieti) di razionalizzazione delle tracce sulla Orte - Roma, in modo da creare nuovi slots con un incremento del 17% (minimo) o del 25% se la regione acquistasse i nuovi FLIRT III Stadler (ibridi).... nel caso avremmo a disposizione una traccia ogni ora tra Rieti e Roma e ritorno
__________________

SirAce liked this post

Last edited by Gabbianone94; Yesterday at 04:14 PM.
Gabbianone94 no está en línea   Reply With Quote
Old Yesterday, 09:51 PM   #11
batberto2
La Vendetta
 
batberto2's Avatar
 
Join Date: Jul 2011
Location: Umbria
Posts: 1,700
Likes (Received): 437

La linea per Passo Corese progetto ambizioso, ma oltre Rieti poteva rappresentare un avvicinamento anche per L'Aquila con il relativo collegamento diretto.
Sui treni bimodali c'è l'esempio della Val d'Aosta che li acquistati poco tempo fa, ma non ancora arrivati. Escludendo l'elettrificazione perché magari non conveniente
__________________
Le cose che possiedi alla fine ti possiedono.
batberto2 no está en línea   Reply With Quote
Old Yesterday, 11:11 PM   #12
leonardrm
Registered User
 
Join Date: Nov 2007
Location: RM
Posts: 2,507
Likes (Received): 142

Oggi L'Aquila-Rieti in treno si fa (tempo più veloce) in 75 minuti, aggiungendo un'altra ora sulla "futura" linea diretta su Roma si superano le 2 ore, troppo rispetto all'ora e 40 impiegata dall'autobus via A24.
leonardrm no está en línea   Reply With Quote
Old Today, 01:04 AM   #13
Gabbianone94
Registered User
 
Join Date: Jun 2016
Posts: 11
Likes (Received): 4

Quote:
La linea per Passo Corese progetto ambizioso
Sinceramente faccio fatica a definire "ambiziosa" la prospettiva di costruire una ferrovia a binario unico lunga appena 50 km, che non deve superare ostacoli importanti e viene definita necessaria da tutti i piani regolatori ferrovari dal 1878 in poi. Ma vabbè vista la lunga storia di tentativi non riusciti la sua realizzazione sarebbe in effetti una cosa straordinaria.

Quote:
Oggi L'Aquila-Rieti in treno si fa (tempo più veloce) in 75 minuti, aggiungendo un'altra ora sulla "futura" linea diretta su Roma si superano le 2 ore, troppo rispetto all'ora e 40 impiegata dall'autobus via A24.
Per quanto riguarda l'Abruzzo, lì si è fatto un investimento enorme in autostrade, e mi pare assolutamente normale che per ottenere sui treni gli stessi tempi di percorrenza sia necessario fare investimenti altrettanto onerosi (se non di più, viste le minori pendenze solitamente richieste per le ferrovie). Ma o si parte da qualche parte, o tutti continueranno ad andare in macchina. Altrimenti possiamo sempre alzare bandiera bianca e dire "a costruire le ferrovie non siamo capaci", come sembrano suggerire gli imbarazzanti pulmini FrecciaLink (che sono vestiti da treno AV ma in realtà sono un ritorno al passato pre-ferroviario).

Ad ogni modo già così il miglioramento mi pare tutt'altro che trascurabile: si porta la distanza da 215 a 150 km e il tempo di percorrenza da 3 h 15 a 2 h 15 (una riduzione di un terzo in entrambi i casi). Può non essere abbastanza per renderlo il mezzo più conveniente, ma secondo me è abbastanza per scendere sotto la soglia del "qualcuno lo usa" (dato che - al momento - a L'Aquila il treno lo prendono giusto gli studenti e chi non ha la patente ).

Inoltre il tempo è probabilmente migliore di quanto dici. Ho controllato ora e ci sono regionali AQ-RI, come il 7036, che impiegano 1h 08 facendo ben cinque fermate. Qualcuna potrebbe non essere eliminabile per una questione di incroci, ma penso che studiando bene un orario, un Rieti-L'Aquila no stop possa tranquillamente scendere sotto l'ora. Con treni più performanti delle ALn 776 probabilmente anche meno.
Inoltre un'ora per andare da Rieti a Roma è il tempo che garantirebbe questo particolare tracciato della Italferr, ad una velocità di 100 km/h che non è certo il non plus ultra (proprio questo aspetto fu oggetto di molte critiche visto anche il progetto costoso e pieno di opere d'arte). Non so quante difficoltà tecniche ci siano a progettare un percorso più veloce, ma forse altri tracciati potrebbero permettere di scendere sotto l'ora.

Insomma credo che la Rieti-Passo Corese sia un buon intervento dal quale cominciare per migliorare i collegamenti della zona: non è né lunga né costosissima (esistono progetti, non so quanto validi, che costerebbero la metà di quello Italferr), rappresenterebbe un miglioramento certo e netto per l'intera provincia di Rieti (compresa l'alta valle del Velino da Posta ad Amatrice facendo fermare gli AQ-RM ad Antrodoco), rappresenterebbe un miglioramento sostanziale anche se non risolutivo per L'Aquila, ed avrebbe ricadute positive su un intero nodo metropolitano (Roma) che ha molto bisogno di essere decongestionato dall'auto privata.

Senza contare la possibilità di costruire (in un giorno felice in cui le ferrovie torneranno la priorità) il tratto di 85 km Antrodoco-Ascoli Piceno, allacciandosi alla ferrovia Ascoli-San Benedetto del Tronto già esistente e costruita all'epoca proprio per proseguire verso Roma, creando di fatto la terza trasversale ferroviaria dell'Italia centrale insieme a RM-Pescara e RM-Ancona (tra l'altro, tra le tre, sarebbe quella più breve e con le pendenze meno impegnative), a servizio del milione di persone che vive sulla costa adriatica dopo Ancona ma prima di Pescara...
Gabbianone94 no está en línea   Reply With Quote
Old Today, 09:03 AM   #14
batberto2
La Vendetta
 
batberto2's Avatar
 
Join Date: Jul 2011
Location: Umbria
Posts: 1,700
Likes (Received): 437

Ambizioso intendevo non tanto nelle difficoltà tecniche, ma in quelle di far convergere risorse. Nel senso che, lo sappiamo in questa fase storica si finanziano o le super linee per i servizi a mercato (AV) o i nodi urbani sempre in relazione all'AV, ma almeno si migliorano le ferrovie suburbane.

Tutto quello che sta in mezzo al massimo si migliora si raddoppia con grande difficoltà, lentezza, fondi con il contagoccie. Condivido il discorso su L'Aquila. Rappresenterebbe una rivoluzione sul reatino (quasi) e un bello aiuto sull'aquilano prima che queste linee muoiano del tutto.
__________________
Le cose che possiedi alla fine ti possiedono.

Gabbianone94 liked this post
batberto2 no está en línea   Reply With Quote


Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Related topics on SkyscraperCity


All times are GMT +2. The time now is 12:41 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.8 Beta 1
Copyright ©2000 - 2016, vBulletin Solutions, Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2016 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2016 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu