search the site
 daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy | DMCA | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Architettura ed urbanistica in Italia > Strutture sportive



Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old May 11th, 2015, 02:46 PM   #1
Marydavis
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 84
Likes (Received): 58

PESCARA: nuovo stadio adriatico privato

http://ilcentro.gelocal.it/pescara/c...-si-1.11400418

Nuovo stadio con i negozi: Comune e Pescara verso il sì
Accordo molto vicino tra l’ente e la società di calcio per la cessione dell’impianto Già presentato un piano finanziario, la pista di atletica si farà dietro il carcere

PESCARA. Costerà circa 40 milioni ammodernare lo stadio Adriatico Giovanni Cornacchia, facendo negozi e un albergo e realizzare un nuovo impianto di atletica leggera. È la cifra indicata nel Piano economico finanziario che la società Pescara calcio ha presentato martedì scorso durante un vertice in Comune. L’accordo tra l’ente e la società di calcio per cedere a quest’ultima in comodato per 50 anni l’impianto, secondo quanto ha rivelato l’assessore allo sport Giuliano Diodati, è molto vicino. Manca solo il via libera al progetto della Sovrintendenza ai beni architettonici, perché lo stadio potrebbe avere dei vincoli. Tuttavia, la cessione dal Comune al Pescara dovrà passare attraverso un bando pubblico. Anche il presidente del Pescara Daniele Sebastiani, comunque, si dice ottimista. All’investimento parteciperanno degli imprenditori ancora da individuare. Insomma, se tutto andrà bene, la città potrebbe avere nel giro di qualche anno un nuovo stadio da vivere 7 giorni su 7 e non solo durante le partite in casa, una struttura simile a quella realizzata ad Udine o a Torino dalla Iuventus. La cessione dell’impianto alla società consentirà di ridurre le tariffe degli impianti sportivi.

Intanto, una prima sforbiciata del 10 per cento potrebbe arrivare già il mese prossimo, quando verranno affidati all’esterno altri impianti.

La trattativa. Il negoziato ha avuto una svolta martedì scorso, durante un vertice in Comune in cui erano presenti, oltre all’assessore allo sport Giuliano Diodati e ai tecnici dell’ente, il presidente e l’amministratore delegato del Pescara calcio Daniele Sebastiani e Danilo Iannascoli e i rappresentanti di B Futura, cioè il progetto attraverso il quale la Lega nazionale professionisti serie B fornisce alle società che partecipano al campionato di serie B gli strumenti necessari per la realizzazione e l’ammodernamento degli stadi e degli impianti sportivi. In quella sede il Pescara calcio ha presentato una bozza del piano economico finanziario e un progetto di massima dei due nuovi impianti.

Il progetto dello stadio. L’operazione prevista è molto ambiziosa. Il Pescara calcio vuole realizzare uno stadio moderno, fruibile non soltanto durante le partite in casa, ma tutti i giorni. Una sorta di cittadella in cui verranno realizzati, ammodernando l’attuale struttura, un albergo, un ristorante e un centro commerciale. Verrà razionalizzato il numero dei posti a sedere, che però saranno dotati di tutti i comfort. La pista di atletica verrà spostata altrove. «Si tratta della prima operazione di questo genere che verrà realizzata su un impianto di proprietà comunale», ha fatto presente Diodati. La spesa per ammodernare lo stadio dovrebbe aggirarsi sui 36-37 milioni.

L’impianto di atletica. Altri 3-4 milioni costerà il nuovo impianto di atletica leggera. Dove verrà realizzato? L’amministrazione comunale ha individuato un’area nel Piano particolareggiato 7, cioè quell’enorme area che si trova tra la Tiburtina, il rilevato ferroviario, via Rio Sparto e strada Comunale Piana. Il terreno su cui dovrebbe sorgere l’impianto è di alcuni privati e si trova, in particolare dietro il carcere. Molto probabilmente, la pista di atletica ad otto corsie dello stadio, rifatta nel 2009 in occasione dei Giochi del Mediterraneo, verrà spostata .

Il prossimo passaggio. Una volta ricevuto il nulla osta della Sovrintendenza, l’assessore allo sport potrà convocare la conferenza dei servizi, cui parteciperanno le parti interessate e il Coni. «Mi auguro che la cosa sia veloce, anche se non nascondo qualche preoccupazione per i tempi della pubblica amministrazione», ha affermato Sebastiani, «ora, attendiamo una risposta della Sovrintendenza. Dopodiché, potremo presentare un progetto vero e proprio». A questo punto, la società potrà cercare imprenditori interessati a fare questo investimento. Ovviamente, secondo la legge, la cessione dello stadio dovrà passare attraverso un bando pubblico, ma il Pescara calcio avrà comunque il diritto di prelazione. La società potrà accedere ai fondi del Credito sportivo. «Ci sono 100 milioni per gli stadi», ha rivelato Sebastiani.
Marydavis no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
Old May 11th, 2015, 02:53 PM   #2
Marydavis
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 84
Likes (Received): 58















Marydavis no está en línea   Reply With Quote
Old May 11th, 2015, 02:56 PM   #3
Marydavis
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 84
Likes (Received): 58

Nuovo Centro Sportivo Pescara Calcio, si passa alla fase 2:

Ieri il sindaco Comignani ha messo nero su bianco l’accordo trovato la settimana scorsa con la GH Holding spa, la società dell’imprenditore Luigi Pierangeli proprietaria del terreno sul quale sorgerà l’Accademia biancazzurra

La planimetria del nuovo centro sportivo del pescara calcio (foto emmetì)
La planimetria del nuovo centro sportivo del pescara calcio (foto emmetì)
A soli cinque giorni dall’incontro di sabato scorso al Comune di Silvi, ieri è arrivata la delibera di giunta che apre ufficialmente la fase 2 dell’iter che porterà alla costruzione del centro sportivo di proprietà della Pescara calcio.
Ieri il sindaco Comignani e il vice Partipilo hanno messo nero su bianco l’accordo trovato la settimana scorsa con la GH Holding spa, la società dell’imprenditore Luigi Pierangeli proprietaria del terreno sul quale sorgerà l’Accademia biancazzurra.
“Si riconosce al progetto un’importante utilità dal punto di vista pubblico”, dicono gli amministratori nella delibera. La valenza del progetto richiede quindi una variazione al Prg di Silvi, per consentire la realizzazione dell’opera sul terreno di Pierangeli.
Nell’accordo tra Comune e GH Holdig rientra un’importante lavoro a carico dell’imprenditore: il recupero di un’area comunale attrezzata a verde pubblico. L’area indicata dall’amministrazione è la Colonia del Fanciullo, sul lungomare, nel centro della città. A favore dell’amministrazione è previsto anche un indennizzo monetario. “Ringrazio ufficialmente l’amministrazione di Silvi e mi congratulo per la celerità con cui sono stati portati avanti gli impegni presi”, ha detto ieri il presidente del Pescara Daniele Sebastiani.
Scatta adesso la Fase 2 del percorso: la GH Holding dovrà presentare il progetto esecutivo, con il plastico del centro sportivo, e chiedere alla Regione Abruzzo una variazione al Prg. Non appena arriverà la risposta della Regione, si tornerà in Consiglio comunale per l’approvazione che darà il via ai lavori. Dopo il sì dell’amministrazione di Silvi, ci saranno i trenta giorni di attesa previsti dalla legge prima di vedere all’operale ruspe. I tempi, al momento, li detta dunque la Regione Abruzzo. Ma a Silvi sperano di far partire i lavori al massimo entro sei mesi.
Marydavis no está en línea   Reply With Quote
Old May 11th, 2015, 02:57 PM   #4
Marydavis
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 84
Likes (Received): 58





Marydavis no está en línea   Reply With Quote
Old May 11th, 2015, 02:58 PM   #5
Marydavis
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 84
Likes (Received): 58

http://www.primadanoi.it/news/cronac...-Silvi-la.html

PESCARA. Al via la scommessa più importante della Pescara Calcio.
Rrealizzare una cittadella dello sport in grado di rappresentare il centro sportivo, commerciale e amministrativo della società sportiva. La presentazione del progetto è stata fatta ieri dal presidente della Pescara Calcio, Daniele Sebastiani e dall'assessore allo Sport, Carlo Masci.
La struttura sportiva e commerciale sorgerà nel comune di Silvi, si estenderà su una superficie di circa 94 mila metri quadrati e sarà dotata di tutte le infrastrutture sportive con tre campi (2 in erba sintetica e 1 in erba naturale con tribune coperte) palestre e strutture mediche e di controllo.
«E' un'iniziativa importante che non può che avere il plauso della Regione - ha esordito l'assessore allo Sport Carlo Masci -. Il Pescara da sempre è considerata la squadra degli abruzzesi, forse perché è stata la prima a raggiungere in Abruzzo risultati importanti a livello di calcio professionistico ed ora si presenta al pubblico abruzzese con questo progetto che segna il definitivo salto culturale di una generazione di imprenditori che si cimenta nello sport. Al di là dell'aspetto sportivo - ha proseguito Masci - la realizzazione della cittadella ha soprattutto risvolti sociali importanti perchè potrà diventare punto di riferimento di migliaia di ragazzi che vogliono avvicinarci e vivere lo sport sia come competizione sia come momento aggregativo».
Accanto all'aspetto sportivo, c'è anche e soprattutto l'investimento economico che sta a dimostrare «una certa effervescenza di una regione in un momento difficile per tutti. In questo territorio - ha aggiunto l'assessore allo Sport - c'è ancora gente che vuole investire, creare posti di lavoro e mettere in moto i sistemi virtuosi dell'economia, senza alcun peso per le casse pubbliche. È chiaro - ha concluso Masci - che iniziative come queste devono essere sostenute e incoraggiate, nella convinzione che solo così si esce dal lungo tunnel della crisi».
La cittadella dello sport avrà anche spazi destinati allo sviluppo commerciale e alla ristorazione. I tempi di realizzazione sono legati alle autorizzazioni amministrative che dovranno arrivare dal Comune di Silvi, dal rilascio delle quali i tecnici stimano in 18-24 mesi la realizzazione completa del centro.
Infine il nome: dal 10 luglio la Pescara Calcio avvierà un concorso di idee che potrà permettere ai tifosi e appassionati di dare un nome alla cittadella dello sport.
Marydavis no está en línea   Reply With Quote
Old May 11th, 2015, 05:20 PM   #6
XxAlexX
Registered User
 
Join Date: Jan 2010
Posts: 1,652
Likes (Received): 166

Progetto molto ambizioso, complimenti al Pescara, per quanto riguarda lo stadio io vedo solo una soluzione fattibile, quella usata a Udine, vista la bellezza della tribuna e la sua recente ristrutturazione, ampliarla con i nuovi servizi, avvicinarci il campo e ricostruirci il nuovo accanto .
La seconda soluzione sarebbe scavare e prolungare distinti e tribuna ma lam vedo troppo dispendiosa.
XxAlexX no está en línea   Reply With Quote
Old May 11th, 2015, 08:54 PM   #7
Pesk
Registered User
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 610
Likes (Received): 8

La strada della realizzazione del nuovo stadio del Pescara è veramente una bella notizia.
La strada è quella tracciata dalla Juventus e dall'Udinese e va assolutamente seguita.

Secondo me, si dovrebbe fare come ad Udine, ovvero lasciare la trubuna centrale, la Maiella per interderci, togliere la pista e rifare completamente le due curve ed il settore distinti.

I settori nuovi, ovviamente, tutti con posti a sedere coperti.

Si potrebbe realizzare così un impianto moderno da 20.000 posti.

Speriamo bene
Pesk no está en línea   Reply With Quote
Old August 26th, 2015, 12:50 AM   #8
Dorocka
Registered User
 
Dorocka's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Location: Novara
Posts: 5,028
Likes (Received): 1854

Abodi a Pescara: finanziamenti privati per il nuovo stadio Adriatico

Pescara. Si è svolta stani presso la Sala Giunta di Palazzo di Città una riunione operativa sulla futura riqualificazione e ammodernamento dello stadio Adriatico. Alla riunione erano presenti il sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco Enzo Del Vecchio l’assessore allo Sport Giuliano Diodati, il presidente della Pescara Calcio Daniele Sebastiani e il presidente della Lega Calcio B, Andrea Abodi, oltre ai dirigenti e tecnici del Settore Lavori Pubblici del Comune di Pescara e il responsabile di B Futura (società di scopo della Lega Nazionale Professionisti B per lo sviluppo infrastrutturale) Lorenzo Santoni.

Durante la riunione si è fatto il punto sul progetto del nuovo stadio e sulla tempistica che vedrà entro la fine dell’anno la presentazione dello studio di fattibilità, volto ad ottenere l’interesse pubblico tramite la conferenza di servizi che avvia l’iter della legge 147 del 27/12/2013 sugli impianti sportivi. L’elaborato sarà inserito nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche del Comune, senza oneri per l’Ente e la realizzazione verrà finanziata da capitali privati.


“Si tratta di un progetto che consentirà allo Stadio di essere annoverato fra le strutture più all’avanguardia d’Italia e conforme ai migliori esempi a livello europeo – afferma il sindaco Marco Alessandrini – Sarà così possibile anche una sostanziale riduzione della spesa pubblica oggi a carico dell’Amministrazione, oltre a un considerevole aumento dell’indotto in termini sia di forza lavoro che di ricadute indirette sulla città e sul territorio”.

“Il progetto riqualifica e ridisegna la struttura rendendola all’avanguardia e offrendo ai tifosi e cittadini pescaresi una nuova casa moderna e accogliente, sicura, accessibile e rispettosa del territorio – aggiunge l’assessore allo Sport Giuliano Diodati – Il progetto prevede uno stadio senza pista di atletica, con gli spalti adiacenti al campo, per una capienza totale di circa 16.000 posti, conservando i cavallotti della struttura portante della tribuna centrale. Sono inoltre previsti altri spazi di intrattenimento e commerciali, che consentiranno la piena fruibilità dell’impianto 365 giorni l’anno. In vista di tale riqualificazione e sempre a costo zero per l’Ente, sarà come detto data precedenza allo spostamento della pista di atletica, che verrà delocalizzata in spazi interamente dedicati, con il riutilizzo di alcune parti della struttura attuale. In questo modo anche questa disciplina che vede sempre maggiore diffusione fra i nostri giovani, potrà avere uno spazio esclusivo, a disposizione tutto l’anno per utenti e cittadinanza e di grande valore”.
__________________
"Baci da Dio" "Beh si....Lui ha preso tante cose da me!!!"

Woody Allen
Dorocka no está en línea   Reply With Quote
Old August 26th, 2015, 11:12 AM   #9
Pesk
Registered User
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 610
Likes (Received): 8

Speriamo bene. Ci sarebbe proprio bisogno di un nuovo stadio adatto solo al calcio a Pescara. Sarebbe un intervento simile a quello fatto ad Udine, con il mantenimento della tribuna Maiella e con il rifacimento ex-novo di 3/4 di impianto, ovvero le due curve e i distinti.

Spero però che venga mantenuta la capienza attuale dei 20000 posti e non quella che leggo di 16000 unità
Pesk no está en línea   Reply With Quote
Old August 26th, 2015, 11:41 PM   #10
Plm88
Registered User
 
Plm88's Avatar
 
Join Date: May 2012
Posts: 2,836
Likes (Received): 301

Boh, forse Pescara è l'unico stadio dove la pista di atletica ha un senso..
Comunque è già così un bello stadio, vedremo poi se davvero sarà ricostruito alla stessa maniera di quello di Udine..
Plm88 no está en línea   Reply With Quote
Old August 27th, 2015, 02:27 PM   #11
Dorocka
Registered User
 
Dorocka's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Location: Novara
Posts: 5,028
Likes (Received): 1854

si beh pescara lo ha ristrutturato da poco.

certo non capisco come si possano tenere ancora quelle barriere alte 2 metri e passa, senza contare le file di cartelloni pubblicitari..

le prime file non saranno mai utilizzate immagino
__________________
"Baci da Dio" "Beh si....Lui ha preso tante cose da me!!!"

Woody Allen
Dorocka no está en línea   Reply With Quote
Old September 14th, 2015, 07:01 PM   #12
Pesk
Registered User
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 610
Likes (Received): 8

Diodati: “Il numero minimo di spettatori dell’Adriatico deve essere di 20.000

"A novembre riceveremo uno studio di fattibilità che verrà sottoposto in conferenza di servizi all'attenzione di tutti soggetti interessati. Solo a quel punto verrà messo a bando il nuovo progetto"

Ecco quanto scritto dall’Assessore. “Allora chiariamo: Io non so chi ha messo la voce in giro dei 16000 posti. L’amministrazione comunale di cui io faccio parte non ha ancora ricevuto neanche la bozza del preliminare ma solamente un piano economico finanziario per la sostenibilità del progetto, e comunque il numero minimo di spettatori deve essere di 20000 che e’ quello necessario per avere agibilità stadio anche per la serie A. A novembre riceveremo uno studio di fattibilità che verrà sottoposto in conferenza di servizi all’attenzione di tutti soggetti interessati (coni sovrintendenza asl ecc ecc) dove deve essere prevista naturalmente e preventivamente la nuova pista di atletica e ascolteremo e valuteremo tutte le osservazioni fatte dagli enti interessati. Solo a quel punto verrà messo a bando il nuovo progetto. Sia ben chiaro che non si tratta di nessuna speculazione non la permetteremmo. Intento dell’amministrazione e’ eliminare i costi troppo elevati (800000,00 euro l’anno) per la gestione dello stadio e riqualificare non solo la zona dello stadio con una struttura fruibile 7 giorni su 7, ma anche riqualificare la zona dove sarà prevista la nuova pista di atletica”.

Quindi per il nuovo stadio Adriatico di Pescara si parla dei 20000 spettatori, non meno
Pesk no está en línea   Reply With Quote
Old November 9th, 2015, 08:48 PM   #13
Pesk
Registered User
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 610
Likes (Received): 8

Notizia sul progetto del nuovo stadio Adriatico di Pescara:

Uno stadio all'avanguardia, conforme agli standar degli stadi più moderni europei UEFA Euro 4, con circa 1.000 posti auto a disposizione dei cittadini anche al di fuori degli eventi sportivi.

Si è svolta oggi una nuova riunione per l'approvazione del progetto e dello studio di fattibilità riguardante la ristrutturazione e riqualificazione dello Stadio Adriatico Cornacchia e dell'area limitrofa.

Alla riunione erano presenti il presidente della Regione Luciano D'Alfonso, il sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco Enzo Del Vecchio l’assessore allo Sport Giuliano Diodati, il presidente della Lega Calcio B, Andrea Abodi, il presidente della Pescara Calcio Daniele Sebastiani e oltre ai dirigenti e tecnici del Settore Lavori Pubblici del Comune di Pescara e tutto il team di lavoro di B Futura (società di scopo della Lega Nazionale Professionisti B per lo sviluppo infrastrutturale).

Durante il tavolo è stata mostrata la prima bozza di rendering della struttura, che dovrebbe perdere la classica forma ovale per diventare quadrata. La realizzazione del progetto è a costo zero per l'Ente e totalmente a carico di privati.

"Sarà uno stadio ineteramente coperto, senza barriere, con degli standard di sicurezza elevatissimi e con l'ausilio di tecnologie che permetteranno ai tifosi di partecipare attivamente agli eventi sportivi, rendendo il nuovo stadio una delle eccellenze in Italia in termini di impiantistica di ultima generazione. " ha fatto sapere il sindaco Alessandrini, aggiungendo che il nuovo stadio oltre ad avere un ricaduta positiva in termini di costi per il Comune che non dovrà più sostenere una spesa pari ad 1 milione di euro l'anno, porterà anche un indotto all'economica locale grazie all'investimento dei privati.

Lo Stadio sarà presentato il mese prossimo e dovrebbe essere pronto per la stagione calcistica 2018/2019. Potrà ospitare anche eventi e spettacoli diversi dal calcio.


Last edited by Pesk; November 9th, 2015 at 09:03 PM.
Pesk no está en línea   Reply With Quote
Old December 1st, 2015, 09:48 PM   #14
UomoSenzaVolto
Registered User
 
Join Date: May 2015
Location: Vercelli
Posts: 140
Likes (Received): 108

PESCARA. Lo stadio Adriatico-Cornacchia non si può toccare. La Soprintendenza per le belle arti e il paesaggio d’Abruzzo ha fatto scattare i vincoli architettonici sull’intera struttura, bloccando qualsiasi intervento di ristrutturazione e di ammodernamento dell’impianto sportivo. La decisione, arrivata ieri mattina in Comune, è stata come una doccia fredda per l’amministrazione, che sta portando avanti, insieme alla società del Pescara calcio e alla Lega di B, il progetto per rifare interamente lo stadio, simile a quello della Juventus, con negozi, ristorante e bar. «Ora quel progetto rischia di saltare», ha commentato il presidente del Pescara calcio Daniele Sebastiani. Ma il sindaco Marco Alessandrini ha già preannunciato «una battaglia legale», probabilmente con un ricorso al Tar.

Altro no dalla Soprintendenza. A due settimane dalla bocciatura del Ponte del cielo e dall’apposizione dei vincoli sull’intera area di largo Mediterraneo, dalla Nave di Cascella fino alle scogliere in mare, ecco un altro duro colpo per il Comune. Si tratta del documento con cui la responsabile dell’organo del ministero dei Beni architettonici, con sede all’Aquila, Maria Giulia Picchione ha comunicato all’ente pescarese la decisione di vincolare integralmente lo stadio Adriatico. La soprintendente, in sostanza, ritiene che la struttura sia un bene architettonico da tutelare, in quanto realizzato negli anni Cinquanta dal famoso urbanista Luigi Piccinato, tra gli architetti più rappresentativi e più premiati dell’epoca, autore di ben 270 progetti e piani urbanistici. E uno dei suoi progetti era proprio lo stadio Adriatico.

Ma la Soprintendenza non si è limitata a vincolare solo le cosiddette colonne di Piccinato, ossia le strutture che sostengono una delle due tribune, come era stato ipotizzato inizialmente. Ha invece posto i vincoli su tutto lo stadio. Una decisione inaspettata, anche perché la settimana scorsa sono scaduti i termini fissati dalla Soprintendenza per porre l’impianto sotto osservazione, in vista di una decisione se tutelare o meno l’opera.

Salta il progetto. Ora, la proposta di un nuovo impianto dedicato al calcio rischia di saltare per sempre. Il progetto presentato due settimane fa prevede uno stadio innovativo
con 20mila posti tutti coperti, senza pista di atletica. All’interno, negozi, ristorante e bar e, all’esterno un parcheggio con mille posti auto. La pista di atletica dovrebbe essere realizzata in un’area nelle vicinanze del carcere, a San Donato. La spesa complessiva prevista si aggira intorno ai 42 milioni di euro.

Sebastiani pessimista. Ma, a questo punto, il Pescara calcio è ancora intenzionato a fare un nuovo stadio? Il presidente Sebastiani ieri è apparso pessimista, in proposito. «Mi sembra difficile, a questo punto, poter realizzare un nuovo stadio», ha affermato, «noi abbiamo già speso 120mila euro per quel progetto. Non so dire se sia possibile realizzarlo altrove. Il Comune aveva fatto la proposta di ammodernare quello attuale per risparmiare sulle spese di gestione».
Il Comune pronto al ricorso. Ma l’amministrazione comunale non è intenzionata ad alzare bandiera bianca. «Intendiamo proseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione la battaglia per dare a Pescara una struttura sportiva europea», ha avvertito Alessandrini. «La posizione di perenne diniego alle innovazioni», ha aggiunto, «non è un atteggiamento positivo da parte di un’altra istituzione, specie quando rischia di avere effetti nefasti sull’economia della città e sui servizi che l’amministrazione offre alla comunità». Più esplicito l’assessore allo sport Giuliano Diodati: <<Il Comune farà sicuramente ricorso al Tar».

Fonte
UomoSenzaVolto no está en línea   Reply With Quote
Old December 2nd, 2015, 11:09 AM   #15
gia161170
Registered User
 
gia161170's Avatar
 
Join Date: Aug 2012
Location: Coventry
Posts: 2,513
Likes (Received): 433

Quote:
Originally Posted by UomoSenzaVolto View Post
PESCARA. Lo stadio Adriatico-Cornacchia non si può toccare. La Soprintendenza per le belle arti e il paesaggio d’Abruzzo ha fatto scattare i vincoli architettonici sull’intera struttura, bloccando qualsiasi intervento di ristrutturazione e di ammodernamento dell’impianto sportivo. La decisione, arrivata ieri mattina in Comune, è stata come una doccia fredda per l’amministrazione, che sta portando avanti, insieme alla società del Pescara calcio e alla Lega di B, il progetto per rifare interamente lo stadio, simile a quello della Juventus, con negozi, ristorante e bar. «Ora quel progetto rischia di saltare», ha commentato il presidente del Pescara calcio Daniele Sebastiani. Ma il sindaco Marco Alessandrini ha già preannunciato «una battaglia legale», probabilmente con un ricorso al Tar.

Altro no dalla Soprintendenza. A due settimane dalla bocciatura del Ponte del cielo e dall’apposizione dei vincoli sull’intera area di largo Mediterraneo, dalla Nave di Cascella fino alle scogliere in mare, ecco un altro duro colpo per il Comune. Si tratta del documento con cui la responsabile dell’organo del ministero dei Beni architettonici, con sede all’Aquila, Maria Giulia Picchione ha comunicato all’ente pescarese la decisione di vincolare integralmente lo stadio Adriatico. La soprintendente, in sostanza, ritiene che la struttura sia un bene architettonico da tutelare, in quanto realizzato negli anni Cinquanta dal famoso urbanista Luigi Piccinato, tra gli architetti più rappresentativi e più premiati dell’epoca, autore di ben 270 progetti e piani urbanistici. E uno dei suoi progetti era proprio lo stadio Adriatico.

Ma la Soprintendenza non si è limitata a vincolare solo le cosiddette colonne di Piccinato, ossia le strutture che sostengono una delle due tribune, come era stato ipotizzato inizialmente. Ha invece posto i vincoli su tutto lo stadio. Una decisione inaspettata, anche perché la settimana scorsa sono scaduti i termini fissati dalla Soprintendenza per porre l’impianto sotto osservazione, in vista di una decisione se tutelare o meno l’opera.

Salta il progetto. Ora, la proposta di un nuovo impianto dedicato al calcio rischia di saltare per sempre. Il progetto presentato due settimane fa prevede uno stadio innovativo
con 20mila posti tutti coperti, senza pista di atletica. All’interno, negozi, ristorante e bar e, all’esterno un parcheggio con mille posti auto. La pista di atletica dovrebbe essere realizzata in un’area nelle vicinanze del carcere, a San Donato. La spesa complessiva prevista si aggira intorno ai 42 milioni di euro.

Sebastiani pessimista. Ma, a questo punto, il Pescara calcio è ancora intenzionato a fare un nuovo stadio? Il presidente Sebastiani ieri è apparso pessimista, in proposito. «Mi sembra difficile, a questo punto, poter realizzare un nuovo stadio», ha affermato, «noi abbiamo già speso 120mila euro per quel progetto. Non so dire se sia possibile realizzarlo altrove. Il Comune aveva fatto la proposta di ammodernare quello attuale per risparmiare sulle spese di gestione».
Il Comune pronto al ricorso. Ma l’amministrazione comunale non è intenzionata ad alzare bandiera bianca. «Intendiamo proseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione la battaglia per dare a Pescara una struttura sportiva europea», ha avvertito Alessandrini. «La posizione di perenne diniego alle innovazioni», ha aggiunto, «non è un atteggiamento positivo da parte di un’altra istituzione, specie quando rischia di avere effetti nefasti sull’economia della città e sui servizi che l’amministrazione offre alla comunità». Più esplicito l’assessore allo sport Giuliano Diodati: <<Il Comune farà sicuramente ricorso al Tar».

Fonte
Povera Italietta!
__________________
Caro collega del forum, Firma anche tu la petizione: "Italia Presidenziale, elezione diretta." https://firmiamo.it/italia-presidenz...ezione-diretta via @Firmiamo Se ci credi!
gia161170 no está en línea   Reply With Quote
Old December 2nd, 2015, 01:04 PM   #16
Dorocka
Registered User
 
Dorocka's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Location: Novara
Posts: 5,028
Likes (Received): 1854

ma che cazzo..
__________________
"Baci da Dio" "Beh si....Lui ha preso tante cose da me!!!"

Woody Allen
Dorocka no está en línea   Reply With Quote
Old December 2nd, 2015, 07:45 PM   #17
Plm88
Registered User
 
Plm88's Avatar
 
Join Date: May 2012
Posts: 2,836
Likes (Received): 301

Vabbè dai, va bene tutto.. Ma qui mi sembra davvero che a volte piscino fuori dal vaso..
Un conto era ritenere giusta o meno l'operazione dal punto di vista economico e politico (stadio comunque ristrutturato da poco, in ottime condizioni, ed in cui la pista d'atletica viene effettivamente usata), ma se deve saltare tutto per un vincolo sull'INTERO stadio da parte della Sovrintendenza mi sembra davvero assurdo..
Plm88 no está en línea   Reply With Quote
Old December 2nd, 2015, 10:58 PM   #18
gia161170
Registered User
 
gia161170's Avatar
 
Join Date: Aug 2012
Location: Coventry
Posts: 2,513
Likes (Received): 433

Quote:
Originally Posted by Plm88 View Post
Vabbè dai, va bene tutto.. Ma qui mi sembra davvero che a volte piscino fuori dal vaso..
Un conto era ritenere giusta o meno l'operazione dal punto di vista economico e politico (stadio comunque ristrutturato da poco, in ottime condizioni, ed in cui la pista d'atletica viene effettivamente usata), ma se deve saltare tutto per un vincolo sull'INTERO stadio da parte della Sovrintendenza mi sembra davvero assurdo..
Per proteggere che??...Mi domando, manco fosse il Colosseo..bah! Questi so' matti.
__________________
Caro collega del forum, Firma anche tu la petizione: "Italia Presidenziale, elezione diretta." https://firmiamo.it/italia-presidenz...ezione-diretta via @Firmiamo Se ci credi!
gia161170 no está en línea   Reply With Quote
Old December 3rd, 2015, 01:59 AM   #19
XxAlexX
Registered User
 
Join Date: Jan 2010
Posts: 1,652
Likes (Received): 166

Stadio nuovo e via, quelli delle belle arti sono dei ca##oni, mettono vincoli ovunque, comunque niente che si possa evitare, metti una bomba dentro, fai esplodere e dai la colpa a chi sappiamo tutti
E dopo permettono porcate come le fermate dei bus di fireenze, Bergamo e Milano
E come gia mi chiedo cosa vogliano proteggere
Vabbè Nuovo stadio altrove e date l` adriatico alle belle arti
XxAlexX no está en línea   Reply With Quote
Old December 3rd, 2015, 11:07 AM   #20
Pesk
Registered User
 
Join Date: Feb 2010
Posts: 610
Likes (Received): 8

Assurdo!!! Ma se ci sono degli elementi architettonici da preservare (anche se sinceramente non capisco quali siano....) non si potrebbero smantellarli e reinstallarli nel nuovo stadio di atletica che il comune di Pescara realizzerà?
Pesk no está en línea   Reply With Quote


Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Related topics on SkyscraperCity


All times are GMT +2. The time now is 01:08 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2017, vBulletin Solutions Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu