daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy | DMCA | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Discussioni locali > Sud e Isole

Sud e Isole Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia



Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools Rating: Thread Rating: 117 votes, 4.97 average.
Old March 10th, 2005, 12:57 PM   #1
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 616
Likes (Received): 8

BARI

BARI



Fonte: viaggiareinpuglia.it


Fonte: viaggiareinpuglia.it




Discussioni attinenti su SkyscraperCity / Related internal discussions:


Infrastrutture e Trasporti/Infrastructures and Transportation Systems

Metro e Ferrovie/Metro and railways
Metropolitane e Ferrovie suburbane
Ferrovie dello Stato - Puglia
Ferrovie del Sud-Est
Ferrovie del Nord Barese - Ferrotramviaria
Ferrovie Appulo Lucane
Ferrovie del Gargano
Ferrovia ad Alta Capacità Napoli – Bari

Trasporto pubblico urbano/Urban Public transports
Trasporto pubblico urbano-Linee AMTAB
Filovia-recupero linee dismesse
Tram-ipotesi
Mobilità ciclabile-Bike sharing

Infrastrutture stradali/Road Infrastructure
Strade ed autostrade in Puglia
Ponte Strallato dell'Asse Nord-Sud

Aeroporto/Airport
Aeroporto internazionale "K.Wojtyla"

Porto/Port
Porto di Bari


Progetti/Projects
Baricentrale-Fuksas
Nuovo Municipio
Nuova sede Consiglio Regione Puglia
Teatro Petruzzelli
Teatro Margherita

Patrimonio architettonico/Architectural Heritage
Patrimonio storico tra restauro, incuria e distruzione
Bari e Terra di Bari
Foto di Bari
Architetture di Bari
Stadio San Nicola

Varie/Other
La città metropolitana
__________________
investinitaly


Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Mahatma Gandhi

A11 LJUBLJANA, Barium, Japanac liked this post

Last edited by yuri; August 26th, 2014 at 11:32 AM.
robyk no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
 
Old March 10th, 2005, 01:00 PM   #2
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 616
Likes (Received): 8

06/03/2005
Le città che cambiano: Bari
Dall'8 all'11 marzo, Bari sarà sotto i riflettori della comunità internazionale degli investitori immobiliari e al centro del più importante evento a livello mondiale dedicato allo sviluppo delle città e dei territori. Riuniti intorno al marchio "Terra di Bari", i principali soggetti istituzionali e privati del capoluogo pugliese presenteranno al MIPIM di Cannes, la più prestigiosa ribalta del Real Estate, i progetti maggiormente rilevanti e strategici per lo sviluppo e la competitività del sistema metropolitano di Bari e dell'intera regione.

Molto significativi i progetti che verranno proposti dai diversi soggetti di "Terra di Bari" al MIPIM: a partire dall'intervento di recupero e riqualificazione del quartiere S. Paolo (presentato da Assindustria), l'intervento di rifunzionalizzazione dello Stadio S. Nicola (Comune di Bari), il progetto pilota per riscoprire l'identità e le eccellenze del territorio di Bari (Camera di commercio), il Network fieristico (Fiera del Levante), l'intervento di rifunzionalizzazione del Complesso monumentale di Santa Scolastica (Provincia di Bari) e gli interventi per la promozione e lo sviluppo dei territori realizzati dalla Regione Puglia attraverso l'utilizzo di diversi strumenti di programmazione e dei Fondi erogati dall'Unione Europea.

"Terra di Bari", prima ancora che un marchio efficace di promozione, è un primo importante risultato della partnership realizzata fra pubblico e privato all'insegna dell'integrazione progettuale e della condivisione di un medesimo obiettivo: fare rete attraverso la realizzazione di politiche ed interventi capaci di coniugare la crescita economica e lo sviluppo sostenibile del territorio. E in questo modo consentire a Bari di giocare un ruolo strategico di gateway city al centro della rete di connessioni con i paesi del bacino mediterraneo e con i mercati est-europei e medio-orientali.

Naturale, quindi la scelta di "debuttare" al MIPIM di Cannes, l'appuntamento più atteso e frequentato da parte degli investitori e decision-makers internazionali. Giunta alla sua 16^ edizione, la manifestazione di Cannes (che quest'anno registrerà oltre 17.000 visitatori e che nel 2004 ha visto la presenza di 1.950 aziende espositrici, 290 città, territori e istituzioni, 540 giornalisti e 60 Paesi partecipanti) rappresenta la ribalta più consona agli obiettivi che il sistema Bari si è dato con la partecipazione al MIPIM: aumentare la propria visibilità internazionale attraverso la valorizzazione dei progetti di riqualificazione e sviluppo in corso ricercando occasioni di partnership strategiche capaci di attivare investimenti sul territorio e rafforzarne, così, la competitività.
A sottolineare l'importanza della presenza di Terra di Bari a Cannes il 9 di marzo sarà celebrato il gemellaggio tra Bari e Cannes. Nel corso dell'incontro i sindaci delle due città si scambieranno le targhe a sigla dell'accordo.

http://www.sanpaoloimprese.com/portalImp/pdf/Bari.pdf
__________________
investinitaly


Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Mahatma Gandhi

A11 LJUBLJANA liked this post
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old March 11th, 2005, 12:27 PM   #3
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 616
Likes (Received): 8

Giunta Bari destina a verde area ex-Fibronit

Sarà trasformata da area destinata ad attività terziarie ad area a verde pubblico di tipo B (verde di quartiere) la zona della Fibronit, l’ex fabbrica di cemento-amianto che sorge nel rione Japigia di Bari e che è da tempo sotto sequestro

BARI - Sarà trasformata da area destinata ad attività terziarie ad area a verde pubblico di tipo B (verde di quartiere) la zona della Fibronit, l’ex fabbrica di cemento-amianto che sorge nel rione Japigia di Bari e che è da tempo sotto sequestro.
La giunta comunale di Bari, su proposta dell’assessore all’urbanistica, Ludovico Abbaticchio, ha deliberato oggi di predisporre una variante al piano regolatore generale per trasformare la destinazione dell’area dell’ex Fibronit. Il provvedimento sarà trasmesso al Consiglio comunale.
«Con tale atto - informa una nota di palazzo di città - la giunta persegue l’indirizzo di tutela e salvaguardia della salute pubblica, anche in relazione al tributo di vite umane che la città ha già pagato per la presenza sul proprio territorio dell’area in questione». «Nella revisione del piano - conclude la nota - occorrerà limitare al massimo la trasformazione di aree ancora non edificate, risanare le aree dismesse industriali inquinate (in particolare ex Fibronit ed ex Gasometro costituiranno risorse strategiche per il verde e la rinaturalizzazione di parti centrali della città) e, più in generale, recuperare dal punto di vista ambientale le aree non più usate o sottoutilizzate».

7/3/2005
__________________
investinitaly


Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Mahatma Gandhi

A11 LJUBLJANA liked this post
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old March 11th, 2005, 12:29 PM   #4
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 616
Likes (Received): 8

Punta Perotti: un altro passo verso la demolizione
La cassazione contraria all’incidente di esecuzione promosso da proprietari e acquirenti
09/02/2005 –
La Cassazione dice no all’incidente di esecuzione promosso dai proprietari di Punta Perotti, dall’Aci e dagli acquirenti. La demolizione dell’ecomostro barese sembra essere sempre più vicina.
In tempi brevissimi – spiega il sindaco del capoluogo pugliese Michele Emiliano – sarà portata a termine la gara d’appalto per l’abbattimento. La somma necessaria è stata già inserita nel bilancio comunale.
Nel 2003 i costruttori chiedevano la restituzione dei suoli confiscati e dell’immobile di Punta Perotti, che il 2 aprile dello stesso anno la Corte di Cassazione aveva giudicato patrimonio del Comune di Bari. Ma la richiesta è stata respinta: sia il complesso sia i terreni restano di proprietà del Comune, anche se oggetto di pignoramento, concesso a luglio del 2004 dal Tribunale di Bari ad una società del gruppo Matarrese (la Salvatore Matarrese) a fronte di un credito di 5,5 milioni di euro circa per un mutuo fondiario.
L’appalto per l’abbattimento del complesso era stato lanciato per la prima volta a luglio scorso, ma fu successivamente ritirato per inserire una clausola di salvaguardia.
Il nuovo bando prevede che l’impresa vincitrice riceva un rimborso di 25mila euro nel caso la demolizione saltasse per motivi legati al pignoramento. L’obiettivo – spiega Emiliano – è accelerare ulteriormente i tempi.
L’abbattimento sarà comunque eseguito in danno. Anche se i costruttori sono stati assolti per il reato di lottizzazione abusiva perché in possesso di una concezione edilizia che non avrebbero dovuto ricevere, l’amministrazione comunale ritiene che debba comunque essere a loro carico la spesa per l’abbattimento, dal momento che hanno comunque commesso un abuso edilizio.
Sinora sarebbero diverse le offerte ricevute, ma bisognerà attendere ancora un po per notizie definitive.
__________________
investinitaly


Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Mahatma Gandhi
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old March 17th, 2005, 12:14 AM   #5
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

EVENTI

06/03/2005
MIPIM, le città che cambiano: Bari

Dall'8 all'11 marzo, Bari sarà sotto i riflettori della comunità internazionale degli investitori immobiliari e al centro del più importante evento a livello mondiale dedicato allo sviluppo delle città e dei territori. Riuniti intorno al marchio "Terra di Bari", i principali soggetti istituzionali e privati del capoluogo pugliese presenteranno al MIPIM di Cannes, la più prestigiosa ribalta del Real Estate, i progetti maggiormente rilevanti e strategici per lo sviluppo e la competitività del sistema metropolitano di Bari e dell'intera regione.

Molto significativi i progetti che verranno proposti dai diversi soggetti di "Terra di Bari" al MIPIM: a partire dall'intervento di recupero e riqualificazione del quartiere S. Paolo (presentato da Assindustria), l'intervento di rifunzionalizzazione dello Stadio S. Nicola (Comune di Bari), il progetto pilota per riscoprire l'identità e le eccellenze del territorio di Bari (Camera di commercio), il Network fieristico (Fiera del Levante), l'intervento di rifunzionalizzazione del Complesso monumentale di Santa Scolastica (Provincia di Bari) e gli interventi per la promozione e lo sviluppo dei territori realizzati dalla Regione Puglia attraverso l'utilizzo di diversi strumenti di programmazione e dei Fondi erogati dall'Unione Europea.

"Terra di Bari", prima ancora che un marchio efficace di promozione, è un primo importante risultato della partnership realizzata fra pubblico e privato all'insegna dell'integrazione progettuale e della condivisione di un medesimo obiettivo: fare rete attraverso la realizzazione di politiche ed interventi capaci di coniugare la crescita economica e lo sviluppo sostenibile del territorio. E in questo modo consentire a Bari di giocare un ruolo strategico di gateway city al centro della rete di connessioni con i paesi del bacino mediterraneo e con i mercati est-europei e medio-orientali.

Naturale, quindi la scelta di "debuttare" al MIPIM di Cannes, l'appuntamento più atteso e frequentato da parte degli investitori e decision-makers internazionali. Giunta alla sua 16^ edizione, la manifestazione di Cannes (che quest'anno registrerà oltre 17.000 visitatori e che nel 2004 ha visto la presenza di 1.950 aziende espositrici, 290 città, territori e istituzioni, 540 giornalisti e 60 Paesi partecipanti) rappresenta la ribalta più consona agli obiettivi che il sistema Bari si è dato con la partecipazione al MIPIM: aumentare la propria visibilità internazionale attraverso la valorizzazione dei progetti di riqualificazione e sviluppo in corso ricercando occasioni di partnership strategiche capaci di attivare investimenti sul territorio e rafforzarne, così, la competitività.
A sottolineare l'importanza della presenza di Terra di Bari a Cannes il 9 di marzo sarà celebrato il gemellaggio tra Bari e Cannes. Nel corso dell'incontro i sindaci delle due città si scambieranno le targhe a sigla dell'accordo.

Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 10:59 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old March 17th, 2005, 12:35 AM   #6
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

EVENTI

PRINCIPALI PROGETTI PRESENTATI AL MIPIM

- Il sistema ferroviario integrato di Bari (COMUNE DI BARI)
- Metropolitana S.Paolo (FERROTRAMVIARIA SPA)
- Metropolitana Aeroporto (FERROTRAMVIARIA SPA)
- Integrazione funzionale dello Stadio S. Nicola (COMUNE DI BARI)
- Recupero e riqualificazione delle AREE BERSAGLIO - POR PUGLIA 2000-2006 MISURA 5.1 (ASSINDUSTRIA DI BARI - COMUNE DI BARI - FSE)
-- Il Quartiere S.Paolo
-- I Centri urbani di Carbonara, Ceglie, Loseto
- Rifunzionalizzazione del Complesso monumentale di Santa Scolastica (PROVINCIA DI BARI)
- Segretariato e FdL servizi (FIERA DEL LEVANTE)
- Network fieristico (FIERA DEL LEVANTE)
- Spazio7 (FIERA DEL LEVANTE)
- La riqualificazione del molo Pizzoli (AUTORITÀ PORTUALE DI BARI)
- Progetto per l’insediamento della Facolta’ di Scienze della Formazione nel complesso della ex manifattura dei tabacchi di bari (UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI)
- Interreg III A Italia-Albania (POLITECNICO DI BARI/POLYCONSULTING S.R.L.)
- Il Nuovo Aeroporto Internazionale di Bari (SEAP S.P.A.)
- Nicotel Hotels & Resorts (ARKÈ S.R.L.)
- Complesso urbanistico integrato - Santo Spirito, Bari (DEBAR COSTRUZIONI S.P.A.)
- Interporto Regionale della Puglia (GRUPPO DEGENNARO)
- Polo Logistico Integrato (GRUPPO DEGENNARO)

- Complesso residenziale Bari2 (SALVATORE MATARRESE S.P.A.)
- Area commerciale integrata (SALVATORE MATARRESE S.P.A.)
- Retail Park Pathè - Bari (SIRCOM REAL ESTATE S.P.A.)
- I Fondi Strutturali 2000-2006 per la crescita della Puglia (REGIONE PUGLIA)
Progetto pilota per riscoprire l’identità e le eccellenze del territorio di Bari (CCIAA)

----------------------------------------------------------------------
----------------------------------------------------------------------

Il sistema ferroviario integrato di Bari (COMUNE DI BARI)
Nell'ambito delle nuove prospettive geo-politiche e geo-economiche del Patto di Stabilità per l'Europa Sud-Orientale (Colonia, 1999), Bari è indicata come una delle città-porta delle grandi connessioni europee, con ruolo di nodo (cerniera) delle reti transeuropee, una gateway-city di accesso allo spazio europeo. Dal punto di vista infrastrutturale, l'ambito geografico della metropoli pugliese assume, pertanto, un doppio ruolo di terminale del sistema infrastrutturale nazionale (Corridoio Adriatico) e di nodo del sistema pan-europeo (Corridoio VIII). In questo scenario di relazioni economiche e sociali multiscalari e di competitività allargata, l'area metropolitana di Bari deve trovare il modo di legare più efficacemente il sistema insediativo residenziale e produttivo, in fase di forte espansione e trasformazione, a quello delle reti di trasporto, realizzando quel progetto di “area fortemente connessa” alla base delle attuali politiche di sviluppo e dei programmi di attuazione delle funzioni metropolitane in termini di decentramento funzionale e distribuzione dei servizi. In particolare dovrà essere realizzato un sistema di trasporto pubblico, e principalmente ferroviario, in grado di determinare alla scala metropolitana il livello di mobilità necessario allo sviluppo della coesione interna e della connessione esterna, integrato alle altre reti di trasporto secondo logiche di integrazione e complementarietà.


----------------------------------------------------------------

Metropolitana S.Paolo (FERROTRAMVIARIA SPA)
Il quartiere residenziale S. Paolo, realizzato a partire dal 1957 e caratterizzato da storici fenomeni di esclusione e disagio sociale, sarà il primo quartiere di Bari ad essere servito da una vera linea metropolitana, che, attraverso le sei fermate previste, consentirà il collegamento con l'area centrale di Bari in un tempo medio di 11 minuti. Il nuovo collegamento ferroviario, in corso di realizzazione, si sviluppa su 6.8 Km di nuovo tracciato, a doppio binario.
L'opera si presenta per i primi 3.000 metri in rilevato e in viadotto, con la fermata sopraelevata "Tesoro", mentre in corrispondenza della fermata "Cittadella" la linea prosegue in galleria verso le fermate "S. Gabriele", "Ospedale" (in adiacenza agli edifici dell'Ospedale Regionale S. Paolo), "Cecilia" e "Regioni". Lungo l'asse della linea sono oggi in fase di sviluppo ulteriori programmi di recupero urbano, fondati sulla presenza dell'infrastruttura in qualità di elemento catalizzatore di funzioni ed attività economiche e sociali.










------------------------------------------------------------------

Metropolitana Aeroporto (FERROTRAMVIARIA SPA) La realizzazione del collegamento ferroviario tra la Stazione Centrale di Bari e il nuovo terminal passeggeri dell'Aeroporto di Palese (dimensionato per un traffico superiore a 2.800.000 persone nel 2010), costituisce un passaggio di primaria importanza nella riorganizzazione infrastrutturale del territorio e nella integrazione delle modalità di trasporto a scala metropolitana e regionale. Il percorso, a doppio binario elettrificato, sarà realizzato quasi totalmente in galleria. La fermata Aerostazione, collocata in prossimità dal terminal aeroportuale, e a questo funzionalmente collegata, consentirà di dotare lo scalo pugliese di un'articolazione dell'offerta di mobilità intermodale con pochi riscontri in Italia. Il progetto del collegamento e delle fermate è in fase di definitiva approvazione.






-----------------------------------------------------------

Integrazione funzionale dello Stadio S. Nicola (COMUNE DI BARI)
Tra i grandi elementi funzionali ed architettonici della città di Bari, lo Stadio S. Nicola, progettato da Renzo Piano alla fine degli anni '90, e realizzato da imprese e forze locali, è ormai un elemento fondamentale non solo della città ma dell'intero territorio metropolitano, del quale può ritenersi ormai un vero e proprio landmark. Contrariamente agli indirizzi più recenti, ispirati a criteri di ottimizzazione economica, lo Stadio S. Nicola è tuttavia una struttura intrinsecamente poco efficiente, la cui utilizzazione rimane confinata alle partite di campionato e a qualche sporadica manifestazione sportiva o di spettacolo.
In previsione di una sua migliore utilizzazione, l'Amministrazione Comunale intende promuovere una riflessione sulle possibili integrazioni del grande impianto, attraverso l’inserimento di ulteriori funzionalità sportive, ma anche commerciali, terziarie, ricettive. Tali integrazioni, supportate dalla generosa infrastrutturazione esistente (viabilità e parcheggi) consentirebbero, infatti, insieme ad una significativa riduzione dei costi di gestione, la realizzazione di servizi e funzionalità di grande interesse, potenziando altresì il valore ed il significato della struttura a scala territoriale.


------------------------------------------------------------

Recupero e riqualificazione delle AREE BERSAGLIO - POR PUGLIA 2000-2006 MISURA 5.1 (ASSINDUSTRIA DI BARI - COMUNE DI BARI - FERROVIE SUD-EST)

- Il Quartiere S.Paolo L’ipotesi dello Studio di fattibilità sulle Aree Bersaglio per l'utilizzazione di fondi POR Misura 5.1 (in collaborazione con il Comune di Bari) è che il quartiere S.Paolo, storicamente segnato da marginalità, disagio sociale e difficoltà economiche, possa trovare, anche grazie alla realizzazione della nuova metropolitana, il modo di aumentare sensibilmente l’offerta complessiva di servizi e di risorse per la collettività. Nel complesso l'intervento prevede nuove aree a verde urbano attrezzate, attrezzature polifunzionali per il tempo libero, lo sport e lo spettacolo, strutture espositive e congressuali, strutture polifunzionali per la formazione, strutture destinate al terziario direzionale e commerciale, strutture di servizio ed assistenza sociale e dedicate all’assistenza ai disabili ed agli anziani. A questi interventi, distribuiti per oltre 1.500 m lungo il percorso della nuova metropolitana, è affidato il compito di contribuire in modo decisivo alla riqualificazione urbana del quartiere S.Paolo. La proposta mira infatti a fare del vero e proprio "marketing urbano", consentendo al S. Paolo di competere nel territorio metropolitano con qualsiasi altra area urbana.

- I Centri urbani di Carbonara, Ceglie, Loseto A partire dalle iniziali ipotesi di sviluppo di un polo dedicato alla musica, allo spettacolo e all'arte, in grado di rafforzare e ed ampliare le attività del Conservatorio musicale e dell'Accademia di Belle Arti, lo Studio di fattibilità sulle Aree Bersaglio per l'utilizzazione di fondi POR Misura 5.1 (in collaborazione con il Comune di Bari) ha individuato ulteriori opportunità di sviluppo in relazione ad attività imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico quali quelle della produzione e veicolazione delle attività video e cinematografiche e dello spettacolo, delle ricerche sul suono e l'acustica, della multimedialità. Insieme a queste, è stata valutata l'opportunità di prevedere, in una logica insediativa di campus polifunzionale, anche strutture per la ricerca universitaria nei settori innovativi delle nanotecnologie e delle biotecnologie, unitamente alla realizzazione di servizi e residenze per studenti, personale docente e non docente. La realizzazione del progetto può contare sull'utilizzazione di un'ampia area destinata ad edlizia universitaria, a ridosso dei centri abitati di Carbonara, Ceglie e Loseto, e che i programmi di infrastrutturazione in corso (tra cui la linea metropolitana Bari-Bitritto) renderanno accessibile da tutta l'area urbana e metropolitana di Bari.




-----------------------------------------------------------------

Rifunzionalizzazione del Complesso monumentale di Santa Scolastica (PROVINCIA DI BARI)
Il complesso di Santa Scolastica è situato nel borgo antico di Bari lungo le antiche mura che si stagliano sulla costa settentrionale della città. Si sviluppa su un’area di circa 3000mq e con l’attigua area di S. Pietro costituisce un polo archeologico di grande interesse. Un progetto di rifunzionalizzazione dell’intero immobile consentirà la nascita della nuova sede del Museo Archeologico Provinciale il cui patrimonio consta di pregevoli collezioni di reperti quali manufatti ceramici, materiali lapidei, strumenti litici, bronzi, vetri ed alabastri, oggetti di oreficeria, pietre dure e monete. Il Museo, concepito come spazio dinamico e polifunzionale, finalizzato alla valorizzazione e la conservazione dei reperti e delle aree archeologiche emergenti, contemplerà spazi destinati all’esposizione permanente e spazi per mostre temporanee, promuoverà la ricerca in ambito archeologico, realizzerà progetti speciali per la fruizione pubblica. La Soprintendenza ai BBAASS della Puglia è attualmente impegnata nella messa a punto dello studio di fattibilità per la realizzazione del Museo Archeologico che sarà inoltrato all’Amministrazione Provinciale entro maggio 2005. Di seguito saranno avviate le procedure per l’affidamento del progetto esecutivo funzionale alle finalità espositive dell’intero immobile. A tal fine l’Accordo di Programma Quadro Regione Puglia – Ministero per i Beni e le Attività Culturali, nell’ambito del “Sistema delle aree archeologiche”, ha individuato la Provincia di Bari quale soggetto attuatore beneficiario del finanziamento di euro 2.000.000,00. Sono inoltre disponibili nel piano delle opere pubbliche della Provincia per le stesse finalità, risorse per un ammontare complessivo di euro 2.400.000,00. Il costo presunto delle opere finalizzate alla musealizzazione delle collezioni di antichità, attualmente depositate presso il complesso di S. Scolastica che consentirà l’apertura al pubblico del Museo Archeologico Provinciale, è di euro 10.000.000,00.


------------------------------------------------------------

La riqualificazione del molo Pizzoli (AUTORITÀ PORTUALE DI BARI)
Uno degli interventi di riqualificazione teso alla valorizzazione del demanio marittimo è quello del Molo Pizzoli che allo stato è in gran parte inutilizzato in quanto sia dal punto di vista delle infrastrutture marittime che di quelle a terra presenta caratteristiche non idonee per le attività portuali. Il progetto di riqualificazione avrà i seguenti obiettivi: ricollocare le attività di provveditoria marittima attualmente esercitate nei fabbricati prossimi al nuovo Terminal Crociere in modo da poter disporre dell’area al fine di realizzare immobili a servizio delle attività crocieristiche; ricollocare gli uffici della Dogana, attualmente localizzati di fronte al Molo S.Vito, in maniera da chiedere di disporre dell’immobile, di notevole valore e pregio artistico, per destinarlo a contenitore multifunzionale a servizio del Porto e della Città; rendere possibile l’insediamento di operatori portuali interessati alla futura utilizzazione dei piazzali e delle banchine operative dell’adiacente Colmata di Marisabella; 􀂃 rendere possibile la ricollocazione del Laboratorio di Biologia Marina e dell’Acquario in una struttura più adeguata e funzionale. La destinazione degli immobili dovrà essere differenziata e consentire di disporre di spazi per terziario/direzionale, spazi per depositi portuali e spazi per attività di interesse sociale o di servizio alla città. Il progetto dovrà consentire di disporre di immobili che garantiscano la massima flessibilità d’uso, la possibilità di riconversione di destinazione e cambiamenti anche sostanziali nel tempo. E’ auspicabile l’utilizzo di materiali e la realizzazione di impianti che minimizzino l’impatto ambientale dell’intervento soprattutto in ordine al contenimento dei consumi energetici ed al miglior sfruttamento delle fonti di energia rinnovabili. Complessivamente si prevede di realizzare fabbricati per una superficie coperta di circa 13.000 mq. ed una volumetria di circa 55.000 mc.


------------------------------------------------------------------

Il Nuovo Aeroporto Internazionale di Bari (SEAP S.P.A.)
Il Nuovo Aeroporto si candida a divenire a pieno titolo elemento essenziale nel processo di sviluppo di un’area che, tra quelle del Mezzogiorno d’Italia, si caratterizza per la sua particolare dinamicità economica. L'area aeroportuale di Bari dispone di una nuova aerostazione passeggeri – la cui inaugurazione è programmata per marzo 2005 – che si sviluppa su un’area di circa 30.000 metri quadrati distribuiti su cinque livelli, realizzata secondo i più rigorosi standard di sicurezza ed efficienza operativa che ne fanno, a pieno titolo, una delle più importanti strutture del panorama aeroportuale italiano. Oltre alla nuova aerostazione, Bari può contare su infrastrutture di volo - piazzali sosta aeromobili, pista e via di rullaggio - che nel corso degli ultimi anni sono state oggetto di un radicale processo di riqualificazione e potenziamento.


-------------------------------------------------------------------

Complesso urbanistico integrato - Santo Spirito, Bari (DEBAR COSTRUZIONI S.P.A.)
Il progetto esposto consiste in un intervento integrato che prevede la concorrenza di finanziamento pubblico e privato per la realizzazione di edifici di edilizia residenziale sovvenzionata ed agevolata, edilizia libera in linea ed a schiera, edifici specializzati non residenziali per funzioni di distribuzione e commerciale, direzionale ed artigianale. Le diverse funzioni si collegano in un sistema integrato attraverso una rete di urbanizzazioni primari e secondare con asilo nido, attrezzature sportive, aree attrezzate a verde privato e pubblico oltre che spazi destinati a strade e parcheggi. Ubicato in zona di Santo Spirito, frazione di Bari, si estende su di un’area di circa mq 140.000 a ridosso delle principali vie di collegamento nazionali ed è in fase di realizzazione. Obiettivo dell’azienda è la promozione degli spazi non residenziali che verranno realizzati: commerciale per mc 25000 e mq 7000, direzionale per mc 5000 e mq 1500 ed artigianale per mc 4000 e mq 1500.


-------------------------------------------------------------------

Interporto Regionale della Puglia (GRUPPO DEGENNARO)
È uno dei sistemi intermodali d’avanguardia del Mezzogiorno. Per la sua realizzazione sono previsti investimenti complessivi per 100 milioni di Euro. Le attività sono già cantierizzate e si prevede il completamento nel 2006. La superficie fondiaria interessata è di 47 ettari di cui 90 mila mq di superficie coperta, per magazzini ed edifici direzionali. L’Interporto Regionale della Puglia può essere considerata l’unica infrastruttura logistica nel Sud Italia capace di intercettare il traffico merci da e per il Mediterraneo orientale e l’area balcanica anche in relazione all’attuazione del Corridoio VIII transeuropeo. L’infrastruttura, completamente cablata in fibra ottica e dotata di un sofisticato sistema di controllo accessi, offrirà agli operatori servizi logistici avanzati.




----------------------------------------------------------------------

Polo Logistico Integrato (GRUPPO DEGENNARO)
Per tale realizzazione, nell’area metropolitana barese, specializzata nel settore food, sono previsti investimenti per 200 milioni di Euro su di una superficie fondiaria di 100 ettari e 400 mila mq coperti. L’intervento è stato già cantierizzato nel 2001 e si prevede il completamento entro il 2006. I magazzini vengono progettati in base alle specifiche richieste degli operatori logistici e consegnati agli con una logica “turn-key”.


-----------------------------------------------------------------------

Complesso residenziale Bari2 (SALVATORE MATARRESE S.P.A.)
L’intervento di edilizia residenziale e terziaria è inserito nella maglia della città di Bari, in un’area già urbanizzata e ben collegata alla viabilità cittadina tramite i principali assi viari nonché la Metropolitana di prossima costruzione. Ha un’estensione complessiva di 900.000 mq. con potenzialità edificatoria di mc. 900.000. Il progetto prevede la realizzazione di edilizia residenziale di pregio, interconnessa con il parco a verde di oltre mq. 100.000, e di edilizia commerciale e terziaria, oltre ai servizi (hotel, scuole, fitness center etc…).


--------------------------------------------------------------------

Area commerciale integrata (SALVATORE MATARRESE S.P.A.)
Il progetto prevede la realizzazione di un’Area Commerciale Integrata da realizzarsi nella città di Bari su una superficie di mq. 100.000. La localizzazione risulta di particolare pregio, in area già urbanizzata, ottimamente collegata con i principali assi viari. Il progetto prevede una superficie complessiva per la vendita di mq. 20.000 oltre a superfici adibite a depositi, uffici e servizi. Le aree esterne sono dotate di parcheggi, verde e piazza attrezzata.


-------------------------------------------------------------------

Retail Park Pathè - Bari (SIRCOM REAL ESTATE S.P.A.)

Posizione: Ad ovest della città di Bari lungo la tangenziale, adiacente il costruendo cinema multisala Pathè. Dati tecnici: Lotto mq. 43.000, Superficie coperta mq. 13.200, Medie superfici n°4: Unieuro mq. 6.800, Bata mq. 1.000, Per Sempre Arredamenti mq. 4.000. Disponibili mq. 2.200.

Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:07 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old March 20th, 2005, 03:07 PM   #7
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

AEROPORTO - NOTIZIE VARIE

Bari, ecco il nuovo aeroporto

Il 31 marzo l'entrata in funzione ufficiale. La soddisfazione della Seap: scommessa vinta. Ora i passeggeri

Berlusconi visita l' infrastruttura: è un'opera bellissima

BARI«È bellissimo e credo che darà veramente un grande contributo alla modernità della Regione». Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi varca la porta d'ingresso della nuova aerostazione di Bari con andatura decisa. Gli è stato già detto che non dovrà tagliare nessun nastro, che non ci saranno forbici da impugnare. Sa che non sarà un'inaugurazione ufficiale e che la sua deve apparire una «semplice visita». Ad accoglierlo nel nuovo aeroporto internazionale di Bari-Palese, che entrerà in funzione il prossimo 31 marzo, ci sono però decine di giornalisti pronti ad immortalare lo sguardo del premier. E lui da gran regista non delude le aspettative: «Quest'opera è ancora più bella di quanto poteva apparire nei progetti. Credo che sia veramente un grosso contributo alla modernità della regione, alla qualità di viaggio dei suoi cittadini e che sia anche un grande contributo alle imprese e al turismo della Puglia: è veramente un'opera degna dell'accoglienza che questa regione offre ai suoi visitatori». Parla poco il presidente. Il suo «consigliere», il sottosegretario Paolo Bonaiuti, lo tiene a distanza dalle decine di microfoni pronti a registrare ogni sillaba. Ripete più volte parole di approvazione per il nuovo aeroporto. Il presidente arriva nella nuova aerostazione dopo aver partecipato ai lavori del convegno nazionale sulla piccola impresa organizzato da Confindustria nella Fiera del Levante di Bari. È accompagnato dal presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto, dall'amministratore unico della Seap, Domenico Di Paola e dal direttore generale Marco Franchini. Ma nella enorme hall delle partenze ci sono tutti gli autori di questa impresa: i titolari delle aziende, De Bartolomeo, Guastamachia e della Edil Co, l'impresa capofila dell'Ati. «Mi sembra un'opera - ha detto Berlusconi - assolutamente meritoria e faccio i miei complimenti ai suoi realizzatori». Gli autori «dell'opera meritoria» gli sono accanto: Di Paola e Franchini, insieme a Fitto fanno da «cicerone» al presidente. Comincia la visita: entra in uno dei 30 negozi, quello di giocattoli di una famosa marca Usa. Il titolare fa il suo mestiere: lo invita a guardare i giocattoli. Berlusconi viene attratto da un orsacchiotto grigio portachiavi. «Me ne dia due», chiede il premier. «Presidente, venga, abbiamo anche quelli più grandi». «No, va bene così - risponde Berlusconi - non posso spendere molto, devo emettere dei bond». «Non si preoccupi presidente, è un omaggio». «Ragazzi, chi paga?», chiede Berlusconi alla scorta: «Paghi tu»? E via, nell'edicola accanto: anche qui si interessa a un libro d'arte su Leonardo. Poi varca le porte del metal detector. Altri negozi. «Venga, presidente c'è un negozio di cioccolateria di Maglie». Fitto sorride. Il presidente gusta. «Presidente, di là ci sono i giornalisti che aspettano». Il premier tira fuori dal taschino un pettinino e si ricompone. Ma non dirà nulla: questa non era l'inaugurazione ufficiale dell'aeroporto. O meglio, il nastro non s'è visto. Franco Giuliano

20/03/2005
«Ora è necessario incrementare il traffico». Il ruolo della Regione

20/03/2005


Di Paola: aumentare i passeggeri
La Seap: ma la festa comincia da adesso


BARIE ora? «Il bello viene adesso», dice l'amministratore della Seap Domenico Di Paola». Il corteo presidenziale è appena ripartito. Il presidente Raffaele Fitto finalmente si gode la gigantesca struttura tirata a lucido. Bellissima, illuminata ieri da un sole quasi primaverile, con un cielo che lasciava intravedere lo skyline della città che per trent'anni ha sognato un nuovo aeroporto. Tutt'intorno, tra i pilastri di cemento e la nuova struttura del parcheggio quasi ultimato, le centinaia di piante di cactus alte tre metri che si specchiano sulle vetrate. Solo dieci ore prima qui tutto era un cantiere impolverato. In una notte, gli ultimi trenta operai di una impresa di pulizie hanno fatto il miracolo. «Ora dobbiamo preoccuparci di aumentare il traffico passeggeri così da rendere economicamente produttiva una infrastruttura i cui costi di gestione, rispetto a quella attuale, sono almeno decuplicati», spiega il direttore generale della Seap, Marco Franchini. Basti pensare che solo per tenere a lucido l'intera aerostazione (25 mila metri quadrati), illuminarla (2 milioni di luci), climatizzarla (340 motori), manutenere il verde (tre ettari con irrigazione costante), la Seap spenderà «almeno dieci volte in più rispetto a quanto spende attualmente per tenere in vita la vecchia aerostazione». I 2.5 milioni di euro che la società incasserà dalla vendita degli spazi commerciali (negozi e pubblicità all'interno dell'aerostazione) evidentemente non basteranno per pareggiare i costi di gestione. Non basterà neppure l'1,4 milioni di euro che incasserà con le royalty derivanti dall'attività di parcheggio nel nuovo multipiano (per 750 auto) che entrerà in funzione ad aprile. Per continuare a tenere un bilancio in attivo (quello di esercizio 2004 si è chiuso con un utile netto di 1.300.200 euro, con un incremento del 22,42% rispetto al 2003), la Seap deve aumentare il traffico passeggeri (che oggi registra «appena 1 milione e mezzo tra arrivi e partenze»). Ogni passeggero in più porterà nelle casse della Società una cifra diretta che va da 1 a 2,50 euro. Oltre all'indotto derivante dalle attività commerciali: gli attuali 900 euro a metro quadro che i gestori dei negozi pagano come canone annuale aumenterà via via col crescere del numero dei passeggeri che sbarcheranno nello scalo. Così per ogni aereo in più che toccherà la pista. Ma come aumentare i passeggeri? «Il passo successivo - spiegano gli esperti - sarebbe quello di trovare dei meccanismi di incentivo al traffico aereo che possano realmente abbattere i costi di acquisto del biglietto aereo. Un contributo come quello che la Regione corrisponde al trasporto gommato potrebbe versarlo alla società di gestione per incentivare le compagnie aeree per abbattere i prezzi del biglietto». f.giul.

20/03/2005



Seap approva bilancio 2004: + 22,42% rispetto al 2003

BARI - L’Assemblea dei Soci della Seap, società che gestisce gli aeroporti pugliesi (Bari, Brindisi, Foggia e Grottaglie), ha approvato il bilancio 2004: si è chiuso con un utile netto di 1,3 milioni di euro (+22,42% rispetto al 2003) ma registra un reddito operativo negativo per 0,7 milioni di euro dovuto al crac della compagnia low-cost "Volare".
Nel corso dell’assemblea, l’Amministratore della Seap, Domenico Di Paola, ha spiegato che il bilancio 2004 evidenzia un utile netto di esercizio di 1.301.200 euro: una conferma del miglioramento degli indici di redditività e del consolidamento dei risultati di risanamento strutturale economico-finanziario.
Il Valore della Produzione, pari a Euro 27.204.930, si è incrementato del 17,46% rispetto al 2003, in considerazione, soprattutto - secondo la società aeroportuale - dell’aumento dei diritti aeroportuali derivanti dal maggior numero di passeggeri in partenza, dell’incremento dei corrispettivi per servizi di handling prestati agli aeromobili, anch’essi in aumento e del miglioramento dei ricavi non aviation indirettamente correlati ai fenomeni precedenti.
Di Paola ha parlato anche degli altri «importanti risultati» ottenuti nel 2004 dalla Società: tra questi, ha sottolineato l’ottenimento da parte dell’Enac della Certificazione dell’aeroporto di Bari, a riconoscimento della conformità delle infrastrutture aeroportuali e dell’organizzazione aziendale agli standard di sicurezza previsti dalla nuova normativa e dalle relative prescrizioni tecniche. Ha citato anche lo sviluppo del traffico salito del 14,42%, una percentuale - ha sottolineato - più che doppia rispetto alla media nazionale, specie per il traffico internazionale. Ha parlato ancora del completamento dei lavori di costruzione della nuova Aerostazione di Bari e della viabilità di accesso: il nuovo scalo entrerà in funzione il 31 marzo prossimo.

19/3/2005

----------------------------------------------------------

BARI - Entrerà in esercizio il prossimo 31 marzo il nuovo aeroporto internazionale di Bari: lo ha reso noto l’amministratore della Seap, Domenico Di Paola, nel corso dell’ assemblea dei soci dell’azienda che gestisce i quattro aeroporti della Puglia. Nella riunione è stato approvato il bilancio di esercizio 2004 che si è chiuso con un utile netto di 1.300.200 euro, con un incremento del 22,42% rispetto al 2003.

--------------------------------------------------------------

E' stato un volo per Milano Malpensa di Alitalia ad inaugurare ieri la nuova aerostazione di Bari, diventata operativa dopo due anni di lavoro e un investimento di 62 milioni di euro.
La Seap, che gestisce lo scalo, ha progetti ambiziosi, vuole arrivare a 3,6 milioni di passeggeri entro 4 anni, ma sta già valutando ulteriori ampliamenti per arrivare a 4 milioni.
Sul fronte delle rotte si vuole aprire ad Est, alla Russia, con Mosca e San Pietroburgo, potenziare i charter e lanciare collegamenti intercontinentali.(guidaviaggi)

Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:09 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old March 20th, 2005, 03:09 PM   #8
Falcon83
Valpolicella abuser
 
Falcon83's Avatar
 
Join Date: Jan 2005
Location: Verona
Posts: 2,495
Likes (Received): 27

Se hai qualche foto mettila!!
__________________
Si è sempre Settentrionali di qualcuno
Falcon83 no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2005, 01:15 AM   #9
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

AEROPORTO

Foto del nuovo aeroporto di Bari

Piccola chicca: sui cartelli all'ingresso sono comparse le indicazioni per il metrò (il simbolo è la tipica M, rossa su sfondo bianco) con la scritta "in costruzione" a destra.































campagna stampa





-------------------------------------------------------------------------

"La minimizzazione dell'impatto visivo sul territorio della viabilità e di tutta l'opera architettonica ha portato alla realizzazione di una serie di interventi di modellazione artificiale del suolo.
Questo sistema è stato integrato con il percorso della salute che permetterà al passeggero in attesa di partire e al visitatore di fare una sana passeggiata nel verde."



Percorso ginnico:

- 1 km con 6 stazioni

- 2 km con 8 stazioni



-------------------------------------------------------------------------

altro thread aeroporto ---> http://skyscrapercity.com/showthread.php?t=199287

Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:14 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2005, 12:50 AM   #10
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

URBAN RIGENERATION

Come rinascerà Mungivacca
Sport, cultura e sociale gli elementi trainanti. Un progetto realizzato dai privati
Alloggi universitari e centro servizi, il fulcro dell'intervento

Mungivacca, diventa realtà il piano per cambiare volto al quartiere. Riqualificazione e recupero dell'esistente, oltre alle necessarie nuove realizzazioni, sono alla base del programma previsto per rilanciare il quartiere. L'obiettivo è eliminare il degrado edilizio, urbanistico e sociale, puntando su un sistema articolato per tempo libero, cultura e sport, che trarrà il suo elemento «rivitalizzante» nella prevista, massiccia presenza di popolazione giovanile. Infatti, il primo passo per l'annunciato cambiamento è la costruzione di residenze (700 posti letto) per studenti universitari, alle quali saranno annesse strutture per attività e servizi: il cinema, il teatro, una piazza, un parco urbano attrezzato, 10.250 metri quadrati di aree a verde (pubblico e privato), parcheggi. Altra importante previsione è la costruzione di un centro servizi (con annessa estesa area pedonale), destinato a diventare il fulcro del quartiere, ospitando l'ambulatorio medico, i presidi di assistenza sanitaria, la delegazione comunale (uffici circoscrizionali), la biblioteca, il centro anziani, spazi per manifestazioni socioculturali, una banca e i locali commerciali. Privilegiate anche le attività sportive, da utilizzare quale elemento di osmosi col tessuto sociale preesistente: infatti saranno costruite 4 palestre coperte, una piscina da 25 metri e 4 campi scoperti (per basket, pallavolo, calcetto e tennis) dotati di spogliatoi. Ci sarà spazio anche per una pista ciclabile che collegherà Mungivacca al campus universitario, unitamente ad interventi sostanziali a livello di sistemazione viaria, urbanizzazioni primarie e secondarie, nell'area delimitata da via Fanelli, via Conte Giusso, Via Amendola e dalla tangenziale. In particolare è stata prescelta una zona il cui perimetro è determinato ad ovest da via Fanelli e dal prolungamento di via Bissolati, a nord da un tratto della terza mediana bis (via Marin), dall'area dell'ospedale pediatrico e da una maglia di terziario direzionale, ad est dal limite orientale dell'area per attrezzature universitarie e dalla statale 100, a sud dalla circonvallazione, da strada Scanzano e da un tratto dell'asse Est-Ovest di Prg. A livello viario sorgerà un asse perpendicolare a via Conte Giusso, mentre all'incrocio con via Amendola sarà creata una rotatoria spartitraffico (che consentirà l'eliminazione dell'attuale rondò all'imbocco della statale 100). Il programma integrato di riqualificazione e recupero urbano, presentato dall'assessore all'Urbanistica, Ludovico Abbaticchio, e approvato dalla giunta, adesso dovrà passare al vaglio del consiglio comunale e della Regione. Infatti, a causa di una variante urbanistica si è reso necessario accedere ad un accordo di programma Comune-Regione. Il piano di riqualificazione sarà realizzato in toto da un privato (l'impresa De.Bar.) che darà vita ad un progetto dal valore di 55 milioni di euro. La conclusione dell'iter burocratico consentirà l'apertura dei cantieri per far divenire realtà un piano fortemente voluto dal centrosinistra, già sotto l'amministrazione Di Cagno Abbrescia.

09/04/2005


alloggi universitari








recupero borgata operai






parcheggio di scambio, stazione metropolitana e ikea




Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:14 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2005, 12:53 AM   #11
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

URBAN RIGENERATION

«Rivoluzione» San Paolo
Lavori «pubblico-privato»: anche verde e piste ciclabili
«Sì» al progetto preliminare. Centro anziani e ipermercati



Centri di assistenza per anziani, commerciali e direzionali. E poi viabilità, parcheggi, verde attrezzato e piste ciclabili. Dal «Por 5.1» arriva una mano al San Paolo (il rione Stanic per ora deve attendere). La giunta municipale ha preso atto - vuol dire più o meno che ha fatto proprio -, su proposta degli assessori all'Urbanistica, Ludovico Abbaticchio, e ai Lavori Pubblici, Simonetta Lorusso, il progetto preliminare per la realizzazione di questi interventi nell'area bersaglio San Paolo-Stanic: centro assistenza agli anziani, centro terziario, commerciale, direzionale e centro civico, viabilità, parcheggi, verde attrezzato e ciclo-pedonale. Un progetto redatto dai tecnici della ripartizione Edilizia pubblica e progetto speciale Sviluppo urbano del Comune, con la collaborazione dell'Assindustria di Bari attraverso il centro studi «Cerset». Spiega l'assessore Lorusso: «L'importo complessivo è di 49 milioni 900 mila euro, di cui 15 con finanziamenti pubblici e la restante quota con finanziamenti privati. Adesso il provvedimento dovrà essere approvati dal consiglio comunale». Al San Paolo canta vittoria il presidente della circoscrizione Franco Ferrante (socialisti autonomisti). Domenica 17 aprile ci sarà una manifestazione al parco, in verità messo male, di viale Europa, in cui proprio la circoscrizione presenterà tutte le opere che, ad essere ottimisti, stanno per essere messe in cantiere. L'area interessata è ampia e parte dalle vie Massa e Troccoli per finire davanti al centro polivalente della polizia di Stato in via Cacudi. «Per il quartiere sarà il segno tangibile dell'azione intrapresa dall'attuale amministrazione comunale per le periferie», spiega il presidente che risottolinea l'impegno anche per il «rione fratello» Stanic. «Dove è più difficile reperire spazi adeguati». E dove, aggiungiamo, la vita quotidiana si trascina tra i mille trabocchetti tesi dalle «dimenticanze». Un esempio, lo porta Giuseppe Di Taranto, residente. «Per una protesta che pare assurda anche a me: una protesta per la storia di due lampadine che stanno diventando un incubo per il quartiere Stanic». E racconta: «In via Saverio Damiani da oltre un mese due lampadine si sono fulminate e non si riesce a farle sostituire. Ho fatto tantissime telefonate al Comune,ho mandato tantissimi fax pregando anche per una risoluzione urgente. Ma non è successo nulla. Mi chiedo, sperando in una risposta: esiste un contratto di manutenzione? Quali sono le penali per la società inadempiente? Il Comune si fa pagare per i ritardi e i disagi? Se avviene un furto o un'aggressione nella strada buia, possiamo reclamare o denunciare il Comune per inadempienza? È un diritto del cittadino quello di pretendere la sostituzione di due lampadine in un tempo ragionevole (due-tre giorni e non più di un mese)?». rob. calp.

09/04/2005
------------------------------------
(Gli interventi sono collocati attorno alle stazioni della metropolitana.)

Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:14 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2005, 01:30 AM   #12
I'mBack
Registered User
 
Join Date: Jan 2005
Posts: 564
Likes (Received): 0

Niente male questi progetti! Sono veramente contento x Bari, ke in fin dei conti e', dopo Napoli, la citta' del sud economicamente piu' importante.

Piccolo_Chimico, sai quando "dovrebbe" essere inaguarata la metropolitana (servizio ferroviario?) Bari-Aeroporto?
__________________
Quote:
Originally Posted by nick-taylor
The UN is hardly anything important.
http://skyscrapercity.com/showthread...7&page=1&pp=20

My signature is back as it seems some forumes are allowed to have others forumers'quote as their signature.
I'mBack no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2005, 01:39 AM   #13
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

mmm...
non è dato saperlo!

il gestore in concessione che se ne sta occupando è lo stesso che sta costruendo la tratta metropolitana s. paolo, che invece apre a fine anno.

dicevo su un altro thread che all'aeroporto sono comparse già le indicazioni, e questo potrebbe essere un buon segno.

la butto lì: 2007??

bah!
di buono c'è che la nuova amministrazine comunale (centro sx) si è finalmente schierata a favore delle metropolitane (e c'è già un accordo tra il sindaco, al quale vendola deve molto, e il nuovo presidente della regione per aumentare ulteriormente i finanziamenti per il trasporto pubblico).

il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 12:06 AM   #14
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

INSEDIAMENTI COMMERCIALI

Il Comune dice «sì» all'Ikea
Cantieri entro tre mesi, 410 posti di lavoro. Di Matteo: veti annullati


E l'Ikea va. Il consiglio comunale ha dato il via libera all'unanimità alla delibera che prevede l'insediamento del centro commerciale della multinazionale dell'arredamento a Mungivacca. Tempi burocratici e tecnici permettendo, Bari ad ottobre 2006 potrebbe inaugurare il nuovo insediamento produttivo.

Gli assessori Ludovico Abbaticchio (Urbanistica), Sergio Ventrella (Attività economiche) e Antonio De Caro (Viabilità), hanno illustrato i punti salienti dell'investimento dell'azienda scandinava, che sarà realizzato sul suolo dell'ex consorzio agrario.
Coadiuvati dai grafici illustrati dall'architetto Annamaria Curcuruto, i consiglieri comunali hanno potuto fare chiarezza sulla variante al piano regolatore (per la quale è stato necessario l'accordo di programma Comune-Regione) che consente di rendere edificabile un'area destinata a verde, mentre una superficie delle stesse dimensioni con le caratteristiche dell'edificabilità darà vita ad un giardino.

Altro punto fondamentale esaminato dall'aula è stato quello della viabilità, che sarà strutturata anche grazie al contributo delle commissioni consiliari, in modo da intaccare il meno possibile le strade statali «100» e «16» interessate dalla realizzazione della struttura. «Infatti - ha sottolineato Michele Amoruso (Ds), presidente della commissione Ambiente - grazie ai nostri suggerimenti è stato aumentato il numero di varchi di accesso al centro commerciale, oltre alla previsione di una viabilità esclusiva per i mezzi di soccorso».

Nonostante l'unanimità del voto non sono mancate le polemiche, anche in relazione alla mancata approvazione della medesima delibera sotto l'amministrazione Di Cagno Abbrescia, quando, lo scorso aprile, l'allora maggioranza di centrodestra non fu in grado di garantire il numero legale. «La delibera va finalmente in porto - ha affermato Antonio Di Matteo, capogruppo Prc - perché il centrosinistra ha annullato veti e controveti dell'imprenditoria barese che fecero saltare l'accordo di programma dello scorso anno».
È stato lo stesso ex sindaco a replicare. «La mancata approvazione - ha replicato Simeone Di Cagno Abbrescia - fu dovuta ad un consiglio comunale già in vacanza. Comunque esorto il sindaco Emiliano a proseguire sulla strada dello sviluppo, incentivando la collaborazione con i Comuni limitrofi in modo da rendere possibile la nascita del polo del Sud Est italiano».
L'assessore Ludovico Abbaticchio ha espresso tutta la propria soddisfazione, evidenziando «l'importanza del lavoro di squadra svolto con i colleghi titolari del Commercio e della Viabilità, che adesso rende possibile la realizzazione di un'opportunità per tutta la città».

Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:13 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 12:12 AM   #15
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

POLO COMMERCIALE

E nell'autunno del 2006 arriva anche «BariBlu»

Il primo fu Auchan. Ora arriva l'Ikea. Ma sull'asse del Sudest barese si aggiungerà presto un nuovo tassello a Triggiano. Si chiamerà BariBlu: 150mila metri quadri (progettati dalla Rtkl) di cui 44mila dedicati al centro commerciale - con 125 negozi su due livelli - e 10mila200 riservsati a una nuova multisala.
La superficie di vendita dell'ipermercato (gruppo Standa) è di 5.500 metri quadri. Il logo è già pronto, l'apertura è prevista per l'autunno del 2006.

L'investimento è frutto di un'operazione finanziaria e immobiliare di carattere internazionale. I contorni li delinea Fabio Bandirali, direttore generale per l'Italia della Eurohypo, la società tedesca che sta curando l'affare. Che cos'è l'Eurohypo? «È la più grande banca immobiliare e di credito fondiario. Vi fanno parte Deutsche Bank, Dresdner Bank e CommerzBank. Siamo impegnati in modo particolare nel settore degli investimenti immobiliari, in tutto il mondo». E ora anche in Italia, in provincia di Bari? «Sì. A Triggiano stiamo finanziando un importante progetto di sviluppo con la Coimpredil. Un investimento di 68 milioni di euro su suoli di Raffaele Putignano.» Come mai un colosso finanziario tedesco decide di investire a Triggiano? «È il primo investimento nel Sud Italia ma è un'area europea su cui puntiamo molto». Lusinghiero, ma non è forse in controtendenza? Non c'è una fuga di capitali verso l'est dell'Europa e del mondo? «In effetti i manager tedeschi erano piuttosto restii ad una qualunque operazione a sud di Roma. L'immagine del Mezzogiorno non è delle migliori. Per fugare ogni dubbio ho fatto l'unica cosa possibile: li ho portati a Bari e sono rimasti stupiti. E si sono convinti».



Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:13 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 12:36 AM   #16
capitan harlock
Registered User
 
capitan harlock's Avatar
 
Join Date: Apr 2004
Location: ArmadiTaggia(IM),Italy
Posts: 763
Likes (Received): 0

hei quante notizie...
sembra che Bari sia una delle citta' piu' dinamiche....
:-)
__________________
il sito di uno dei miei compagni di viaggi
http://susa2.interfree.it
Italian forum
http://www.skyscrapercity.com/forumdisplay.php?f=169

il primo forum della riviera di ponente

www.rivieraforum.it
capitan harlock no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 12:42 AM   #17
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

URBAN RIGENERATION

Finanziato il sesto percorso che comprende l'ampia area tra la Basilica e San Pietro
Piano Urban, si completa il recupero della città vecchia


Piano Urban, tre milioni di euro per il recupero e la valorizzazione della città vecchia.
Completati i lavori che negli anni scorsi hanno consentito il recupero (e la rimessa a nuovo) di ben 5 percorsi di valore artistico culturale di Bari vecchia, il Comune intende provvedere a sistemarne uno ulteriore dotato di particolare importanza.
Si tratta del percorso numero 6 che comprende l'area archeologica di piazza San Pietro, il sagrato della Basilica di San Nicola, largo Urbani II, la Corte del Catapano, l'ex monastero di San Francesco della Scarpa, i ruderi della chiesa della Madonna del Buonconsiglio.
Apertura dei cantieri prevista per fine anno, tempi di realizzazione dei lavori fissati in 18 mesi. Il progetto presentato dall'assessore ai Lavori Pubblici, Simonetta Lorusso, nell'inusuale scenario di piazza San Pietro, è mirato alla realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria in alcune piazze e strade della città vecchia. In particolare l'intervento prevede la sostituzione, sistemazione e completamento degli impianti del sottosuolo (acqua, luce, gas metano, fognatura, rete pluviale, telecomunicazioni) oltre alla ripavimentazione di strade e piazze. Inoltre verrà completato l'impianto di illuminazione, con l'installazione di lanterne monumentali anche nelle zone del quartiere finora trascurate. L'assessore Lorusso, accompagnata dai vertici dell'Amgas, ci ha tenuto a precisare che «il nostro progetto è stato inserito nei primi posti della graduatoria della Regione, anche in virtù della somma investita da parte della stessa amministrazione comunale». Infatti il costo complessivo delle opere (3 milioni) è per 900mila euro a carico del Comune, mentre 2.1 milioni di euro sono di provenienza regionale.
Inoltre l'amministrazione comunale ha stanziato 125mila euro per effettuare interventi di assestamento in piazza dell'Odegitria in vista del congresso eucaristico, con annessa visita del nuovo Pontefice. L'obiettivo è duplice. Da un lato migliorare la qualità urbana in un'area prioritaria cittadina caratterizzata ancora da sacche di povertà, disoccupazione e microcriminalità, oltre che da una forte disgregazione sociale e da carenza di strutture e servizi, dall'altro generare processi di sviluppo socio-economico dell'area attraverso la creazione ed il potenziamento dell'economia connessa al binomio turismo-cultura.
Intanto il presidente della circoscrizione San Nicola-Murat, Mario Ferorelli, pur contento per la previsione degli interventi, lamenta di non essere stato invitato alla conferenza stampa.

















Last edited by il_piccolo_chimico; October 4th, 2005 at 11:12 PM.
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 12:50 AM   #18
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

Quote:
Originally Posted by capitan harlock
hei quante notizie...
sembra che Bari sia una delle citta' piu' dinamiche....
:-)
speriamo che duri...

mi spiace solo che questo semestre non abbia molto tempo per curare questo thread a dovere!
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 01:26 AM   #19
capitan harlock
Registered User
 
capitan harlock's Avatar
 
Join Date: Apr 2004
Location: ArmadiTaggia(IM),Italy
Posts: 763
Likes (Received): 0

Lo spero anche io ...
Bari è una delle capitali del Sud..
e merita una sorta di "rinascimento"
comunque hai postato un sacco di progetti..:-)
a che punto è la metro???
__________________
il sito di uno dei miei compagni di viaggi
http://susa2.interfree.it
Italian forum
http://www.skyscrapercity.com/forumdisplay.php?f=169

il primo forum della riviera di ponente

www.rivieraforum.it
capitan harlock no está en línea   Reply With Quote
Old April 22nd, 2005, 01:49 AM   #20
il_piccolo_chimico
#stosereno
 
il_piccolo_chimico's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: Milano - Bari
Posts: 1,037
Likes (Received): 65

la risposta più vicina alla realtà è "boh".

la nuova amministrazione comunale ha rimesso in discussione il piano integrato, avviato dal precedente sindaco, per cui le infornmazioni che arrivano riguardano singole linee.

inoltre, proprio a causa della "paternità" del progetto, il comune si sta ben guardando dal fare molta pubblicità sull'avanzamento dei lavori, almeno finchè la gente non "dimenticherà"

ad ogni modo, la prima linea sarà consegnata per novembre (e dovrebbe dunque essere aperta al pubblico a febbraio/marzo dell'anno prossimo).
il_piccolo_chimico no está en línea   Reply With Quote


Reply

Tags
bari, puglia

Thread Tools
Rate This Thread
Rate This Thread:

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 08:33 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.8 Beta 1
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.2.5 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2014 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2014 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu