search the site
 daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy | DMCA | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Architettura ed urbanistica in Italia > Storia, Architettura, Cultura



Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old September 26th, 2008, 05:53 PM   #121
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

DESIGN, TORINO PUNTA AL NETWORK
http://rassegnastampa.comune.torino....9/82839298.pdf
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
Old October 3rd, 2008, 08:45 PM   #122
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

Nelle città infinite complici del design

Nova 24 - 02/10/08

Sono cambiati i tempi. Bastava osservare tra Milano e Torino per capire come sarebbe stato l'autunno: caldo, tiepido o infuocato. Adesso guardiamo lontano. Alle decisioni americane per fronteggiare la crisi e a occhi bassi cerchiamo nel Mi-To post-fordista il destino delle professioni creative del design. Analisi della composizione tecnica e produttiva delle imprese e mutamento della composizione sociale e dei desideri dei soggetti al lavoro. Tutto è cambiato da quando qualcuno pensava che il Mi-To fosse la Fiat a Torino, l'Alfa a Milano e le partecipazioni statali a Genova.

Sono tante le imprese design-based lievitate nella crisi del fordismo che mettono a valore le reti della conoscenza e i soggetti che attraverso essa lavorano. Ci sono le élite delle grandi marche del triade in Italy che ricorrono alle firme più prestigiose dei grandi studi internazionali del design. Producono reti distributive gì opalizza te e monomarca. Quelle basate sulle strategie della commercializzazione attraverso il design dì massa. Quelle che vedono nel design un settore trasversale della cultura del progetto orientata al marketing. Per tutte le imprese la metamorfosi è stata caratterizzata dal passaggio della catena del valore prodotto controllando il ciclo produttivo alla logica di una ragnatela del valore che incorpora, a monte della produzione, i gusti, le tendenze dell'utente-cliente finale intercettato a valle dalla produzione

Non solo la produzione sì è dilatata strutturandosi per filiere produttive disarticolando i blue collars, maanche i white collars sono esplosi lungo la ragnatela del valore. L'immagine che emerge è quella di un design che, pur non scomparendo, in un indistinto lavoro della conoscenza, vive da tempo allo stato liquido i suoi confini professionali e semantici. Dentro e fuori dalle mura dell'impresa il design si configura sempre più come funzione di mediazione e tessitura tra una pluralità di competenze e skill professionali.

Palcoscenico privilegiato di questa transizione è lo spazio della città infinita. Una metropoli come quella che si disegna tra Torino e Milano. Da non limitare al cuore urbano o ai suoi quartieri creativi, ma seguendo la "fabbrica metropolitana". Con il suo melting pot produttivo e sociale in cui il design si rapporta al mondo dell'impresa manifatturiera. Il lavoro creativo è general intellect che si nutre di reti di relazioni transaziendali e scambi nelle community professionali. Fuori dalle rappresentanze tradizionali degli interessi precipitando in rete con autonomie funzionali come la Triennale, i Politecnici di Milano e Torino. È difficile intercettare le soggettività di questa "classe creativa" frammentata e dispersa sul territorio.

Ci abbiamo provato con un questionario in rete partendo dai siti della Triennale di Milano e di Torino Internazionale. Emerge una componente di professionisti e piccoli capitalisti personali composta da giovani adulti in possesso di elevati titoli di studio per due terzi uomini e un terzo donne. Il 65% di loro proviene da famiglie di dirigenti, imprenditori e liberi professionisti. Investire in attività dal contenuto innovativo presuppone l'esistenza di reti di protezione. Le reti familiari (34,4%) hanno fatto da start up nel fornire sostegno economico e avviamento al lavoro. L'università (26,5%) ha fatto il resto, soprattutto come ambiente di scambio e approfondimento post laurea. Metà di loro è libero professionista free lance o lavoratore autonomo. E circa un 13% è titolare di una ditta individuale. Tutti lavorano nel ciclo comunicazione, eventi, grafica, design di prodotto. L'ingegnerizzazione del prodotto rimane prerogativa delle imprese committenti. Una figura di generalista della creatività in grado di essere schizofrenicamente un po' eventologo e un po' designer, un po' soggetto dialogante e interfaccia con gli ingegneri. Un po' sulla rete di commercializzazione e rappresentazione della mercé e un po' tanto dentro il ciclo che disegna e veste le merci. Una media dì 6 addetti tra soci, dipendenti e consulenti stabili. Oltre la metà di loro però non va oltre 13 addetti. Si dilata la rete corta dell'impresa, attraverso le reti lunghe delle comunità professionali. Si scambiano e si coopera per commesse comuni (43,5%), informazione di natura tecnologica e commerciale (45%) e collaborando assieme a creare nuove proposte e progetti (48 per cento).

Quando le reti si formalizzano meno del 10% di loro aderisce alle rappresentanze tradizionali dell'impresa o del lavoro. Ci si rappresenta preferibilmente per ambiti locali come le community Turn a Torino o zona Tortona a Milano. La citta infìnita è il territorio ove si corre e l'humus ove ci si rapporta per l'8o% di loro. La stessa percentuale assume lo spazio europeo come uno spazio da percorrere e il 32,8% va nel mondo.

Vista la moda delle classifiche abbiamo cercato di costruire dal basso, partendo dalle loro indicazioni una classìfica delle città più complici con la professione del design. Milano, Torino, Roma, Bologna e Venezia...in Italia, Londra, Parigi, Barcellona e Berlino in Europa, Tokyo, Shangai, Dubai e Pechino le megalopoli ove operare nel mondo. Si discute da anni se siamo in presenza di un nuovo mondo delle libere professioni o di una nuova componente di cognitari o proletaroidi senza garanzie. Le loro risposte mettono al centro il tema dell'autonomia creativa dell'essere indipendenti coniugando senso e reddito. Mi pare si possa dire che anche sull'asse Torino-Milano sta emergendo, come sosteneva Andrew Ross osservando i lavoratori della Silicon Valley newyorchese, una mentalità "no-collar". Prodotto sincretico dì una miscela di cooperazione e individualismo, etica libertaria e identificazione sul lavoro.

Aldo Bonomi
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old October 3rd, 2008, 08:46 PM   #123
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

A Torino il fashion design è di casa

SEGNALATO DA DAISY ROMANIELLO

Torino 2008 fa rima con World Design Capital. Consacrata eccellenza nel campo del design e perno cruciale a livello internazionale, la città ha quest’anno restituito un’istantanea delle numerose esperienze progettuali brulicanti sul suo territorio. Automotive, aerospace e nautica, information, communication technology e cinematografia, ma anche agroalimentare e domotica, questi alcuni dei settori in cui Torino è impegnata, in uno sforzo che ha rinnovato la sua immagine da città industriale a metropoli europea sempre più cosmopolita.
Non da ultimo il settore tessile e dell’abbigliamento. Molti infatti i giovani stilisti e designer che di Torino hanno fatto il proprio laboratorio creativo.

GIOVANI FASHION DESIGNER CRESCONO
Parliamo di Eleonora Carisi e il suo You you shop, di Nina Tauro e l’omonimo Atelier in San Salvario, ma anche di Judith Kruger e la sua Q3 - piattaforma per giovani stilisti. Formula comune la giovane età, la passione, sperimentazione ed ecletticità ma soprattutto lo spirito imprenditoriale.

YOU YOU SHOP
20 metri quadrati che esplodono di colore per il concept store in pieno centro a Torino. Classe 1984, Eleonora racconta con semplicità la nascita del suo progetto imprenditoriale. Prima lo IED, poi le bancarelle per Torino con le sue creazioni, infine sbarca in Piazza Vittorio con You shop. Senza nessun aiuto, precisa. I percorsi di creazione d’impresa, lunghi e cavillosi, non la supportano. Dapprima lavora alle sue creazioni, le monster bag cucite con tessuti made in London e gli accessori dal gusto Japan-Harajuku, quartiere di Tokio conosciuto per gli stili di strada e le tendenze giovanili estremamente innovative. Poi i viaggi all’estero, le fiere e le collaborazioni con designer italiani e internazionali. E ancora eventi, expo e aperitivi con dj set, ma soprattutto web: da dicembre Eleonora ha infatti inaugurato un negozio online per vendere in tutto il mondo. Il suo motto: “Free to be you!”, e la sua formula magica il dinamismo, la passione e tanto lavoro.

ATELIER NINA TAURO
Altro quartiere, altra giovane artista. San Salvario, quartiere multietnico di Torino è la base operativa di Nina Tauro. L’Atelier propone i suoi pezzi, tutti unici e artigianali. Cappelli, cinture, borse e decorazioni, realizzati con l’arte del crochet e del cucito con estrema attenzione nella scelta dei materiali: canapa, lana, cotone e tessuti vintage. Un salto nel passato, il suo Atelier, che riporta con la memoria alle pellicole che hanno celebrato l’eleganza di Marlene Dietrich, Audrey Hepburn o Grace Kelly, rivisitata e attualizzata dalle abili mani di Nina.
Presente in diversi mercatini torinesi, ha aperto la sua vetrina anche sul web, con Myspace e con il suo shop on line, consapevole dell’importanza di espandere il mercato oltre i confini. In più, per gli appassionati che desiderino cimentarsi, propone laboratori e corsi individualizzati.

Q3
Da Berlino a Torino, Judith Krüger è una giovane stilista che ha iniziato nel 2006, con Giovani e idee, un percorso di definizione di una idea di piattaforma per giovani stilisti emergenti europei. Incontrato l’interesse del Mip, nel 2007 apre le porte al pubblico in via Monferrato Q3. Ovvero quota 3: "no exploitation, 100% handmade with passion and fair price" (letteralmente "no sfruttamento, manifattura 100% fatta a mano con passione e prezzo equo"). Nata per sostenere la creatività giovane, l’artigianato e l’economia locale, Q3 dà spazio a stilisti emergenti e sconosciuti, con un’attenzione alla manifattura (rigorosamente no made in China o in paesi che non rispettano i diritti umani), ai tessuti biologici e all’unicità del capo. Quest’anno arriva anche una novità importante: Q3 lancia il marchio donna "Frau von Weber" per le taglie oltre la 44.
Non solo negozio, quindi, ma showroom e piattaforma “di lancio” per giovani artisti. E nel futuro il progetto di un laboratorio per sostenere la produzione degli stilisti. Intanto, per sbirciare i primi capi in mostra la potremo incontrare dal 7 al 9 novembre a Paratissima, fiera dell’arte indipendente che si terrà a San Salvario.
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old October 12th, 2008, 06:07 PM   #124
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

Icograda Design Week Torino.
Multiverso
13/10/08 > 19/10/08 - Torino

L’evento, il primo in Italia per dimensioni e qualità, comprende una conferenza internazionale di 3 giorni, mostre, tavole rotonde e numerosi workshop per studenti. Tra i relatori si annoverano le maggiori autorità internazionali nei molteplici settori della comunicazione visiva: branding, advertising, graphic design, web design, interactive design, type design, animazione, illustrazione, new media art.
Accanto a loro, il contributo di autori e studiosi che – muovendosi in campi adiacenti e affini – possono fornire spunti riguardo alle possibili direzioni di sviluppo del design.

La conferenza è rivolta ad un pubblico internazionale di professionisti, giornalisti, imprenditori, docenti, ricercatori e studenti di design e di comunicazione visiva, ma anche ad architetti, urbanisti, designer di prodotti e di interni, e a tutti coloro che siano interessati ai temi della cultura contemporanea e al modo in cui il design e la comunicazione possono influire su di essa.

Icograda Design Week Torino si tiene in un contesto unico e di grande prestigio internazionale, in quanto costituisce una parte integrante del programma di Torino 2008 World Design Capital.

La città piemontese sarà la sede della prima edizione di questo evento biennale, palcoscenico mondiale di importanti iniziative internazionali che, nell’arco del 2008, saranno dedicate a tutti i settori del design.
La città di Torino è stata scelta per questa occasione singolare tra una rosa di metropoli mondiali in virtù della sua storica preminenza nella cultura del design e dell’industria italiana, dell’eccellenza delle sue infrastrutture e della sua centralità geografica. Torino è sede di istituzioni culturali, musei ed eventi di risonanza nazionale e internazionale, e ha mostrato nell'ultimo decennio una straordinaria forza innovativa, che non si è interrotta dopo il successo delle Olimpiadi Invernali del 2006.

Icograda Design Week è un evento di alto livello culturale ma anche una importante occasione di incontro e di scambio tra professionisti del design, docenti e studenti, rappresentanti di aziende che operano nel settore del design. Durante la conferenza e gli eventi sociali ad essa collegati, i partecipanti potranno aprire contatti con colleghi, istituzioni, potenziali clienti e fornitori.
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old November 14th, 2008, 01:33 PM   #125
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

WORLD DESIGN CAPITAL: LA CRESCITA E' SOSTENIBILE
http://rassegnastampa.comune.torino....1/85380360.pdf
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old January 16th, 2009, 11:30 PM   #126
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

Il “caso” To WDC alla Conferenza Design Innovation di Parigi

Ormai giunta alla sua sesta edizione la Conferenza Design Innovation rappresenta un appuntamento fisso nell'agenda internazionale del design. Promossa dall'APCI (Agence pour la promotion de la creation industrielle) di Parigi, che Torino aveva ospitato nell'ambito del progetto International Design Casa, la conferenza si occupa di approfondire ogni anno il rapporto tra il design e le politiche sociali, economiche e culturali sviluppate a livello internazionale.

L'edizione 2009 in particolare è stata dedicata alla questione relativa alle potenziali sinergie tra le azioni di supporto al design e le politiche per l'innovazione. Proprio in questo ambito di discussione Torino World Design Capital è stata chiamata a presentarsi in quanto case history di successo all'interno del tavolo di lavoro che vedeva a confronto numerose realtà regionali di livello europeo che hanno fatto convergere strumenti e strategie di supporto al design con le politiche di sviluppo territoriale.

L'obiettivo della due giorni di interventi e discussioni era soprattutto quello di testimoniare ed approfondire da un lato il crescente interesse per un'innovazione sempre più vicina all'utente e finalizzata a migliorarne la dimensione di benessere e di qualità della vita e dall'altra di sottolineare l'impatto che, politiche rivolte a migliorare il sistema dei servizi e della conoscenza attraverso il design, hanno sulla collettività.

Torino World Design Capital è stato portato ad esempio del secondo ordine di approccio del design all'innovazione: nel corso della presentazione infatti sono stati anticipati i primi risultati di questo anno di attività sia in termini di numeri sia soprattutto in termini di efficacia delle strategie e delle azioni promosse nel corso del 2008.

La visibilità di Torino come città del design ottenuta grazie al riscontro mediatico e alle numerose collaborazioni con istituti esteri legati al design; la sensibilità rispetto al design e alla cultura del progetto derivata dalla partecipazione sinergica delle istituzioni, delle imprese, delle associazioni e delle scuole allo sviluppo del calendario; il sostegno delle competenze locali attraverso la creazione di rapporti di collaborazione e di integrazione tra designer e aziende e all'interno del sistema delle scuole di design torinesi sono solo alcune degli esempi presentati sul tavolo di Parigi a testimonianza dell'importanza della promozione del design come chiave per sostenere innovative politiche strategiche di sviluppo del territorio.


Ormai giunta alla sua sesta edizione la Conferenza Design Innovation rappresenta un appuntamento fisso nell'agenda internazionale del design. Promossa dall'APCI
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old January 22nd, 2009, 10:50 PM   #127
dreaad
Torino è elettronica!!
 
dreaad's Avatar
 
Join Date: Nov 2004
Location: TORINO[X]
Posts: 23,324
Likes (Received): 2516

BILANCIO ANNO DEL DESIGN ED EREDITA' LASCIATA
http://rassegnastampa.comune.torino....1/88589299.pdf
http://rassegnastampa.comune.torino....1/88585241.pdf
__________________
I TO
http://www.youtube.com/watch?v=sBiL2VLPmFo

«Torino è la città italiana in cui negli ultimi anni si è costruito di più, un processo che riguarda tutte le città post-industriali, destinate a diventare città del divertimento. Il modello, anche se non esplicito, è Las Vegas» (Giuseppe Culicchia)
dreaad no está en línea   Reply With Quote
Old January 31st, 2009, 04:49 PM   #128
Николай
Registered User
 
Join Date: Dec 2008
Posts: 1
Likes (Received): 1

Quote:
Originally Posted by CUMINO View Post

[IMG]http://i18.************/47uc9ko.jpg[/IMG]



la Nomination


World Design Capital è una nomina che viene assegnata ogni due anni da Icsid (International Council of Societies of Industrial Design) ad una città del mondo che punti fortemente sul design come fattore di crescita economica, sociale e culturale.
Icsid rappresenta 52 paesi di tutti i continenti e riunisce le organizzazioni professionali, gli organismi di formazione, gli enti non governativi, le imprese private, i professionisti e le Istituzioni che si prefiggono di contribuire alla diffusione del design come disciplina utile allo sviluppo sostenibile.
Alla città scelta come World Design Capital vengono riconosciute eccellenze nel campo del design. Non si tratta però di consolidate capitali del design, ma di aree in trasformazione in atto di sviluppare precise politiche di orientamento verso il design, la progettazione, la ricerca, l’innovazione.
Torino sarà la prima World Design Capital: quella del 2008 è la prima edizione.
L’esperienza torinese costituirà il modello di riferimento per le successive nomine, servirà a tracciare le linee guida per la formulazione delle strategie delle prossime World Design Capital.

il Calendario

Il Calendario delle attività di Torino 2008 World Design Capital
si
estende da novembre 2007 a dicembre 2008.

A ciascun mese della programmazione corrisponde un tema, un punto di vista particolare sul design, sull’architettura, sulla grafica.
La cornice tematica ospita nella propria dimensione narrativa eventi, convegni, mostre, workshop e un gran numero di piccole e medie iniziative, testimoni di un design diffuso sul territorio.

Gli eventi di Torino 2008 World Design Capital sono indirizzati ad un pubblico nazionale e internazionale di professionisti, studenti, aziende, istituzioni, costruendo anche alcuni momenti che incontrino l’interesse del grande pubblico.


Tra gli appuntamenti dell’anno:


Opening Week / novembre 2007
Nella settimana inaugurale il design invaderà le vie di Torino, costruendo percorsi di esperienze di design per le strade della città, all’interno delle aziende, nei mercati, nei luoghi più istituzionali, nelle piazze.


XXIII UIA World Congress / 29 giugno-3 luglio 2008
Grande occasione di incontro e formazione, soprattutto per i professionisti dell'architettura e per gli studenti.


Closing Week / dicembre 2008
L’anno si conclude con l’inaugurazione del Design Center a Torino ed altri eventi organizzati con la partecipazione di diversi Design Center del mondo ospitati nella città e presenti in spazi a loro dedicati.




[IMG]http://i5.************/2wrozuu.gif[/IMG]


Sito ufficiale: http://www.torinoworlddesigncapital.it/index.php
Николай no está en línea   Reply With Quote
Old January 31st, 2009, 07:36 PM   #129
derit
Registered User
 
derit's Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: Settimo T.se / Avigliana - Euroregione Alpi-Mediterraneo
Posts: 6,476
Likes (Received): 1244

??????????????????
__________________
#idoneoinlotta

my flickr
derit no está en línea   Reply With Quote
Old February 1st, 2009, 04:12 PM   #130
Cumino
Cesm Group Founder
 
Cumino's Avatar
 
Join Date: Oct 2006
Posts: 8,102
Likes (Received): 4902

boh, forse gli piaceva il mio post?
__________________
"Ci sono persone che si svegliano all'alba per fare la fila per l'Iphone, noi invece siamo quelli delle metropolitane..."
(cit. un figamai)

"Migna et circenses"
(cit. un Mod Troll)
Cumino no está en línea   Reply With Quote
Old February 1st, 2009, 04:43 PM   #131
derit
Registered User
 
derit's Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: Settimo T.se / Avigliana - Euroregione Alpi-Mediterraneo
Posts: 6,476
Likes (Received): 1244

Quote:
Originally Posted by CUMINO View Post
boh, forse gli piaceva il mio post?
unica spiegazione plausibile... bella foto
Bel claim...
__________________
#idoneoinlotta

my flickr
derit no está en línea   Reply With Quote
Old February 3rd, 2009, 09:19 PM   #132
Dokan
ドカン
 
Dokan's Avatar
 
Join Date: Aug 2008
Location: Ailleurs
Posts: 1,172
Likes (Received): 214

... magari voleva provare come funziona il "quote" .... era il primo post ... primo ed unico ....

L'immagine comunque è bella ...
__________________
...To see a world in a grain of sand, and a heaven in a wild flower, to hold infinity in the palm of your hand, and eternity in an hour...
(William Blake)

Dokan no está en línea   Reply With Quote


Reply

Tags
torino

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off

Related topics on SkyscraperCity


All times are GMT +2. The time now is 07:51 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2017, vBulletin Solutions Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu