daily menu » rate the banner | guess the city | one on oneforums map | privacy policy (aug.2, 2013) | DMCA policy | flipboard magazine

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Discussioni locali > Sud e Isole

Sud e Isole Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia



Reply

 
Thread Tools Rating: Thread Rating: 17 votes, 4.76 average.
Old August 31st, 2004, 09:59 PM   #1
CAESARS-PALACe
Registered User
 
Join Date: Jul 2004
Posts: 1,452

Napoli: archivio1

NAPOLI



Informazioni generali / General info




Naples is Italy's third largest city, after Rome and Milan, and the main city in southern Italy. It is located in an area which is internationally known for its natural and cultural resources. These include the archeological sites of Pompei, Ercolano and Pozzuoli, the Vesuvio volcano, the coast around the villages of Sorrento and Amalfi, and the group of islands facing the city, including Capri and Ischia.
The city has the highest population density of any conurbation in Italy. Unemployment is high, and there are large numbers of households living below the poverty line. Social exclusion is a particular problem in the city's peripheral housing estates, with the multiple challenges of unemployment, a high number of illegal immigrants and a poor urban environment. The city has developed regeneration projects to address the needs of these areas.
Naples is one of Italy's most important cities in terms of cultural resources. Its important role before unification has contributed to the development of numerous religious and civic monuments, and buildings of international importance, including the museums of Palazzo Reale and Capodimonte, and the Archaelogical Museum.
© EU Regional Policy - Urban Audit 2000
full text on http://ec.europa.eu/regional_policy/...lts/naples.htm
full Audit (italian) on http://ec.europa.eu/regional_policy/...df/aude_it.pdf



Informazioni meteo in tempo reale / Real-time meteo





**********

Link utili su questo forum / Useful links on this forum (updating)

NAPOLI - Progetti approvati
NAPOLI | Metropolitana (Archivi: 12 - 11 - 10 - 9 - 8 - 7 - 6 - 5 - 4 - 3 - 2 - 1)
NAPOLI | Aeroporto di Capodichino "U. Niutta" (NAP - LIRN)
NAPOLI | Porto
NAPOLI | Trasporti pubblici
NAPOLI | Centro Direzionale
NAPOLI | Centro Direzionale (altro thread)
NAPOLI | Bagnoli | Porta del Parco | u/c
NAPOLI - NOLA | Vulcano Buono (Piano) | 41m | u/c
NAPOLI FILM STUDIOS

NAPOLI | Festival Universale delle Culture UNESCO 2013
Napoli, capitale italiana dell'arte contemporanea

Napoli - foto
NAPOLI storica - Historic pics of NAPLES
Altri thread fotografici: link 1 - link 2 - link 3 - link 4 - link 5 - link 6 - link 7



**********

Link utili esterni / Useful external links


- Wikipedia
Portale: Napoli su it.Wikipedia Naples portal on it.Wikipedia


- Siti istituzionali / Institutional websites
Azienda Autonoma di Soggiorno, Cura e Turismo di Napoli Local Tourist Office
Campania - Una terra alla luce del sole Regional touristic promotion website
Cultura Campania - Portale dei Beni e delle Attività Culturali Regional culture and heritage website
NAPOLI MARE Bay of Naples' promotional website

Comune di Napoli Official City Governorship Website
Bacheca avvisi e notizie News
Portale Pianificazione Urbanistica Urban Planning
Iniziative in corso: cento progetti per Napoli Works in progress
Piani della Mobilità (Piano 100 stazioni, Piano Rete Stradale Primaria, Piano Comunale Trasporti) / Mobility Planning

Portale Metropolitano Multicanale Metropolitan Multichannel Web Portal

Provincia di Napoli Official Provincial Governorship website
PTC - Piano Territoriale di Coordinamento Territorial Coordination Plan
PSO - Piano Strategico Operativo per la zona rossa del Vesuvio Vesuvius red zone areas: Strategical Operative Plan

Regione Campania Official Regional Governorship website

Protezione Civile Nazionale National Civilian Guard
Piano nazionale di emergenza per il Vesuvio Vesuvius' emergency plan


- Trasporti / Transportation websites
MUOVERSi - Infomobilità in Campania Regional info network about transportation

ACAM Agenzia Campana per la Mobilità Sostenibile / Sustainable Mobility's Regional Agency

Consorzio Unico Campania

MetroNapoli
ANM Azienda Napoletana Mobilità
CTP Compagnia Trasporti Pubblici Napoli
Circumvesuviana
SEPSA
MetroCampania NordEst

Metrò del Mare "Sea-Metro", sea coast public transport (by boat)
Caremar - Campania Regionale Marittima
AliLauro (gruppo Lauro)
AliLauro Gru.so.n. (gruppo Lauro)
VolaViaMare (gruppo Lauro)
AliCost (gruppo Lauro)
Lauro Shipping (gruppo Lauro)
LMP - Linee Marittime Partenopee
NLG - Navigazione Libera del Golfo
SNAV
Ustica Lines

Autorità Portuale di Napoli Naples Port Authority
Partenze dal Molo Beverello in tempo reale Real-time departures from Beverello Dock

Aeroporto Internazionale di Napoli Naples International Airport
Partenze in tempo reale Real-time departures
Arrivi in tempo reale Real-time arrivals

Linea 6 "Linea 6" subway's official website

EAV - Ente Autonomo Volturno


- Canali di informazione locali / Local news
Il Mattino quotidiano di Napoli / Naples' newspaper
Il Napoli by E-polis quotidiano gratuito / free-press newspaper


- Musei, cultura, parchi e tempo libero / Museums, parks and cultural places
Campania Artecard Integrated museum-transport system
REMUNA - Rete dei Musei Napoletani Naples' museum network

Archivio di Stato di Napoli Naples' State Archive
Archivio Sonoro della Canzone Napoletana Neapolitan Song Musical Archive
ATN - Archivi di Teatro Napoli Naples Theatre Archives
Biblioteca Nazionale di Napoli Naples National Library
Castel Sant'Elmo e Biblioteca di Storia dell'Arte Sant'Elmo Castle, Museum & Art History Library
Certosa e Museo di San Martino San Martino Charterhouse & Museum
Città della Scienza "Science City" scientific museum
Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore (Basilica, Biblioteca, Musei e Scavi Archeologici) San Lorenzo Maggiore Monumental Area (Basilica, Library, Museums and Archeological Escavation Site)
Complesso Museale di Santa Chiara Santa Chiara Museum Complex
Duomo di Napoli (Cattedrale e scavi archeologici) Naples Cathedral (and archeological excavation)
MADRE - Museo d'Arte Contemporanea Donna Regina Donna Regina's Contemporary Art Museum
MAI - Museo Artistico Industriale "Filippo Palizzi" "Filippo Palizzi" Artistic Industrial Museum
MAN - Museo Aperto Napoli Naples Open Museum (Historic Centre)
MANN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli Naples National Archeological Museum
MIMART - Galleria d'Arte MIMART Art Gallery
Museo Civico di Castel Nuovo "Maschio Angioino" Castle & Civic Museum
Museo d'Arte della Fondazione Pagliara Pagliara Foundation Museum
Museo della Cappella di San Severo Museum of San Severo Chapel
Museo del Mare Museum of the Sea
Museo del Tesoro di San Gennaro San Gennaro Treasure Museum
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes Pignatelli Cortes Museum
Museo di Fisica Museum of Phisics
Museo di Palazzo Reale Royal Palace Museum
Museo Federiciano di Scienze Naturali Museum of Mineralogy, Zoology, Anthropology and Paleontology
Museo Nazionale della Ceramica Duca di Martina Duke of Martina's National Ceramics Museum
Museo Nazionale di Capodimonte Capodimonte National Museum
MUVA - Museo Virtuale di Architettura Virtual Architecture Museum
Napoli Sotterranea Historical Subterranean Naples
Orto Botanico di Napoli e Museo di Paleobotanica ed Etnobotanica Naples Botanical Garden & Museum
Osservatorio e Museo Astronomico di Capodimonte Capodimonte's Astronomical Observatory & Museum
Palazzo Marigliano (sede della Soprintendenza Archivistica per la Campania) Marigliano Palace
Palazzo Zevallos Stigliano Zevallos-Stigliano Palace, house of last Caravaggio painting
PAN - Palazzo delle Arti Napoli Naples Art Palace
Parco della Tomba di Virgilio Virgilio Tomb's Park
Parco sommerso di Gaiola Underwater park of Gaiola
Pinacoteca Pio Monte della Misericordia "Pio Monte della Misericordia" Picture Gallery
PL+ART - Ricerca e Conservazione Arte & Design plastico Plastic Art&Design Research Center and Museum
Stazione Zoologica e Acquario "Anton Dohrn" "Anton Dohrn" Acquarium & Zoological Station
Studio Trisorio Studio Trisorio Art Gallery

Mostra d'Oltremare
Arena Flegrea
Auditorium/Teatro Mediterraneo

Parco Metropolitano delle Colline di Napoli Naples Hills' Metropolitan Park

- PROVINCIA / NEIGHBOURHOOD CITIES
Area marina protetta di Punta Campanella Punta Campanella sea wildlife reserve
Casina Vanvitelliana [i]Royal Casina of Fusaro[/img]
MAP - Museo Archeologico di Pithecusae (Ischia) Pithecusae Archeological Museum
MSAN - Museo Storico Archeologico di Nola Nola Historical Archeological Museum
Osservatorio Vesuviano Vesuvius Observatory
Segnali sismici in tempo reale Real-time seismic signals
Parco Nazionale del Vesuvio Vesuvius' National Park
Gran Cono Vesuvio Vesuvius' Great Cone
Parco regionale del Partenio Partenio regional park
Parco sommerso di Baia Underwater park of Baia
SAP - Soprintendenza Archeologica di Pompei Pompei, Ercolano, Boscoreale, Oplontis and Stabia sites


- Teatri / Theatres
TEATRO FESTIVAL ITALIA Italian Theatre Festival (next: I, oct 2007 - dec 2009)

Teatro di San Carlo San Carlo Theatre
Cabaret Port'Alba (ex Teatro Bruttini) Port'Alba Cabaret
Centro di Musica Antica Pietà dei Turchini Pietà dei Turchini's Antique Music Centre
Galleria Toledo Toledo Gallery Theatre
Il Pozzo e il Pendolo Well and Pendulum Theatre
Istituto delle Guarattelle Guarattelle (puppets) Institute
Nuovo Teatro Nuovo (Teatro Stabile d'Innovazione di Napoli) New "New Theatre"
PalaPartenope (Teatro Tenda Partenope) PalaParthenope
TAN - Teatro Area Nord North Area Theatre
Teatro Acacia Acacia Theatre
Teatro Augusteo Augusteo Theatre
Teatro Bellini (Teatro Nazionale d'Arte) Bellini Theatre
Teatro Bracco Bracco Theatre
Teatro Cilea Cilea Theatre
Teatro Delle Palme Delle Palme Theatre
Teatro Diana Diana Theatre
Teatro Elicantropo Elicantropo Theatre
Teatro Il Primo Il Primo Theatre
Teatro Le Nuvole (Teatro Stabile d'Innovazione Ragazzi) The Clouds Theatre
Teatro Mercadante (Teatro Stabile di Napoli) Mercadante Theatre (Resident Theatre of Naples)
Teatro Sancarluccio Sancarluccio Theatre
Teatro Sannazaro Sannazaro Theatre
Teatro TAM (Tunnel AMedeo) - TAM Tunnel Comedy Club
Teatro Tasso (Teatro Stabile d'Innovazione) Tasso Theatre
Teatro Totò Totò Theatre
Teatro Trianon - Viviani (Teatro del Popolo) Trianon - Viviani Theatre (People's Theatre)


- Eventi / Events
Accordi @ Disaccordi rassegna cinematografica / film festival (next: VIII, 2007)
Festival Nazionale del Teatro Universitario (last: I, 2006)
Festival Internazionale dell'Attore International Acting Festival (last: XIII, 2006)
Forum Universale delle Culture UNESCO UNESCO Universal Forum (next: apr-nov 2013)
Futuro Remoto (last: XX, 2006)
GALASSIA GUTENBERG - Libri e Multimedia (last: XVIII, 2007)
GIOVANI SUONI - Concorso Nazionale di Musiche Emergenti Budding Music Contest (next: VI, 2007)
Independent Film Show (last: VI, 2006)
La Corte della Formica - Festival di Corti Teatrali (last: II, 2006)
Maggio dei Monumenti (next: XIII, 2007)
Maratona Internazionale Città di Napoli Naples International Marathon (last: IX, 2007)
Napoli Cabaret Festival - Rassegna internazionale della comicità (next: VI, 2007)
Napoli COMICON - Salone Internazionale del Fumetto e dell'Animazione (last: IX, 2007)
Natale a Napoli 2007
Neapolis Festival Rock Music Festival (next: XI, 2007)
NFF - Napoli Film Festival (last: IX, jun 2007)
PIEDIGROTTA (last: I, sep 2007)
PIZZAFEST - Festa della pizza (last: XII, sep 2007)
TAM TAM DigiFestival (last: I, 2007)
TEATRO FESTIVAL ITALIA Italian Theatre Festival (next: I, oct 2007 - dec 2009)



- Miscellanea / Other relevant websites
BagnoliFutura SpA BagnoliFutura Company website
Sito ufficiale dell'Architetto Silvio D'Ascia Silvio D'Ascia official website


- Siti amatoriali / Amatorial websites
Metroitaliane (by Claudio Brignole) Metro networks in Italy
LaStoriaDiNapoli.it - storia, teatro e cultura napoletana History, theatre and culture of Naples
Napoli on line (by Daniele Pizzo) History, architecture, transports, photos
Orcaloca - MetroNapoli (by Paolo Marotta) Naples' rail & subway system
Rete Metropolitana di Napoli - (by Ivanoe De Falco) Naples' metro system
Appunti storici e curiosità (by prof. Roberto Andria) Naples' history
Vesuvioinrete - Storia, funivia, ferrovia, funicolare del Vesuvio Vesuvius' history & transportation
MondoTram - Forum dedicato al trasporto urbano su ferro Urban Rail Transportation forum
Il Mondo Dei Treni - Sito dedicato al trasporto ferroviario, con forum Rail Transportation website&forum

Last edited by XIX; October 1st, 2011 at 04:10 PM.
CAESARS-PALACe no está en línea   Reply With Quote

Sponsored Links
 
Old August 31st, 2004, 10:38 PM   #2
CAESARS-PALACe
Registered User
 
Join Date: Jul 2004
Posts: 1,452

Primo Progetto :

NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA di Napoli :


architetto : Zaha Hadid and Partners















CAESARS-PALACe no está en línea   Reply With Quote
Old September 1st, 2004, 10:51 AM   #3
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Grazie CAESARS, SEI UN GRANDE!

Ho già iniziato a stilare i progetti per Napoli!
Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 1st, 2004, 10:56 AM   #4
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Nuova stazione Alta velocità NAPOLI/AFRAGOLA
Inaugurazione 2008

Zaha Hadid è sempre andata ad "alta velocità". Le linee dei suoi progetti hanno sempre suggerito la metafora della corsa, veloce, slanciata, fuggente. Ebbene questa corsa ha segnato un’altra tappa, la più a sud fino ad ora insieme alla stazione marittima di Salerno. La matita mentale della Hadid è arrivata fino ad Afragola, nello sterminato internland partenopeo, ed ha lasciato sul foglio un segno vincente. Una stazione ferroviaria a forma di saetta, che ricorda ai suoi estremi il muso di un pendolino o anche la traiettoria di un treno in corsa.
A dire il vero questa corsa aveva subito una frenata a Firenze, dove la Hadid, impegnata anche qui con il concorso per la stazione AV, aveva imprigionato l’idea di moto associata al tema della progettazione ferroviaria in una sorta di bozzolo introverso, statico e impenetrabile. È stato solo un arresto di passaggio comunque, perché ad Afragola l’irachena è passata veloce volando su nomi del calibro di Peter Eisenman, Rem Koolhaas e Dominique Perrault e ha convinto all’unanimità la giuria presieduta da Oriol Bohigas.
Rispettati i parametri logistici dell’impresa: preventivo finanziario di 61 milioni di euro di spesa complessiva, cinque anni di lavori, consegna entro la fine del 2008. La nuova stazione AV di Afragola occuperà un’area di ventimila metri quadrati e ospiterà, oltre agli spazi specificamente destinati ai viaggiatori, un parco naturalistico con laboratori ad alta tecnologia, destinato a riqualificare l’area, strutture per la sperimentazione agricola, attrezzature per lo sport di base, centri commerciali ed espositivi.
Affiancherà la stazione di Napoli Centrale consentendo ai passeggeri diretti nell’hinterland il cambio dai treni della nuova linea Alta Velocità Roma-Napoli a quelli del trasporto regionale o a quelli della circumvesuviana. Ad Afragola si fermeranno anche i treni diretti verso sud evitando il nodo di Napoli.
Un ponte sopra i binari annuncia l’ingresso alla città partenopea. Segno intenso su un territorio dalla forte personalità, la stazione è pensata come un attraversamento sopraelevato, fino a raggiungere i nove metri nel suo punto più alto, che assecondi la continuità del tessuto urbano sottostante.
Calcestruzzo e vetro, la struttura si inclina morbida e suadente alle estremità per accogliere il flusso dei passeggeri che, dalla grande hall centrale del ponte, attraverso scale e rampe mobili, sono indirizzati verso i treni.
Flusso dei passeggeri. Flusso dei movimenti. Nelle tavole della Hadid si riconferma come la sua architettura prenda forma dai movimenti di chi la abita. Dinamica, flessuosa, contemporanea, la danza delle linee e dei volumi genera una regia di scene spaziali elegante e vivace.
L’architettura indirizza ed è indirizzata al tempo stesso. Indirizza il viaggio dei passeggeri con le sue traiettorie morbide, è indirizzata dai movimenti di chi la vive. Si stabilisce così un rapporto simbiotico fra flusso architettonico e moto umano.
Il taglio centrale del ponte diventa il polmone di questa simbiosi: un grande vuoto su tre livelli suggerisce l’idea di un organo che respira e che pulsa mentre si muove sinuosamente.
Nota caratteriale dello spartito progettuale della Hadid, quasi cifra della sua idea di dinamismo architettonico, il moto dell’architettura non si spezza mai e ancora una volta, come nella maggior parte dei suoi progetti, la continuità strutturale tra il tetto e le pareti interne è assicurata. Abito di questo taglio è un’ampia vetrata a shaders che dirige un’altra danza, amica di quella dei volumi, che ha per protagonista la luce.
Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 1st, 2004, 11:18 AM   #5
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Il Centro Direzionale di Napoli

Alle spalle della stazione ferroviaria di Napoli Centrale a Piazza Garibaldi, nel quartiere di Poggioreale, si trova il Centro Direzionale di Napoli, moderno complesso urbanistico progettato dall'architetto giapponese Kenzo Tange nel 1982. I grattacieli del Centro spiccano moltissimo in un tessuto urbano a sviluppo orizzontale e sono perfettamente visibili da ogni parte della città.
La zona del centro era prima parzialmente disabitata e paludosa, vi passava il piccolo fiume Volla. Già nel 1964 il Comune di Napoli individuava in questa zona la destinazione del nuovo Centro Direzionale, ideato per decongestionare il centro cittadino dalla abnorme concentrazione di uffici pubblici e privati. Molti progetti furono approntati dai più importanti architetti italiani ma nessuno venne adottato in via definitiva fino agli inizi degli anni '80, quando Comune e imprese costruttrici affidano a Kenzo Tange la stesura del piano volumetrico che doveva coordinare in una visione unitaria tutto il lavoro progettuale svolto fino allora. Nel Novembre 1982 Tange presenta il progetto definitivo e nel 1985, completate tutte le procedure amministrative per l'approvazione, iniziano finalmente i lavori.
Kenzo Tange è stato uno dei maggiori architetti e urbanisti del dopoguerra a livello internazionale e il massimo esponente della architettura contemporanea giapponese. Le sue opere più importanti sono state il piano urbanistico di Tokio del 1960 e gli impianti sportivi per le Olimpiadi di Tokio del 1964. In Italia, prima di Napoli, aveva già coordinato i progetti per il Centro Direzionale e il quartiere fieristico di Bologna nel 1975. Il suo principale riferimento culturale è il tardo Le Corbusier, di cui continua la ricerca espressiva nell'uso dei volumi architettonici contrapposti e discordanti, poi evoluta in uno stile molto personale caratterizzato da un forte espressionismo plastico.
Gli edifici del centro sono sostanzialmente di due tipologie: una a forma slanciata, più alta che larga, con rivestimenti in pannelli di vetro e ferro che aumentano il dinamismo delle facciate e ne alleggeriscono la pesantezza; l'altra solida, più larga che alta, con rivestimenti in marmi policromi o calcestruzzo colorato che accentuano l'immagine di robustezza. L'effetto visivo complessivo del Centro risulta proprio dalla armonica contrapposizione delle due tipologie di edifici, che simboleggiano anche le due anime delle aziende ospitate: dinamiche e solide, proiettate verso l'alto e fermamente ancorate alle basi, capaci di ispirare entusiasmo e fiducia. Nel centro direzionale di Napoli è sito il grattacielo più alto d’Italia ovvero la torre TELECOM ITALIA (129m).
All'ingresso del Centro si trovano due alte torri poste ad angolo retto tra loro, ma ognuna con una angolazione di 45 gradi rispetto all'asse longitudinale dell'intero complesso e in senso convergente verso l'interno, in modo da creare un interessante effetto scenografico di invito all'entrata. Le torri sono dotate di ascensori esterni panoramici. Il viale principale, che attraversa il centro da parte a parte, è molto largo ed è diviso in corsie da aiuole e dagli accessi ai sottostanti parcheggi e vie di deflusso. A metà del percorso troviamo una piazza a forma ottagonale attorno cui si elevano quattro alti grattacieli che terminano ai lati con angoli acuti molto spettacolari.
Nei pressi della piazza si trova la Chiesa di San Carlo Borromeo, anch'essa costruita con criteri avveniristici ma la cui presenza vuole mostrare l'ancoramento alla tradizione, a sottolineare che la nuova città non si contrappone alla vecchia, ma vuole esserne la continuazione e il prolungamento nel futuro. Anche la terrazza con cui termina il viale centrale, con vista sul Vesuvio (il più classico dei simboli di Napoli) conferma questa volontà di continuità.
Nei viali del Centro trovano posto anche diverse opere d'arte contemporanea, non solo con semplice funzione di arredo urbano, ma tutte con un comune denominatore simbolico: la immagine umanistica di un uomo consapevole e padrone dei suoi mezzi anche nella nuova società tecnologica.

Business Centre of Naples
Behind the railway station of Napoli Centrale (Naples Central, at Piazza Garibaldi), in the district of Poggioreale, it is located the Centro Direzionale (Business Centre) of Naples, a modern urbanistic complex planned by the Japanese architect Kenzo Tange in 1982. The skyscrapers of the Centre, even if they are not among the tallest ones, stand out very much from the fabric of the city (mainly horizontal) and are perfectly visible from each point in Naples.
The area of the Centre was previously almost deserted and marshy, crossed by the small river Volla. The Town Council of Naples assigned already in 1964 this area for building here the Directional Centre, designed for relieving traffic congestion from the city centre, where there was an abnormal concentration of public and private offices. Many projects had been prepared by the most important architects in Italy, but none of them were definitively approved until 1980, when the Town Council and the Construction Firms asked Kenzo Tange to prepare a volumetric plan that could coordinate into an unitary vision all the planning work done till that moment. On November 1982 Tange introduced the final plan and in 1985, after that all the administrative procedures had been completed, the work finally started.
Kenzo Tange has been one of the major architects and urbanists in the international postwar panorama, and the maximum exponent of the contemporary Japanese architecture. His most important works have been the city planning of Tokio in 1960 and the sports facilities for the Olympic Games of Tokio in 1964. In Italy, before Naples, he had already coordinated the projects for the Business Centre and the Trade Fair area of Bologna in 1975. His main cultural reference was the late work by Le Corbusier, by whom he continued the expressive research on the use of architectural bodies in an opposing and clashing way, then evolved to a very personal style, characterized by a plastic expressionism of strong impact.
The buildings of the Centre belong basically to two kinds: one is with a slender outline, high and thin, paneled with glass and iron, which increase the dynamism and lighten the weight of the facades; the other is solid, large and heavy, paneled with polychrome marbles or colored concrete, which emphasize the image of firmness. The effect of the overall view of the Centre springs from the harmonic alternation of the two building kinds, that also symbolize the essence of the companies housed therein: dynamic and solid, soaring upwards and firmly anchored to the bases, capable of inspiring enthusiasm and trust.
At the entrance of the Centre there are two towers, arranged at right angles and converging at the inside, symmetrically angled as regards to the longitudinal axis of the complex, in such a way as to create an interesting scenographic effect that invites to enter. The towers are provided with external panoramic lifts. The main boulevard, which extends from side to side of the Centre, is wide and is divided into lanes, separated by flowerbeds and by the passages leading to the underlying parkings. At half way we find a large octagonal area, on whose sides they rise four skyscrapers ending with sharp corners very spectacular.
Near that square there is the Church of San Carlo Borromeo, built with futuristic criteria. Nevertheless, its presence means the anchorage to the tradition, in order to emphasize that the new City Centre is not aimed to come up against the elder, but wants to take its heritage and cast it to the future. Even the terrace by which ends the central boulevard, from where you can look at the Vesuvius (the most traditional symbol of Naples) confirm this will of continuity.
Along the Centre boulevard there are also several works of contemporary art, which have not the only function of decoration, but have all a common symbolical meaning: the humanistic figure of a man who is conscious and master of his means, even in the new technological society

Piantina Centro Direzionale


foto 1: isola G3, "Torre ENEL 2", 123 m, 36 piani
foto 2: isola B5 e C1, Torre Francesco e Torre Saviero, 118 m, 36 piani
foto 3: isola B5, Torre Francesco
foto 4: isola F8, Consiglio Regionale Campania,115 m, 28 piani, si specchia nella Torre Francesco
foto 5: Torre Saviero
foto 6: isola F8, Consiglio Regionale
foto 7: isola C3 e C5, Giunta Regione Campania e Edificio Eni-italgas, 88 m, 24 piani
foto 8: isola F 13 (ca. 70-80 m), isola F 6 = Torre Telecom Italia 129 m, 33 piani, isola F8
foto 9: torre francesco
foto 10: nuovo palazzo di giustizia (torri B e C sono piu basse), 110 m, 30 piani
foto 11: isola F8
foto 12: saviero, francesco
foto 13: isola F6, torre telecom Italia, 129 m, 33 piani
foto 14: Jolly Hotel, 101 m, 30 piani
foto 15: isola A1, Torre ENEL1, 123 m, 36 piani
foto 16: isola G3 Torre ENEL2
foto 17: isola F4 (ca. 75 m) e F6= Torre Telecom Italia
foto 18: ENEL gemelli

Progetto per il completamento del Centro Direzionale

Il comune di Napoli avvia il project financing per il completamento del centro direzionale del progettista giapponese Kenzo Tange per un investimento complessivo di 440 milioni di euro, dei quali 312 sono i capitali resi disponibili dai privati. ´L'approvazione della delibera di dichiarazione di interesse pubblico è la tappa decisiva della complessa procedura di project financing per il completamento della cittadella, avviata nel luglio di quattro anni fa', ha dichiarato il vicesindaco e assessore all'urbanistica, Rocco Papa. ´La delibera prevede inoltre la pubblicazione della proposta per mettere a gara il progetto presentato da Agorà 6 e successivamente la scelta del soggetto attuatore e delle migliori modalità di realizzazione'. Papa ha inoltre osservato che la proposta approvata presenta grandi differenze rispetto al progetto originario del centro di Tange, ´in quanto con l'approvazione del prg il comune ha deciso di assegnare all'area di proprietà pubblica anche quei servizi che avrebbero dovuto essere realizzati nell'area già edificata di proprietà della Mededil.
E ciò consentirà di dotare il centro e i quartieri circostanti di attrezzature e servizi essenziali, quali un grande parco, parcheggi e attrezzature sportive che conferiranno maggiore qualità della vita a questa parte di città'.
Il progetto, proposto dalla società Agorà 6 (vi fanno parte le imprese Adamar, Ingegneri Loy, Donà e Brancaccio di Ldb, Costruire, Ccc e Schiavo&Co) prevede la realizzazione di due differenti tipologie di opere: la prima riguarda quelle che il proponente realizza e cede immediatamente al comune, fra cui un parco pubblico di circa dieci ettari nel quale è prevista la localizzazione di un lago artificiale di 10 mila metri quadrati; un plesso scolastico per complessive 16 aule; l'intera viabilità e rete dei sottoservizi e fognature. La seconda tipologia di interventi comprende invece le proposte oggetto di realizzazione e successiva gestione trentennale da parte della stessa Agorà 6. In particolare sarà costruito un impianto sportivo con due piscine, palestre, aree fitness, un multisala e locali per attività ommerciali oltre che per servizi di quartiere; il ripristino e il completamento dei campi di gioco e relativo parcheggio per 300 posti auto; 156 alloggi destinati alla locazione a tariffe convenzionate; parcheggi per 1.200 posti auto, prevalentemente in margine al parco.

Alcune foto in formato poket: (by skyscrapercity FORUM ITALIANO)











Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 1st, 2004, 11:28 AM   #6
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Il progetto urbanistico per Piazza Municipio
Inaugurazione 2008

Una a venti metri di profondità, l’altra in superficie: raddoppia piazza Municipio, quella presentata ieri da Alvaro Siza, l’architetto portoghese scelto dal Comune e in particolare da Rocco Papa il vicesindaco e assessore all’Urbanistica, per riportarla agli antichi splendori. Antichi perché Siza per ridisegnarla ha studiato la conformazione di quello spazio risalendo fino all’antichità, per arrivare poi all’età angioina quando lo «spazio» è divenuto piazza vera e propria. Epoche in cui attraverso il sito la città si collegava al mare. E questo ha progettato il professionista portoghese, che, nonostante sia considerato tra i principali esponenti «della metafisica e della lentezza» ha portato invece un progetto dal sapore rivoluzionario.
Il tunnel pedonale, l’agorà sotterranea, il filo rosso attraverso il quale Napoli riabbraccerà il suo mare. Il futuro è il passato riveduto e corretto: basta pensare che anche il fossato del Maschio Angioino non sarà più lo stesso. Spostato in avanti, sarà quella parte della piazza sotterranea dove troveranno posto bar, ristoranti, locali commerciali e luoghi di aggregazione con vista mare. Ma non è finita qui, perché Siza oltre a cambiare volto a piazza Municipio ha avuto un’altra missione, quella di disegnare le stazioni della linea 1 e della linea 6 del metrò che galleggeranno a quote diverse sotto il tunnel pedonale e che saranno uno dei principali nodi di interscambio dell’intera rete della metropolitana. Restituire la città al mare la parola d’ordine, ma anche pedonalizzare. Così via Depretis diverrà cieca, non ci sarà più accesso a piazza Municipio da quel lato. Le direttrici di attraversamento veicolare saranno due soltanto: la prima parte da via San Carlo e passa per via Medina. La seconda è costituita da via Marina. Dove in superficie viaggeranno solo i mezzi pubblici, i famosi jumbo tram. Sotto il mare, grazie al sottopasso di via Acton, il resto del traffico.
Sarà una piazza che guarderà al passato tanto che quello che emerge dall’antichità avrà un ruolo pregnante. Nel tunnel pedonale, che partirà dai giardini prospicenti Palazzo San Giacomo, troverà posto, anzi sarà un vero e proprio museo, quanto rinvenuto nei cantieri del metrò. Le tre barche di epoca romana gli attrattori principali. Una sarà appesa alla parete a mo’ di quadro, le altre poggiate al suolo. Nell’agorà sotterranea anche statue marmoree a grandezza d’uomo che riprodurranno fedelmente grandi capolavori dell’antichità. Il bastione del Maschio Angioino sarà visibile dall’interno della stazione della metropolitana che sarà arredata con i reperti archeologici emersi dagli scavi in corso.
Siza il «metafisico» lascia il segno anche per un’altra particolarità del suo progetto. Malgrado l’agorà sia venti metri sottoterra, sarà illuminata dalla luce del sole: pozzi e fenditure sono previsti a questo scopo. Se sotto sarà una piazza, sopra il percorso del tunnel pedonale sarà un lungo viale alberato fino al porto. Dove una rampa d’accesso al tunnel accoglierà i turisti. «Siamo un po’ commossi - spiega il sindaco - un buon architetto fa cose semplici e mi commuove l’uso costante della luce». Soddisfatto Papa, che vede così il disegno del waterfront concretizzarsi: «Siza recupera l’idea di fondo della piazza del collegamento della città con il mare, con il rispetto dei materiali, dei colori, della luce e dei reperti archeologici trovati. Dal punto di vista planimetrico la piazza è organizzata su due piani: uno alle attuali quote, l’altro all’altezza del fossato che diventa una grande piazza, di volume triplicato rispetto a quello attuale. L’ingresso della metropolitana non sarà più una discesa agli inferi ma sarà in quota».
Quanto ai tempi il vicesindaco è preciso: «L’intervento prevede la divisione della piazza in tre parti: la porzione antistante Palazzo San Giacomo si farà immediatamente, le altre due insieme, compatibilmente con i tempi della metropolitana, tutta la piazza sarà pronta per il 2008». Sessanta i milioni di euro a disposizione, frutto di fondi comunitari.

Nuova AGORA' Piazza Garibaldi: un salotto alle porte della città.
Inaugurazione 2008
PiAzza Garibaldi con due piani interrati. In superficie una Esplanade modello Trocadero con uno spazio sconfinato per i pedoni e un nuovo edificio, un cubo a simbolo della porta Est della città. E sotto una galleria trasparente,
illuminata con luce naturale, con centri commerciali, negozi, bar, ristoranti. Una galleria di collegamento tra la città superiore e il nodo di interscambio inferiore tra il nuovo metrò, il passante ferroviario della linea due, la
Circumvesuviana. Un progetto che comprende la nuova stazione della metropolitana e il terminal dell´alta velocità con un afflusso di oltre 150 mila persone al giorno.
È lo scenario 2008 tratteggiato a Palazzo San Giacomo dal vicesindaco Rocco Papa assieme al presidente della metropolitana Giannegidio Silva e all´architetto francese Dominique Perrault che ha l´incarico di progettare la
stazione del nuovo metrò ma, soprattutto, di sistemare l´intera piazza, di darle una funzione ordinata, una personalità. «Ridisegnare piazza Garibaldi - spiega Perrault che ha realizzato alla fine degli anni Ottanta la
Biblioteca nazionale di Francia - vuol dire affrontare e risolvere numerosi problemi legati all´architettura ma anche alla mobilità e alla sicurezza. Vuol dire passare dal caos di oggi alla creazione di un vero punto di riferimento per i collegamenti in città e anche per lo sviluppo verso l´area orientale. Una ricostruzione di un tessuto urbano cresciuto disordinatamente».
Quarantadue milioni di euro per restaurare la porta Est. Venti della società Grandi stazioni per rimettere a posto il vecchio terminal in funzione dell´Alta velocità. Altri ventidue della legge obiettivo, fondi nazionali per le opere
pubbliche. A Palazzo San Giacomo è l´ora dei progetti. In quarantott´ore gli annunci del waterfront con il tunnel in via Acton e la nuova piazza Garibaldi. «Una Agorà» promette Rocco Papa al posto dell´inferno in cui oggi si entra solo per trovare rapidamente una via di fuga. Il Comune ci lavorava da anni. Ora, finalmente, l´accelerazione sulla spinta dei cantieri del metrò che alla ferrovia, a differenza di piazza Municipio e piazza Nicola Amore, non sono finora frenati dai ritrovamenti archeologici. «Abbiamo eseguito sondaggi fino a quaranta metri di profondità - spiega Giannegidio Silva - e non c´è traccia di reperti di Neapolis».
Una piazza con interventi stratificati. In superficie una Esplanade, come annuncia Perrault, un ampio spazio pedonale che restringerà le corsie stradali anche perché il piano traffico del Comune prevede di spostare i grandi
flussi verso via Marina: «Potremmo dividerla in più piazze tematiche collegate tra loro e aggregare meglio le arterie collegate alla piazza stessa». Papa, in aggiunta, annuncia la costruzione di un palazzo a simbolo della nuova
piazza. Ma anche molto verde e una soluzione, avvisa l´architetto francese, «per esaltare la statua di Garibaldi che oggi quasi non si vede». Scontato l´arretramento di una parte della Stazione centrale, con la demolizione della «proboscide» realizzata nel 1954 per la sosta degli autobus. E un parcheggio multipiano fuoriterra di fronte all´hotel Terminus.
L´impatto dell´ingresso alla linea uno del metrò, su un lato della piazza, sarà sullo stile di quanto realizzato nella stazione Dante, ma la novità è la grande galleria in parte trasparente da realizzare al di sotto del livello stradale. Un
asse attrezzato di collegamento tra i diversi snodi ferroviari con un grande centro commerciale e con servizi turistici e di ristorazione.
Un progetto ambizioso affidato a uno straniero. E il vicesindaco Papa avverte: «Con la scelta di Dominique Perrault dimostriamo la volontà di riqualificare una delle principali aree della città ma, allo stesso tempo, invitiamo i nostri architetti a non abbandonare Napoli perché ci sono tante iniziative e tanti progetti».
Uno di questi, legato all´Alta velocità, lo ha presentato la Regione. Un patto siglato a Santa Maria La Nova dall´assessore Ennio Cascetta con il presidente della Provincia Amato Lamberti e il sindaco di Afragola Santo
Salzano per un parco naturalistico, tecnologico e dei servizi in un´area di 474 ettari che costeggia la linea ferroviaria ad alta velocità con la stazione di porta di Afragola in funzione entro il 2008. Oltre 340 ettari di parco e altri 130 per industrie, alberghi, impianti sportivi e congressuali. Lo sviluppo legato ai trasporti. Regione e amministrazioni locali ci credono.!
Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 1st, 2004, 02:16 PM   #7
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Metropolitana: LINEA 6

Questa linea metropolitana nasce dal più grande scandalo della tangentopoli napoletana degli anni '90: il progetto di LTR (linea tranviaria rapida) che, dopo grandi spese, e tranches di lavori eseguite a tempi record, si arenò lasciando cantieri aperti e sconforto e sfiducia nei cittadini. La linea 6 sfrutta le gallerie e le stazioni già costruite in quella occasione nel sottosuolo di Fuorigrotta, ed il progetto prevede il proseguimento, tutto in sotterranea (la LTR prevedeva tratti a raso) fino a Piazza Municipio. I lavori in corso interessano la tratta Mostra-Arco Mirelli, il prolungamento per Piazza San Pasquale, Piazza Vittoria, Piazza Plebiscito e Piazza Municipio è già stato approvato.
La linea ha una lunghezza totale di circa 5,5 km;
a) tratta Politecnico-Mergellina:
e' pronta e ha una lunghezza di 1,784 km;
b) tratta Mergellina-San Pasquale:
e' un fase di costruzione; la sua lunghezza e' di 1,519 km;
c) tratta San Pasquale-Municipio:
progettata per una lunghezza di 1,558 km; il tunnel Plebiscito-Martiri e' parzialmente completato;
d) tratta Mostra-Politecnico:
prolungamento pianificato, lavori da realizzare entro il 2005, lunghezza 188 metri.
E' stato previsto un prolungamento verso ovest da Mostra - Campi Flegrei con la creazione di una ulteriore stazione: Arsenale. Sulla sua effettiva realizzazione mancano al momento notizie.

Completamento dell'opera:

2005: apertura della tratta Mostra - Mergellina

2007: apertura della tratta Mergellina - San Pasquale

2009: apertura della tratta San Pasquale - Municipio


Lavori


Lavori stazione LALLA


Stazione Arco Mirelli


Stazione San Pasquale




Stazione P.zza Plebiscito


Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 2nd, 2004, 11:11 AM   #8
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Il nuovo acquario di Napoli


Inizio dei lavori Gennaio 2005
Termine dei lavori Giugno 2007

Sarà l'acquario direalizzato in tre anni a Vigliena, alla periferia ovest, l'acquario di Napoli. Avrà un costo previsto tra i 60 e i 76 milioni di euro, un valore aggiunto di 10 milioni di euro per la città, 32 per la provincia e 14 per la
regione e sarà simile al modello Osaka o Sydney. Secondo lo studio di
fattibilità redatto dalla società Esosfera, sorgerà accanto al porto turistico di
Porto Fiorito, per il cui project financing si sono appena chiuse le procedure.
L'iter amministrativo sarà curato da Nausicaa, la holding pubblica di cui
fanno parte Autorità portuale, regione, provincia e comune. A costruire e
gestire l'acquario, che, secondo il sindaco, Rosa Russo Iervolino, sarà di
grande pregio, comunque più bello di quello di Valencia, saranno i privati,
che si saranno aggiudicati la gara con evidenza pubblica. Collegato alla
struttura è previsto anche un centro di ricerca. Il piano di fattibilità prevede
la costruzione di una struttura di circa 15 mila metri quadrati fra percorsi
espositivi, impianti, servizi, spazi di accoglienza, più altri 2.500 mq per gli
esercizi commerciali annessi. Il numero dei visitatori è quantificato in 1,3
milioni, per un'affluenza di circa 10 mila persone al giorno.. Per il progetto sono stati contattati gli architetti Santiago Calatrava, Renzo Piano e Vittorio Gregotti.
Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 3rd, 2004, 07:27 PM   #9
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Il nuovo museo di arte contemporanea di Napoli di Alvaro Siza

Fine lavori 2005/2006

«Partenope è un mito, proprio come Bagdad, Roma, Amsterdam. Un museo di arte contemporanea a Napoli, piantato nel centro del Mediterraneo, non può che avere qui ben salde le sue radici». Parola di Rudi Fuchs, il super-esperto olandese chiamato da Bassolino a formare il comitato tecnico-istituzionale con Vicente Todoli, direttore della Tate Modern di Londra, l´assessore Rachele Furfaro, Eduardo Cicelyn e Achille Bonito Oliva, che oggi con il presidente della Regione presenteranno ufficialmente il progetto per il nuovo museo di arte contemporanea, con sede nell´ex Provveditorato di via Settembrini, Palazzo Donnaregina, acquistato il 13 marzo dalla Regione. Siederà al tavolo di Santa Lucia anche l´architetto portoghese Alvaro Siza, al quale è affidato il ripensamento degli interiors del futuro museo. Fuchs, felice di tornare a lavorare accanto a Siza, che aveva proposto per l´ampliamento dello Stedelijk di Amsterdam quando ne era direttore, ha già replicato a una
polemica aperta dal soprintendente Spinosa. I due si sono idealmente stretti la mano, ma la polemica resta aperta: il responsabile di Capodimonte ieri non sapeva nulla della presentazione di Santa Lucia. Lo storico dell´arte olandese anticipa la sua idea sul museo, dopo l´intervento di Bassolino che sulle pagine di Repubblica ha chiarito il progetto della Regione.
«Non dev´essere un altro bel gesto come il Guggenheim di Bilbao. Nessuno sa che dagli anni ´30 lì esisteva già un museo, a pochi passi dal complesso progettato da Gehry. La sua gigantesca scultura ha schiacciato un´attività preesistente e perfettamente funzionante. Spero che qui vada diversamente. Che si crei un nesso con i galleristi e con Capodimonte, il museo nel quale in città si è cominciato a parlare di arte contemporanea. Quanto a me, posso solo essere uno specchio, con la mia esperienza. Lo immagino non come un museo locale, ma capace di elevare le espressioni locali su livello internazionale». Il nuovo museo trova terreno fertile, anche in una città che non ha mai difeso i propri artisti: un pubblico attento e in crescita, come quello che mercoledì alla Feltrinelli ha affollato la presentazione organizzata da Lia Rumma del catalogo di
«Quartapittura», il laboratorio sperimentale dell´Accademia, e una settimana prima aveva assistito all´inaugurazione della mostra di Niele Toroni da Artiaco. «Mi sembra che questo sia il modo più giusto di procedere nella costruzione del nuovo museo- commenta il gallerista di piazza dei Martiri - La struttura deve testimoniare una storia degli ultimi 50 anni del contemporaneo a Napoli. Se le parole di Fuchs troveranno accoglienza presso chi organizzerà, credo di poter dire che tutti gli operatori culturali saranno soddisfatti. Le
nostre perplessità erano infatti proprio sull´identità di questo museo, e mi rassicura il proposito di non imitare Bilbao, un´immensa macchina che potrebbe trovarsi ovunque». I seimila metri quadrati di esposizione saranno
completati entro il 2005, il primo rapporto è stato stabilito con la collezionista Ileana Sonnabend, che possiede importanti opere di Pop Art e Arte povera. Si muove anche Palazzo Roccella, che ha già ricevuto 40 proposte
per il logo del centro dedicato al contemporaneo.!
Eletrix no está en línea   Reply With Quote
Old September 4th, 2004, 12:45 AM   #10
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

Riqualificazione urbana
FINANZA DI PROGETTO PER L’APPRODO TURISTICO: VIA AI LAVORI. OPERE PER 94 MILIONI, 320 POSTI DI LAVORO
Vigliena rinasce con il Porto Fiorito
di Roberto Miele
Porto turistico di Vigliena: al via i lavori. Oltre 94 milioni di euro per un’area di quarantacinque ettari. Il project financing della società Porto Fiorito si appresta a realizzare un waterfront portuale da ottocentocinquanta posti barca. Nelle prossime settimane la presentazione dei progetti esecutivi. Entro cinquantaquattro mesi la realizzazione.


Napoli Est cambia volto. Per il waterfront portuale di San Giovanni a Teduccio è pronto il primo project financing della Provincia di Napoli. La società Porto Fiorito scarl, aggiudicatrice della gara d’appalto indetta da Palazzo San Giacomo, entra nella fase operativa con un investimento di 94 milioni di euro. E nei prossimi novanta giorni, il completamento della stesura dei progetti esecutivi dell’opera. Quindi entro il 2004 il via ai lavori. Il cantiere si presenta come l’offerta diportistica più grande e completa del Sud Tirreno, e prevede una duplice tipologia di interventi: una interna alle aree interessate alla concessione (445 mila metri quadri), e l’altra esterna. Per le zone interne, poi, occorre fare una ulteriore suddivisione tra l’area a mare (circa 286 mila metri quadri) e l’area a terra (oltre 159 mila metri quadri). Il progetto delle opere a mare, firmato dall’urbanista Michele di Natale, programma la realizzazione di un bacino protetto da moli e corredato da banchine di attracco per ben ottocentocinquanta posti barca, attorno ai quali attivare una rete di attività cantieristiche, artigianali e commerciali.
Per il progetto delle opere a terra, firmato dall’ex preside di Architettura Uberto Siola, si procede alla costruzione di una torre di controllo del traffico, uno spazio-eventi (circa duemila metri quadrati), e due aree attrezzate per la soste degli autoveicoli (milletrecento posti al coperto, settecento all’aperto). Sono previste, inoltre, una club house, aree verdi e di stoccaggio, una pompa carburante, e servizi idrici, elettrici, telefonici e antincendio. E ancora: attrezzature sportive e commerciali e per l’artigianato. Quindi, a completamento dell’opera, il recupero di parte dell’ex opificio dismesso Corradini, e una zona rimessaggio per la manutenzione e il ricovero delle imbarcazioni.
“Il progetto — commenta il vice sindaco Rocco Papa — va considerato alla luce dell’attenzione che il Comune ha prestato all’area est della città nell’approvazione della delibera alla Variante al Piano regolatore generale”. Le opere infrastrutturali esterne alle aree interessate alla concessione, date in consegna all’Amministrazione comunale dopo il collaudo, consistono in una strada di collegamento, con piazza, tra la via Ponte dei Granili e l’area in concessione, un molo per l’attracco aliscafi, la passeggiata a mare, e la sistemazione della foce dell’alveo di Pollena. Adesso, per la realizzazione del project financing - per la cui attuazione ha giocato un ruolo importante l’associazione dei costruttori (Acen) guidata da Ambrogio Prezioso -, la Porto Fiorito deve presentare, entro novanta giorni, la stesura dei progetti esecutivi, mentre il Comune e l’Autorità portuale hanno trenta giorni per rilasciare le concessioni.
La società consortile presieduta da Vincenzo Maiello (vedere sotto la tabella delle aziende) oltre a costruire lo scalo per i diportisti, avrà anche il compito di gestirlo per i prossimi quarant’anni (mentre per le aree di proprietà comunale, la durata della concessione è di novantanove anni). I lavori partiranno entro fine anno, e saranno ultimati tra cinquantaquattro mesi. L’impatto occupazionale? Seicentocinquanta addetti nella fase di costruzione e trecentoventi nella gestione diportistica. “La città — conclude il sindaco Rosa Russo Iervolino — potrà finalmente realizzare anche i più ambiziosi programmi di sviluppo”.


--------------------------------------------------------------------------------
L’operazione in cifre

Area intervento a terra - 159.283 metri quadrati
Area intervento a mare - 285.565 metri quadrati
Numero posti barca - 850
Lunghezza media barche - 13 metri
Numero posti auto da realizzare - 1.276
Superfici per artigianato,cantieristica e commerciali - 22.825 metri quadrati
Importo opere, al netto costi tecnici e Iva - 81.300.000 euro
Investimenti complessivi privati - 93.994.000 euro
(Iva esclusa)
Durata concessione demaniale - 40 anni
Durata costruzione - 54 mesi
Occupazione in fase di costruzione - 650 addetti
Occupazione a regime della gestione - 320 addetti


L’operazione Porto Fiorito è il primo project financing realizzato nella Provincia di Napoli


--------------------------------------------------------------------------------
Le aziende protagoniste

- Calabrese Ing. Antonio
- Credendino costruzioni spa
- F.C.Lme srl
- Idea Mare spa
- Iter Gestioni e appalti spa
- Italia Navigando (società di Sviluppo Italia)
- Marina di Portisco spa
- Mga Costruzioni spa
- Romano costruzioni sas
- Savarese costruzioni spa
- Schiavo & C. spa
- Vetrano Salvatore & co. sas


La società consortile presieduta da Vincenzo Maiello realizzerà e gestirà l’approdo turistico di Vigliena





15-06-2004
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 4th, 2004, 12:46 AM   #11
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

FS: AL VIA LAVORI NUOVA STAZIONE NAPOLI GIANTURCO
Napoli, 3 ago. (Adnkronos) - Inizieranno giovedi' prossimo i lavori di potenziamento infrastrutturale del Passante ferroviario di Napoli centrale con la costruzione della nuova stazione di Napoli Gianturco. Ad eseguire i lavori sara' Rfi, la societa' dell'infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato. I lavori, comunica la Rete ferroviaria, rappresentano un'ulteriore fase degli interventi di potenziamento del Passante ferroviario di Napoli e della penetrazione urbana della linea Alta velocita' Roma-Napoli.
(Sia/Gs/Adnkronos)
03-AGO-0411:42
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 4th, 2004, 12:48 AM   #12
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

9/8/2004

Napoli: un concorso per la riqualificazione di via Marina

Napoli - Nell’ambito della procedura di gara finalizzata alla selezione dei progettisti per la “Riqualificazione di via Marina e la realizzazione della nuova linea tranviaria” si è svolta nelle scorse settimane, presso la Casa della Città, la conferenza di presentazione dell’area oggetto dell’intervento. Il progetto di riqualificazione di via Marina è inserito nel più ampio Progetto Integrato Territoriale Città di Napoli finanziato dalla Regione Campania con i fondi del Por. Gli altri progetti inseriti nel Pit Napoli sono la realizzazione del sottopasso di via Acton – la cui progettazione è stata affidata al gruppo Arup – la riqualificazione del Borgo degli Orefici e dell’area monumentale intorno a piazza Municipio e la realizzazione del Parco della Marinella.
L’importo dell’intervento di via Marina è di circa 18 milioni di euro, mentre la gara di progettazione ha un importo di circa 1.500.000,00 di euro.
Il bando di gara a procedura ristretta, scaduto lo scorso maggio, prevedeva che tra tutte le domande pervenute venissero selezionati sei gruppi che entro la prima metà di settembre dovranno presentare un offerta.
Nella conferenza, alla quale sono stati invitati a partecipare i sei gruppi selezionati, sono stati illustrati esaurientemente i diversi aspetti di questo complesso intervento.
Va sottolineato che dei sei gruppi selezionati ben cinque sono stranieri, in particolare sono: l’Halcrow Group Limted di Londra, la Syntra di Parigi, la metropolitana Milanese Spa, la Wilmotte & Associes di Parigi, la Senior ingenieria y systemas di Madrid e l’Arcadis di Arnhem (Olanda). “Con questo incontro – ha dichiarato il vicesindaco di Napoli Rocco Papa – compie un ulteriore passo avanti l’attuazione del Pit Napoli. Per la prima volta, data la complessità dell’opera e l’attenzione che l’Amministrazione rivolge a questo intervento, si è deciso di procedere attraverso una procedura di gara a selezione ristretta che offre maggiori garanzie rispetto alla qualità dei progettisti che dovranno, entro la prima metà di settembre, presentare una proposta metodologica sulle modalità, sui tempi e sulle professionalità che intendono coinvolgere per lo svolgimento dell’incarico di progettazione. La massiccia partecipazione di gruppi stranieri alla gara è inoltre un’ulteriore conferma di come Napoli vada affermandosi, anche in questo settore, in ambito internazionale".

edilio.it
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 4th, 2004, 12:50 AM   #13
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

Nella ex Cirio nasce l’Ateneo modello Tokio
Sarà il gruppo giapponese Ishimoto a firmare le nuove facoltà di Ingegneria e Giurisprudenza a Napoli Est nell’ex stabilimento della Cirio: oggi la presentazione del progetto all’Università Federico II. Potrà ospitare diciottomila studenti il nuovo insediamento universitario della Federico II nella zona orientale di Napoli, dove avranno sede i corsi di Ingegneria e Giurisprudenza. Ad aggiudicarsi la gara internazionale di progettazione del polo accademico è stata vinta dal gruppo giapponese Ishimoto: sarà lo stesso presidente della holding, Michio Sugawara, a illustrare il progetto stamattina nell’aula magna storica di corso Umberto. Il nuovo insediamento sorgerà al posto del vecchio stabilimento industriale della Cirio. In Italia il famoso studio di urbanisti nipponici, fra l’altro, firma anche il progetto per la nuova sede del Politecnico Universitario di Milano alla Bovisa (e in Giappone ha realizzato importanti edifici pubblici). Alla cerimonia di oggi intervengono il rettore dell’Ateneo Guido Trombetti, il presidente della Giunta regionale Antonio Bassolino e il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino.

23-07-2004

denaro.it
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 4th, 2004, 12:52 AM   #14
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

finanza di progetto
ASTALDI: FINIREMO NEL 2008.
INVESTIMENTO DI 187 MILIONI: GIUSTINO, GIRARDI E COPPOLA NEL POOL DI IMPRESE
Ospedale del Mare, i lavori a dicembre
di Gilda Mautone
Via al project financing per l’Ospedale del Mare a Ponticelli: i lavori cominceranno a dicembre e si concluderanno nel 2008. A gestirli è un’associazione d’imprese guidata da Astaldi: l’investimento ammonta a 187 milioni. Ieri, alla Regione, la presentazione del progetto.


Prende forma l’ospedale del mare di Napoli: I lavori sono affidati al temine di una gara europea, ad un'associazione temporanea di imprese di cui è capofila il gruppo Astaldi - consorziato con Siemens, Giustino, Coppola e Girardi - cui spetta la fase attuativa degli espropri dei terreni nel quartiere di Ponticelli, area ad est di Napoli, dove sorgerà il nosocomio; espropri per i quali il Comune ha già avviato le procedure burocratiche dopo l'identificazione dei proprietari dei suoli, e che dovrebbero procedere senza intoppi, dato che non c'è abitato. L'ospedale, costruito secondo linee guida del ministero della Salute e di Renzo Piano (al progetto lavora lo studio del napoletano Pasquale Manduca), consta di quattro edifici immersi nel verde. Uno è l'ospedale, con 450 posti letto (dicui il 50 per cento in camera singola) per le degenze lunghe e diciassette sale operatorie; un secondo ha funzioni di albergo per parenti dei pazienti, ma anche per degenze low care, con 50 posti letto. Il terzo edificio è la palazzina in cui vengono accorpati gli uffici, mentre il quarto è un centro commerciale.
“In quest’ottica — avverte Riccardo Giustino, imprenditore edile partenopeo consorziato con Astaldi — abbiamo previsto una serie di percorsi nei quali far fluire le diverse anime dell’ospedale, quasi ipotizzando a tavolino quali potessero essere i percorsi, le esigenze e la vita dei pazienti, dei familiari, del personale e dei visitatori all’interno dell’ospedale e per garantire il massimo del comfort e della funzionalità”. “Tra i tre progetti approdati alla fase finale di valutazione — spiega Maria Triassi, ordinario di Igiene alla Federico II e membro della commissione che ha valutato i progetti — abbiamo premiato quello elaborato da Astaldi in quanto è risultato il più aderente agli obiettivi dell’idea di Renzo Piano”.
L’ospedale del Mare è destinato a riassorbire i posti letto e il personale di tre presidi ospedalieri della Asl Napoli 1 con una riduzione netta di trecento posti letto: il Loreto Mare diventerà sede di un Pronto soccorso attivo e degli uffici amministrativi della Asl, l’Annunziata, che residuerà in ambulatori pediatrici specialistici territoriali e l’Ascalesi che si specializzerà in day hospital oncologico. All’ospedale del Mare, che sorgerà nell’area Est, nella zona di Ponticelli di intercettare una parte di quell’utenza che oggi ingossa le file della migrazione sanitaria verso altre regioni e altre Asl campane e è destinata a fornire servizi sanitari d'eccellenza non solo al capoluogo campano e allaregione, ma anche a utenti di regioni limitrofe.
Le risorse per la costruzione dell'ospedale sono ricavate da un project financing con un investimento di 187 milioni di euro, di cui 118.400.000 da fondi nazionali e regionali (63 per cento) e il resto (37 per cento) coperto dal concessionario privato che per venticinque anni gestirà tutti i servizi non sanitari. Si creeranno inoltre quattrocentottanta posti di lavoro non legati alla sanità subito e seicento a regime. Ieri la presentazione del progetto con il presidente della Regione Antonio Bassolino, l’assessore regionale alla Sanità Rosalba Tufano, il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino, il manager della Asl Napoli 1 Angelo Montemarano e il direttore dell’Arsan Bruno de Stefano
--------------------------------------------------------------------------------
Il progetto in cifre

- Realizzazione: Project financing affidato ad una associazione temporanea di imprese di cui è capofila il gruppo Astaldi - consorziato con Siemens, Giustino, Coppola e Girardi
- Finanziamenti: 187.520.000 euro, di cui 118.400.000 da fondi nazionali e regionali (63 per cento) e il resto (37 per cento ) coperto dal concessionario privato che per venticinque anni gestirà tutti i servizi non sanitari.
- Progetto: le linee guida di Renzo Piano vengono rielaborate dagli assegnatari dell’opera. lo studio di architettura è quello del napoletano Pasquale Manduca
- Posti letto: 500, di cui 333 per la degenza ordinaria in camera singola, 80 per day hospital e day surgery, 37 per degenza di terapia intensiva e 50 per degenza di low care, per i pazienti bisognosi di terapie a bassa intensità di breve-medio tempo.
- Area di realizzazione: Ponticelli, area ad est di Napoli
- Posti di lavoro: all’avvio dei lavori 480 non legati alla sanità e 600 a regime.
- Servizi: eliporto, uffici bancari e postali, farmacia, edicola, bar e negozi e una struttura alberghiera dotata di 150 posti letto, per i parenti dei pazienti e il personale sanitario.
- Inizio dei lavori: dicembre del 2004
- Fine dei lavori: febbraio del 2008
- Ospedali riconvertiti: Loreto Mare (diventerà pronto soccorso attivo e sede degli uffici amministrativi della Asl Napoli 1), Ascalesi (l’ala moderna diventerà centro oncologico ambulatoriale, l’ala antica che ospita un antico convento tonerà al patrimonio artistico del Comune, Annunziata (la parte moderna ospiterà servizi distrettuali e ambulatori specialistici per la pediatria, la parte antica tornerà al patrimonio artistico del Comune.
- Posti letto dei tre ospedali riconvertiti: 800
- Riduzione posti letto prevista: 300

Il nuovo maxi-ospedale avrà diciassette sale operatorie e servirà la periferia orientale di Napoli con i Comuni limitrofi

30-07-2004

denaro.it
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 4th, 2004, 12:56 AM   #15
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

Università Parthenope

Il complesso in realizzazione al Centro Direzionale, integralmente assistito dai necessari finanziamenti, costituirà la sede definitiva delle Facoltà di Scienze Nautiche e di Ingegneria.

L'edificio in costruzione consisterà in una torre di otto livelli fuori terra, per complessivi mq. 20.776.

robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 6th, 2004, 03:12 PM   #16
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

Il piano per Bagnoli

Nel 1996 il consiglio comunale del comune di Napoli, approva la Variante al PRG, che disciplina per l’intera Zona Occidentale un Progetto di Riqualificazione Urbana.
Il 15 aprile 1998 la Giunta Regionale della Campania con decreto n. 4741 approva definitivamente la Variante per la Zona Occidentale al PRG.
Il 13 dicembre 2000 con delibera 4098 la Giunta del Comune di Napoli, ai sensi della variante di cui sopra, propone il Piano Urbanistico Esecutivo (PUE). Il PUE, in maniera particolareggiata, specifica le scelte della Variante, ne definisce la precisa collocazione territoriale e quantitativa, ne esplicita i contenuti economici. Conferma e qualifica in modo preciso, l’obiettivo che il comune di Napoli si è posto nella riconversione dell’ex sito industriale di Bagnoli, di creare cioè un insediamento a bassa intensità abitativa,con un’alta qualità ambientale nel quale trovino posto funzioni anche altamente rappresentative, per il rinnovamento di Napoli.
Il PUE si propone di ripristinare le straordinarie condizioni ambientali che furono cancellate con la costruzione della grande fabbrica, ma al tempo stesso (a differenza della Variante), intende conservare la memoria del recente passato produttivo, anche per il significato che esso ha avuto nella formazione di una cultura del lavoro per tutta la città di Napoli. Il PUE propone quindi di realizzare un grande sistema di attrezzature per il tempo libero, per lo sport, la cultura ed il godimento della natura.
Il 6 novembre 2003 il PUE è stato approvato accogliendo alcune proposte di modifica presentate ed approvate nel corso del dibattito del Consiglio Comunale di Napoli.

info
http://www.comune.napoli.it/urbana/h...ro_puebagn.htm
http://www.bagnolifutura.it/default.asp
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 7th, 2004, 12:53 PM   #17
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

Centro servizi Cis (Renzo Piano)

Al centro del Mediterraneo, a pochi km da Napoli, sorge il sistema interportuale di Nola, l'unica realta' intermodale gia' operativa in Italia meridionale e anche la piu' grande.
Tre milioni di mq di superficie, di cui circa 700.000 coperti, 24 km di viabilita' interna, 354.000 mc di magazzini frigoriferi, una stazione ferroviaria elettrificata, un terminal intermodale di circa 225.000 mq, il CIS, il piu' grande Centro all'ingrosso d'Europa, il Centro Servizi progettato da Renzo Piano.
L'integrazione di questi elementi fanno del sistema interportuale di Nola un caso unico nel suo genere: lo stoccaggio e la movimentazione all'ingrosso e le proposte del centro Servizi costituiscono il momento unico di un'attivita' che e' punto di riferimento di cittadini comuni oltre che delle aziende industriali, agroalimentari, commerciali e di servizi.
Il ruolo centrale che il mar Mediterraneo ha riacquistato rispetto ai flussi mondiali del trasporto merci, rende il Sud Italia e quindi il sistema interportuale di Nola uno dei punti nodali delle grandi direttrici di collegamento:
- la Nord-Sud, tra Europa Centrale, Nord Africa ed i paesi del vicino Medio oriente;
- la Est-Ovest, che attraverso il canale Suez ed il Mediterraneo collega i paesi dell'estremo Oriente con l' Europa occidentale.
Il sistema interportuale di Nola rappresenta quindi il crocevia dei traffici nell' Europa meridionale ed un passaggio fondamentale per la razionalizzazione dei processi di raccolta e distribuzione delle merci.
Le dotazioni strutturali, offrendo qualita' ed efficienza, permettono di svolgere molteplici funzioni rivolte all'offerta dei servizi connessi con le attivita' del trasporto merci e dell'intermodalita'.
Il Sistema interportuale di Nola e' stato progettato per movimentare a regime fino ad un potenziale di oltre 30 milioni di tonnellate di merci all'anno.
Oltre 300.000 mq di magazzini coperti sono destinati alla manipolazione e allo stoccaggio delle merci.
I circa 400.000 mq del CIS sono dedicati alla distribuzione all'ingrosso.
I 236.000 mq di piazzali permettono la sosta contemporanea di circa 3000 Tir.
A servizio dell'intero Interporto, un complesso di opere infrastrutturali costituiscono un sistema viario di 24 km tra strade e viadotti.

robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 7th, 2004, 01:00 PM   #18
smog
Utonto Registrato
 
Join Date: May 2004
Location: Milano
Posts: 13
Likes (Received): 0

Quote:
Originally Posted by robyk
L'edificio in costruzione consisterà in una torre di otto livelli fuori terra, per complessivi mq. 20.776.

Uhm, torre non mi sembra la definizione più appropriata, vista la forma.
smog no está en línea   Reply With Quote
Old September 7th, 2004, 02:07 PM   #19
robyk
ITALY
 
Join Date: May 2004
Location: Torino
Posts: 620
Likes (Received): 8

Il recupero della nave romana a Napoli

Iniziata la delicata estrazione della nave scoperta durante i lavori di scavo della metropolitana. Il restauro all'interno di un deposito a Piscinola

Sarà sollevata oggi e trasferita in un centro per il restauro una delle due barche, di epoca romana trovate durante gli scavi per la costruzione della stazione Municipio della metropolitana di Napoli.
Le operazioni di sollevamento - al via oggi alle 13, alla presenza del governatore della Campania, Antonio Bassolino, del sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo, del presidente della Provincia di Napoli, Riccardo Di Palma, del vice sindaco di Napoli Rocco Papa, del soprintendente Stefano De Caro, della soprintendente per i Beni Archeologici Valeria Sanpaolo e del presidente della Metropolitana di Napoli Giannegidio Silva - riguarderanno una barca, della lunghezza di 12 metri e del peso di circa 21 tonnellate, compresa l’intelaiatura di supporto.
La barca è stata preparata per il trasporto con un rivestimento in vetroresina. La gru è dotata di un braccio lungo 14 metri in grado di effettuare, dopo il sollevamento, una rotazione completa per disporre il reperto sul carrello che la trasporterà per il restauro nel deposito di Piscinola di proprietà comunale attrezzato per il restauro.
La seconda barca rinvenuta nello scavo, della lunghezza di 13,50 metri e del peso 25 tonnellate compresa l’intelaiatura di supporto, verrà rimossa domani mattina.
Con questa operazione si chiude la fase dello scavo archeologico che ha dato tanti risultati sia dal punto di vista archeologico che storico-culturale «contribuendo - si sottolinea in una nota del Comune - a mettere in luce aspetti significativi dell’evoluzione urbanistica della città.
Entro 30 giorni, completate le ultime operazioni di rilievo che interesseranno soprattutto l’analisi delle tracce del dragaggio dell’area portuale effettuata in epoca romana, riprenderanno a pieno regime i lavori per la realizzazione della nuova stazione Municipio della Linea 1 della Metropolitana..

7/9/2004

lagazzettadelmezzogiorno.it
robyk no está en línea   Reply With Quote
Old September 7th, 2004, 10:03 PM   #20
Eletrix
Tutto il resto è fuffa.
 
Eletrix's Avatar
 
Join Date: May 2004
Location: Paris [x] Milan [ ]
Posts: 4,086
Likes (Received): 105

Bravo ROBYK!!!!! Ottimo lavoro!!!
Non sapevo di questi altri progetti! Lidea dell'Università Parthenope al Centro Direzionale mi piace MOLTO
Eletrix no está en línea   Reply With Quote


Reply

Tags
area metropolitana, campania, italia, italy, naples, napoli, progetti, projects

Thread Tools
Rate This Thread
Rate This Thread:

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 02:34 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.8 Beta 1
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.2.5 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2014 DragonByte Technologies Ltd.

vBulletin Optimisation provided by vB Optimise (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2014 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us | privacy policy | DMCA policy

Hosted by Blacksun, dedicated to this site too!
Forum server management by DaiTengu