TARANTO | Porto - SkyscraperCity
 

forums map | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Infrastrutture e Trasporti > Porti, navi ed infrastrutture correlate


Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old November 26th, 2010, 05:28 PM   #1
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

TARANTO | Porto



DISTANZE DAI PORTI


ROTTE PRINCIPALI
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”

Last edited by legolego; November 26th, 2010 at 05:36 PM.
legolego no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old November 26th, 2010, 05:38 PM   #2
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

18/11/2010

Piastra logistica del porto di Taranto l'ok dal Cipe

Giovedì 18 Novembre 2010 13:45

La soddisfazione del presidente della Provincia di Taranto per l’atteso provvedimento Piastra logistica, ok dal Cipe. Florido: vittoria del territorio Sbloccati i fondi per la piastra logistica del porto di Taranto. A dare il definitivo via libera al progetto è stato questa mattina il Cipe. L’investimento complessivo ammonta a 218 milioni di euro. Ecco il commento del presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido: “E’ una notizia che la Terra Ionica attendeva ormai da tanto, troppo tempo. Finalmente possiamo dire che qualcosa di concreto si sta mettendo in moto per rilanciare le ambizioni dello scalo tarantino.

Da presidente della Provincia prendo atto con soddisfazione dell’impegno profuso dai parlamentari locali e dalla Regione Puglia, in particolare dal governatore Nichi Vendola e dall’assessore regionale Guglielmo Minervini. Come si ricorderà, anche la Consulta dello Sviluppo, che riunisce gli enti locali e le associazioni di rappresentanza del mondo sociale ed economico, aveva a più riprese ribadito l’importanza di questo progetto per il futuro del nostro territorio. Dopo l’atteso via libera del Cipe è ora il momento di rafforzare quello spirito unitario che ha caratterizzato il nostro operare nel supremo interesse della Terra Ionica. Quella odierna è insomma una vittoria della nostra comunità. Sono convinto che anche grazie alla piastra logistica, il nostro porto potrà ora giocare un ruolo di primissimo piano nella sfida della competizione globale”.

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Novembre 2010 14:48

[passionerossoblu]
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old November 27th, 2010, 12:59 AM   #3
Alicata Dilecta
Registered User
 
Alicata Dilecta's Avatar
 
Join Date: Dec 2009
Location: Licata Sabbiadoro
Posts: 3,692
Likes (Received): 106

si vede un bel panorama del porto dalla ferrovia,ma a quanto risalgono i lavori del porto container del mar grande?
Alicata Dilecta no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old November 29th, 2010, 05:10 PM   #4
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

NUOVA PIASTRA PORTUALE DI TARANTO

Il progetto “Piastra portuale di Taranto” si colloca nel contesto di una nuova strategia di sviluppo dei porti nazionali che prevede la trasformazione del porto di Taranto in Hub portuale. L’opera è relativa alla realizzazione della piastra portuale di Taranto sulla base del progetto presentato dal soggetto promotore l’Ati composto da Grasseto Lavori Spa, Grandi Lavori Fincosit Spa, Logsystem Srl. In particolare i lavori sono relativi a:

�� Ampliamento del IV sporgente.
�� Darsena a Ovest del IV sporgente.
�� Realizzazione strada dei Moli.
�� Logistica integrazione sistema Transeuropeo.






[P.I.S. 07/2010]
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old January 30th, 2012, 05:15 PM   #5
JB Colbert
In the Grid.
 
JB Colbert's Avatar
 
Join Date: Jul 2009
Location: Stuttgart, Mannheim
Posts: 568
Likes (Received): 19

News a riguardo?
I lavori sono partiti?

Mi pare che la Evergreen avesse intenzione di trasformare taranto nelle Rotterdam del Mediterraneo.
Idea abortita?

Grazie in anticipo!
JB Colbert no está en línea   Reply With Quote
Old April 16th, 2012, 11:14 AM   #6
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

12.04.12

Quote:
Le prospettive per il porto di Taranto


Alla Presidenza del Consiglio, a Roma, sarà siglato l’accordo sullo sviluppo dei traffici container tra il terminalistra Tct e l’autorità portuale e, al castello aragonese, sarà messa la firma sotto un protocollo d’intesa tra i rappresentanti del porto di Rotterdam e di Taranto. Si tratta di due accordi industriali che pongono le premesse per portare lo scalo ionico fuori dalle secche nelle quali s’è incagliato, con i suoi 604 mila teu movimentati nel 2011, lontani dagli 892 mila del 2006 e lontanissimi dagli otto milioni del porto olandese.

Sulla falsariga del «Memorandum of understanding» firmato sei mesi fa con l’autorità portuale di Shenzhen, anche con Rotterdam l’obiettivo di Sergio Prete, presidente dell’Authority, è avviare e consolidare i rapporti commerciali. Nel marzo del 2010 fu l’allora commissario Salvatore Giuffrè a mettere le basi di un rapporto produttivo con Rotterdam incentrato su un programma di scambi e sinergie in grado creare linee di traffici che arrivino fino a Taranto o che da qui raggiungano Rotterdam in modo che gli olandesi completino loro linee commerciali già attive.

Sindacati e istituzioni, alla vigilia di investimenti per centinaia di milioni destinati a migliorare le infrastrutture, pretendono da Evergreen un piano industriale che chiarisca programmi ed obiettivi. Il patto con Hutchinson prevede interventi strutturali che integrano e completano quelli della piastra portuale mediante il consolidamento della banchina, nuove gru con bracci da 24 metri, per un investimento complessivo di una quarantina di milioni, indispensabili per operare sulle navi da 14 mila teu e oltre.

Per ospitare queste portacontainer Tct ha chiesto di portare i fondali a 16.50, ma solo per una lunghezza di 900 metri della banchina, essendo sufficiente per il restante chilometro la profondità di 14.50-15 metri. A Evergreen tocca consolidare e incrementare i traffici. Superato il momento negativo legato alla crisi internazionale di due anni fa, il gestore del molo polisettoriale deve recuperare quote di mercato facendo innanzi tutto ritornare a Taranto le linee container trasferite in Grecia otto mesi fa.
[stradeautostrade.it]
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old January 3rd, 2013, 04:47 PM   #7
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,899
Likes (Received): 5003

Nei primi undici mesi del 2012 il traffico nel porto di Taranto è diminuito del 13,5%

Movimentate complessivamente oltre 32,9 milioni di tonnellate di merci

Nei primi undici mesi del 2012 il porto di Taranto ha movimentato un traffico di oltre 32,9 milioni di tonnellate di merci, con una flessione del 13,5% sul corrispondente periodo dell'anno precedente. Gli sbarchi sono ammontati a 19,9 milioni di tonnellate (-17,6%) e gli imbarchi a 12,7 milioni di tonnellate (-7,4%).

Nel solo comparto delle merci varie il traffico è stato complessivamente di 8,8 milioni di tonnellate (-23,3%), di cui 1,8 milioni di tonnellate di merci containerizzate (-58,6%) con una movimentazione di 123.355 container teu (-57,5%) e 7,1 milioni di tonnellate di merci convenzionali (-2,8%).

Nel settore delle rinfuse il traffico è stato di 24,1 milioni di tonnellate (-9,2%), di cui 19,4 milioni di tonnellate di rinfuse solide (-3,7%) e 4,7 milioni di tonnellate di rinfuse liquide (-26,3%).




http://www.informare.it/news/gennews...-mesi-2012.asp
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old February 13th, 2014, 12:52 PM   #8
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

Quote:
Lo stato di avanzamento delle opere nel porto di Taranto


...
Tutti gli interventi programmati per il potenziamento dell’infrastrutturazione portuale a supporto dello sviluppo dei traffici containerizzati e della logistica sono in avanzato stato di completamento del proprio iter tecnico amministrativo.

L’analisi puntuale condotta dall’Assessore e dal Presidente Prete ha messo in evidenza che:
nell’ambito della Piastra Portuale di Taranto, le 5 opere previste (strada dei moli, ampliamento del IV sporgente, darsena a Ovest del IV sporgente, Piattaforma Logistica e Vasca di contenimento dei fanghi ad ovest di Punta Rondinella), ricevute le ultime autorizzazioni da parte della Provincia di Taranto sull’impianto di trattamento dei fanghi “rossi” di dragaggio, sono tutte a lavori già iniziati o in fase di consegna delle aree agli appaltatori:

Il dragaggio e l’approfondimento dei fondali al Molo polisettoriale con connessa vasca di colmata dei fanghi, ha concluso l’iter procedurale della Valutazione di Impatto Ambientale e si è solo in attesa del Decreto che, al momento, è alla firma del Ministro Bray del MIBAC e del Ministro dell’Ambiente Orlando, al quale rimarrà da firmare il conclusivo propedeutico Decreto di cui all’art. 5 bis della legge 84/94.

Il consolidamento / adeguamento dell’esistente banchina del Molo polisettoriale ha già visto l’aggiudicazione definitiva della gara e nonostante il ricorso al TAR del secondo e terzo classificato, il 5 di marzo, con la discussione del merito si avrà contezza del contraente con il quale sottoscrivere il contratto.

La riqualificazione del molo polisettoriale in radice, conclusa la conferenza dei servizi con esito positivo ed ottenuto da parte del Comune di Taranto il provvedimento di autorizzazione paesaggistica è in corso la redazione del progetto esecutivo.

Per la nuova diga foranea il progettista incaricato dalla TCT Spa sta adeguando il progetto alle prescrizioni del Comitato Tecnico Amministrativo del provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche.

Il potenziamento degli esistenti collegamenti ferroviari del porto, ultimate le attività di progetto da parte di RFI, è in attesa degli esiti sulla Notifica degli Aiuti di Stato. Verrà tuttavia richiesto ad RFI di avviare comunque le procedure di gara con le opportune clausole di salvaguardia.

Al fine di rendere leggibili e trasparenti le evidenze degli atti amministrativi di ogni progetto, il Commissario Prete ha presentato in anteprima all’Assessorato il nuovo sito internet: “futureport” che verrà attivato nelle prossime settimane, a disposizione della Comunità Tarantina e Pugliese tutta, per monitorare in tempo reale l’avanzamento delle attività.
...
http://online.stradeeautostrade.it/n...00014021399005
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old February 24th, 2014, 10:47 AM   #9
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

Quote:
Passo avanti per la riqualificazione del Porto di Taranto


È arrivata anche la firma del ministro dei Beni culturali uscente, Massimo Bray, al decreto relativo alla Valutazione di impatto ambientale per i dragaggi nel porto di Taranto. L'assenza di questa firma aveva finora impedito al decreto - essenziale per l'appalto dei lavori e già siglato invece dal ministro dell'Ambiente Andrea Orlando - di andare avanti. Adesso resta da sistemare un ultimo tassello: il decreto del ministro dell'Ambiente che perfeziona e completa tutto l'iter.Decreto che l'Autorità portuale attende a breve, anche perché il testo è già pronto.
È stato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a spingere su Bray affinché firmasse il decreto sui dragaggi.

Un intervento da 85 milioni di euro che serve a portare la profondità dei fondali antistanti il molo polisettoriale a 16,50 metri per un tratto di banchina di 1200 metri, in modo da consentire l'attracco di portacontainer più grandi. Questo decreto era atteso già per metà dicembre ma, di rinvio in rinvio, si è arrivati a metà febbraio. E non è finita: ora l'Autorità portuale dovrà dare l'ok al progetto e poi effettuare la gara di appalto. Due passaggi che porteranno via almeno altri cinque-sei mesi.

Dragaggi e ampliamento del molo polisettoriale, dove dal 2001 è insediato il terminal container che fa capo ad Hutchinson ed Evergreen, sono i due investimenti più importanti del progetto da 200 milioni di euro che riguarda quest'area specifica del porto. E se il dragaggio attende gli ultimi ok burocratici, l'ampliamento della banchina, benché appaltato a un gruppo di imprese, si è "impantanato" a causa del contenzioso aperto al Tar di Lecce dalle imprese classificatesi al secondo posto in graduatoria, le quali hanno contestato l'affidamento fatto dall'Authority. Il Tar, a sua volta, ha concesso la sospensiva - il cantiere dell'ampliamento doveva partire l'1 febbraio - e il 5 marzo ci sarà l'udienza di merito. Inoltre, al ricorso già formalizzato, potrebbe aggiungersene un secondo: quello del gruppo di imprese piazzatosi terzo in graduatoria.

Gli azionisti del terminal container subordinano la continuità della loro presenza nel porto di Taranto proprio a questi lavori e affermano che così com'è oggi, lo scalo non è competitivo. Volevano già andarsene tempo fa Hutchinson ed Evergreen. Poi si riuscì a trattenerli con un accordo che fissava a fine dicembre 2014 la conclusione dei lavori ritenuti necessari. Mesi fa, però, è stato necessario riprogrammare la scadenza, che ora è dicembre 2015.

Nel frattempo, il ministero della Coesione territoriale ha istituito anche un "Tavolo Taranto" per seguire da vicino l'andamento dell'accordo. La prossima riunione è fissata a Roma per il 25 febbraio. In questa sede si valuterà se i fanghi dei dragaggi possono essere collocati nella vasca di colmata della piattaforma logistica, l'altro gruppo di opere in fase di avvio nel porto. A fine maggio, infine, scade la cassa integrazione straordinaria a zero ore e a rotazione per 500 dei 560 addetti del terminal container cominciata un anno fa. Obiettivo è chiederne la proroga sino a fine 2015.
Italia & Mondo
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2014, 06:48 PM   #10
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

09.04.14

Quote:
Porto di Taranto, il Consiglio di Stato blocca di nuovo i lavori


Il Consiglio di Stato ha sospeso l'assegnazione dei lavori al consorzio di imprese che se li è aggiudicati a novembre - Cantieri costruzioni cemento, Icotekne e Salvatore Matarrese - e che appena il 3 aprile scorso, insieme all'Autorità portuale di Taranto, aveva ottenuto il via libera dal Tar di Lecce.

Quest'ultimo, infatti, aveva respinto il ricorso finalizzato ad invalidare l'assegnazione presentato dal consorzio stabile Grandi Lavori classificatosi al secondo posto nella graduatoria. Sconfitto al Tar, il consorzio stabile Grandi Lavori ha però immediatamente impugnato il dispositivo dei giudici - non sono state ancora depositate le motivazioni del 3 aprile - e presentato appello al Consiglio di Stato che immediatamente gli ha concesso la sospensiva e fissato al 6 maggio l'udienza di merito. Bene che vada, quindi, almeno un altro mese di blocco per la partenza di una delle opere più importanti per l'ammodernamento del terminal container, ovvero l'ampliamento e la riqualificazione della banchina del molo polisettoriale.

È oltre un anno che questo cantiere non riesce a partire. Prima l'opposizione, anch'essa al Tar, di un'altra impresa - terminal rinfuse - ubicata sulla stessa banchina, per niente propensa a trasferirsi in un'altra area del porto (ma in extremis l'accordo con l'Autorità portuale è stato trovato); poi la complessità delle procedure tecniche e amministrative che solo a novembre hanno portato l'Authority ad assegnare per 64 milioni di euro i lavori al raggruppamento tra Cantieri costruzioni cemento, Icotekne e Salvatore Matarrese; quindi, a gennaio, l'opposizione al Tar da parte del consorzio classificatosi secondo che ha poi ottenuto la sospensiva; ancora, l'udienza al Tar fissata per il 5 marzo, e poi aggiornata al 2 aprile per lo sciopero degli avvocati. Il 3 aprile arriva il verdetto del Tar di Lecce che conferma la legittimità dell'appalto così come l'aveva assegnato l'Autorità portuale di Taranto, arrivano anche i commenti positivi del sindaco, Ezio Stefáno, e della giunta comunale che finalmente vedono una schiarita, ma a strettissimo giro giunge pure la doccia fredda del Consiglio di Stato che ferma di nuovo tutto.

«Pensavamo alla possibilità di un ulteriore ricorso ma non così immediato», dicono dall'Autorità portuale. E aggiungono: «È chiaro che sino alla camera di consiglio del 6 maggio tutto si blocca. Non possiamo fare assolutamente nulla. Inoltre, dobbiamo anche controllare attentamente tutta la documentazione delle imprese che partecipano agli appalti. Sono documenti - dall'Agenzia delle entrate alla Procura - che chiede l'Authority, che hanno una scadenza temporale e se nel frattempo alcuni di essi dovessero scadere, bisogna rifare tutto daccapo».

Ma l'aspetto più importante è capire quale sarà, a questo punto, la reazione degli azionisti di Tct. In ballo è anche la proroga della cassa integrazione straordinaria sino a fine 2015 per 500 addetti della società del terminal container. Preoccupata per la piega che la vicenda dei lavori stava prendendo, già tempo fa Tct ha minacciato di abbandonare il porto di Taranto perché non più competitivo tant'è che ha trasferito alcune linee al Pireo.

In seguito, Tct è stata persuasa a restare a Taranto dietro l'impegno di ministeri, Regione Puglia e Authority che i lavori necessari all'area del terminal - oltre all'ammodernamento della banchina ci sono anche i dragaggi - si sarebbero fatti. A giugno 2012 fu quindi firmato un accordo generale nel quale Tct assicurò anche degli investimenti e si traguardò a fine 2014 la conclusione degli interventi per le infrastrutture. L'anno scorso, però, ci si è accorti che, tra ritardi e problemi vari, difficilmente la scadenza di fine 2014 sarebbe stata rispettata. E così l'accordo fu posticipato di un anno: fine 2015. Tappa che ora sembra in bilico. Nessuno, infatti, aveva probabilmente messo in conto che sul primo appalto assegnato si sarebbe scatenata una battaglia legale col risultato che un cantiere che l'Authority avrebbe voluto far partire ai primi di febbraio è costretto a rinviare la sua apertura.

L'Authority, intanto, sta completando l'esame del progetto per i dragaggi - nella zona antistante la banchina bisogna portare i fondali ad una profondità di 16,50 metri - e intende lanciare tra aprile e maggio il bando per la gara d'appalto. Ma chissà se quest'altro appalto, dell'importo di un'ottantina di milioni, avrà miglior fortuna del precedente.
Impresa e Territorio
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old May 6th, 2014, 07:29 PM   #11
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,899
Likes (Received): 5003

Il porto di Taranto ha chiuso il primo trimestre con una crescita del +10,1% del traffico merci



Nel primo trimestre di quest'anno il traffico delle merci movimentato dal porto di Taranto è aumentato del +10,1% essendo stato pari a 6,8 milioni di tonnellate rispetto ad oltre 6,1 milioni di tonnellate nel corrispondente periodo del 2013. Le merci allo sbarco sono ammontate a 3,8 milioni di tonnellate (-1,5%) e quelle all'imbarco a 3,0 milioni di tonnellate (+29,2%).

Nel segmento delle merci varie il traffico è stato complessivamente di 2,1 milioni di tonnellate (+45,0%), di cui 379mila tonnellate di merci containerizzate (-5,5%) totalizzate con una movimentazione di container pari a 41.549 teu (-3,0%) e 1,8 milioni di tonnellate di altre merci varie (+63,7%). Il volume delle rinfuse solide è cresciuto del +5,8% a 3,8 milioni di tonnellate, mentre quello delle rinfuse liquide è diminuito del +23,4% a 827mila tonnellate.

Nel solo mese di marzo del 2014 il porto pugliese ha movimentato 2,3 milioni di tonnellate di merci, con un calo del -9,2% rispetto a 2,6 milioni di tonnellate nel marzo dello scorso anno.




http://www.informare.it/news/gennews...marzo-2014.asp
__________________

brick84 liked this post
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old May 6th, 2014, 07:31 PM   #12
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,899
Likes (Received): 5003

Ad aprile il traffico nel porto di Taranto è aumentato del +16,8%



Lo scorso aprile il porto di Taranto ha movimentato complessivamente 2,3 milioni di tonnellate di merci, con un incremento del +16,8% rispetto a meno di due milioni di tonnellate nell'aprile 2013. Le merci allo sbarco sono ammontate a 1,5 milioni di tonnellate (+48,8%) e quelle all'imbarco a 821mila tonnellate (-16,0%). Il volume delle rinfuse solide ha registrato un aumento del +48,6% salendo a quasi 1,5 milioni di tonnellate, mentre le rinfuse liquide sono diminuite del -26,4% a 307mila tonnellate. Nel settore delle merci varie il traffico è stato di 535mila tonnellate (-6,6%), di cui 88mila tonnellate di merci containerizzate (-2,6%) e 447mila tonnellate di altre merci varie (-7,3%).

Nel primo quadrimestre del 2014 il porto pugliese ha movimentato un totale di 9,1 milioni di tonnellate di merci, con una crescita del +11,7% rispetto a 8,1 milioni di tonnellate nel periodo gennaio-aprile dello scorso anno. Gli sbarchi si sono attestati a 5,3 milioni di tonnellate (+8,9%) e gli imbarchi a 3,8 milioni di tonnellate (+15,8%). Il traffico di rinfuse solide è stato pari a 5,3 milioni di tonnellate (+15,0%) e quello di rinfuse liquide a 1,1 milioni di tonnellate (-24,3%). Le merci varie hanno totalizzato 2,7 milioni di tonnellate (+30,7%), di cui 467mila tonnellate di merci in container (-5,0%) e 2,2 milioni di tonnellate di altre merci varie (+41,8%).




http://www.informare.it/news/gennews...prile-2014.asp

Last edited by C0nTainEr; June 28th, 2014 at 01:28 AM.
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old August 3rd, 2014, 01:09 PM   #13
Tapae
Registered User
 
Join Date: Jan 2014
Posts: 119
Likes (Received): 97

E’ stata avviata oggi, 01.08.2014, la procedura di gara afferente l’affidamento dell’appalto per la progettazione esecutiva e realizzazione dei lavori del “Centro Servizi Polivalente per usi portuali al Molo S. Cataldo nel Porto di Taranto”, da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
Il quadro economico del suddetto intervento prevede un importo complessivo di € 12.755.000,00, di cui € 11.161.098,99 posto a base di gara. Con la realizzazione del Centro Servizi Polivalente, l’Autorità Portuale intende attivare un processo di riqualificazione del waterfront portuale e di integrazione tra città e porto, generando una continuità tra spazi pubblici e interconnessioni pedonali che dalla Città Vecchia si sviluppano fino al Borgo.
L’edificio polifunzionale assumerà, inoltre, il ruolo di Stazione marittima, nell’ottica di incentivare e supportare la utilizzazione turistica dello scalo ionico, e conterrà ampi spazi per attività direzionali dell’Autorità Portuale, per la promozione della cultura marittima, Auditorium Polifunzionale – Sala Convegni e spazi polifunzionali per attività espositive e didattiche.
Il progetto, il cui preliminare è stato acquisito nell’ambito di un concorso di progettazione, è stato redatto da un raggruppamento di professionisti guidati dal Prof. Rosario Pavia dell’Università di Chieti-Pescara.

Tapae no está en línea   Reply With Quote
Old August 4th, 2014, 11:12 AM   #14
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

un mix tra Salerno ed il MAXXI di roma?..vabeh..
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old September 26th, 2014, 12:50 PM   #15
legolego
Used
 
legolego's Avatar
 
Join Date: Feb 2009
Location: TORINO
Posts: 3,762
Likes (Received): 1194

Quote:
Porto Taranto, è tregua al terminal container. Assicurata parte del traffico


È tregua dopo il conflitto nel terminal container del porto di Taranto. Se resta per ora confermata la decisione di Evergreen, azionista del terminal insieme ad Hutchinson, di non inviare più già da questa settimana il traffico oceanico con le grandi navi, Taranto container terminal, la società che gestisce l'infrastruttura, fa invece un passo indietro rispetto all'annunciata decisione di sospendere l'operatività dai primi di ottobre. Tct continuerà infatti a mantenere una quota di attività anche nella fase di cantiere che dovrebbe presto interessare il terminal con una serie di lavori. Rimarrà il cosiddetto traffico locale dei container.

...

Nell'incontro si è anche concordato che l'Authority riverificherà i tempi dei lavori previsti, ovvero adeguamento della banchina del terminal e dragaggi, per cercare di accelerarli e che tutte le parti che nel 2012 hanno firmato l'accordo sul porto si impegneranno a rimuovere gli ostacoli sorti. Dal sindaco di Taranto, Ezio Stefàno, e dal governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, è intanto già partita al Governo la richiesta - condivisa nel vertice di ieri - di convocare le parti in ordine proprio all'accordo di due anni fa sul porto. Un'intesa che riguarda il rilancio del terminal e che in una fase critica per Taranto, non può esser vanificata, osserva Vendola. Avanza intanto l'ipotesi di verificare col ministero del Lavoro e la presidenza del Consiglio la possibilità di prorogare la cassa integrazione per i 570 addetti di Tct che scade a maggio prossimo, mese in cui i lavori al terminal non saranno certamente completati.

Sono stati proprio i ritardi nei lavori a portare Tct ed Evergreen a fermarsi. Tct dichiarando che, col cantiere in attività sulla banchina, non avrebbe potuto operare ma che avrebbe anzi approfittato per fare i lavori a suo carico, ovvero il revamping delle gru. Evergreen, invece, affermando che a causa di fondali poco profondi le nuove navi entrate in esercizio nella flotta non avrebbero più potuto attraccare a Taranto. Da parte del comitato portuale era stata quindi lanciata a Tct ed Evergreen una proposta per tener almeno una parte del traffico container, ma Tct l'aveva respinta contestando all'Authority una serie di inadempienze e rammentando che ci sono interventi attesi da oltre 12 anni, mentre l'adeguamento del terminal è in ritardo di 20 mesi sulla tabella di marcia prevista.

Ora per l'adeguamento della banchina l'Authority aspetta l'esito dell'ennesima udienza al Tar - è fissata per l'8 ottobre - a seguito della battaglia legale in atto tra i raggruppamenti di imprese classificatisi al primo e secondo posto della graduatoria della gara d'appalto. A Tct, l'Authority ha presentato un cronoprogramma che prevede che i primi 900 metri di banchina siano pronti entro dicembre 2015 e gli altri 300 metri entro aprile 2016. Per i dragaggi che porteranno i fondali a 16,50 metri, l'Authority ha aggiudicato i lavori nei giorni scorsi ma l'offerta avanzata dall'impresa è stata ritenuta anomala rispetto all'importo a base d'asta e alla tempistica e quindi nelle prossime settimane dovrà essere verificata con la stessa azienda.
Il Sole 24 Ore
__________________
“E' stata una sensazione quasi fisica, quando attraverso il tuo corpo ti rendi conto che certe idee, fantasie, comportamenti, non li riavrai mai piú, per colpa del peso che ti è caduto sulle spalle.”
legolego no está en línea   Reply With Quote
Old November 19th, 2014, 11:35 AM   #16
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,899
Likes (Received): 5003

Lo scorso mese il traffico delle merci nel porto di Taranto è diminuito del -1,1%




Lo scorso mese il traffico delle merci movimentato dal porto di Taranto ha registrato una flessione del -1,1% essendo ammontato a 2,25 milioni di tonnellate rispetto a 2,28 milioni di tonnellate nell'ottobre 2013. Le rinfuse si sono attestate a 1,74 milioni di tonnellate (+12,4%), di cui 1,34 milioni di tonnellate di rinfuse solide (+17,0%) e 399mila tonnellate di carichi liquidi (-0,9%). Le merci varie sono diminuite del -29,7% a 513mila tonnellate, di cui 43mila tonnellate di merci containerizzate (-75,6%) e 471mila tonnellate di altre merci (-15,5%).

Nei primi dieci mesi del 2014 il porto pugliese ha movimentato un totale di 23,56 milioni di tonnellate di merci, in calo del -1,1% rispetto a 23,83 milioni di tonnellate nel periodo gennaio-ottobre dello scorso anno. Le merci in importazione sono ammontate a 13,78 milioni di tonnellate (-5,7%) e quelle in esportazione a 9,78 milioni di tonnellate (+6,2%). Complessivamente le rinfuse sono state pari a 16,85 milioni di tonnellate (-4,4%), di cui 13,50 milioni di tonnellate di rinfuse secche (-4,1%) e 3,36 milioni di tonnellate di rinfuse liquide (-5,4%). Le merci varie si sono attestate a 6,7 milioni di tonnellate (+8,1%), di cui 1,69 milioni di tonnellate di merci containerizzate (+14,4%) totalizzate con una movimentazione di contenitori pari a 147.110 teu (-12,2%) e 5,02 milioni di tonnellate di altre merci varie (+6,2%).




http://www.informare.it/news/gennews...tobre-2014.asp
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old January 5th, 2015, 06:45 PM   #17
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,899
Likes (Received): 5003

A novembre il traffico delle merci nel porto di Taranto è cresciuto del +24,4%



Lo scorso novembre il porto di Taranto ha movimentato 2,2 milioni di tonnellate di merci, con una progressione del +24,4% rispetto a 1,8 milioni di tonnellate nel novembre 2013. Le merci allo sbarco sono ammontate a 1,4 milioni di tonnellate (+66,4%) e quelle all'imbarco a 841mila tonnellate (-11,9%). Complessivamente le rinfuse si sono attestate a 1,7 milioni di tonnellate (+52,4%), di cui meno di 1,4 milioni di tonnellate di rinfuse solide (+65,8%) e 374mila tonnellate di carichi liquidi (+17,8%). Nel settore delle merci varie il traffico è stato di 474mila tonnellate (-25,7%), di cui cinquemila tonnellate di merci containerizzate (-95,7%) e 469mila tonnellate di altre merci varie (-10,7%).

Nei primi undici mesi del 2014 il porto pugliese ha movimentato un totale di 25,8 milioni di tonnellate, con un incremento del +0,6% sul periodo gennaio-novembre del 2013. Le merci in importazione sono state pari a 15,1 milioni di tonnellate (-1,9%) e quelle in esportazione a 10,6 milioni di tonnellate (+4,5%). Le rinfuse solide sono ammontate ad oltre 14,8 milioni di tonnellate (-0,3%) e le rinfuse liquide a 3,7 milioni di tonnellate (-3,5%). Le merci varie si sono attestate a 7,2 milioni di tonnellate (+5,0%), di cui 1,7 milioni di tonnellate di merci in container (+6,6%) totalizzate con una movimentazione di contenitori pari a 148mila teu (-19,7%) e 5,5 milioni di tonnellate di altre merci varie (+4,5%).




http://www.informare.it/news/gennews...embre-2014.asp
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old January 14th, 2015, 05:36 PM   #18
Nick Fly
Nick Fly
 
Join Date: Jan 2015
Location: Taranto [ ] - Corato [X]
Posts: 742
Likes (Received): 206

Quote:
Originally Posted by Tapae View Post
E’ stata avviata oggi, 01.08.2014, la procedura di gara afferente l’affidamento dell’appalto per la progettazione esecutiva e realizzazione dei lavori del “Centro Servizi Polivalente per usi portuali al Molo S. Cataldo nel Porto di Taranto”, da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
Il quadro economico del suddetto intervento prevede un importo complessivo di € 12.755.000,00, di cui € 11.161.098,99 posto a base di gara. Con la realizzazione del Centro Servizi Polivalente, l’Autorità Portuale intende attivare un processo di riqualificazione del waterfront portuale e di integrazione tra città e porto, generando una continuità tra spazi pubblici e interconnessioni pedonali che dalla Città Vecchia si sviluppano fino al Borgo.
L’edificio polifunzionale assumerà, inoltre, il ruolo di Stazione marittima, nell’ottica di incentivare e supportare la utilizzazione turistica dello scalo ionico, e conterrà ampi spazi per attività direzionali dell’Autorità Portuale, per la promozione della cultura marittima, Auditorium Polifunzionale – Sala Convegni e spazi polifunzionali per attività espositive e didattiche.
Il progetto, il cui preliminare è stato acquisito nell’ambito di un concorso di progettazione, è stato redatto da un raggruppamento di professionisti guidati dal Prof. Rosario Pavia dell’Università di Chieti-Pescara.

Speriamo venga realizzato il più presto possibile...
__________________
Tre sono le città più belle del mondo: Budapest, Bucarest e.........!
Nick Fly no está en línea   Reply With Quote
Old January 27th, 2015, 07:09 PM   #19
Nick Fly
Nick Fly
 
Join Date: Jan 2015
Location: Taranto [ ] - Corato [X]
Posts: 742
Likes (Received): 206

Qualcuno ha aggiornamenti?
__________________
Tre sono le città più belle del mondo: Budapest, Bucarest e.........!
Nick Fly no está en línea   Reply With Quote
Old January 27th, 2015, 08:09 PM   #20
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,899
Likes (Received): 5003

Su quella struttura no...ma i dragaggi sono di nuovo fermi
Una storia impossibile, una vergogna che va a scapito dei lavoratori portuali e delle aziende dell'indotto.
Non stupiamoci se le compagnie vanno al Pireo, loro che possono se la filano via.
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 


Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 04:38 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions Inc.
vBulletin Security provided by vBSecurity v2.2.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us