CIVITAVECCHIA | Porto - Page 6 - SkyscraperCity
 

forums map | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Infrastrutture e Trasporti > Porti, navi ed infrastrutture correlate


Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old November 7th, 2014, 12:09 PM   #101
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 4,041
Likes (Received): 5003

Nei primi nove mesi del 2014 i porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta hanno movimentato 11,5 milioni di tonnellate di merci (-5,3%)




Nel terzo trimestre di quest'anno il traffico delle merci movimentato dai porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta è diminuito del -7,2% attestandosi ad oltre 4,1 milioni di tonnellate rispetto a 4,5 milioni di tonnellate nel periodo luglio-settembre del 2013. Le merci varie sono rimaste stabili a 1,3 milioni di tonnellate. Il volume delle rinfuse solide è cresciuto del +2,7% a 1,6 milioni di tonnellate e quello delle rinfuse liquide è calato del -23,4% a 1,2 milioni di tonnellate. Il traffico dei passeggeri dei traghetti è ammontato a 871mila persone (-0,7%) e i crocieristi sono stati 830mila (-12,1%).

Nei primi nove mesi del 2014 il sistema portuale laziale ha movimentato un totale di 11,5 milioni di tonnellate di merci, con una flessione del -5,3% rispetto a 12,2 milioni di tonnellate nel periodo gennaio-settembre dello scorso anno. Le merci varie si sono attestate a 3,6 milioni di tonnellate (+1,2%), di cui quasi 3,1 milioni di tonnellate di rotabili (-2,8%), 404mila tonnellate di merci in container (+17,6%) totalizzate con una movimentazione di contenitori pari a 48.911 teu (+16,0%) e 115mila tonnellate di altre merci varie (+162,6%). La movimentazione di autovetture è stata di 564mila unità (-0,9%). Le rinfuse liquide, costituite essenzialmente da prodotti petroliferi raffinati, sono state pari a 3,6 milioni di tonnellate (-14,5%). Nel comparto delle rinfuse solide il traffico è stato di 4,4 milioni di tonnellate (-1,9%), di cui 3,4 milioni di tonnellate di carbone (+4,1%), 352mila tonnellate di prodotti metallurgici, minerali e metalli (-32,4%), 151mila tonnellate di minerali grezzi, cementi e calci (-20,3%), 71mila tonnellate di prodotti chimici (-21,5%), 36mila tonnellate di fertilizzanti (+34,1%) e 370mila tonnellate di altre rinfuse solide (-1,1%). Nel settore dei passeggeri i traghetti hanno movimentato oltre 1,3 milioni di persone (-2,0%), mentre il traffico crocieristico è stato di 1,7 milioni di passeggeri (-0,1%).


http://www.informare.it/news/gennews...co-9M-2014.asp
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old November 27th, 2014, 12:57 PM   #102
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Approvata la zona franca nel retroporto di Civitavecchia, sara' attrattiva irresistibile per le merci:
http://www.tusciaweb.eu/2014/11/port...-delleconomia/
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old December 17th, 2014, 11:10 AM   #103
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Accordo con l'INTERPORTO QUADRANTE DI VERONA per un corridoio ferroviario CIVITAVECCHIA-VERONA:
http://www.trasporti-italia.com/mare...e-verona/19239
Sembrerebbe una news di poco conto, tuttavia molto in sordina il Porto di Civitavecchia si appresta non solo ad avere scambi con il proprio mercato di riferimento del centro Italia ma punta direttamente all'Interporto di Verona, la porta sui ricchi mercati Austriaci-Tedeschi.
La cosa non deve sorprendere visto che e' l'unico porto tirrenico in grado di dotarsi in tempi brevi di banchine commerciali adeguate per terminare merci delle grandi navi portacontainer ed e' in asse con Barcellona.
Ragionadoci su la rotta della grande nave portacontainer sarebbe quella di scaricare parte dei TEU a Civitavecchia e proseguire poi per Barcellona, con un economia di scala molto vantaggiosa nelle tempistiche rispetto ad altre soluzioni del Golfo Ligure.
E' CHIARO CHE TUTTO QUESTO E' BELLO MA SI PUO' REALIZZARE SOLAMENTE CON UN COLELGAMENTO FERROVIARIO RAPIDO ED EFFICENTE CON L'INTERPORTO DI VERONA!
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old January 11th, 2015, 07:31 PM   #104
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Accordo con il gruppo FIAT per circa 140.000 autovetture. Ricordiamo che attualmente il porto di Civitavecchia movimenta circa 700.000 veicoli/anno.
Dal punto di vista commerciale accordi con 10 scali marittimi USA:
http://www.ilfaroonline.it/2015/01/0...iaf-50558.html
__________________

brick84 liked this post
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old January 12th, 2015, 02:09 PM   #105
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 4,041
Likes (Received): 5003

Quote:
Originally Posted by spaziozero View Post
Dal punto di vista commerciale accordi con 10 scali marittimi USA:
Nuovo servizio Grimaldi da Civitavecchia al Nord America



Civitavecchia - Il gruppo Grimaldi inizia il 2015 con una novità assoluta: a partire dal mese di febbraio un nuovo servizio diretto collegherà il porto di Civitavecchia con gli scali nordamericani di Baltimora e Halifax per il trasporto di automobili ed altra merce rotabile. Il nuovo collegamento del gruppo è il primo servizio diretto e regolare tra il Mediterraneo e il Nord America per il settore ro/ro-car carrier. Grazie all’impiego di quattro navi ro/ro-car carrier che hanno una capacità totale di carico di 25.000 automobili, la nuova linea regolare garantisce un transit time di soli 13 giorni tra Italia e Nord America.

L’itinerario prevede, in sequenza, scali nei porti di Gemlik (Turchia), Bar (Montenegro), Civitavecchia, Baltimora (Usa), Halifax (Canada) ed Anversa (Belgio). Il nuovo collegamento sarà di supporto anche per l’export di Fiat Chrysler Automobiles (Fca). «Con questo servizio il porto di Civitavecchia, grazie al connubio con Grimaldi e Fca, diventa l’hub commerciale da cui far ripartire l’Italia», dichiara Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità portuale di Civitavecchia».

«Siamo molto contenti di consolidare, grazie all’impegno e lungimiranza del suo presidente Pasqualino Monti, la nostra partnership con il porto di Civitavecchia che ha saputo cogliere un’opportunità di ulteriore sviluppo dei propri traffici», dichiara Emanuele Grimaldi, amministratore delegato del gruppo Grimaldi. «Da italiani, ci riteniamo orgogliosi di poter contribuire, attraverso questo innovativo collegamento, alla promozione dell’export del “made in Italy” e alla ripresa della produzione automotive in Italia», aggiunge il fratello Gianluca, presidente del gruppo.

Il porto di Civitavecchia gioca un ruolo strategico nella fitta rete di collegamenti marittimi offerti dalla compagnia Grimaldi. Da oltre 10 anni, il servizio Euro-Aegean, dedicato al trasporto di auto nuove e merci rotabili, collega settimanalmente Civitavecchia con porti sia del Mediterraneo (Setubal, Valencia, Livorno, Salerno, Palermo, Pireo, Alessandria, Beirut, Tripoli, Lattakia, Mersin, Gemlik, Yenikoy) che del Nord Europa (Amburgo, Anversa, Portbury, Southampton e Flushing). Inoltre, Civitavecchia è uno scalo di primaria importanza nella rete di autostrade del mare offerte dal gruppo nel Mediterraneo Occidentale. Attualmente, la realtà partenopea collega regolarmente il porto di Civitavecchia con Barcellona, Porto Torres e Tunisi, per il trasporto di merci rotabili.


http://www.themeditelegraph.com/it/s...q4M/index.html
__________________

spaziozero liked this post
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old January 12th, 2015, 06:13 PM   #106
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Grazie Container per il post. Volevo infatti precisare meglio, ci sono diverse agenzie che riportano questa news, come adnkronos:
http://www.adnkronos.com/soldi/econo...YPiXJx8QN.html

L'accordo con la FIAT prevede il trasporto di circa 140.000 veicoli, in aggiunta ai 700.000 veicoli/anno.
" Le auto giungeranno in treno sino alla banchina già pienamente attrezzata e le auto saranno scaricate dai treni e imbarcate sulle navi che avranno una frequenza di viaggio settimanale verso Baltimora (Usa) e Halifax (Canada)."

Ritengo questa news importante in quanto apre due rotte nuove commerciali CIVITAVECCHIA - USA - CANADA. Poi vorrei sottolineare il fatto che GRIMALDI si stia muovendo bene. Probabilmente ha capito prima di altri armatori le potenzialita' di Civitavecchia. In effetti c'è da sottolineare la rapidita' dell'AUTORITA' PORTUALE DI CIVITAVECCHIA nel dare risposte concrete alle esigenze degli operatori economici. Rapidita' nel costruire darsene, attrezzare banchine, modificare gli antemurali, adeguare le procedure informatiche per accelerare i tempi degli sdoganamento. Tutto questo in Italia non e' scontato e sembra che a Civitavecchia ogni forma di esigenza trovi rapidamente la sua soluzione applicativa!
__________________

C0nTainEr liked this post
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old January 12th, 2015, 07:37 PM   #107
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 4,041
Likes (Received): 5003

Quote:
Originally Posted by spaziozero View Post
Grazie Container per il post. Volevo infatti precisare meglio, ci sono diverse agenzie che riportano questa news, come adnkronos:
http://www.adnkronos.com/soldi/econo...YPiXJx8QN.html

L'accordo con la FIAT prevede il trasporto di circa 140.000 veicoli, in aggiunta ai 700.000 veicoli/anno.
" Le auto giungeranno in treno sino alla banchina già pienamente attrezzata e le auto saranno scaricate dai treni e imbarcate sulle navi che avranno una frequenza di viaggio settimanale verso Baltimora (Usa) e Halifax (Canada)."

Ritengo questa news importante in quanto apre due rotte nuove commerciali CIVITAVECCHIA - USA - CANADA. Poi vorrei sottolineare il fatto che GRIMALDI si stia muovendo bene. Probabilmente ha capito prima di altri armatori le potenzialita' di Civitavecchia. In effetti c'è da sottolineare la rapidita' dell'AUTORITA' PORTUALE DI CIVITAVECCHIA nel dare risposte concrete alle esigenze degli operatori economici. Rapidita' nel costruire darsene, attrezzare banchine, modificare gli antemurali, adeguare le procedure informatiche per accelerare i tempi degli sdoganamento. Tutto questo in Italia non e' scontato e sembra che a Civitavecchia ogni forma di esigenza trovi rapidamente la sua soluzione applicativa!
La facilità di operatività che sottolinei è concreta e veritiera.
È però strettamente legata alle diverse interpretazioni delle leggi che disciplinano i comportamenti delle autorità portuali, in particolare la legge 84/94, che vengono applicate in maniera diversa un po' in tutti gli scali.
La dove la magistratura tiene più al guinzaglio le autorità portuali, Genova, Livorno e Ravenna in primis, ma anche altri scali, le procedure burocratiche di ogni natura sono più lunghe e farraginose.
In altri scali, Civitavecchia e La Spezia soprattutto, ma anche Trieste e Savona sotto alcuni aspetti, le stesse cose si fanno con procedure più semplici, più immediate e meno lunghe.
Questo anche per quanto concerne la riscossione dei canoni demaniali, dove in alcuni porti si pagano solo sui capannoni, in altri su tutte le aree operative, scoperte e coperte.
Insomma, nel rispetto delle stesse leggi, alcuni porti sono più liberi di altri.
Ti faccio alcuni esempi pratici.
A La Spezia, una banchina ad uso commerciale è stata riconvertita, con solo un'ordinanza di Forcieri, in banchina ad uso croceristico, da un giorno all'altro, provocando lo spostamento di alcune navi da Livorno e da Genova, che paradossalmente non potrebbero fare altrettanto con lo stesso iter.
A Savona, l'autorità portuale ha acquistato una società in grave crisi finanziaria per 20 e passa milioni di euro, quando secondo la legge, queste authorities non possono partecipare ad altre aziende che non siano direttamente coinvolte nella gestione delle banchine, e difatti, il porto di Genova sta tentando da anni di vendere le sue quote nell'aeroporto Colombo, non potendole più detenere per legge.
E rimango in Liguria perché è la realtà che più mi riguarda, ma ci sarebbe molto da dire sulle trecentenarie concessioni rinnovate a Trieste (alla faccia della libera concorrenza), e tanto altro, anche nel Lazio.
Genova paga gli scandali recenti del multi purpouse e della Bettolo, che le hanno messo costantemente addosso gli occhi delle procure.
Questo per fare un discorso generale, per parlare un po', anche perché sottolineo che in ogni caso, Spezia come Civitavecchia e tutti gli altri agiscono nel rispetto della legge.
Solo che si tratta di testi oramai vetusti, non più adatti e facilmente interpretabili.
Anche per questo motivo serve una seria riforma della portualità.
__________________

spaziozero liked this post
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old January 12th, 2015, 11:55 PM   #108
Cordero Luca
Registered User
 
Join Date: Apr 2006
Posts: 1,004
Likes (Received): 158

le navi che portano le 25.000 auto in nordamerica cosa trasposrtano al ritorno ?
Cordero Luca no está en línea   Reply With Quote
Old January 13th, 2015, 10:39 PM   #109
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Quote:
Originally Posted by C0nTainEr View Post
La facilità di operatività che sottolinei è concreta e veritiera.
In altri scali, Civitavecchia e La Spezia soprattutto, ma anche Trieste e Savona sotto alcuni aspetti, le stesse cose si fanno con procedure più semplici, più immediate e meno lunghe.
Leggo spesso i tuoi interventi sempre molto interessanti.
Per l'argomento in questione in effetti ricordo che Pasqualino Monti ci disse che LaSpezia e Civitavecchia devono lavorare in sinergia e penso che sono due porti che devono collaborare ancora di piu' tra loro, con tutto il rispetto per Livorno che ha i ben noti problemi ai fondali sabbiosi.

Cordero Luca, le navi al ritorno non so cosa trasporteranno, cerchero' di informarmi. Certo non ritorneranno vuote.

Ho trovato questo link:
http://ro-ro.internationalshippingusa.com/Home.aspx
Per $ 900 offrono il servizio dai seguenti porti (New York, NY - Norfolk, VA - Baltimore, MD) <----> CIVITAVECCHIA ITALY.
Fa un certo effetto vedere il nome CIVITAVECCHIA associato a porti americani e non come abituati a vedere a Olbia o Cagliari.

Last edited by spaziozero; January 13th, 2015 at 11:32 PM.
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old January 13th, 2015, 11:39 PM   #110
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 4,041
Likes (Received): 5003

Quote:
Originally Posted by spaziozero View Post
Leggo spesso i tuoi interventi sempre molto interessanti.
Per l'argomento in questione in effetti ricordo che Pasqualino Monti ci disse che LaSpezia e Civitavecchia devono lavorare in sinergia e penso che sono due porti che devono collaborare ancora di piu' tra loro, con tutto il rispetto per Livorno che ha i ben noti problemi ai fondali sabbiosi.
Ahahah ti ringrazio
Da serioso mi considero mediamente palloso, logorroico e prolisso, sono contento che qualcuno riesca ogni tanto a finire un mio post senza sbadigliare
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old January 16th, 2015, 03:48 PM   #111
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 4,041
Likes (Received): 5003

Civitavecchia, il gruppo Orsero avvia un collegamento con il Sud America



Civitavecchia - E’ partito oggi, con l’arrivo della prima nave dell’armatore ligure Cosiarma (gruppo Orsero), il collegamento settimanale con Guatemala, Costa Rica e Colombia, che da solo, nel 2015, farà arrivare nelle celle reefer della Cfft (Civitavecchia Fruit & Forest Terminal) 120.000 tonnellate di banane e ananas. «Con questo nuovo accordo commerciale – commenta il presidente dell’Autorità portuale Pasqualino Monti – il porto di Civitavecchia diventa lo scalo di riferimento dell’Italia Centro-Meridionale per il settore agroalimentare, anche grazie agli impianti e insediamenti realizzati direttamente in banchina. Si tratta del consolidamento di un traffico già importante, che consentirà la creazione di nuovi posti di lavoro ed è un altro segnale concreto di una ripresa già in atto per l’economia portuale e del territorio».

«Grazie all’azione del presidente Monti ed alla sinergia con l’Autorità portuale – afferma l’amministratore delegato della Cfft, Steven Clerckx - abbiamo ottenuto una serie di garanzie circa l’affidabilità del porto di Civitavecchia che ci hanno consentito di vincere la concorrenza di operatori di altri scali, portando qui anche importanti marchi come Chiquita e Simba. La soddisfazione è maggiore se si pensa che per noi si tratta della prima linea settimanale dell’armatore Cosiarma, che utilizzerà navi ro-ro per il trasporto containerizzato della frutta, che nello scarico della merce consentiranno di avere una resa 3 volte superiore rispetto a quella delle navi tradizionali lo-lo. Per ogni ciclo di operazioni nave-terminal utilizzeremo complessivamente oltre 50 persone». Nel 2015 il traffico delle banane nel porto di Civitavecchia farà registrare il record di 250.000 tonnellate, confermando il trend di crescita che nel 2013 ha fatto registrare 100.000 tonnellate, arrivando a 165.000 nel 2014.


http://www.themeditelegraph.com/it/t...4cN/index.html
__________________

spaziozero, xadrez liked this post
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old January 16th, 2015, 08:09 PM   #112
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Ti ringrazio Container per l'informazione che ignoravo.
Cosa sta succedendo al porto di Civitavecchia?
Sembra stia "esplodendo": nuove rotte, nuovi traffici! DAVVERO INCREDIBILE!
Da queste parti non si erano mai viste cose simili nel settore commerciale delle merci, abbiamo la bavetta in bocca.
Capiteci.... queste news ci fanno davvero sognare.
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old January 17th, 2015, 08:08 AM   #113
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

In effetti dato il bacino di utenza è incredibile che fino ad oggi Civitavecchia sia rimasto un porto di seconda fascia. Il settore Auto ro/ro si consoliderà negli anni. Ci sono spazi enormi da razionalizzare e investimenti da fare. La Agenzia delle Dogane è una delle più proattive della portualità italiana, vicina agli operatori, un punto di forza.
__________________

spaziozero liked this post
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old February 1st, 2015, 01:53 PM   #114
Emilo
Registered User
 
Emilo's Avatar
 
Join Date: Feb 2008
Location: Roma
Posts: 1,920
Likes (Received): 1188

http://www.dire.it/lazio/10165-porto...smo-merci.dire

CIVITAVECCHIA - "Siamo a livelli entusiasmanti". Il porto di Civitavecchia a 360 gradi, dal traffico merci al transito passeggeri, fino al dato sull'occupazione. "Risultati di cui siamo felici- spiega all'agenzia Dire Pasqualino Monti, il presidente dell'Autorità portuale che riunisce anche Fiumicino e Gaeta- con i numeri che parlano da soli nei tre anni della mia gestione".

Tracciando un bilancio, quello che si è appena chiuso è stato un anno "in forte tenuta rispetto alle crescite conseguite nel 2012 e nel 2013. E ce lo aspettavamo, perché nel 2013 si sono praticamente conclusi i lavori di grande infrastrutturazione di una zona del porto, in anticipo rispetto alla data di consegna prevista, e che inevitabilmente hanno creato qualche problema soprattutto per il traffico merceologico". Quindi nel 2014 "abbiamo registrato circa 21 milioni di tonnellate di merce sbarcata nel porto, attestandoci in linea con le cifre dell'anno precedente". La parte più complicata è alle spalle, fa capire Monti, "e con queste nuove strutture, ad esempio due banchine, 100mila mq di piazzale e il prolungamento dei binari, abbiamo potuto far arrivare la Fiat". Il servizio da febbraio collegherà grazie al gruppo Grimaldi il porto di Civitavecchia con gli scali nordamericani di Baltimora e Halifax, per il trasporto di automobili e altra merce rotabile: un supporto anche per l'export di Fca per il trasporto dei nuovi modelli Fiat 500X e Jeep Renegade.

Degli ultimi giorni anche l'accordo con l'armatore genovese Cosiarma, "con cui incrementiamo di 120mila tonnellate il traffico ortofrutticolo che ci vede a questo punto hub di riferimento nel nostro Paese e in tutto il Mediterraneo".

I dati snocciolati da Monti fanno sorridere anche il settore crocieristico, "con previsioni di prenotazioni in crescita dell'8% che ci faranno toccare nel 2015 un +12% di traffico rispetto allo scorso anno. Sarà un altro record per il nostro porto, il primo del Mediterraneo". Insomma, "andiamo nella giusta direzione". Del resto i "nostri tre pilastri sono pianificare, realizzare opere in tempi rapidi e aggredire commercialmente il mercato 'riempiendo' di merci quelle che sono le nuove strutture create". Infatti, spiega il presidente dell'Autorità portuale, "la partita che ho lanciato dall'inizio è stata quella di puntare non solo al traffico passeggeri per Civitavecchia ma, come porto di riferimento della Capitale, a servire anche il mercato di consumo".

A questo riguardo "abbiamo sempre in piedi il grande progetto del terminal container, con un investimento privato di circa 386 milioni di euro". Grandi cifre che si legano a quelle sull'occupazione. "Nel 2010 le persone assunte erano 5.198, e ora sono diventate circa 6.800 nei tre anni, lo sottolineo, di peggiore crisi che il nostro Paese ha affrontato". Il 2015 "è già cominciato bene- aggiunge Monti- con 90 lavoratori in più a regime a partire da febbraio grazie agli ultimi accordi stretti. Ci auguriamo che questo trend continui a crescere, anche grazie al terminal container con cui pensiamo di risolvere tutti i problemi di disoccupazione della zona intorno a Civitavecchia, per cui stimiamo un impegno per 3mila persone".

Per il futuro "stiamo aspettando la delibera dell'Agenzia delle dogane per la zona franca di Civitavecchia, che sarà un'occasione grazie a 5 milioni di metri quadrati di retroporto: un vantaggio competitivo rispetto a tutti gli altri scali con cui ci troviamo a competere".

Ma sotto la direzione di Monti ci sono anche i porti di Fiumicino e Gaeta. Per il primo la situazione è complessa: "esiste un progetto da 14 milioni di euro già deliberato per cui siamo però in attesa di partire per questioni burocratiche derivate dall'infrazione dell'Unione europea aperta nei confronti dell'Italia. Sono due anni che stiamo combattendo su questo fronte, speriamo venga trovata presto una soluzione".

A Gaeta invece "è partita un'opera da 33 milioni di euro che abbiamo ottenuto dal Cipe per infrastrutturare il porto. Questi grandi lavori- continua Monti- consentiranno innanzitutto un ingresso più semplice nel porto, poi 200mila mq di piazzali e infine di ospitare grandi navi da crociera grazie ai fondali portati a meno 12 metri. La nostra sfida è quella di portare il porto ad essere complementare a Civitavecchia: grazie alla bellezza del golfo e al mix straordinario sempre più richiesto tra enogastronomia e cultura, renderanno Gaeta sempre più toccata dalle navi da crociera".

L'unico grande impegno che Monti chiede alle istituzioni, infine, è quello di agire sulle vie di comunicazione. "Ne abbiamo grande bisogno. E non solo nel Lazio ma in tutto il Paese. Devo dire che la Regione è stata molto attiva in questi ultimi anni riguardo alle infrastrutture viarie. Certo la burocrazia ha un peso grandissimo ma è necessario- conclude- che le diverse modalità di collegamento dialoghino tra loro. Altrimenti si rischia di perdere quote di mercato, non all'interno del nostro Paese, ma sul piano estero e del Mediterraneo, dove abbiamo molti concorrenti".
Emilo no está en línea   Reply With Quote
Old February 1st, 2015, 01:54 PM   #115
Emilo
Registered User
 
Emilo's Avatar
 
Join Date: Feb 2008
Location: Roma
Posts: 1,920
Likes (Received): 1188

Chi mi sa dire, invece, quando inizeranno e finiranno i lavori per la nuova zona container? Nell'intervista non si dice. E magari sapere anche in quale zona sarà realizzata
Emilo no está en línea   Reply With Quote
Old February 3rd, 2015, 06:44 PM   #116
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Nel piano POT 2014-2016 si legge:
"L’incremento di operatività destinato a realizzarsi con l’entrata a regime della Nuova Darsena Traghetti (prevista per i 2015) e del Nuovo Terminal Contenitori (prevista per il 2017)..."
Tuttavia io sapevo che l'incremento legato in particolare all'entrata in servizio di queste nuove banchine di 1 km di lunghezza, con fondali di -18 e spazi retroportuali di 60 Ha era previsto entro il 2018.
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Old February 6th, 2015, 01:26 PM   #117
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

Quote:
Originally Posted by spaziozero View Post
Accordo con l'INTERPORTO QUADRANTE DI VERONA per un corridoio ferroviario CIVITAVECCHIA-VERONA:
http://www.trasporti-italia.com/mare...e-verona/19239
Sembrerebbe una news di poco conto, tuttavia molto in sordina il Porto di Civitavecchia si appresta non solo ad avere scambi con il proprio mercato di riferimento del centro Italia ma punta direttamente all'Interporto di Verona, la porta sui ricchi mercati Austriaci-Tedeschi.La cosa non deve sorprendere visto che e' l'unico porto tirrenico in grado di dotarsi in tempi brevi di banchine commerciali adeguate per terminare merci delle grandi navi portacontainer ed e' in asse con Barcellona. Ragionadoci su la rotta della grande nave portacontainer sarebbe quella di scaricare parte dei TEU a Civitavecchia e proseguire poi per Barcellona, con un economia di scala molto vantaggiosa nelle tempistiche rispetto ad altre soluzioni del Golfo Ligure.E' CHIARO CHE TUTTO QUESTO E' BELLO MA SI PUO' REALIZZARE SOLAMENTE CON UN COLELGAMENTO FERROVIARIO RAPIDO ED EFFICENTE CON L'INTERPORTO DI VERONA!

Ma su cosa si basano certe affermazioni (in rosso) sbalorditive?
__________________

C0nTainEr liked this post
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old February 6th, 2015, 01:30 PM   #118
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

Quote:
Originally Posted by Cordero Luca View Post
le navi che portano le 25.000 auto in nordamerica cosa trasposrtano al ritorno ?
auto
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old February 6th, 2015, 01:35 PM   #119
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 4,041
Likes (Received): 5003

Sta uscendo una discreta parentopoli a Civitavecchia, roba che si sussurava da mesi
Staremo a vedere come verranno valutate alcune situazioni un po' "particolari"
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old February 7th, 2015, 04:58 PM   #120
spaziozero
Registered User
 
Join Date: Dec 2010
Posts: 797
Likes (Received): 149

Strano che a Genova adesso ci si occupi di quello che accada a Civitavecchia.
http://www.comunicati-stampa.net/com...r-il-2019.html

"Altro obiettivo raggiunto è rappresentato dall’avvio della fase realizzativa del nuovo terminal container, alla base della “Piattaforma Lazio”, con caratteristiche oceaniche in grado di accogliere unità da 18 mila teus, e il nuovo ruolo nel traffico ortofrutticolo con l’ attivazione della prima linea diretta che l’ Italia avrà attraverso il porto di Civitavecchia avrà con il Guatemala, la Costa Rica e la Colombia attraverso l’ armatore genovese Cosiarma."

E' tutto li' che Civitavecchia si gioca il suo futuro su quelle tre paroline:
"UNITA' DA 18 MILA TEUS".
Vedremo... il fatto che la politica voglia far fuori Monti e' un fatto... probabilmente riusciranno a stoppare Civitavecchia ma sara' solo uno stop temporaneo e di breve periodo, a parer mio.

Perche' vi preoccupate di Civitavecchia? Genova e' Genova!
Pero' voglio ribadire l'economia di scala: il fatto che le unita' da 18.000 teus facciano in futuro tappa a Civitavecchia e proseguano per Barcellona e' un fatto piu' che importante direi "irresistibile". E' chiaro che Genova si dotera' di fondali adeguati in futuro per accogliere queste unita'. Pero' date a Cesare quel che e' di Cesare (o date a Traiano quel che e' di Traiano), e' innegabile che l'accoppiata CIVITAVECCHIA - BARCELLONA diventi molto appetibile per le tempistiche e le economie di scala che saranno messe in campo.
Se volete discutiamo anche di tempistiche e di fondali.

Last edited by spaziozero; February 7th, 2015 at 05:36 PM.
spaziozero no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 


Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 03:42 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions Inc.
vBulletin Security provided by vBSecurity v2.2.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us