Rientro economico per riscaldamento a pavimento - SkyscraperCity
 

forums map | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Altre discussioni > Progettare e costruire


Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old November 8th, 2016, 01:16 PM   #1
zulutown
Registered User
 
zulutown's Avatar
 
Join Date: Aug 2010
Posts: 169
Likes (Received): 76

Rientro economico per riscaldamento a pavimento

ciao,
l'anno prossimo dovrò forse rifare i pavimenti di casa, mi viene proposto dal mio termoidraulico di fiducia di approfittare della cosa per far il riscaldamento a pavimento.

- l'appartamento è piccolo: 60mq
- la zona non è particolarmente fredda (milano città - tra cerchia bastioni e circonvallazione esterna)
- in casa in orario di ufficio nn c'è nessuno. (quindi riscaldamento spento)

Attualmente ci son per le varie stanze un totale di 4 vecchi caloriferi in ghisa che seppure vecchi mi dicono siano buoni.
La caldaia è stata appena sostituita con una moderna a condensazione.

Domande:
1) che costo potrebbe avere quest'operazione? 60mq di posa di riscaldamenti a pavimento (considerate che ho già intenzione di rifare i pavimenti)
2) vorrei capire che risparmio di gas potrei avere. Anche se dovessi usufruire del 65% di agevolazione, ho forti dubbi che rientrerei da questo investimento in un numero ragionevole di anni.
3) come ulteriore vantaggio che vedo, oltre l'ipotetico risparmio di gas, c'è solo il non avere l'ingombro dei caloriferi, anche se in realtà son posizionati quasi tutti dietro porte, e quindi non sarebbero punti della casa davvero "utili" per far altro (una volta rimossi i caloriferi). Ci son altri vantaggi ?


grazie!
zulutown no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old November 8th, 2016, 01:20 PM   #2
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

Come stai messo con le quote in casa?, rifai completamente quindi anche il bagno e cucina? Appartamento di che anni? Sei certo delle condizioni delle strutture?
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 01:41 PM   #3
Pibbago
Sregistered user
 
Join Date: Sep 2012
Location: n.a.
Posts: 88

Ci sono un po' di elementi che rendono la soluzione del radiante sfavorevole nel caso in esame.

Generalmente l'efficacia concreta di un sistema radiante si ha soltanto in quegli edifici in cui è presente:

- tanta superficie disperdente
- molta finestratura,
- rapporto superficie libera/superficie coperta da arredi elevata.

Generalmente negli appartamenti condominiali queste 3 condizioni difficilmente si verificano, a meno di non abitare nel super attico terrazzato vista Alpi all'ultimo piano. Se poi abiti in un condominio di recente realizzazione, quindi isolato, peggio ancora (ma mi par di capire che si tratta di un edificio vecchio).

Consiglio: sostituire i radiatori con modelli nuovi e adottare un sistema di regolazione con valvole termostatiche elettroniche programmabili, tipo il sistema NOW della Irsap o il WiCAL della Caleffi.
__________________

jazzXVII, tom89 liked this post
Pibbago no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old November 8th, 2016, 01:57 PM   #4
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

In parte condivido, solo in parte.

In realtà trattandosi di un appartamento di 60 mq io sarei ancora più drastica : riscaldamento ad aria.
Con l'incentivo dello stato ti restituiscono pure il 65% in uno/due anni e ti ritrovi anche il condizionamento.
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 02:34 PM   #5
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Io posso solo dare la mia testimonianza di usufruttore.
Essendo una seconda casa non darei suggerimenti economici validi.
Inoltre qualche spunto tecnico da "regia" impiegata in ditta di riscaldamento.

Come comfort sono una strafigata, poter camminare sui pavimenti tiepidi e' bellissimo e senti la differenza quando vai in bagno, dove non potrai farlo a pavimento. Senti la differenza tra alloggio con aria in circolo e aria ferma, con meno polvere che gira.

Tieni conto che ha un inerzia termica enorme rispetto all'impianto a caloriferi: con i caloriferi riscaldi in poche ore, io con impianto a pavimento ci impiego da 7 a 12 ore

In un condominio, considerare il rischio che te lo buchino da sotto. Qualcuno rida pure, io sento quello che mi riporta la regia. Io ce l'ho in condominio, ma anche quello di sotto ce l'ha quindi spero abbia in testa il problema.
mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 02:45 PM   #6
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

Perchè mai non dovresti poterlo fare anche in bagno?

Non è questione di inerzia termica, ma semplicemente di temperature, il riscaldamneto a pavimento funziona a basse temperature, quindi ci mette più tempo a ridurre il delta termico, è anche vero però che con il riscaldamneto a pavimento non devi stare a riscaldare tutto il volume dell'ambiente.

Al massimo sei tu che te lo buchi, quello di sotto è decisamente impossibile, al massimo c'è il problema che nelle case degli anni '60 spesso facevano passare l'impianto elettico nell'indradosso del piano superiore, ma se ne accorgerebbe nel momento in cui sta rifacendo i pavimenti.

Dalla struttura che ha descritto, con i termosifoni in ghisa dietro le porte e non sotto le finestre, direi che sta parlano di una casa ben più vecchia, molto probabilmente con solai lignei.
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 02:55 PM   #7
zulutown
Registered User
 
zulutown's Avatar
 
Join Date: Aug 2010
Posts: 169
Likes (Received): 76

Grazie a tutti per i contributi.
Quote:
Originally Posted by Alice View Post
Come stai messo con le quote in casa?, rifai completamente quindi anche il bagno e cucina? Appartamento di che anni? Sei certo delle condizioni delle strutture?
Se per quote intendi altezza appartamento, credo 2,90m
Quando nel 2017 (o 2018) avrò i soldi farò bagno più pavimentazione di tutta casa e cucina (ma giusto il lavello e scarico... per i mobili della cucina servirà aspettare quando arriveranno ulteriori soldi in anni successivi)
Casa metà anni 50.

Quote:
Originally Posted by Pibbago View Post
Ci sono un po' di elementi che rendono la soluzione del radiante sfavorevole nel caso in esame.
"Radiante" intendi il riscaldamento a pavimento?


Quote:
Originally Posted by Alice View Post
In parte condivido, solo in parte.

In realtà trattandosi di un appartamento di 60 mq io sarei ancora più drastica : riscaldamento ad aria.
Con l'incentivo dello stato ti restituiscono pure il 65% in uno/due anni e ti ritrovi anche il condizionamento.
Ormai la caldaia l'ho già sostituita, anche io avevo pensato a soluzione "ad aria" abolendo del tutto il gas dall'appartamento. Però una serie di motivi (un po' lunghi da elencare) mi han portato per ora a mantenere soluzione gas.

In pratica ho abolito vecchio scaldabagno e vecchia caldaia (quest'ultima totalmente fuori norma) ho installato caldaia nuova a condensazione e raccordata alle tubature della vecchia caldaia. Fatto infine pulizia impianto. Il tutto per 2500 euro circa. Ora ho l'opzione che con 800 euro extra mi rifilettano i vecchi 4 caloriferi e ci mettono le valvole, e con 400 euro mi viene fatta la certificazione del tecnico che mi consentirà detrazione del 65% su intero importo dell'operazione (2500+800+400 = 3700 euro)

Quote:
Originally Posted by mariocesare View Post
Io posso solo dare la mia testimonianza di usufruttore. <cut>
Dalla tua testimonianza mi sembra di capire che apprezzi riscaldamento a pavimento, ma quando dici che ci metti molte ore a riscaldare casa, direi che me lo sconsigli, visto che casa mia di giorno è vuota... e arrivato a casa la sera la vorrei calda rapidamente.
zulutown no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 02:58 PM   #8
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Quote:
Originally Posted by Alice View Post
Perchè mai non dovresti poterlo fare anche in bagno?

Non è questione di inerzia termica, ma semplicemente di temperature, il riscaldamneto a pavimento funziona a basse temperature, quindi ci mette più tempo a ridurre il delta termico, è anche vero però che con il riscaldamneto a pavimento non devi stare a riscaldare tutto il volume dell'ambiente.

Al massimo sei tu che te lo buchi, quello di sotto è decisamente impossibile, al massimo c'è il problema che nelle case degli anni '60 spesso facevano passare l'impianto elettico nell'indradosso del piano superiore, ma se ne accorgerebbe nel momento in cui sta rifacendo i pavimenti.

Dalla struttura che ha descritto, con i termosifoni in ghisa dietro le porte e non sotto le finestre, direi che sta parlano di una casa ben più vecchia, molto probabilmente con solai lignei.
Sulla questione dei buchi, io riporto quanto sento dalla "regia". Ovvio che non e' un evento frequente, però e' un bel disastro. L'inerzia termica, a mia esperienza, ti fa escludere questo tipo di impianto per seconde case, se invece sei residente credo che il risparmio sia notevolissimo.

In bagno ci sono i tubi dell'acqua, quindi costruttore, idraulici e solita regia mi dicono che non si fa, avrebbe comunque percorso irregolare quindi non adatto. Peccato perché sarebbe ancora più gradevole, peraltro in bagno ci stai poco.

Il comfort e' davvero notevole, c'e' la temperatura che si vuole in basso, non in alto per i flussi di aria provocati dai radiatori. Elis, confermi?
mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 03:02 PM   #9
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

Non sei l'unico, maaaaa...io non so come spiegare alle persone che lasciare per 11 ore completamnete spento il riscaldamento in inverno è una cavolata assurda. Vuol dire far lavorare al massimo della temperatura poi quando arrivi, quindi spendendo molto di più, ma non avendone il comfort. Devi programmare il riscaldamento in modo da tenere acceso per più ore durante il giorno ma a più bassa temperatura, vedrai che risparmi e soprattutto avrai un comfot maggiore.
Ah, il riscaldamento di notte SI SPEGNE!!
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)

mariocesare liked this post
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 03:05 PM   #10
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Quote:
Originally Posted by zulutown View Post

Dalla tua testimonianza mi sembra di capire che apprezzi riscaldamento a pavimento, ma quando dici che ci metti molte ore a riscaldare casa, direi che me lo sconsigli, visto che casa mia di giorno è vuota... e arrivato a casa la sera la vorrei calda rapidamente.
Se pensi di spegnere di giorno e scaldare la sera, con quell'impianto SCORDATELO, semplicemente.

Tieni conto che io ho programmatore settimanale, quando vado anche d'inverno tengo a 8 gradi, il venerdì alle 18 porto la temperatura richiesta a 18°, e alle 8 di Sabato riporto a 8°: se arrivo sabato alle 10 trovo da 18,5° a 17° a secondo della temperatura esterna e porto a 21°, se no resta a 18 fino al we successivo.

Capisci quant'e' l'inerzia.

Però confort e risparmio molto interessanti. Nel tuo caso metterei sicuramente un programmatore almeno 24h e studierei il profilo migliore, probabilmente spegni alle 4 di notte e riaccendi alle 14/16
mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 03:08 PM   #11
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Quote:
Originally Posted by Alice View Post
Non sei l'unico, maaaaa...io non so come spiegare alle persone che lasciare per 11 ore completamnete spento il riscaldamento in inverno è una cavolata assurda. Vuol dire far lavorare al massimo della temperatura poi quando arrivi, quindi spendendo molto di più, ma non avendone il comfort. Devi programmare il riscaldamento in modo da tenere acceso per più ore durante il giorno ma a più bassa temperatura, vedrai che risparmi e soprattutto avrai un comfot maggiore.
Ah, il riscaldamento di notte SI SPEGNE!!
Quoto, tranne che di notte si spegne. L'impianto a pavimento non funziona così.

Devi studiarti il profilo migliore di temperatura richiesta conoscendo l'inerzia, con obiettivo (nel suo caso) 1) caldo dalle 7 alle 8 e dalle 17 alle 23 2) max risparmio 3) temperatura leggermente più bassa quando si va a dormire

Per complicarsi ulteriormente la vita c'e' anche il settaggio dei parametri PID, ma quello e' un lavoro davvero tosto, che fai con obiettivi ben precisi (cambi obiettivi, cambia tutto). Con inerzie cosi grandi per me il controllo PID e' una cacchiata, io non sono capace, setterei solo il P, e poi se vuoi avere profilo temperatura variabile durante la giornata non se ne parla.

Last edited by mariocesare; November 8th, 2016 at 03:18 PM.
mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 03:10 PM   #12
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

Quote:
Originally Posted by mariocesare View Post
Sulla questione dei buchi, io riporto quanto sento dalla "regia". Ovvio che non e' un evento frequente, però e' un bel disastro. L'inerzia termica, a mia esperienza, ti fa escludere questo tipo di impianto per seconde case, se invece sei residente credo che il risparmio sia notevolissimo.

In bagno ci sono i tubi dell'acqua, quindi costruttore, idraulici e solita regia mi dicono che non si fa, avrebbe comunque percorso irregolare quindi non adatto. Peccato perché sarebbe ancora più gradevole, peraltro in bagno ci stai poco.

Il comfort e' davvero notevole, c'e' la temperatura che si vuole in basso, non in alto per i flussi di aria provocati dai radiatori. Elis, confermi?
Confermo che sia più confortevole, e che se usato bene sia anche più economico nella gestione, di base di riscalda con più basse temperature per una superficie molto più vasta e per una altezza di circa 180, senza andare a riscaldare tutto il volume della stanza per moti convettivi ad alte temperature.
Il resto non lo confermo. I buchi di solito se li autofanno quelli che hanno ancora il vecchio sistema a pavimento condominiale, quelli di sotto come farebbero? Vuol dire che bucano la soletta in cemento passano tra i ferri e le le reti...mi sembra impossibile e non l'ho mai sentito.
In bagno io lo metto tranquillamente, solitamente si mette con un passo meno fitto. Tanto se il bagno devi rifarlo i tubi li farai passare dove nn danno noia. Consiglio sempre di integrare con uno scaldasalviette elettrico, perchè con doccia/vasca si riduce molto la superficie radiante.
Oggettivamente, su 60 mq sarei davvero dubbiosa seimbattermi in 'sta avventura, benefici/costi non valgono tanto la candela.
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 03:26 PM   #13
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Quote:
Originally Posted by Alice View Post
In bagno io lo metto tranquillamente, solitamente si mette con un passo meno fitto. Tanto se il bagno devi rifarlo i tubi li farai passare dove nn danno noia. Consiglio sempre di integrare con uno scaldasalviette elettrico, perchè con doccia/vasca si riduce molto la superficie radiante.
Oggettivamente, su 60 mq sarei davvero dubbiosa seimbattermi in 'sta avventura, benefici/costi non valgono tanto la candela.
Aggiungo solo che se si riesce a mettere anche in bagno, ne vale sicuramente la pena. Uscire dalla doccia e appoggiare i piedi nel pavimento tiepido...
Anche secondo me per 60 m2 e' un po' lussuoso.

PS.: altro suggerimento su base esperienza personale: ci sono delle specie di regolatori che credo permettano di differenziare la portata vano per vano. Farsi spiegare bene come funzionano e quale vano controllano Farsi fare impianto scaricabile e riempibile con antigelo, se si volesse spegnere per lunghi periodi e si e' in alloggio esposto / casa singola (il mio non lo e')
mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 04:16 PM   #14
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

Non è questione di lusso, io parlo di costo/rendimento. Sotto una certa dimensione non è cos' efficiente come impianto.
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)

jazzXVII liked this post
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 04:29 PM   #15
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Poi me lo vedo bene in una casa nuova.

Da noi nel cuneese le case nuove le fanno tutte così.

Trasformare un alloggio in un condominio, già solo come lavoro, immagino abbia senso per un alloggio medio grande, devi tirare via almeno 10 cm di fondo e poi rifarlo, no? Un lavoraccio
mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 04:58 PM   #16
Alice
e i 40 ladroni
 
Alice's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Posts: 118
Likes (Received): 3189

Tiri via quel che hai. Devi arrivare al massetto. Per quello chiedevo delle quote, se no ti ritrovi con un gradino all'ingresso.
__________________
- Ti do questa notizia in conclusione. Cumino è l'anagramma del mio nome...
- Più milanese di una toppa di naj-oleari (cit.)
- ...bah...non penso che...che le riscriverò...però oggi a casa ci sarei salito (anonimo romano)
- I give myself very good advice, but I very seldom follow it. Will I ever learn to do the things I should? (A.)
Alice no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 08:08 PM   #17
zulutown
Registered User
 
zulutown's Avatar
 
Join Date: Aug 2010
Posts: 169
Likes (Received): 76

In pratica deduco che è sconsigliabile nel mio caso o cbe comunque avrei un ritorno economico solo quando sarò già nella fossa.
zulutown no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 08:47 PM   #18
Pibbago
Sregistered user
 
Join Date: Sep 2012
Location: n.a.
Posts: 88

Occorre capire in che cosa consiste il risparmio. Con il radiante (nel senso di pavimento radiante) hai un miglioramento di tutti i rendimenti del sistema impianto: emissione (legato ai pannelli), regolazione (supponendo un termostato per ogni ambiente), distribuzione (rifai le reti e le isoli bene) e generazione (hai installato una nuova caldaia, sicuramente più performante di quella che avevi prima).

Ma alla fine se tu opti per i radiatori, ti accorgi di raggiungere più o meno gli stessi risultati: mantieni il miglioramento del rendimento di generazione e distribuzione (perché la caldaia l'hai cambiata e rifai comunque le reti); anche il rendimento di regolazione migliora se ogni corpo scaldante sarà dotato di valvola termosatica; il rendimento di emissione probabilmente sarà più basso rispetto al radiante, ma se la posizione dei tuoi radiatori è in corrispondenza delle pareti interne avrai perdite per emissioni contenute.

Quindi, in definitiva, il risparmio lo avrai sia che adotti il radiante, sia nel mantenere il riscaldamento a radiatori. La differenza la farà il costo dei materiali. Un buon sistema radiante a pavimento, completo di regolazione ambiente e massetto autolivellante*, ha dei costi che oscillano, indicativamente, tra 80 e 120 €/mq (fornito e posato). Con tutti gli svantaggi che ti sono stati elencati (ombre termiche, impossibilità di spegnere/attenuare, ecc.)

*do quasi per certo che avrai a disposizione pochi cm di massetto quindi l'autolivellante è obbligatorio.
Pibbago no está en línea   Reply With Quote
Old November 8th, 2016, 10:24 PM   #19
mariocesare
Orto contorto
 
mariocesare's Avatar
 
Join Date: Jul 2006
Location: Turin, Schapbach, Esfahan, Trapani, Alba, Vancouver, Loreto Aprutino, Khiva
Posts: 11,747
Likes (Received): 2908

Qualcuno mi spiega cosa sono tutti quegli aggeggini sulla cima dei tubi, che sembrano dei regolatori di qualcosa?

Posso provare ad avvitarli e svitarli? Che succede in quel caso? Dovrebbe esistere un disegno che indichi per ognuno dove va a finire il tubo?

mariocesare no está en línea   Reply With Quote
Old November 9th, 2016, 07:13 AM   #20
Pibbago
Sregistered user
 
Join Date: Sep 2012
Location: n.a.
Posts: 88

Sono dei regolatori di flusso, o flussimetri. Avvitando o svitando si imposta la portata d'acqua per ogni circuito radiante. Questo lavoro, in teoria, dovrebbe essere fatto dall'idraulico in fase di avviamento dell'impianto sulla base di una tabella delle portate redatta dal progettista termotecnico o dalla ditta di sistemi radianti (la quale però spesso specifica che non si assume responsabilità). Una volta tarati, i flussimetri, sempre in teoria, non dovrebbero essere toccati dall'utente.
Naturalmente è cosa buona e giusta indicare a pennarello o con un'etichetta i locali da servire per identificare con semplicità i circuiti. Anche in presenza di un progetto, non è detto che l'idraulico lo abbia seguito fedelmente (e purtroppo capita spesso). Se non dovesse essere segnato nulla, l'unica cosa che si può fare è questa: si chiude completamente un flussimetro, mentre gli altri rimangono aperti e dopo un po' (un bel po') sarà facile identificare l'unica zona/ambiente in cui il pavimento non è più caldo.
Pibbago no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 


Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 11:40 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions Inc.
vBulletin Security provided by vBSecurity v2.2.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us