AUGUSTA | Porto - Page 2 - SkyscraperCity
 

forums map | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Infrastrutture e Trasporti > Porti, navi ed infrastrutture correlate


Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old November 20th, 2014, 11:10 AM   #21
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

«Il Porto? E' strategico e unico»
Il nuovo commissario dell'Autorità portuale rassicura sul futuro della struttura
Mercoledì 19 Novembre 2014



Lo scalo augustano è il porto della Sicilia, ne è convinto il nuovo commissario della Port Authority, Alberto Cozzo, secondo il quale bisogna puntare al raggiungimento di obiettivi realmente concretizzabili, tenendo anche conto della situazione economica e senza inseguire sogni.
Nel corso di una conferenza stampa, ha esordito dicendosi onorato di aver assunto l'incarico alla guida di un porto unico, non solo nella nostra regione ma anche in Italia, essendo uno scalo industriale e commerciale. Intende dare continuità all'operato tracciato dal suo predecessore Enrico Maria Puia, oggi direttore generale dell'attività di sorveglianza delle Autorità portuali.
«Chi mi ha preceduto - ha sottolineato - è il massimo esponente della cultura marittima in Italia. Tutte le pratiche avviate andranno avanti nel corso del mio mandato». E in merito alla riforma della legge 84 del ‘94, che secondo il disegno inizialmente tracciato dal governo nazionale prevedeva la riduzione del numero delle autorità portuali in Italia commenta: «Non la temerei così tanto in virtù della posizione geografica di questo scalo e delle sue potenzialità che sono indiscutibili». Il ministro delle Infrastrutture dei Trasporti, Lupi ha, tra l'altro, nominato ieri una commissione che dovrà redigere il Piano nazionale dei porti.
Un Piano che non è detto debba necessariamente prevedere la riduzione degli enti portuali. In ogni caso lo scalo di Augusta giocherebbe un ruolo fondamentale. Né è convinto Cozzo, prporio come lo era il suo predecessore Puia. Massima considerazione verrà riservata agli operatori portuali "questo edificio è il loro" ha detto il nuovo commissario che intende puntare su massima trasparenza, velocizzatone e informatizzazione delle procedure, promuovere traffici con l'attivo coinvolgimento degli operatori del porto.
«Bisogna inoltre lavorare in accordo con le istituzioni locali - ha sottolineato - altrimenti il porto diventa una cattedrale nel deserto. Collaborare con la Marina Militare e l'arsenale».
Il nuovo commissario ha ricordato i passi compiuti nell'ultimo anno da Puia. L'avvio dei lavori di ampliamento delle banchine; la presentazione della bozza del Piano regolatore portuale, la produzione del regolamento demaniale, uno strumento indispensabile per disciplinare l'uso del demanio marittimo in ambito portuale.
Il mandato di Cozzo che, ricordiamo, è un avvocato esperto in diritto di navigazione, avrà durata di semestrale, ma potrebbe concludersi anche prima dello scadere del termine qualora venisse nominato un presidente della Port Authority di Augusta o essere rinnovato per ulteriori sei mesi.
Agnese Siliato

http://giornaleonline.lasicilia.it/
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old November 20th, 2014, 11:12 AM   #22
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

Fatta ieri dalla SS 114 Siracusa-Catania


__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old November 30th, 2014, 12:23 PM   #23
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

Porto, l'obiettivo è l'efficienza
Vertice all'Autorità portuale per discutere di piano regolatore e sburocratizzazione


Augusta. Bisogna creare un porto "amico" mettendo attorno a un tavolo: Autorità portuale, Capitaneria di porto, operatori portuali, polizia, guardia di finanza, sanità marittima, cercando di essere tutti fattivi e collaborare per il raggiungimento di un unico obiettivo che è quello di offrire accoglienza ai massimi livelli per far si che lo scalo sia appetibile agli armatori sia italiani che stranieri. E' questo uno degli intenti manifestati nel corso di un incontro che ha visto riuniti il commissario straordinario della Port Authority, Alberto Cozzo e il presidente di Assoporto, Davide Fazio presente alla riunione con tutti i compenti del direttivo. Semplificazioni burocratiche, piano regolatore portuale, sicurezza nel porto; sono questi degli aspetti su cui occorre presto intervenire, così come rappresentato da Assoporto al commissario Cozzo.
Quest'ultimo ha già all'indomani del suo insediamento espresso ferma volontà di voler dialogare con gli operatori portuali e in merito ad alcuni dei punti trattati ha fornito immediate risposte. La semplificazione burocratica si concretizzerà presto con l'informatizzazione degli uffici dell'Ente andando man mano a eliminare tutto il cartaceo. Riguardo alla sicurezza ha fatto sapere che, entro la prima metà del 2015 verrà attuato un nuovo piano che prevede una particolare vigilanza con telecamere e potenziamento di uomini e mezzi. Su piano regolatore portuale ha aggiornato i partecipanti all'incontro sullo stato dell'arte che vede lo strumento già da alcuni mesi abbozzato e che attende i pareri di comuni e enti interessati prima di passare al vaglio definitivo del comitato portuale. Come nota dolente Assoporto ha sollevato la questione inerente il continuo afflusso di migranti con l'occupazione delle banchine da parte delle unità navali dalle quali sbarcano gli extracomunitari.
«La banchina 1 - dice Davide Fazio - è dal 18 novembre scorso occupata da un mercantile che sottrae spazio alle attività portuali». Si tratta dell'unità navale di dubbia provenienza, che ha sbarcato 564 migranti sulla quale sta indagando la Procura della Repubblica di Siracusa. L'unità mercantile quando è stata portata a rimorchio verso lo scalo di Augusta, non aveva nessun comandante a bordo. In merito alla questione Alberto Cozzo si è detto disponibile ad attivarsi. Il presidente di Assoporto ha ribadito che per lo sbarco dei migranti sarebbe a suo avviso più adeguato il porto di Corigliano Calabro, con uno specchio acqueo di 1 milione e 300 mila metri quadri; 270 mila mq di banchine e fondali di 12 metri. Anche l'attività della polizia di frontiera è stata oggetto di discussione. Il commissario si è impegnato a vagliare la possibilità di istituire un presidio nella vecchia darsena, così da avvicinarla al centro abitato. Durante la riunione Cozzo ha ribadito di voler proseguire il percorso tracciato dal suo predecessore, Enrico Maria Puia.
Agnese Siliato
http://giornaleonline.lasicilia.it/
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old December 5th, 2014, 02:55 PM   #24
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old December 9th, 2014, 11:33 AM   #25
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old December 9th, 2014, 02:51 PM   #26
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154


Uno scorcio del porto di Augusta
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 11:26 AM   #27
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

Quote:
Originally Posted by brick84 View Post
«Il Porto? E' strategico e unico»
Il nuovo commissario dell'Autorità portuale rassicura sul futuro della struttura
Mercoledì 19 Novembre 2014



Lo scalo augustano è il porto della Sicilia, ne è convinto il nuovo commissario della Port Authority, Alberto Cozzo, secondo il quale bisogna puntare al raggiungimento di obiettivi realmente concretizzabili, tenendo anche conto della situazione economica e senza inseguire sogni.
Nel corso di una conferenza stampa, ha esordito dicendosi onorato di aver assunto l'incarico alla guida di un porto unico, non solo nella nostra regione ma anche in Italia, essendo uno scalo industriale e commerciale. Intende dare continuità all'operato tracciato dal suo predecessore Enrico Maria Puia, oggi direttore generale dell'attività di sorveglianza delle Autorità portuali.
«Chi mi ha preceduto - ha sottolineato - è il massimo esponente della cultura marittima in Italia. Tutte le pratiche avviate andranno avanti nel corso del mio mandato». E in merito alla riforma della legge 84 del ‘94, che secondo il disegno inizialmente tracciato dal governo nazionale prevedeva la riduzione del numero delle autorità portuali in Italia commenta: «Non la temerei così tanto in virtù della posizione geografica di questo scalo e delle sue potenzialità che sono indiscutibili». Il ministro delle Infrastrutture dei Trasporti, Lupi ha, tra l'altro, nominato ieri una commissione che dovrà redigere il Piano nazionale dei porti.
Un Piano che non è detto debba necessariamente prevedere la riduzione degli enti portuali. In ogni caso lo scalo di Augusta giocherebbe un ruolo fondamentale. Né è convinto Cozzo, prporio come lo era il suo predecessore Puia. Massima considerazione verrà riservata agli operatori portuali "questo edificio è il loro" ha detto il nuovo commissario che intende puntare su massima trasparenza, velocizzatone e informatizzazione delle procedure, promuovere traffici con l'attivo coinvolgimento degli operatori del porto.
«Bisogna inoltre lavorare in accordo con le istituzioni locali - ha sottolineato - altrimenti il porto diventa una cattedrale nel deserto. Collaborare con la Marina Militare e l'arsenale».
Il nuovo commissario ha ricordato i passi compiuti nell'ultimo anno da Puia. L'avvio dei lavori di ampliamento delle banchine; la presentazione della bozza del Piano regolatore portuale, la produzione del regolamento demaniale, uno strumento indispensabile per disciplinare l'uso del demanio marittimo in ambito portuale.
Il mandato di Cozzo che, ricordiamo, è un avvocato esperto in diritto di navigazione, avrà durata di semestrale, ma potrebbe concludersi anche prima dello scadere del termine qualora venisse nominato un presidente della Port Authority di Augusta o essere rinnovato per ulteriori sei mesi.
Agnese Siliato

http://giornaleonline.lasicilia.it/
Leggo tanto entusiasmo (bene) e qualche iperbole di troppo tipica dello stile mediterraneo.

Tanto di cappello per l'esperto menzionato, ma per non cadere nel simpatico provincialismo da operetta starei più cauto a fare classifiche di chi è più esperto di portualità in Italia.

Quanto ad Augusta, alla riduzione delle AP, ed al piano nazionale dei porti, quando si chiedono soldi pubblici occorre quardare a:

1. dove va il mercato;
2. infrastrutture esistenti in Italia e relative vocazioni, saturazioni etc.
3. geografia e bacino di utenza;
4. possibile vocazione territoriale.
5. contesto europeo
6. contesto Mediterraneo

Come la mettiamo con Augusta?
Ci sono privati disposti ad investire?

Con l'occhio dell'interesse ITALIA per il transhipment abbiamo davanti nell'ordine:

1. Gioia Tauro
2. Taranto
3. Cagliari

Per RO/RO:

1. Messina
2. Catania e Palermo

Per i Containers (bacino regionale):

1. Palermo/Catania

In conclusione:

( A ) Quale spazio per Augusta oltre alle rinfuse liquide e ai carichi tradizionali break-bulk a valenza regionale?

( B ) Con quello che si spederebbe (se soldi pubblici) ad Augusta per attrezzare un terminal containers ad alto fondale, cosa si potrebbe fare altrove in Italia con le stesse finalità migliorando o completando approdi esistenti? Stesso risultato o qualcosa di meglio?

Da scolaretto poco istruito sono pronto a prendere nota ed imparare e a rimangiarmi ogni considerazione.
__________________

C0nTainEr liked this post

Last edited by Karelian Beardog; December 14th, 2014 at 11:53 AM.
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 12:12 PM   #28
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154



Premesso che, se la logica da seguire fosse 'vedere dove va il mercato, geografia e bacino d'utenza', non avrebbe alcun senso realizzare praticamente nulla da Roma in giù. Il ché ci condannerebbe, nel futuro ancor più che nel presente e nel passato, al definitivo sottosviluppo economico, sociale e demografico.
E a parte questo, se si fosse fatto questo ragionamento, non sarebbe dovuto nascere manco GIOIA TAURO che, fino a prova contraria, costituisce il 1° porto container dell'Italia.

Poi ti correggo su altri due punti.

1. quello che riguarda il RO-RO.

Non è vero che i porti su cui puntare devono necessariamente essere Palermo, Catania e Messina.
Anzi, a Palermo e a Catania stanno pian piano 'deviando' questa tipologia di traffico rispettivamente su Termini Imerese e, appunto, Augusta; in modo tale da concentrare i loro traffico prevalentemente sulla crocieristica.

2. il traffico container.

Anche qui, come scritto sopra, il traffico nelle grandi città (Palermo e Catania) è in fase di smantellamento a favore della crocieristica e dei passeggeri in generale.
L'esigenza nasce fondamentalmente dal fatto che esse hanno il porto dentro il proprio tessuto urbano, con le relative problematiche legate al traffico gommato e non.

Detto questo, infine, vero è che il le condizioni infrastrutturali non sono tra le più favorevoli nel Meridione, ma è anche vero che non siamo messi poi tanto male, volendola dire tutta.
Certo, siamo 'lontani' da core del import/export del Continente europeo, ma questo non può rappresentare il motivo per il quale escluderci a priori.
Ricordo che ci sono tanti altri porti, transhipment o meno, che fanno ottime performance, anche nel profondo sud del Mediterraneo.
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 06:23 PM   #29
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

Quote:
Originally Posted by brick84 View Post


Premesso che, se la logica da seguire fosse 'vedere dove va il mercato, geografia e bacino d'utenza', non avrebbe alcun senso realizzare praticamente nulla da Roma in giù. Il ché ci condannerebbe, nel futuro ancor più che nel presente e nel passato, al definitivo sottosviluppo economico, sociale e demografico.
E a parte questo, se si fosse fatto questo ragionamento, non sarebbe dovuto nascere manco GIOIA TAURO che, fino a prova contraria, costituisce il 1° porto container dell'Italia.

Poi ti correggo su altri due punti.

1. quello che riguarda il RO-RO.

Non è vero che i porti su cui puntare devono necessariamente essere Palermo, Catania e Messina.
Anzi, a Palermo e a Catania stanno pian piano 'deviando' questa tipologia di traffico rispettivamente su Termini Imerese e, appunto, Augusta; in modo tale da concentrare i loro traffico prevalentemente sulla crocieristica.

2. il traffico container.

Anche qui, come scritto sopra, il traffico nelle grandi città (Palermo e Catania) è in fase di smantellamento a favore della crocieristica e dei passeggeri in generale.
L'esigenza nasce fondamentalmente dal fatto che esse hanno il porto dentro il proprio tessuto urbano, con le relative problematiche legate al traffico gommato e non.

Detto questo, infine, vero è che il le condizioni infrastrutturali non sono tra le più favorevoli nel Meridione, ma è anche vero che non siamo messi poi tanto male, volendola dire tutta.
Certo, siamo 'lontani' da core del import/export del Continente europeo, ma questo non può rappresentare il motivo per il quale escluderci a priori.
Ricordo che ci sono tanti altri porti, transhipment o meno, che fanno ottime performance, anche nel profondo sud del Mediterraneo.
Bene, procediamo con ordine:

1. Gioia Tauro, Taranto e Cagliari intanto per cominciare sono "da Roma in giù";
2. Se l'Autorità Portuale sovrarregionale (Autorità Comprensoriale, auspicabile)decide che Catania, Palermo e Messina faranno altro e Augusta deve svilupparsi, ben venga; ma questa tendenza deve essere certa e confermata da tutti gli interessati;
3. Gioia Tauro: il porto di transhipment è un ripiego, doveva essere costruito il 5° centro siderurgico, fatto il porto con alti fondali qualcuno ha pensato alla nuova vocazione (Benvenuto-PSI). Qui non si è partiti per fare un porto, se non ci fosse stato il progetto acciaieria la piana di Gioia Tauro sarebbe ancora un aranceto.
4. Tangermed, Marsa Scirocco (Malta), Pireo, Damietta, Algeciras sono porti di transhipment, unici nel loro sistema.paese, noi ne abbiamo già 3, Gioia Tauro, Taranto e Cagliari, serve il 4°?
__________________

C0nTainEr liked this post
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 06:49 PM   #30
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

Quote:
Originally Posted by Karelian Beardog View Post
Bene, procediamo con ordine:

1. Gioia Tauro, Taranto e Cagliari intanto per cominciare sono "da Roma in giù";
Il mio era un ragionamento astratto.
"Se così fosse...."



Quote:
Originally Posted by Karelian Beardog View Post
2. Se l'Autorità Portuale sovrarregionale (Autorità Comprensoriale, auspicabile)decide che Catania, Palermo e Messina faranno altro e Augusta deve svilupparsi, ben venga; ma questa tendenza deve essere certa e confermata da tutti gli interessati;
Non c'è un Autorità Portuale sovraregionale. Ci sono le singole autorità portuali tra le quali Catania e Palermo, che hanno deciso come ho detto io.
L'ultima parola spetta comunque all'Ass alle Infrastrutture siciliano o chi si occupa della Programmazione in Sicilia.

Quote:
Originally Posted by Karelian Beardog View Post
3. Gioia Tauro: il porto di transhipment è un ripiego, doveva essere costruito il 5° centro siderurgico, fatto il porto con alti fondali qualcuno ha pensato alla nuova vocazione (Benvenuto-PSI). Qui non si è partiti per fare un porto, se non ci fosse stato il progetto acciaieria la piana di Gioia Tauro sarebbe ancora un aranceto.
Il progetto per il polo siderurgico fallì già in partenza.
Da lì l'idea - la brillante idea - di trasformare Gioia Tauro in polo per la logistica attraverso il suo grande porto.
Scelta che si è rilevata azzeccata.

Quote:
Originally Posted by Karelian Beardog View Post
4. Tangermed, Marsa Scirocco (Malta), Pireo, Damietta, Algeciras sono porti di transhipment, unici nel loro sistema.paese, noi ne abbiamo già 3, Gioia Tauro, Taranto e Cagliari, serve il 4°?
Vero, ma c'è tenere presente che differiamo da questi paesi per economia, popolazione e geografia/lunghezza complessiva delle coste.
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 07:13 PM   #31
C0nTainEr
BANNED
 
Join Date: Mar 2012
Location: Maledetto Anfiteatro
Posts: 3,906
Likes (Received): 5003

Quote:
Originally Posted by brick84 View Post
Vero, ma c'è tenere presente che differiamo da questi paesi per economia, popolazione e geografia/lunghezza complessiva delle coste.
E per i costi.
Tre hub non sono più gestibili in Italia. Taranto è già fuori infatti.
Nei prossimi anni ci vorrà tutta che si salvi Gioia Tauro, il nuovo hub di Tunisi sarà il più agguerrito dei suoi competitors, due scali assolutamente intercambiabili per i liners che vogliono trasbordare.
Ma Tunisi parecchio più economico.
C0nTainEr no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 07:29 PM   #32
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

1. Autorità Portuale:
hai ragione, ma la riforma in cantiere (osteggiata dai siciliani e non solo) prevede una autorità siciliana unica con compiti di governance regionale, l'assessorato della Regione Sicilia invece conta come il 2 di fiori quando la briscola è picche, oggi, domani e dopodomani. Voglio vedere coi miei occhi il Presidente dell'AP/Augusta dialogare coi suoi pari di PA, CT e ME e raccontare loro la storiella di ritirarsi dal business dei containers e dei RO/RO. Ma mai dire mai, aspetto paziente gli sviluppi.

2. Gioia Tauro:
meno male che dallo spreco iniziale di soldi pubblici s'è fatto un progetto che ha salvato capra e cavoli;

3. Altri porti di transhipment mediterranei:
di tutte le nazioni menzionate, la Sicilia è quella messa peggio, per economia e prospettive, inoltre oltre al nuovo porto in Tunisia ce nè è uno ulteriore sulla costa mediterranea dell'Egitto che affiancherà Damietta.

4. Taranto:
porto in fase di chiusura (terminal containers) per 18 mesi di dragaggi, dal futuro molto incerto, Evergreen non è detto che ritorni, CMA-CGM boh! Tuttavia è già più avanti di Augusta, punto debole la ferrovia TA-BARI, un'indecenza.

Come mai le compagnie marittime (privati, con navi giramondo) non investono in Sicilia?
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old December 14th, 2014, 07:46 PM   #33
Karelian Beardog
ex-enrico vigo since 2004
 
Karelian Beardog's Avatar
 
Join Date: Oct 2009
Location: Milano (living) Genova (born)
Posts: 4,068
Likes (Received): 226

Quote:
Originally Posted by C0nTainEr View Post
E per i costi.
Tre hub non sono più gestibili in Italia. Taranto è già fuori infatti.
Nei prossimi anni ci vorrà tutta che si salvi Gioia Tauro, il nuovo hub di Tunisi sarà il più agguerrito dei suoi competitors, due scali assolutamente intercambiabili per i liners che vogliono trasbordare.
Ma Tunisi parecchio più economico.
Il sistema -Italia oggi non può rinunciare a Gioia Tauro, tuttavia scandaloso il raccordo ferroviario ancora oggi e l'inefficienza che ne deriva, è ora di mettere mano seriamente alla rete logistica del comprensorio e al sistema ferroviario calabrese. Se pensiamo di fare concorrenza a Marocco, Tunisia, Grecia, Malta, Egitto (tra breve anche l'Algeria) nelle condizioni di oggi stiamo freschi. Poi serve pulizia a 360° attorno allo scalo, lavoro non solo per Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia e Marina Militare, ma occorre con un serio piano per creare le condizioni per uno sviluppo del comprensorio, che serva a ridurre la pressione occulta sulle attività economiche esercitata dalla malavita organizzata che ha buon gioco in un sistema di radicato sottosviluppo.
Karelian Beardog no está en línea   Reply With Quote
Old January 9th, 2015, 01:31 PM   #34
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old January 12th, 2015, 03:16 PM   #35
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

dalla homepage del sito:



http://www.portoaugusta.com/
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old January 29th, 2015, 08:42 PM   #36
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Old March 20th, 2015, 09:04 AM   #37
Provinciale
Registered User
 
Provinciale's Avatar
 
Join Date: Nov 2013
Posts: 679
Likes (Received): 342

Vi confermo che i relitti marittimi sia militari che mercantili sono in fase di rimozione, anzi si sta già per finire, i lavori stanno procedendo spediti.
Gli olandesi della Mammoet stanno facendo un lavoro superlativo soprattutto per quanto riguarda la velocità e pulizia.
__________________

brick84 liked this post
Provinciale no está en línea   Reply With Quote
Old March 20th, 2015, 09:05 AM   #38
Provinciale
Registered User
 
Provinciale's Avatar
 
Join Date: Nov 2013
Posts: 679
Likes (Received): 342

AUGUSTA / Porto
Bando di gara per i lavori di adeguamento per l'attracco delle mega portacontainer al porto di Augusta

L'importo complessivo dell'appalto è fissato in oltre 23 milioni di euro

L'Autorità Portuale di Augusta ha pubblicato il bando di gara per l'esecuzione del primo stralcio dei lavori di adeguamento di un tratto di banchina del porto commerciale per l'attracco delle mega portacontainer e l'attrezzaggio con gru a portale, appalto il cui importo complessivo è fissato in oltre 23 milioni di euro e da eseguirsi in un massimo di 500 giorni. Offerte o domande di partecipazione dovranno pervenire all'ente entro le ore 12.00 del prossimo 14 aprile.


Fonte
Informare.it
Provinciale no está en línea   Reply With Quote
Old March 20th, 2015, 09:11 AM   #39
Provinciale
Registered User
 
Provinciale's Avatar
 
Join Date: Nov 2013
Posts: 679
Likes (Received): 342

Ecco una foto appena scattata con la San Giorgio che sta lasciando il Porto di Augusta

Foto appena scattata
[IMG]http://i61.************/103zbqu.jpg[/IMG]
Provinciale no está en línea   Reply With Quote
Old March 20th, 2015, 11:25 AM   #40
brick84
Registered User
 
brick84's Avatar
 
Join Date: Aug 2007
Posts: 47,154

A parte che è sottosopra ed eccessivamente grande, non ci si capisce granché dato che è pure sfocata.

Puoi rimediare?
__________________
"Quello che facciamo per noi stessi,muore con noi quello che facciamo per gli altri e per il mondo rimane, ed e’ immortale" - Albert Pine.

Ponte sullo Stretto di Messina - Prima parte
Ponte sullo Stretto di Messina - Seconda parte
brick84 no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 


Reply

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 04:14 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions Inc.
vBulletin Security provided by vBSecurity v2.2.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us