Teatri d'Italia (e non) - SkyscraperCity
 

forums map | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Architettura ed urbanistica in Italia > Storia, Architettura, Cultura


Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old October 20th, 2007, 10:59 PM   #1
SaVe
User Not Found
 
SaVe's Avatar
 
Join Date: Jun 2006
Posts: 5,371
Likes (Received): 287

Teatri d'Italia (e non)

Come da titolo...
SaVe no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old October 20th, 2007, 10:59 PM   #2
SaVe
User Not Found
 
SaVe's Avatar
 
Join Date: Jun 2006
Posts: 5,371
Likes (Received): 287

Va be', questo era scontato

image hosted on flickr

http://www.flickr.com/photos/terronista/125341414/

image hosted on flickr

http://www.flickr.com/photos/babau/1097032222/

image hosted on flickr

http://www.flickr.com/photos/[email protected]/125310591/
SaVe no está en línea   Reply With Quote
Old October 20th, 2007, 11:54 PM   #3
Super Tim
virtual
 
Super Tim's Avatar
 
Join Date: Jul 2005
Location: .it
Posts: 5,809

- Teatri di Napoli / Theatres of Naples

Teatro di San Carlo San Carlo Theatre
Cabaret Port'Alba (ex Teatro Bruttini) Port'Alba Cabaret
Centro di Musica Antica Pietà dei Turchini Pietà dei Turchini's Antique Music Centre
Galleria Toledo Toledo Gallery Theatre
Il Pozzo e il Pendolo Well and Pendulum Theatre
Istituto delle Guarattelle Guarattelle (puppets) Institute
Nuovo Teatro Nuovo (Teatro Stabile d'Innovazione di Napoli) New "New Theatre"
PalaPartenope (Teatro Tenda Partenope) PalaParthenope
TAN - Teatro Area Nord North Area Theatre
Teatro Acacia Acacia Theatre
Teatro Augusteo Augusteo Theatre
Teatro Bellini (Teatro Nazionale d'Arte) Bellini Theatre
Teatro Bracco Bracco Theatre
Teatro Cilea Cilea Theatre
Teatro Delle Palme Delle Palme Theatre
Teatro Diana Diana Theatre
Teatro Elicantropo Elicantropo Theatre
Teatro Il Primo Il Primo Theatre
Teatro Le Nuvole (Teatro Stabile d'Innovazione Ragazzi) The Clouds Theatre
Teatro Mercadante (Teatro Stabile di Napoli) Mercadante Theatre (Resident Theatre of Naples)
Teatro Sancarluccio Sancarluccio Theatre
Teatro Sannazaro Sannazaro Theatre
Teatro TAM (Tunnel AMedeo) - TAM Tunnel Comedy Club
Teatro Tasso (Teatro Stabile d'Innovazione) Tasso Theatre
Teatro Totò Totò Theatre
Teatro Trianon - Viviani (Teatro del Popolo) Trianon - Viviani Theatre (People's Theatre)

EDIT: alla lista va aggiunto anche il Teatro San Ferdinando, "casa" di Edoardo De Filippo, ristrutturato-restaurato e restituito alla città nel mese di settembre del 2007 dopo decenni di chiusura (non ha ancora un sito web ufficiale).
__________________
- Te lo dico io: uno Stato non è migliore di chi lo guida. Führerprinzip... il Principio del Capo.
[Philip K. Dick, The man in the high castle (La svastica sul sole), 1962]

- If our Gods and our hopes are nothing but scientific phenomena, then let us admit it must be said that our love is... scientific as well.
[Auguste Villiers de l'Isle-Adam, L'Ève Future (Tomorrow's Eve), 1886]

Last edited by Super Tim; October 21st, 2007 at 01:19 PM.
Super Tim no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old October 21st, 2007, 12:34 AM   #4
Ampsicora
4 more years
 
Ampsicora's Avatar
 
Join Date: Jan 2005
Location: Cagliari, 1st Metropolitan City in Sardinia
Posts: 2,313
Likes (Received): 11937

A parer vostro ce n'è qualcuno tra gli italiani all'altezza dell'operà di parigi?
Ampsicora no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:01 AM   #5
Sampei
melior de cinere surgo
 
Sampei's Avatar
 
Join Date: Dec 2005
Location: Catania
Posts: 6,600
Likes (Received): 3144

Teatri di CATANIA

· Teatro Massimo Vincenzo Bellini

image hosted on flickr




image hosted on flickr


image hosted on flickr


image hosted on flickr


image hosted on flickr



· Teatro Sangiorgi










· Teatro Metropolitan via Sant'Euplio, 21 - Tel. 095322323.

galleria fotografica


· Teatro Stabile di Catania - Teatro Angelo Musco - via Umberto I, 312 - Tel. 095535514.

· Teatro Stabile di Catania - Teatro Ambasciatori - via Elenora D'Angiò, 17 - Tel. 095431440.

· Teatro Club - Piazza S. Placido, 10 - Tel. 095312146.

· Teatro Del Canovaccio ONLUS - via Gulli, 12 - Tel. 095530761.

· Teatro Della Città - via Sabotino, 2/C - Tel. 095530153 - 095531018.

· Teatro dell'Opera dei Pupi - viale Africa - Centro Culturale Le Ciminiere - Tel. 0957349911.

· Teatro Degli Specchi - Ass. Culturale - via C. Vivante, 45 - Tel. 0957167975.

· Teatro Don Bosco - viale Mario Rapisardi, 56 - Tel. 095438470.

· Teatro Gamma - via Pola, 25 - Tel. 0957227160.

· Il Gran Teatro - Via Sanremo, 5 - Tel. 0957151774.

· Teatro In - via Guerrera, 32 - Tel. 0957124643 - 0957222258.

· Teatro Lo Pò - via Etnea, 254 - 095326210.

· Teatro Manomagia - via Salvatore Paola, 15 - Tel. 095509561.

· Teatro Minimo - via G. Garibaldi, 218 - Tel. 0957158854.

· Nuovo Teatro - via Re Martino, 195 - Tel. 095493775.

· Teatro Odeon - via Filippo Corridoni, 19 - Tel. 095326324.

· Piccolo Teatro di Catania - via Federico Ciccaglione, 29 - Tel. 095447603.

· Teatro Erwin Piscator - via G. Amendola, 7 - Tel. 095386780.

· Teatro Ridotto Eventi - via Mazza, 20 - Tel. 095316721.

· Sala De Curtis - via Duca Degli Abruzzi, 6/A - Tel. 095376070.

· Sala Harpago - via Vitt. Emanuele II, 67 - Tel. 095312918

· Teatro Sala Magma - via Adua, 3 - Tel. 095444312.

· Teatro Valentino - Ass. Quarta Parete - via S. Nicolò al Borgo, 73 - Tel. 095448926 - 095443982.

· Teatro Zig Zag - via Canfora 69 - Tel. 095506190.

· Centro ZO - piazzale Asia.

· Scenario Pubblico- via Teatro Massimo.
Sampei no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:01 AM   #6
Sampei
melior de cinere surgo
 
Sampei's Avatar
 
Join Date: Dec 2005
Location: Catania
Posts: 6,600
Likes (Received): 3144

Quote:
Originally Posted by Ampsicora View Post
A parer vostro ce n'è qualcuno tra gli italiani all'altezza dell'operà di parigi?
Dipende da quale punto di vista. Grandezza? Estetica? Prestigio? Acustica?

In ogni caso direi di sì.
Sampei no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:07 AM   #7
Federicoft
Registered User
 
Join Date: Sep 2005
Posts: 14,007
Likes (Received): 7101

Quote:
Originally Posted by Ampsicora View Post
A parer vostro ce n'è qualcuno tra gli italiani all'altezza dell'operà di parigi?
Bisognerebbe chiedersi il contrario, essendo l'Opera di Parigi un teatro a palchi detto... all'italiana.
Federicoft no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:18 AM   #8
Sampei
melior de cinere surgo
 
Sampei's Avatar
 
Join Date: Dec 2005
Location: Catania
Posts: 6,600
Likes (Received): 3144



E proprio i palchi dell'Opera mi hanno deluso... sono sì mumerosi, ma decisamente miseri.
Sampei no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 04:05 AM   #9
stigghiolaro
Moderator
 
stigghiolaro's Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: Palermo/Pistoia
Posts: 12,756
Likes (Received): 2709

Non dimentichiamo il teatro più grande d'Italia, putroppo non trovo immagini grandi del soffitto affrescato

Teatro Massimo di Palermo di Ernesto e Giovan Battista Basile










Teatro Politeama Garibaldi di Palermo di Almeyda








Teatro Biondo di Palermo, ho trovato solo l'interno



questi sono i 3 maggiori, inserisco altri teatri storici:

* Teatro Santa Cecilia

* Teatro Garibaldi

* Teatro Libero

* Teatro Di Verdura

* Teatro al Massimo

evito di inserire i minori e quelli insignificanti
__________________
Il paradiso lo preferisco per il clima, l'inferno per la compagnia - Mark Twain
stigghiolaro no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 11:04 AM   #10
gf9
Registered User
 
gf9's Avatar
 
Join Date: Dec 2006
Location: Venezia-Mestre
Posts: 2,435
Likes (Received): 108

Venezia: La Fenice
image hosted on flickr


image hosted on flickr




image hosted on flickr


image hosted on flickr


Prima dell'incendio del 1996
image hosted on flickr


Dopo l'incendio


http://www.flickr.com/search/?q=venezia+fenice
gf9 no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 11:12 AM   #11
bressa82
Bob The Builder
 
bressa82's Avatar
 
Join Date: Nov 2006
Posts: 6,961
Likes (Received): 2

metterei il "teatro carlo felice" a genova... di aldo rossi
bressa82 no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 12:04 PM   #12
cityto
Turin is My City
 
cityto's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Location: torino
Posts: 5,022
Likes (Received): 1870

TEATRI DI TORINO

TEATRO REGIO



TEATRO CARIGNANO



TEATRO VALDOCCO


TEATRO ALFIERI

TEATRO ARALDO
TEATRO AGNELLI
TEATRO CARDINAL MASSAIA

ALFA TEATRO
TEATRO COLOSSEO

TEATRO ERBA
TEATRO GIOIELLO
TEATRO JUVARRA
TEATRO MATTEOTTI
TEATRO MONTEROSA
TEATRO NUOVO

PICCOLO TEATRO Perempruner

TEATRO ASTRA


CAVALLERIZZA REALE

TEATRO GOBETTI

TEATRO DEI RAGAZZI

TEATRO BARETTI
__________________
Territory passion, Design for living
cityto no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 12:12 PM   #13
Ing.Ste
Architettura vs Design
 
Ing.Ste's Avatar
 
Join Date: Nov 2006
Posts: 402
Likes (Received): 4

Quote:
Originally Posted by Ampsicora View Post
A parer vostro ce n'è qualcuno tra gli italiani all'altezza dell'operà di parigi?
Se si parla dal punto di vista architettonico, l'Opera parigina è un edificio molto criticato: Le Corbusier ad esempio detestava il pesante neobarocco dell'Opera.

Teatro Massimo di Palermo
Quote:
putroppo non trovo immagini grandi del soffitto affrescato
Eccone una di questo splendido teatro:



Per la Toscana "occidentale" segnalo il Teatro del Giglio di Lucca:



il Teatro Verdi di Pisa:



Il Teatro Goldoni di Livorno, dal soffitto vetrato:







E questo è il Teatro San Marco di Livorno, che le antiche guide ricordano come uno dei più armoniosi d'Italia: ieri e oggi (fu colpito durante la II guerra mondiale assieme ad altri importanti teatri storici cittadini e attualmente ospita una scuola)



__________________
L'architettura è spazio, non design: abbasso i Bauhaus e i designer
Ing.Ste no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 12:21 PM   #14
Pavlvs
DIABOLIKVS
 
Pavlvs's Avatar
 
Join Date: Jan 2005
Posts: 33,258

Bene, allora sono in compagnia di Le Corbusier.

Come lui, detesto il neo barocco grondante stucchi dorati, quando la cafonaggine vuole nobilitarsi.

Teatro di stucco, è un barbatrucco.
Pavlvs no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 12:29 PM   #15
Rhoy
Registered User
 
Join Date: Aug 2005
Posts: 2,693
Likes (Received): 10

Ecco appunto lasciamo perdere l'Opera di PArigi che è uno degli ibridi più pacchiani della storia dell'architettura..



Piuttosto che ne dite di questo? Non merita una citazione?

[IMG]http://i20.************/rstq1l.jpg[/IMG]


Ovviamente trattandosi di uno dei più bei teatri del mondo gli hanno dato fuoco!
Rhoy no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 12:51 PM   #16
cityto
Turin is My City
 
cityto's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Location: torino
Posts: 5,022
Likes (Received): 1870

MA SCUSATE QUANTI TEATRI ABBIAMO PERSO IN ITALIA CAUSA GUERRA O INCENDI???

- LA FENICE (VENEZIA)
- TEATRO REGIO (TORINO)
- TEATRO PETRUZZELLI
- TEATRO GOLDONI (LIVORNO)
- .......
__________________
Territory passion, Design for living
cityto no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:01 PM   #17
Ing.Ste
Architettura vs Design
 
Ing.Ste's Avatar
 
Join Date: Nov 2006
Posts: 402
Likes (Received): 4

Il Goldoni di Livorno esiste ancora come da foto: è il San Marco quello distrutto.
Sempre qui furono distrutti altri teatri minori, come penso in molte altre città. Mostro una foto d'esempio abbastanza esplicita: questo era il Rossini



Comunque tra i grandi teatri italiani abbiamo perso il Carlo Felice di Genova, ricostruito da Aldo Rossi come detto sopra:



e per fortuna non abbiamo perso il San Carlo di Napoli, minacciato dai bombardamenti:

__________________
L'architettura è spazio, non design: abbasso i Bauhaus e i designer
Ing.Ste no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:03 PM   #18
Lor86MI
Ich bin Blau
 
Lor86MI's Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: Milan
Posts: 2,899
Likes (Received): 71

L'Operà di Parigi, o meglio il Palazzo Garnier è un orribile esempio di ibrido; l'esterno risulta decisamente pacchiano quanto l'interno, che a parer mio con quelle colonne e scaloni conferisce pesantezza al tutto. Se è così tanto famosa è perché sicuramente è in Francia e soprattutto a Parigi, altrimenti verrebbe definito un orrore architettonico, mentre vista la collocazione geografica risulta un gioiello di cui andare fieri. Ad esempio tra la Scala (1776) e l'Operà (1875) c'è un abisso... vogliamo paragonare?
Lor86MI no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:06 PM   #19
Super Tim
virtual
 
Super Tim's Avatar
 
Join Date: Jul 2005
Location: .it
Posts: 5,809

Real Teatro di San Carlo - Napoli



image hosted on flickr

La facciata su Via San Carlo, priva del gruppo scultoreo della Parthenope sulla cima (distrutto da un fulmine nel 1969)


La facciata nella sua antica unitarietà, ritratta dall'interno della Galleria Umberto I (cartolina storica). Il gruppo scultoreo è stato restaurato ed installato nuovamente l'11 giugno 2007.

Sul sito di EuropaConcorsi vi sono tantissime immagini storiche e tecniche riguardo il restauro ed il riposizionamento del gruppo scultoreo. http://www.europaconcorsi.com/db/pub...a.php?id=16963



INTERNI

image hosted on flickr








STORICHE

image hosted on flickr

http://www.flickr.com/photos/italiangerry/327068183/






Quote:
STORIA ARTISTICA

Il San Carlo è il più antico teatro operante in Europa. Costruito nel 1737, non ha mai sospeso le sue stagioni eccetto nel periodo compreso tra il maggio 1874 e il dicembre 1876 allorché, a causa della grave crisi economica di quegli anni, vennero meno le abituali sovvenzioni.
Il San Carlo fu costruito per volontà del sovrano Carlo di Borbone. Egli, infatti, nell'ambito del rinnovamento urbanistico volto a dare a Napoli un aspetto più consono al suo recente ruolo di capitale di un regno autonomo, ritenne opportuno che un nuovo teatro svolgesse la funzione di rappresentanza del potere regio, prendendo così il posto del piccolo e vetusto (era stato eretto nel 1621) San Bartolomeo.
Il 4 marzo 1737 fu firmato il contratto con l'architetto Giovanni Antonio Medrano, Colonnello del Reale Esercito, e con l'appaltatore Angelo Carasale, già direttore del S. Bartolomeo e quindi uomo di fiducia del sovrano.
Medrano progettò una sala lunga mt. 28,60 e larga mt. 22,50; conteneva 184 palchi, compresi quelli di proscenio, disposti in sei ordini, più un ampio palco reale, capace di ospitare dieci persone.
Otto mesi dopo l'inizio dei lavori, il 4 novembre, il teatro era già ultimato. Il San Carlo fu inaugurato con l'opera Achille in Sciro di Metastasio, con musica di Domenico Sarro che diresse l'orchestra e tre balli creati da Gaetano Grossatesta. Le scene furono di Pietro Righini. La parte di Achille fu sostenuta, come era usanza dell'epoca, da una donna, Vittoria Tesi, detta «la Moretta», con accanto la prima donna soprano Anna Peruzzi, detta «la Parrucchierina», e il tenore Angelo Amorevoli.
Quote:
STORIA ARCHITETTONICA

L'assetto interno dell'edificio di Medrano è oggi ricostruibile sulla base di un dipinto di Michele Foschini e di alcuni rilievi eseguiti da illustri architetti europei in visita alla sala, divenuta presto una delle mete obbligate del tour napoletano, come lo svedese Carl Fredrik Adelcrantz, autore dei teatri delle residenze reali di Ulriksdal e Drottningholm, e il francese Gabriel-Pierre-Martin Dumont.
Quest'ultimo giunto a Napoli nel 1751 al seguito di Abel Poisson, fratello di Madame de Pompadour e futuro marchese di Marigny, pubblicherà i suoi disegni nel volume «Parallèle des plans des plus belles salles de spectacle d'Italie et de France ...» contribuendo, assieme alle incisioni edite nel decimo volume (1772) dell' Encyclopédie di Diderot e D'Alembert, alla notorietà internazionale della fabbrica.
L'analisi comparata di questi documenti consente di restituire l'alzato dell'auditorio, articolato su sei ordini di balconate con parapetti decorati e un boccascena poco profondo costituito da un semplice arco ribassato sormontato dallo stemma reale. Un alto cornicione concludeva la sala mediando il passaggio al velario.

Le numerose testimonianze tramandate da viaggiatori ed illustri visitatori sono generalmente concordi nel celebrare la vastità della sala e dei palchi, pur se a discapito dell'acustica, e la sontuosità della decorazione.
Non di rado si riscontrano nelle descrizioni singolari osservazioni, come le originali poltroncine della platea dotate di schienali pieghevoli e chiudibili con serrature ricordate nel 1765 dal famoso chirurgo inglese Samuel Sharp.
Una minore attenzione, forse a causa dei vincoli determinati dalle preesistenze, era stata rivolta dall'architetto agli ambienti di ingresso e alla facciata esterna così come documentata in due dipinti, rispettivamente di Ignoto e di Antonio Joli. Poco rappresentativo della funzione dell'edificio, il prospetto presentava tre portali che immettevano in altrettante scale raccordate ad una stretta «Galleria». Da questa era possibile accedere direttamente ai corridoi di servizio dei palchi e alla platea.

Nell'arco del Settecento, l'edificio vede diversi ammodernamenti sollecitati dalla necessità di migliorarne l'acustica, come l'intervento diretto da Giovanni Maria Galli Bibiena il Giovane nel 1742, oppure dalle mutate esigenze del gusto, che richiedeva sempre nuove «vesti» per l'auditorio.
Per particolari circostanze, l'intera sala poteva essere trasformata con strutture e decorazioni provvisorie.
Un esempio significativo è il sontuoso apparato realizzato da Vincenzo Re nel 1747 per la «Gran Festa da Ballo» in occasione della nascita del primogenito reale.

Ristrutturazioni permanenti furono invece eseguite da Ferdinando Fuga (1699-1782) dapprima nel 1767-68 in occasione del matrimonio di Ferdinando IV con Maria Carolina e di nuovo nel 1777-78.
Con i primi lavori l'architetto toscano provvede a rinnovare la decorazione dell'auditorio e inserisce all'intemo dei palchi grandi specchi provvisti di torciere con candele, che, sfruttando l'effetto di riflessione, moltiplicavano l'illuminazione della sala producendo «uno splendore troppo abbagliante per gli occhi» come ricorda il compositore e erudito inglese Charles Burney. Il successivo intervento riguarda quasi esclusivamente il boccascena, ricostruito con il raddoppio dei pilastri e l'inserimento dei palchi di proscenio, utili ad alloggiare altro pubblico pagante.

Le modifiche apportate da Fuga furono conservate fino al 1797, quando la sala viene sottoposta ad un nuovo restauro decorativo sotto la direzione dello scenografo del teatro Domenico Chelli (1746-1820). Questo intervento, ancora da storicizzare adeguatamente, fu poco apprezzato dalla critica settecentesca soprattutto per la soluzione adottata nel soffitto con un finto pubblico dipinto illusionisticamente sul velario.
La breve parentesi della Repubblica Partenopea del 1799 non determinò particolari modifiche alla struttura, ad eccezione di alcuni danni provocati dall'uso improprio della sala, ribattezzata Teatro Nazionale e «profanata» da spettacoli equestri.

Un nuovo capitolo si apre con l'ascesa al trono di Gioacchino Murat nel 1808, come è noto promotore di una politica di embellissement della città, e la gestione di Domenico Barbaja, dal luglio del 1809.
Quest'ultimo era particolarmente interessato ad avviare una ristrutturazione dell'edificio per inserirvi nuovi ambienti necessari alla sua attività di appaltatore dei giochi d'azzardo.
Regista delle trasformazioni è Antonio Niccolini (1772-1850), caposcuola del Neoclassicismo a Napoli, che a più riprese interverrà sull'edificio fissandone progressivamente la fisionomia che ancora oggi possiamo osservare. La prima tappa della metamorfosi riguarda la facciata, con la conseguente aggiunzione del ridotto e degli ambienti di ricreazione e ristoro. I lavori, avviati già nel dicembre 1809, verranno conclusi due anni dopo.

Per il portico carrozzabile sostenuto da pilastri va certamente tenuto in conto il modello offerto dalla Scala (1776-78) di Giuseppe Piermarini, modificato tuttavia dall'inserimento, al secondo registro della facciata, della loggia ionica corrispondente agli ambienti del ridotto in luogo della terrazza della fabbrica milanese.
Con questa soluzione Niccolini risolve magistralmente la dibattuta questione del manifestarsi dell'edificio nella città: per surgere alla dignità di monumento-sirnbolo della cittadinanza il teatro acquista le connotazioni del tempio inglobando nella facciata elementi della grammatica classicista e una decorazione ellenizzante allusiva alla poesia drammatica e alla musica. L'associazione tra tempio e teatro non era certamente nuova.
Già la cultura architettonica illuminista in Francia nell'ultimo trentennio del Settecento ne aveva formulato interessanti teorizzazioni e concrete realizzazioni, ad esempio il teatro di Besançon (1776) di Claude-Nicolas Ledoux che incorporava un elegante portico ionico. La facciata niccoliniana recupera questo tema, tenendo conto delle esperienze del Cinquecento italiano e fissando un prototipo di respiro europeo in seguito variamente imitato. Non meno interessante è il ridotto, oggi sede del Circolo dell'Unione, prospettante sulla via di San Carlo attraverso la loggia ionica. Si presenta in forma di una grande sala tetrastila, con elegante decorazione vegetale in oro, fiancheggiata da ambienti minori, destinati secondo il progetto autografo di Niccolini alle sale da gioco. Un anno dopo la conclusione dei lavori dell'avancorpo, l'architetto toscano attende alla trasformazione della sala per adeguarla alla nuova decorazione del vestibolo e delle scale.
Tra le numerose innovazioni eseguite, vanno ricordate le coppie di semicolonne addossate ai pilastri già realizzati da Fuga nel proscenio, il lampadario sospeso nella zona più oscura della sala e il rifacimento del velario sostenuto da aste con cariatidi.
Al centro di questo era raffigurata l'apoteosi degli uomini illustri con Minerva circondata dalla Muse e da Apollo, soggetto conservato anche nelle successive edizioni della sala.

Nella notte dei 13 febbraio 1816 un incendio devastava l'edificio lasciando intatti i soli muri perimetrali e il corpo aggiunto. La ricostruzione, compiuta nell'arco di nove mesi e sempre diretta dall'architetto toscano, ripropone in grandi linee la sala del 1812 conservandone l'impianto a ferro di cavallo e la configurazione del boccascena, sebbene allargato e ornato nell'imbotte dal bassorilievo raffigurante il Tempo e le Ore, ancor oggi in sito.

Viene modificata invece la decorazione delle balconate, integralmente conservata a meno delle dorature e ridipinture eseguite nei successivi restauri. Per il disegno dei rilievi delle balaustre, Niccolini si avvalse delle tavole contenute nel primo tomo delle Antichilà di Ercolano ... (1757) alternate a fregi in oro e argento. Nella copertura viene semplificato il dispositivo messo in opera nel 1812, utilizzando semplici aste raccordate ad un velario «all'antica» secondo una soluzione già adottata dall'architetto dieci anni prima nel Teatro degli Avvalorati a Livorno (1806).
L'apporto di Niccolini non si ferma alla ricostruzione, ma in quanto «Architetto decoratore de' Reali Teatri» sovrintende anche ai numerosi successivi interventi di manutenzione e di restauro.
Fra questi va almeno menzionato l'ammodemamento compiuto nel 1844, assieme al figlio Fausto e a Francesco Maria dei Giudice, di cui rimane testimonianza in una memoria autografa pubblicata nello stesso anno.
I lavori riguardarono la trasformazione della tappezzeria dei palchi da azzurro in rosso, e il rifacimento delle decorazioni per adeguarle alla nuova tonalità dominante nella sala.
A tale fine anche il tondo centrale del velario viene ridipinto da Antonio, Giuseppe e Giovanni Cammarano riprendendo il soggetto delle precedenti edizioni. Completava l'arredo fisso della sala il sipario, più volte ridipinto da Giuseppe Cammarano e sostituito nel 1854 dall'attuale esemplare dovuto a Giuseppe Mancinelli e Salvatore Fergola, raffigurante un «simbolico Parnaso» con ottanta poeti e musicisti.
La vicenda della fabbrica non può dirsi completa senza dare cenno della facciata laterale realizzata su progetto di Francesco Gavaudan e Pietro Gesuè a seguito dell'abbattimento dell'ultimo baluardo del Palazzo Vecchio (1838-42).
Questa risolve il complesso raccordo con la nuova ala del Palazzo Reale derivando motivi dal prospetto principale.
Va infine ricordato l'attuale foyer realizzato su disegno di Michele Platania nel 1937, creando un nuovo corpo di fabbrica nella zona orientale del giardino di Palazzo Reale. Distrutto da un bombardamento nel 1943, è stato ricostruito nell'immediato dopoguerra.

Il Teatro di San Carlo - Electa
(entrambi i brani sono tratti dal sito ufficiale www.teatrosancarlo.it
__________________
- Te lo dico io: uno Stato non è migliore di chi lo guida. Führerprinzip... il Principio del Capo.
[Philip K. Dick, The man in the high castle (La svastica sul sole), 1962]

- If our Gods and our hopes are nothing but scientific phenomena, then let us admit it must be said that our love is... scientific as well.
[Auguste Villiers de l'Isle-Adam, L'Ève Future (Tomorrow's Eve), 1886]

Last edited by Super Tim; October 21st, 2007 at 02:03 PM.
Super Tim no está en línea   Reply With Quote
Old October 21st, 2007, 01:09 PM   #20
Lor86MI
Ich bin Blau
 
Lor86MI's Avatar
 
Join Date: Jun 2007
Location: Milan
Posts: 2,899
Likes (Received): 71

Bellissimo il San Carlo di Napoli
Lor86MI no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 


Reply

Tags
italia, teatri

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off


Similar Threads
Thread Thread Starter Forum Replies Last Post
Rotatorie d'Italia stemos Strade e Autostrade 203 February 9th, 2018 11:17 AM
Lungomari d'Italia Ing.Ste Foto ed architetture storiche dall'Italia e dal mondo 67 March 31st, 2009 08:27 PM


All times are GMT +2. The time now is 06:02 PM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions Inc.
vBulletin Security provided by vBSecurity v2.2.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us