ROMA Sparita - Page 332 - SkyscraperCity
 

forums map | news magazine | posting guidelines

Go Back   SkyscraperCity > European Forums > Forum Italiano > Esteri e fotografia > Foto ed architetture storiche dall'Italia e dal mondo


Global Announcement

As a general reminder, please respect others and respect copyrights. Go here to familiarize yourself with our posting policy.


Reply

 
Thread Tools
Old April 4th, 2014, 09:00 PM   #6621
stemos
Stefano (Roma)
 
stemos's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Location: Roma
Posts: 5,490
Likes (Received): 2523

Quote:
Originally Posted by BrokenArrow View Post
Ma figurati, per me scoprire queste cose è un piacere ma non essendo un addetto ai lavori né un appassionato di lunga data non mi è sempre facile valutare la rilevanza o la notorietà delle varie fonti. E qualche volta mi rendo conto di passarci troppo tempo... Grazie a te per tutte le citazioni dalle preziose fonti cartacee!

Per tornare a Malabarba, ho trovato una versione più leggibile della zona su una mappa militare francese del 185x (data non precisata), dalla solita Gallica.fr. Zoomando si legge bene "Acqua Viva", che avevo identificato anche io con la cappellina. Mancano i riferimenti alle ranocchie... ma forse dovremmo cercare delle grenouilles?

(link)
Potresti indicarmi (anche tramite MP) come reperire la mappa ad un livello di dettaglio come il tuo? Purtroppo nel link si trova una immagine troppo grande e quindi, zoomando, si perde in nitidezza. Avrei bisogno della sezione tra Via Prenestina e Via Casilina per il mio gruppo Facebook sulla storia del quartiere Prenestino-Labicano. Grazie!

Last edited by stemos; April 4th, 2014 at 09:08 PM.
stemos no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old April 4th, 2014, 09:55 PM   #6622
Giorgionvc64
Registered User
 
Join Date: Oct 2013
Posts: 151
Likes (Received): 105

Quote:
Originally Posted by stemos View Post
Potresti indicarmi (anche tramite MP) come reperire la mappa ad un livello di dettaglio come il tuo? Purtroppo nel link si trova una immagine troppo grande e quindi, zoomando, si perde in nitidezza. Avrei bisogno della sezione tra Via Prenestina e Via Casilina per il mio gruppo Facebook sulla storia del quartiere Prenestino-Labicano. Grazie!
aprendo il link, in alto sulla sinistra c'è una piccola lente d'ingrandimento verde, premendoci si apre una visualizzazione della mappa con possibilità di ingrandimento pilotato quindi molto nitido
__________________

stemos liked this post
Giorgionvc64 no está en línea   Reply With Quote
Old April 4th, 2014, 11:45 PM   #6623
BrokenArrow
Registered User
 
Join Date: Dec 2013
Posts: 170
Likes (Received): 202

Quote:
Originally Posted by roeslerfranz View Post
Scusate, forse sono domande ingenue, ma dove si scaricano le piante che postate: la pianta del Bufalini, la pianta del 1845, quella di Von Moltke? Quast'ultima ho provato a scaricarla dal sito Gallica, ma ha una risoluzione da far pena: sapete come si fa?
Quote:
Originally Posted by stemos View Post
Potresti indicarmi (anche tramite MP) come reperire la mappa ad un livello di dettaglio come il tuo? Purtroppo nel link si trova una immagine troppo grande e quindi, zoomando, si perde in nitidezza. Avrei bisogno della sezione tra Via Prenestina e Via Casilina per il mio gruppo Facebook sulla storia del quartiere Prenestino-Labicano. Grazie!
Quote:
Originally Posted by Giorgionvc64 View Post
aprendo il link, in alto sulla sinistra c'è una piccola lente d'ingrandimento verde, premendoci si apre una visualizzazione della mappa con possibilità di ingrandimento pilotato quindi molto nitido
Vi ho risposto con qualche dettaglio in più sul vecchio thread ROMA | Mappe, che era abbandonato da tempo immemore, con l'idea di riportare in un solo posto anche un po' dei link che abbiamo sparso per queste pagine nelle ultime settimane.
__________________

stemos liked this post
BrokenArrow no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 
Old April 5th, 2014, 12:50 AM   #6624
Tramvinicyus
Registered User
 
Tramvinicyus's Avatar
 
Join Date: May 2013
Posts: 1,294
Likes (Received): 963

Stemos! Mio Divino!
Ma hai messo 'na foto de Via Taranto? Aho...hai messo na foto de casa mia praticamente....du metri più là....

Tears Tears Tears
__________________

stemos liked this post
Tramvinicyus no está en línea   Reply With Quote
Old April 5th, 2014, 08:03 AM   #6625
Giorgionvc64
Registered User
 
Join Date: Oct 2013
Posts: 151
Likes (Received): 105

Quote:
Originally Posted by Giorgionvc64 View Post
Avendo, per così dire, "lanciato il sasso" sulla questione di Via Malabarba, volevo provare a tirare le fila di questo interessantissimo approfondimento che è scaturito grazie alla competenza e passione di tutti voi. Siamo partiti dal saggio da me citato di Simonetta Serra, in cui si rilevava come l'antica Via Collatina (che si dipartiva dalla Via Tiburtina poco dopo Porta San Lorenzo) aveva mutato nome in età Moderna in Vicolo (Via) di Malabarba, il quale, effettivamente, grazie alle cartine postate da voi, si vede come si inoltrasse in direzione orientale, forse collegandosi idealmente all'odierno tracciato o comunque alla zona interessata dall'attuale Collatina. Il toponimo Malabarba resiste ancora oggi a metà strada, ossia al sud di Casal Bertone. Per quanto riguarda la località "Fonte viva", allego qui stralcio della pianta di Roma del Bufalini (1551) dove ho cerchiato in rosso il trivio (in realtà un quadrivio) composto dal Vicolo di Malabarba, Via del Campo Santo (che proviene da Porta Maggiore) e Vicolo della Ranocchia; riporto anche stralcio da una pianta del 1845 in cui compaiono i nomi delle tre vie.
Il vicolo di Malabarba ricalcherebbe l'antica Via Collatina. All'altezza del Trivio sorge un "Sacillum D.Maria" (se leggo bene), forse la cappellina di cui avete fatto cenno. Notare anche sempre nella pianta del Bufalini un altro "Sacellum D.Maria" al bivio tra Tiburtina e Collatina, si tratterebbe di un sacellum del 1551 sorto sui resti di quella che doveva essere l'antica chiesa S.Gennaro fuori porta S.Lorenzo.
Bufalini (1551)

Pianta del 1845 (forse compilata da von Moltke)


Scusate se mi autocito
Grazie al rinvio sul thread https://www.skyscrapercity.com/showth...#post112890088 (ROMA | Mappe), ho trovato una bellissima mappa del 1926 (http://www.archiviocapitolinorisorse...=segnatura&OM=).
Nello stralcio che allego si vede bene ancora il "trivio" Via Malabarba/Via della Ranocchia/Via del Campo Santo (ora diventata Via d. scalo merci tiburtino)

__________________

roeslerfranz liked this post
Giorgionvc64 no está en línea   Reply With Quote
Old April 5th, 2014, 01:12 PM   #6626
edallo
Registered User
 
Join Date: Dec 2008
Location: Rome
Posts: 1,063
Likes (Received): 182

Quote:
Originally Posted by clorazene View Post
Una foto aerea di Valle Giulia con in primo piano la galleria nazionale d'arte moderna ancora in costruzione.

[IMG]http://oi58.************/2u8fhp5.jpg[/IMG]


[IMG]http://oi58.************/35aq0lj.jpg[/IMG]
Nella prima foto, è perfettamente visibile il complesso di cooperative edilizie sorto nel primo Dopoguerra nella zona di via Giuseppe Mangili-via Michele Mercati e dintorni. La maggior parte delle costruzioni furono progettate dall studio Gra (emblematico il ricorso all'altana, presente in altre realizzazioni di Gra in piazzale della Marina, piazzale delle Belle Arti e Corso Italia).

Putrtroppo, nel corso del secondo Dopoguerra molte di quelle gradevoli costruzioni furono distrutte, per riedificare al loro posto edifici di ingombro assai maggiore. Altre ancora furono sopraelevate, ma senza arrivare agli eccessi avvenuti a Monteverde vecchio.

In ogni modo, il dilagare di queste operazioni speculative provocò la reazione scandalizzata di Virgilio Testa, il padre del diritto urbanistico, ma prima di porre un freno a questa applicazione distorta delle norme del piano regolatore del 1931 si dovette aspettare il successivo piano del 1962.
__________________
edallo no está en línea   Reply With Quote
Old April 5th, 2014, 01:41 PM   #6627
roeslerfranz
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 1,083
Likes (Received): 1216

Quote:
Originally Posted by BrokenArrow View Post
Vi ho risposto con qualche dettaglio in più sul vecchio thread ROMA | Mappe, che era abbandonato da tempo immemore, con l'idea di riportare in un solo posto anche un po' dei link che abbiamo sparso per queste pagine nelle ultime settimane.
Ritorno sui casi di ‘villini obliqui’, come già riscontrato su quello di Viale Regina Elena. P. es. il caso di Villa Astalli è molto simile: all’incrocio tra Viale Emanuele Filiberto e Via di S. Quintino si trova ancora il casino della settecentesca Villa Astalli che è chiaramente’ disassata’ rispetto a Via Emanuele Filiberto che segue un percorso rettilineo assolutamente indifferente alla posizione in cui si sarebbe trovato l’edificio della Villa una volta realizzata la strada (la foto è su flickrhivemind.net). Via di S. Quintino, invece, ricalca il percorso di una stradina precedente.

__________________

Giorgionvc64 liked this post
roeslerfranz no está en línea   Reply With Quote
Old April 5th, 2014, 05:35 PM   #6628
roeslerfranz
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 1,083
Likes (Received): 1216

Quote:
Originally Posted by BrokenArrow View Post
Vi ho risposto con qualche dettaglio in più sul vecchio thread ROMA | Mappe, che era abbandonato da tempo immemore, con l'idea di riportare in un solo posto anche un po' dei link che abbiamo sparso per queste pagine nelle ultime settimane.
Ti ringrazio e ti faccio i migliori complimenti per le mappe e per i link che hai indicato!
roeslerfranz no está en línea   Reply With Quote
Old April 5th, 2014, 07:15 PM   #6629
roeslerfranz
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 1,083
Likes (Received): 1216

Quote:
Originally Posted by Giorgionvc64 View Post
Scusate se mi autocito
Grazie al rinvio sul thread https://www.skyscrapercity.com/showth...#post112890088 (ROMA | Mappe), ho trovato una bellissima mappa del 1926 (http://www.archiviocapitolinorisorse...=segnatura&OM=).
Nello stralcio che allego si vede bene ancora il "trivio" Via Malabarba/Via della Ranocchia/Via del Campo Santo (ora diventata Via d. scalo merci tiburtino)

Vi sono dei corollari, o delle curiose note a margine sulla vicenda del vicolo Malabarba e sul suo 'sodale' vicolo della Ranocchia: dunque, nel 1862 il 'Novissimo' cimitero del Campo Verano venne definito nei suoi confini includendo l'area dell'allora Vigna Oglietti (che doveva essere situata, più o meno, alle spalle della chiesa del Quadriportico). La zona così 'annessa', comprendeva anche un tratto del vicolo della Ranocchia; per molto tempo (lo ricordavano i vecchi romani) tutte le sepolture in quella zona, costituite da un gruppo di loculi costruiti su una scogliera su tre file, erano dette 'alla Ranocchia': uno 'stagno' giocoso, dove si salta, allegri e batraci, per l'eternità. vi venne sepolto, tra gli altri, Robert MacPherson, tra i più notevoli fotografi della Roma che fu.

Nella fotografia che ho postato ho segnato, in basso, l'ipotetico tracciato del Vicolo della Ranocchia che è stato poi incluso nel successivo e definitivo ampliamento del Verano (in celeste: il Quadripotico, l'ampliamento del 1862 e il sito probabile della Vigna Oglietti). A sinistra il vicolo del Verano (ancora in gran parte esistente), mentre in alto si può vedere come l'ampliamento del 1862 fosse una 'regolarizzazione' del vicolo (in giallo) che si vede anche nella carta francese del 1845
__________________

Giorgionvc64 liked this post
roeslerfranz no está en línea   Reply With Quote
Old April 6th, 2014, 01:28 AM   #6630
md2716
Registered User
 
Join Date: Dec 2011
Posts: 91
Likes (Received): 24

Quote:
Originally Posted by BrokenArrow View Post
Vi ho risposto con qualche dettaglio in più sul vecchio thread ROMA | Mappe, che era abbandonato da tempo immemore, con l'idea di riportare in un solo posto anche un po' dei link che abbiamo sparso per queste pagine nelle ultime settimane.
GRAN BEL LAVORO! MI SI E' APERTO UN MONDO...https://www.skyscrapercity.com/images/smilies/smile.gif
md2716 no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 10:31 AM   #6631
maxc0169
Registered User
 
Join Date: Feb 2012
Posts: 42
Likes (Received): 36

Quote:
Originally Posted by BrokenArrow View Post
Vi ho risposto con qualche dettaglio in più sul vecchio thread ROMA | Mappe, che era abbandonato da tempo immemore, con l'idea di riportare in un solo posto anche un po' dei link che abbiamo sparso per queste pagine nelle ultime settimane.
Grazie!!!!!!!!!!!!!!!
maxc0169 no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 10:51 AM   #6632
Giorgionvc64
Registered User
 
Join Date: Oct 2013
Posts: 151
Likes (Received): 105

Dal Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma del 1879 (pp. 36-112) si ha notizia di un ritrovamento di alcune anfore romane in una area compresa tra Via Montebello, Via Gaeta, Via Goito e "l'antico Casino Weil-Schott"; si parla anche di un "Fondo Weil Schott". In quella zona, precedentemente all'edificazione del quartiere Macao vi era la Villa Massimi (Lanciani la indica come "già Villa Massimi"). Forse la famiglia Weil Schott (noti banchieri che operavano in Italia Settentrionale nel corso della seconda metà dell'Ottocento) avevano rilevato quella villa? Non ho trovato traccia di un Casino con il loro nome da nessuna altra parte. Allego stralcio di piantina del 1860 (dove cerchio la villa Massimi) e stralcio della pianta di Senex (1721) dove ho cerchiato un probabile Casino già presente all'epoca. Io ho esaurito le cartucce ... se qualcuno vuole darmi una mano a scoprire l'arcano...

__________________

variazione65 liked this post
Giorgionvc64 no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 10:58 AM   #6633
variazione65
BANNED
 
Join Date: May 2011
Posts: 849
Likes (Received): 265

Così, tanto per...





__________________
variazione65 no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 11:24 AM   #6634
stemos
Stefano (Roma)
 
stemos's Avatar
 
Join Date: Mar 2007
Location: Roma
Posts: 5,490
Likes (Received): 2523

Quote:
Originally Posted by variazione65 View Post
Questa la dedichiamo ai detrattori del ritorno del tram lungo Via Nazionale, i quali - anche quando si superassero i divieti della Sovrintendenza per l'annosa questione dei fili - si preoccupano di come far superare il "dirupo" di largo Magnanapoli - Via IV Novembre... troppo "scosceso" per le vetture. Ecco... famoje vedè come si faceva più di 100 anni fa...
__________________

marcogiso, elwood84 liked this post
stemos no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 03:39 PM   #6635
BrokenArrow
Registered User
 
Join Date: Dec 2013
Posts: 170
Likes (Received): 202

Quote:
Originally Posted by Giorgionvc64 View Post
Dal Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma del 1879 (pp. 36-112) si ha notizia di un ritrovamento di alcune anfore romane in una area compresa tra Via Montebello, Via Gaeta, Via Goito e "l'antico Casino Weil-Schott"; si parla anche di un "Fondo Weil Schott". In quella zona, precedentemente all'edificazione del quartiere Macao vi era la Villa Massimi (Lanciani la indica come "già Villa Massimi"). Forse la famiglia Weil Schott (noti banchieri che operavano in Italia Settentrionale nel corso della seconda metà dell'Ottocento) avevano rilevato quella villa? Non ho trovato traccia di un Casino con il loro nome da nessuna altra parte. Allego stralcio di piantina del 1860 (dove cerchio la villa Massimi) e stralcio della pianta di Senex (1721) dove ho cerchiato un probabile Casino già presente all'epoca. Io ho esaurito le cartucce ... se qualcuno vuole darmi una mano a scoprire l'arcano...
Se posso permettermi: secondo me nella pianta del Senex il casino che hai evidenziato, con tre corpi di fabbrica, è quello della Villa Olgiati (cfr. Nolli, più avanti Mayr e Grasmüller) che in seguito sparisce nell'ampliamento del Noviziato dei Gesuiti, e Villa Massimi è quella appena a sinistra, con gli edifici a fronte strada.

Nelle guide Baedeker lo sconvolgimento del quartiere arriva tra il 1875, dove c'è una mappa identica alla tua, e il 1877 che riporta proprio un quadrilatero via Montebello - via Gaeta - via Goito - casino ignoto affacciato su un timido residuo di via del Macao:

[IMG]http://i57.************/znlcmh.jpg[/IMG]

Sovrapponendo le due mappe c'è una buona corrispondenza, anche se non perfetta, rispetto all'area che hai evidenziato nella prima immagine (Villa Massimi) - la posizione dell'edificio quadra, la forma non tanto:

[IMG]http://i62.************/209qe0k.jpg[/IMG]

Purtroppo non ho trovato conferme per l'attribuzione a Weil-Schott. La voce di Wikipedia su Federico Weil, cugino dei Weil-Schott e banchiere anche lui, cita dei documenti dell'archivio Intesa - SanPaolo che sembra non siano più disponibili. Peccato...

Edit: aggiungo un estratto dalla Forma Urbis del Lanciani, dal sito che hai citato qualche giorno fa:

[IMG]http://i60.************/30tmhzn.jpg[/IMG]

La sovrapposizione è la stessa e la villa viene definita già Massimi, quindi all'epoca aveva cambiato proprietario. Se leggo bene l'edicola sul retro è stata scavata già nel 1872-74; non ho trovato riferimenti specifici nei Bullettini dell'epoca, ma vanno spulciati a mano.
__________________

Giorgionvc64 liked this post

Last edited by BrokenArrow; April 7th, 2014 at 05:24 PM. Reason: Aggiunto link Lanciani
BrokenArrow no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 06:52 PM   #6636
roeslerfranz
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 1,083
Likes (Received): 1216

Quote:
Originally Posted by BrokenArrow View Post
Se posso permettermi: secondo me nella pianta del Senex il casino che hai evidenziato, con tre corpi di fabbrica, è quello della Villa Olgiati (cfr. Nolli, più avanti Mayr e Grasmüller) che in seguito sparisce nell'ampliamento del Noviziato dei Gesuiti, e Villa Massimi è quella appena a sinistra, con gli edifici a fronte strada.

Nelle guide Baedeker lo sconvolgimento del quartiere arriva tra il 1875, dove c'è una mappa identica alla tua, e il 1877 che riporta proprio un quadrilatero via Montebello - via Gaeta - via Goito - casino ignoto affacciato su un timido residuo di via del Macao:

[IMG]http://i57.************/znlcmh.jpg[/IMG]

Sovrapponendo le due mappe c'è una buona corrispondenza, anche se non perfetta, rispetto all'area che hai evidenziato nella prima immagine (Villa Massimi) - la posizione dell'edificio quadra, la forma non tanto:

[IMG]http://i62.************/209qe0k.jpg[/IMG]

Purtroppo non ho trovato conferme per l'attribuzione a Weil-Schott. La voce di Wikipedia su Federico Weil, cugino dei Weil-Schott e banchiere anche lui, cita dei documenti dell'archivio Intesa - SanPaolo che sembra non siano più disponibili. Peccato...

Edit: aggiungo un estratto dalla Forma Urbis del Lanciani, dal sito che hai citato qualche giorno fa:

[IMG]http://i60.************/30tmhzn.jpg[/IMG]

La sovrapposizione è la stessa e la villa viene definita già Massimi, quindi all'epoca aveva cambiato proprietario. Se leggo bene l'edicola sul retro è stata scavata già nel 1872-74; non ho trovato riferimenti specifici nei Bullettini dell'epoca, ma vanno spulciati a mano.
Non è da escludere che dei banchieri tedeschi, all'epoca, magari per poco tempo (tanto da non lasciare tracce apprezzabili) avessero rilevato una villa (peraltro modesta). Semmai il nome 'Massimi', di indiscussa fama, avrebbe dovuto essere ricordato in varie pubblicazioni; purtroppo dai testi in mio possesso non è menzionata questa villa, che pare più una 'vigna', per le ridotte dimensioni incastonata tra le Ville Olgiati (poi Noviziato) e Alberini. Ad ogni modo vi è un mistero anche per l'attigua Villa Costaguti (ora ce l'hanno gli inglesi) che, nella pianta del 1877 postata da BrokenArrow, è denominata Villa Torlonia (altri banchieri) 'ora Reinach' nome quest'ultimo, per me, misterioso e non altrimenti ricordato. Purtroppo non ho il 'Belli - Barsali' (sempre ammesso che dia qualche informazione) per cui non ho materiale per dire alcunchè! Posso solo dire che il casino è stato realizzato dopo il 1748, perchè la pianta del Nolli non lo riporta.

A riguardare bene la pianta del 1860, postata da Giorgionvc64, non si vede ancora la forma dell'edificio a 'c' del 1877 e della Forma Urbis del Lanciani: forse era stato ricostruito dai suddetti banchieri?
__________________

variazione65 liked this post

Last edited by roeslerfranz; April 7th, 2014 at 06:59 PM. Reason: Precisazioni su forma edificio
roeslerfranz no está en línea   Reply With Quote
Old April 7th, 2014, 07:37 PM   #6637
Giorgionvc64
Registered User
 
Join Date: Oct 2013
Posts: 151
Likes (Received): 105

Quote:
Originally Posted by roeslerfranz View Post
Non è da escludere che dei banchieri tedeschi, all'epoca, magari per poco tempo (tanto da non lasciare tracce apprezzabili) avessero rilevato una villa (peraltro modesta). Semmai il nome 'Massimi', di indiscussa fama, avrebbe dovuto essere ricordato in varie pubblicazioni; purtroppo dai testi in mio possesso non è menzionata questa villa, che pare più una 'vigna', per le ridotte dimensioni incastonata tra le Ville Olgiati (poi Noviziato) e Alberini. Ad ogni modo vi è un mistero anche per l'attigua Villa Costaguti (ora ce l'hanno gli inglesi) che, nella pianta del 1877 postata da BrokenArrow, è denominata Villa Torlonia (altri banchieri) 'ora Reinach' nome quest'ultimo, per me, misterioso e non altrimenti ricordato. Purtroppo non ho il 'Belli - Barsali' (sempre ammesso che dia qualche informazione) per cui non ho materiale per dire alcunchè! Posso solo dire che il casino è stato realizzato dopo il 1748, perchè la pianta del Nolli non lo riporta.

A riguardare bene la pianta del 1860, postata da Giorgionvc64, non si vede ancora la forma dell'edificio a 'c' del 1877 e della Forma Urbis del Lanciani: forse era stato ricostruito dai suddetti banchieri?

Come suggerisce BrokenArrow si potrebbe presumere che il casino Weil Schott sia quell'edificio da lui indicato; esso è presente negli anni Trenta dell'Ottocento come si deduce dallo stralcio della mappa che allego (Troiani, Pianta di Roma incisa nel Dicastero generale del censo nell'anno MDCCCXXXII). Nelle piante di inizio 800 però non vi è traccia dunque è stato sicuramente edificato tra il 1802 e il 1832.
L'unico dubbio che ho però è riferito al fatto che l'articolo del Bullettino, riferendo al ritrovamento archeologico del 1878, nomina precisamente le vie Goito, Montebello e Gaeta ed è ben strano che non nomini la Via del Macao (dove affaccerebbe la costruzione che abbiamo identificato); la via del Macao, da miei controlli su mappe, risulta essere presente fino al 1880 (dopo diverrà uno dei bracci di Via Calatafimi).
Giorgionvc64 no está en línea   Reply With Quote
Old April 10th, 2014, 08:13 PM   #6638
roeslerfranz
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 1,083
Likes (Received): 1216

Quote:
Originally Posted by stemos View Post
Abbazia delle Tre Fontane... domandone: ma oggi è ancora così? No perchè devo ammettere che non l'ho mai vista!

Ragazzi, ma che vi succede? Sono tre giorni che il thread non va avanti, mentre quelli di Milano producono post a getto continuo! E, con tutto il rispetto per la città di S. Ambrogio, Roma varrà qualcosa di più? Non facciamoci criticare dai milanesi, altrimenti sono costretto a dargli ragione! Per cui, tanto per vivificare l’ambiente, sono andato a fare una passeggiata nei post del passato e ho trovato una discussione sulla presenza delle alberature a Roma risalente a molto tempo fa (dicembre 2011). Dove si vede come la stupefacente, tragica e solitaria immagine del 1870 postata da Stemos, sia ormai consegnata ad un’età remota e lontana; dove il Belli aveva tutte le ragioni per definire la Campagna Romana: ‘Er deserto’. Certamente oggi non solo non siamo più abituati ad un paesaggio così ‘spettrale’, ma lo rifiuteremmo nel modo più categorico. Il nostro occhio ormai irrimediabilmente turistico, cioè ‘agrituristico, molto ‘Touring Club’ e ‘Sereno variabile’ non potrebbe fare a meno di trovare angosciante questa situazione. Oggi non potremmo concepirla senza siepi, alberi, percorsi, arredi, cartelli, servizi, parcheggi e supporti di vario genere. Una gran caciara: ma c’è a chi piace!

La fotografia che ho postato è del 1905 e già mostra un notevole cambiamento dopo più di trent'anni: si vedono, infatti i molti eucalipti che furono piantati pensando che tenessero lontana la malaria! ‘Dal mio cantuccio, donde non sento se non le reste brusir del grano’, sento che, però, questo mondo ‘dimenticato dagli uomini’ nella desolata campagna romana della fine del potere temporale aveva qualcosa di valido per piacere a Goethe e a Stendhal; devo ammettere che questo ‘dialogo di assoluti’, questi monumenti medioevali, rinascimentali, barocchi che compongono l'Abbazia, ’giganteggiano nella necessaria solitudine’ mi affascinano; l’eternità che esso rappresenta riesce a comunicare col mondo di oggi. Qui è ovvio che la ‘necessaria solitudine’ ha un senso: non è la cancellazione del contesto sedimentato, ma la relazione tra le parti, dove l’Abbazia è una ‘piccola Roma’.
Confrontando l'immagine di Stemos e la stampa del XV secolo, pare quasi di vedere le rappresentazioni di Roma del quindicesimo secolo, dove ci viene presentata una Roma simbolica e sintetica, fatta solo dei monumenti più famosi; oggetti posati sul tavolo di un luogo astratto al quale, per convenzione, diamo il nome: Roma!

‘Lascia che guardi dentro il mio cuore,
lascia ch'io viva del mio passato’

(da ‘L’ora di Barga’ di G. Pascoli)


__________________

elwood84 liked this post
roeslerfranz no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2014, 05:31 PM   #6639
Giorgionvc64
Registered User
 
Join Date: Oct 2013
Posts: 151
Likes (Received): 105

Dalla voce "Villa Massimo" su wikipedia
Ingresso di Villa Ricotti su Vicolo di Pietralata (senza data)

Villa Massimo con sullo sfondo il retro del Casino nobile (senza data)
__________________

roeslerfranz liked this post

Last edited by Giorgionvc64; April 11th, 2014 at 05:42 PM.
Giorgionvc64 no está en línea   Reply With Quote
Old April 11th, 2014, 11:16 PM   #6640
roeslerfranz
Registered User
 
Join Date: Feb 2014
Posts: 1,083
Likes (Received): 1216

Quote:
Originally Posted by Giorgionvc64 View Post
Dalla voce "Villa Massimo" su wikipedia
Ingresso di Villa Ricotti su Vicolo di Pietralata (senza data)

Villa Massimo con sullo sfondo il retro del Casino nobile (senza data)
Non ci posso credere! Postando queste fotografie non mi potevi fare un regalo migliore: via di Pietralata è una delle mie ‘passioni’ e rappresenta uno dei casi più singolari di ‘transfert’ di un nome da un luogo all’altro, di trasloco di una toponomastica da un sito ‘storico’ ad un sito ‘surrogato’ (anche se non troppo, come vedremo). Comincio dalla prima fotografia: non ci crederete, ma ho avuto fra le mani proprio l’immagine con il cancello di Villa Massimo, proprio lei, l’originale qui postato (mi sembra di ricordare che fosse 15x12 cm); mi fu permesso di vederla, anni fa, proprio per la cortesia dei conti Magnani Ricotti (che tuttora abitano l’edificio di Via di Villa Ricotti e che colgo l’occasione per ricordare e ringraziare) che mi fecero vedere anche altre immagini della Villa prima della sua trasformazione attuale; purtroppo non era ancora l’epoca del telefonino per fissarle (e, comunque, pur se sono un forsennato amatore, non me la sarei sentita, per rispetto, di chiedere di fotografarle).

Dunque: il vicolo di Pietralata di cui parliamo partiva da Via Nomentana all’altezza di Villa Torlonia, col nome, nel 1845, di ‘Vicolo della campagna’; forse, quando venne realizzata la Villa, il tratto iniziale venne soppresso, rettificato e spostato sul lato sinistro della villa realizzata (l’attuale Via Alessandro Torlonia), poi riprendeva il percorso solito, passava davanti all’attuale Accademia di Germania, dove è stata realizzata la fotografia (ora è V. Giovan Battista De Rossi), raggiungeva il quadrivio con Via di S. Agnese, proveniente anche lei da V. Nomentana (e che poi diventerà, più o meno, Viale XXI Aprile), corrispondente, grosso modo, al Monumento al Finanziere e poi, sotto le ‘spoglie’ odierne di Via Nardini e Via Tommasini, raggiungeva la valle del fosso di Pietralatella (che si univa con la ‘Marranella’ dell’Acqua Bullicante), lo superava con un ponticello e poi: non si sa. Perché concordemente tutte le carte non riportano il proseguimento all’interno della immensa Tenuta di Pietralata (ora vi è tutto l’osceno edificato della zona di Via dei Monti Tiburtini, Cave di Pietralata e Via dei Durantini). Forse esisteva un sentiero o una stradina davvero minuscola o non ben definita che attraversava la Tenuta, praticamente disabitata, senza una casa (come è rappresentata nella carta del 1845), e che non si riteneva, quindi di riportare sulle carte.

Come dicevo, il nome di ‘Via di Pietralata’ sopravvive ancora, per un breve tratto, nella carta (che riporto) del TCI del 1925, poi scompare. Negli stessi anni esso, probabilmente viene trasferito alla strada che, nelle cartografie dei primi del secolo e fino al 1924, viene ancora definita come ‘Via di Bonifica’ e che diventa presto, la nuova Via di Pietralata, come è ancora attualmente e che va da Via Tiburtina, davanti alla caserma ex Ruffo, e con percorso tortuoso arriva a Via Nomentana poco prima dell’omonimo Ponte.


Spero che si comprenda il percorso dell'attuale Via di Pietralata sulle carte IGM che ho postato e che ho cercato di unire! Scusate per il percorso 'disassato': ho disegnato i due tronconi sulle due cartine separatamente e quindi non ho 'beccato' i due tronconi! Comunque su una qualunque carta moderna di può vedere!
__________________

Giorgionvc64, variazione65 liked this post
roeslerfranz no está en línea   Reply With Quote
Sponsored Links
Advertisement
 


Reply

Tags
foto, roma

Thread Tools

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off



All times are GMT +2. The time now is 01:53 AM.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11 Beta 4
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions Inc.
vBulletin Security provided by vBSecurity v2.2.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.

SkyscraperCity ☆ In Urbanity We trust ☆ about us