Skyscraper City Forum banner
1 - 20 of 158 Posts

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Apro un 3d apposito per la cittadina padovana di Abano Terme - il centro termale più grande e importante d'Europa.

---------------------------------------

Abano, hotel Centrale in vendita: offerte entro fine mese

L’enorme colosso di 12 piani che svetta all’imbocco del Parco termale potrebbe finalmente passare di mano ponendo fine a degrado e abbandono

ABANO TERME. Pochi giorni ancora e la sorte dell’hotel Centrale potrebbe essere segnata. Scade infatti il 27 febbraio alle 12 il termine utile per presentare offerte d’acquisto per l’intera proprietà. Il prezzo base del bando di gara è di 4 milioni 210 mila euro. Un altro spaccato di storia della città che finisce all’asta, e questa volta l’attesa è ben motivata. Reduce da anni di chiusura e abbandono, il colosso di vetro e cemento dell’hotel diventa finalmente oggetto di compravendita. Almeno se il prezzo che i potenziali acquirenti proporranno alla gestione commissariale del Fondo buonuscita delle Poste italiane sarà ritenuta congrua.

L’alto edificio che si staglia imponente sul Parco urbano termale, è stato saccheggiato ripetutamente da visitatori notturni che hanno messo a soqquadro ogni cosa, asportando suppellettili, attrezzature e macchinari. L’alto costo sostenuto dalla fondazione delle Poste ogni anno per il mantenimento in sicurezza dello scheletro (si parla di centinaia di migliaia di euro, secondo le parole del legale romano che ha in cura la gestione commissariale) non è sufficiente a rendere meno orripilante il senso di abbandono che il gigante incute nei turisti e nei passanti. Particolarmente appetibile sul piano economico potrebbe essere la licenza del pozzo termale di proprietà dell’ex hotel, oltre naturalmente la cubatura che questo grattacielo si porta in dote. Un’offerta è già giunta agli uffici commissariali e in base a questa è stato predisposto il bando di gara. I dati catastali dell’immobile parlano di una superficie lorda coperta di circa 11.767 metri quadrati e una scoperta di circa 12 mila metri. La stabile è alto 11 piani fuori terra, mentre nel piano interrato di circa 850 metri quadri erano ricavati magazzini, cantina, celle frigo, mensa per il personale, guardaroba, stireria e zona di distribuzione dei fanghi termali. Al piano terra si trovavano invece la hall, saloni, cucine e bar. Nel corpo fuori terra del piano cure, si trovano 17 locali per la fangoterapia e 137 camere.

Fonte: Mattino 13/02/2012


By ricpast at 2012-02-13
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #2 ·
Cambia la viabilità pronto il Piano

Previste nuove rotatorie e cambiamenti nei sensi di marcia specie in centro storico, zona Montirone e Parco urbano

Sarà sconvolta la circolazione nel centro termale. Dopo mesi di gestazione e studio è arrivato in porto il Piano generale che ridisegna la viabilità. Oltre alle già annunciate rotatorie, ai semafori soppressi e al cambio di direzione di molti sensi unici per risolvere annosi problemi, il comune presenterà oggi tutte le novità. E non saranno poche.

Secondo le prime indiscrezioni, infatti, saranno tre le zone maggiormente interessate dalle modifiche, il quartiere San Lorenzo- centro storico, la zona del Parco termale e quella che gravita attorno al Montirone. Un lavoro d’equipe tra l’ufficio tecnico, guidato da Patrizio Greggio e il comandante di polizia locale Benedetto Allegro con il suo staff di agenti. «Cambieremo le regole della circolazione per venire incontro alle esigenze del territorio – ha affermato il sindaco Luca Claudio – ho sempre sostenuto che toglieremo tutti i semafori, sostituendoli con le rotatorie e in questa direzione stiamo marciando. Anche in periferia, nella zona di Giarre, all’altezza di via Santa Margherita e via Ponte della Fabbrica sistemeremo un rondò, ma molti altri sono previsti in tutto il comune». La soluzione prospettata per il centro storico sarà quella di invertire il senso di marcia in via Appia Monterosso nel tratto che parte dal sagrato del Duomo fino a via Stella, che cambierà anche questa direzione, come pure parte di via Mussato fino all’incrocio con le vie Diaz e Battisti. Un ritorno al passato che sembra piacere a molti aponensi. Anche la zona attorno al Parco urbano termale sarà interessata alle modifiche. «In via Martiri d’Ungheria vogliamo istituire un senso unico per creare più parcheggi – continua Claudio – ma ci incontreremo con tutti i commercianti della zona lunedì prossimo nella sala dell’hotel Eden per discutere assieme i particolare. Se non si troverà un accordo lasceremo tutto come è oggi». Anche via Flacco sarà interessata dalle modifiche, diventando a doppio senso, mentre in via Calle Pace si accederà da viale delle Terme per entrare nei parcheggi, ma da questi non si rientrerà in senso opposto. La zona del Montirone vedrà un forte mutamento, in quanto si entrerà dalla rotatoria di Monteortone, proseguendo fino a quella di via Augure e da lì si continuerà per via Pietro d’Abano e lungo via Marzia fino all’incrocio con via Petrarca. Quest’ultima cambierà senso andando dal piazzale del Sacro Cuore fino ai giardini di via Ghislandi.
 

·
Marasma
Joined
·
238 Posts
Bisogna dire che la nuova rotatoria, pur non ancora ben rifinita a mio giudizio, alla fine della circonvallazione ovest (via dei Colli) in entrata di via Battisti da/per Tencarola è una novità davvero gradita!

In realtà non l'ho mai provata in ora di punta, ma solo di sera: ma son fiducioso che funzioni!

D'Abano mi perplime comunque davvero tanto l'assenza di connessione con la nuova bretella dalla curva Boston verso Selvazzano! Aver previsto (ad uso e consumo dell'ipotetica riqualificazione dell'ex-seminario di Selvazzano) uno svincoletto su via Sartorio... mmmm... vero che non è distantissimo il futuribile accesso all'altra bretellina bypass della Mandria (ed in futuro apparentemente prolungabile fin Strada Battaglia, per chiudere definitivamente al traffico il Ponte della Fabbrica, com'ho letto da qualche parte), ma comunque un'uscita su quella bretellina avrebbe avuto un grandissimo senso.

Come poi ben si sa, si è poi sempre in attesa di veder congiunte le due circonvallazioni di Montegrotto ed Abano... manca davvero poco e si sgraverebbe bene da quel po' di traffico che c'è Corso delle Terme a Montegrotto...
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #4 ·

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Sarebbe ora che qualcuno abbattesse quell'orrore dell'ex hotel centrale, un vero dente cariato in piena zona pedonale.

Spero che anche l'hotel Italia e il Salvagnini Bernerhof (quello di fronte al municipio) seguano presto la stessa strada.
 

·
ies ui ken
Joined
·
1,504 Posts
Kursaal e Gran Caffè delle Terme, c'è un acquirente

ABANO TERME. Il complesso del Kursaal e del Gran caffè delle Terme è da ieri affidato in gestione provvisoria al Comune. Predisposto intanto il bando di gara definitivo che dovrà essere ancora aggiornato in alcuni punti, ma nel frattempo è giunta in Provincia una “manifestazione di interesse all’acquisto” da parte di un privato. La presidente della Provincia, Barbara Degani, su questo punto, ha dichiarato: «Si tratta di un’intenzione e non di una vera e propria offerta scritta».

Ha quindi consegnato al sindaco Luca Claudio il “malloppo” delle chiavi ed entrambi hanno poi firmato la convenzione per l’uso gratuito del bene. Un pensiero in meno per l’ente provinciale, proprietario degli immobili, che in questo modo ha trovato la soluzione ideale per non lasciare abbandonata la struttura.


16 febbraio 2012

http://mattinopadova.gelocal.it/cro...claudio-ma-ci-sarebbe-un-acquirente-1.3187066
 

·
ies ui ken
Joined
·
1,504 Posts
Kursaal-Gran Caffè Abano Terme Padova

http://www.padovaoggi.it/cronaca/kursaal-gran-caffe-abano-terme-padova-2012.html

Kursaal-Gran Caffè Abano Terme Padova

Kursaal-Gran Caffè, la Provincia pubblica il bando della gara d’appalto
L'amministrazione provinciale ha pubblicato il bando che permetterà di prendere in gestione il locale più rappresentativo di Abano Terme ora gestito dal Comune. Degani: "La nostra attenzione massima per un luogo simbolo"




BANDO DELLA GARA D'APPALTO. La Provincia di Padova ha pubblicato il bando della gara d'appalto per quello che era il locale di punta di Abano Terme. E in attesa che qualche privato accolga la proposta, il Comune gestirà l'immobile organizzando iniziative ed eventi che lo terranno vivo e ancora importante.

LUOGO SIMBOLO DI ABANO TERME. Barbara Degani, presidente della Provincia, ha commentato: "Abbiamo apprezzato l'impegno del Comune di Abano di tenere aperto un edificio storico come questo. La nostra attenzione resterà massima perché questo è il luogo simbolo di Abano e ha una valenza d'immagine e turistica importante".


„GESTIONE DA PARTE DEL COMUNE. L'amministrazione comunale di Abano dal canto suo commenta: "L'immobile si trova in una posizione strategica per la città termale ed era impensabile tenerlo chiuso. Per questo ci siamo proposti di gestire, in via provvisoria, sia il Kursaal che il Gran Caffè in modo che non divengano strutture abbandonate generando anche problemi di sicurezza".“
 

·
Marasma
Joined
·
238 Posts
Colgo l'occasione per chiedere: ma la nuova rotonda all'uscita di via Stella, alla fine, consentirà anche di svoltare verso Monteortone oppure sarà necessario arrivare alla nuova rotonda alla fine della circonvallazione, in direzione Padova cioè, per poi tornare indietro?!

Con i lavori ancora mezzo in corso (e magari passando di sera...) è complicato da capire :)

Tra l'altro sapevo che via Stella (nel tratto finale, quello verso via Appia Monterosso) doveva cambiare senso di marcia, adesso un senso unico VERSO via Appia, in futuro DA via Appia... News, in merito?
 

·
Registered
Joined
·
2 Posts
Colgo l'occasione per chiedere: ma la nuova rotonda all'uscita di via Stella, alla fine, consentirà anche di svoltare verso Monteortone oppure sarà necessario arrivare alla nuova rotonda alla fine della circonvallazione, in direzione Padova cioè, per poi tornare indietro?!

Con i lavori ancora mezzo in corso (e magari passando di sera...) è complicato da capire :)

Tra l'altro sapevo che via Stella (nel tratto finale, quello verso via Appia Monterosso) doveva cambiare senso di marcia, adesso un senso unico VERSO via Appia, in futuro DA via Appia... News, in merito?
credo proprio che si potrà andare anche verso monteortone altrimenti potevano fare a meno di farla se poi ti lasciavano andare solo dritti o a destra :)
 

·
Marasma
Joined
·
238 Posts
Ehehehe, confermo che la rotonda alla fine è normale: chi mi aveva indicato la bizzarria evidentemente non era ben informato e, ahimè, avevo potuto controllare la cosa solo in condizioni precarie... ma passandoci adesso ch'è più chiaro si vede bene che la rotonda è normale :)
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #13 ·
Abano ha lanciato nel 2009 un concorso europeo per la ristrutturazione di Viale delle Terme.

All'inizio del 2010 il concorso ha visto il suo vincitore:
http://europaconcorsi.com/results/116676-Ristrutturazione-del-Viale-Delle-Terme-di-Abano-Terme

Poi le elezioni e il nulla......

Luca Claudio (il sindaco) ovviamente non risponde in merito.....
Anche l'edizione 2012 di "Territorio per Azioni" ( http://www.territorioxazioni.it/ ) si è occupata di elaborare un progetto di riqualificazione di Viale delle Terme:

http://www.territorioxazioni.it/pdf/1_Professionisti_Riqualificazione_AbanoTerme.pdf
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #14 ·
Un successo dietro l'altro per l'amministrazione Luca Claudio....in stretta collaborazione con la splendida provincia in formato Degani...

dopo essere l'unico comune della cintura urbana ad aver aumentato al massimo l'IMU sulla prima casa et voilà:

Va deserta l'asta per la gestione del centro congressi Kursaal di Abano Terme, si cerca privato per il rilancio della struttura

L’asta pubblica lanciata dalla Provincia di Padova a marzo 2012 per l’affidamento della gestione del complesso congressuale Kursaal di Abano Terme (che comprende il centro congressi, la rotonda vetrata e il bar Gran Caffè) è andata deserta. La gestione della struttura, di proprietà della Provincia, ma di cui si è fatta temporaneamente carico il Comune di Abano Terme, resta dunque all’amministrazione locale in attesa di trovare un operatore privato che ne rilanci l’attività.

A scoraggiare gli imprenditori, riportano alcuni quotidiani locali (Il Mattino di Padova tramite InformAbano), sarebbero stati il prezzo troppo alto del canone di affitto richiesto (12.500 euro al mese) e le clausole eccessivamente onerose a carico del futuro gestore, tra cui la richiesta di svolgere “interventi di recupero, restauro e ristrutturazione”.

La presidente della Provincia di Padova, Barbara Degani, ha annunciato che proseguirà nella ricerca di soluzioni per far rinascere il complesso, che necessita di una completa ristrutturazione.

“La sinergia tra enti per trovare una soluzione è stata enorme” ha spiegato Luca Claudio, sindaco di Abano Terme. “L’immobile si trova in una posizione strategica per la città termale ed è impensabile tenerlo chiuso. Ci siamo proposti di gestire, in via provvisoria, sia il Kursaal che il Gran Caffè affinché non vengano abbandonati generando anche problemi di sicurezza, e organizzeremo iniziative che tengano l’edificio vivo e funzionante. Nel frattempo proseguirà il dialogo con la Provincia per capire se qualche privato è interessato a prendere la gestione”.
 

·
Registered
Joined
·
2 Posts
beh ne sono passati di annunci ma l'hotel centrale è ancora là e vi assicuro che è orrendo. abito a pochi passi, in piena stagione turistica non è una bellezza. in ogni caso essendo enorme, mi sono sempre chiesto come faranno a buttarlo giù senza sgomberare almeno un chilometro di case intorno.
senza contare che gli hotel che nelle terme vengono chiusi dopo poco diventano l'albergo di chiunque non abbia una casa...
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #16 ·
vogliamo parlare dell'hotel Orologio?!

LA vergogna termale.... io vorrei sapere la storia vera di questo spicchio di storia italiana (non solo aponense...).

Qualcuno ha qualche link al riguardo?
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #17 ·
06/09/2012 - Che la vita degli automobilisti italiani non sia affatto semplice, specie in fatto di parcheggi,é ormai un luogo comune. Soprattutto per coloro i quali vivono o lavorano in centro e nelle località turistiche.

Ecco allora che, in un simile contesto, una soluzione come quelle proposte da Ideal Park, azienda veronese leader nel settore dei parcheggi meccanizzati, automatizzati ed ascensori per auto, si rivela ottimale. Ottimale perché all'avanguardia, in linea con lo spirito evoluto delle tecnologia proposta; ma, soprattutto, ottimale per la felice capacità di integrarsi all'ambiente urbano che caratterizza queste strutture. Una qualità , quest'ultima, che, soprattutto nel cuore storico di una città , risulta indispensabile, e a cui in Italia, Paese fatto di città d'arte e grandi risorse in tema di turismo, sarebbe doveroso prestare maggiore attenzione.

L'ultimo esempio proposto da Idealpark riguarda il progetto di ristrutturazione ed ampliamento del Panoramic Hotel Plaza di Abano terme, curato dall'architetto Michele Franzina dello studio Franzina+Partners Architettura di Padova che ha realizzato 72 posti auto sul tetto.

L'albergo é sempre stato sia per offerta di cure termali, che per qualità di servizio e posizione centrale uno dei migliori nel sistema ricettivo di Abano Terme (PD). La vista panoramica sulla cittadina termale e sui Colli Euganei, sia dalle camere sia dal suo ascensore esterno, lo ha sempre fortemente caratterizzato e distinto dagli altri hotel. L'architetto Franzina ha seguito anche come direttore lavori la ristrutturazione del nucleo centrale e l'ampliamento su due ali dedicate una ai trattamenti wellness ed una ai negozi, quest'ultima ricavata esattamente all'inizio della zona pedonale commerciale. Per poter gestire l'affluenza di persone a questi nuovi spazi é stato necessario prevedere un numero maggiore di posti auto e, non potendo aumentare la ricettività del parcheggio sul retro, é stata individuata un'area, in parte sopra la nuova cubatura ed in parte sulla terrazza preesistente, al di sopra della reception e della sala ristorante dell'hotel, per realizzare un parcheggio sopraelevato all'aperto concapienza di 72 posti auto ed accesso diretto alla zona delle camere. I clienti a bordo dell'auto salgono sulla terrazza tramite due montauto IP1-HMT V07, certificati per l'utilizzo con conducente a bordo.

I montauto corrono all'interno di una struttura metallica accostata alla parete dell'hotel, adeguatamente dimensionata per reggere ai carichi degli impianti. Per dare omogeneità all'edificio e per mascherare la struttura in acciaio é stato utilizzato un telo semi-schermante che avvolge tutte le pareti a vista. La progettazione dei montauto é stata curata inmodo tale che l'utilizzo sia semplice anche per chi non ha mai visto questo tipo d'impianti: la chiamata ai piani avviene strisciando la chiave della propria stanza in un lettore ottico, l'apertura delle porte ai piani é automatica e non ha bisogno di comandi ulteriori, a bordo la pulsantiera viene sempre azionata tramite la stessa chiave e c'é sempre operativo un collegamento citofonico con la reception in maniera da poter ricevere assistenza in caso di necessità durante la corsa. Le dimensioni dei pianali, più grandi rispetto allo standard, e la portata di 2.700 kg permettono di trasportare agevolmente qualsiasi tipo di auto anche quelle con blindatura leggera.

Il fabbisogno elettrico dei montauto, come tutte le altre utenze dell'albergo, é coperto da energia proveniente esclusivamente da fonti rinnovabili. L'hotel infatti é dotato di un gruppo cogeneratore adolio vegetale quadrivalente che produce energia elettrica, vapore, acqua fredda per il condizionamento ed acqua calda.L'energia elettrica in surplus viene venduta all'Enel. Una filosofia eco-friendly che si estende anche ai servizi: sono a disposizione dei clienti un'auto elettrica a noleggio con un'autonomia di 50 km e numerose biciclette che possono essere utilizzate gratuitamente per scoprire Abano Terme e i meravigliosi paesaggi offerti dai Colli Euganei.



By ricpast at 2012-09-07


By ricpast at 2012-09-07


By ricpast at 2012-09-07


By ricpast at 2012-09-07


By ricpast at 2012-09-07
 

·
Trusco de Catenazzo
Joined
·
3,440 Posts
Discussion Starter · #18 ·
Terme, cinque hotel in vendita sopraffatti dalla crisi

Si tratta di stabilimenti a quattro e tre stelle, alcuni ancora in piena efficienza. Anche le storiche famiglie di albergatori sono costrette a cedere i loro “gioielli”

ABANO TERME. La fine dell’epoca d’oro del Bacino termale la si percepisce dagli ormai evidenti segnali del declino, primo fra tutti la messa in vendita dei gioielli di famiglia. In questo caso si tratta di ben cinque stabilimenti termali, tre alberghi a tre stelle in piena efficienza e due a quattro stelle, ormai chiusi, che da qualche tempo figurano tra le offerte on line di una nota agenzia di consulenze immobiliari di Padova.

Il più prestigioso tre stelle viene offerto a sette milioni e 500 mila euro: si tratta di una struttura da 70 camere, tutte con terrazza, frigo bar e tv, dotata di due piscine, sala convegni, ristorante, bar, centro benessere con camerini per il fango e l’estetica, la grotta sudatoria, lo studio medico e i pozzi termali. L’annuncio si conclude con la notizia che la Spa è appena stata costruita e l’albergo conta oltre 23 mila presenze all’anno. «Per calcolare il valore reale di un hotel» spiega un immobiliarista aponense «si deve tenere conto di tre fattori principali. In primo luogo il numero delle presenze, poi quello dei dipendenti, che dovrebbe essere attestato in un rapporto di uno ogni quattro clienti, e infine dei mesi di apertura. Confrontando questi dati si ottiene la redditività e il valore effettivo». La richiesta economica per gli altri due hotel, attualmente funzionanti, scende a 3 milioni e 500 mila euro per un complesso “altamente operativo” che viene messo in vendita da una famiglia di albergatori e che comprende 65 camere e 100 posti letto, comprensivo di una depandance per gli alloggi del personale. L’altro tre stelle, invece, è aperto tutto l’anno, si trova in pieno centro della città termale, è dotato di parcheggio e giardino piantumato di settemila metri quadrati, ha 30 camere, piscina termale e un centro benessere all’avanguardia. La richiesta? Solo 2 milioni e 300 mila euro, comprensivi di immobile e gestione. Con il forte calo delle presenze di turisti verificatosi in questi ultimi anni, legato innanzitutto al declino del modello termale e reso ora più pesante dala crisi economica, aumentano infatti gli hotel in affanno o costretti a chiudere, mettendo così a rischio migliaia di posti di lavoro. E le prospettive non sono rosee anche dal punto di vista immobiliare. Per quanto riguarda gli hotel a quattro stelle che attualmente sono chiusi, la valutazione parte dai 6 milioni di euro del primo che, anche se parzialmente da ristrutturare, è dotato di 140 camere, quattro piscine, campi da tennis, e un parco da 33 mila metri quadrati, mentre l’altro viene posto in vendita a sette milioni di euro con 9.600 metri quadri di costruzione, possibilità di ampliamento, un parco di 30 mila metri quadrati, 120 camere, due piscine, pozzi termali che erogano riscaldamento geotermico e una Spa completa di tutti i servizi.
 

·
Registered
Joined
·
1,603 Posts
Ci sono stato due volte : tante belle cose come in genere un gusto - a mio modestissimo mediocre eccetera - avviso spesso esecrabile . Ricordo una pubblicità penso di abbigliamento di un tipo che mordeva il sedere non so se di un altro tipo o di una tipa , che forse voleva essere trasgressiva irriverente eccetera secondo me era solo irritante . Pieno di alberghi e locali da provincia grassa unta bisunta compiaciuta di sè però anche tanta storia tante opportunità abbastanza ben raggiungibile servizi mi pare passabili ( biblioteca con internet aperta anche ai non residenti , per esempio ) . Kitsch trionfante a volte opprimente secondo altre prospettive invece forse paradiso per maniaci di certo vintage auto d ' epoca eccetera . Nuove tinteggiature e insegne spesso troppo accese , aggressive .
In tutto quanto ho scritto per le esternazioni da parte mie negative spero che nessuno si senta offeso : se io avessi avuto le possibilità di fare l ' imprenditore avrei fatto sicuramente molto molto peggio . Forse poi dipende anche dal modo personale di vedere le cose , compresi i propri paraocchi pregiudizi eccetera .
 
1 - 20 of 158 Posts
Top