SkyscraperCity banner
1 - 4 of 4 Posts

·
Italian utent
Joined
·
1,706 Posts
Discussion Starter · #1 ·
ALTA VELOCITA': COMMISSIONE VIA BOCCIA LINEA TRIESTE-RONCHI

- MONFALCONE (GORIZIA) - La Commissione per la valutazione d' impatto ambientale del ministero dell' Ambiente ha bocciato il progetto volto a realizzare una linea ferroviaria ad alta velocita' tra Trieste e Ronchi dei Legionari (Gorizia), snodo focale del Corridoio 5 Barcellona-Kiev. Lo ha fatto sapere Roberto Della Seta, presidente di Legambiente, nel corso di una conferenza stampa svolta questa mattina a Monfalcone (Gorizia) su iniziativa della sezione locale dell' associazione ambientalista. ''Il parere drasticamente negativo, che a giorni sara' ufficiale - ha precisato Della Seta - e' dovuto non solo alle carenze strutturali del progetto, ma anche all' esame delle osservazioni presentate dalle associazioni e dagli enti locali. La commissione - ha aggiunto ha rilevato l' assoluta carenza del progetto rispetto agli impatti ambientali, la sottovalutazione di quelli paesaggistici, sociali e sanitari, l' indeterminatezza delle tratte di completamento, specialmente in territorio sloveno, ancora da definire e l' assenza di alternative di tracciato''. Insomma, secondo quanto riferito da Della Seta, l' opera e' stata giudicata ''non idonea sotto il profilo della compatibilita' ambientale''. Il progetto era stato presentato dalla Rfi circa due anni fa, ai sensi della Legge Obiettivo. - ''Il parere negativo del ministero dell' Ambiente - ha sottolineato Corrado Altran, della segreteria regionale di Legambiente e consigliere comunale di Monfalcone - non appena sara' ufficializzato, costituira' una pietra tombale per quel progetto. Ora - ha aggiunto - e' necessario ripartire da capo, presentando un nuovo progetto che prenda seriamente in considerazione tutte le possibili alternative e che approfondisca tutti gli aspetti di cui i pogettisti della Rfi non hanno tenuto conto, a cominciare dalla possibilita', prevista dalle norme Ue, di adattare il tracciato alle problematiche territoriali, senza fissarsi sempre e comunque sui criteri progettuali dell' alta velocita'''. Il presidente di Legambiente del Friuli-Venezia Giulia, Elena Gobbi, ha espresso soddisfazione per la bocciatura del progetto, che giunge - ha detto - ''dopo due anni di opaca gestione dell' intera vicenda da parte della Regione, a fronte dell' assenza di qualsiasi approccio partecipativo reale''. Il verdetto del ministero - ha aggiunto - ''non puo' che portarci a chiedere una svolta radicale nella gestione dell' intera materia che porti a costruire una politica complessiva dei trasporti a favore di una mobilita' davvero sostenibile''.
 

·
ad mos maiorum
Joined
·
3,907 Posts
ALTA VELOCITA': RFI DISPONIBILE A RECEPIRE INDICAZIONI
(ANSA) - TRIESTE - La Rfi, commentando la notizia diffusa da Legambiente sulla sostanziale bocciatura da parte del ministero dell' Ambiente del tratto ad alta velocita' Trieste-Ronchi, si e' detta ''pienamente disponibile'' a recepire le indicazioni che potranno venire dal governo, precisando che al momento, alla societa' non e' stata trasmessa nessuna posizione ufficiale. ''Allo stato attuale non risultano ne' a RFI, la societa' dell'infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato, ne' a Italferr - si legge in una nota - posizioni ufficiali della Commissione speciale VIA (Valutazione Impatto Ambientale) in merito alla soluzione progettuale proposta per la nuova linea Ronchi-Trieste che risulta, a parere dei progettisti, quella che interpreta al meglio gli aspetti tecnici, territoriali, ambientali ed economici. RFI e' comunque pienamente disponibile a recepire, nel corso dell'intero iter autorizzativo - aggiunge la nota - tutte le indicazioni o prescrizioni che il CIPE formulera', sulla base dell'istruttoria predisposta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti''. ''La progettazione della nuova linea, sezione del Corridoio 5 e inserita fra i progetti prioritari delle reti transeuropee (TEN), e' stata elaborata, per conto di RFI, da Italferr, la societa' di ingegneria del Gruppo Ferrovie dello Stato. La nuova infrastruttura, dopo un breve tratto all'aperto in prossimita' dell'Aeroporto di Ronchi dei Legionari, prevede un sottopassaggio in galleria dell' altopiano Carsico, ''evitando ogni interferenza - precisa la Rfi - sia con l'ambiente superficiale sia con tutti i centri abitati, nonche' con le falde acquifere ed i corpi idrici sotterranei, tenendo conto che si colloca in posizione piu' elevata rispetto al livello degli stessi. La soluzione proposta evita altresi' il territorio collocato in prossimita' della costa - conclude la nota - in quanto densamente urbanizzato e in alcuni casi interessato da importanti ed evidenti problemi idrogeologici''
 
1 - 4 of 4 Posts
Top