Skyscraper City Forum banner
Status
Not open for further replies.
1 - 20 of 83 Posts

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Discussion Starter · #1 ·
28 mag 10:09
Australia: pub gay potra' vietare ingresso a etero


SYDNEY - Un pub gay ha ottenuto il permesso di vietare l'ingresso a eterosessuali. Succede a Melbourne, in Australia. Il Peel Hotel aveva chiesto di essere esentato dalla legge sulle pari opportunita' per preservare gli omosessuali da "insulti e violenze". Tom McFeely, direttore del locale, ha citato in particolare le "hen's nights" (le notti della gallina, quando la futura sposa festeggia con le amiche la vigilia delle nozze), quando gruppi di donne scelgono il Peel Hotel per guardare i gay "come animali da zoo". Il vice presidente dell'ente per le liberta' civili Liberty Victoria, Michael Pearce, ha definito ''sensata'' la decisione. ''Credo che il significato del verdetto sia che non vi sono molti locali dove i gay possano andare ed incontrarsi senza il rischio di essere infastiditi, e che hanno di diritto ad avere i loro spazi'', ha detto. (Agr)
http://www.corriere.it/ultima_ora/agrnews.jsp?id={E466AC8B-454C-4D12-BFAD-1C8CAA1E4AD0}

E se fosse successo ill contrario?
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Bella domanda.
 

·
Valpolicella abuser
Joined
·
2,609 Posts
@federicoft

esatto, ora della fine solo locali privati aperti al pubblico chiunque è libero di far entrar (o non) chi gli pare e piace, anche se non è sempre giusto ed è poco simpatico.
 

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Discussion Starter · #7 ·
Non sei mai stato rifiutato all'ingresso di una discoteca?
Non perchè fossi etero oppure bianco oppure con gli occhi verdi oppure con l'accento di Milano...

Ovvero prova ad aprire tu una discoteca e vietare l'ingresso esclusivamente perchè uno è gay o di colore (con tanto di cartello con scritto qualcosa del tipo "******* not welcome", e tanto di sentenza passata davanti al giudice che dice ok alla tua discriminazione, non so perchè ma mi ricorda l'Alabama del 1959), vediamo quanto rimane aperto il tuo locale...
 

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Spero si tratti solo di una trovata pubblicitaria di cattivo gusto.. per nascondere una pesante (e pericolosa) discriminazione.

E non uscitevene con cose tipo "tanto non ci entrerei mai", in certi locali gay girano di quelle f*ghe...! :nuts: :nuts: :nuts:
 

·
Registered
Joined
·
15,528 Posts
Non perchè fossi etero oppure bianco oppure con gli occhi verdi oppure con l'accento di Milano...
E invece perché non eri socio, perché non eri accompagnato, perché non eri bambino, perché non avevi un abbigliamento consono, perché non eri ufficiale dell'Esercito, perché non avevi l'invito e via andare. Che cosa cambia, scusami?
Vietare l'ingresso alle persone che non si presentano in giacca e cravatta è classista. Orrore!
Vietare l'ingresso a chi non si presenti accompagnato con una ragazza è discriminatorio verso i single e gli omosessuali. Scandalo!

Non è che è la tua indignazione ad essere a senso unico?
Come peraltro se "omosessuale" uno ce l'avesse scritto in fronte...
 

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Discussion Starter · #10 ·
E invece perché non eri socio, perché non eri accompagnato, perché non eri bambino, perché non avevi un abbigliamento consono, perché non eri ufficiale dell'Esercito, perché non avevi l'invito e via andare. Che cosa cambia, scusami?
Vietare l'ingresso alle persone che non si presentano in giacca e cravatta è classista. Orrore!
Vietare l'ingresso a chi non si presenti accompagnato con una ragazza è discriminatorio verso i single e gli omosessuali. Scandalo!

Non è che è la tua indignazione ad essere a senso unico?
Come peraltro se "omosessuale" uno ce l'avesse scritto in fronte...
Tu per amore di contradizione scrivi a caso. A me danno fastidio tutte le discriminazioni sia da una parte che dall'altra, i tuoi esempi sono inconsistenti perchè non ledono i principi base dei diritti umani (libertà di religione, di sesso, ecc.), anzi stando a quello che scrivi un cartello con scritto "Qui non serviamo agli Ebrei" è più che giustificato.

Ps. Guarda che neanche gli ebrei o gli etero ce l'hanno scritto in faccia...
 

·
Registered
Joined
·
15,528 Posts
Tu per amore di contraddizione scrivi a caso. A me danno fastidio tutte le discriminazioni sia da una parte che dall'altra, i tuoi esempi sono inconsistenti perchè non ledono i principi base dei diritti umani (libertà di religione, di sesso, ecc.), anzi stando a quello che scrivi un cartello con scritto "Qui non serviamo agli Ebrei" è più che giustificato.
A Roma puoi diventare socio del Circolo degli Scacchi solo se hai i 4/4 di nobiltà. Perché non fa notizia e non dovrebbe essere considerato discriminatorio in egual modo?
 

·
ies ui ken
Joined
·
1,504 Posts
A Roma puoi diventare socio del Circolo degli Scacchi solo se hai i 4/4 di nobiltà. Perché non fa notizia e non dovrebbe essere considerato discriminatorio in egual modo?
giuridicamente un conto e' un circolo privato un altro conto e' un esercizio pubblico....
 

·
Registered
Joined
·
15,528 Posts
giuridicamente un conto e' un circolo privato un altro conto e' un esercizio pubblico....
Certamente, e giuridicamente in Australia è legittimo riservare l'ingresso in un pubblico esercizio, come in Italia lo è in un circolo privato. Ebbene?
Peraltro se ne faceva una questione di discriminazione, non di diritto: se volessero ci metterebbero un istante a convertirsi in circolo.
 

·
Banned
Joined
·
634 Posts
Vorrei proporvi alcune situazioni che si sono verificate in Italia nel corso degli anni. A Rimini esiste uno storico club gay, il "Classic" che chiude i battenti molto più tardi rispetto ad altre discoteche della città. Un giorno decisero di voler diversificare la clientela, col risultato che ogni week-end le risse fra gay ed etero erano all'ordine del giorno. La stessa cosa mi dicono sia successa allo Skylight di Verona e credo, ma non ne sono sicuro, che alcuni anni fa anche al Mukkassassina di Roma ci furono problemi simili.
Ora, se sei eterosessuale e decidi di passare una serata in una disco gay perché fa fico o vuoi fare il viveur che ha conosciuto tutto della vita, devi mettere in conto che un uomo possa provarci con te senza farne poi un dramma, sentirti leso nella tua mascolinità e scatenare una rissa. Non so come funzioni la vita notturna di Melbourne ma, per quel che mi riguarda, quando a Milano mi capita di andare al Rolling Stone o all'Old Fashion e una ragazza ci prova, non le rispondo con un pugno sul naso. Di solito nessun locale gay rifiuta l'ingresso ad etero gay friendly, io stesso ho passato alcune tra le serate più divertenti della mia vita al Gasoline, il giovedì sera o al Café Dalì quando era ancora in Largo Schuster. Erano serate miste e tutti andavano d'amore e d'accordo.
 

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Discussion Starter · #15 ·
Certamente, e giuridicamente in Australia è legittimo riservare l'ingresso in un pubblico esercizio, come in Italia lo è in un circolo privato. Ebbene?
Peraltro se ne faceva una questione di discriminazione, non di diritto: se volessero ci metterebbero un istante a convertirsi in circolo.
Se dovessero aprire il circolo del "Bastian Contrario a priopri e solo per essere in contradizione", tu avresti la Presidenza...
 

·
Banned
Joined
·
634 Posts
Se dovessero aprire il circolo del "Bastian Contrario a priopri e solo per essere in contradizione", tu avresti la Presidenza...
Beh, Eleinad...anche tu non scherzi. :) Almeno, questa è la mia impressione.
 

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Discussion Starter · #18 ·
^^
No-no, c'è da sentirsi lesi delle proprie libertà...
Forse non capisci il punto della discriminazione in atto con un pub che richiede al giudice che certa gente non possa entrare in funzione della propria sessualità, forse che se il discrimine è politicamente corretto allora è accettabile? Per me no, per te sì, punti di vista, io sono uno che ama la libertà propria e quella degli altri, tu non lo so.
 

·
la manica di fetenti
Joined
·
2,090 Posts
qui a napoli,quando organizzavano le prime serate gay un pò più pubblicizzate in un locale a rione alto,c'era sempre la crocchia dei soliti imbecilli con le bandiere di FN che li aspettavano per menarli. Oggi invece per fortuna c'è maggiore convivenza,i locali che fan sto tipo di serate son tanti,sia in centro che in provincia,l'ingresso è garantito indipendentemente dalla sessualità anche se poi c'è maggioranza omo,ma si sta bene con tutti; di mio ho sperimentato l'henekein a fuorigrotta,che spesso organizza queste serate a tema,e da due ragazzetti son pure stato abbordato (che ce posso fa,so bello),mi è bastato dire no grazie e la cosa finisce li :D pk ci sono stato in quella serata?pk ci vanno un sacco di belle ragazze etero molto disponibili e bisex ancora più disponibili,un paradiso!
 

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Discussion Starter · #20 ·
1 - 20 of 83 Posts
Status
Not open for further replies.
Top