SkyscraperCity Forum banner
1 - 20 of 1161 Posts

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
Discussion Starter · #1 ·
In rivolta contro il Civis «Serve il referendum»
I comitati: «Bisogna declassarlo a filobus»
di LORENZO PRIVIATO - SAN LAZZARO -
UN REFERENDUM. Se non per cancellare il Civis, almeno per «declassarlo a filobus».
La proposta di Giorgio Giatti, presidente del comitato soci fondatori del 'Metrò che vorrei', viene accolta da un'ovazione.
La sala di città del municipio di San Lazzaro è gremita come non lo era mai stata. Trecento persone o forse più, accalcate persino fuori dal portone o costrette ad assistere attraverso le vetrate, al freddo e sotto la pioggia.
E' il popolo 'no Civis', che fa sentire la propria voce e si ribella.
Contesta duramente Atc, per i disagi e la partenza al rallentatore dei cantieri, e chiede al sindaco Marco Macciantelli di «ripensarci» e a tornare indietro.
«Se lo farà - assicura Giovanni Farina, commerciante di via Caselle - sarà ricordato come un grande sindaco. Altrimenti il Civis è destinato a diventare un cavallo di troia, anche per la sua immagine. Un'impresa fallimentare, che noi speriamo diventi un Titanic».
Fischi, invece, per l'ingegner Fabio Monzali, di Atc, responsabile dei cantieri, accusato di aver presentato i progetti a cose fatte, «mancando di rispetto ai cittadini».
Giatti, imprenditore e sanlazzarese, non le manda a dire: «Questo progetto è una follia. I mezzi, con cadenza ogni minuto e mezzo e quindi destinati a incrociarsi ogni 45 secondi, finiranno per paralizzare il traffico, che le preferenziali strozzeranno ulteriormente».
DA QUI LA PROPOSTA di estendere anche a San Lazzaro il 'referendum day' bolognese, autogestito e autofinanziato, da fare in febbraio.
Non per dire sì o no, ma per «declassare il Civis a filobus e abolire le prefenziali».
Bruno Giovannini, portavoce del comitato delle vie Fornace-Minarini-Gramsci che ha chiesto l'incontro, è preoccupato «soprattutto per quello che diventerà San Lazzaro a cantieri finiti».
Quindi dall'ipotesi di senso unico sulla via Emilia, già congelata dalla giunta, dai parcheggi che spariranno e dallee ricadute negative sul traffico che anche il nuovo polo scolastico nel Parco Europa è destinato a provocare.
«Stiamo diventando una periferia dormitorio» avverte Giovannini, che accusa pubblicamente la giunta «di amministrare con i palazzinari, dopo essersi riempita la bocca con le intenzioni di partecipazione dal basso».
Nel mirino finiscono l'informazione tardiva, la mancata realizzazione dei parcheggi compensativi e di un collegamento a nord alternativo alla via Emilia, «che andavano fatti prima e non dopo i lavori».
Di nuovo applausi scroscianti quando Giovannmi definisce il Civis «un rottame tecnologico».
E CHE, È CERTO Carlo De Maria, «oltre che dai cittadini non era condivisa neppure dal Comune, che l'ha subita per non perdere 182 milione di euro. Ma questo Civis ci è costato quattro volte il necessario: sono state comprate il doppio delle vetture che servivano, e al doppio del costo. Così San Lazzaro sperimenterà e farà da cavia a un progetto scartato da tutte le città del mondo».
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
Discussion Starter · #2 ·
«Via le corsie riservate Civis in mezzo alle auto»

La proposta del comitato 'Metrò che vorrei'
- SAN LAZZARO -
LIMITATE il danno, abolendo le corsie riservate».
Il Civis è ormai una bomba a orologeria, innescata a San Lazzaro ma destinata ad esplodere a Bologna.
I cittadini sono sul piede di guerra e il malessere che serpeggiava da giorni è letteralmente deflagrato durante l'ultimo incontro pubblico in municipio, con Comune e Atc duramente contestati.
II referendum proposto da Giorgio Giatti, portavoce del 'Metrò che vorrei', ha come obiettivo quello di «salvare il salvabile».
Giatti ha definito una «follia» l'idea della corsie riservate, destinata a strozzare ulteriormente il traffico.
Da qui la proposta di abolirle.
«Il traffico sottratto dalle preferenziali - spiega Giatti - finirà per ingolfare altre strade a fronte di un guadagno impercettibile di tempo. Facendo girare i filobus in sede promiscua, invece, non sarà più necessario realizzare massicciate e pedane rinforzate. Se non a San Lazzaro, dove i lavori sono già partiti, almeno a Bologna si possono evitare gli sprechi».
Anche perché, secondo Giatti «il compito di Atc è quello di risolvere un problema di mobilità e trasporto, non di rifare l'arredo urbano di una città. Non è possibile che di 180 milioni di euro, un terzo venga speso per rifare i marciapiedi».
Intanto l'argomento Civis sta prendendo piede anche sul forum degli amici di Beppe Grillo, dove i contestatori hanno scatenato un vero e proprio tam tam virtuale.
L'ipotesi del referendum trova concorde Giampiero Bagni della Lega, mentre il sindaco Marco Macciantelli, da sempre pro Civis, per ora si esprime con prudenza: «E' un'idea che rispetto e che va valutata».
Il tema che si intreccia è quello del come cambierà la viabilità. C'è grande preoccupazione nell'area nord, dove sta nascendo un quartiere (Caselle) che pure finirà per riversare il traffico sulla tangenziale ma soprattutto sulla via Emilia. Vista anche la mancata previsione, almeno in tempi brevi, di un collegamento alternativo con la città.
Senza contare che anche il nuovo polo scolastico, che sarà costruito nel parco Europa, è osteggiato da un comitato che teme impatti devastanti sulle strade residenziali.
Per affrontare tutti questi temi - corsie protette, polo scolastico e viabilità - il sindaco ha preparato un programma di incontri ad hoc nei prossimi mesi con l'impegno, alla fine, di «tirare le somme e dare risposte definitive».
Lorenzo Priviato
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
Discussion Starter · #3 ·
Ovviamente non sono concorde ai 2 articoli, ma siccome sono iscritto alla newsletter del metrochevorrei di Corticelli, spesso mi arrivano questi articoli.

Ecco, chi abita a Bologna, potrebbe postarmi il percorso del CIVIS, please.

Thank you
 

·
Registered
Joined
·
6,513 Posts
ma perchè in italia sono tutti così contrari a mezzi moderni come tram e metro, che migliorerebbero la viabilità e toglierebbero un pò di inquinamento?

diciamoci la verità...il filobus??? roba da anni 50!!! che non toglie traffico!!!

tsk! ignoranti!
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
Discussion Starter · #5 ·
Perchè qualcuno (Daniele Corticelli) gli ha solleticato la proposta che si sarebbe potuta fare una metro fino a San Lazzaro.
Stessa cosa per il people mover, altre proteste ed altri referendum...
 

·
Registered
Joined
·
6,513 Posts
si ma una cosa è proporre una metro al posto di un tram, un'altra è declassarlo a filobus? checc'azzecca????
 

·
Registered
Joined
·
679 Posts
Ovviamente non sono concorde ai 2 articoli,
ma siccome sono iscritto alla newsletter del metrochevorrei di Corticelli, spesso mi arrivano questi articoli.

Ecco, chi abita a Bologna, potrebbe postarmi il percorso del CIVIS, please.

Thank you

Eccolo qui

http://www.atc.bo.it/CMS/uploads/Rete_Civis_1.pdf

Il progetto non mi convince, anche se sarebbe una manna dal cielo per il (disastroso) trasporto pubblico bolognese.

Le principali arterie che partono dal centro ed escono verso le mura (la cerchia periferica) sono talmente strette che si possono percorrere solo a senso unico.
Gli autobus che servono il percorso Autostazione/Stazione Centrale-Via Rizzoli-Via Mazzini, per attraversare quest'ultima devono passare all'andata per via San Vitale, e al ritorno per Strada Maggiore. In poche parole, sono entrambi sensi unici, uno verso il centro, uno verso la periferia.

E qui si parla di bloccare il passaggio per chissà quanti mesi,
deviando il traffico nella già satura cerchia delle mura..

Quest'altra mappa è utile per capire la tragedia quotidiana mia
e di buona parte dei bolognesi :banana:

http://www.atc.bo.it/orari_percorsi/mappe/mappabologna/mappa_bologna.asp

A San Lazzaro sono iniziati da alcuni giorni i lavori, con conseguenti variazioni della circolazione, ma il divertimento arriverà quando bisognerà chiudere (almeno parzialmente) il lungo viale che va da Porta Maggiore a Via Emilia.

Questo è invece il progetto della metrotramvia che collegherà in galleria il Fiera District alla Stazione Centrale, per poi sbucare in superficie e proseguire verso la zona ovest della città.

http://urp.comune.bologna.it/Mobilita/Mobilita.nsf/3b5a117046b7c6e7c1256e3c0056b9e2/ded1dbaa5f642f37c125714f002e4280/$FILE/metrotranvia_11_04_06.pdf

A questo punto mi chiedo: ma invece di paralizzare mezza città per mesi con questo pseudo-tram, perchè non costruire una linea di metropolitana leggera Fiera-Stazione Centrale-Via Rizzoli-Porta Mazzini, e alla fine del quartiere piu' trafficato di Bologna farla continuare in superficie fino a San Lazzaro?

Mi scuso se sono stato troppo pedante, è il mio primo post :lol:
 

·
Non esistono pasti gratis
Joined
·
883 Posts
Ieri parlando con una persona è saltato fuori il discorso CIVIS.
Bisogna premettere che i commercianti di via Mazzini/via Emilia Levante sono contrari al progetto, e infatti espongono tutti il cartello NO AL CIVIS, e questo per il fatto che verrebbero eliminati molti parcheggi. Tra i commercianti girano voci, anzi, viene dato per certo che:
1. il CIVIS non può curvare (e questo mi sono sentito di smentirlo categoricamente, vedendo il tracciato mi sembra impossibile);
2. per il motivo di cui sopra la rotonda decorati al Valor Militare (la c.d. "rotonda di S.Lazzaro") verrà superata con un tunnel;
3. il CIVIS avrà semafori dedicati che gli permetteranno di avere sempre la precedenza;
4. le corsie preferenziali del CIVIS saranno al centro della strada e per le fermate verranno costruite delle strutture particolari, non si sa bene fatte come.
La cosa che mi fa arrabbiare è che di questi progetti non si sa mai niente, non vengono mai date notizie precise, e poi girano queste voci incontrollate che alimentano poi lo scontento degli interessati.
Qualcuno ne sa qualcosa di più?
 

·
Moderator
Joined
·
7,832 Posts
Costa...

Bologna è troppo piccola per una metropolitana...

È vero che Brescia e Losanna ne stanno costruendo, ma a che prezzo?
 

·
Registered
Joined
·
67 Posts
ce ne sono di città "piccole" che hanno avuto il coraggio di fare un metro'. Guardate ad esempio Rennes (250.000 ab). Ha una bellissima linea automatica e stanno lanciando la gara per la linea 2.

Per quanto riguarda il civis è vero che parlare di filobus fa vecchio ma ho delle difficoltà a vedere i veri vantaggi della guida ottica. E' una tecnologia sicuramente interessante ma fino al giorno in cui le normative non la equiparranno ad una normale guida vincolata permettendo la circolazione di mezzi lunghi secondo me porterà solo vantaggi risicati. Costerà più di un filobus ma che vantaggi porterà? (a parte il nome più moderno, s'intende:) )
 

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Ve lo dico da cittadino di una città che non avendo il coraggio di costruire un tram serio voleva scegliere il civis e alla fine ha optato per il Translohr: una volta che ce lo avete, dovete tenervelo!!

Meglio battersi per un progetto ambizioso che spendere la metà per avere solo problemi, e perdere la possibilità di cambiare per altri vent'anni.
 

·
Moderator
Joined
·
7,832 Posts
Il Translohr è un sistema pericoloso perché proprietario, il Civis è un filobus. Nella peggiore di ipotesi si potranno comprare filobus di altri costruttori (se prevedono le corsie abbastanza larghe da poter essere percorse anche da mezzi senza guida ottica).
 

·
ain't one
Joined
·
2,880 Posts
Ieri parlando con una persona è saltato fuori il discorso CIVIS.
Bisogna premettere che i commercianti di via Mazzini/via Emilia Levante sono contrari al progetto, e infatti espongono tutti il cartello NO AL CIVIS, e questo per il fatto che verrebbero eliminati molti parcheggi. Tra i commercianti girano voci, anzi, viene dato per certo che:
1. il CIVIS non può curvare (e questo mi sono sentito di smentirlo categoricamente, vedendo il tracciato mi sembra impossibile);
Ne dubito, a Lione utilizzano lo stesso mezzo chiamato però CRISTALIS sprovvisto di guida ottica come semplice e suggestivo FILOBUS

2. per il motivo di cui sopra la rotonda decorati al Valor Militare (la c.d. "rotonda di S.Lazzaro") verrà superata con un tunnel;
3. il CIVIS avrà semafori dedicati che gli permetteranno di avere sempre la precedenza;
4. le corsie preferenziali del CIVIS saranno al centro della strada e per le fermate verranno costruite delle strutture particolari, non si sa bene fatte come.
Mi sono fatto un'opinione personale, se verrà costruito il tunnel presso la rotonda di S.L. e realizzate fermate in mezzo alla strada in "stile tranviario" permetterà al Civis di essere facilmente rimpiazzato con poche spese essendo il "grosso" già realizzato (tunnel esclusi), in un lontano futuro chiaramente, in una linea metrotranviaria, utilizzando i CIVIS magari sulle circolari 33/32 senza quella aberrante guida ottica ;)

La cosa che mi fa arrabbiare è che di questi progetti non si sa mai niente, non vengono mai date notizie precise, e poi girano queste voci incontrollate che alimentano poi lo scontento degli interessati.
Qualcuno ne sa qualcosa di più?
http://www.comune.bologna.it/comune/docs/psc-programma_def.pdf è un calendario d'incontri che interesserà anche il progetto CIVIS, io conto di andarci.
 

·
ain't one
Joined
·
2,880 Posts
...
Questo è invece il progetto della metrotramvia che collegherà in galleria il Fiera District alla Stazione Centrale, per poi sbucare in superficie e proseguire verso la zona ovest della città.

http://urp.comune.bologna.it/Mobilita/Mobilita.nsf/3b5a117046b7c6e7c1256e3c0056b9e2/ded1dbaa5f642f37c125714f002e4280/$FILE/metrotranvia_11_04_06.pdf

A questo punto mi chiedo: ma invece di paralizzare mezza città per mesi con questo pseudo-tram, perchè non costruire una linea di metropolitana leggera Fiera-Stazione Centrale-Via Rizzoli-Porta Mazzini, e alla fine del quartiere piu' trafficato di Bologna farla continuare in superficie fino a San Lazzaro?

Mi scuso se sono stato troppo pedante, è il mio primo post :lol:
Se sei interessato all'argomento ed hai idee da proporre qui c'è un bel thread da riesumare ;) Bologna Metrotranvia
 

·
Moderator
Joined
·
7,832 Posts
Una curiosità: i Civis funzionerebbero/funzioneranno a 750 V cc, gli altri filobus a 600 V cc. I Bussotto mi pare siano convertibili a 750, i più vecchi da 12 metri no. Quindi Bologna si ritroverebbe con due reti filoviarie incompatibili.
 

·
ain't one
Joined
·
2,880 Posts
Una curiosità: i Civis funzionerebbero/funzioneranno a 750 V cc, gli altri filobus a 600 V cc. I Bussotto mi pare siano convertibili a 750, i più vecchi da 12 metri no. Quindi Bologna si ritroverebbe con due reti filoviarie incompatibili.
Come sempre cerchiamo la soluzione più semplice.

I Bussotto sono da anni in circolazione sulla linea filoviaria 13, ora anche prolungata, i 12 m credo che siano impiegati sulle circolari 32/33
 

·
Non esistono pasti gratis
Joined
·
883 Posts
Un po' di informazioni sul CIVIS dal sito dell'ATC. Niente di nuovo, ma così chi è interessato può leggere tutto qui senza dover andare sul link.

Il progetto
Civis è il sistema innovativo di trasporto che collegherà San Lazzaro di Savena al centro storico di Bologna. L'obiettivo è rendere più disponibile, semplice e rapido questo collegamento.
Il progetto non si limita al nuovo sistema e alle sue prestazioni. Ha ripensato e realizzerà tutto il contesto del trasporto: l'eliminazione delle barriere architettoniche, il miglioramento della pavimentazione stradale, la sincronizzazione dei semafori, il miglioramento del sistema elettrico delle linee filoviarie.
Civis è stato progettato come punto di una rete più complessa che, nel tempo, vedrà l'interscambio con il Servizio ferroviario metropolitano, l'Alta velocità, la Metrotranvia e gli autobus tradizionali.
Anche le linee esistenti del sistema filoviario sono oggetto di miglioramento e servizi ulteriori: i capolinea corrispondenti ai parcheggi scambiatori, la protezione delle corsie riservate, l'abbattimento dell'inquinamento acustico, un maggiore comfort per i passeggeri.

I veicoli
I veicoli Civis hanno motori elettrici che traggono alimentazione dai cavi tramite trolley (come i normali filobus).
I veicoli hanno, quindi, emissioni zero, e sono caratterizzati da una notevole silenziosità. Il voltaggio della linea aerea sarà portato a 750 Volts dagli attuali 600, consentendo maggiori potenze e miglioramento delle condizioni di viaggio, ad esempio consentendo l'installazione a bordo dei veicoli a trazione elettrica di impianti di climatizzazione dell'aria.
Il controllo della traiettoria di marcia è affidato a dispositivi di tipo elettronico/ottico (telecamere), che supportano il conducente e "guidano" il mezzo sul tracciato previsto per le diverse linee. Questo tipo di tecnologia aumenta la flessibilità di impiego: l'autista può, infatti, deviare dal perscorso in caso di necessità.
Facilita, inoltre, l'accessibilità al servizio perché il sistema automatico allinea il veicolo alla fermata eliminando il dislivello tra il marciapiede ed il piano di carico del Civis. In questo modo l'entrata viene agevolata, in particolar modo per le persone con ridotte capacità motorie.



I lavori
I lavori hanno avuto inizio il 16 settembre 2007. La prima tratta interessata dai lavori è il tracciato compreso tra le vie Caselle e Pertini (circa 3,2 km), per una durata di 240 giorni (180 per il solo canale stradale).
La durata complessiva prevista dei lavori (intera tratta San Lazzaro-Bologna, di 18,9 km) è di 1000 giorni.
Per ridurre al minimo i disagi e salvaguardare al meglio la viabilità, i cantieri per la realizzazione delle opere stradali sono di tipo “mobile” e prevedono:
- l'impegno della strada per tempi e tratti limitati (circa 300 metri di estensione e un mese di tempo per ciascun intervento);
- il mantenimento degli accessi privati;
- il mantenimento dei collegamenti ciclo-pedonali.
 
1 - 20 of 1161 Posts
Top