SkyscraperCity Forum banner

CATANIA | Riqualificazione di Corso Martiri della Libertà (MCA - Mario Cucinella Architects) | U/C

150563 Views 489 Replies 80 Participants Last post by  glueball6
Riqualificazione e pedonalizzazione di Corso Martiri della Libertà, a Catania, con innesto di residenze, gallerie commerciali, teatro, spazio espositivo-museale, cinema multisala, albergo e parcheggi ipogei, con ampio ricorso a spazi verdi attrezzati e tetti giardino.

Progetto del 2012 dell'Arch. Mario Cucinella.

Stato attuale



































Foto di ctzen Catania

Rassegna stampa:

Corriere della Sera

La Repubblica

adnkronos

Il nuovo Corso Martiri della Libertà di Catania è una macchia verde. Eppure lì dentro ci sono spalmati 240mila metri cubi di nuovi edifici. L’architetto Mario Cucinella ha diviso la grande ferita che Catania si porta dietro da cinquant’anni in tre zone: una residenziale più vicina a piazza della Repubblica, una culturale e commerciale ai lati del boulevard alberato che diventerà Corso dei Martiri della Libertà, infine una ricettivo-alberghiera che si affaccia su piazza Giovanni XXIII e la stazione centrale. Ci saranno un teatro, un museo, un albergo e piccole oasi d’acqua nel verde. La strada sarà solo pedonale e ciclabile, i parcheggi sotterranei. Non ci sarà nessun mercato coperto, almeno per ora, e nessun centro commerciale. Tre anni è il tempo di realizzazione previsto dall’architetto e dal sindaco Raffaele Stancanelli. Duecento milioni di euro l’investimento dei privati.

«Parola d’ordine: rigenerazione urbana, per mettere Catania in linea con il resto d’Europa». Ha esordito con queste parole l’architetto Cucinella alla conferenza stampa di presentazione del master plan stamattina nella sala giunta del Comune, affollata da giornalisti, assessori e varie associazioni. «Catania – ha spiegato il progettista – è una città densa dal punto di vista urbanistico e con un’importante movida creativa. Non aveva senso riempirla di nuovi edifici, ho pensato ad un grande giardino dove i catanesi possano ritrovarsi a passeggiare». Le diapositive che passano sullo schermo mostrano i cambiamenti avvenuti con ottimi risultati a Barcellona, Rio, Valencia, Madrid. L’idea di una rambla che unisca il cuore della città al mare torna spesso nei discorsi di Cucinella.

«Ho voluto mantenere l’attuale scivolamento della città da nord verso sud», spiega l’architetto. Così, dal lato di via Archimede, ci saranno delle terrazze su tre livelli che si affacciano sul viale. Sulla superficie superiore nascerà un giardino. Le gallerie, all’interno, saranno destinate a servizi e negozi. «Ma non un centro commerciale», ci tiene a precisare l’architetto. Le terrazze non supereranno l’altezza degli edifici vicini, così come tutte le altre costruzioni previste dal master plan. «Abbiamo prestato molta attenzione nel mantenere un rapporto equilibrato tra i volumi esistenti e quelli nuovi». Sarà quindi un lento degradare verso il boulevard centrale, destinato alle passeggiate di pedoni e ciclisti, dove sorgeranno anche delle piccole oasi d’acqua, altro «tema caro» a Cucinella.

Il traffico delle auto verrà dirottato sulla cintura di strade già esistente che circonda Corso dei Martiri: via Archimede e via Marchese di Casalotto ai lati. «Rimarrà solo l’attraversamento di via Crispi», precisa l’architetto. Nella zona prossima a piazza della Repubblica verranno realizzate residenze per un totale di 40mila metri cubi. I palazzi dovrebbero raggiungere un’altezza di 25 metri per un totale di sette piani, «senza superare gli edifici esistenti». La zona residenziale finisce in corrispondenza di via Crispi.

Di fronte alla chiesa del Santissimo Crocifisso della buona morte è previsto un nuovo museo che si affaccerà su una piazza che, nelle idee di Cucinella, dovrebbe essere destinata ad «ogni tipo di evento artistico». Poco più avanti, dall’altra parte del viale, sorgeranno il teatro e un edificio destinato ad attività commerciali. Alle spalle del teatro una scalinata a gradoni porterà su via Marchese di Casalotto e piazza Falcone, da cui l’architetto ha ammesso si essere stato folgorato. «La piazza con la chiesa sono il pezzo più pregiato della zona, ho provato a recuperare quella qualità per le parti nuove tutto attorno». L’ultimo segmento del viale sarà destinato alle strutture ricettivo-alberghiere. Un hotel «di circa 10mila metri cubi per 4mila metri quadrati» dovrebbe nascere di fronte alla stazione ferroviaria. Anche in questo caso, promette Cucinella, l’altezza sarebbe coerente con quella degli edifici vicini già esistenti.

L’incarico affidato a Cucinella si ferma qui, ma l’architetto ha voluto lasciare al sindaco un progetto anche per piazza della Repubblica che Stancanelli ha affermato di tenere in grande considerazione. Previsti un parcheggio per 350 posti auto da 10mila metri cubi e il mercato coperto che servirebbe da ingresso per il nuovo San Berillo. In questo caso, spetterebbe interamente al Comune l’onere dei lavori. «La nostra ambizione – spiega Cucinella – non è soltanto quella di rifare il quartiere di San Berillo, ma di generare una nuova qualità urbana tutto intorno. Catania ha a disposizione una conquista secolare: affacciarsi sul mare con un parco urbano». Un’idea che esula dal progetto di competenza dell’architetto e che sta all’amministrazione comunale saper cogliere, portando il concetto di rigenerazione urbana fino alla stazione e a piazza Giovanni XXIII.

Fonte dell'articolo descrittivo: ctzen

A PAGINA 3 AGGIORNAMENTO DEL PROGETTO E DEL PLASTICO (dicembre 2013)
1 - 17 of 17 Posts
news?

Nessuna nuova notizia di alcun genere? Ruspe..operai..anche solo i nastri per delimitare la zona... non sarò mica troppo ottimista?
http://ctzen.it/2013/02/01/corso-martiri-il-7-febbraio-iniziano-i-lavori-lassessore-non-sara-uno-sgombero/

sempre sull'inizio lavori di giorno 7, qui si dice che ancora non "hanno discusso i dettagli col comune"...lo faranno giorno 6 a feste concluse? mah..
Altra poca roba, la posto qui perché stancanelli tenta di farla rientrare nella riqualificazione. Comunque si tratta di uno spazio bello grosso.

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/catania/notizie/cronaca/2013/6-marzo-2013/via-parcheggio-abusivo-area-ritorna-mani-comune---21258671628.shtml
video da La Sicilia su corso dei martiri
situazione scandalosa, 10t di rifiuti... che si diano una mossa!

http://www.lasiciliaweb.it/index.php?id=94794
a quanto pare la settimana prossima ci saranno delle ruspe, probabilmente per smaltire le tonnellate di rifiuti che si sono accumulate col tempo, ecco un pezzo dell'intervista su sestarete in merito ad una domanda su corso dei martiri: "Finalmente dopo tanti miliardi spesi e tante controversie create, il Comune ha chiuso questa pagina vergognosa della città, trovando un accordo con i privati. La prossima settimana le ruspe inizieranno i lavori senza alcun onere per l’amministrazione. Con i cantieri ben 3000 persone potranno lavorare nel giro di circa quattro anni. Da elemento di degrado Corso Martiri diventerà così centro di attrazione per l’edilizia"
Salve a tutti,

ho letto qualche giorno fa sul sito de La Sicilia che è stata finalmente sgomberata la baraccopoli (http://www.lasiciliaweb.it/index.ph...a-la-fossa-dei-martiri-&template=lasiciliaweb).

Si hanno notizie circa l'inizio dei lavori per la riqualifica di Corso Martiri della Libertà?
Non abbiamo il il live twitting della presentazione del masterplan al consiglio:)?
Ma quelle fumose...ops...famose concessioni edilizie che dovevano essere fatte entro un mese?
Comune Catania: cantieri entro fine anno per i lavori a Corso dei Martiri
Set 11, 2015
Corso dei Martiri: Di Salvo, «Entro un mese la concessione edilizia per la realizzazione di parcheggi e aree a verde».



Si è svolta nel Palazzo degli elefanti la prima delle conferenze dei servizi per snellire le procedure burocratiche che consentiranno la realizzazione delle opere di primaria urbanizzazione. Il sindaco Bianco, «Stiamo rispettando il cronoprogramma che ci eravamo dati».

L’Assessore, «Se avremo il via libera dall’Anac all’affidamento diretto i privati sostengono di poter avviare i cantieri già entro la fine di quest’anno». «Entro un mese contiamo di rilasciare la concessione edilizia per l’inizio dei lavori delle opere di primaria urbanizzazione di Corso dei Martiri della Libertà».

Lo ha detto l’assessore all’Urbanistica Salvo Di Salvo al termine della prima delle conferenze dei servizi organizzata nella Sala Giunta di Palazzo degli elefanti proprio per snellire le procedure burocratiche che consentiranno la realizzazione di parcheggi e aree a verde.
Alla riunione, presieduta dal capo di Gabinetto Massimo Rosso, erano presenti, oltre a Di Salvo e ai rappresentanti degli imprenditori proprietari delle aree di Corso dei Martiri Istica-Cecos e Risanamento San Berillo, i vertici delle Direzioni Lavori pubblici, Attività produttive, con i direttori Corrado Persico e Alessandro Mangani, Urbanistica, con la dirigente Rosanna Pelleriti e l’ing. Salvo Bonaccorsi. Presente anche, in rappresentanza dell’Avvocatura comunale, Fabio Buccheri.

«Si fa sul serio - ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco - e stiamo rispettando il cronoprogramma che ci eravamo dati per far sì che quest’opera così importante per lo sviluppo della nostra città possa prendere il via nel più breve tempo possibile secondo i criteri urbanistici da noi immaginati, limitando il più possibile la cementificazione e donando spazi di vivibilità e di verde ai cittadini».
«I progetti definitivi - ha spiegato Di Salvo - per le opere di urbanizzazione primaria e i servizi pubblici sono stati presentati il 3 settembre e, come avevamo annunciato in Consiglio comunale, abbiamo organizzato la prima delle conferenze dei servizi per velocizzare al massimo le procedure e rilasciare quella concessione che è titolo abilitativo per l’avvio dei lavori. Il 31 agosto, inoltre, per procedere con la massima trasparenza, abbiamo inviato all’Anac, l’Autorità anticorruzione, una richiesta di parere sulle modalità dell’appalto. Il parere dell’Anac ci permetterà di valutare la procedura ottimale, tra affidamento ed evidenza pubblica, che i privati dovranno seguire. Se dall’Autorità otterremo lo sta bene a procedere con affidamento diretto, più rapido, i privati sostengono di poter avviare i cantieri già entro la fine di quest’anno».

Si è passati dunque alla fase operativa di questo progetto di rigenerazione urbana che, per via di un lungo contenzioso, attende di essere realizzato da mezzo secolo e inciderà positivamente sull’assetto urbanistico cittadino sanando quella che è stata sempre definita «una ferita aperta» proprio nel cuore di Catania.
Nella metà di luglio il Sindaco aveva presentato, come promesso, il nuovo progetto in Consiglio comunale ma anche davanti a sindacati, ordini professionali, mondo produttivo e associazioni. Alla seduta straordinaria del Consiglio, convocata dalla presidente Francesca Raciti, erano presenti, oltre a Di Salvo, anche l’ archistar Mario Cucinella, che su richiesta dell’Amministrazione aveva mutato il progetto inserendo un grande parco urbano, uno dei maggiori della città, e nuovi spazi pubblici, e il paesaggista Andrea Kipar dello studio Land che aveva lavorato con lui alla definizione del parco. Cucinella aveva parlato in particolare della ramblas a verde che dal corso Sicilia conduceva al mare, come a Barcellona o Genova, facendo di questa grande area un nuovo centro cittadino.
http://www.lasicilia.it/articolo/comune-catania-cantieri-entro-fine-anno-i-lavori-corso-dei-martiri
Arrivato l'ok dall'anticorruzione


Corso dei Martiri, via libera dall'Anticorruzione
Bianco: "Entro l'estate potranno partire i lavori"
Giovedì 14 Gennaio 2016 - 06:10 di Melania Tanteri

La telefonata di Cantone al primo cittadino conferma la correttezza delle procedure, che dovranno rispettare le regole dell'evidenza pubblica. "Questo significa - commenta il primo cittadino - che finalmente sono nelle condizioni di convocare la conferenza dei servizi".


CATANIA - L'anticorruzione conferma la correttezza della procedura su Corso Martiri della Libertà. L'Anac, dopo aver ricevuto la documentazione da parte del Comune di Catania in relazione alle modalità di assegnazione delle opere di urbanizzazione primaria, si è dunque espressa. Step indicato dall'assessore all'Urbanistica Salvo Di Salvo come quello immediatamente precedente all'apertura dei cantieri. “Siamo in attesa di un parere che l’amministrazione ha richiesto all’Anac – aveva affermato a LiveSiciliaCatania - per capire se gli interventi per realizzare le opere di urbanizzazione, debbano andare in procedura di affidamento o in evidenza pubblica. Non appena avremo la risposta da parte dell’Autorità, procederemo”.

Adesso, da Roma, hanno dato l'ok per la gara di evidenza pubblica. Una procedura non certo breve, ma che, una volta completata, potrebbe portare all'avvio dei lavori in poco tempo. Come conferma il sindaco Bianco che commenta con entusiasmo la notizia. "Le prime opere che partiranno - afferma il primo cittadino -saranno quelle di urbanizzazione: un parco urbano e un grande parcheggio sotterraneo. Si era posta la questione su come i privati avrebbero docuto consegnare le opere al Comune e abbiamo, per questo, preferito chiedere un parere all'Anac per un'interpretazione autorevole".


Cantone, raggiunto direttamente dalla telefonata del sindaco, ha risposto qualche giorno fa, affermando che i lavori dovranno essere realizzati dai privati proprietari delle aree secondo le regole dell'evidenza pubblica. "Questo significa - continua il primo cittadino - che finalmente sono nelle condizioni di convocare la conferenza dei servizi alla quale parteciperanno tutti gli uffici comunali coinvolti e le altre istituzioni cittadine. In questo modo - aggiunge - potremo avere una visione di insieme delle opere e accelerare i tempi. Conto di convocarla a febbraio. Verosimilmente, nel corso dell'estate - conclude - nonostante i tempi della gara di evidenza pubblica siano un po' più lunghi, potranno partire i lavori in Corso Martiri della Libertà".

http://catania.livesicilia.it/2016/01/14/corso-dei-martiri-via-libera-dallanticorruzionebianco-entro-lestate-potranno-partire-i-lavori_365444/
News da livesicilia

Corso Martiri, cantieri entro l'anno
Palmeri: "A breve bandi e gara"

L'amministratore delle società proprietarie dell'83% dell'area spiega quali saranno i prossimi passi.

CATANIA – Importanti novità per corso Martiri della Libertà. Le ha annunciate Aldo Palmeri, amministratore di Istica e Cecos, società storiche che insieme sono proprietarie dell'83% dell'area al centro di Catania sventrata negli anni Sessanta. “Le novità sono positive – afferma. Abbiamo chiuso la fase della conferenza dei servizi, relativamente alle opere di urbanizzazione, per cui è in corso la procedura che porterà all'emissione dei bandi, alla celebrazione della gara e all'assegnazione dei lavori”.

Tempi burocratici permettendo, dunque, il recupero di una delle aree più appetibili d’Europa dal punto di vista edilizio – la zona è in pieno centro cittadino e collegata con la metropolitana, oltre ad essere a due passi dalla Stazione centrale e dal porto – sembra meno un sogno, un annuncio, una promessa, e più una possibilità concreta. “Una svolta vera – prosegue Palmeri. Noi, come privati – prosegue – abbiamo rispettato i tempi, e questo è stato possibile grazie a un’eccellente collaborazione che abbiamo avuto con tutta l’amministrazione comunale, sindaco Bianco, assessore Di Salvo, il direttore generale, presidente della conferenza dei servizi, il direttore dell’Urbanistica, e abbiamo operato celermente, riuscendo a raggiungere importanti risultati”.

L’operazione di rigenerazione urbana di corso Martiri della Libertà, su progetto dell’architetto Mario Cucinella – che lo ha illustrato in Consiglio comunale - vale circa 200 milioni. “Per espletare i bandi – continua Palmeri – dato il contesto arcaico italiano che frena qualsiasi sviluppo, cercheremo di essere bravi a superare gli intoppi della burocrazia. Spero che l’apertura dei cantieri possa avvenire entro l’anno. Siamo partiti con il primo blocco delle opere di urbanizzazione – spiega Palmeri: subito partirà il secondo blocco. Sarà un lavoro in successione, per un totale di circa 16 milioni e mezzo di opere di urbanizzazione, che metteranno in moto il meccanismo che poi porterà la parte privata ad avviare il progetto”.

Azionista di riferimento di Istica e Cecos è Capital Dev, una holding posseduta al 100% da Unicredit, l’istituzione finanziaria. “Ci aiuterà – afferma – affinché il progetto sia definito nella sua interessa, in modo da poi metterlo in mano a soggetti che lo fanno per mestiere”. L’interesse di Unicredit sarebbe quello di valorizzare al massimo il progetto, anche perché il gruppo bancario ha necessità di recuperare l’esposizione nei confronti dei vecchi azionisti. “L’unica via per recuperare i crediti – conclude Palmeri – è valorizzare i progetti”.


Fonte
Ulteriori conferme in un articolo di giorno 5 su http://catania.livesicilia.it/2017/12/05/corso-martiri-l11-consegna-del-cantiere-divieto-di-transito-in-via-fischetti_441134/

Tra una settimana al via la realizzazione delle opere di primaria urbanizzazione.


CATANIA - Dal primo dicembre torna privata. La porzione di via Fischetti, compresa tra via Archimede e corso Martiri della Libertà, verrà restituita all'Istica Spa, nell'ambito della riqualificazione del rione San Berillo. Insomma, dopo annunci e carte, protocolli e presentazioni, una delle azioni più concrete verso la reale rigenerazione dell'area, dopo la presentazione dei bandi per la realizzazione delle opere di primaria urbanizzazione.

"Sono lavori in attuazione di quanto previsto dalla convenzione - afferma Aldo Palemeri, dirigente dell'Istica. Il 7 ci sarà la firma del contratto di aggiudicazione del primo lotto e giorno 11 avverrà la consegna dei cantieri". Da quel momento, scatteranno i 6 mesi per il completamento dell'opera.

Nello specifico, si tratta della realizzazione di quattro lotti e di interventi su un'area di circa un ettaro, nei pressi della scuola Giovanni Pascoli e nei pressi della chiesa della Buona morte, la realizzazione dell'area a verde e, in piazza della Repubblica, quella di un parcheggio multipiano". Il totale dell'appalto è 1.919.000 euro.

Con una nota che riporta la data di oggi, la Direzione Patrimonio e partecipate, consegna il tratto di via a una delle società proprietarie dell'area che, nella nuova versione della zona, sarà adibita a verde pubblico. Per questo, con lo stesso provvedimento, viene istituito il divieto di transito veicolare nell'area in questione, mentre la proprietà dovrà procedere alla recinzione per poi avviare i cantieri.
Catania - Corso Martiri, c'è una data che potrebbe fare la storia

CATANIA - Nella prima decade di dicembre saranno presentate dall’amministrazione importanti novità a proposito del bando di trasformazione del Corso dei Martiri di Catania. La notizia arriva tra le righe della conferenza di presentazione del piano manutenzioni che l’amministrazione ha presentato alla città.

Da giorno 11 dicembre dovrebbe partire il cantiere dato che “sono state già definite tutte le procedure di aggiudicazione dei cinque lotti di opere di primaria urbanizzazione e parallelamente stiamo avviando la conferenza dei servizi per potere approdare all’opera più importante sia in termini economici - parliamo di un’opera di circa 14 milioni di euro - che di realizzazione, ovvero l’operazione di piazza della Repubblica dove si realizzeranno 350 posti auto e un parco a verde”, spiega l’assessore all’urbanistica del comune di Catania, Salvatore Di Salvo.

Sono tanti i punti di intervento e trasformazione del tessuto cittadino e tanti i cantieri che intasano le strade con buona pace dei cittadini. “Pensiamo al lato positivo, per una volta, pensiamo che stiamo trasformando la città che diventa sempre più moderna e all’avanguardia”, dichiara il primo cittadino Enzo bianco, a chi gli chiede cosa dire ai catanesi che si accingono alle spese natalizie e che appunto, avranno maggiori difficoltà di spostamento.

In realtà, i cantieri in città sono già una realtà con cui i cittadini convivono da tempo, ma aumenteranno. Pensiamo ai lavori al Tondo Gioeni con l’abbattimento del ponte prima e la creazione del muro di contenimento e la fontana di abbellimento che sono in corso di realizzazione, ma pensiamo anche ai tanti cantieri per l’operazione Open Fiber di diffusione della fibra ottica super veloce per le connessioni internet.

“Ci sono già tanti micro cantieri e con l’aggiunta di questi avremo un grande miglioramento della città con anche una notevole ricaduta di occupazione per il nostro territorio”, aggiunge il sindaco.

Ma non è finita qui. Tra i cantieri in corso d’opera, alcuni sono anche legati alla metropolitana che piano piano si sta estendendo a tutta la città tentando di diventare un’alternativa vantaggiosa all’utilizzo dell’auto privata, soprattutto per chi deve raggiungere il centro cittadino. Anche perché, come spiega ancora l’assessore Di Salvo, secondo il progetto dell’amministrazione “il centro storico dovrebbe diventare per lo più pedonale, escludendo i residenti”, dice. Tra i grandi progetti inoltre, anche una stazione ferroviaria all’interno dell’aeroporto Fontanarossa che dovrebbe rendere lo scalo catanese moderno, all’avanguardia e soprattutto facilmente raggiungibile. A gennaio, infine, dovrebbero partire i lavori per il progetto Cta Mover che prevede numerosi interventi di messa in sicurezza e innovazione delle strade. Catania cantiere aperto, insomma. Non resta che aspettare.

Fonte: Quotidiano di Sicilia
Bianco apre i cantieri di corso Martiri della Libertà, Arcidiacono: "Solo propaganda elettorale"

Il sindaco di Catania Enzo Bianco aprirà oggi il cantiere, il primo di quattro, che avvia il risanamento del corso dei Martiri della Libertà, atteso da ben 67 anni. Un risanamento mai partito per varie cause e segnato da diverse battaglie legali, che si è trascinato per oltre mezzo secolo fino alla presentazione, nel settembre del 2014 da parte dell'archistar Mario Cucinella, di un Piano che prevedeva una rambla a verde a collegare il Corso Sicilia con il mare, recuperando il rapporto con esso, come a Barcellona o Genova. Il sindaco Bianco chiese però una maggiore attenzione al verde e agli spazi per la socialità e un'armonizzazione non limitata alle aree destinate all'intervento ma estesa alle piazze della Repubblica a nord e Giovanni XXIII a sud. I privati acconsentirono e il nuovo master plan prevede una drastica riduzione di cubatura di cemento, l'interramento del parcheggio (per due terzi pubblico), la creazione di un grande viale centrale per pedoni e ciclisti, di strutture per lo sport e l'intrattenimento e di un parco urbano, il terzo più grande della città.


A questa inaugurazione risponde Sebastiano Arcidiacono, vice presidente vicario del Consiglio comunale di Catania, definendola "solo una propaganda elettorale". "Offende l’intelligenza dei catanesi il tentativo del sindaco Bianco di spacciare come un fatto di portata storica la riqualificazione di quattro limitate aree a verde del vecchio quartiere San Berillo, interventi minimali rispetto al complessivo risanamento della vasta zona di corso dei Martiri".

Sono almeno 5, secondo Arcidiacono, le "verità sul risanamento di Corso Martiri che Bianco non dice". "Le 4 distinte aree a verde di cui iniziano i lavori di riqualificazione riguardano circa 5 mila metri quadrati complessivamente, in concreto appena il 2% dell’area globale di 240 mila quadrati su cui dovranno realizzarsi gli interventi di risanamento di Corso dei Martiri; I lavori aggiudicati per realizzare le quattro grandi aiuole attrezzate, riguardano un ammontare limitato allo 0,5% rispetto all’investimento complessivo previsto di circa 220 milioni di euro, poiché la spesa effettiva dell’appalto con il ribasso a base d’asta a scomputo degli oneri di urbanizzazione dei privati ammonta a 1,438 milioni di euro; La manodopera secondo le stime dei tecnici dell’Ance che verrà impiegata si aggira sulle 15 unità, invece delle centinaia di posti di lavoro che il sindaco proclama senza alcun fondamento; Tutti i titoli edilizi concessori e le cubature sono inderogabilmente quelli previsti dal vigente accordo del 16 novembre 2012 raggiunto dal sindaco Stancanelli coi privati dell’epoca e pertanto tutti gli interventi sono in esecuzione di quell’intesa che per quattro anni è rimasta inspiegabilmente inattuata; A parte l’incremento a verde di qualche area comunale, il Master plan del progetto di rigenerazione urbana dell’architetto Mario Cucinella è analogo a quello presentato nel luglio 2012 dal sindaco Stancanelli e dallo stesso archistar e che rimase esposto a palazzo degli elefanti per parecchi mesi: le cubature sono rimaste inalterate e con esse i valori edilizi che, dunque, non hanno subito alcuna diminuzione a differenza di quanto viene falsamente affermato".


"Queste informazioni - conclude Arcidiacono - sono frutto di documentazione che si evince dagli atti sottoscritti e che riguardano le azioni di risanamento di Corso dei Martiri su cui, per anni, hanno lavorato con energia e dedizione funzionari, dirigenti e assessori (uno per tutti il compianto Prof. Luigi Arcidiacono) che si sono spesi per raggiungere l’obiettivo di risanare il rione San Berillo che, a dispetto di quanto dice il sindaco Bianco, purtroppo è ancora lungi non solo dall’essere raggiunto ma persino dall’essere avviato".




Articolo di http://www.cataniatoday.it/cronaca/corso-martiri-liberta-cantieri-bianco-arcidiacono-11-dicembre-2017.html

A questo punto quanto c'è di vero in quello che dice Bianco e quanto in quello che dice Arcidiacono?
Ieri sera ho visto che hanno piantato gli alberi negli appositi spazi, per lo meno nella parte più vicino a piazza giovanni XXIII°
  • Like
Reactions: brick84 and Sampei
Corso dei Martiri, nessuno stop
"Entro l'anno secondo lotto"


L'arresto di Luca Parnasi non avrà conseguenze sul mega progetto urbanistico, assicura Aldo Palmeri.

CATANIA - Nessun rischio per i cantieri di corso dei Martiri. Il progetto di rigenerazione urbana di San Berillo Vecchio, sventrato negli anni Sessanta e ancora in attesa dell'agognata riqualificazione. Dopo l'arresto di Luca Parnasi, signore del cemento ed ex proprietario di gran parte delle aree del Corso Martiri della Libertà di Catania, accusato di corruzione e coinvolto nell'appalto per la costruzione del nuovo stadio della Roma, sono montate in città le preoccupazioni per una possibile interruzione del mega progetto, sul quale sono puntati gli occhi non solo del mondo politico.

A scongiurare qualsiasi conseguenza è Aldo Palmeri, amministratore dell'Istiica, già proprietaria della maggior parte delle aree del corso Martiri della Libertà, prime di cederne il 95,6% a Unicredit, attraverso la società Capital Dev. "Non c'è né ci sarà alcuna conseguenza sul corso Martiri - afferma. Parsitalia, oggi in liquidazione, ha definito e chiuso i rapporti con Unicredit e quindi non è più coinvolta nella questione. Stiamo lavorando assiduamente con il dottor Calabi, amministratore delegato Capital.- precisa - per le prospettive future, coinvolgendo sviluppatori di progetti complessi".

Palmeri, che assicura che il progetto non subirà alcuno stop, comunuca anche le novità sui prossimi cantieri che apriranno al corso Martiri della Libertà, Il cui secondo blocco, entro il prossimo mese, dovrebbe approdare al Genio civile. "Il progetto va avanti - afferma. Abbiamo consegnato la prima piazza e tutto il primo lotto sarà consegnato a breve. Il progetto esecutivo delle opere del secondo lotto (che corrisponde alla realizzazione del parcheggio di tre piani nell'area di piazza della Repubblica n.d.r.) dovrebbe andare al Genio civile entro il mese prossimo e, successivamente, mandato all'Urega per la predisposizione della gara".

Il secondo step, che prevede un investimento di circa dodici milioni. I tempi per la conclusione dell'iter, però, non sono certi. "Se l'appalto verrà bandita entro settembre - conclude Palmeri - si potrebbe avviare il secondo cantiere entro quest'anno, ma tutto dipende dai tempi burocratici della celebrazione della gara".


http://catania.livesicilia.it/2018/06/24/corso-dei-martiri-nessuno-stop-palmeri-entro-lanno-il-secondo-lotto_464267/
Il corso è già dei martiri
Fallisce miseramente, tra sporcizia e degrado, il progetto riqualificazione urbana di corso Martiri della Libertà a Catania (foto Ornella Adamo)

http://www.lasiciliaweb.it/2018/09/26/il-corso-e-gia-dei-martiri/

Avaia...
Parcheggio in piazza Repubblica, arrivano cinque offerte, tre valide

CATANIA – Cinque le offerte arrivate all’Urega per la realizzazione del parcheggio Multipiano da 334 posti, con un’ampia area verde soprastante, in piazza della Repubblica. Cinque ditte o raggruppamenti di imprese che concorrono per la costruzione dell’infrastruttura, parte delle opere di urbanizzazione del nuovo Corso Martiri della Libertà del valore di oltre 11 milioni di euro.

[...]


fonte qds
1 - 17 of 17 Posts
Top