SkyscraperCity Forum banner
501 - 520 of 30238 Posts

· melior de cinere surgo
Joined
·
10,459 Posts
Discussion Starter · #501 ·
FCE: ripresa dei lavori nei pressi di Randazzo

Sulla tratta ferroviaria della Circumetnea Randazzo-Rovittello presto ripartiranno i lavori di ammodernamento, sospesi ormai da tempo a causa di difficoltà finanziarie dell'impresa aggiudicatrice. Parola dell'ing. Mario Spampinato, commissario della Ferrovia Circumetnea intervenuto ad un sopralluogo nei pressi della frazione di Solicchiata e sollecitato dal comitato cittadino presieduto da Carmelo Di Bella. Presenti all'incontro, per la Fce pure i funzionari Sebastiano Gentile e Salvino Cannella, mentre per il comitato promotore vi erano il responsabile cittadino dell'Italia dei Valori Mimmo Cosentino, l'on. Salvo Raiti, il segretario locale dei Ds Angelo Cubito. All'impresa aggiudicatrice in origine, poi fallita, è adesso subentrata una nuova impresa che dovrebbe riprendere i lavori, che in previsione potrebbero essere ultimati entro l'anno.
Da giugno, allorquando saranno soppresse le corse degli studenti e quindi per evitare disagi, saranno montate le nuove rotaie, ma i lavori relative alle opere accessorie potrebbero iniziare nel giro di qualche mese. I lavori, che risultano sospesi da tempo, prevedevano la realizzazione di una nuova stazione, già in avanzato stato di esecuzione, l'adeguamento delle pendenze e delle curve del tracciato ferroviario, l'eliminazione del passaggio a livello lungo la provinciale Solicchiata-Castiglione, che in previsione sarà abolito in quanto il nuovo tracciato ferroviario passerà sotto il livello stradale attuale.
Intorno alla ripresa dei lavori c'è quindi un certo ottimismo, dalla Fce sono giunte al comitato cittadino rassicurazioni ben precise e la volontà dell'azienda stessa a completare l'intervento. Il nuovo tracciato ferroviario garantirà quindi nuovi standard di sicurezza sul percorso Randazzo-Rovittello-Riposto, e la comunità locale spinge affinchè si completino i lavori e si trovi comunque, nell'attesa, una soluzione più sicura e alternativa a quel passaggio a livello incustodito che attraversa la provinciale Solicchiata-Castiglione.

Fonte: LA SICILIA
 

· melior de cinere surgo
Joined
·
10,459 Posts
Discussion Starter · #506 ·
quando sticky???
In effetti questo thread, che tra l'altro si riferisce ad un'area metropolitana vera, istituzionalmente riconosciuta, è molto frequentato ed ha ritmi sicuramente superiori a Genova, che è sticky, e certamente non inferiori a Napoli, per esempio.

Ma metterlo "sticky" spetta al nostro moderatore GENIUS LOCI! :master:
Sinceramente mi aspettavo che lo facesse con questo secondo thread. ;)


Nel frattempo stiamo entrando in pieno periodo di celebrazioni agatine:

 

· Sono diventato papà :)
Joined
·
6,763 Posts
^^ vieni da noi, Pa, che ce n'è per tutti i gusti ;) se a Palermo non riesci a sfogarti :lol:
non credo che mia moglie sarebbe daccordo :nuts: , comunque qui a Palermo non ci lamentiamo, ci sono anche un sacco di americane niente male che girano per la city
 

· Registered
Joined
·
3,474 Posts
Da noi di Americani in pianta stabile ne abitano almeno 15.000, nella base di Sigonella, un'enclave di territorio americano in Italia, con il sistema telefonico USA, merci USA, moneta USA, in cui sono valide le leggi USA....
Enorme, in espansione, dato che nel prossimo futuro, quest'area del Mediterraneo sarà sempre + strategica, purtroppo.

Eccovi come appare da satellite, spero di non trovarmi a casa un agente dell'FBI (minchia, signor agente, l'ho presa da Google Earth!!)... notate in alto a sx degli agglomerati di edifici, e sotto la base vera e propria, con vaste zone in costruzione. Notate pure come al momento Sigonella sia l'unico aeroporto siciliano con 2 piste!



Caro Palermo, le americane sono belle forti, ma dopo i 30 anni spanzano e sfioriscono ;) E poi, stai attento, le femmine sicule sono gelosone, e i loro parenti incazzosi :D

Ne parlo perchè anche questo fa parte dell'area metropolitana di Catania ;)
 

· melior de cinere surgo
Joined
·
10,459 Posts
Discussion Starter · #510 ·
Nota del Presidente Commissione LL.PP.

In merito al Consiglio comunale che ha trattato il «progetto Tavoliere» è intervenuto con una nota Dino Fiorenza, presidente della commissione comunale Lavori pubblici: «la gatta frettolosa fa i gattini ciechi. Il piano Piccinato - scrive Fiorenza - prevedeva un'area a nord della circonvallazione da destinare ad edilizia universitaria. Alla fine degli anni'70 l'Iacp, proprietario di un lotto di terreno presentava un progetto denominato "Tavoliere" che prevedeva la costruzione di circa 850 alloggi con annesso campus universitario. Il progetto, in verità valido anche se oggi superato per la eccessiva cementificazione, fu anche finanziato, con risorse oggi insufficienti per la realizzazione, e pertanto le IACP decisero di procedere in project financing con privati.
Il problema sorge, in una dialettica democratica senza prevaricazioni quando, nel 1994, il Consiglio comunale e la sua Giunta, votando le direttive generali del ridigendo Prg, non prevedeva in quell'area nessun insediamento urbanistico. E c'è di più
- prosegue - visionando il nuovo Prg si individua in quell'area un'area risorsa, (la 4.4) che vede insediati terreni anche di privati. La proposta, fatta dalla Commissione Lavori Pubblici da me presieduta, e non voluta essere presa in considerazione per cavilli procedurali nella scorsa seduta di Consiglio era quella di dividere il comparto in due; in modo che la edificabilità dell'area risorsa non fosse tutta "assorbita" dall'opera che pur rimane meritoria. Perché non coinvolgere il Consiglio in questa scelta. Non è forse anche a tutela dei "semplici" cittadini?. Lo chiedo all'avv. Gibiino, lo chiedo al presidente Arcidiacono...».
 

· melior de cinere surgo
Joined
·
10,459 Posts
Discussion Starter · #511 ·
Rapporto sull'Ambiente

Catania prima in Italia nella produzione di spazzatura procapite



Dalla «fotografia» dell'Apat sull'ambiente nelle principali città italiane arrivano dati incoraggianti per Catania. Almeno rispetto alla situazione di altri grandi città metropolitane, dove la concentrazione di smog e polveri sottili è tale da rappresentare una vera emergenza, e superare con eccessiva frequenza i limiti di guardia, tanto da rendere necessari frequenti blocchi del traffico. Valori che in città sono sotto controllo - nonostante l'emergenza traffico - se è vero che nell'ultimo periodo solo in un caso è stata rilevata dalla centralina di via Vincenzo Giuffrida una concentrazione di polveri superiore alla soglia consentita.
Rifiuti: la città etnea al primo posto (l'indagine fa riferimento al 2004), per produzione pro capite, alla pari con Prato. I freddi numeri dicono che nell'anno in questione ogni catanese ha prodotto 583 kg di rifiuti, ma il dato necessita di un'analisi più approfondita. «La città è uscita bene dall'indagine sull'ambiente», dice il sindaco Umberto Scapagnini che è intervento a Roma alla presentazione del terzo rapporto «Apat ambiente urbano», con il primo cittadino della capitale Veltroni, altri sindaci e i ministri Pecoraro Scanio e Bianchi. «Ho proposto che i calcoli sui rifiuti vengano fatti sul numero effettivo di produttori di spazzatura - dice Scapagnini - che in città non corrispondono certo ai residenti, ma raggiungono le 750mila unità considerando i pendolari che a Catania lavorano e consumano, incidendo sul dato pro capite. Sono molto soddisfatto per l'incremento della raccolta differenziata, che è triplicata». La raccolta differenziata, in effetti, si attesta nonostante tutte le difficoltà sopra il 10%, quando nel 2000 era appena al 2,5%. La strada da compiere, tuttavia, è ancora molta se pensiamo che in alcune città la selezione dei rifiuti raggiunge il 50%.
La battaglia decisiva - sebbene lo smog sia sotto controllo - resta quella della mobilità urbana, del trasporto pubblico e del completamento della metro. Con quasi 700 auto (troppe e spesso vetuste e inquinanti) ogni mille abitanti, infatti, la città si attesta tra quelle con più alto rapporto tra cittadini e mezzi privati (a Roma nel 2005 sono state immatricolate 3 auto all'ora). Dall'assessorato all'Ambiente fanno sapere che i bus a metano sono già una quarantina (il 15% dell'intero parco mezzi dell'Amt) e che sono stati ottenuti i fondi per la fornitura del carburante in questione alla zona industriale, mentre prima ogni bus doveva raggiungere Belpasso. La chiusura di piazza Teatro Massimo, inoltre, raddoppierà di fatto l'area a traffico limitato, in città ancora molto ridotta. Per il trasporto urbano «ecologico, inoltre, proseguono gli incentivi di 250 euro per l'acquisto di una bici elettrica, e la rottamazione con bonus di 500 euro per sostituire il vecchio motorino con uno scooter elettrico.
Progressi nella gestione delle acque fognarie, con circa l'80 per cento della città collegata alla rete (nel 2000 eravamo al 30 per cento).

Fonte: La Sicilia

Boh... "dati incoraggianti" mi sembra francamente eccessivo.
 

· Registered
Joined
·
3,474 Posts
:D Mi fa ridere quel manifesto... certe persone sono l'immagine di "immondizia morale" che ho in testa...
nepotismo, faciloneria e interessi forti...

c'è un cassonetto differenziato per i politici? Se si, è di colore marrone come la m...a?
 

· melior de cinere surgo
Joined
·
10,459 Posts
Discussion Starter · #514 ·
Ma in pratica cos'è uno sticky?
Lo sticky è la "puntina": il thread sticky rimane fisso in cima alla pagina della sezione insieme agli altri che lo sono pure e, inoltre, appare in ogni pagina della sezione. Solo un moderatore può rendere un thread "sticky".

C'è un cassonetto differenziato per i politici? Se sì, è di colore marrone come la m...a?
I cassonetti marroni, se non vado errato, sono per i rifiuti umidi. A Catania ne ho visto qualcuno qua e là, ma credo che ne sia fatto uso altamente improprio.
 

· melior de cinere surgo
Joined
·
10,459 Posts
Discussion Starter · #515 ·
Raffica di licenziamenti

Si fa sempre più aspra a Catania la protesta dei dipendenti di piccole e medie imprese, licenziati da un giorno all’altro dalle proprie aziende. Il dramma è iniziato lunedì scorso, con l’invio in massa di lettere di licenziamento. In questi giorni i sindacati del capoluogo etneo sono scesi sul piede di guerra per chiedere la revoca dei licenziamenti e la riassunzione immediata del personale. Tra i motivi che avrebbero spinto le ditte al licenziamento, la difficoltà a sopportare i costi relativi ai dipendenti assunti a tempo indeterminato ed il calo di commesse che le avrebbero costrette alla chiusura. Interessate dal problema, anche alcune imprese del messinese e della Calabria.

Intanto le rappresentanze dei lavoratori minacciano azioni eclatanti come denunce alla Guardia di Finanza ed Esposti alla Procura. I primi esposti sarebbero stati inviati stamattina per segnalare eventuali scorrettezze nelle procedure di licenziamento, come il mancato rispetto dei termini di preavviso. “ C’è qualcosa che non quadra in questi licenziamenti improvvisi” afferma un dipendente della ditta catanese che ha chiuso i battenti. “Ecco perché- prosegue- assieme ai sindacati abbiamo concordato una massiccia azione di protesta e segnalare la pessima abitudine di tante aziende di chiudere e riaprire per eludere il Fisco ed ottenere benefici economici e sgravi fiscali. Questa non è crisi, ma truffa ai danni dello Stato”. Nei prossimi giorni i si prevedono cortei di protesta in prossimità dei luoghi di lavoro, mentre i sindacati chiederanno tavoli di confronto e trattative, anche con l’intervento degli Ispettorati del Lavoro, per attivare misure finalizzate alla riassunzione dei dipendenti.

Fonte: Libero.it

 

· barcolla ma non molla
Joined
·
1,090 Posts
Da noi di Americani in pianta stabile ne abitano almeno 15.000, nella base di Sigonella, un'enclave di territorio americano in Italia, con il sistema telefonico USA, merci USA, moneta USA, in cui sono valide le leggi USA....
Enorme, in espansione, dato che nel prossimo futuro, quest'area del Mediterraneo sarà sempre + strategica, purtroppo.

Eccovi come appare da satellite...
Notate pure come al momento Sigonella sia l'unico aeroporto siciliano con 2 piste!



Ci pensate... se andassero via... saremmo la terza (?) città di Italia con due aeroporti, di cui uno con due piste!!! :nuts:

SAREBBE STUPENDO :banana:
 

· Registered
Joined
·
3,474 Posts
Mi fa piangere il fatto che mentre a Vicenza si protesta contro l'espansione della base Nato, da noi al solito la stessa cosa passa inosservata...

Siamo una terra di gente servile e docile, china ai potenti?
 

· Sono diventato papà :)
Joined
·
6,763 Posts
Ci pensate... se andassero via... saremmo la terza (?) città di Italia con due aeroporti, di cui uno con due piste!!! :nuts:

SAREBBE STUPENDO :banana:
Mi dispiace correggervi ma Palermo ha due piste nell'aeroporto Falcone Borsellino di Punta Raisi ed una pista nell'aeroporto di Boccadifalco che si trova in città, dove partono ed atterrano i voli privati, quindi le notizie non sono proprio corrette, inoltre la pista del Fontanarossa per i voli intercontinentali non è neanche adeguata perchè troppo corta. Il volo Palermo - NewYork ne è la prova.

Palermo ha due piste, una da 3.326 mt ed una da 2.074 mt.
Catania ha una pista da 2.438 mt.
 

· Registered
Joined
·
3,474 Posts
Peccato che Boccadifalco era un aeroporto militare fino al 2005, convertito ad uso civile, ma che non risulta sostenga traffico commerciale, diventando sede di un aeroclub...

http://it.wikipedia.org/wiki/Aeroporto_di_Palermo-Boccadifalco

Sigonella è un "mostro enorme2 nella piana di Catania, con 15.000 americani tra personali e familiari, oltre al personale italiano!
Un paese americano in provinicia di Catania, che ruba acqua alle campagne circostanti assetate in estate...
Sporadicamente in passato, in caso di cenere vulcanica, è stato usato come alternativa a Fontanarossa.

Sigonella, a meno di un'ora di volo dal Golfo Persico ed il Medio Oriente, non sarà mai convertita all'uso civile :(
 
501 - 520 of 30238 Posts
Top