SkyscraperCity banner

1 - 20 of 13220 Posts

·
Registered
Joined
·
13,904 Posts
Discussion Starter #1

·
suburban bishop
Joined
·
7,213 Posts
Stamattina in metro un paio di persone con la mascherina.
 

·
Moderator
Joined
·
8,707 Posts
Fiumicino, mascherine anche fra gli italiani in arrivo a Roma: «Così ci hanno detto di fare»

«Arriviamo da Palermo ma ci hanno spiegato che appena arrivavamo a Roma dovevamo indossarle» spiega cauto un viaggiatore siciliano

di Valeria Costantini

https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/20_gennaio_30/fiumicino-mascherine-anche-gli-italiani-arrivo-roma-cosi-ci-hanno-detto-fare-15d5d0a0-4392-11ea-bdc8-faf1f56f19b7.shtml

«Paura? Si un po’, la situazione in Cina è preoccupante»: sbarcano all’aeroporto di Fiumicino quasi tutti con le mascherine sul volto i cittadini cinesi in arrivo in Italia. I passeggeri appena atterrati con gli ultimi voli pomeridiani provenienti da Pechino e Shangai sono stati sottoposti come da rito ai controlli disposti dal ministero della Salute.

Schede da compilare a bordo

«They checked the fever on board» racconta una giovane viaggiatrice orientale, in vacanza con la famiglia a Roma, spiegando come le sia stata misurata la temperatura appena atterrata all’aeroporto Leonardo Da Vinci. Già da più di una settimana ormai tutti i collegamenti aerei con la Cina vengono monitorati dalla Sanità aerea, prima con le schede da compilare per rilevare eventuali sintomi tra i passeggeri, che poi sono anche controllati con i termometri portatili dopo lo sbarco. Resta attivato il corridoio sanitario anche se, al momento, nessun caso di contagio è stato segnalato allo scalo della Capitale, dove invece sono stati già sospesi i voli diretti per Wuhan, città focolaio dell’epidemia.

«A Pechino, la mia città, già oltre cento contagiati»

«I passeggeri a bordo del mio aereo stavano tutti bene, ma a Pechino, la mia città, ci sono già oltre cento persone contagiate» riassume lo scenario nel suo Paese un altro passeggero. Tra i cittadini asiatici c’è poca voglia di commentare la gravità della situazione in Cina, molti preferiscono non parlare del virus che si sta diffondendo ormai in tutto il mondo. Tra chi indossa le mascherine ci sono anche molti italiani: «Arriviamo da Palermo ma ci hanno detto che appena arrivavamo a Roma dovevamo indossarle» spiega cauto un viaggiatore siciliano. «Siamo venuti a festeggiare il nostro Capodanno a Roma, anche se siamo preoccupati per gli amici e i parenti rimasti a casa - sottolinea un giovane papà arrivato da Shangai, che riesce, tra i pochissimi, a dire qualche parola in italiano —. Terrorizzati no, ma ansiosi sì».
 

·
Moderator
Joined
·
8,707 Posts
Fiumicino, coronavirus: ultimi mille dalla Cina. Monitoraggi e sorpresa per il blocco

di Valeria Costantini

https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/20_gennaio_31/fiumicino-coronavirus-ultimi-mille-cina-monitoraggi-sorpresa-il-blocco-780a0166-4409-11ea-b4ca-26f0f6d5d911.shtml

Sono atterrati all’alba all’aeroporto di Roma-Fiumicino gli ultimi voli partiti dalla Cina, prima del blocco imposto dal governo italiano. I passeggeri – circa mille, suddivisi su cinque collegamenti diversi – sono stati sottoposti ai rigidi monitoraggi sanitari disposti negli ultimi giorni dal ministero della Salute. Ogni viaggiatore è stato controllato dai medici della Sanità aerea, protetti con tuta, guanti e maschere: la temperatura corporea è stata misurata più volte, a bordo e poi attraverso il corridoio sanitario attivato al Leonardo Da Vinci. Ai passeggeri è stato anche consegnato il vademecum con consigli utili a evitare il contagio. Inoltre, per poter tracciare gli spostamenti, ai viaggiatori è richiesta la compilazione di una scheda con i dati sulla residenza ed eventuali spostamenti in Italia.

Non molti erano a conoscenza del blocco dei voli

Sugli ultimi voli arrivati da varie città della Cina, tra cui Tai Pei, Hong Kong, Chengdu, Guangzhou e Haikou, non sono stati riscontrati sintomi del coronavirus tra i passeggeri. Quasi tutti i passeggeri cinesi avevano le mascherine sul viso, pochi i cittadini occidentali sbarcati a Fiumicino all’alba. Non molti erano a conoscenza del blocco dei voli da e per il Paese asiatico, deciso in nottata dal governo Conte. Rigido il protocollo di sicurezza attivato a Roma, dove sono sospesi da giorni anche i voli diretti con Wuhan, città focolaio dell’epidemia. «In Cina misurano la temperatura ovunque, anche sugli autobus, ci hanno controllato già in partenza», riferisce un italiano atterrato a Fiumicino.

Gli aerei appena atterrati ripartiranno subito per la Cina

Gli aerei atterrati nella mattinata di venerdì, dalla compagnia Air China alla Hainan Airlines alla China Southern, ripartiranno già nelle prossime ore per la Cina. La task-force dei controlli è formata da 76 medici ingaggiati per rinforzare il cordone sanitario creato contro il coronavirus, suddivisi tra gli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Malpensa. Un protocollo che prevede anche un potenziamento del numero verde 1500 del ministero della Salute: i dati sono stati resi noti dall’Enpam (Ente di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri).
 

·
Moderator
Joined
·
8,707 Posts
Coronavirus, terzo caso sospetto a Roma: si tratta di un operaio dell’Hotel Palatino

Lo stesso albergo in cui soggiornavano i due cinesi risultati positivi al virus. L’uomo, un romeno di 42 anni, è stato messo in isolamento e poi ricovrato allo Spallanzani

https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/20_gennaio_31/coronavirus-terzo-caso-sospetto-roma-si-tratta-un-operaio-dell-hotel-palatino-ad127554-440a-11ea-b4ca-26f0f6d5d911.shtml

Sale la tensione e la paura a Roma per l’allerta da Coronavirus. Dopo i due turisti cinesi risultati positivi alla malattia, ovvero i primi due casi italiani conclamati, nelle ultime ore c’è stato un nuovo allarme contagio. Si tratta di un uomo quasi sicuramente venuto in contatto con la coppia (direttamente o indirettamente, avendo magari frequentato gli stessi ambienti): è un operaio romeno di 42 anni, Marian C., che lavora nell’Hotel Palatino di via Cavour, dove i cinesi soggiornavano nella Capitale.

L’allarme

Il paziente è arrivato al pronto soccorso dell’ospedale di Tivoli intorno alle 17 di giovedì, lamentando i sintomi dell’influenza: febbre alta e tosse. Ma quando ha riferito all’infermiera del Triage di aver frequentato per questioni lavorative l’Hotel Palatino, dove la stanza dei turisti positivi al Coronavirus è stata immediatamente sigillata, è scattato il protocollo per le malattie infettive. Il paziente è stato quindi fornito della mascherina ed è stato posto in isolamento in una stanza dedicata. Immediata anche la comunicazione al 118 che ha inviato a Tivoli un’ambulanza ad alto biocontenimento della Cri per il trasferimento d’emergenza all’Istituto nazionale per le malattie infettiva Lazzaro Spallanzani di Roma.
 

·
Igiene totale
Joined
·
615 Posts
Le mascherine comuni, quelle da chirurgo o da dentista reperibili in farmacia, sono progettate per filtrare l'aria in uscita, non in entrata. Usate per proteggersi sono inefficaci.
Vanno messe nel caso si abbia qualche malattia infettiva, o dopo aver avuto contatti a rischio, allo scopo di non spargere in giro il virus.
 

·
No More Italian Mod
Joined
·
39,362 Posts
1 - 20 of 13220 Posts
Top