Skyscraper City Forum banner
1 - 20 of 112 Posts

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Approfittando dei ponti pasquali, 25 aprile e 1 maggio mi sono concesso un po' di ferie per fare un bel giretto europeo on-the-road. In realtà l'idea iniziale era quella di visitare il Montenegro e, se fossero avanzati dei giorni, fare qualche altro giretto lì attorno in zona balcanica. Poi per svariati motivi abbiamo dovuto fare diverse varianti in corsa.

La prima variante è stata la discesa lungo l'Adriatico dal lato "sbagliato", arrivando a Foggia per trovare un caro amico che è anche medico, di cui avevo un certo bisogno, ahimé.

Da lì pensavamo di imbarcarci a Bari (evitando accuratamente S.Spirito :banana:) per Bar, ma le previsioni meteo montenegrine erano a dir poco inquietanti, così all'ultimo momento abbiamo optato per Igoumenitsa al pensiero, confortato dal meteo, "tanto in Grecia ci sarà il sole". Sosta tecnica da Feltrinelli con auto in doppia fila per comprare una guida della Grecia al volo e via verso il porto barese e a bordo di un bello (e caro) traghetto Superfast Ferries per la Grecia.

Purtroppo il meteo si rivelerà sbagliato, non solo per la Grecia, e praticamente avremo pioggia TUTTI i giorni della vacanza tranne uno. Il sole lo vedremo giusto 4 volte: un pomeriggio a Corfù, quasi un giorno intero in Macedonia, un pomeriggio tra Bar e Sv.Stefan e ancora un pomeriggio a Ohrid. Per il resto sempre e solo nuvole grigie grigie e tanta pioggia (fortunatamente quasi sempre mentre eravamo in auto negli spostamenti).

Pensavamo di aver beccato le due settimane più sfigate dell'anno nei Balcani, ma ahimé in questi giorni sta succedendo ancora di peggio in Serbia, Bosnia e Croazia orientale con le terribili alluvioni che stanno massacrando queste zone già abbastanza martoriate di loro... :(

Certo sarebbe stato bello avere più sole (cambia tutto), ma alla fine non possiamo lamentarci, un viaggio è sempre un viaggio ed è bello così come viene, anche se Giove pluvio un po' stronzetto lo è stato!

Sto ancora cominciando a selezionare le foto e a metterle su Flickr, per cui la cosa potrebbe anche andare per le lunghe.

Cominciamo comunque dalla prima tappa, anche se un po' OT nella sezione estera: Gorizia - Peschici - Vieste, quasi 900km fatti il giorno di Pasquetta, lasciando le piogge del nord-est per goderci il caldo sole del Gargano (ah sì, in Puglia ovviamente c'era il sole!).


gargano_01 by carlo, on Flickr


gargano_03 by carlo, on Flickr

Peschici


gargano_05 by carlo, on Flickr


gargano_06 by carlo, on Flickr


gargano_07 by carlo, on Flickr


gargano_08 by carlo, on Flickr


gargano_09 by carlo, on Flickr


gargano_10 by carlo, on Flickr


gargano_11 by carlo, on Flickr


gargano_14 by carlo, on Flickr


gargano_16 by carlo, on Flickr


gargano_17 by carlo, on Flickr


gargano_18 by carlo, on Flickr

Verso Vieste


gargano_19 by carlo, on Flickr

Vieste (per lo più by night)


gargano_20 by carlo, on Flickr


gargano_21 by carlo, on Flickr


gargano_22 by carlo, on Flickr


gargano_23 by carlo, on Flickr


gargano_24 by carlo, on Flickr


gargano_25 by carlo, on Flickr


gargano_26 by carlo, on Flickr


gargano_27 by carlo, on Flickr


gargano_29 by carlo, on Flickr


gargano_30 by carlo, on Flickr


gargano_31 by carlo, on Flickr


gargano_32 by carlo, on Flickr
 

·
langhe
Joined
·
3,316 Posts
Yeah!
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #3 ·
Ma passiamo al di là dell'Adriatico e torniamo in topic, andando un po' all'estero, nella bistrattata Grecia, a Corfù (Kerkyra) per la precisione! :)

kerkyra_01 by carlo, on Flickr

kerkyra_02 by carlo, on Flickr

kerkyra_04 by carlo, on Flickr

kerkyra_05 by carlo, on Flickr

kerkyra_06 by carlo, on Flickr

kerkyra_07 by carlo, on Flickr

kerkyra_08 by carlo, on Flickr

kerkyra_09 by carlo, on Flickr

kerkyra_10 by carlo, on Flickr

kerkyra_11 by carlo, on Flickr

kerkyra_12 by carlo, on Flickr

kerkyra_13 by carlo, on Flickr

kerkyra_14 by carlo, on Flickr

kerkyra_15 by carlo, on Flickr

kerkyra_16 by carlo, on Flickr

kerkyra_18 by carlo, on Flickr

kerkyra_19 by carlo, on Flickr

kerkyra_20 by carlo, on Flickr

kerkyra_21 by carlo, on Flickr
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #6 ·
Oddio, se ben ricordo si tratta della "paposcia", che dovrebbe essere una specialità del luogo, molto buona se devo dire. Ma ci vorrebbe qualche pugliese qui a confermare o smentire, che io ormai sono anziano e la memoria latita! :D
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #7 ·
Foto splendide!
E' incredibile quanto c'è di architettonicamente veneziano a Corfù. Mi sono sentito a casa! :)
Grazie Jasper! :)
Concordo, a Corfù ci si sente a casa, anche senza essere veneziani, alcuni scorci mi hanno ricordato anche la mia Liguria, di certo è l'isola più italiana (mi perdonino i venetici! :D) che abbia visto in Grecia.
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #8 ·
A Corfù non c'è, comunque, solo il bel capoluogo tipicamente veneziano. Ci sono anche altre zone molto belle, sia sulla costa, ovviamente, sia anche nel montagnoso entroterra. Il tempo era quello che era, ma un po' di sole l'abbiamo comunque trovato, ogni tanto! :)

Παλαιοκαστρίτσα (Palaiokastritsa)
nel bel monastero, pieno di gatti

kerkyra_22 by carlo, on Flickr

kerkyra_23 by carlo, on Flickr

kerkyra_24 by carlo, on Flickr

kerkyra_25 by carlo, on Flickr

kerkyra_26 by carlo, on Flickr

kerkyra_27 by carlo, on Flickr

kerkyra_28 by carlo, on Flickr

kerkyra_29 by carlo, on Flickr

kerkyra_30 by carlo, on Flickr

kerkyra_31 by carlo, on Flickr

La vista da Lakones

kerkyra_32 by carlo, on Flickr

kerkyra_35 by carlo, on Flickr

La fortezza di Αγγελόκαστρο (Angelokastro)

kerkyra_36 by carlo, on Flickr

Il "canale dell'amore" a Σιδάρι (Sidari)

kerkyra_41 by carlo, on Flickr

kerkyra_43 by carlo, on Flickr

kerkyra_44 by carlo, on Flickr

e di nuovo indietro verso Kerkyra

kerkyra_45 by carlo, on Flickr
 

·
Registered
Joined
·
12,787 Posts
Splendido inizio, non vedo l'ora di poter vedere i Balcani. Peschici mi ricorda un pochino certi villaggi greci, al netto degli inglesi 'mbriaghi ovviamente.
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #10 ·
Torniamo sulla terraferma greca e iniziamo la risalita lungo i Balcani, sempre con il tempo capriccioso.

Dall'anonima Igoumenitsa ci spingiamo a ovest nel cuore dell'Epiro lungo una bellissima autostrada bella nuova e semigratis, tra pioggia, nebbia, freddo e traffico semi inesistente fino alle rovine di Dodona, dove c'è un bel teatro greco. Il paesaggio è verdissimo, sembra più Scozia che non Grecia!

epiro_01 by carlo, on Flickr

epiro_03 by carlo, on Flickr

Da lì in pochi minuti si arriva a Ioannina, città principale della regione, con una fortissima impronta ottomana nel suo bel nucleo storico, completamente circondato da alte e possenti mura.

epiro_04 by carlo, on Flickr

epiro_05 by carlo, on Flickr

epiro_06 by carlo, on Flickr

epiro_07 by carlo, on Flickr

epiro_08 by carlo, on Flickr

epiro_09 by carlo, on Flickr

epiro_10 by carlo, on Flickr

epiro_11 by carlo, on Flickr

epiro_12 by carlo, on Flickr

epiro_14 by carlo, on Flickr

epiro_15 by carlo, on Flickr

Una Grecia decisamente insolita! Sembra di essere in piena Turchia, profonda Anatolia, magari sul Mar Nero, invece siamo nell'Epiro.
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #11 ·
Poco a nord di Ioannina sorge la catena montuosa di Zagori (dal nome palesemente di origine slava). E' una zona molto bella che meriterebbe molto più tempo. Purtroppo il tempo a nostra disposizione è poco e in più si scatena un diluvio universale mentre saliamo lungo le stradine di montagna verso Vitsa, paesino tipico che vediamo giusto dai finestrini dell'auto...

epiro_16 by carlo, on Flickr

Fortunatamente nel giro di pochi minuti arriviamo a Monodendri e la pioggia si placa, così possiamo andare liberamente a vedere il canyon di Vikos, che pare essere il più profondo del mondo (per lo meno secondo il Guinness dei record).

epiro_17 by carlo, on Flickr

epiro_18 by carlo, on Flickr

epiro_19 by carlo, on Flickr

epiro_20 by carlo, on Flickr

Verso le gole del Vikos, ove sorge un bel monastero proprio a picco.

epiro_21 by carlo, on Flickr

epiro_21b by carlo, on Flickr

è pur sempre primavera...

epiro_23 by carlo, on Flickr

epiro_24 by carlo, on Flickr

L'interno del monastero

epiro_25 by carlo, on Flickr

epiro_27 by carlo, on Flickr

Torna un po' di pioggerellina, ma anche il sole... e uno spettacolare arcobaleno doppio! :)

epiro_29 by carlo, on Flickr

epiro_33 by carlo, on Flickr

epiro_34 by carlo, on Flickr

epiro_35 by carlo, on Flickr
 

·
Banned
Joined
·
7,515 Posts
posti spettacolari ma tu sei un fotografo da paura, carlo!

:applause:
 

·
Registered
Joined
·
6,567 Posts
Bellissime foto, complimenti! :applause:
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #14 ·
posti spettacolari ma tu sei un fotografo da paura, carlo!

:applause:
Troppo buono, davvero!
A volte il maltempo aiuta, altre (spesso), un po' meno... Sto dovendo lavorare i raw un po' più del solito per tirar fuori qualche scatto carino, un lavoro lunghetto, per questo vado un po' a rilento nel mostrarvi le foto.

Comunque sono posti splendidi, consiglio a tutti un giro da quelle parti, col sole poi... ;)
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #15 ·
Prima di risalire verso i territori ex-jugoslavi, ci concediamo una deviazione leggermente a sud, nella storica regione della Tessaglia, per andare a visitare una delle meraviglie naturali della Grecia: Meteora.

Il complesso di Meteora, coi suoi monasteri arroccati sulle rocce, è davvero qualcosa di unico e quanto di più simile alla Cappadocia abbia visto nella nostra vecchia Europa. Queste formazioni rocciose circondano gli abitati di Kalambaka e Kastraki, dove si trova accomodation in abbondanza. Noi ci fermiamo a Kalambaka dove c'è un raduno di guzzisti da tutta Europa, specialmente dal sud Italia ovviamente.

meteora_01 by carlo, on Flickr

Alcune rocce sono illuminate nelle ore notturne, con un bell'effetto

meteora_02 by carlo, on Flickr

Il mattino dopo ovviamente pioviggina e le conformazioni rocciose sono in gran parte nascoste dalla nebbia...

meteora_03 by carlo, on Flickr

Per fortuna a tratti la nebbia si dirada un po' e pian piano cominciamo a vedere anche i primi monasteri, mentre superiamo l'abitato di Kastraki, il più vicino alla zona "monumentale".

meteora_04 by carlo, on Flickr

meteora_05 by carlo, on Flickr

meteora_06 by carlo, on Flickr

Intanto cominciamo l'ascesa al primo monastero, quello di Agios Nikolaos

meteora_07 by carlo, on Flickr

meteora_08 by carlo, on Flickr

meteora_10 by carlo, on Flickr

meteora_11 by carlo, on Flickr

L'abitato di Kastraki visto dal monastero

meteora_14 by carlo, on Flickr

meteora_15 by carlo, on Flickr

meteora_17 by carlo, on Flickr

Questo è il monastero di Roussanou

meteora_18 by carlo, on Flickr

meteora_19 by carlo, on Flickr

meteora_20 by carlo, on Flickr

E il monastero di Varlaam ancora mezzo nella nebbia

meteora_21 by carlo, on Flickr

meteora_22 by carlo, on Flickr

meteora_24 by carlo, on Flickr

Di nuovo Roussanou

meteora_25 by carlo, on Flickr

meteora_27 by carlo, on Flickr

All'interno di Varlaam

meteora_29 by carlo, on Flickr

meteora_30 by carlo, on Flickr

meteora_31 by carlo, on Flickr

La vista da Varlaam verso il monastero di Megalo Meteoro

meteora_32 by carlo, on Flickr

ed ecco Megalo Meteoro

meteora_33 by carlo, on Flickr

meteora_34 by carlo, on Flickr

meteora_35 by carlo, on Flickr

quasi uno squarcio di sereno ci regala questa vista primaverile su Varlaam e Megalo Meteoro! :)

meteora_36 by carlo, on Flickr

meteora_40 by carlo, on Flickr

meteora_41 by carlo, on Flickr

meteora_43 by carlo, on Flickr

meteora_44 by carlo, on Flickr

meteora_46 by carlo, on Flickr

meteora_47 by carlo, on Flickr

meteora_49 by carlo, on Flickr

meteora_50 by carlo, on Flickr

Si cambia sponda per andare a vedere gli ultimi due monasteri, ma girandoci indietro rivediamo Roussanou e Agios Nikolaos...

meteora_51 by carlo, on Flickr

meteora_52 by carlo, on Flickr

le rocce che nascondono Kalambaka

meteora_53 by carlo, on Flickr

ancora Roussanou e Agios Nikolaos

meteora_55 by carlo, on Flickr

Questo è Agia Triada, forse la foto più classica di Meteora (anche se il monastero è uno dei meno interessanti)

meteora_56 by carlo, on Flickr

meteora_57 by carlo, on Flickr

e infine Agios Stefanos, l'ultimo monastero

meteora_58 by carlo, on Flickr

meteora_59 by carlo, on Flickr

meteora_60 by carlo, on Flickr

sui monti attorno c'è ancora la neve...

meteora_62 by carlo, on Flickr

Roussanou, Agios Nikolaos, Varlaam e Megalo Meteoro tutti assieme

meteora_63 by carlo, on Flickr

meteora_64 by carlo, on Flickr

...e infine si abbandona la Tessaglia per tirare dritti verso nord, destinazione Macedonia!

meteora_65 by carlo, on Flickr
 

·
langhe
Joined
·
3,316 Posts
Bravo, sembrava di essere lì con te :)
 
  • Like
Reactions: Carletto

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #17 · (Edited)
E' giunto il momento di salutare la Grecia.

Dalle Meteore si sale decisamente verso nord, si riprende la bellissima autostrada per Salonicco fino a Kozani, dove si abbandona per proseguire lungo una strada che si deteriora man mano che si procede... all'inizio è una superstrada a due corsie per senso di marcia e con asfalto ancora decente, poi il manto stradale peggiora, le corsie si riducono a una per senso di marcia, iniziano le curve, ogni tanto ci sono passaggi a livello sopra una ferrovia che un tempo forse vedeva anche qualche treno, ma il traffico è minimo e si procede bene, nonostante l'immancabile pioggia.

Attorno un panorama abbastanza desolato: un grande altipiano interrotto da grandi centrali elettriche a carbone, coi rispettivi giacimenti. Mai viste così tante centrali tutte vicine, non oso immaginare la qualità dell'aria a Ptolemaida e dintorni. Siamo nel cuore della Macedonia storica, lato greco ovviamente. Leggo su Wiki che la zona è prevalentemente abitata da greci del Ponto, oggi in Turchia, risultato degli scambi di abitanti tra Grecia e Turchia, mentre gli abitanti autoctoni della zona sarebbero prevalentemente slavi...

Dal lato greco non esistono praticamente cartelli che indichino l'esistenza di uno stato straniero che si chiami Macedonia. Al massimo ogni tanto si vede qualche cartello con scritto FYROM, senza la sigla internazionale MK. Tutto questo finché non si arriva al confine, uno di quei confini d'altri tempi, in mezzo al nulla. Uno dei due lati è in UE e pure Schengen, ma non dà questa grande impressione, non ci sono particolari differenze a livello di strade entrando in FYROM: scassate da ambo i lati! :)

Dopo un rapido controllo doganale (con apertura del bagagliaio a tutte le auto), siamo finalmente in Repubblica di Macedonia e guadagnamo subito un'ora di fuso orario. La seconda città del paese, Bitola, dista pochi chilometri dal confine greco ed è la nostra meta per la notte.

Intanto continua a piovere e la vecchia Lonely Planet dei balcani non è molto ispirevole in fatto di alberghi. In più il GPS del Nokia è del tutto impazzito non appena passato il confine. Per fortuna ci ritroviamo per puro caso davanti a un albergo che sembra molto bello, in una casa tradizionale. Ci aspettiamo la fresata e invece con 30€ ci paghiamo doppia e colazione ma soprattutto veniamo accolti da una gentilezza e ospitalità davvero fuori dall'ordinario! Per chi capitasse a Bitola: Hotel Teatar, consigliatissimo. Ci offrono anche di assistere a uno spettacolo nel teatro dell'albergo (da cui il nome), gratuitamente, ma la fame è tanta e la commedia in macedone sarebbe poco fruibile! :D

makedonija_17 by carlo, on Flickr

Così uno dei ragazzi dell'albergo si offre di accompagnarci in centro fino al ristorante tradizionale più rinomato della città, dove dobbiamo assolutamente andare a cenare! Saranno 20 minuti di passeggiata sotto la pioggia, ma ampiamente ripagati da una cena memorabile! La cucina macedone è squisita. E' quasi tutta carne e verdura alla griglia, nella tradizione balcanica, ma qui gli influssi turchi e greci sono più evidenti che nel nord e il mix è davvero qualcosa di buono. Ne usciamo satolli e contenti.

Non me ne vogliano gli amici greci, ma la Macedonia mi sta già subito molto simpatica! :)
 

·
Banned
Joined
·
7,515 Posts
grandissima la bandierina macedone. :cheers: non vedo l'ora di vedere le foto.

non ho ben capito la disputa sul nome "macedonia". la macedonia storica, quella di alessandro magno, abbracciava sia l'odierna macedonia nazione che la macedonia regione greca? entrambe?
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #19 ·
Bitola è una città interessante, con un passato recente piuttosto benestante, di cui ancora oggi portano memoria diverse belle dimore signorili. Non a caso era chiamata la "città dei consoli", perché molti stati europei avevano consolati proprio a Bitola, alcuni dei quali ancora oggi ben restaurati. La parte storica è prevalentemente ottomana.

Il cuore di Bitola è la Širok Sokak, strada larga (sokak vuol dire via in turco), a volte ancora riferita come Maršala Tita, nome ovviamente dato in tempi jugoslavi. Si tratta di una bella strada completamente pedonalizzata circondata da belle abitazioni signorili otto/novecentesche in buona parte restaurate. Qui è tutto un proliferare di bar, pub, caffè e negozi vari. E' la classica via dello struscio. In questa via si trova anche la chiesa cattolica della città, che si vede anche in questa foto.

makedonija_02 by carlo, on Flickr

makedonija_03 by carlo, on Flickr

makedonija_04 by carlo, on Flickr

makedonija_05 by carlo, on Flickr

l'interno della chiesa cattolica

makedonija_15 by carlo, on Flickr

Alla fine della via si arriva in una grande piazza, di cui non ho foto (pessima luce), dove troviamo l'alta torre dell'orologio e due moschee. Purtroppo entrambe le moschee erano chiuse e non sembravano essere in ottime condizioni. Oggi in questa zona abitano prevalentemente cristiani e il patrimonio islamico non sembra essere tenuto moltissimo in considerazione (peccato perché è il più interessante).

makedonija_06 by carlo, on Flickr

Dalla piazza, oltrepassando il fiume, si entra nell'antico bazaar turco, la čaršija. Purtroppo siamo capitati di domenica mattina per cui era tutto desolatamente chiuso e semi deserto. Anche il Bezisten, antico mercato coperto, era chiuso e inaccessibile. Ho solo qualche foto in giro per le stradine del bazaar all'aperto, ma credo che durante la settimana sia decisamente uno spettacolo interessante, un altro pezzo di Turchia in Europa.

makedonija_07 by carlo, on Flickr

makedonija_08 by carlo, on Flickr

makedonija_09 by carlo, on Flickr

makedonija_11 by carlo, on Flickr

makedonija_12 by carlo, on Flickr

makedonija_10 by carlo, on Flickr

makedonija_13 by carlo, on Flickr

makedonija_14 by carlo, on Flickr

Concludiamo la passeggiata per Bitola con un'altra chiesa piuttosto particolare, situata proprio vicino al nostro albergo. Si tratta di una chiesa valacca arumena. In questa zona della Macedonia, così come nelle vicine Grecia e Albania, è presente una comunità arumena, che vive in particolare nei villaggi sulle montagne attorno a Bitola.
Altra particolarità: c'è il sole! :D

makedonija_16 by carlo, on Flickr
 

·
Un genovese a Nord-Est
Joined
·
1,242 Posts
Discussion Starter · #20 ·
grandissima la bandierina macedone. :cheers: non vedo l'ora di vedere le foto.

non ho ben capito la disputa sul nome "macedonia". la macedonia storica, quella di alessandro magno, abbracciava sia l'odierna macedonia nazione che la macedonia regione greca? entrambe?
La bandierina macedone è particolarmente prestigiosa! :D

Il dibattito sulla Macedonia è più o meno come quello sul sesso degli angeli... La Macedonia storica comprendeva tutta l'odierna Repubblica di Macedonia FYROM più la Macedonia Egea (Grecia) e qualche altro territorio in Albania, Bulgaria e Kosovo/Serbia. Ma ovviamente non esisteva un popolo etnicamente unico: ci sono sempre stati greci, slavi, albanesi e tanti altri... poi sono arrivati i turchi e il problema non si poneva nemmeno più! :D

C'è poi la questione di Alessandro Magno, sotto il quale la Macedonia conquistò mezzo mondo (dell'epoca). Per l'ideologia nazionale macedone si sta pompando moltissimo il mito di Alessandro, considerato a tutti gli effetti un macedone come se fosse stato slavo. Questo fa molto arrabbiare i greci...

In generale i macedoni che abbiamo incontrati ci hanno fatto un'impressione positivissima, persone davvero iper ospitali e squisite. Di certo non sarà tutto oro quel che luccica, ma senza dubbio ci sono entrati subito in simpatia! :)
 
1 - 20 of 112 Posts
Top