SkyscraperCity banner
1 - 15 of 15 Posts

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Questo è il sito istituzionale che censisce le dighe presenti sul territorio nazionale

http://www.registroitalianodighe.it/

di cui riporto breve stralcio interessante:

Le grandi dighe italiane
Le grandi dighe italiane, di competenza statale, sono attualmente 539 (dato aggiornato ad Aprile 2012).

Tipologie costruttive delle dighe
Diverse sono le Tipologie costruttive delle dighe, adottate secondo le caratteristiche morfologiche, geologiche e geotecniche dell'area di imposta dello sbarramento.
Nel seguito sono riportate alcuni esempi di tipi di dighe.

1) Dighe murarie
- a gravità (ordinaria, a speroni, a vani interni)
- a volta (ad arco, ad arco/gravità, a cupola)
- a volte o solette, sostenute da contrafforti
2) Dighe di materiali sciolti
- di terra omogenea
- di terra e/o pietrame, zonate, con nucleo di terra per la tenuta
- di terra permeabile o pietrame, con manto o diaframma ...
3) Sbarramenti di tipo vario
4) Traverse fluviali
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #2 ·
Planimetria

 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #3 ·
20.06.12

"La diga sul Sessera si farà"​

L'annuncio durante un convegno a Roma. Entro pochi giorni la delibera in Regione

G. F. QUAGLIA
La diga sul torrente Sessera, opera invocata e osteggiata al tempo stesso, potrebbe diventare presto una realtà. Il «Via» (Valutazione d’impatto ambientale) della Regione Piemonte ha concluso il suo esame e fra pochi giorni il progetto andrà in Giunta per la delibera definitiva.

Lo ha annunciato a Roma Roberto Ravello, assessore regionale all’Ambiente, intervenuto con il collega Claudio Sacchetto (Agricoltura) al convegno su «Cambiamenti climatici e risorse idriche, come garantire il fabbisogno in presenza delle mutate condizioni». L’assessore è stato esplicito: «Per noi è un punto di svolta, opere come gli invasi hanno ricadute positive in più ambiti: idrogeologico, agricolo, energetico».
http://edizioni.lastampa.it/vercelli/articolo/lstp/10181/
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #4 ·
04.03.13

Il progetto della diga aspetta il nuovo governo​

Il futuro dell'invaso sul Sessera
legato alle future scelte politiche
M. PR.
Il progetto di ampliamento della diga in Valsessera resta in stand by, in attesa di capire chi salirà al Governo. L'obiettivo del Consorzio Baraggia è costruire un invaso di 12 milioni di metri cubi d'acqua, con un costo previsto è di 322 milioni di euro. Per far decollare il progetto manca il documento definitivo della commissione tecnica Via (valutazione impatto ambientale), anche se una prima fumata bianca c'è stata. Ma soprattutto mancano ancora i soldi e sarà proprio il prossimo Governo a decidere di stanziarli. E bisogna ancora discutere dell'osservazione del ministero dei Beni culturali, che aveva richiesto la riduzione dell'invaso di 5 milioni di metri cubi. La riunione doveva tenersi a giorni, ma le vicende politiche romane hanno allungato i tempi. «Le elezioni hanno premiato quei partiti che si sono dichiarati contrari alla diga - spiega il presidente del comitato "Custodiamo la Valsessera", Matteo Passuello -. Per questo il progetto va rivisto». Gli agricoltori, invece, continuano a ribadire la necessità dell'opera.

http://edizioni.lastampa.it/biella/articolo/lstp/35732/
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #5 ·
17.09.13

Diga, il fronte degli oppositori chiede un incontro a Letta​

BIELLA
Il fronte anti-diga in Valsessera accelera. L’ex sindaco di Biella Vittorio Barazzotto e il responsabile ambiente del Partito democratico locale Davide Bazzini hanno inviato al premier Enrico Letta una richiesta di incontro fra il governo e le associazioni del territorio interessato dall’invaso.

L’iniziativa dei due Democratici era in cantiere da settimane e la svolta di ieri è legata al passo appena compiuto dal Consorzio di bonifica della Baraggia. Che ha creato una cordata di 10 Comuni favorevoli alla discussa opera da 330 milioni di euro con l’intento di fare pressioni su Roma per sbloccare il primo finanziamento da 25 milioni e aprire i cantieri.


L’idea di Barazzotto (che di Letta è amico personale oltre che compagno di corrente nel partito) e di Bazzini, ex assessore provinciale, è invece quella di presentare al governo, in un incontro allargato, le ragioni del No alla costruzione della diga contenute in un documento allegato alla richiesta inviata. A sostenere la battaglia dei due Democratici, oltre alla segreteria del partito, ci sono anche diversi amministratori della vallata, insieme ai comitati ambientalisti che si battono per la tutela del territorio.
lastampa.it
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #8 ·
III.1 - Dighe di competenza statale(1)

Il Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112, affida alla competenza statale (art. 91) la vigilanza sulle opere di sbarramento e sulle dighe di ritenuta o traverse (di seguito denominate dighe) che superino i 15 metri di altezza o che determinino un volume di invaso superiore a 1.000.000 di metri cubi (cosiddette ‘grandi dighe’), mentre affida alla competenza regionale (art. 89) la vigilanza sulle dighe di altezza inferiore o uguale a 15 metri, con un volume di invaso inferiore o uguale a 1.000.000 di metri cubi (cosiddette ‘piccole dighe’).
L’art. 1 del Decreto Legge 8 agosto 1994, n. 507, convertito con Legge 21 ottobre 1994, n. 584, offre la seguente definizione di altezza della diga: “l’altezza della diga è data dalla differenza tra la quota del piano di coronamento e quella del punto più depresso dei paramenti”. Il volume di invaso è, invece, pari alla capacità del serbatoio compreso tra la quota più elevata delle soglie sfioranti degli scarichi, o della sommità delle eventuali
paratoie, e la quota del punto più depresso del paramento di monte.
Per le grandi dighe, ai sensi dell’art. 2, commi 170 e seguenti, del Decreto Legge 3 ottobre 2006, n.*262, convertito con modificazioni dalla Legge 24 novembre 2006, n. 286, i compiti e le funzioni dello Stato in materia sono attribuiti al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e assegnati alla Direzione Generale per le Dighe e le Infrastrutture Idriche ed Elettriche.
Le dighe di competenza del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ai fini della vigilanza e controllo per la sicurezza, sono 542 a febbraio 2015, e di queste:

A) 378, ovvero circa i tre quarti del totale, sono in esercizio senza condizioni;

B) 164 sono in esercizio condizionato o non in esercizio, così articolate:
- 25 in esercizio limitato per motivi tecnici;
- 91 in esercizio sperimentale;
- 13 in costruzione o con lavori di costruzione conclusi ma con invasi sperimentali non avviati;
- 35 fuori esercizio per motivi tecnici, tra cui 15 dighe fuori esercizio ai sensi del D.L. n. 79/04.

...
L’età media delle dighe italiane è di poco inferiore a 60 anni, con valori medi maggiori (circa 70 anni) per le Regioni dell’Arco Alpino e degli Appennini Ligure e Tosco-Emiliano, mentre valori di età media inferiori a 45 anni si riscontrano per le dighe delle Regioni del Sud.

Per motivi geomorfologici e tecnici, anche la tipologia degli sbarramenti segue una simile distribuzione, con assoluta prevalenza delle dighe murarie nelle Regioni dell’Arco Alpino e degli Appennini Ligure e ToscoEmiliano e con assoluta prevalenza delle dighe di materiali sciolti nelle Regioni del Sud. Sul totale di 542 dighe, 169 sono di materiali sciolti.
La Tab. III.1.1 fornisce una sintesi della distribuzione delle 542 grandi dighe di competenza statale con l’indicazione, per Regione, dei volumi di invaso dei serbatoi e dell’età media espressa in anni.



Conto Nazionale Infrastrutture e Trasporti
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #9 ·
Acqua, il Piano invasi è realtà. Sbloccati 250mln per 30 opere

...
Sono già pronte le convenzioni con i 30 soggetti attuatori degli interventi: la priorità sarà attribuita a quelle opere cantierabili fin da subito quali, ad esempio, l’adduttore alimentato dalla diga del Liscia in Sardegna (19,5 milioni di finanziamento), gestito dal consorzio della Gallura, e la cassa di espansione sul torrente Baganza, cofinanziata per 6 milioni di euro su 61 di costo totale, il cui soggetto attuatore è l’Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO).
...
stradeautostrade.it
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #11 ·
Del "famoso" Dl semplificazioni , queste le opere idriche/idrauliche

 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #12 ·
Aggiungo una info grafica sulle "Perdite Idriche"

 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #13 ·

...Si tratterebbe di un invaso per l’utilizzo plurimo della risorsa idrica, al fine di cogliere al meglio le opportunità che la normativa comunitaria, la legislazione nazionale e regionale mettono a disposizione in tema di energie rinnovabili, di comunità energetiche, di green economy. ...
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #14 ·
dal PNRR

...Tutela e valorizzazione delle risorse idriche – Sono previsti investimenti per complessivi 3,2 miliardi. Si tratta di interventi sulle infrastrutture idriche primarie (2 miliardi per dighe, invasi e acquedotti) e sulle reti di distribuzione (1,2 miliardi per eliminare dispersioni e sprechi).
 
1 - 15 of 15 Posts
Top