SkyscraperCity banner
1 - 20 of 21 Posts

·
Registered
Joined
·
1 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Easyjet è una low cost molto particolare.
Come tutte le low cost, che si offrono di traghettarvi da un aeroporto all'altro ma che non possono certo essere considerate delle vere compagnie aeree, vende biglietti a prezzi stracciati, e per farlo è costretta a eliminare tutto il superfluo. E fin qui niente da dire. Se comprate per pochi euro un Rolex falso dal cinesino al mercato non vi aspettate quello che può darvi un vero Rolex, e se comprate un passaggio aereo per 10 euro da Easyjet non vi aspettate i servizi, l'assistenza e le comodità che vi offre, chessò, Singapore Airlines.
I guai cominciano quando per non perdere soldi le low cost eliminano anche il necessario. Recentemente mi sono recato a Parigi e, per una scelta fatta da amici, ho usato questa compagnia. Niente da dire sul volo di andata: aereo impeccabile, ritardo alla partenza contenuto in meno di 30 minuti, personale gentile. Al ritorno le cose sono andate in tutt'altra maniera. Parigi era da vari giorni paralizzata dallo sciopero dei trasporti pubblici (niente metro, rer, autobus, taxi: peggio che in Italia!) e arrivare ad Orly è stata una vera impresa. E poi, proprio al momento di salire a bordo, scatta uno sciopero dei controllori aerei e Easyjet annuncia la cancellazione di tutte le sue partenze: le addette alla porta d'imbarco ci consegnano frettolosamente un foglio stampato con le scuse per i disagi non imputabili alla compagnia, chiudono tutto e spariscono prima di farsi linciare dalla folla inferocita (c'erano cinque voli in partenza). Le valigie dei (quasi-)viaggiatori vengono ammucchiate sul tapis roulant e ognuno prende quel che deve (o vuole).
Che c'entra Easyjet con l'improvviso sciopero dei controllori, direte voi? C'entra, c'entra. Perché in realtà i controllori in volo non erano affatto entrati in sciopero, e gli aerei delle altre compagnie (quelle vere) partivano e atterravano regolarmente ! Una vera e propria truffa.
Possibile? Eh si, possibile. D'altra parte ragioniamo: ai prezzi cui offre i biglietti, Easyjet incassa sui 4.000/4.500 euro per volo, quando riesce a riempire tutto un aereo. Una somma chiaramente insufficiente a coprire le spese (paga dei piloti e del personale di bordo, anche se pagati uno schifo, e a terra, costi di funzionamento e manutenzione, costi aeroportuali, costi di gestione in sede, ecc.). Se poi l'aereo non si riempie, magari perché una metà dei passeggeri sposta la partenza temendo di non poter arrivare in aeroporto, allora i conti vanno decisamente in rosso. Non per nulla la compagnia ha triplicato le sue perdite nel primo trimestre 2008 rispetto allo stesso periodo 2007. E a Easyjet non restano che due scelte: annullare il volo tout court (ma in questo caso dovrebbe per legge garantire ai mancati viaggiatori alcuni servizi di assistenza che non è in grado di offrire e pagare alcune penali che non è economicamente in grado di sostenere) oppure annullare il volo dandone la colpa a qualcun altro (per esempio ai controllori di volo, tanto sciopero più sciopero meno..., e in questo caso deve solo rimborsare il biglietto, contando sul fatto che la maggior parte di quelli che sono stati truffati non se ne renderà conto o non reagirà).
Ammettiamo che decidiate di non star zitti. Ecco la seconda sorpresa: in pratica Easyjet è una low cost fantasma. A Ciampino hanno fittato un banco accettazione dove lavorano alcune impiegate "a cottimo" che svolgono bene il loro lavoro (fare il check-in e i controlli all'imbarco) ma non hanno la minima idea di come contattare i responsabili (e suppongo che negli altri aeroporti italiani sia la stessa storia). E non c'è un ufficio della compagnia. A Orly stessa storia (anche se ci sono vari banchi accettazione e più impiegati). Apparentemente non esiste (può darsi che ci sia, ma allora è veramente nascosta meglio dei boss della mafia) una filiale italiana (e nemmeno francese) cui rivolgersi in caso di problemi o reclami, la sede operativa è a Londra (cioè nel terzo mondo dal punto della protezione dei consumatori e della regolamentazione sociale), e la sede legale è anche a Londra, ma il proprietario del logo e maggior azionista si trova in Svizzera (cioè al di fuori dell'Unione europea) e dichiara "The Easy brand currently operates more than a dozen industries mainly in travel, leisure, telecoms and personal finance", il che fa pensare che Londra sia solo un punto di entrata per il mercato europeo. Nemmeno il logo appartiene alla compagnia: lo hanno fittato!
A questo punto che fare per richiedere le compensazioni previste dalle norme europee per il danno subito (ad esempio, nel mio caso, per tornare a casa ho dovuto comprare un nuovo biglietto a prezzo pieno)? Idea, cerchiamo sul sito web di Easyjet. Si, solo che anche lì non riuscite a pescare un indirizzo. Di solito le homepage delle società hanno sempre un "Chi siamo" che vi rimanda a una pagina con tutte le informazioni e i contatti utili. Con Easyjet, niente da fare. In verità c'è un "Come contattarci", ma vi rimanda semplicemente a una FAQ con 20 pagine di domande e risposte standard su come fare i biglietti, come pagare, ecc.. Sto esagerando: cercando tra le oltre 200 faq trovate qualcosa, ma veramente ben nascosto: una serie di numeri telefonici per chiedere a un call center informazioni su come usare Internet, o per info standard in caso di mancata emissione del biglietto, e cose così ma non un numero per i reclami (c'è un numero per chiedere il rimborso del biglietto, ad esempio in caso di overbooking, ed è a pagamento. Vi rendete conto? Non solo non vi pigliano a bordo ma per ridarvi i soldi dovete pure pagare!). Poi c'è, molto molto ben nascosto, un link che vi rimanda a informazioni generali su Easyjet (la struttura societaria, i comunicati stampa in cui vi dicono quanto sono bravi, e, meraviglia!, anche l'indirizzo di Londra, anzi due, e il numero di fax. Solo che se telefonate ma non vi passano nessuno e il numero di fax è falso. Pare siano specialisti nelle false informazioni). E infine, nascosto non ricordo nemmeno più dove, esiste un template per trasmettere a Easyjet i vostri commenti (NON i vostri reclami) sulla compagnia: solo che vi segnalano subito che non rispondono se non in casi eccezionali, e comunque non prima di un mese!
In conclusione: ti truffano con falsi scioperi per giustificare l'annullazione del volo, con false giustificazioni per sottrarsi alle proprie responsabilità, e con informazioni bidone per evitare contatti con i clienti.
Un ultimo pensierino (ma è solo un pensierino non un'accusa): chi controlla se un aereo che fa la spola tra Parigi e Ciampino e che appartiene a un'azienda con sede legale in Svizzera e con sede operativa nel Regno Unito rispetta le norme sulla sicurezza dell'aeromobile e i tempi di revisione? Certo non l'ente aeronautico italiano (l'aereo passa soltanto in Italia), e nemmeno quello francese (per lo stesso motivo), e meno ancora quello inglese (è vero che l'aeromobile è registrato laggiù, ma non ci va mai), e per quanto riguarda la Svizzera, beh lasciamo perdere. E se Easyjet se ne frega altamente di rispettare le leggi che proteggono i viaggiatori, pensate veramente che si preoccupi di quelle che impongono norme tecniche e tempi di revisione degli aeromobili? (tanto più che la revisione di un aereo è veramente una grossa spesa)
Altri dettagli sulla mia odissea con Easyjet? Consultate il mio sito http://easyjet.truffa.net
 

·
Registered
Joined
·
346 Posts
mai avuto un problema con Easyjet, e negli ultimi 3 anni avrò fatto almeno 18 voli con U2
Per cui sei proprio stato sfortunato a beccarti lo sciopero per altro non imputabile alla compagnia
 

·
Registered
Joined
·
829 Posts
Nemmeno io ho mai avuto problemi con Easyjet, e comunque con tutti i soldi che ho risparmiato non rivolgendomi alle compagnie ladrone (Air France, Alitalia e compagnia cantando) non mi lamenterei più di tanto se una volta o l'altra mi annullassero il volo.

Comunque in che senso questa compagnia non è una vera compagnia aerea?
 

·
Registered
Joined
·
3,756 Posts
beh ma non ci credo che loro hanno imputato l'annullamento di 5 voli ad un falso sciopero e nessuno li per li se ne e' accorto che si trattava solo dei voli easyjet.

Cioe', degli scioperi se ne parla anche in TV quando ci sono disagi. Se a MXP, o ovunuqe in Italia, 5 voli insieme vengono annullati causa sciopero, il TG ne parla, e poi si sa che in effetti non c'era nessuno sciopero. E lo stesso sara' in Francia, immagino.
 

·
Banned
Joined
·
16,224 Posts
io ho preso EasyPuke una sola volta.
e l' hostess, presumibilmente affezionata all' alchool, mi ha chiamato "Eros" per tutta la durata del volo e mi ha pure sbaciucchiato. peccato fosse una sottospecie di mostra.
servizio orrendo e prezzi non tanto differrenti dalle major (nel mio caso).

mai più.
 

·
Stateless User
Joined
·
956 Posts
Insomma ti hanno rimborsato il biglietto del viaggio e si sono proposti a rimborsarti le spese che hai dovuto sostenere per rimediare al disagio.
Non mi pare che da parte di una compagnia low cost sia un trattamento sbagliato o insufficiente.
E la cosa che ti fa più male, quindi, è il fatto che secondo te non ti hanno detto la verità sulla cancellazione del volo?? giusto??
beh, ognuno ha i suoi principi.
 

·
milanese viaggiatore
Joined
·
36 Posts
Io vivo a Londra e nei primi sei mesi di quest'anno ho volato già dieci volte andata e ritorno.

Preferibilmente volo con Easyjet, che al confronto di Ryan Air è pura business class, aereo più curato, partenza da gatwick (e non dal polo nord), niente Orio al Serio...

mi hanno cancellato il volo sotto natale, quando sono andati tutti in tilt per la nebbia, e li ho capito i limiti delle compagnie low cost. D'altra parte, la mattina dopo, per modiche 260 sterline solo andata, il volo BA è partito con 2 ore di ritardo e tanti saluti...

Piu recentemente, un volo da Malpensa (non da Orio...) è partito 3 ore in ritardo, per ritardi cumulati dovuti al mal tempo in europa. Ci hanno pagato 4.50 euro per mangiare al bar nell'attesa, e in volo hanno offerto i rinfreschi gratuitamente.

Settimana scorsa, Ryan Air su Stansted (polo nord), atterro alle 23.45, un'ora dopo (!!!!!!) riesco a uscire dai controlli passaporto. Alle 2.45 di notte ero a casa. MAI PIU!

Quindi, a livello complessivo, il quadro di confronto tra compagnie low cost va fatto sulla comodità degli aeroporti di partenza e arrivo, e relativi costi e tempi per raggiungerli/abbandonarli.

Inoltre, non credo che il prezzo medio del biglietto su un volo stia sui 30 euro a testa. I biglietti aumentano vertiginosamente di prezzo man mano che si riempie l'aereo, e gli ultimi posti (o giorni) disponibili costano tal quale le compagnie normali. Aggiungici i tanti soldi che fanno coi rinfreschi a bordo (una buona metà dei passeggeri si piglia da bere e mangiare), e capisci com'è che le low cost non solo sopravvivono, ma fanno soldi.

Certo l'assistenza rispetto alle linee tradizionali fa schifo, ma che pretendiamo? io in media credo di stare sulle 80 sterline a/r, al contrario dei prezzi tra le 150 e +infinito di Alitalia / BA. Se voli spesso, non c'è alternativa, e il servizio a bordo non è peggiore!

Saluti
 

·
Registered
Joined
·
92 Posts
A me sembra che lo sfogo risentito di pappaca sia solo l'ennesimo frutto di una visione distorta di ciò che offre una compagnia low cost, e se dovessi cercare un colpevole direi che si chiama Ryanair. In tutte le loro comunicazioni, anche quelle più innocue non mancano di sottolineare come loro facciano prezzi stracciati, regalino voli e poco ci manca che ti paghino per volare e facciano ciò solo perché tutti gli altri sono ladri, come se loro offrissero le stesse identiche cose.

Se coloro che dovendo fare un viaggio e trovandosi davanti all'alternativa tra le low cost e le full fare avessero ben chiaro che le prime non offrono tariffe più basse solo perché meno ladre e né - tantomeno - perché i loro aerei sono meno sicuri ma perché avendo impostato il proprio servizio in maniera differente (e avvertendo chiaramente gli acquirenti, i siti internet hanno intere pagine che spiegano cosa viene offerto, cosa no, cosa va pagato a parte, se uno si prendesse la briga di leggerle...) il risultato è che costa meno ci sarebbero meno delusioni.

Io personalmente non ho mai avuto nulla da recriminare né ad Easyjet né a Ryanair: per voli brevi il mio interesse è arrivare a destinazione tutto intero ad una cifra ragionevole. So già in anticipo che probabilmente mi imarcherò andando fino all'aereo a piedi - e magari partirò e arriverò in aeroporti semisconosciuti in mezzo al niente, che i sedili non si reclinano, che lo spazio per le gambe è quello che è, film e musica ci sono solo se me li porto da casa, che se voglio portarmi una valigia da imbarcare mi tocca pagare così come se voglio sgranocchiare qualcosa in volo o bere una bitita. E so anche che se il volo non dovesse partire affatto probabilmente non si sbatteranno a trovarmi un'alternativa ma si limiteranno a ridarmi i soldi.

Ma siccome per voli che spesso durano neanche un'ora e mezza tra quando sali dalla scaletta a quando ne scendi non sono interessato a cibi e bevande, posso ragionevolmente sopportare di non avere proprio un comfort eccezionale e sono disposto a correre i miei rischi in caso di cancellazione sono contento di avere la possibilità di risparmiare qualcosina. Così come è mia facoltà se il conto finale è troppo salato di farmi un preventivo anche con una compagnia tradizionale e se le cifre si somigliano troppo di scegliere la seconda. Ripeto, secondo me è questione solo di essere informati di cosa si sta comprando quando si acquista un biglietto, quello che uno suppone non fa testo.
 

·
Registered
Joined
·
3,330 Posts
volato più volte (una decina circa) con easy e ryan e mai un problema se non qualche ritardo non imputabile a loro
 

·
Live curious!
Joined
·
1,455 Posts
Fra l'altro anche quello che dice a proposito della compagnia, della sua storia e tutto il resto fa acqua da tutte le parti..Senza offesa, ma il fatto che il marchio è "fittato" mi fa troppo ridere :lol:
 

·
Registered
Joined
·
8,257 Posts
appena tornato da Berlin con U2 e leggo questo post..mah, sinceramente non posso dire quante volte ho volato con loro perche' sono troppe, e semplicemente ho perso il conto..mai avuto un problema..sinceramente la creatura di MOL non gli lega neanche le stringhe delle scarpe a U2, ne' per customer care , ne' per gli scali che usa, ne' altro, ultimamente neanche piu' per i prezzi.
Certo che salire su U2 e aspettarsi di fare lo sciccoso tipo Singapore mi pare fuori luogo.
Cio' detto, nobody is perfect, per es. venerdi' il volo accanto al mio (BCN) è stato prima ritardato poi cancellato... non vi dico le urla....
 

·
moser user
Joined
·
8,129 Posts
Io ho viaggiato 2 volte con easyjet.
La prima volta il volo venne annullato dopo 3 ore di attesa dentro l'inferno Ciampinesco. Ma comunque mi hanno concesso altre date in cui partire (con zero costi aggiuntivi) :D così sono partito il sabato successivo.
L'aereo mi è sembrato impeccabile e,emh,anche il personale niente male :D
 

·
Registered
Joined
·
8,257 Posts
Fra l'altro anche quello che dice a proposito della compagnia, della sua storia e tutto il resto fa acqua da tutte le parti..Senza offesa, ma il fatto che il marchio è "fittato" mi fa troppo ridere :lol:

guarda che questo credo che sia vero: Stelios possiede tutti i brand (easyjet, easycruises ecc) e li affitta alle varie companies.. semmai quello che è ridicolo è la volonta' di chi ha iniziato questo 3d di fare apparire cio' come chissa' quale cosa strana o addirittura truffa....è lecito e normalissimo: come credete che funzioni con Branson e tutti i marchi Virgin?
 

·
Live curious!
Joined
·
1,455 Posts
Da quello che ho capito io leggendo quel testo, sostiene che EASY (che appartiene all'EASY GROUP di Stelios) ha affittato il proprio marchio a easyJet...Invece la capostipite di tutta la serie arancione è proprio la compagnia aerea e per quel che ne so, tutti i prodotti a marchio Easy sono in franchising,. ma sono comunque nati dopo...
 
1 - 20 of 21 Posts
Top