SkyscraperCity banner
1 - 20 of 60 Posts

·
Registered cabernet user
Joined
·
1,325 Posts
Discussion Starter · #1 ·
ROMA — Parte il G8 più atteso e tormentato tra quelli finora tenuti dalla presidenza italiana. Doveva svolgersi alla Maddalena e invece, dopo il sisma che ha colpito l'Abruzzo, è stato trasferito all'Aquila, vicino alle tende dei terremotati. Ma, di fatto, partirà da Roma. È infatti nella capitale che si svolge il primo atto del meeting mondiale, con l'arrivo di Barack Obama. Il presidente degli Stati Uniti si recherà attorno alle 11 al Quirinale, dove verrà ricevuto da Giorgio Napolitano. Il colloquio, che dovrebbe durare una quarantina di minuti, sarà l'occasione per una prima rassegna dei temi che verranno discussi dagli otto Grandi poche ore dopo nella caserma di Coppito. E, nel pomeriggio, lo stesso Obama passeggerà nel centro storico dell'Aquila distrutto dal terremoto. Silvio Berlusconi sfoggia ottimismo: il vertice «apre con buoni auspici».

Nella conferenza stampa di presentazione del summit, dopo aver citato il miglioramento dei rapporti tra Russia e Usa («Premia gli sforzi dell'Italia»), sostiene che «nonostante gli attacchi di una certa stampa» gode del «64,1 per cento di fiducia» da parte degli italiani: «Un conto è la realtà, un conto le calunnie». E cita alcuni passaggi del messaggio preparato per l'occasione da Benedetto XVI, in particolare l'«apprezzamento» per la scelta dell'Aquila come sede del vertice. Poi illustra il programma dell'incontro. Spiega che il primo giorno sarà dedicato al G8 «tradizionale», quello ristretto, che permetterà di affrontare temi come la lotta al terrorismo, l'economia globale e la sicurezza alimentare e che verranno riassunti nelle dieci dichiarazioni finali. La seconda giornata sarà riservata al cosiddetto G14, vale a dire gli otto Grandi, più Cina, India, Brasile, Messico e Sudafrica, oltre all'Egitto, scelto per la sua importanza strategica per i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente. Pur considerando «molto importante» questo incontro allargato, Berlusconi sostiene però «che va mantenuto come punto di riferimento il formato attuale», cioè il G8.

Sempre domani, in serata, ci sarà la cena offerta dal Presidente Giorgio Napolitano. Ma gli ospiti della caserma di Coppito mangeranno durante tutto il loro soggiorno specialità italiane (soprattutto abruzzesi) e verranno omaggiati al loro arrivo da una magnum di Amarone Aneri 2003. Infine, il terzo giorno sarà dedicato all'Africa e a tutte le crisi mondiali più acute, da quella mediorientale all'Afghanistan, dal Pakistan (che, ricorda Berlusconi, «ha 60 bombe atomiche»), alla Corea del Nord e, soprattutto all'Iran, perché sulle eventuali sanzioni da adottare tra i Grandi ci sono posizioni diverse. Infine, come iniziativa per combattere la fame nel mondo, il presidente del Consiglio annuncia che «si è disposti a mettere insieme 10-15 miliardi di dollari». Dalla crisi «che è un male», insiste Berlusconi citando i 12 punti del Lecce Framework (il supervertice economico di inizio luglio), «si trarrà un bene».

Corriere della sera
 

·
Registered cabernet user
Joined
·
1,325 Posts
Discussion Starter · #2 ·
PECHINO - Il presidente cinese Hu Jintao ha rinunciato a partecipare ai lavori del G8 all'Aquila e sta rientrando in patria precipitosamente per far fronte alla crisi nel Xinjiang, la regione del nordovest della Cina dove 156 persone sono state uccise nel fine settimana in scontri tra membri della minoranza etnica degli uighuri e forze dell'ordine. Annunciando la decisione di Hu, che in precedenza ha compiuto una visita ufficiale di tre giorni in Italia, il ministro degli Esteri cinese Yang Jiechi ha sottolineato che la visita, nel corso della quale Hu Jintao ha incontrato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stata "un grande successo". La delegazione cinese al G8 sarà guidata dal membro del Consiglio di Stato Dai Bingguo, aggiunge Nuova Cina. Testimoni riferiscono che stamattina la città di Urumqi, dove si è verificato il massacro, rimane tesa dopo una notte di coprifuoco. Reparti militari e della polizia pattugliano le strade in forze dopo che ieri sia gli uighuri che gli immigrati cinesi hanno protestato in piazza, rischiando di innescare nuove violenze. Secondo notizie non confermate, gruppi di uighuri armati di bastoni stanno fronteggiando la polizia in un quartiere musulmano. La stampa, a partire del Quotidiano del Popolo, il quotidiano del Partito Comunista, fa appello alla concordia e alla fratellanza tra i diversi gruppi etnici. I mezzi d'informazione cinesi sostengono che le vittime della violenza del fine settimana sono in gran parte civili cinesi attaccati dai giovani uighuri. I nazionalisti uighuri non negano che si siano verificati episodi di violenza contro gli immigrati ma solo dopo che la polizia aveva disperso con "eccessiva forza" una dimostrazione pacifica. Le orgini etniche delle 156 vittime delle violenze non sono state rese note dalle autorità.

400 LE VITTIME A URUMQI PER REBIYA KADEER
Sono state 400, secondo la dissidente uighura Rebiya Kadeer, le vittime della repressione di una manifestazione di uighuri domenica scorsa a Urumqi, capitale della regione cinese dello Xinjiang. La Cina ha parlato di 156 vittime, aggiungendo che la cifra definitiva potrebbe essere piu' alta. In un articolo pubblicato oggi sul Wall Strweet Journal la Kadeer, un'imprenditrice di 62 anni che vive in esilio dal 2005, non fornisce ulteriori spiegazioni sulla cifra, mentre sostiene che incidenti ''potrebbero'' essersi verificati anche nelle citta' di Kashgar, Yarkand, Aksu, Khotan e Karamay, anche se ''e' difficile da dire a causa della propaganda dello Stato cinese''. Notizie ''non confermate'', prosegue la dissidente, parlano di cento uighuri uccisi a Kashgar.

La dissidente, che ha passato sei anni in prigione prima di essere liberata in occasione di una visita in Cina dell' allora segretario di Stato Condoleezza Rice, ricorda che la manifestazione di Urumqi era stata convocata per protestare contro l'inazione della polizia, che non ha trovato i colpevoli dell' assassinio di due giovani immigrati uighuri a Shaoguan, nel sud della Cina. La Kadeer conclude affermando che ''per correggere la situazione nel Turkestan dell' Est (il nome che i nazionalisti danno al Xinjiang), il governo cinese deve prima di tutto indagare seriamente sugli omicidi di Shaoguan e portare in giudizio i responsabili'', e in secondo luogo ''aprire un' inchiesta indipendente sui fatti di Urumqi in modo che sia gli uighuri che i cinesi han possano capire le ragioni dei fatti di domenica''.
 

·
Registered cabernet user
Joined
·
1,325 Posts
Discussion Starter · #3 ·
Sono proprio curioso di seguire lo svolgimento di questo G8 che molti hanno definito inutile e poco organizzato.. in effetti l'agenda comprende i soliti argomenti: Africa, ambiente, terrorismo...di certo il paese ospitante ossia l'Italia ha poco da insegnare, dato che sull'ambiente e sull'Africa il governo ha fatto veramente poco. Non ci resta che attendere, magari ne esce qualcosa di buono.
 

·
life is a holiday
Joined
·
8,224 Posts

·
suburban bishop
Joined
·
7,777 Posts
secondo me è stato un errore spostarlo all'Aquila, andava mantenuto dove era in programma.
Spostare un evento importante (almeno dal punto di vista mediatico) e stra-programmato come il G8 significa considerare il terremoto un evento imponderabile la cui occorrenza ci coglie di sorpresa e impreparati; tanto più che non era un gran terremoto, ha avuto gravi conseguenze per nostra negligenza.
Fa molto Italietta pizza e valigia di cartone anni '50 aver spostato il G8 nelle zone terremotate.
 

·
Registered
Joined
·
3,783 Posts
...omissis...

Fa molto Italietta pizza e valigia di cartone anni '50 aver spostato il G8 nelle zone terremotate.
E' esattamente l'immagine che hanno di noi all'estero. Quale migliore occasione per rafforzare quest'immagine a questo tipo di gente?
 

·
Registered cabernet user
Joined
·
1,325 Posts
Discussion Starter · #8 ·
secondo me è stato un errore spostarlo all'Aquila, andava mantenuto dove era in programma.
Spostare un evento importante (almeno dal punto di vista mediatico) e stra-programmato come il G8 significa considerare il terremoto un evento imponderabile la cui occorrenza ci coglie di sorpresa e impreparati; tanto più che non era un gran terremoto, ha avuto gravi conseguenze per nostra negligenza.
Fa molto Italietta pizza e valigia di cartone anni '50 aver spostato il G8 nelle zone terremotate.
E' esattamente l'immagine che hanno di noi all'estero. Quale migliore occasione per rafforzare quest'immagine a questo tipo di gente?
si infatti.. senza contare che i costi di gestione si sono moltiplicati: le opere in Sardegna erano prossime alla fine e la nave da crociera era già stata noleggiata, inoltre garantire la sicurezza e il trasporto in un luogo accidentato come l'Aquila ogni volta che passa il capo di stato di turno penso sia una spesa notevole, tant'è.. ormai lo fanno all'Aquila.

Sinceramente non so che effetto farà tutto questo all'estero in termini di immagine: potrebbe passare quella degli italiani pezzenti anni '50 come dite voi (è la prima cosa che ho pensato anch'io) o potrebbe anche venire interpretata come una metafora della ricostruzione non solo economica, ma anche morale dell'occidente..insomma uno sprone e uno spunto di riflessione per i paesi industrializzati a fare di più per le zone più povere e per l'ambiente, l'idea ha il suo fascino devo ammetterlo. Staremo a vedere..
 

·
Banned
Joined
·
61 Posts
Sta arrivando Gheddy con le amazzoni :crazy:
 

·
suburban bishop
Joined
·
7,777 Posts
Come suggello non sarebbe male una processione dedicata alla Madonna dei terremotati per le vie dell'Aquila, con i leader mondiali che fanno da portantini alla statua della Madonna ricoperta di catene d'oro e banconote :lol:
 

·
ad mos maiorum
Joined
·
3,906 Posts
CNN versione USA ironizza sul media village de l'Aquila mostrando un pò di backstage della serie la vita del giornalista è proprio uno schifo.
Quanto all'orologio G8 omaggio (similSwatch) che chiude il servizio, parte dell'amenity kit i cui oggetti a uno a uno getta a terra, lo desse a me....deficiente!!!

Link su "politics" e nel bouquet scroll fino a "Reporters share G8 space"

http://edition.cnn.com/video/
 

·
Banned
Joined
·
1,308 Posts

·
ad mos maiorum
Joined
·
3,906 Posts
CNN versione USA ironizza sul media village de l'Aquila mostrando un pò di backstage della serie la vita del giornalista è proprio uno schifo.
Quanto all'orologio G8 omaggio (similSwatch) che chiude il servizio, parte dell'amenity kit i cui oggetti a uno a uno getta a terra, lo desse a me....deficiente!!!

Link su "politics" e nel bouquet scroll fino a "Reporters share G8 space"

http://edition.cnn.com/video/
Mi quoto per questo articolo sul Corriere.it:

lo stand che distribuiva kit regalo è stato preso d'assalto dalla stampa
G8, tensione tra i giornalisti per i gadget
La Guardia di Finanza intervenuta per riportare la calma

L'AQUILA- Questa volta non è stata colpa di una notizia in esclusiva. E neanche di dichiarazioni «scottanti». Ma, a provocare molta tensione tra i giornalisti, è stata la coda per ricevere il kit regalo, durante il G8 dell'Aquila. Una distribuzione difficile che ha acceso gli animi dei centinaia di cronisti, provenienti da tutto il mondo, causata dalla ressa davanti al gazebo. Per riportare la calma è dovuta intervenire la Guardia di Finanza, minacciando la chiusura dello stand.

IL CAOS- «Tu ora stai in fila, ci resti, non mi sorpassi, altrimenti ti faccio ricordare questo G8», ha detto un giornalista italiano a un altro collega. E in un attimo si è accesa la tensione al villaggio della stampa. Allo stand distribuiscono kit regalo, con zainetto-maglietta-orologio ricordo del vertice. L'assalto ha messo a dura prova l'organizzazione del vertice, tanto da costringerli a chiamare le fiamme gialle che hanno riportato la calma con una minaccia. «Fermi tutti, così fermiamo la distribuzione degli zainetti», hanno detto i finanzieri. Un momento di pausa, poi la distribuzione (e il caos) sono riprese.
 

·
Banned
Joined
·
1,308 Posts
Il G8 diventa ormai G14...

G14: riunione stabile e strutturata
In bozza dichiarazione mercati aperti, uniti per ripresa globale
(ANSA) - L'AQUILA, 9 LUG - La riunione del G14 nell'ambito dei vertici del G8 sara' stabile e strutturata. Lo hanno deciso i leader riuniti oggi all'Aquila. Nella bozza di dichiarazione congiunta del G14 si legge l'impegno a resistere al protezionismo e promuovere mercati aperti a commercio e investimenti.'L'economia globale riprenda la crescita lungo un cammino equilibrato e sostenibile a beneficio di tutti, soprattutto dei piu' vulnerabili''.Fondamentale inoltre la mobilitazione delle risorse per l'Africa.

http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus//ticker/news/2009-07-09_109391000.html
 
1 - 20 of 60 Posts
Top