SkyscraperCity banner
1 - 20 of 61 Posts

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Il sistema di posizionamento Galileo (in inglese Galileo Positioning System) è un sistema satellitare globale di navigazione civile sviluppato in Europa come alternativa al Global Positioning System (NAVSTAR GPS), controllato invece dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

La sua entrata in servizio è prevista per il 2014[1] e conterà 30 satelliti orbitanti su 3 piani inclinati rispetto al piano equatoriale terrestre e ad una quota di circa 24.000 km.


Caratteristiche

I principali scopi di Galileo sono:

- una maggior precisione nella geo-localizzazione degli utenti rispetto a quella attualmente fornita dal NAVSTAR GPS;
- un aumento della copertura globale dei segnali inviati dai satelliti, soprattutto per le regioni a più alte latitudini (> 75°);
- un'alta disponibilità del segnale nelle aree urbane;
- una certificata affidabilità, supportata anche dall'invio del messaggio di integrità che avverte immediatamente l’utente di eventuali perdite di integrità nel segnale della costellazione o, viceversa, ne conferma l’esattezza del segnale ricevuto;
- una elevata continuità di servizio che, essendo indipendente dagli USA, potrà funzionare sempre e non verrà disattivato senza preavviso (come successo in tempi di guerra per il GPS).

Sebbene il sistema Galileo sia stato pensato per essere completamente indipendente ed autosufficiente, sarà compatibile ed interoperabile con il sistema GPS; cioè, le caratteristiche di Galileo saranno tali da non interferire con il funzionamento del GPS (principio di compatibilità) ed esso potrà anche essere utilizzato congiuntamente con il GPS (principio di interoperabilità).

Il programma Galileo

Il programma Galileo si articola in tre fasi:

1) fase di progetto e sviluppo, comprendente la definizione, lo sviluppo e la validazione in orbita di 2-4 satelliti e di alcune delle principali basi di controllo a terra;
2) fase di validazione in orbita, che prevede il completamento della costellazione e del segmento di terra;
3) fase commerciale, con la piena operatività del sistema.

La fase di definizione completata nel 2003, ha prodotto le specifiche base del sistema. La fase di validazione verrà portata a termine con lo sviluppo ed il testing di quattro satelliti e del segmento di terra (ground stations e control center).

Per prima cosa, verrà portata a termine la missione GIOVE (dall'inglese, Galileo In- Orbit Validation Element), la quale impiegherà oltre al segmento di terra due satelliti denominati GIOVE-A e GIOVE-B (che diventeranno poi quattro nella fase finale di detta IOV, dall'inglese In-Orbit Validation) i quali implementano in modo pienamente rappresentativo l'intera costellazione di 30 satelliti.

Quando i satelliti risulteranno del tutto funzionanti, verranno lanciati i restanti 26 satelliti per completare la costellazione
.


Le novità di Galileo

Le differenze con il GPS sono molteplici, queste riguardano sia la struttura dei satelliti stessi che soprattutto i servizi offerti. Le applicazioni ed i servizi appena elencati richiedono delle caratteristiche particolari e purtroppo molte di queste mancano all'attuale sistema GPS.

Un esempio dell'innovazione introdotta da GALILEO riguarda l'affidabilità nella garanzia del servizio, l'autenticazione del segnale, l'integrità, la trasparenza delle operazioni, la possibilità di trattare dati raw o processati, l'accuratezza e l'affidabilità del sistema.

Oltre a tutte queste caratteristiche, Galileo Supervisory Authority e Galileo Concessionaire daranno luogo ad un framework istituzionale con il compito di regolare e facilitare lo sfruttamento di Galileo a livello del mercato globale. Le applicazioni che nascono ogni giorno sono moltissime e questo enorme mercato è destinato a raggiungere 3 miliardi di utenti entro il 2020.


continua qui...

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_posizionamento_Galileo
 

·
Inquisitore emerito
Joined
·
8,374 Posts
sottolineo per il gaudio dell'utenza delle lande ad est del lazio

When in operation it will use two ground operations centers near Munich, Germany and in Fucino, Italy
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #3 ·
11.06.12

Dalla UE 38,7 miliardi per reti Ten-T e sistema Galileo​


"Il programma Galileo rappresenta un investimento fondamentale per la crescita europea. Al 31 dicembre 2013 l'investimento ammonterà a 3,84 miliardi. Altri 7 miliardi saranno spesi tra il 2014 ed il 2020. Secondo le stime della Commissione europea, questi miliardi genereranno ricavi e risparmi per circa 90 miliardi a partire dal 2015, quando una costellazione di 26 satelliti sarà in orbita (oggi ne sono in orbita 2) e i servizi attivati. Galileo è un sistema di posizionamento satellitare a uso civile più preciso del Gps".

L'ha detto il ìViceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Mario Ciaccia, che oggi a Lussemburgo ha partecipato al Consiglio dei ministri dei Trasporti Ue. Oltre al Regolamento sul sistema satellitare Galileo, è stato anche approvato il Regolamento Connecting Europe Facility (Cef).

Per quanto riguarda l'utilità di Galileo, il viceministro ha elencato: "Fornirà sia un servizio pubblico regolamentato, criptato, utilizzato solo dalle forze di polizia, sia un servizio di posizionamento utilizzabile liberamente. Sarà utile per la navigazione aerea, anche per gli atterraggi; per l'avvistamento del naufrago in mare; per la precisione della semina degli agricoltori; per la guida dei ciechi (attraverso un ricevitore collocato negli occhiali); per la gestione del traffico marittimo e terrestre; per il posizionamento degli automezzi".

Del complesso dei provvedimenti approvati, Ciaccia ha detto che "daranno un forte impulso alla ripresa dell'economia europea e allo sviluppo delle reti di trasporto. Sono previsti, infatti, investimenti significativi: 38,7 miliardi di euro. Di questi, 31,7 miliardi saranno convogliati verso le reti Ten-T (19,7 miliardi in conto capitale, 10 miliardi a valere sul Fondo Coesione e 2 miliardi per Project bond) e 7 miliardi al sistema di navigazione satellitare Galileo per il periodo 2014- 20".

"Per valutare l'impatto positivo sull'economia dell'Unione europea - ha aggiunto Ciaccia - bisogna considerare che, secondo alcune stime, i 31,7 miliardi fanno da leva finanziaria per circa 200 miliardi (al cofinanziamento europeo occorre sommare i finanziamenti degli Stati membri). A questo dobbiamo aggiungere che la Commissione Ue ha calcolato in 90 miliardi i ricavi e i risparmi che saranno generati, a regime, dal sistema Galileo. Sia per la nuova rete Ten-T, sia per il programma Galileo, l'Italia ha svolto un ruolo trainante e per prima ha chiesto alla Commissione una revisione delle reti europee dei trasporti riuscendo a ottenere la nuova rete strategica che comprende 10 corridoi di cui ben 4 (Mediterraneo, Genova-Rotterdam, Helsinki-La Valletta, Baltico-Adriatico) attraversano l'Italia".

"Lo Stato italiano- ha concluso il Viceministo - ha fatto pressioni a livello europeo affinché il fondo Cef fosse adeguatamente dotato: il budget iniziale per le reti Ten-T (2007/13) era di soli 6,2 miliardi (1,2 miliardi per l'Italia) mentre la nuova dotazione è salita a 31,7 miliardi. Inoltre, 2 miliardi dei 31,7 miliardi di cui sarà dotato il fondo Cef, saranno destinati ai project bond, strumento finanziario su cui l'Italia ha sviluppato una normativa innovativa oggetto di studio a livello comunitario e internazionale".
[www.stradeeautostrade.it]
 

·
life is a holiday
Joined
·
8,224 Posts

·
Registered
Joined
·
7,036 Posts
Ma quindi quando entrerà in funzione Galilelo il mio navigatore satellitare smetterà di usare il GPS?
 

·
Gatto con gli stivali
Joined
·
585 Posts
Non credo proprio, il principio di interoperabilità si dovrebbe applicare sui dispositivi commercializzati all'attivazione di Galileo. in pratica un GPS attuale dovrebbe continuare ad usare il GPS, un apparecchio Galileo potra anche usare anche il GPS
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #8 ·
12.10.12

Galileo, altri due satelliti in orbita per la costellazione GPS europea​

OBERTO GIOVANNINI
Tutto bene anche stavolta: il 12 ottobre scorso dallo spazioporto europeo di Kourou, in Guyana francese, sono partiti a bordo di un razzo vettore Soyuz ST-B gestito da Arianespace altri due satelliti gemelli del sistema di navigazione satellitare europeo Galileo. Per la Soyuz «europea» si è trattato del terzo lancio da Kourou, un nuovo successo per lo storico razzo che da molti anni con poche varianti rappresenta il cavallo di battaglia dell’astronautica sovietica prima e russa poi.

Galileo rappresenta la risposta europea all'americano GPS: a regime, la costellazione di satelliti per la geolocalizzazione sarà composta da 30 satelliti (27 operativi e 3 di riserva) orbitanti su 3 piani inclinati sull’equatore a 23.222 km quota. Con i quattro satelliti IOV in orbita sarà possibile dare inizio a una serie di operazioni di convalida delle funzionalità del sistema in orbita, prima di dispiegare l'intera costellazione dei satelliti entro il 2019.

I primi quattro satelliti Galileo sono stati costruiti da un consorzio guidato da EADS Astrium Germania, con Astrium quale produttore delle piattaforme ed Astrium UK quale responsabile dei carichi utili. Sono stati assemblati e testati presso la Thales Alenia Space di Roma.
http://www.lastampa.it/2012/10/15/b...ps-europea-3B886vgls7lGQYlwptvoCI/pagina.html
 

·
Asymmetric poster
Joined
·
15,114 Posts
Non credo proprio, il principio di interoperabilità si dovrebbe applicare sui dispositivi commercializzati all'attivazione di Galileo. in pratica un GPS attuale dovrebbe continuare ad usare il GPS, un apparecchio Galileo potra anche usare anche il GPS
Esatto.
I dispositivi che oggi usano il sistema gps non saranno in grado di leggere il segnale di galileo.

Già oggi esisterebbe un'alternativa al gps. È il sistema russo rimesso in funzione da Putin.
Praticamente nessuna azienda realizza navigatori compatibili.
 

·
Inquisitore emerito
Joined
·
8,374 Posts
^^

quindi se un apparecchio galileo può usare anche gps e uno gps solo gps...

questo dovrebbe portare alla scomparsa dei soli apparecchi gps. o no?
 

·
Asymmetric poster
Joined
·
15,114 Posts
^^

quindi se un apparecchio galileo può usare anche gps e uno gps solo gps...

questo dovrebbe portare alla scomparsa dei soli apparecchi gps. o no?
Beh, pian piano sì. Man mano che il parco dispositivi si rinnoverà chi comprerà nuovi navigatori si troverà probabilmente con dispositivi progettati per essere compatibili con entrambe le tecnologie.

Ma gli apperecchi solo gps continuerebbero a funzionare come hanno sempre fatto.
 

·
Asymmetric poster
Joined
·
15,114 Posts
Comunque fondamentale che l'Europa riesca ad affrancarsi dal sistema GPS americano, in mano ai militari USA, che possono decidere in qualsiasi momento di renderlo inutilizzabile.

Immaginate i vantaggi strategici di una simile posizione.

Motivo per cui il progetto Galileo ha creato non pochi attriti tra Europa e USA.
Anche perché inizialmente con partecipazione cinese. Adesso si sono tirati fuori.

Come dicevo prima, oltre al NAVSTAR americano e a Galileo, esiste anche il sistema russo, totalmente operativo e con copertura globale, il GLONASS (completato negli anni 90, caduto in disgrazia dopo la disintegrazione dell'URSS, di nuovo completamente operativo su scala globale da fine 2011).

Entro il 2020 sarà operativo anche il sistema cinese, COMPASS, attualmente con copertura solo sul territorio della Repubblica Popolare Cinese e della regione del sud est asiatico e del Pacifico settentrionale. A sistema completo sarà anch'esso a copertura globale.

Galileo sarà l'unico sistema di natura civile.
Gli altri tre sono e saranno in totale controllo delle rispettive forze armate.
 

·
Used
Joined
·
4,984 Posts
Discussion Starter · #16 ·
esiste...qualche altra rete satellitare "locale" :

... generic name of "global navigation satellite system (GNSS)" include:

- Russian GLONASS (GLObalnaya NAvigationnaya Sputnikovaya Sistema) / Uragan
- European Galileo positioning system
- People's Republic of China Beidou (BD) global / regional navigation system covering Asian and the west Pacific Ocean
- Indian IRNSS (Indian Regional Navigational Satellite System) covering India and the northern Indian Ocean
- Japanese QZSS (Quasi-Zenith Satellite System) regional system covering Asia and Oceania
 

·
Registered
Joined
·
838 Posts
Comunque fondamentale che l'Europa riesca ad affrancarsi dal sistema GPS americano, in mano ai militari USA, che possono decidere in qualsiasi momento di renderlo inutilizzabile.

Immaginate i vantaggi strategici di una simile posizione.

Motivo per cui il progetto Galileo ha creato non pochi attriti tra Europa e USA.
Anche perché inizialmente con partecipazione cinese. Adesso si sono tirati fuori.

Come dicevo prima, oltre al NAVSTAR americano e a Galileo, esiste anche il sistema russo, totalmente operativo e con copertura globale, il GLONASS (completato negli anni 90, caduto in disgrazia dopo la disintegrazione dell'URSS, di nuovo completamente operativo su scala globale da fine 2011).

Entro il 2020 sarà operativo anche il sistema cinese, COMPASS, attualmente con copertura solo sul territorio della Repubblica Popolare Cinese e della regione del sud est asiatico e del Pacifico settentrionale. A sistema completo sarà anch'esso a copertura globale.

Galileo sarà l'unico sistema di natura civile.
Gli altri tre sono e saranno in totale controllo delle rispettive forze armate.
Interessante

ps domanda ai moderatori: non sarebbe più consono trasferire questo trend nella sezione altre infrastrutture?
 

·
Registered
Joined
·
9,333 Posts
^^

No, questo e' un forum di architettura ed urbanistica, questa sezione e' proprio per discussioni serie che esulino dal topic pincipale del forum.
 

·
Banned
Joined
·
7,925 Posts
Ottima mossa dell'europa che finalmente renderà operativo il progetto. Upcon un pò di ottimismo, quando sarà finito saremo la prima potenza mondiale e guideremo il progresso dell'umanità verso le stelle lol.

Tecnicamente da le piste al gps che non é che sia granchè
 

·
Registered
Joined
·
838 Posts
^^

No, questo e' un forum di architettura ed urbanistica, questa sezione e' proprio per discussioni serie che esulino dal topic pincipale del forum.
Ok
 
1 - 20 of 61 Posts
Top