SkyscraperCity banner

161 - 180 of 204 Posts

·
Registered
Joined
·
1,912 Posts
Discussion Starter #162

·
Registered
Joined
·
1,912 Posts
Discussion Starter #164
https://www.google.it/urlsa=t&sourc...FjABegQIEhAB&usg=AOvVaw1TaL4YqX24bao8COb8XfdU

Segnalo questo documento pubblicato nell'aprile dello scorso anno in cui si descrive anche l'intervento riguardante la tangenziale con informazioni sullo stato della progettazione (aggiornamento della progettazione definitiva in corso, già completata nel 2006, e successiva progettazione esecutiva con associato SIA per avviare la VIA presso il Ministero). Se non sbaglio i fondi FSC vanno impegnati entro il 2019 pena la perdita del finanziamento. Ce la faranno i nostri eroi? Secondo me in meno di 24 mesi non riusciranno a completare la progettazione esecutiva, completare il procedimento di VIA, avviare gli espropri, iniziare ed espletare le procedure di gara (immagino gara europea vista la somma), aspettare in caso di eventuali ricorsi, avviare i lavori...
 

·
Registered
Joined
·
1,912 Posts
Discussion Starter #166
Alcuni punti salienti del sopracitato documento

L’intervento prevede una variante alla S.S.115, di categoria C1 (extraurbana secondaria), dell’estesa di circa 16 km, esterna all’abitato di Gela, che, a partire dalla zona Sud-Est di Gela, si sviluppa dal I° lotto già realizzato dall’ASI di Gela e, oltre l’abitato di Gela, si riconnette a Nord-Ovest di Gela ai lotti 7° e 8° della
S.S.626, e, mediante una bretella, alla S.S.115 ad Ovest di Gela, con n. 5 svincoli. Sono previsti n. 8 viadotti: per uno sviluppo complessivo di circa ml. 1.350 e n. 1 gallerie naturale, oltre a circa 13 km di viabilità complementare.
È in corso la redazione di un progetto definitivo comprensivo di S.I.A. . L’intervento deve essere sottoposto alle procedure autorizzative e di VIA. L’intervento è modulabile in due stralci rispettivamente completamento della tangenziale di Gela e di realizzazione della S.S. n. 626 Lotto 7 e 8 (quest’ultima di fatto costituisce una variante alla SS n. 115 nel tratto ad ovest di Gela).

COSTO DELL’INTERVENTO (milioni di euro): 316,50 (importo FSC 313,00 – CdP Anas 2014 0,9 – APQ Sicilia 2,6)

CRONOPROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO PER ANNUALITA’:

2018: completamento progettazione
2019: affidamento
2020-2023: realizzazione

STRUMENTO ATTUATIVO
Piano Pluriennale Anas 2016 - 2020
 

·
Asymmetric poster
Joined
·
14,885 Posts
Speriamo davvero!

Anche se non sono certo che la soluzione a categoria C1 sia ideale, anche in previsione di un futuro completamento della A18.
 

·
Registered
Joined
·
1,912 Posts
Discussion Starter #168
ma infatti visto il costo abbastanza rilevante pensavo fossero previste due carreggiate separate (come nel primo tratto già esistente) e invece sembra di no... evidentemente non ritengono che ci sia un traffico tale da giustificare una doppia carreggiata....

l'Anas farebbe bene a progettare una variante anche per il tratto compreso tra il termine della SS 626/futura tangenziale/SS 115 e l'inizio della circonvallazione di Licata

adesso bisogna vedere se verranno rispettati i termini o si perderanno i fondi... a Gela come al solito nessuno sa niente di quest'opera, non se ne parla, neanche in periodo di campagna elettorale...
 

·
Registered
Joined
·
592 Posts
La tangenziale di Gela, tra l’altro, sarebbe un toccasana per chi (come per esempio il sottoscritto) deve raggiungere la Sicilia sudorientale da Palermo (nave): invece di fare la A19+A18 (la via più lunga, via Catania), si potrebbe fare la via più diretta, via Caltanissetta-Gela; oggi invece non conviene, visto che bisogna ancora attraversare la città.
 

·
Asymmetric poster
Joined
·
14,885 Posts
ma infatti visto il costo abbastanza rilevante
Sì, in effetti il costo può sembrare rilevante, visto che parliamo di singola carreggiata quasi esclusivamente in rilevato, fatto salvo poco più di 1km di viadotti (1350m per l'esattezza, su 16 km di tracciato) e una galleria che credo non sia nulla di significativo, visto il territorio.

Bisognerebbe vedere il dettaglio del progetto, anche per capire di cosa si tratta esattamente quando si parla di 13km di viabilità complementare. Senza scordare i 5 svincoli.

Insomma, senza le carte difficile dire se sia tanto, poco o il giusto.
 

·
Registered
Joined
·
51,554 Posts
Entro 2018 appalti Anas per Licodia e Bronte-Adrano. Poi Gela-Catania e variante Vittoria
Da REDAZIONE - 13 settembre 2018





Entro fine anno l’Anas bandirà le gare d’appalto per la realizzazione del secondo stralcio della strada statale Licodia Eubea-Libertinia e per l’ammodernamento della Bronte-Adrano. Due opere infrastrutturali importanti per l’Isola del valore di circa 180 milioni di euro. L’impegno è stato assunto dai vertici della società durante un incontro a Roma con il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Alla riunione con l’amministratore delegato Gianni Vittorio Armani, il direttore regionale Manlio Mele e il responsabile delle progettazioni Ugo Dibennardo, durata oltre due ore, era presente anche l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone.

«Ammontano a un miliardo e mezzo di euro – evidenzia il governatore Musumeci – le opere infrastrutturali prossime alla gara e in fase di progettazione. Un impegno consistente che l’Anas ha assicurato di onorare in tempi stretti. Toccherà alla Regione vigilare, affinché si recuperino anni di arretrato».

L’Ente nazionale per le strade ha assicurato, inoltre, la definizione entro i prossimi sei mesi delle progettazioni esecutive relative alla costruzione e all’ammodernamento di diverse arterie autostradali dell’Isola e in particolare di: tre lotti della Palermo-Agrigento (importo lavori di circa cinquecento milioni di euro); circonvallazione di Gela (trecento milioni); terzo stralcio della statale 683 Licodia Eubea-Libertinia (duecento milioni); variante di Vittoria (centocinquanta milioni); Catania-Gela (cento milioni).

Nel corso dell’incontro, è stato affrontato anche il tema della sicurezza stradale. Il presidente Musumeci ha infatti ribadito la richiesta di avvio di un monitoraggio su ponti, viadotti e gallerie di strade statali e provinciali dell’Isola, attraverso un imponente impiego di risorse professionali. Infine, sono stati definiti il percorso e il cronoprogramma relativi alla fusione tra il Consorzio autostrade siciliane e l’Anas.

«Abbiamo chiesto – sottolinea l’assessore Falcone – impegni precisi: dal completamento delle opere in corso (Agrigento-Palermo e Agrigento-Caltanissetta, prima fra tutte) all’accelerazione delle progettazioni in itinere da mandare in gara. Dalla concretizzazione degli impegni assunti dall’Anas dipenderà, nei prossimi anni,un’imponente politica di infrastrutturazione viaria di almeno trecento milioni all’anno per il prossimo quinquennio».
http://siciliainformazioni.com/reda...e-adrano-poi-gela-catania-e-variante-vittoria
 

·
Registered
Joined
·
51,554 Posts
Domani Toninelli verrà a Gela per fare il punto sugli investimenti ANAS in Sicilia orientale.
Il fatto che venga proprio a Gela non è casuale secondo me, probabile ci siano delle novità per la SS 417 o per la Tangenziale appunto.



Visita in Sicilia del ministro Toninelli, prima tappa ad Augusta





(Cs) Torna in Sicilia il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. Domani raggiungerà il porto di Augusta, a conferma del ruolo strategico dello scalo megarese, confermata sede dell’Autorità Portuale di Sistema della Sicilia Orientale anche grazie a questo governo.

Poco prima di mezzogiorno si recherà in visita presso la Capitaneria di porto di Augusta, accompagnato tra gli altri dai parlamentari siracusani Paolo Ficara e Pino Pisani e Luciano Cantone. Ad accoglierli, il contrammiraglio Gaetano Martinez, direttore marittimo della Sicilia Orientale e il comandante della Capitaneria di Porto di Augusta, Attilio Montalto.

Prima di entrare in Capitaneria, il ministro Toninelli incontrerà la stampa. Poi passerà in rassegna il picchetto d’onore per andare quindi a salutare il personale della Capitaneria di porto di Augusta.

Alle 13 il ministro lascerà la città siracusana per dirigersi verso Gela, dove farà il punto della situazione sugli investimenti ANAS in Sicilia Orientale.

“La continua presenza ed attenzione del ministro Toninelli verso la Sicilia è un segnale importante e di discontinuità verso un passato ambiguo, fatto di promesse a distanza e pochi fatti. Dalle strade alle ferrovie, passando per i porti è evidente come la Sicilia sia finalmente al centro di progetti concreti per accorciare il gap con il resto d’Italia che altri hanno creato e tollerato per anni”, le parole di Paolo Ficara e Pino Pisani.
https://www.siracusaoggi.it/visita-in-sicilia-del-ministro-toninelli-prima-tappa-ad-augusta/
 

·
Registered
Joined
·
51,554 Posts
Si torna a parlare della Tangenziale di Gela (forse per il periodo pre-elettorale). Nulla di nuovo, ma se non altro almeno resta l'attenzione su quest'importante infrastruttura.

(nel video le immagini dell'eterna incompiuta)

 

·
Registered
Joined
·
51,554 Posts
Altro che lavori subito…tangenziale di Gela nella lista “nera” dei ritardi Anas: a rischio 300 milioni
Di Rosario Cauchi -2 giugno 2019





L'asse ex Asi da decenni è inutilizzato



Gela. E’ uno dei progetti sponsorizzati ad alta voce dal governo regionale del presidente Nello Musumeci. La cosiddetta “tangenziale” di Gela, però, dovrà attendere, a lungo. Se ne riparlerà almeno nel 2021. L’opera è finita nel maxi dossier che Anas ha da poco inoltrato alla commissione trasporti del Senato. Un lungo elenco di progetti milionari che slitteranno. Altro che cantieri subito. L’indiscrezione l’ha riportata Repubblica-Palermo e rischia di segnare la staffa su un investimento, atteso anche dai sindacati del settore edile, dato che il comparto è da anni in costante sofferenze a livello locale. La realizzazione consentirebbe un collegamento diretto tra l’area locale e quella della 626, attraverso la 117 bis. Nella scheda tecnica si legge che “l’intervento prevede una variante alla S.S.115, di categoria C1 (extraurbana secondaria), dell’estesa di circa 16 km, esterna all’abitato di Gela, che, a partire dalla zona Sud-Est di Gela, si sviluppa dal I° lotto già realizzato dall’ASI di Gela e, oltre l’abitato di Gela, si riconnette a Nord-Ovest di Gela ai lotti 7° e 8° della S.S.626, e, mediante una bretella, alla S.S.115 ad Ovest di Gela, con n. 5 svincoli. Sono previsti n. 8 viadotti: per uno sviluppo complessivo di circa ml. 1.350 e n. 1 gallerie naturale, oltre a circa 13 km di viabilità complementare”. Come riportato da Repubblica-Palermo, però, tutto slitterà perché il progetto deve essere adeguato alle nuove norme in materia. Inizialmente, era stato previsto un affidamento dei lavori proprio nel corso del 2019 e un avvio dei cantieri dal 2020. Secondo il dossier di Anas, però, non sarà possibile rispettare i tempi. Sono almeno tredici le maxi opere viarie previste sull’isola che non riusciranno a decollare da subito. Una specie di lista nera dei ritardi, che il gruppo ha presentato alla commissione del Senato.


Non è di certo l’unica incompiuta del territorio. Il presidente dell’associazione “Sviluppo del Golfo” Francesco Agati ha scritto all’assessore regionale Marco Falcone, al Comune e all’Irsap (ex Asi) per chiedere di verificare l’iter di ripristino del tratto che collega la 115 in direzione di Vittoria alla 117 bis per Catania, attraverso l’ex area di sviluppo industriale e che sarebbe lo snodo viario per raggiungere anche il porto isola. Anche in questo caso, tutto fermo da decenni. “L’arteria principale da quaranta anni è nello stato di abbandono, non può essere utilizzata, per soli duecento trenta metri lineari. L’infrastruttura in contrada Albanazzo da arteria stradale si trasforma in trazzera, con l’esproprio di questo piccolo tratto, la collegherebbe direttamente dalla Ss 115 Gela-Vittoria alla Ss 117 bis Gela-Caltagirone-Catania – scrive – si evidenzia che le sopraelevate sono soggette a carbonatazione, ma non sono strutturalmente e staticamente compromesse, provvedendo immediatamente alla manutenzione sarà possibile ripristinare l’infrastruttura e utilizzarla per gli usi di progettazione e sollecitazione veicolare, inoltre si denuncia che l’importante strada è soggetta a furti di guard rail e tombini in ghisa. Si stima un prezzo di esproprio del terreno, manutenzione, montaggio dei guard rail, realizzazione di una rotonda sulla ss 117 bis in contrada Albanazzo e ripristino del manto stradale non superiore a novecento mila euro, cifra che potrebbe lievitare se non si interviene con celerità”.
https://www.quotidianodigela.it/alt...-nera-dei-ritardi-anas-a-rischio-300-milioni/
 
161 - 180 of 204 Posts
Top