SkyscraperCity banner

Status
Not open for further replies.
6861 - 6880 of 6884 Posts

·
Banned
Joined
·
7,566 Posts
Vabbè che la classe politica odierna faccia cagare ma nn è che durante la prima repubblica brillasse.... tra l'altro ogni sei mesi un nuovo governo. I danni che l'Italia paga oggi derivano in larga parte dalla classe politica della prima repubblica. Quindi i partiti/partitini etc.... della prima repubblica sono stati un cataclisma per questo paese.
I bei tempi andati non è che siano andati: non sono mai esistiti.

Non è quindi che la prima Prima Repubblica fosse l'età dall'oro. Ma la classe politica possedeva una preparazione culturale decisamente maggiore. Non solo chi proveniva da una sistema formativo selettivo, classista e oggettivamente più duro, ma sicuramente più efficace; ma anche chi istruzione non aveva riconosceva il valore della cultura ed in qualche modo la rispettava e la perseguiva. Inoltre le scuole di partito, preparando i quadri, forgiavano la classe politica del domani.

Oggi scontiamo una forte orizzontalizzazione e soggettivizzazione dei saperi, e ad un diffuso analfabetismo di ritorno (ma incerti casi anche di andata) le cui cause conosciamo fin troppo bene (dequalificazione di una scuola di massa, diffusione dei social, crisi di una cultura nazionale condivisa, etc), su cui sarebbe inutile disquisire ma che sono una realtà.

Stronzate come quella del Traforo del Brennero, l'on. Giuseppe Brambilla eletto nelle liste del PCI, già operaio di linea all'Alfa di Arese, non le avrebbe mai tirate fuori. Anche se Toninelli è probabile che una laurea ce l'abbia.
 

·
Nerd Immunity
Joined
·
17,841 Posts
Mah ...

A me sembra che la stragrande maggioranza dei politici attuali sia di formazione umanistica, quindi ho il forte dubbio che il prof. Galli della Loggia abbia preso l'ennesima cantonata.
L'umanesimo serve ma in Italia non è quello che manca, ma una cultura diffusa nella classe dirigente che includa fondamenti di economia, statistica, che parli e legga correntemente l'inglese e i media anglofoni, e che ritenga Einstein e Darwin altrettanto e per certi versi più importanti di Dante e Kant.
 

·
Banned
Joined
·
7,566 Posts
L'umanesimo serve ma in Italia non è quello che manca, ma una cultura diffusa nella classe dirigente che includa fondamenti di economia, statistica, che parli e legga correntemente l'inglese e i media anglofoni, e che ritenga Einstein e Darwin altrettanto e per certi versi più importanti di Dante e Kant.
Guarda, è brutto a scriversi, ma quella che manca è una solida e reale istruzione.
 

·
Banned
Joined
·
7,566 Posts
Ciò che mi sfugge a causa della diffusa aura agiografica che circonda S. Mario Draghi è il suo orientamento politico.

Di centro, di sicuro; liberale anche; ma inclinato più a destra o a sinistra? Ed in quale posizione verso il mondo cattolico? E verso l’associazionismo sindacale? È quello solidaristico?
 

·
Registered
Joined
·
7,915 Posts
Draghi è cattolico, non è un segreto sia vicino a quel mondo. E' un cattolico sociale. Economicamente un keynesiano vero, diciamo... Non in salsa italica: c'è crisi, allora spendo, quando passa la crisi taglio il deficit ed abbatto il debito.
 
  • Like
Reactions: Breus and INTER88

·
Registered
Joined
·
7,915 Posts
PD appoggio esterno non ci credo neanche se lo vedo.

Comunque meglio lega dentro che LEU.
 

·
Povero madonna user
Joined
·
10,405 Posts
Repubblica parla di governo ibrido: 12 politici e 8 tecnici. Tre 5stelle, due leghisti, forzisti, democratici, uno di IV di Leu e del misto.

Per i 5 stelle si dà per scontata la permanenza di Di Maio e un nuovo ministero a Conte. Per il PD di parla di Franceschini, Orlando e Zingaretti. Per Leu c’è solo Speranza. Per IV Bellanova, Bonetti o Rosato, con la pugliese in pole per tornare all’agricoltura. Per la legha si parla di Giorgetti e Molinari. Per Forza Italia si parla di Tajani, Gelmini e Bernini.

MEF a un tecnico.
Mamma mia che zibaldone.
Se Draghi non fa un miracolo la Meloni vince al jackpot e la vota pure Fratoianni!
 

·
Registered
Joined
·
4,882 Posts

·
Registered
Joined
·
6,393 Posts
Cosa te lo fa pensare?
perchè alla fine, sarà l'unica "coerente" e che non fa "inciuci" (come piace tanto dire) pur di non tornare al voto e di continuare a governare in un modo o nell'altro...

Meloni è l'unica che da un nuovo voto ci guadagnerebbe, Lega pur avendo più voti forse resterebbe in pari come posti in Parlamento e tutti gli altri invece ne perderebbero...

bisogna ricordare che il 23% di oggi sono 138 posti a sedere, mentre il 17% delle politiche 2018 erano 160 posti a sedere... (se fosse proporzionale puro, giusto per farsi un'idea)

c'è stato di mezzo un taglio dei parlamentari, quindi bisogna vedere chi pur con il 36,5% in meno di "poltrone", riuscirebbe a non perderne... mi sa che l'unica sarebbe proprio Meloni
 

·
Registered
Joined
·
7,915 Posts
Intanto vi segnalo le priorità nel magico mondo di Danilo Toninelli:

Una serie di domande sul governo Draghi. Se le pone il senatore M5S Danilo Toninelli. "Mi domando: ma un governo Draghi con i ministri Brunetta, Calenda, Boschi (e/o simili) e un tecnico all'Economia potrà attuare riforme essenziali come l'acqua pubblica, la banca pubblica, il conflitto di interessi, le preferenze, la riforma della Rai e della giustizia, la regolamentazione del lobbying e l'editoria pura? O anche solo parte di esse?..


Non piano vaccini, economia, riforme istituzionali e cose simili. La priorità per toninelli è l'acqua pubblica.
 

·
Registered
Joined
·
7,915 Posts
perchè alla fine, sarà l'unica "coerente" e che non fa "inciuci" (come piace tanto dire) pur di non tornare al voto e di continuare a governare in un modo o nell'altro...

Meloni è l'unica che da un nuovo voto ci guadagnerebbe, Lega pur avendo più voti forse resterebbe in pari come posti in Parlamento e tutti gli altri invece ne perderebbero...

bisogna ricordare che il 23% di oggi sono 138 posti a sedere, mentre il 17% delle politiche 2018 erano 160 posti a sedere... (se fosse proporzionale puro, giusto per farsi un'idea)

c'è stato di mezzo un taglio dei parlamentari, quindi bisogna vedere chi pur con il 36,5% in meno di "poltrone", riuscirebbe a non perderne... mi sa che l'unica sarebbe proprio Meloni

Ma infatti questa cosa non è chiara a molte persone. Oggi la Lega ha 192 tra deputati (130) e senatori (62). Domani, con un parlamento da 600 posti totali, qualche leghista oggi eletto resterebbe fuori.
In caso di elezioni il cdx potrebbe anche avere la maggioranza ma vallo a dire ai parlamentari non più eletti di immolarsi per il partito...
 

·
Premium Member
Joined
·
1,461 Posts
Sì FDI ha preso solo il 4,4% nel 2018, se va male alle prossime elezioni prenderà il 15% ma probabilmente potrebbe arrivare anche al 20%.
È abbastanza scontato che preferiscano le elezioni
 

·
Registered
Joined
·
7,915 Posts
Di Battista non è eletto e nel frattempo è diventato padre... Non mi stupisco voglia le elezioni mr cuore di panna.
 

·
Banned
Joined
·
7,566 Posts
Eh Eh... i demo-grullini che sognavano di sostituire un Conte un po' appannato con un Drago nuovo fiammante, senza la spada di Damocle renziana sulla testa, ora annaspano. Forse non avevano capito cos'è un Governo Istituzionale o del Presidente che dir si voglia. O forse pensavano che di essere la barriera di Grande Inverno. Bravi. Questo la dice lunga sulle loro capacità politiche.

Un punto questa volta l'ha segnato Salvini dichiarando di voler entrare dalla porta principale nel Governo. A sentire le dichiarazioni di Crimi dopo la consultazione con MD non ci sarebbe da stupirsi se i 5S restassero fuori dal governo, ma in realtà i giochi sono ancora apertissimi. Vedremo.

Cmq era da un pezzo che la politica non mi prendeva così, anche perchè chiunque vinca confido che sarà la migliore soluzione. Spero di non rimanere deluso.
 
6861 - 6880 of 6884 Posts
Status
Not open for further replies.
Top