Skyscraper City Forum banner
821 - 834 of 834 Posts

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
PROGETTO DI EDIFICI RESIDENZIALI E APARTHOTEL A JESOLO LIDO (VE)








 

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
Vari progetti in costruzione





----------









-------------









-------------









--------------










 
  • Like
Reactions: Gioven and Jasper90

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
Maxi residence a Jesolo. Un progetto da 75 milioni

Il piano già approvato dal Comune è firmato dall'archistar di New York Richard Meier. Sorgerà in via Levantina nell'area dell'ex Colonia: 99 superappartamenti, hotel e garage interrati











JESOLO. Un progetto da 75 milioni di euro, nasce al lido “The Summer Houses – Design District”, residence con 99 appartamenti e albergo in via Levantina, fronte mare.

Le costruzioni ad uso turistico non si fermano e Jesolo prosegue nella sua lenta opera di rinnovamento con la costruzione di un complesso che diventerà uno dei più grandi sul litorale. Ancora una ricettività destinata a un target molto alto, che ormai ha preso il sopravvento nella Jesolo del futuro. I turisti con disponibilità economiche che scelgono la località per la sua posizione strategica, la spiaggia, l’intrattenimento ad ampio raggio, la vicinanza a Venezia.

Con queste premesse, gli investimenti non mancano perché chi ha soldi da spendere non ci pensa troppo quando si tratta di soggiornare in strutture di altissimi livello o di acquistare ville e appartamenti lussuosi. La Massimo Frontoni Avvocati, con un team formato dal fondatore Massimo Frontoni e da Andrea Mattioli, ha ricevuto l’incarico di assistere la società Ponente Italia srl e Stella del Mar srl, con gli sponsor Kronberg International – Berlin e RIV Group Sas – Jesolo.

Seguirà tutta la parte contrattualistica che è alla base della realizzazione del complesso urbanistico “The Summer Houses – Design District”. Contratti di direzione lavori, contratti con gli appaltatori e tutto quanto attiene al progetto. Sorgerà sulle aree di proprietà di Stella del Mar Srl, in corrispondenza del numero civico 241 di via Levantina, poco distante dal complesso Jesolo Lido Village.

La ex colonia è stata rasa al suolo, aprendo questa ulteriore finestra sul mare tra la zona dell’ospedale e piazza Milano che sta diventando davvero il tratto di litorale più prestigioso dopo gli anni delle piazze e dei grattacieli che hanno deluso le aspettative del mercato turistico e immobiliare.

La concessione edilizia è stata rilasciata il 16 marzo 2018 dal Comune. Il totale degli investimenti previsti è di 50 milioni di euro per la parte residenziale e altri 25 milioni per l’albergo che completerà il quadro delle strutture ricettive “stellate” al lido.

Progetto dell’archistar Richard Meier di New York che a Jesolo ha già sperimentato il suo genio allo Jesolo Lido Village. Novantanove saranno le unità residenziali oltre a una struttura ricettiva residence e hotel cinque stelle con garage interrato.

Il lotto è una delle ultime aree edificabili sul fronte mare in questa location di lusso e si estende su una superficie di complessivi 11.500 mq con forma rettangolare di circa 100 metri per 110. Una zona tranquilla e un po’ fuori dalle rotte del turismo degli eccessi, spostatosi ormai verso il cuore del lido. Da piazza Milano verso il lido est Kronberg International e RIV Group saranno gli sponsor di riferimento. Massimo Frontoni Avvocati è uno studio specializzato nel settore edilizio e immobiliare, delle grandi infrastrutture e dei servizi di pubblica utilità. Ha fornito la consulenza legale. Il gruppo Kronberg è conosciuto a livello europeo, in particolare nel mercato tedesco, austriaco e italiano, nel settore immobiliare da oltre 25 anni. RIV Group è invece uno dei leader del mercato Jesolano con 20 anni di esperienza che ha realizzato 1.000 appartamenti. Due partner importanti per una delle operazioni immobiliari di maggior peso al lido, destinata a far parlare anche perché si inserisce in un tratto di litorale contraddistinto da molteplici strutture ricettive di altissimo livello per una clientela selezionata proveniente da tutta Europa.


http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2018/04/06/news/stella-del-mar-1.16678997
 
  • Like
Reactions: FilTur

·
Registered
Joined
·
936 Posts
Di', ma voi veneziani lo sapete vero che la nuova autostrada per Jesolo, che ricalchera' quasi interamente la Teviso Mare da Meolo a Jesolo e' gia' stata approvata dal Cipe e i lavori cominciano l'anno prossimo?? ;)
Ieri sera sono stato a Jesolo (ho fatto il giro per Burano e Treporti). Oggi sono andato a rileggermi un po' di vecchi messaggi e volevo fare un piccolo aggiornamento sui progetti che riguardano la mobilità dei cittadini.

Dopo sei anni, sembrerebbe che il progetto originale della superstrada sia stato definitivamente accantonato. Come alternativa, la Regione starebbe pensando a sfruttare la direttrice di Noventa di Piave, rendendo dunque obbligatorio il passaggio per la zona di San Donà (http://mattinopadova.gelocal.it/regione/2017/12/30/news/una-superstrada-per-arrivare-a-jesolo-1.16294532). Ricordiamo che il completamento della superstrada per Jesolo è fondamentale per la realizzazione del progetto "Jesolo Magica" di Zaha Hadid.

Per quanto riguarda il problema della viabilità più in generale, sembrerebbe che, pur di non fare arrivare le macchine, Legambiente si sia dichiarata disponibile a sostenere la realizzazione di una monorotaia del litorale, possibilmente integrata con i progetti in via di realizzazione sulla Venezia-Trieste e con la nuova stazione ferroviaria dell'aeroporto di Tessera (http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2017/04/21/news/treno-per-jesolo-legambiente-plaude-all-idea-di-zoggia-1.15230551).

Non so bene dove vogliano far passare questa "monorotaia", però penso che tutti siamo d'accordo sul fatto che un qualche tipo di trasporto ferroviario lungo il litorale sia necessario. Per quanto riguarda eventuali progetti che "taglino" la Laguna, un'idea suggestiva, a mio avviso, potrebbe essere quella di realizzare una ciclabile sospesa tra le barene che parta dagli agriturismi di Lio Piccolo e arrivi fino alla zona dell'H-Farm a Portegrandi. Ok, realizzazione difficile (anche se sono solo 8 km), ma pensate solo per un momento a che figata sarebbe e a che tipo di turismo potrebbe attirare.

In conclusione credo che il tema della mobilità integrata nel territorio lagunare sia strettamente connesso con quello del turismo di massa, e sicuramente non meno importante. Un esempio? Le grandi navi. Tutti sanno che sarebbe più comodo e veloce ormeggiarle fuori dalle bocche di porto, ma come si risolve il problema del trasporto dei passeggeri? Ricordo che uno dei punti critici del progetto Duferco-De Piccoli riguardava il difficoltoso trasporto giornaliero di migliaia di crocieristi da Punta Sabbioni alla Marittima. Anche qui quindi bisognerebbe pensare per il futuro a un sistema di trasporto che colleghi in maniera più efficace Venezia al suo litorale.

Dobbiamo ripensare a come vogliamo vivere la nostra Laguna e a che mezzi di trasporto integrato possiamo adottare, cercando di emanciparci il più possibile dalle macchine che non fanno parte del nostro ecosistema e che non possono essere l'unico mezzo di trasporto, a maggior ragione per i veneziani come me.

Scusate il lungo post ma trovo che il tema sia estremamente attuale, e sarebbe bello partecipare tutti assieme. Di fronte a metropoli sempre più grandi (la città di Neom, in Arabia Saudita, si estenderà su una superficie pari a quella del Belgio), noi dobbiamo fare i conti con un territorio che è strutturalmente policentrico, più unico che raro, ma non per questo possiamo rinunciare a muoverci e a vivere la nostra Laguna come se fosse una sola grande città metropolitana. :)
 

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
“Cross Lam Tower”: nasce a Jesolo il grattacielo in legno

L’intervento di bioedilizia davanti a piazza Trieste costerà dieci milioni.
Un edificio di 12 piani e con 24 appartamenti


http://nuovavenezia.gelocal.it/vene...e-a-jesolo-il-grattacielo-in-legno-1.16791012







JESOLO. Si chiama “Cross Lam Tower” e sarà il più grande grattacielo per la maggior parte in legno realizzato in Europa. I cantieri saranno aperti a ottobre e per l’estate 2019 la torre sarà terminata davanti a piazza Trieste. Un moderno intervento di bioedilizia perfettamente autonomo con risparmio energetico nell’ordine del 45-50 per cento. Partner per le vendite è Garden Immobiliare dello jesolano Marco Pegoraro, rappresentante legale dell’agenzia e presidente provinciale e consigliere nazionale di Air Italia, l’Associazione Agenti Immobiliari Riuniti che oggi conta oltre 500 associati.

Nasce dall’avanzato pensiero costruttivo di Urban-Bio che ha affidato il progetto a Demogo, studio di architettura fondato nel 2007 a Treviso da Simone Gobbo, Alberto Mottola e Davide De Marchi, vincitori, tra l’altro, nel 2015 del Young Italian Architets. L’investimento complessivo è di circa 10 milioni per un edificio di 12 piani e 24 appartamenti.

L’attenzione verso il mercato immobiliare a Jesolo sta tornando alta e questi interventi innovativi segnano il passo della futura urbanistica sul litorale. Bioedilizia, risparmio energetico, pannelli solari, diventeranno la regola per un impatto che sarà il più basso possibile, senza rinunciare a estetica e funzionalità. «Il mercato sta andando abbastanza bene», spiega Pegoraro, «il peggio sembra essere passato e la richiesta punta soprattutto sul nuovo anche perché, rispetto a qualche anno fa, i prezzi si sono calmierati. Oggi il mercato immobiliare parla un linguaggio completamente diverso rispetto al passato e i parametri di valutazione puntano su concetti come bioediliza, classificazione energetica, risparmio energetico, velocità di realizzazione».

«Quello di Jesolo», aggiunge, «è l’unico vero frontemare fino ad Ancona, esistono poche località dove puoi uscire di casa o dall’albergo e mettere subito i piedi sulla spiaggia. Tra giugno e luglio di quest'anno, nella zona di piazza Tommaseo, alle spalle di piazza Manzoni, sarà completato un importante intervento realizzato completamente in bioedilizia. A breve il cantiere per la costruzione di questo che è il più alto palazzo d’Europa realizzato, anche in questo caso, completamente in bioedilizia, tra piazza Venezia e piazza Trieste. Una cosa unica, vedrete, stiamo lavorando sugli ultimi dettagli del progetto, ma ormai ci siamo».

«Da sempre», conclude, «la nostra città può contare su professionalità straordinarie, costruttori, progettisti, idraulici, fornitori, installatori e, più in generale, tutti gli addetti ai lavori, contribuiscono concretamente alla realizzazione di progetti di qualità assoluta».
 

·
Registered
Joined
·
4,263 Posts
Nuova Jesolo, cento cantieri aperti e una torre in legno. In campo anche le archistar

«Un centinaio di cantieri aperti, di cui una decina al rush finale sul fronte mare. In campo anche studi di fama internazionale come Zaha Hadid Architects, o giovani talenti italiani come i trevigiani dello studio Demogo, che con le loro opere andranno ad arricchire il parco-architetture che conta già le firme di Richard Meier, Gonçalo Byrne con João Nunes e Carlos Ferrater, oltre alla visione generale dell'urbanista Kenzo Tange. Siamo a Jesolo, cittadina veneta con 26mila abitanti che nella stagione estiva raggiunge i 5 milioni di presenze turistiche.


Un rendering della Cross Lam Tower di Jesolo (in blu), 14 piani, completamente in legno

Un laboratorio di ricerca sul tema dell’abitare che spazia dalle case nel parco del complesso “Merville”, all’altezza di Piazza Europa, dove è previsto un ampliamento sempre a cura dei due progettisti portoghesi entro il 2021, al complesso Jesolo Lido Village (Falkensteiner Hotels & Residences) tra l’ospedale e Piazza Milano, dove entro il 2021 ci sarà un nuovo hotel e un centinaio di alloggi, nell’area dell’ex colonia, anche in questo caso sempre a cura dello studio americano guidato da Richard Meier.
Già nel 2019 sarà pronto il complesso firmato dal giapponese Shigeru Iwakiri con un hotel a 5 stelle e nuove residenze al posto di quello che era l'hotel Tahiti, vicino a Piazza Manzoni.

Prezzi di mercato per il residenziale? «Si varia da 7 a 10mila euro al metro quadrato mq sul fronte mare, ci si attesta intorno ai 4-5mila euro entro i primi 300 metri dalla costa oltre i 600 metri si può spendere intorno a 2.700-3.000 euro al metro», spiega Marco Pegoraro presidente provinciale dell'Associazione Agenti Immobiliari Riuniti».

[...]

https://www.ilsole24ore.com/art/cas...po-anche-archistar-125325.shtml?uuid=AEvmGKfG
 

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
Peccato che non si tratti di sostituzioni edilizie sul lungomare ma quasi sempre di costruzioni ex novo.
credo sia dovuto al divieto di costruire in altezza.
 

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
edit
 
821 - 834 of 834 Posts
Top