Skyscraper City Forum banner
Status
Not open for further replies.
1 - 6 of 6 Posts

·
la manica di fetenti
Joined
·
2,090 Posts
Discussion Starter · #1 ·
shangay rinuncia alla sua seconda linea maglev,mentre i magneti vengono presi in considerazione dalla nasa per lanciare satelliti

Cina, stop al Maglev
Scritto dalla redazione [redazione]
28 maggio 2007 @ 15:57:28 CEST
La municipalità di Shanghai sospende la costruzione del treno a levitazione magnetica. E la Nasa sperimenta questa tecnologia per i satelliti.

Il Comune di Shanghai ha deciso di sospendere la costruzione della seconda linea ferroviaria a levitazione magnetica del Pease (e del mondo). La nuova opera è stata approvata dal Governo cinese nel marzo del 2006 per collegare il centro di Shanghai con Hangzhou, su un percorso di 175 chilometri. La linea, progettata e costruita dal consorzio tedesco Transrapid, dovrebbe entrare in funzione nel 2010, in occasione del World Expo. Il motivo ufficiale della sospensione sono le proteste di alcuni cittadini di Shanghai, preoccupati per l'emissione di radiazioni elettromagnetiche da parte del treno. I progettisti tedeschi consigliano una distanza di almeno 300 metri dagli edifici civili, mentre quella prevista dalla nuova linea non supera, in alcuni casi, i 23 metri.

Per ora, il progetto è sospeso e probabilmente la linea sarà diversamente allocata. Non si esclude neppure la realizzazione di una tradizionale linea ad alta velocità, che comporterebbe un tempo di percorrenza superiore di soli sette minuti rispetto al Maglev, ma con costi di costruzione e gestione nettamente inferiori. E proprio la questione economica sembra essere quella che ha favorito la sospensione dell'opera.

La notizia della sospensione della linea Maglev in Cina viene dopo pochi mesi dall'annuncio di un treno a levitazione magnetica completamente cinese, che costerebbe un terzo di quello tedesco. La ricerca cinese è stata avviata dalla società cinese Harbin Tech Full Electric, in collaborazione con l'Institute of Electrical Engineering dell'Accademia delle Scienze. Il nuovo treno magnetico cinese potrebbe essere provato all'aeroporto di Pechino. L'annuncio ha provocato numerose proteste in Germania, dove c'è il timore di un plagio tecnologico.

Negli ultimi mesi, il Maglev ha subito due incidenti che ne hanno compromesso l'immagine. Il più grave è avvenuto nel circuito sperimentale in Germania nel settembre 2006 e ha provocato la morte di 23 persone. La causa non dipende dalla tecnologia, ma da una grave incuria nel controllo della linea: il terno si è schiantato contro un carrello per la manutenzione, rimasto sulla linea. Per tale episodio sono sotto inchiesta due controllori del traffico e due dirigenti.

Il secondo incidente è avvenuto sull'unica linea Maglev operativa, che collega il centro di Shanghai con l'aeroporto di Pudong. Il caso non ha avuto una grande rilevanza, perché non ha causato vittime. Nell'agosto 2006, si è sviluppato un incendio a bordo di un treno e la linea è rimasta bloccata per una settimana. L'incidente ha aperto anche una polemica tra tedeschi e cinesi. I primi hanno affermato che l'incendio è avvenuto per una batteria difettosa, mentre un ingegnere cinese ha avanzato l'ipotesi che il treno non sia adatto per il clima caldo e umido che caratterizza l'estate di Shanghai.

Intanto, la Nasa annuncia il progetto di un lanciatore spaziale basato proprio sul principio della levitazione magnetica. In pratica, la rotaia magnetica potrebbe accelerare una navicella fino alla velocità adatta per lanciarla in orbita. L'ente spaziale americano ha già creato un modello in scala, formato da una rotaia lunga 15 metri, che ha accelerato un modellino di 13,6 chilogrammi fino a 95,5 km/h in solo mezzo secondo.

La Nasa ritiene che una vera navicella spaziale potrebbe essere accelerata dalla rotaia magnetica fino alla velocità di 995 km/h, oltre la quale potrebbe utilizzare i motori tradizionali per raggiungere l'orbita desiderata. In questo modo, si ridurrebbe notevolmente il peso del razzo e la quantità di combustibile necessario per il decollo. Si avrebbe un risparmio totale di peso di circa il 20%. Nel 2008, la Nasa intende realizzare una seconda rotaia di prova lunga 120 metri, che potrebbe essere seguita da una rampa di 1,5 chilometri, in grado di lanciare in orbita 18 tonnellate.
 

·
la manica di fetenti
Joined
·
2,090 Posts
Discussion Starter · #3 ·
lascia pensare soprattutto la poca differenza in termini di tempi di arrivo tra maglev e alta velocità su binari;a questo punto,il maglev diventa ancora più sconveniente,a meno che nn si pensi a soluzioni oggi a dir poco futuristiche ed economicamente impossibili,o quasi
 

·
4 more years
Joined
·
2,291 Posts
e intanto i tedeschi l'hanno rifilato ai cinesi
 

·
Back. Stronger.
Joined
·
2,436 Posts
Oggi era scritto su Le Monde in prima pagina... cari... lo chiamano TGV à LA CHINOISE! :D
 
1 - 6 of 6 Posts
Status
Not open for further replies.
Top