SkyscraperCity banner
1 - 20 of 28 Posts

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,374 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Una nave metropolitana
progetto di Paola Rossi

Finalmente la nave è approdata!

Un progetto che dal 1990 , anno dell'ideazione e realizzazione progettuale, in ben 15 anni trascorsi tra problemi giuridici e burocratici, è riuscito a nascere al centro della città costruita.

Un'architettura di qualità, quasi una scultura, che è riuscita a "passare attraverso" la cultura ancora dormiente dell'edilizia romana.
Quando il destino di un progetto è modellato dal vento e dall'acqua.
La forma triangolare del lotto su cui edificare un edificio residenziale suggeriva forme taglienti, fendenti, idrodinamiche. Al progettista (coadiuvato da Fracoise Bliek e Luca Bocchini) piacque moltissimo l'idea di disegnare un "transatlantico terrestre" per viaggi immaginari nell'ondulato paesaggio romano. La metafora marinara ha sempre suggestionato gli architetti. E anche il grande Corbu si è dedicato a progetti di architetture galleggianti.

Il progetto prevede due prospetti sostanzialmente differenti: quello sul fronte strada, destinato alla zona notte, rivestito di pannelli in alluminio preverniciato, segnato dai tagli delle finestre; l'altro, destinato alla zona giorno, prospettante su un terreno in pendio, solcato da terrazze continue lungo l'intero sviluppo longitudinale aggettanti dal basso verso l'alto. La distribuzione planimetrica prevede due alloggi per piano divisi da un corpo scale, con ascensore, illuminato dalla luce naturale.

Nella parte interrata dell'edificio, è previsto un parcheggio di circa 268 metri quadrati; inoltre, è stata ricavata un'area destinata a box auto e a locali cantina. Al piano terrazza, a cui si accede esclusivamente attraverso scale condominiali, si trovano i servizi lavatoio e stenditoio localizzati sotto una particolare copertura a vela.

La particolare forma aggettante della fronte su strada, ha suggerito l'utilizzo di una struttura portante costituita di telai in acciaio controventati dai setti in cemento armato.

La parete curva rivestita in alluminio sarà realizzata con pannelli non portanti in calcestruzzo alleggerito ( il progetto strutturale è di Antonino Reggio d'Aci).
Scheda tecnica
Superficie del lotto - mq 895,14
Area di sedime - mq 166,00
Superficie coperta f.t. - mq 825,99
Parcheggio interrato - mq 538,23
Area libera: mq 729,14
di cui a verde mq 675,14
Volume: mc 2682,59




 

·
Registered
Joined
·
15 Posts
Bello :wink2: ,ma secondo me l'impatto ambientale è troppo alto.
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,374 Posts
Discussion Starter · #7 ·
Tenete presente che il palazzo è di edilizia residenziale privata, quindi vincolata a precise esigenze di vivibilità (i balconi).

La parte destra dell'opera rappresenta la prua di una nave da crociera, mentre quella sinistra i ponti della stessa.

Credo che sia trai più geniali palazzi residenziali eretti a Roma nel dopoguerra.
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,374 Posts
Discussion Starter · #9 ·
Il contesto è un noiosissimo quartiere ultra-borghese, dove ti vendono a 5/6000 euro al mq degli appartamenti in palazzine di una noia, di una miseria architettonica, di una banalità....che io "il contesto" lo raderei al suolo.
 

·
ricercatore pampers
Joined
·
2,323 Posts
capitan harlock said:
io lo trovo interessante!!forse è il contesto che è sbagliato...
A me sembra solo un esercizio di stile. Ma ti immagini cos'è il primo piano di quel palazzo dal lato dove la "prua" s'assottiglia? E lo spazio sprecato per fare invece la parte più sporgente della "prua"? Visto dal davanti è inguardabile...un blocco bianco.
 

·
Registered
Joined
·
15 Posts
Vero,forse in un altro contesto,tipo in mezzo al mare, farebbe tutta un'altra figura..Tuttavia continua a rendermi molto perplessa....
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,374 Posts
Discussion Starter · #15 ·
Via di San Fabiano, una traversa di Via Gregorio VII°.
 

·
Registered
Joined
·
2,832 Posts
Io lo trovo estremamente interessante. Uno studio formale accattivante, una forma "divertente" (come spesso si dice in ambiente universitario), decisamente un bel lavoro. Sarei curioso di vederne delle piante per poi stare a discutere se oltre all'estetica c'è anche una funzione. Sinceramente non capisco questa storia dell'impatto ambientale, visto che non mi risulta che siano state modificate falde o abbattuti pini secolari... circa il contesto: non è l'opera che va messa in mezzo al mare, quanto il quartiere che andrebbe nuclearizzato. Palazzacci indegni del peggior geometra degli anni 60 e 70
 

·
passerby
Joined
·
1,910 Posts
Personalmente mi sembra un puro esercizio di stile molto autoreferenziale; divertente da disegnare per l'architetto, pessimo da abitare, al primo piano ad esempio pare che non arrivi luce dall'esterno. Concordo con chi dice che è decontestualizzato.
 
1 - 20 of 28 Posts
Top