Skyscraper City Forum banner
1 - 20 of 24 Posts

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Apro questo topic, abbastanza generico, per segnalare riviste e periodici che ritenete interessanti, nonché gli articoli contenuti in modo da condividerli con il resto del forum. Ovviamente il tema deve essere in sintonia con SSC (Trasporti, Urbanistica, Architettura etc...)



Inizio con segnalarvi W.I.R.E.D. di giugno, tra i grattaceli mi pare di intravedere anche lo spire della torre pelli:





Dream city, pronti a vivere meglio?
Il nuovo numero del magazine è in edicola. Ed ecco come stanno cambiando le nostre città tra governo dei cittadini, ecologia e connettività


La vita come la conosciamo e come l’abbiamo vissuta negli ultimi 100 anni è sostanzialmente quella cresciuta nella cultura urbana. Per questo le grandi rivoluzioni tecnologiche sono nate in città e nella città continueranno a operare i cambiamenti più radicali. Quale occasione migliore delle imminenti Olimpiadi che hanno trasformato e trasformeranno ancora il volto di Londra, per raccontarvi come saranno le città del futuro? Tra valorizzazione del patrimonio storico e grandi opere, connettività ubiqua e servizi personalizzati, open government, sostenibilità energetica e attenzione per l’ambiente, sono molte le sfide che una Smart city deve affrontare se vuol dirsi tale. E, soprattutto, se vuole realizzare una semplice eppure fondamentale promessa verso coloro che la abitano: vivere meglio.

Londra non sarà l’unica capitale a essere interessata da queste rivoluzioni. Tra un paio di anni anche Milano dovrà portare a termine i grandi lavori iniziati per l’Expo 2015 e dimostrare di essere una città non solo dinamica, ma funzionale. Ecco perché Wired ha provato a fare il punto della situazione, mappando i progetti che - si spera - proietteranno Milano nel futuro e diventeranno patrimonio di ciascuno.

Il compito di una città del futuro non si esaurisce nella sua potenza innovatrice, ma continua con la capacità di dedicare gli spazi giusti al divertimento. Ne sa qualcosa Alberto Zamperla, il vicentino che con i suoi parchi divertimento sta conquistando tutto il mondo. Wired lo ha intervistato e vi porta a fare un giro sugli ottovolanti che da Dubai a Coney Island fanno impazzire il mondo.


[...]
Resto dell'articolo: http://mag.wired.it/news/2012/05/31/wired-giugno-magazine-smart-city.html
 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #2 ·
Altre riviste interessanti, ma che per ora mi sono limitato solo a sfogliare sono DOMUS e thePLAN





DOMUS



domus 959 è in edicola
Il numero di giugno di Domus approfondisce due progetti di museo di Lacaton & Vassal e Toyo Ito, ci racconta la visione di Tatiana Bilbao e ci porta nel mondo dei maker. A news report from Milano


L'editoriale di Domus 959 è dell'architetta messicana Tatiana Bilbao che ha materializzato in un cadavre exquis per la copertina, la sua visione dell'architettura come risultato di uno sforzo collaborativo. Nel numero di giugno, visitiamo due spazi espositivi di Lacaton & Vassal e Toyo Ito nei quali l'architettura e le visioni curatoriali si sono incontrate, smantellando l'idea modernista di museo a favore di un'interpretazione sociale del ruolo dell'arte nella società contemporanea.

Nel numero si rivisita lo scorso Salone del Mobile, con una selezione degli eventi, prodotti, installazioni e performance più significativi: dalle costruzioni tridimensionali alle tecniche artigianali, dal design per l'emergenza ai progetti sulla fragilità. La serie Supernormal prosegue analizzando, questa volta, l'infografica sportiva, leggendola come un modello possibile di informazione applicabile anche all'architettura. Poi entriamo in profondità nella comunità dei makers, divisa sulla decisione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti di finanziare 1000 makerlab nelle scuole superiori americane.

http://www.domusweb.it/it/news/domus-959-e-in-edicola/
Umberto Agnello: Cemento— Chiara Alessi propone un'interessante lettura della nuova serie di fotografie "pittoriche" dell'artista ragusano, originali e sorprendenti, fino a farci dimenticare la natura economicamente e politicamente pesante del cemento. A photo-essay from Milano by Umberto Agnello

Ci sono tre livelli da superare, varcata la soglia di Laboratorio V.I.P., nei confronti della mostra Cemento. Il primo è che – tautologicamente – ci si trova davvero in un laboratorio e non in una galleria. A parte le istantanee "temporanee" dell'opera di Umberto Agnello, qui infatti la fanno permanentemente da padroni mobili, modelli e strumenti di lavoro di Francesco Rivolta, modelmaker e fondatore dello spazio multifunzionale di via Menabrea 6 a Milano. Liutaio di professione, restauratore e ricercatore, questo gallerista in erba è in realtà un virtuoso cultore del legno, molto vicino ai più interessanti studi di architettura di Milano, per i quali da anni realizza plastici di progetti che nel suo laboratorio rimangono in forma di traccia, ma materica, calda e plasmabile.

Il tema della serie di immagini esposte (fino al 10 giugno) è il cemento, nella sua freddezza asettica e trascendentale; contraltare del legno. Ed ecco il secondo scarto logico. I volumi ripresi dai quadri di Umberto Agnello sono dei monoliti architettonici anonimi, immortalati nella sua città natale, come sarebbero potuti essere in qualunque altro luogo, in qualunque momento del giorno. Lo sfondo è una luce perenne da scenario post-umano; e infatti non si intravede nessuna comparsa vivente. Solo cemento, drammatizzato nella presenza dal gioco di luci e ombre che, dice Agnello, deriva dall'architetto neoclassico francese Étienne-Louis Boullée. In realtà, pare un altro il riferimento immediato che guida l'osservatore e che, guarda caso, avvicina questa mostra alla precedente di Ieva Petersone: si tratta dell'immaginario pittorico di Marco Petrus – maestro di Ieva e non così distante anche da Agnello – con le sue inquadrature dal [...]

Resto dell'articolo con belle foto: http://www.domusweb.it/it/photo-essays/umberto-agnello-cemento-/
 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #3 ·

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,829 Posts
Su Playboy Italia di maggio c'è Aida Yespica :banana:

Questa sì che è una architettura degna di nota!!

 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #5 ·
Pavlvs said:
Su Playboy Italia di maggio c'è Aida Yespica :banana:

Questa sì che è una architettura degna di nota!!
Yawn :(
 

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Altre riviste interessanti, ma che per ora mi sono limitato solo a sfogliare sono DOMUS e thePLAN
Di Domus e Abitare ho una trentina di annate a casa. Si tratta di riviste eccezionali. ThePlan non la conosco.
 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #7 ·
Imho, The Plan è fantastica!

Guarda il sito.
 

·
suburban bishop
Joined
·
7,829 Posts


:cheers:
 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #10 ·
lezgotolondon said:
cumino mi consigli quel numero di wired o é pieno di cavolate?
Appena lo compro o lo sfoglio a sgamo all'Esselunga ti dico :D
 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Discussion Starter · #11 ·
Mr_Beat said:
:cheers: X2

L'estate scorsa lessi un articolo sulle scie chimiche, una presa per il culo dopo l'altra ai complottasti.
 

·
suburban bishop
Joined
·
7,829 Posts
Per 3 anni l'ho comprata :)
Mio padre credo le abbia tutte dalla prima uscita nel 1969, ha iniziato a comprarla che aveva si e no 20 anni; l'altro giorno ero a casa dei miei, me ne è capitata per caso una e in quarta di copertina c'era la pubblicità della Fiat 132 :eek:

Mi leggo sempre gli articoli di fisica e medicina/biologia - gli altri un'occhiata - i vari trafiletti su curiosità e nuove tecnologie e a volte il quiz di matematica nelle ultime pagine (ma spesso mi stufo prima di arrivare in fondo :colgate:)
 

·
Vivere SS 729
Joined
·
5,036 Posts
Consiglio a tutti questa rivista di architettura, molto tecnica e competente




MODULO

Per il progettista architettonico: tendenze, innovazioni, prodotti e sistemi interpretati in chiave tecnologica. Architettura costruita e progetto, componenti e sistemi, prodotti e normative: quello che rende Modulo unica è la lettura critica e sempre in chiave di innovazione e tecnologia dei grandi temi trasversali all’architettura: l’involucro complesso, la sostenibilità, l’efficienza energetica, l’integrazione con gli impianti, le fonti rinnovabili... Fuori dai luoghi comuni e dall’ovvio, “dentro” i progetti, il filtro della Tecnologia si applica a tutti gli aspetti della progettazione, alle realizzazioni, alla cultura tecnica, all’attualità normativa, alle componenti, ai sistemi, ai prodotti: con molta attenzione agli aspetti divulgativi e di immediata comprensione: sintesi, schemi, momenti di approfondimento.
Nel corso degli anni Modulo ha intervistato tutte le più grandi personalità dello star system: da Libeskind, a Fuksas, da Alsop a Nouvel... conversazioni e rassegne di opere che danno la misura della grande architettura e dello sforzo tecnologico, anche questa una chiave di lettura propria e unica di Modulo. Grande attenzione viene dedicata all’“architettura quotidiana” e alla conoscenza degli strumenti innovativi delle componenti e dei sistemi che consentono di raggiungere una buona qualità progettuale ed esecutiva.
 

·
ricercatore pampers
Joined
·
2,323 Posts

·
Registered
Joined
·
9,333 Posts
MUSEUM GENIUS LOCI?

Ecco perche' ultimamente e' molto meno attivo.

:applause: GL (ma perche' a Craveggia? e sopratutto, dov'e'?)
 

·
Idee Fuse e Confuse User
Joined
·
11,778 Posts
Craveggia è un piccolo comune della Val Vigezzo, valle spesso colonizzata da Bustocchi per la villeggiatura estiva → http://goo.gl/maps/jnbSv

Per il resto credevo che il toopic fosse stato alzato per il fatto degli incontri in edicola di Gruber.
 
1 - 20 of 24 Posts
Top