SkyscraperCity Forum banner
61 - 80 of 147 Posts

·
Q.re Lorenteggio
Joined
·
9,823 Posts
Toh, questa è un immagine che ho trovato del parco (ce ne sono poche, alcune postate: l'apparenza non era solo dal "volumetrico" che sembra Trenno, questa è una copia sputata e hanno chiamato e pagato pure un paesaggistico a copiare il Trenno? Beati loro...

 

·
Registered
Joined
·
6,946 Posts
Discussion Starter · #62 ·






C'era anche il video dove si vedeva benissimo la qualità del parco...
A me pare proprio evidente il netto miglioramento invece. Le torri sono quello che sono, le residenze in cerchio erano veramente brutte e senza logica, sullo stesso stile di quelle in Porta Volta ma pure più alte.
La disposizione rimane la stessa praticamente, come detto, ma con il vantaggio, e qui si vede la mano di Cucinella, di essere estremamente più leggere, belle, moderne e di creare un bel boulevard fra le stesse. Uno spazio pubblico potenzialmente estremamente interessante, con le varie differenze di quota.
Il parco sembra un campo perchè l'intento è quello di ricordare la campagna lombarda. Di conseguenza per questioni di stile anche la rappresentazione grafica ha optato per ricalcare la cosa. Ma sarà semplicemente un parco dove si alterneranno zone più boschive ad altre più a prato. Basta vedere gli altri rendering!
 

·
Q.re Lorenteggio
Joined
·
9,823 Posts
A me pare proprio evidente il netto miglioramento invece. Le torri sono quello che sono, le residenze in cerchio erano veramente brutte e senza logica, sullo stesso stile di quelle in Porta Volta ma pure più alte.
La disposizione rimane la stessa praticamente, come detto, ma con il vantaggio, e qui si vede la mano di Cucinella, di essere estremamente più leggere, belle, moderne e di creare un bel boulevard fra le stesse. Uno spazio pubblico potenzialmente estremamente interessante, con le varie differenze di quota.
Il parco sembra un campo perchè l'intento è quello di ricordare la campagna lombarda. Di conseguenza per questioni di stile anche la rappresentazione grafica ha optato per ricalcare la cosa. Ma sarà semplicemente un parco dove si alterneranno zone più boschive ad altre più a prato. Basta vedere gli altri rendering!
Ma sull'estetica delle residenze, non ho nulla da dire, sul fatto che sono ripetitive e altro, un pochino... ma PER ME (e non solo, poi vedremo domani quando le farò vedere ad altri che stavano comprando, quindi INTERESSATI anche dal punto economico e di vita) il parco è peggiorato e non molto: da un parco più urbano e diverso dagli altri, con anche laghetto, c'è una copia sputata del Trenno e della campagna, e per fare quello, bisognava pagare un paesaggista? Almeno al Portello il paesaggista ha fatto qualcosa DI NUOVO, non una COPIA... e non mi si dica che non è identico...
 

·
Registered
Joined
·
12,842 Posts
Ma nel parco di Trenno i boschetti sono irregolari e distribuiti nel parco proprio come la prima versione, nella seconda versione sono squadrati e confinati ai margini del parco e lungo lo scolmatore. I vialetti fiancheggiati da filari di pioppi non sono una prerogativa di Trenno, ci sono anche al parco Nord, ad esempio. La somiglianza è la divisione del parco da parte dei vialetti in aree quadrangolari. Comunque nessuno dei due brilla per originalità. Questa storia di imitare a tutti i costi la campagna lombarda o riprenderne per forza degli elementi è ormai trita e ritrita.
 

·
Registered
Joined
·
9,815 Posts
A me non piaceva prima e nemmeno adesso.

Comunque per quanto mi riguarda i parchi son tutti uguali.
 

·
CantUser
Joined
·
2,341 Posts
Il disegno del parco mi sembre davvero banale così come gli edifici. Ma la cosa che odio di più è la loro disposizione. Non riesco a capirne il senso.
Comunque difficile farsi un'idea precisa con il poco materiale a disposizione
 

·
CantUser
Joined
·
2,341 Posts
Questa sarebbe la mia idea per la zona.
Avrei sfruttato il corso d'acqua creando un lago urbano con una zona pedonale, disponendo gli edifici lungo la riva del lago con un mix di residenziale e commerciale. In questo modo il parco deve essere attraversato per raggiungere abitazioni e negozi e rimarrebbe vivo. In giallo gli edifici con i servizi tipo asilo, centro sportivo ecc. I bianco le zone pedonali più una via carrabile per raggiungere i box e per il carico e scarico dei negozi.

 

·
suburban bishop
Joined
·
8,202 Posts
Troppo verde come al solito, in una zona dove di certo non manca. :eek:hno:
 
  • Like
Reactions: meteoforumitalia

·
Registered
Joined
·
5,493 Posts
L'acqua dello scolmatore è l'acqua dell'Olona, che puzza e fa schifo, quindi (purtroppo) meglio tenersi lontano.
Un lago riempito con quell'acqua poi sarebbe proprio da evitare.
 

·
CantUser
Joined
·
2,341 Posts
So che l'acqua dell'olona non è pulita, ma visto il lago nel precedente masterplan, ipotizzo un qualche metodo per depurare l'acqua, altrimenti come sarebbe stato realizzato?
 

·
AstroMilanese
Joined
·
4,177 Posts
Io abitando a tre passi da lì e essendoci passato diverso volte, concordo totalmente con dreamjay, non metto bocca sulla disposizione e qualità architettonica del costruito delle due opzioni, ma sulla disposizione e soprattutto acceessibilità del verde, nel primo progetto traspariva l'intenzione di utilizzare lo scolmatore come punto di accesso e passaggio all'area (laghetto a parte), lay-out completamente scomparso in questo progetto, ergo è diventata una zona interclusa ad uso pressocché esclusivo (perché sbattersi ad entrare in un'area verde di difficile accessibilità quando lì verde alternativo non manca?) dei palazzi del nuovo progetto (molto simile al vicino quartire valsesia) e fattivamente utilizzabile sono nella parte ad est dello scolmatore (quella ad ovest come già detto sarà di fatto abbandonata, essendo quasi irranggiungibile).

In breve trovo che abbiano adottato lo schema distributivo (che io odio profondamente) di quartiere valsesia, un'area verde di fatto accessibile solo dai "varchi" presenti sui lati edificati (via bisceglie e calchi-taeggi), che lo renderà quasi totalmente ad uso dei residenti che vi si affacciano, praticamente (secondo me) fatto a posta per "tenere alla larga" i residenti in zona (come in valsesia) , nel progetto precedente c'era l'idea intelligente di valorizzare il "triangolo" ad ovest del canale tramite il laghetto, in questo invece lasciato nell'anonimato piu totale.

Per finire il progetto precedente dava un occhio lungimirante (tramite l'apertura a nord e sud dello scolmatore) al futuro collegamento e riqualificazione del canale per fungere da trait d'union con i grandi parchi cittadini ad ovest (come da previsioni della via d'acqua sud dei tempi di expo), mentre in questo è tutto chiuso a nord da una fascia "boschiva" e a sud riducendo gli spazi al lumicino.



Ps.: io abito sopra lo scolmatore, relativamente agli odori è ormai dal 2005 che non si sentono piu effluvi "disturbanti", l'acqua dell'olona è ancora inquinata, ma in base ai rilievi di ARPA Lombardia, le cose mogliorano di anno in anno, inoltre lo scolmatore è ormai da anni che non riceve piu le acque del Seveso (ancora uno dei piu inquinati), quindi (selezionando opportunamente le acque che vi confluiscono) riqualificare lo scolmatore facendolo diventare un canale paesaggisticamente "serio" è possibile.
 

·
Registered
MILANO -ITA-
Joined
·
14,179 Posts
per quanto riguarda l'architettura, il nuovo progetto è un mega miglioramento. il vecchio progetto, da quel punto di vista, era terribile. i casermoni in cerchio poi, provengono direttamente dalla ideologia sovietica.

concordo su chi dice che di verde comunque la zona ne ha già molto, e si poteva urbanizzare di più, e meglio.

per quanto riguarda il parco, il nuovo progetto mi fa schifo. quello non è un parco, ma una duplicazione in miniatura di quelle che sono le campagne del parco sud, che paesaggisticamente fanno ca*are: lotti di terra arati e coltivati, strisce di alberi divisorie tra un lotto e l'altro. bella merda. non c'è niente di più artificiale di tutto questo. volevano ispirarsi alla campagna lombarda? beh, hanno fatto l'ennesima scelta sbagliata. un parco è un'altra cosa. chiedere all'estero per informazioni a riguardo.
 

·
Q.re Lorenteggio
Joined
·
9,823 Posts
Ma nel parco di Trenno i boschetti sono irregolari e distribuiti nel parco proprio come la prima versione, nella seconda versione sono squadrati e confinati ai margini del parco e lungo lo scolmatore. I vialetti fiancheggiati da filari di pioppi non sono una prerogativa di Trenno, ci sono anche al parco Nord, ad esempio. La somiglianza è la divisione del parco da parte dei vialetti in aree quadrangolari. Comunque nessuno dei due brilla per originalità. Questa storia di imitare a tutti i costi la campagna lombarda o riprenderne per forza degli elementi è ormai trita e ritrita.
Quando ho scritto che è una copia del Trenno, non intendevo al 100% che sarebbe uno scandalo (ossia come l'hai scritto tu), ma che gli appezzamenti e il modo di farli sono IDENTICI: il render sotto, posso andare a Trenno appena possibile e farti una foto IDENTICA: è uguale... spiaccicato... persino il tipo di alberi!!!! sul resto hanno detto anche altri...


Vorrei solo fare un'aggiunta sullo scolmatore: quando si parlava di via d'acqua sud, ed era utilizzato quello, andava bene e ora no?
seconda cosa: perché "puzza" è sporco, bisogna allora non riqualificare o addirittura coprirlo? Ma hanno fatto la stessa cosa anni e anni fa con i Navigli e ... ora li si rivuole aprire!!! Non è che la cosa giusta è che VENGANO RIQUALIFICATI e non fatti puzzare e valorizzare? Il laghetto dubito che usasse la stessa acqua: sarà stata da cava/risorgiva, visto che pure in zona ce ne sono... ma guai fare qualcosa di bello... almeno abbiamo il Parco delle Cave così....

Cambiando in parte argomento, ho avuto modo di far vedere il nuovo progetto a chi era già interessato a comprare casa là col vecchio progetto: il primo era schifato anche lui e prima vuole vedere i dettagli, non è più interessato.
Il secondo del parco non gli frega una cippa, le case gli piacciono di più, ma se deve giudicare il parco, gli piaceva nettamente più prima, specie alla moglie che invece c'è rimasta MOLTO male...
 

·
Registered
Joined
·
5,493 Posts
Vorrei solo fare un'aggiunta sullo scolmatore: quando si parlava di via d'acqua sud, ed era utilizzato quello, andava bene e ora no?
seconda cosa: perché "puzza" è sporco, bisogna allora non riqualificare o addirittura coprirlo? Ma hanno fatto la stessa cosa anni e anni fa con i Navigli e ... ora li si rivuole aprire!!! Non è che la cosa giusta è che VENGANO RIQUALIFICATI e non fatti puzzare e valorizzare? Il laghetto dubito che usasse la stessa acqua: sarà stata da cava/risorgiva, visto che pure in zona ce ne sono... ma guai fare qualcosa di bello... almeno abbiamo il Parco delle Cave così....
Wait, la via d'acqua Sud dello scolmatore utilizza a solo il tracciato, ma l'acqua l'avrebbe presa dal sito Expo (o dal Villoresi, non ricordo).
Avevano progettato di coprire con una soletta l'attuale alveo creandone uno nuovo appena sopra.

Detto questo, sono d'accordo con te che andrebbe riqualificato, a prescindere da MiWest tra l'altro, ma riqualificare lo scolmatore significa riqualificare qualche decina di km di fiume Olona, con tempi (e costi) indipendenti da Mi West.
 

·
AstroMilanese
Joined
·
4,177 Posts
^^ Il progetto di riqualificazione dello scolmatore partiva proprio dal fatto di prendere l'acqua dal villoresi (passando per expo).
Attualmente dal villoresi vengono prelevati (se ricordo bene) 2 m³/s i quali alimentano la via d'acqua nord ed il sito expo, poi vengono buttati nell'olona (se non sbaglio dalle parti di molino dorino), visto che quest'acqua viene pagata al consorzio villoresi per essere buttata via, basterebbe fare una derivazione (vedano loro se in superficie o tombinata) che segua il raccordo tra lo svincolo "figino" e l'innesto di via sempione fino ad intercettare la derivazione esistente che scarica nell'olona e connetterlo allo scolmatore dalle parti del depuratore (vicino al deposito atm del gallaratese), tutte aree "di risulta" non urbanizzate (pochi disagi per la cittadinanza), a partire dalla porzione sud di via novara si potrebbero mettere delle pompe per tirar su l'acqua di falda (piu a sud si và piu diventa superficiale) così da implementare la portata del canale (o se vogliono, chiedere piu m³ al consorzio villoresi).
Se si vogliono spendere pochi soldi, la derivazione si potrebbe fare "in tubo", riqualificare solo le parti non tombinate dello scolmatore (e ovviamente "ristrutturare" alla bisogna quelle tombinate), anche se spererei una stombinatura ove possibile.
 

·
Nerd Immunity
Master Of The Universe
Joined
·
19,792 Posts
per quanto riguarda il parco, il nuovo progetto mi fa schifo. quello non è un parco, ma una duplicazione in miniatura di quelle che sono le campagne del parco sud, che paesaggisticamente fanno ca*are: lotti di terra arati e coltivati, strisce di alberi divisorie tra un lotto e l'altro. bella merda. non c'è niente di più artificiale di tutto questo. volevano ispirarsi alla campagna lombarda? beh, hanno fatto l'ennesima scelta sbagliata. un parco è un'altra cosa. chiedere all'estero per informazioni a riguardo.
E' quello che hanno fatto, il progetto è di Michel Desvignes, uno dei più importanti paesaggisti francesi ed europei.

È di Mario Cucinella e Michel Desvigne il progetto di rigenerazione “mixed-use” nella periferia est di Milano

Residenze, uffici, una piazza commerciale, funzioni pubbliche e un parco urbano di 200mila metri quadri con aree verdi attrezzate. È questo il mix di funzioni che andrà a rigenerare un brano urbano della periferia est di Milano. Il progetto, il cui masterplan è firmato dallo studio Mario Cucinella Architects, con la collaborazione del celebre paesaggista francese Michel Desvigne, a cui è stato affidato il disegno del parco, è stato presentato il 3 maggio a Palazzo Marino.

Il progetto prende il nome di SeiMilano (seimilano.com) e sarà sviluppato da Borio Mangiarotti, azienda storica operante nel settore immobiliare, in partnership con il fondo americano Värde, con cui la società ha siglato un accordo di joint venture che prevede un investimento di oltre 250 milioni di euro. Partner dell’iniziativa per una piccola quota di volumetrie pari al 6,5% circa del totale è la cooperativa Solidarnosc.

Il nuovo brano urbano si estenderà per 300mila metri quadri tra via Calchi Taeggi e via Bisceglie. L’area non è lontana dal quartiere direzionale di Lorenteggio, dal Parco delle Cave (il terzo della città per ampiezza) e dall’ex scalo ferroviario San Cristoforo, dove, secondo l’accordo di programma per la rigenerazione degli ex scali milanesi, dovrà sorgere un’area naturalistica di 140mila metri quadri.



Il primo passo consisterà nella bonifica dell’area, dopodiché si darà avvio alle prime fasi di costruzione del progetto che prevede oltre 1.000 residenze suddivise al 50 % in residenza libera e convenzionata, 26mila metri quadrati di uffici e 8mila metri quadrati di funzioni commerciali, per uno sviluppo di oltre 123mila metri quadri di superficie lorda di pavimento.

Il parco con rogge, frutteti e orti
L’obiettivo del masterplan è quello di creare una città giardino e in questa ottica il parco ha un ruolo da protagonista, insieme al rapporto tra spazi aperti e costruiti. In particolare, il parco sarà caratterizzato da un’alternanza di superfici boschive, filari alberati, frutteti, prati, orti e rogge.

«Il progetto SeiMilano propone il tema della “città-giardino”, perseguendo un modello di sviluppo urbanistico caratterizzato da una ritrovata simbiosi tra architettura e paesaggio. L’idea alla base dell’intervento – ha dichiarato Mario Cucinella – è quella di creare un parco abitato aperto alla città sfruttando alcune caratteristiche logistiche, quali la prossimità alla stazione della Metropolitana Bisceglie e l’estensione dell’area che consente la creazione di un grande parco quale nuova infrastruttura verde per lo sport e il tempo libero a servizio della collettività. Il disegno del masterplan di SeiMilano nasce dalla relazione tra il progetto del nuovo parco e la struttura degli edifici, ovvero da una frammentazione dello spazio costruito per favorire la permeabilità tra parco, residenze, spazi pubblici e privati e il resto della città».

Il parco sarà integrato ad una catena di parchi. «La relazione tra città e campagna è l’archetipo dell’intero progetto che si ispira alla rete agricola della Pianura Padana», ha sottolineato Michel Desvigne, già impegnato in Italia con il progetto del nuovo parco urbano di Prato che lo ha visto lavorare in team con Tommaso Principi e Paolo Brescia, fondatori di OBR Open Building Research.

«Se da un lato questo progetto rafforzerà il sistema di parchi e connessioni verdi nell’area sud-ovest della città, andando a collegare il nuovo parco a quelli delle Cave, dei Fontanili e delle Crocerossine, dall’altro porterà nuovi servizi in un’area che da anni attende di essere rigenerata», ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura, Pierfrancesco Maran.

di Mariagrazia Barletta

http://www.stationfinder.it/2018/05...ione-mixed-use-nella-periferia-est-di-milano/
 
61 - 80 of 147 Posts
This is an older thread, you may not receive a response, and could be reviving an old thread. Please consider creating a new thread.
Top