Skyscraper City Forum banner
1421 - 1440 of 1450 Posts

·
Registered
Joined
·
1,479 Posts
Opps ora che vedo il percorso mi sorge una perplessita': se vogliamo unire le collezioni, io lo farei per davvero, scorporando la parte dell'800 dell'Ambrosiana e unendola alle sezioni coeve di Brera e della GAM. Allo stesso modo quelle rinascimentali e cosi' via...
 

·
Registered
Joined
·
6,835 Posts
^^ hahaa! Grande Namba so che posso sempre contare su di te quando gioco a Sim City coi musei! Neh che è troppo divertente? ;)

Sisi, infatti il mio ragionamento nel mettere la collezione ambrosiana nel percorso tra il circolo ufficiali e palazzo clerici è proprio questo, il percorso dell'ambrosiana si conclude proprio con la parte ottocentesca, con i vari hayez, appiani, mosè bianchi, longoni, induno ecc e poi cammini bello pacioso nel giardinetto fino a entrare dal retro in palazzo Clerici dove trovi radunate le collezioni ottocentesche di Brera e di Villa Reale radunate in un unica, bella sede gentilizia (oggi il palazzo è occupato dal comando dell'esercito, il salone viene usato una volta l'anno per il ballo delle debuttanti credo...)
Insomma, manterresti il percorso cronologico, se vuoi. Poi c'è il fatto che comunque per spostarsi tra una sede e l'altra passi da dei giardini, una cosa abbastanza originale per un museo, tiri anche un po' il fiato, puoi sederti all'aria aperta, magari circondato da essenze naturali e da sculture...

Ti rispondo anche per le altre domande, la Biblioteca Ambrosiana è il motore pulsante del palazzo, e Brera ne è stata per così dire l'evoluzione laica naturale, per cui c'è un forte legame identitario tra le due collezioni. Oggi la pinacoteca è un po' sacrificata, secondo me come sede è poco adatta, non ti permette di goderla appieno. La biblioteca è davvero straordinaria, secondo me diventerebbe una sorta di Museo del Libro, spartiti musicali, oggetti d'arte, è una cosa goduriosissima, per farti un parallelo sarebbe una sorta di Pierpont Morgan Library di NY alla milanese...il Codice Atlantico e i suoi 1120 fogli potrebbero permettere una stupenda mostra tematica divisa per argomenti, e di sicuro potrebbero starci una buona fetta dei fogli negli spazi liberati dalla pinacoteca...
Per il resto, i libri antichi che ci sono dentro, i codici miniati, i libri illuminati, i documenti in arabo, le pergamene e i documenti extraeuropee...davvero sarebbe un luogo magico! Ho avuto una volta la fortuna di accompagnare un amico a visionare uno spartito antico e sono rimasto rapito dalla bellezza del luogo, oggi preclusa a tutti i non studiosi ahimè (non che io lo fossi, ma ne accompagnavo uno ehehe)

Per il riutilizzo della Villa Reale, beh, è uno straordinario monumento di un'epoca straordinaria e felice per Milano, il Neoclassicismo, per cui non vedo male la nascita di una sorta di museo delle arti decorative neoclassiche, con arredamenti, quadri, disegni, documenti, costumi e quant'altro che ricostruiscano quell'epoca, una sorta di "Museo Napoleonico" come ce n'è già uno a Roma, per intenderci...restituirebbe agli ambienti della Villa la ricchezza decorativa che si è persa nelle funzioni museali...poi non è neppure così difficile da riempire, si tratta di circa 3000 metri quadrati se non ho calcolato male da google maps area calculator, metti un museo, spazio esposizioni temporanee, libreria e ristorante e di più non ci sta, e se sposti tutto a palazzo Clerici fai solo un favore alla godibilità delle collezioni! :)

p.s.: Grazie Jas per avere corretto l'errore nel caricamento dell'immagine. Top! :)
 

·
Registered
Joined
·
1,479 Posts
^^ hahaa! Grande Namba so che posso sempre contare su di te quando gioco a Sim City coi musei! Neh che è troppo divertente? ;)
Ahahah si', anche se il tuo percorso nei palazzi storici di Brera mi ha preso cosi' tanto che in sonno la scorsa notte farneticavo di Museumquartier e Museuminsel :lol:

Sisi, infatti il mio ragionamento nel mettere la collezione ambrosiana nel percorso tra il circolo ufficiali e palazzo clerici è proprio questo, il percorso dell'ambrosiana si conclude proprio con la parte ottocentesca, con i vari hayez, appiani, mosè bianchi, longoni, induno ecc e poi cammini bello pacioso nel giardinetto fino a entrare dal retro in palazzo Clerici dove trovi radunate le collezioni ottocentesche di Brera e di Villa Reale radunate in un unica, bella sede gentilizia (oggi il palazzo è occupato dal comando dell'esercito, il salone viene usato una volta l'anno per il ballo delle debuttanti credo...)
Lo visito di solito durante il Fuori Salone. Molto bello in effetti!

Ti rispondo anche per le altre domande, la Biblioteca Ambrosiana è il motore pulsante del palazzo, e Brera ne è stata per così dire l'evoluzione laica naturale, per cui c'è un forte legame identitario tra le due collezioni. Oggi la pinacoteca è un po' sacrificata, secondo me come sede è poco adatta, non ti permette di goderla appieno. La biblioteca è davvero straordinaria, secondo me diventerebbe una sorta di Museo del Libro, spartiti musicali, oggetti d'arte, è una cosa goduriosissima, per farti un parallelo sarebbe una sorta di Pierpont Morgan Library di NY alla milanese...
hmmmm se l'e' giocata con la Frick Collection, e alla fine ho scelto il magnate dell'acciaio (collezione meravigliosa tra l'altro). Avevo poco tempo, dopo i vari Guggenheim, MOMA, Whitney e Metropolitan. Avrei dovuto saltare il Natural History, di cui in effetti mi interessava poco o niente!!! :bash:

il Codice Atlantico e i suoi 1120 fogli potrebbero permettere una stupenda mostra tematica divisa per argomenti, e di sicuro potrebbero starci una buona fetta dei fogli negli spazi liberati dalla pinacoteca...
Per il resto, i libri antichi che ci sono dentro, i codici miniati, i libri illuminati, i documenti in arabo, le pergamene e i documenti extraeuropee...davvero sarebbe un luogo magico! Ho avuto una volta la fortuna di accompagnare un amico a visionare uno spartito antico e sono rimasto rapito dalla bellezza del luogo, oggi preclusa a tutti i non studiosi ahimè (non che io lo fossi, ma ne accompagnavo uno ehehe)
che invidia!!!
 
  • Like
Reactions: tommolo

·
Registered
Joined
·
5 Posts
sono d'accordo.
I rami dell'olona in vista non sono proposte di riapertura, ma purtroppo fanno parte della cartografia di base (osm).
Proverò a vedere se riesco a "mascherarli" per evitare equivoci....
Grazie, MT.
 

·
Registered
Joined
·
6,835 Posts
Esasperante esperienza con l'Ultima Cena.
Ho portato degli amici a visitarla, non è molto bello che l'esposizione comprenda solo UNA stanza, quella dell'affresco e del Montorfano...non so, potrebbero mettere prima e dopo alcune testimonianze, narrazione, presentare l'opera, com'è fatta, le particolarità, la tecnica, perchè è importante, un filmato...il restauro ecc ecc...

Altra cosa: perchè non si fanno biglietti low cost? Oggi solo 400 mila persone l'anno possono vederla, e tra tutto il biglietto costa sulle 20 euro, un po' troppino...per 15 minuti va bene (magari con audio guida multimediale), ma se uno volesse perchè non può vedersela per, che ne so, 5 minuti per 5 euro? Secondo me così diventerebbe molto popolare...aggiungendo il biglietto low cost da 5 minuti si potrebbe triplicare il numero dei visitanti, magari separando su due livelli con una pedana i 30 visitanti da 15 minuti e i 30 visitanti da 5 minuti potremmo raggiungere, facendo due calcoli, circa i 2 milioni di visitanti l'anno, con orari comodi.

ultima cosa, credo che ormai sia possibile fare foto, ovviamente senza flash, ma i custodi non dicevano niente a chi fotografava...
 

·
Registered
Joined
·
5,442 Posts
Che ne pensate?

come la vedreste una linea tramviaria con questo percorso?

La linea:

- intersecherebbe M2 a Crescenzago
- intersecherebbe Tram 7 al qre Adriano se mai verrà prolungato fino a Gobba
- servirebbe il quartiere della cascina Gatti, attualmente relativamente scollegato
- andrebbe a servire il futuro quartiere ExFalck, il quartiere di Caltagirone e il CC Vulcano
- potrebbe servire un'eventuale nuova fermata FS a Bettola
- intersecherebbe M1 ed M5 a Bettola servendo anche il CC e i parcheggi di interscambio
- servirebbe San Fruttuoso, la via Cavallotti e la zona del Duomo
- infine la villa Reale ed il San Gerardo
 

·
Registered
Joined
·
6,835 Posts
Dato che si fa un gran parlare della auspicata chiusura del centralissimo carcere di San Vittore, posto qui la mia proposta per inserire la pregevole struttura architettonica storica all'interno di un opportuno ampliamento del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di San Vittore. Nel convento degli olivetani va benissimo mantenere la parte leonardesca delle macchine, di storia della scienza con studi, teatri anatomici, galileo, osservatori astronomici ecc ecc dalla filosofia greca alla rivoluzione industriale.
Il mondo dei trasporti su strada e poi su ferro del sette-ottocento possono poi essere ospitati nei padiglioni che danno su via Olona, opportunamente ampliati e riqualificati con grande valore architettonico, oggi sembrano quasi dei capannoni industriali (anche se mi pare qualcuno dei padiglioni abbia pure una discreta paternità architettonica, ma tant'è), sull'immagine allegata, trovate questa parte su via Olona sulla destra.



Poi bisognerebbe collegare la parte storica del monastero degli Olivetani con il Commissariato di Porta Genova, al centro della foto. Ovviamente il commissariato andrebbe spostato. Magari -dato che ormai il nuovo carcere sarebbe in tutt'altra zona- si potrebbe avvicinare il commissariato di Porta Genova proprio al quartiere di Porta Genova, ma magari questa è una posizione troppo estremista, ne sono conscio.

Poi si potrebbe collegare il commissariato di porta genova alla struttura ex carceraria di San Vittore (nell'immagine sulla sinistra), mantenendo le strutture di pregio architettonico, come l'affaccio su via degli Olivetani e il complesso retrostante e la stella a sei bracci e le torrette angolari, demolendo tutto il resto e organizzando delle strutture leggere di vetro che possano permettere una serie di ampli spazi aperti e senza barriere dove organizzare le esposizioni della tecnologia del XX secolo navale, ferroviaria, su strada e aerospazio. Nella raggiera centrale, le diverse discipline scientifiche odierne, con tanto di cinema IMAX 3D, ristoranti, biblioteche, spazio mostre ed esibizioni, aree studio e laboratori.

Leggo che ad oggi il museo della Scienza e della Tecnica avrebbe già circa 42 mila metri quadri, ovviamente comprendendo anche gli ampli spazi aperti dove sono esposti aerei, sottomarini, ed i padiglioni ferroviari e aeronavali.

Con una struttura così come espresso nella mia proposta, che interviene quasi urbanisticamente in un intero quartiere e non solo in una chiusa struttura museale,
si otterrebbe almeno un raddoppio delle aree espositive.

E un gran bel #Ciaone al Deutsches museum di Monaco e al National Air and Space museum di Washington :)

(chiedo umilmente scusa ai grafici di questo forum ma sono davvero un cane con la grafica, ho usato addirittura Paint ahaha! Prendete l'immagine solo come una indicazione di massima...)
 

·
Registered
Joined
·
1,001 Posts
..............
Poi bisognerebbe collegare la parte storica del monastero degli Olivetani con il Commissariato di Porta Genova, al centro della foto. Ovviamente il commissariato andrebbe spostato. Magari -dato che ormai il nuovo carcere sarebbe in tutt'altra zona- si potrebbe avvicinare il commissariato di Porta Genova proprio al quartiere di Porta Genova, ma magari questa è una posizione troppo estremista, ne sono conscio.

.........
:nuts:
Bella proposta, forse troppo bella per essere realizzata.

Riguardo al Commissariato di Porta Genova il suo posto ideale sarebbe la Stazione di Porta Genova che prima o poi sarà dismessa.

Pensa che bello: il Commissariato di Porta Genova finalmente a Porta Genova !
(e farebbe da freno a possibili e probabili problemi che potrebbero sorgere nel programmato parco lineare che dovrebbe sorgere al posto dei binari).
 

·
Milano
Joined
·
6,736 Posts
Dato che si fa un gran parlare della auspicata chiusura del centralissimo carcere di San Vittore, posto qui la mia proposta per inserire la pregevole struttura architettonica storica all'interno di un opportuno ampliamento del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di San Vittore. Nel convento degli olivetani va benissimo mantenere la parte leonardesca delle macchine, di storia della scienza con studi, teatri anatomici, galileo, osservatori astronomici ecc ecc dalla filosofia greca alla rivoluzione industriale.
Il mondo dei trasporti su strada e poi su ferro del sette-ottocento possono poi essere ospitati nei padiglioni che danno su via Olona, opportunamente ampliati e riqualificati con grande valore architettonico, oggi sembrano quasi dei capannoni industriali (anche se mi pare qualcuno dei padiglioni abbia pure una discreta paternità architettonica, ma tant'è), sull'immagine allegata, trovate questa parte su via Olona sulla destra.



Poi bisognerebbe collegare la parte storica del monastero degli Olivetani con il Commissariato di Porta Genova, al centro della foto. Ovviamente il commissariato andrebbe spostato. Magari -dato che ormai il nuovo carcere sarebbe in tutt'altra zona- si potrebbe avvicinare il commissariato di Porta Genova proprio al quartiere di Porta Genova, ma magari questa è una posizione troppo estremista, ne sono conscio.

Poi si potrebbe collegare il commissariato di porta genova alla struttura ex carceraria di San Vittore (nell'immagine sulla sinistra), mantenendo le strutture di pregio architettonico, come l'affaccio su via degli Olivetani e il complesso retrostante e la stella a sei bracci e le torrette angolari, demolendo tutto il resto e organizzando delle strutture leggere di vetro che possano permettere una serie di ampli spazi aperti e senza barriere dove organizzare le esposizioni della tecnologia del XX secolo navale, ferroviaria, su strada e aerospazio. Nella raggiera centrale, le diverse discipline scientifiche odierne, con tanto di cinema IMAX 3D, ristoranti, biblioteche, spazio mostre ed esibizioni, aree studio e laboratori.

Leggo che ad oggi il museo della Scienza e della Tecnica avrebbe già circa 42 mila metri quadri, ovviamente comprendendo anche gli ampli spazi aperti dove sono esposti aerei, sottomarini, ed i padiglioni ferroviari e aeronavali.

Con una struttura così come espresso nella mia proposta, che interviene quasi urbanisticamente in un intero quartiere e non solo in una chiusa struttura museale,
si otterrebbe almeno un raddoppio delle aree espositive.

E un gran bel #Ciaone al Deutsches museum di Monaco e al National Air and Space museum di Washington :)

(chiedo umilmente scusa ai grafici di questo forum ma sono davvero un cane con la grafica, ho usato addirittura Paint ahaha! Prendete l'immagine solo come una indicazione di massima...)
Idea suggestiva...ma i musei vanno anche riempiti e temo che non abbiamo materiale sufficiente per un museo di tali dimensioni.
Forse si potrebbe pensare ad aule del Politecnico, un liceo scientifico da ospitare in alcuni spazi o cose del genere...
 

·
User
Joined
·
11,213 Posts
combinando opportunamente i vari spazi disponibili, lasciando una parte del carcere a museo carcerario, recuperando spazi ampi per attività commerciali che permettano di ripagare almeno in parte i grossi investimenti, secondo me l'opportunità di fare qualcosa di buono c'è.
 

·
Registered
Joined
·
6,835 Posts
Non credo che i vincoli riguardino anche le celle, di solito il vincolo è riferito solo alla parte ornata ed esterna...però non so eh...
Dentro si può tenere solo la parte centrale, mentre l'interno dei bracci si ripensa totalmente...
 

·
IN VINO VERITAS
Joined
·
3,552 Posts
Io opterei per una riqualificazione della stella che mantenga la vecchia struttura, ma la reinterpreti (tipo Tate, insomma), naturalmente abbattendo i muri perimetrali esterni e conservando solo le torrette come ricordo di ciò che fu, per ospitare la Grande Brera e crearvi attorno e negli spazi non occupati dal museo una zona leisure con contenuti (museo delle cere, un vero acquario, biblioteca multimedia, cinema, teatro, children park etc) un po' tipo South Bank a Londra.
 

·
Registered
Joined
·
195 Posts
Dato che si fa un gran parlare della auspicata chiusura del centralissimo carcere di San Vittore, posto qui la mia proposta per inserire la pregevole struttura architettonica storica all'interno di un opportuno ampliamento del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di San Vittore. Nel convento degli olivetani va benissimo mantenere la parte leonardesca delle macchine, di storia della scienza con studi, teatri anatomici, galileo, osservatori astronomici ecc ecc dalla filosofia greca alla rivoluzione industriale.
Il mondo dei trasporti su strada e poi su ferro del sette-ottocento possono poi essere ospitati nei padiglioni che danno su via Olona, opportunamente ampliati e riqualificati con grande valore architettonico, oggi sembrano quasi dei capannoni industriali (anche se mi pare qualcuno dei padiglioni abbia pure una discreta paternità architettonica, ma tant'è), sull'immagine allegata, trovate questa parte su via Olona sulla destra.



Poi bisognerebbe collegare la parte storica del monastero degli Olivetani con il Commissariato di Porta Genova, al centro della foto. Ovviamente il commissariato andrebbe spostato. Magari -dato che ormai il nuovo carcere sarebbe in tutt'altra zona- si potrebbe avvicinare il commissariato di Porta Genova proprio al quartiere di Porta Genova, ma magari questa è una posizione troppo estremista, ne sono conscio.

Poi si potrebbe collegare il commissariato di porta genova alla struttura ex carceraria di San Vittore (nell'immagine sulla sinistra), mantenendo le strutture di pregio architettonico, come l'affaccio su via degli Olivetani e il complesso retrostante e la stella a sei bracci e le torrette angolari, demolendo tutto il resto e organizzando delle strutture leggere di vetro che possano permettere una serie di ampli spazi aperti e senza barriere dove organizzare le esposizioni della tecnologia del XX secolo navale, ferroviaria, su strada e aerospazio. Nella raggiera centrale, le diverse discipline scientifiche odierne, con tanto di cinema IMAX 3D, ristoranti, biblioteche, spazio mostre ed esibizioni, aree studio e laboratori.

Leggo che ad oggi il museo della Scienza e della Tecnica avrebbe già circa 42 mila metri quadri, ovviamente comprendendo anche gli ampli spazi aperti dove sono esposti aerei, sottomarini, ed i padiglioni ferroviari e aeronavali.

Con una struttura così come espresso nella mia proposta, che interviene quasi urbanisticamente in un intero quartiere e non solo in una chiusa struttura museale,
si otterrebbe almeno un raddoppio delle aree espositive.

E un gran bel #Ciaone al Deutsches museum di Monaco e al National Air and Space museum di Washington :)

(chiedo umilmente scusa ai grafici di questo forum ma sono davvero un cane con la grafica, ho usato addirittura Paint ahaha! Prendete l'immagine solo come una indicazione di massima...)
Riguardo San Vittore, una volta che non servirà più come carcere, direi che bisogna abbatterlo e farci un grattacielo con uffici, la zona è già servita da fermata M2 Sant'Ambrogio/Sant'agostino - fermata M1 Conciliazione (un pelino lontana) e infine arriverà la M4 Solari.

Si tratterebbe del primo grattacielo abbastanza in centro, e avrebbe in termini economici più senso costruirlo.

1 Grattacielo (singolo) di 300 metri e parco attorno.
 

·
Idee Fuse e Confuse User
Joined
·
11,778 Posts
Uppo sto topic per chiedere una cosa, quasi sicuramente discussa da qualche parte su SSC ma credo che questo sia il topic adatto.

Mi chiedevo se Milano non potesse già adesso fare un progetto ecologista in onore del suo trasporto pubblico e del centenario del suo massimo simbolo, i tram 1928!

Mi chiedevo se sia impensabile che a partire dal 1° Gennaio 2028 il centro storico di Milano (http://www.risorse-web.net/turismo/images/milano/mappa/centro-storico.jpg) venga definitivamente interdetto al traffico veicolare su almeno 3 (tre) ruote alimentato a combustibili fossili.

Ammesse solo auto private e mezzi commerciali privati alimentati a metano, idrogeno o elettriche. Esclusi quindi diesel, benzina e GPL (che ricordiamo essere l'acronimo di Gas di Petrolio Liquefatto). Ammessi invece gli scooter.
 

·
Unità
Joined
·
10,409 Posts
^^ Fattibile lo è senza ombra di dubbio, anche con una scadenza molto più vicina (tipo il 2020). Mi chiedo però quale sia il senso di permettere le auto a metano, dato che è anche lui un combustibile fossile e ha emissioni di CO2 paragonabili o più alte di benzina, diesel e GPL!

Detto questo, la questione secondo me non è tanto l'inquinamento atmosferico (che a Milano è sotto controllo) ma le emissioni di CO2 e soprattutto la congestione stradale. E a questo scopo, secondo me, ha più senso pedonalizzare del tutto alcune aree estese del centro di Milano. Permesso solo per carico/scarico merci + auto di servizio (in certe fasce orarie) e residenti.
 

·
Registered
Joined
·
12,518 Posts
Se si pedonalizzasse l'area interna alla Cerchia dei Navigli (poco meno di 3 kmq) non credo che si avrebbero grandi effetti sulla qualità dell'aria o sulla fluidità del traffico. La sfida è dotarsi di un sistema di trasporti competitivo a Milano e nell'area urbana che riesca a convincere sempre più persone a limitare l'uso dell'auto. E' una questione di mentalità, i divieti e i mille modi per fottere soldi agli automobilisti (accise benzina, autovelox, parcheggi a pagamento, aree C e compagnia) servono fino ad un certo punto.
 

·
Idee Fuse e Confuse User
Joined
·
11,778 Posts
Eliminare anche le auto a metano sarebbe l'ideale. Le emissioni del metano comunque sono piú basse di quelle dei combustibili derivati dal petrolio.

Le auto dei residenti del centro storico ovviamente dovranno essere ammesse e di qualsiasi tipo, cosí come le auto intestate a persone diversamente abili.

Carico e scarico per esercizi commerciali ammesso solo dalle 20:30 alle 7:30 eccetto merci deperibili, farmaci e traslocatori professionisti (titolo di accesso per questi ultimi sará la fattura).
 
1421 - 1440 of 1450 Posts
Top