SkyscraperCity banner

22981 - 23000 of 29552 Posts

·
MilanoTrasporti
Joined
·
14,729 Posts
Un bel primo piano per il tram serie 5000 (#5010) in piazza della Repubblica
il povero tranviere rimuove le pietre dai binari, messe da sabotatori durante gli scioperi del 1953

http://i.imgur.com/1YlvBFm.jpg

ps Io da piccolo ci mettevo le monetine, precursore della recente moda delle macchinette di souvenir :)
procedo con la riqualificazione delle immagini ... :D

 

·
Registered
Joined
·
442 Posts
questa invece si direbbe un'anteprima ...

1936 - la Stazione Centrale deserta a Ferragosto ... ma dove andava la gente in vacanza in quegli anni? in Libia o in Somalia? :nuts::nuts::nuts:

Ci sono analoghe fotografie della staz. Nord Cadorna gremite di folla: probabilmente la gente si accontentava del lago maggiore o di quello di Como, oppure delle prealpi. C'erano anche le fermate ai due lati del ponte di Turbigo, al posto del mare andava bene anche il Ticino.
 

·
MilanoTrasporti
Joined
·
14,729 Posts
Per andare in Libia (o anche a Rodi) serviva il passaporto! Più semplicemente si prendeva un "treno popolare".
Ci sono analoghe fotografie della staz. Nord Cadorna gremite di folla: probabilmente la gente si accontentava del lago maggiore o di quello di Como, oppure delle prealpi. C'erano anche le fermate ai due lati del ponte di Turbigo, al posto del mare andava bene anche il Ticino.
si il senso della mia domanda era ...

in quegli anni andava in vacanza tanta gente da lasciare Milano deserta?

in effetti fino allo scoppio della guerra mio nonno possedeva una sorta di resort (ristorante-cinema-albergo) in Somalia, ma immagino fosse riservato a pochi fortunati ...
 

·
Registered
Joined
·
2,065 Posts
questa invece si direbbe un'anteprima ...
1936 - la Stazione Centrale deserta a Ferragosto ... ma dove andava la gente in vacanza in quegli anni? in Libia o in Somalia? :nuts::nuts::nuts:
Nel periodo di ferragosto erano organizzati i treni popolari (per i prezzi) per luoghi di vacanza vari che venivano presi letteralmente d'assalto per cui in quei pochi giorni la città si svuotava; anche le gite fuori porta in tram erano non erano schifate, anzi.

Dubito che i milanesi (e gran parte degli italiani) desiderassero andare in vacanza nelle Colonie, molto meglio i laghi o l'Adriatico, da dove potevi tornare in giornata ;)
 

·
Milan e poeu pu
Joined
·
6,981 Posts
Discussion Starter #22,988
........................................................

Una E.626 alla testa di un convoglio a Taliedo, ottobre 1938 (foto Antonio Cividini, via ipdt-community.it).


(versione XXL)
Ottobre 1938. Si tratta quasi certamente di uno dei primi transiti di treni a trazione elettrica sulla Cintura di Milano, con gli impianti appena completati dalla Centrale, stazione inclusa, e da Greco a Rogoredo.
La T.E. è inaugurata sull'intera Milano - Bologna il successivo 14/11/1938 e contestualmente è attivato il quadruplicamento tra Lambrate e Rogoredo.
 

·
Registered
Joined
·
1,697 Posts
Ho visto la 712 svoltare da via Galilei in viale Monte Santo (in direzione di piazza della Repubblica) domenica scorsa verso le 17: ho anche fatto una foto, ma è venuta male...
 

·
Banned
Joined
·
2,089 Posts
pinomaiuli said:
si il senso della mia domanda era ...

in quegli anni andava in vacanza tanta gente da lasciare Milano deserta?

in effetti fino allo scoppio della guerra mio nonno possedeva una sorta di resort (ristorante-cinema-albergo) in Somalia, ma immagino fosse riservato a pochi fortunati ...
I fortunati andavano probabilmente a Stresa, a Riccione o a Sanremo. Forse anche ad Abbazia in Istria?
Dubito fortemente che la Somalia fosse un luogo ameno, fra clima torrido, popolazione indigena poco accogliente, zanzare e condizioni igieniche precarie. I "turisti" erano militari o commercianti di banane.
 

·
MilanoTrasporti
Joined
·
14,729 Posts
I fortunati andavano probabilmente a Stresa, a Riccione o a Sanremo. Forse anche ad Abbazia in Istria?
immagino di si ...

Dubito fortemente che la Somalia fosse un luogo ameno, fra clima torrido, popolazione indigena poco accogliente, zanzare e condizioni igieniche precarie. I "turisti" erano militari o commercianti di banane.
ti dirò ... mio nonno mi ha lasciato parecchie foto fatte durante la sua permanenza e ti stupirebbe vedere quanto sembrasse dignitoso il posto e accogliente la gente (soprattutto le ragazze paiono essere "molto" disponibili)

giusto perchè ne ho parlato (e per chiudere l'OT) ecco il resort di mio nonno :D



oggi ... non pervenuto :cry:
 

·
Hendrik Willem
Joined
·
10,038 Posts
Splendido! Marzio, se vuoi iniziare una sezione AOI Sparita sappi che avrai sicuramente +1 follower (+2 con Italbeton?). :eek:kay:

Sembra Trezzo!
 

·
Hendrik Willem
Joined
·
10,038 Posts
Dici niente! :lol: Comunque sì, l'AOI (Africa Orientale Italiana) è il nome dato ai possedimenti italiani sul Corno d'Africa dopo la (disgraziata) conquista dell'Etiopia (1936). Prima erano solo Colonia eritrea (1890) e Somalia italiana (1889). Comunque se ti va e dovessi aver tempo, sarebbe una cosa che mi piacerebbe molto approfondire.
 

·
Registered
Joined
·
4,561 Posts
Trasporti pubblici milanesi... in Africa orientale - Eritrea

Alcuni aggiornamenti fotografici dei nostri autobus Fiat 421A Pistoiesi dell' ATM, accantonati al cimitero dei carri armati di Asmara (per i motori di ricerca: tank cemetery o graveyard).
Li avevo già individuati in precedenza, dopo averne postato altre immagini risalenti ad una decina di anni fa, quando erano ancora sparsi in vari punti dell'area, visitabile con un necessario permesso ottenibile gratuitamente.
Nel periodo compreso fra il settembre 2009 e aprile 2010 vennero spostati e raggruppati presso l'ingresso principale, dove si trovano tuttora (ultima foto satellitare del 3 ottobre scorso, su GoogleEarth). Anche se cannibalizzati e vandalizzati, colpisce il loro stato di conservazione ancora discreto, presumo grazie alle condizioni climatiche favorevoli alla quota di oltre 2300 metri della capitale eritrea.

Qui una immagine di poco successiva alla ricollocazione dei 13 mezzi, fra i quali le matricole 3675 e 3695:



Estratta dal sito dell'Austrian Science Fund FWF, una foto nel periodo 2013-2015:



Estratte da tripadvisor, alcune foto datate febbraio 2016:





Nel maggio del 2016, dalla pagina flickr di Clay Gilliland (anche su wiki, qui in formato XXL):



La più recente, dal sito unusualtraveler.com, 11 febbraio 2017 (tutto a dx, qui in formato XXL):



Per completezza sul tema ripropongo anche i miei post di due anni fa:

Il mitico autobus Fiat 421 A della nostra ATM...
...accantonato in Eritrea...

Se ne scorgono almeno 5 esemplari, fra i quali la vettura 3787 ancora velettata "P.le Siena"(!) - foto del 2006 o anni precedenti:



Altre immagini di autobus Fiat 421 A ad Asmara in Eritrea, ex-ATM accantonati:





 
22981 - 23000 of 29552 Posts
Top