SkyscraperCity banner
1 - 20 of 64 Posts

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #1 · (Edited)
In questo thread, in maniera disordinata e ahimè non esaustiva sono raccolte fotografie e sensazioni di numerose settimane trascorse in Polonia, in distinti periodi, a partire da ottobre 2007.
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #2 ·
Il mio primo contatto con la Polonia è avvenuto a Łódź (da leggere Ùuc, con la c di cena), seconda città più popolata della Polonia. Un contatto fugace, veloce: il Boeing 737-300 della Centralwings in fase di atterraggio ha mostrato attraverso i suoi finestrini una città con una vasta periferia, impianti industriali sia attivi che abbandonati, schiere di condomini (di commie-block, molti dei quali dipinti con colori vivaci a fantasie più o meno geometriche, allo scopo di alleggerire la loro parallelepipedea presenza). Città dal grigio passato industriale che parzialmente prosegue nel presente, che ora attraversa una fase di riconversione delle aree ex industriali. Atterraggio, il Cobus 300 apre le sue porte davanti al Terminal 2 dello scalo polacco, terminal dedicato alle compagnie low-cost. Passare dal caotico e sovrautilizzato aeroporto di Ciampino al piccolo aeroporto di Łódź dà un senso di vertigine, sebbene il gap temporale tra le due visioni sia stato di oltre due ore. Un terminal lowcost dalla capacità di 300.000 passeggeri l’anno che affianca il piccolo terminal domestico da 50.000 pax, e con in corso d’opera lavori per la costruzione di un terzo terminal da 1,5 milioni di pax. Il varco doganale, controllo documenti. Capelli biondi quasi rasati, occhi chiari. Il poliziotto scruta il consumato rettangolo di carta con la mia foto, sorride. Tra il me in piedi di fronte a lui ed il me nella foto ci sono la barba ed i capelli più lunghi a fare la differenza. “You have to change the picture!”, mi dice mostrandomi un sincero sorriso. Lo farò, penso mettendo ordine nel portafoglio, del resto il documento è quasi scaduto. Gli sorrido, passo oltre, aspetto che sul nastro appaia il mio bagaglio.
L’atrio è accogliente, un ufficio cambio, vari banchi informazione, pochi banchi di check-in ed un bar. Ancora, ripenso a Ciampino ed al suo gran numero di banchi, che ora mi sembra fossero stati davvero in numero spropositato. Un gruppo di persone aspetta che si apra il banco check-in del proprio volo. Un monitor contiene comodamente per intero tutti i voli in partenza, il primo dei non partiti segna come destinazione Manchester. Una ragazza con la pelle ornata di efelidi mi sorride, mostrando un discreto apparecchio ortodontico: il suo bagaglio a mano secondo il cestino della Ryanair è ammesso a bordo. Lo solleva e ritorna dall’amica, più triste perché la bilancia le ha appena mostrato che il suo bagaglio invece pesa troppo.
Mi avvio verso l’uscita, emozionato: oltre le porte automatiche c’è la Polonia, ed io mi accorgo di non aver neanche mai provato ad immaginare come potesse essere. Deve essere normale, decido all’istante. Cielo, terra, case, auto, persone. Matrimoni e funerali. Sorrisi e lacrime. Normale. Esco. Il sole, il vento, il freddo. Ma soprattutto il sole. Il sole mi dà il suo benvenuto in Polonia.
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #3 · (Edited)
Konin



Città sul fiume Warta di quasi 100.000 anime. Ultimamente è stato inaugurata una infrastruttura viaria di importanza nazionale comprendente uno dei più lunghi viadotti della Polonia.

Foto autunnali. :)

La piazza centrale.




Questo palazzo lo ho ribattezzato all'istante "Catania Building", per la combinazione di colori e materiali.


Il Ratusz, ovvero il Municipio.


Lo storico ponte sulla Warta. Oggi tale ponte è affiancato da un nuovo ponte per separare i sensi di marcia.
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #4 ·
Lichen

A pochi chilometri da Konin, vi è una piccola cittadina con una sorpresa: il Santuario di Nostra Signora di Lichen, una enorme basilica, la settima al mondo per grandezza. Il punto più alto della basilica si trova a 141,5 metri. 23.000 mq. costruiti nella seconda metà del '900 grazie a donazioni dei fedeli, in un parco di 300.000 mq.
Enorme cupola dorata, visibile a chilometri di distanza.

Foto buie. :)



 
  • Like
Reactions: rychlik

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #5 · (Edited)
Nałęczów




(si legge Nauenciuf)
Rinomata cittadina termale, famosa per il suo microclima e le acque termali di diversissima natura: dalle ferrose alle solforose.

Il parco termale è costellato di numerose casine, alcune delle quali contengono spa. Questo ad esempio è un circolo culturale letterario, uno dei più importanti edifici del parco.


Scultura presente all'ingresso di un edificio nel quale è possibile "testare" tutte le tipologie di acque termali.


Il lago di Nałęczów ed i suoi abitanti.
 
  • Like
Reactions: ArtZ

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #6 · (Edited)
Kazimierz Dolny



Perla rinascimentale, cittadina cantata e ricercata da scrittori e poeti di diverse epoche.
La sua unicità risiede nell'avere numerosi edifici rinascimentali in pietra, in una area della Polonia dove per altitudine sarebbe più lecito aspettarsi case in legno con tetti spioventi.

Foto "rubata" entrando in città.




Chiese e castelli abbarbicati lungo la montagna.


Sua maestà la Wisła (la Vistola).
 

·
Kunst um der Kunst willen
Joined
·
5,712 Posts
Belle foto ST, foto di Cracovia o Varsavia ne hai?
 

·
Stateless User
Joined
·
956 Posts
Questo è un thread interessante che seguirò con attenzione;)
Ma.. le persone dove sono?? le foto di Konin le hai fatte alle 5 di mattina di domenica??:p

Trovo molto azzeccata l'idea di far vedere anche città medio-piccole. Vai avanti così;)
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #9 ·
@ Ele: no, niente Cracovia o Varsavia. Ma ho ancora da inserire Lublino, Poznan e qualche altra località.

@ mybeer: quelle di Konin sono del 3 novembre 2007, alle 3 del pomeriggio. Sabato. Si era nel pieno del ponte lungo della commemorazione dei morti, le persone erano quasi tutte nei cimiteri (ne approfitto per raccontarlo ai non polacchi: durante la commemorazione dei morti, si trascorrono le intere giornate al cimitero, dalla mattina fino alla sera. La sera è uno spettacolo entrare in un cimitero e vedere tutte le lapidi ricoperte da decine di lumini)
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #10 · (Edited)
Kozłówka



(si legge Cozuufca, con la z sorda)
Piccolo paesino, vicino al quale si erge un palazzo/castello (definibile "reggia", sebbene non abbia mai ospitato alcun re) con un meraviglioso parco. Costruito durante la prima metà del '700 e modificato ad inizio del '900, il castello è tuttora di proprietà della famiglia Zamoyski ma è adibito a museo, e tra l'altro vi sono esposte anche opere di artisti in auge durante il regime socialista.



 

·
un lublinese a milano
Joined
·
1,332 Posts
Mi ha sorpreso trovare qualcosa della Polonia qua. In che periodo sei stato a Lublino?
Aspetto le foto di Lublino, la mia città. Sono molto curioso!

Grazie per aver condiviso le foto della Polonia.
ps come mai tante volte in Polonia?
 

·
Registered
Joined
·
12,766 Posts
complimenti a ST! le foto sono belle, e trovo che anche tu sia rimasto affascinato dall'Europa che stava al di là della cortina... senza facili ironie su donne e via dicendo, fino a quest'inverno non avevo mai messo piede nell'Europa Orientale, e ora mi dico "che mi sono perso!".
 

·
amateur facial
Joined
·
3,634 Posts
io sono stato 2 volte in polonia!davvero un bellissimo posto!

se Super Tim è d'accordo posso postare(più avanti, ora non le ho) le mie foto della polonia: Aushwitz e cracovia (più altre piccole tappe..)
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #14 ·
@ Gregor: a Lublino sono stato due volte per diversi giorni, la prima ad autunno inoltrato (novembre) e la seconda ad inverno appena iniziato (gennaio). Bella ed elegante nel suo piccolo centro storico (in Rynek quasi tutti gli edifici sono stati ristrutturati, e sulla facciata di uno di essi in attesa di ristrutturazione vi sono raffigurate diverse città tra le quali le uniche non polacche sono Parigi, Firenze e Padova), bella l'orografia non piatta della città, buone le strade (i fondi per la infrastrutturazione sono usati davvero bene: in direzione di Lubartów/Białystok ad esempio la statale è stata trasformata in una expressway a due carreggiate e due corsie per senso di marcia).
Il motivo dei miei viaggi in Polonia? E' uno solo: il cuore. :)

@ Blaise: certo che puoi! :cheers1:
 

·
virtual
Joined
·
5,852 Posts
Discussion Starter · #15 ·
Lublin

Lublino per gli italiani, città dalle numerose chiese e dal fascino particolare: si passa dalla maestosità del suo castello al caos del mercato ucraino, dalla bella struttura viaria del suo centro storico alla . E' una delle quattro città polacche ad aver adottato a suo tempo i trolleybus al posto dei tram. Ed è anche una città viva economicamente: secondo un recente articolo del Forbes, è la seconda "business-friend city" polacca, dopo Wroclaw e appena prima di Poznan, considerando l'insieme di infrastrutture e di specializzazione universitaria.
Ha una eccellente organizzazione turistica: indicazioni bilingui in ogni punto di interesse (piazza/monumento/edificio/chiesa) con la descrizione del luogo. Ottimo, soprattutto per chi come me ama girare esplorando. Ogni punto di interesse a sua volta rientra in uno o più itinerari che li riuniscono in un ordinato percorso tematico (luoghi di personaggi famosi, epoca polacco-lituana, cultura ebrea, e tanti altri).


Versione autunnale.

Ogród Siski (Parco Siski), enorme polmone verde nel cuore di Lublin.


Una casetta abitata da un gatto dal pelo nero in Ogród Siski.


La banca all'inizio di Plac Litewski (Piazza Litewski).


Dall'altro lato della strada, il Grand Hotel.


Zamek (castello) di Lublin, visto dal ponte che lo collega alla città vecchia. Durante la Seconda Guerra Mondiale, fu utilizzato come prigione dai nazisti ed in seguito anche dalla polizia segreta nei primi anni del dopoguerra (diverse targhe ricordano tale storia recente). I lavori che lo riguardano termineranno il 30 giugno, data nella quale dovrebbe riaprire anche la Cappella con affreschi rinascimentali ed il bel cortile interno.


L'ingresso.


La Cappella all'interno del cortile.


Rynek (traducibile in qualche modo come Piazza del Mercato), il cuore della città vecchia. A sinistra l'edificio che ospitava il tribunale (non so se lo ospita tuttora, credo di no). In fondo, il palazzo sulla cui facciata marrone scuro figurano le rappresentazioni di diverse città polacche e non, tra cui come già detto Parigi, Firenze e Padova.


Rynek.


Rynek.


Brama Krakowska (Porta di Cracovia), emblema della città, vista dall'interno della città vecchia.


La strada pedonale appena fuori Brama Krakowska. L'edificio giallo sulla destra è il Ratusz (Municipio). La chiesetta con il campanile bianco è un Santuario, meta di numerosissimi devoti.


Brama Krakowska (Porta di Cracovia).


La Cattedrale, con al fianco la Wieża Trynitarska (Torre della Trinità), anch'essa porta di ingresso alla città vecchia.


All'interno della Cattedrale, una sorpresa: una copia della Sacra Sindone.


Il Teatro Vecchio.




Una locanda di barbiere. Sebbene in abbandono (spiccava, essendo non lontano dall'edificio della foto precedente), mi è sembrato una piccola perla proveniente dal passato: come una foto in bianco e nero piena di polvere, mi ha stregato per quasi dieci minuti, durante i quali non potevo fare altro che guardarla in silenzio. Considerando lo stato di conservazione degli edifici adiacenti (quasi tutti ristrutturati da poco), credo che questo piccolo locale non avrà lunga vita davanti a sè.


Dopo pochi metri: lo storico stabilimento della birreria Perła, tuttora attivo.


Una chiesa che solo in seguito ho appreso chiamarsi Chiesa della Trasfigurazione di Nostro Signore, sede del Seminario (un tempo monastero)


Le mura neogotiche del complesso monasteriale.


Il Monastero Domenicano, complesso insieme composto da diversi corpi, incastrato tra le stradine della città e la ripa della collina. All'interno era conservata una scheggia della croce sulla quale fu crocifisso Gesù.


All'interno, una raffigurazione della Lublin di inizio 18° secolo


La navata centrale.


Il complesso del Monastero Diocesano termina con il Teatro Hans Christian Andersen, con dei torrini d'angolo veramente notevoli.


In questo luogo si ergeva una chiesa con un campanile altissimo. Ecco ciò che rimane ora: le fondamenta, conservate e curate, a seguito del crollo.


Infine, il simbolo di Lublin:
 
  • Like
Reactions: ArtZ

·
Registered
Joined
·
12,766 Posts
ST complimenti! davvero quella raffigurazione di Lublin nel monastero è del XVIII secolo? sembra molto più antica, quanto a stile. non sono affatto un esperto, ma mi ricorda qualcosa di tardomedioevale. interessante reportage, continua cosi.
 

·
un lublinese a milano
Joined
·
1,332 Posts
complimenti a ST! le foto sono belle, e trovo che anche tu sia rimasto affascinato dall'Europa che stava al di là della cortina... senza facili ironie su donne e via dicendo, fino a quest'inverno non avevo mai messo piede nell'Europa Orientale, e ora mi dico "che mi sono perso!".
La Polonia non si trova in Europa Orientale. Polonia si trova in Europa Centrale. L'Europa ha il suo confine negli Urali, non al confine orientale della Polonia.


@Super Tim Complimenti per le foto. Hai presentato Lublino molto bene, che conoscenza!

Da me:
In questa casetta, d’estate, abita una copia dei cigni bianchi heh.
http://i277.photobucket.com/albums/kk66/RickyItaly/Poland/Lublin/DSC04002.jpg

Una correzione:

Affreschi russo-bizantini (uniche in questa parte d'Europa) eseguiti nel 1418; la cappella è medievale (la prima, nota dal 1326) con un parte in stile rinascimentale lublinese.

Qua potete vedere gli affreschi all'interno

Il castello è già ristrutturato, qua ci sono le foto della notte bianca , giugno 2008
(foto di ervin)


il castello


Siete i ben venuti :cheers:
 

·
Registered
Joined
·
12,766 Posts
La Polonia non si trova in Europa Orientale. Polonia si trova in Europa Centrale. L'Europa ha il suo confine negli Urali, non al confine orientale della Polonia.
si è vero, scusami! anche la mia ragazza - ungherese - mi corregge sempre quando faccio questo errore. il fatto è che penso sempre ai Paesi dell'ex Patto di Varsavia come Blocco Orientale e, di qui, Europa Orientale. cercherò di cambiare ragionamento!!!!:bash:
 
1 - 20 of 64 Posts
Top