SkyscraperCity banner

1 - 6 of 6 Posts

·
Registered
Joined
·
10,895 Posts
Discussion Starter #1
Trasporto pubblico, Napoli: "E' un modello da seguire"

di VALERIO GUALERZI

La ricerca "Ecosistema urbano" esalta l'organizzazione del capoluogo campano
"Ha un sistema integrato per pendolari tra i più avanzati in assoluto"




ROMA - "Con il rosso si passa; con il verde pure, ma bisogna stare attenti a quelli che arrivano con il rosso dall'altra parte; il giallo serve solo per fare colore". Luciano De Crescenzo in Così parlò Bellavista descriveva più o meno con queste parole il caos nelle strade di Napoli. Ma una volta tanto gli anni non sono passati invano e per la città che nell'immaginario di tutti è la capitale del traffico è tempo di rivincite.

Da "Ecosistema Urbano 2008", la ricerca curata da Sole 24 Ore e Legambiente sulla vivibilità ambientale dei capoluoghi italiani, emerge infatti un dato a sorpresa. E' Napoli la città ad avere la rete di trasporto pubblico che più si avvicina all'ideale di "mobilità sostenibile". A chiarire l'apparente paradosso è Alberto Fiorillo, uno dei curatori del rapporto. "La gestione dell'offerta di trasporto pendolare a Napoli è sicuramente l'esperienza più variegata oggi in Italia - spiega - Gli interventi realizzati in questi anni sulle linee gestite dai diversi operatori sono infatti parte di una strategia che punta alla realizzazione di una metropolitana regionale. Inoltre, grazie all'integrazione tariffaria (UnicoNapoli e UnicoCampania), ai pendolari è già data la possibilità di viaggiare con tutti i mezzi (treni, autobus, metro, tram, ecc.) del capoluogo e dell'area suburbana con un unico biglietto. Il caos stradale napoletano non è svanito, ma ci sono sicuramente le premesse per una migliore gestione della mobilità urbana".

Merito, chiarisce ancora Fiorillo, dei numeri che Napoli può vantare. "I chilometri di rete coperti dal trasporto pubblico - ricorda - sono in totale 420 di cui 392,9 su gomma, 8,7 su tram e 16,4 composti da filobus, metropolitane leggere e funicolare. Il biglietto costa 1 euro e l'abbonamento mensile 35. Il traffico cittadino che spesso paralizza Napoli è supportato da un variegato e consistente numero di mezzi pubblici, di fatto utilizzati da un alto numero di cittadini".

Se non siete napoletani e malgrado tutto non scambiereste le code della vostra città con gli ingorghi di Napoli, forse non avete tutti i torti. Prendendo in esame parametri diversi, un'altra ricerca sulla mobilità sostenibile giunge infatti a conclusioni molto più "tradizionali", premiando Bologna. Secondo "Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città", uno studio elaborato da Euromobility e Kyoto Club, è il capoluogo emiliano la città più "eco-mobile" d'Italia. La città in cui il trasporto pubblico funziona, si sono avviate importanti innovazioni nella gestione della mobilità, è presente una quota significativa di auto a basso impatto ambientale, il traffico è pianificato e lo smog è tenuto sotto controllo.

(3 febbraio 2008)

:banana: :cheers:
 

·
Registered
Joined
·
10,895 Posts
Discussion Starter #2
Ed ecco qui un approfondimento sul sistema integrato tariffario.





Il biglietto semplice a Napoli e provincia costa 1€ e da la possibilità di viaggiare su ogni mezzo per un numero illimitato di volte nell'arco di 90 minuti.


Poi ci sono le varie fasce per tutta la regione Campania


La storia di UNICOCAMPANIA

L’integrazione tariffaria "Unico" invece, gestita dal Consorzio UnicoCampania, nasce come Consorzio NAPOLIPASS il 19 dicembre 1994 allo scopo di promuovere e migliorare il servizio di trasporto pubblico nella città di Napoli, attraverso la creazione della tariffa integrata "GIRANAPOLI".
Dal 1° luglio 1997 la tariffa integrata comprende tutti i servizi di trasporto pubblico all'interno del Comune di Napoli.
Dal 18 ottobre 2000 con l'introduzione della struttura tariffaria a fasce e chilometrica denominata "UNICOCAMPANIA" è stata ampliata l'integrazione anche ad altri 42 Comuni della Provincia di Napoli, con bacino di utenza di 2.300.000 persone, per arrivare dal 1° ottobre 2001 ad includere 162 Comuni della Regione Campania oltre Napoli, con un bacino di utenza di 3.500.000 persone.
Dal 12 dicembre 2002 il Consorzio NAPOLIPASS si trasforma in "CONSORZIO UNICOCAMPANIA" su base regionale, a cui aderiscono 13 Aziende di trasporto pubblico campano integrando così tutti i 551 Comuni della Regione Campania, con un bacino di utenza totale di 5.600.000 persone.



La nascita di UNICO



Un anno di Unico - 2002


Unico Smart Card 2004


 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
Fa comunque piacere avere un riconoscimento del genere. Senza dubbio Napoli e più in generale la Regione Campania ha investito come nessun altro in Italia sul Trasporto Pubblico Locale.
Volevo segnalare, però, soltanto una piccola imprecisione nell'articolo dove si dice che i kilometri di filobus, metropolitane e funicolari sono in totale 16,4 kilometri. In realtà ne sono molti di più.
 

·
Banned
Joined
·
12,449 Posts
per Biagio

Mica tanti di più: manca qualcosa sui bifilari filoviari ma poi per il resto ci siamo. Tieni presente che si parla dello sviluppo all'interno del solo comune di Napoli e poi si parla di metropolitane leggere, per cui si considerano i soli 2,5 chilometri della linea 6...
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
^^ Allora si sono dimenticati di inserire la metropolitane normali, visto che la sola Linea 1 è lunga 13,5 km.
 

·
virtual
Joined
·
5,809 Posts
Mancherebbero all'appello allora i chilometri della metro pesante e delle ferrovie urbane... ma è come parlare del sesso degli angeli.
L'importante è, come dice Biagio, vedere riconosciuto l'impegno profuso nello sviluppo e nella integrazione del trasporto pubblico. (ad onor del vero il professor Cascetta tiene conferenze sull'argomento da moltissimi anni, ed è invitato a parlare di trasporti sia in Italia che in sede comunitaria)
 
1 - 6 of 6 Posts
Top