SkyscraperCity banner

21 - 40 of 932 Posts

·
virtual
Joined
·
5,851 Posts
Andiamo con ordine.

Riqualificazione dell'area monumentale del porto di Napoli (2a fase)
2° CLASSIFICATO: STIPE SPA, MAURO SAITO

“Trasformare in corsa il waterfront dell’area monumentale del Porto di Napoli” è la parola d’ordine che ha guidato la revisione delle ipotesi progettuali di I fase del progetto nella direzione indicata dalla Società Nausicaa spa, Committente .
L’operatività delle banchine portuali, durante il processo storico di “ritorno al mare della città”, è stata garantita senza sottrarre qualità al progetto di I fase che si caratterizza sia per un nuovo disegno urbano di ricucitura, in superficie, dello iato fra Porto e città, dovuto alle demolizioni ottocentesche, che per la infrastrutturazione ipogea dell’accessibilità veicolare e dei parcheggi dell’area portuale.
L’eliminazione degli attuali edifici strumentali sulle banchine, già prevista dal PRP, avverrà attraverso un processo di demolizione e di ricostruzione differenziata delle volumetrie esistenti al Beverello e al Piliero, finalizzato al miglioramento dei servizi di accoglienza dei passeggeri e dei veicoli in transito, nel rispetto dei vincoli ambientali esistenti e delle esigenze funzionali in corso di realizzazione: il Castelnuovo e la trama urbana su via Colombo, la nuova sistemazione integrata di Piazza Municipio – Stazione Metropolitana.
La disponibilità delle aree della Marina Militare al Molo S.Vincenzo innescherà il completamento della fruizione pubblica di questo importante tassello di storia urbana, generando un nuovo polo ricettivo-congressuale-turistico-diportistico radicato sugli edifici borbonici restaurati.
Obiettivi, esigenze e vincoli, ribaditi con chiarezza dal Committente, hanno innervato la strategia generale di riqualificazione urbana dell’area di progetto che viene offerta agli utenti e alla città in una nuova conformazione ideata con l’obiettivo di renderla più adeguata all’incremento dei traffici, più attraente, più accogliente, più sicura.


Progettista Capogruppo: Stipe Spa, Mauro Saito
Gruppo di progettazione: Mauro Saito, Nicola Flora, Paolo Giardiello
Collaboratori: Giuseppina Ciaccio, Caterina Esposito, Erika Formato, Giampiero Lamonica, Giuseppe Santarcangelo, Achille Alessandro Farese, Vincenzo Tenore, Birju Shah, Monica Alejandra Mellace, Luca Mòsele
Consulenti: Ing. Giovanni Passaro, Ing. Antonio Di Giulio, Dott. Nicola Lamonica, Ing. Paolo Amendola,Ing. Vito Labarile, Ing. Carlo Viggiani, Ing. Alessandro Flora, Ing. Riccardo Romano, Ing. Diego Dalla Vicinanza, Ing. Giuseppe Sabini, Ing. Vitantonio Mongelli, Ing. Paolo Patrizi, Ing. Maurizio Serao, Ing. Giosuè Cardaropoli, Ing. Paolo Passaro, Ing. Eduardo Gravina, Ing. Maurizio Carelli Nitti Valentini.

__________
Fonte: europaconcorsi
http://www.europaconcorsi.com/db/pubrec/scheda.php?id=1090

__________
▼ Veduta d'insieme dell'area monumentale di intervento ▼


▼ Veduta dall'alto ▼


▼ Prospettiva Stazione Marittima, vista dall'uscita della piazza ipogea ▼


▼ Stazione Marittima e nuovi edifici fronte Via Cristoforo Colombo ▼


▼ Visuale della banchina da Via Cristoforo Colombo ▼


▼ Nuovi edifici fronte Via Cristoforo Colombo, veduta dalla banchina ▼


▼ Nuovi edifici fronte Via Cristoforo Colombo, veduta dalla banchina ▼


▼ Nuovi edifici fronte Via Cristoforo Colombo, veduta dalla banchina ▼


▼ Nuovi edifici fronte Via Cristoforo Colombo ▼


▼ Molo Beverello ▼


▼ Molo Beverello ▼


▼ Molo S. Vincenzo ▼


__________
Fonte immagini: europaconcorsi
http://www.europaconcorsi.com/db/pubrec/architecture.php?id_scheda=1090&idimg=6227
 

·
virtual
Joined
·
5,851 Posts
Riqualificazione dell'area monumentale del porto di Napoli (2a fase)
3° CLASSIFICATO: STEFANO BOERI

MED (Mediterranean Environmental Deck)
Il progetto riflette sulla natura dello spazio tra la città e il porto e individua
un nuovo ambito intermedio quale elemento autonomo, un ambito finito, con un linguaggio e caratteristiche proprie, diverse
dagli edifici e dagli spazi del porto così come da quelli della città. Med Park (Mediterranean Environmental Deck) è il nuovo
ambito del Porto di Napoli dedicato all’accoglienza dei passeggeri e viaggiatori, dei turisti e dei cittadini. Tre sono i
principi ordinatori del progetto: 1)la razionalizzazione della viabilità marittima e di terra; 2) un nuovo parco urbano, luogo di
mediazione tra la città e le attività portuali; 3) la valenza tecnologica ambientale delle infrastrutture a rete supportate dal
parco e orientate alla qualificazione dell’ambiente e al contenimento del consumo energetico.

Progettista Capogruppo: Stefano Boeri
Gruppo di progettazione: Boeri Studio ( Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra ),
Gruppo Suburbia ( Michele Moffa, Paolo Sacco, Mauro Smith ),
Raffaele Cutillo Beniamino Servino Aa.,
Ai Engineering S.R.L. (Piercarlo Montaldo),
Ai Studio Associati (Stefano Cremo, Ottavia Berta),
Inros Lackner Ag.

Collaboratori: Frederic De Smet (Coordinatore), Sila Barracco (Coordinatore), Giovanni Ambrosio, Daniele Barillari, Marco Bernardini, Silvia Brandi, Pina Cecere, Giancarlo Covino, Massimo Cutini, Maddalena De Ferrari, Vincenzo Ferrara, Agostino Granato, Andrea Grippo, Anniina Koivu, Susanna Loddo, Corrado Longa, Adele Martiniello, Giuseppe Mascolo, Antonella Mazzotti, Giovanni Panico, Roberto Perego, Dino Polverino, Mariemma Porto, Chiara Quinzi
Consulenti: Claudio Finaldi Russo (Consulente Per Gli Aspetti Tecnico-Funzionali Delle Aree Operative E Opere Marittime), Giuseppe Gherpelli (Consulente Per I Beni Culturali – Gestione E Marketing), Massimo Marrelli (Consulente Per Gli Aspetti Economici), Savino Mastrullo (Consulente Per Gli Aspetti Botanico-Vegetazionali In Ambiente Mediterraneo)

__________
Fonte: europaconcorsi
http://www.europaconcorsi.com/db/pubrec/scheda.php?id=1091

__________
▼ Veduta d'insieme notturna dell'area di intervento fronte Via Cristoforo Colombo ▼


▼ Una pagina del progetto ▼


▼ Veduta d'insieme dell'area di intervento fronte Via Cristoforo Colombo ▼


▼ Veduta d'insieme dell'area di intervento fronte Via Cristoforo Colombo, particolare ▼


▼ Veduta d'insieme dell'area di intervento fronte Maschio Angioino e Piazza Municipio ▼


__________
Fonte immagini: europaconcorsi
http://www.europaconcorsi.com/db/pubrec/architecture.php?id_scheda=1091&idimg=6138
 

·
virtual
Joined
·
5,851 Posts
Difatti il secondo arrivato non lo si considera. Opprimente, oppressivo, chiuso. Abbatte una barriera per formarne una nuova fatta di ombre... il razionalismo è una cosa, ma il posto per i mausolei sono i cimiteri.

Boeri: il progetto è molto bello, adoro l'impressione di libertà, lo sfruttamento dello spazio, le enormi pensiline circolari. Eccentrica trovo la scelta degli edifici cilindrici, ed il leit-motive circolare che caratterizza fortemente tutto il progetto.
Non per niente, ci era stato segnalato dal nostro buon Genius (nel thread di Napoli, dove si era finora parlato del porto e dei progetti) che Boeri aveva presentato un progetto del tutto simile per la sistemazione del porto di Castellammare di Stabia: informazione del tutto compatibile con la realtà dei fatti che vede l'Autorità Portuale di Napoli da poco avere piena giurisdizione anche nelle aree di tale porto.
Sul sito di Boeri si parla di un progetto chiamato Med Park a Castellammare di Stabia

http://www.stefanoboeri.net/interface.html
Speriamo di vedere buone cose a Castellammare.
 

·
Registered
Joined
·
9,159 Posts
Molto bello quello di Boeri, peccato che sia arrivato terzo (e quando mai), il secondo veramente orribile, ma anche il vincitore, che mi sembra un progetto di ampliamento/ridistribuzione degli spazi, da quel che ho capito vorrebbero pure togliere quel pò di verde che rimane tra il castello e il porto, facendoci gli stand delle compagnie marittime... mah...
 

·
virtual
Joined
·
5,851 Posts
Il progetto di Euvé era l'unico a soddisfare in pieno i requisiti del bando, contemplando una visione d'insieme estesa sull'intera area del porto di Napoli (molto più di quanto prevedeva il bando, a ben vedere) che andasse oltre una semplice redistribuzione delle utenze e degli spazi, ed inserendo il concetto di "filtering line": una separazione mobile, morbida, fluida come fluido è il passaggio delle persone, presente pur senza assumere mai connotati di barriera. Da rimuovere le antiquate barriere doganali che costeggiano Via Cristoforo Colombo, certo, e con Euvé il porto si riallaccia alla città pur rimanendo comunque protetto da questa sorta di "barriera osmotica", permeabile.
Estremamente caratterizzante senza imporsi sul precostruito: al contrario, Boeri immagina spazi aperti ma sviluppati in verticale, in modo da rendere protagonista dello scenario il porto stesso. Euvé "avvolge" le banchine, è discreto pur imponendosi all'occhio del turista in arrivo per la sua modernità. Per farmi capire in due parole: con Boeri, la prima cosa che si nota arrivando al porto sono le torri cilindriche, ed esse rimangono sempre presenti alla vista occludendo o distraendo, e mal sfogando prospetticamente la loro elevazione pur essendo aiutati dal fatto di trovarsi in riva al mare; con Euvé rimane la caratterizzazione attuale della scura sagoma del Maschio Angioino e della bassa ombra della Stazione Marittima che invita prospetticamente alla certosa di S. Martino.

Mi trovo quindi pienamente soddisfatto della scelta della giuria questa volta (contrariamente a quanto accaduto per Bagnoli).
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
Condivido in toto!
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
...ma anche il vincitore, che mi sembra un progetto di ampliamento/ridistribuzione degli spazi, da quel che ho capito vorrebbero pure togliere quel pò di verde che rimane tra il castello e il porto, facendoci gli stand delle compagnie marittime... mah...
E chi te l'ha detto che tutto il verde presente non rimarrà, anzi il nuovo progetto tende a rivalutare ed unire due aree verdi distanti tra loro, una è rapresentata dai giardini del Molosiglio, l'altra dal costruendo Parco della Marinella. Inoltre dovete considerare che il progetto Euvè va ad integrarsi con il progetto del Sottopasso di Via Acton che darà la possibilità di pedonalizzare Via Acton e Via Colombo, lungo le quali dovrebbero essere create aree verdi.
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
Da quel che so siamo secondi solo a Civitavecchia per movimento passeggeri (ma ci apprestiamo a superarla), e ad Hong Kong per il movimento merci. Se è così il porto di Napoli è un moivo di vanto non solo per il mezzogiorno, ma per l'Italia intera :cheers:
No. Siamo secondi a Civitavecchia solo per movimento di "crocieristi", mentre siamo il secondo al mondo per movimento passeggeri. Per il movimento merci dovremmo essere, se non sbaglio, al quarto posto dopo Gioia Tauro, Genova e La Spezia.
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
di preciso no,so che iniziano in estate,ma sai com è,qua nn si è mai sicuri di nulla....
In estate sarà impossibile. Attualmente sono in via di ultimazione i progetti definitivi, mentre per fine anno si dovrebbe far partire il Project Financing. I lavori dovrebbero partire all'inizio del prossimo anno.
Penso che tu ti sia confuso con la costruzione della Darsena di Levante i cui lavori dovrebbero iniziare nella prossima estate.
 

·
la manica di fetenti
Joined
·
2,085 Posts
Discussion Starter #34
In estate sarà impossibile. Attualmente sono in via di ultimazione i progetti definitivi, mentre per fine anno si dovrebbe far partire il Project Financing. I lavori dovrebbero partire all'inizio del prossimo anno.
Penso che tu ti sia confuso con la costruzione della Darsena di Levante i cui lavori dovrebbero iniziare nella prossima estate.
probabile,devo aver letto la notizia dei lavori e ho dato per scontato che fossero QUESTI lavori:bash:
quante possibilità ci sono che la vesuviana(linea3 o 4?) sia allungata fino a municipio?poi ho da proporvi una cosa,che ho sentito supporre anche da altri quindi forse tanto una cazzata non è:secondo voi ha senso prolungare la linea 6 lungo via marina,poi verso piazza garibaldi e quindi fino a piazza carlo III? unirebbe il porto,la stazione centrale e la futura città dei giovani
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
Il progetto della Circumvesuviana a Piazza Municipio è definitivamente tramontato.
Il prolungamento della Linea 6, inoltre sarebbe impossibile. visto che una volta giunta a Piazza Municpio la galleria farà una leggera curva in direzione Stazione marittima. Onestamente, poi, io non ne vedo la necessità, visto che a Via Marina stanno per partire i lavori di rifacimento della Linea tranviaria che rientrano nel progetto del nuovo "tram del mare".
A Piazza Carlo III, inoltre ci dovrebbe arrivare (chissà quando) la Linea 10.
 

·
virtual
Joined
·
5,851 Posts
^^ he he, come la volti e come la giri alla fine il discorso para sempre sulle metro (parte integrante dello sviluppo della città, senza dubbio alcuno).

Semmai dovesse essere posato qualche binario di metropolitana all'interno del porto, esso sarà della CircumVesuviana (ipotesi assai lontana). L'idea di una Linea6 fino a Piazza Carlo III è (IMHO, sottolineo IMHO) suggestiva ma inattuabile per diversi motivi: il primo è la parziale inutilità (sarebbe utile solo il collegamento con Piazza Carlo III liberata quindi dall'isolamento in cui era piombata da quando le è stato amputato il capolionea tranviario, il resto sarebbe una sovrapposizione di una linea di metropolitana pesante e di una linea tranviaria), il secondo è che l'infrastruttura non reggerebbe l'afflusso di utenti essendo la 6 una metro leggera con una portata stimata di 7.400 pphpd. Sarebbe utile come linea di supporto nel caso arrivasse la 10 a Piazza Carlo III.
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
E chi ha detto che dal Porto a Piazza Carlo III basterà il tram? A Piazza Carlo III arriverà la Linea 10, punto...la Linea 6 arriverà a Piazza Municpio, punto... è inutile fantasticare su ipotetiche linee che partono chissà dove ed arrivano chissà dove, sarebbe bello far arrivare la metropolitana ovunque, ma non è possibile e penso che sia meglio parlare di progetti più concreti, daltronde ognuno potrebbe immaginare una sua linea di metropolitana ideale.
Non offenderti è? La mia non vuole essere una critica ma voglio solo dire che si tratta di idee fin troppo fatasiose e sulle quali si potrebbe stare a discutere per giorni e giorni, ma sarebbe inutile in quanto la realtà è un'altra...
 

·
Registered
Joined
·
9,159 Posts
E chi te l'ha detto che tutto il verde presente non rimarrà, anzi il nuovo progetto tende a rivalutare ed unire due aree verdi distanti tra loro, una è rapresentata dai giardini del Molosiglio, l'altra dal costruendo Parco della Marinella. Inoltre dovete considerare che il progetto Euvè va ad integrarsi con il progetto del Sottopasso di Via Acton che darà la possibilità di pedonalizzare Via Acton e Via Colombo, lungo le quali dovrebbero essere create aree verdi.
Non sapevo che volessero pedonalizzare Via Acton e Via Colombo.
Anzi, mi era sembrato di aver letto che dovessero partire appena possibile il progetto di riqualificazione della via Marina, spostando la linea tranviaria sulla destra... o è un progetto abbandonato?
 
21 - 40 of 932 Posts
Top