SkyscraperCity banner

441 - 460 of 926 Posts

·
Free Palestine
Joined
·
5,642 Posts
Rischio nucleare al Porto: la denuncia del Comitato Pace e Disarmo

L’aula multimediale del Comune di Napoli (sala Giorgio Nugnes) ha ospitato un’assemblea pubblica promossa dal “Comitato pace, disarmo e smilitarizzazione del territorio – Campania”. Il tema centrale dell’interessante discussione è stato il problema del transito e della sosta di sottomarini e portaerei a propulsione nucleare nel mare di Napoli e la questione della poca informazione di cui è oggetto la cittadinanza in materia. In questi giorni che seguono il referendum che ha bocciato in via definitiva l'uso del nucleare in italia, la questione non è certamente di poca rilevanza.

Scrivono nel manifesto dedicato all’iniziativa i rappresentanti del comitato: “La minaccia atomica arriva da noi sotto forma di un enorme natante a propulsione nucleare, ancorata da oggi nel golfo di Napoli. Si tratta della portaerei americana “H.W. Bush”, alla guida di un imponente gruppo navale d’attacco. Un gigantesco vascello nucleare - con a bordo 6.000 uomini, 56 aerei e 15 elicotteri – che non è solo una base militare galleggiante, ma anche una vera e propria centrale nucleare, fornita di 2 reattori ad acqua pressurizzata, la cui pericolosità non è inferiore a quelli di Fukushima. A breve distanza da una città densamente abitata come Napoli, il pericolo atomico si materializza, quindi, sotto forma di micidiale e formidabile concentrato di quel nucleare civile definito ‘buono’ e di quello di fatto ‘cattivo’, visto che ha come obiettivo la distruzione e la contaminazione dei territori nemici”.
Presenti all’assemblea anche i giornalisti del Manifesto Marilena Correggia e Michele Giorgio, attivi con l’associazione “No War” e il dott. Postiglione dell’Ufficio Politico come esponente della nuova amministrazione comunale. Le conclusioni della discussione sono invece state affidate a padre Alex Zanotelli, esponente di spicco di molte battaglie civili e sociali a favore del pacifismo e della tutela dei diritti umani.

Durante la discussione la nuova amministrazione si è resa disponibile al dialogo aperto con il Comitato, sposando in pieno le paure e le motivazioni della mobilitazione a favore della denuclearizzazione del Porto di Napoli. Il Sindaco de Magistris aveva, del resto, già annunciato in campagna elettorale la sua posizione in merito, spiegando di essere contro ogni forma di nucleare. L’accordo raggiunto è stato innanzitutto relativo ad un obiettivo a breve scadenza riguardante il piano di comunicazione (obbligatorio per legge in città con natanti nucleari nel proprio porto, come appunto nel caso di Napoli) da diffondere all’intera popolazione con una spiegazione esaustiva e comprensibile riguardo il piano di emergenza previsto in caso d’incidente nucleare. Questo non al fine di creare allarmismi inutili, ma al semplice scopo di informare una cittadinanza ignara di una situazione presente e comunque potenzialmente pericolosa. Un “manifesto” informativo quindi, come primo passo. La discussione resta aperta su altri punti importanti, tra i quali quelli riguardanti le azioni concrete che un’amministrazione può fare per evitare che il proprio porto diventi approdo per questi natanti, scacciando così definitivamente questo rischio, tenendo presente che le decisioni importanti e definitive in materia vengono prese a livello nazionale.
 

·
virtual
Joined
·
5,815 Posts
Wow, c'è la Bush alla fonda! (alla fonda, perchè è fisicamente impossibile che una portaerei americana attracchi ad uno dei nostri moli)

Quasi quasi domani mi porto la macchina fotografica, deve essere un gran bel bestione... secondo Wiki è una delle navi da guerra più grandi al mondo.
 

·
Registered
Joined
·
16,447 Posts
Ragazzi vi mostro un servizio del TGR relativo al progetto del Waterfront di Euvè, andato in onda la settimana scorsa. Purtroppo tra le varie notizie che vengono date nel servizio, non si dice quando inizieranno i lavori.


Dal filmato ho estratto alcuni fotogrammi in cui si possono vedere alcuni rendering del progetto definitivo. Come potete notare ci sono diverse differenze rispetto al progetto preliminare che noi conoscevamo.
3 fotogrammi del rendering relativo alla risistemazione del Molo Beverello.






Questo è invece un fotogramma del rendering relativo alla risistemazione di Calata Piliero. Come potete vedere è scomparso l'edificio previsto nel progetto preliminare ed al suo posto resta l'attuale edificio dei Magazzini Generali, ovviamente ristrutturato.


Magari si riuscissero a trovare in internet altri rendering del progetto definitivo.
 

·
Free Palestine
Joined
·
5,642 Posts
grazie biagio io ho cercato un pò in rete perchè avevo intenzione di aprire una discussione ad hoc nella sezione dei progetti ma c'è davvero poco e non sapendo quando partiranno i lavori ho lasciato perdere...
se magari riusciamo a reperire un buon numero di info lo apro
 

·
Free Palestine
Joined
·
5,642 Posts
Sicurezza, nuovi occhi elettronici in città. "Un ulteriore passo avanti"

Arrivano nuovi occhi elettronici per garantire la sicurezza di turisti e crocieristi nell'area in prossimità del porto e sul lungomare cittadino. L'nnunciò è arrivato al termine della riunione del tavolo per l'Ordine pubblico e la sicurezza riunitosi oggi. Accanto al Prefetto di Napoli Andrea De Martino, i vertici di tutte le forze dell'ordine, il presidente dell'Autorità portuale Luciano Dassatti, il presidente della Camera di Commercio Maurizio Maddaloni, rappresentanti del Comune di Napoli e della Provincia e i rappresentanti degli armatori. Gli occhi elettronici, la cui installazione è finanziata con fondi Pon 2007-2013, andranno in funzione entro la fine dell'anno.

Quindici telecamere nell'area prospiciente al porto e lungo gli itinerari più battuti dai turisti, come piazza Municipio, via Duomo, via Medina, e altre dodici andranno a rafforzare il sistema nella zona di Mergellina e del lungomare. "Dopo la conclusione della bonifica interna alla stazione marittima - ha detto il prefetto De Martino - oggi compiamo un ulteriore passo avanti. Si tratta - ha aggiunto - di misure partite in nome della grande capacità di accoglienza della città e che dopo l'aeroporto e il porto, a breve, interesseranno anche la stazione ferroviaria".

Accanto alla videosorveglianza, un incremento della presenza di tutte le forze dell'ordine sia all'interno che all'esterno del porto e nelle zone più turistiche, cui si aggiunge il miglioramento dell'attraversamento pedonale di via Acton dove, da lunedì, partiranno lavori per la realizzazione di una banchina salvagente e l'installazione di segnaletica di sicurezza con segnale luminoso di pericolo cui si affiancherà cartellonistica con informazioni turistiche. (Ansa)
 

·
Banned
Joined
·
12,449 Posts
^^ Bel progetto, sarà importante, dal mio punto di vista
a) finire presto i lavori attualmente in corso;
b) non chiudere via Depretis ed il passaggio davanti all'hotel Londra;
c) che i lavori del waterfront non rompano le palle a via Acton, cosa che pare non debba comunque verificarsi.
 

·
Napoli, mille colori.
Joined
·
1,111 Posts
Si sa quando inizieranno veramente i lavori per il Waterfront!? E quelli in Piazza Mercato (di cui non sapevo nulla)?
 

·
Napoli, mille colori.
Joined
·
1,111 Posts
Finalmente si legge qualcosa di sicuro riguardo al progetto del porto!!! Ora non resta altro che sapere quando inizieranno i lavori...

p.s una curiosità ilove: perché pubblichi spesso più articoli pressoché uguali tra di loro? non ne basta uno? :lol:
 

·
Free Palestine
Joined
·
5,642 Posts
Finalmente si legge qualcosa di sicuro riguardo al progetto del porto!!! Ora non resta altro che sapere quando inizieranno i lavori...

p.s una curiosità ilove: perché pubblichi spesso più articoli pressoché uguali tra di loro? non ne basta uno? :lol:
Magari può capitare che qualche giornale dia un punto differente sulla situazione... in un piaese in cui giò siamo altamente DISinformati sono dell'idea che più informazioni circolano e meglio è :)



Uploaded with ImageShack.us
 
441 - 460 of 926 Posts
Top