SkyscraperCity Forum banner
1 - 19 of 19 Posts

· Registered
Joined
·
29,722 Posts
Fabrik, ti vedo polemico
Stai passando dall'altra parte della barricata? :)

Santo cielo, come sarebbe bello se non ci fossero barricate. Se i cittadini potessero dire serenamente e con calma la loro sulle trasformazioni urbane, insieme agli architetti, pubblici e privati, ai politici, ai vari attori economici.
Con calma, esplorando, sviscerando i temi, i pro e i contro ... immaginando.
Invece no.
Vualà il progetto sul giornale ... lavori cominciano DOMANI (che siamo efficienti!): non ti piace? Sei un primitivo, sei contro lo sviluppo, vai a vivere in africa!
Ti piace? Brutto stronzo nemico dell'ambiente, servo delle archistar!
Quale barricata?:)

Cmq , il progetto non è che sia così repentino.. è da 4 anni che l'iter burocratico va avanti (e non è ancora finito)

Non sono molto convinto del coinvolgimento attivo delle "persone comuni" nei proccessi di decisione e progettazione , penso che verrebbe fuori un caos ancora maggiore di quello "normale"

basterebbe che chi di dovere avesse un po di buon senso.. e questo è una merce rara.. sia tra le boriose archistar come tra le madamine
 

· Registered
Joined
·
29,722 Posts
Cresce la Nichelino "sostenibile"

Lo sviluppo della città di Nichelino è sostenibile e allo stesso tempo impetuoso. Gli investimenti programmati nel quinquennio 2004 – 2009 hanno toccato i 606,3 milioni di euro pari a 12mila euro per abitante (di cui 156,3 milioni di investimenti pubblici e 450 milioni di privati).


Sono stati avviati i progetti di Mondo Juve, piano Fuksas, piano edilizio dell’Articolo 18, interramento e raddoppio della ferrovia, rilancio di Stupinigi, teleriscaldamento e nuovo ospedale. Il sindaco Giuseppe Catizone ha illustrato il “caso Nichelino” al convegno “Obiettivo sostenibilità: design e logistica a confronto” organizzato mercoledì dalla Regione Piemonte a Torino. L’amministrazione comunale nichelinese negli ultimi anni si è data da fare per cambiare l’immagine di città ferma e poco vissuta che ha sempre caratterizzato Nichelino. «Il Comune è l’elemento centrale della trasformazione urbana attraverso il settore dell’edilizia: in questo senso ha un forte impatto sulla sostenibilità della città» spiega nella relazione Catizone.

L’amministrazione Catizone si è trovata a dover fare i conti con alcune scomode eredità del passato. La città è considerata da sempre un “ghetto” - dormitorio. Non solo: i nichelinesi hanno un basso tasso di identificazione con il loro territorio, la rete dei collegamenti pubblici è debole e c’è una scarsa valorizzazione delle risorse culturali (palazzina di Stupinigi) e ambientali (parco di Stupinigi e parco del Boschetto). In più: in passato non sono stati attivati piani strutturati di programmazione dello sviluppo. Il territorio ha però alcuni punti di forza: la presenza di una popolazione giovane e dinamica, un forte tessuto economico e produttivo con 2513 aziende, e un sistema infrastrutturale all’altezza grazie alla linea ferrovia e all’autostrada. Per affrontare le criticità, l’amministrazione Catizone si è mossa su più fronti. Per primo ha cercato di attrarre nuovi investimenti, poi ha puntato sulla valorizzazione delle risorse presenti e infine al potenziamento delle infrastrutture.

«I progetti portati avanti in questi anni sono la creazione di un parco commerciale di 230mila metri quadri (Mondo Juve), nuovi insediamenti produttivi per 70mila metri quadri (Pip 4), un nuovo quartiere (Fuksas) da 700 alloggi e altri 700 con il piano edilizio legato all’Articolo 18. In più: l’avvio del progetto per l’interramento e il raddoppio della ferrovia che oggi taglia in due la città e un piano strategico per il rilancio di Stupinigi. A questo si aggiunge il teleriscaldamento che in tre anni collegherà il 25 per cento delle utenze nichelinesi e ridurrà le emissioni di sostanze inquinanti» dice Catizone. Il quartiere Fuksas sarà un esempio di costruzione sostenibile. Sorgerà da un mix di edilizia convenzionata, libera e in affitto. Rispetterà il protocollo di Itaca che prevede impianti energetici a basso impatto ambientale, l'utilizzo di materiali riciclabili e il riuso delle acque reflue. Un quartiere moderno con alloggi a prezzo di mercato. Identica soluzione è pensata per il piano edilizio legato all'Articolo 18». dice il sindaco.
La ciliegina sulla torta è l’aver ottenuto che il nuovo ospedale dell’Asl To 5 sorgesse a due passi dal territorio comunale, in zona Carpice, al confine con Moncalieri.

http://www.comune.nichelino.to.it/index.php?option=com_content&task=view&id=671&Itemid=257
 

· Registered
Joined
·
29,722 Posts
Via al piano Fuksas

[...] nasce un nuovo quartiere da 630 appartamenti, tre torri da venti piani e social housing. È il progetto conosciuto come «Piano Fuksas», dal nome dell’architetto che per primo mise la firma su questo piano [...] ormai quindici anni fa.

Nel corso del tempo ha subito modifiche [...] le autorizzazioni del caso erano già state date dieci anni fa. [...] palazzo civico ha lavorato perché i 900 alloggi iniziali diventassero molti meno, oltre a pretendere che il tutto fosse inserito in un contesto urbano adeguato alla vicina zona di Stupinigi.

Gli appartamenti e i conseguenti negozi, saranno quindi dislocati lungo due boulevard alberati, circondati da un parco. I lavori inizieranno entro poche settimane, anche se, in un certo senso, con l’avvio dei cantieri della casa di riposo accanto al poliambulatorio dell’Asl, si può dire che il nuovo quartiere ha giàiniziato a nascere.

«Non sarà un gruppo di case staccato dal resto della città [...], abbiamo già ipotizzato l’inserimento di una scuola, negozi e viabilità adatta all’arrivo di circa duemila persone. Si è lavorato per limitare l’impatto ambientale e visivo».

Le tre torri, forse, [...]: «Saranno tutti edifici con finiture di pregio [...], sono convinto che anche i tre grattacieli faranno la loro figura. All’interno, è possibile arrivino un hotel e uffici. [...]
(La Stampa)
 
1 - 19 of 19 Posts
Top