SkyscraperCity banner

POSTCHIAMPA CHI PREFERIRESTE COME FUTURO SUCCESSORE?

  • EVELINA CHRISTILLIN

    Votes: 3 14.3%
  • DAVIDE GARIGLIO

    Votes: 2 9.5%
  • PIERO FASSINO

    Votes: 3 14.3%
  • FRANCESCO PROFUMO

    Votes: 5 23.8%
  • NESSUNO DI QUESTI

    Votes: 8 38.1%
Status
Not open for further replies.
1 - 20 of 63 Posts

·
Turin is My City
Joined
·
5,493 Posts
Discussion Starter · #1 ·

·
Registered
Joined
·
10,895 Posts
Escludo immediatamente Piero Fassino. :)

Gli altri non li conosco. Se puoi inserire delle brevi note su tutti posso "giudicare" meglio :)
 

·
Turin is My City
Joined
·
5,493 Posts
Discussion Starter · #4 ·
Evelina Christillin è nata a Torino il 27 novembre 1955

Consegue laurea in Storia e Demografia Storica. Ha lavorato alla cattedra di Storia Moderna presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Torino, con la quale tuttora collabora.

E' Vice Presidente Vicario TOROC.

Prima dell'esperienza accademica ha lavorato dal 1978 al 1985 all'Ufficio Stampa Fiat occupandosi degli eventi sportivi e della stampa estera.

Nel 1996-1997 ha fatto parte del Comitato Scientifico per i cento anni della Juventus curando la mostra e il relativo catalogo.

E' Presidente dell’Associazione PR.A.TO. (Prevenzione Anoressia Torino), Presidente della Filarmonica ‘900 del Teatro Regio di Torino e Presidente Onorario dell’Associazione “Le Terre dei Savoia”.

Nel 1998-99 è Presidente Esecutivo del Comitato Promotore Torino 2006.

Da aprile 2001 a maggio 2005 fa parte della Giunta Nazionale del CONI, eletta in qualità di dirigente sportivo con delega speciale alle Olimpiadi del 2006.

Dal 5 febbraio 2000 è Vice Presidente Vicario del TOROC, il Comitato per l'Organizzazione dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006, con delega all’organizzazione delle Olimpiadi della Cultura.

Inoltre fa parte del Consiglio Direttivo del Comitato Organizzatore delle Olimpiadi degli Scacchi di Torino 2006.

E’ consigliere di SAES Getters S.p.A. dal 1996.

FRANCESCO PROFUMO


Nato a Savona nel 1953. Laurea al Politecnico di Torino in Ingegneria Elettrotecnica nel 1977. Dal 1978 al 1984, ha lavorato come Ingegnere Progettista, presso l'Ente Ricerca e Sviluppo della Società Ansaldo a Genova. Nel 1984 si è trasferito al Dipartimento di Ingegneria Elettrica Industriale del Politecnico di Torino. Attualmente è Professore Ordinario di Macchine ed Azionamenti Elettrici presso il Politecnico di Torino e Professore Incaricato all'Università di Bologna.
I suoi interessi scientifici si concentrano sulla conversione dell'energia e su strutture per l'attuazione del moto non convenzionali. In particolare, in oltre 20 anni di attività di ricerca, si è occupato della ideazione e della progettazione di sistemi innovativi nel campo dei sistemi integrati elettronici/elettromeccanici, dei controlli digitali per l'automazione industriale, dell'elettronica di potenza, dei componenti elettronici di potenza, degli azionamenti elettrici ad elevate prestazioni.
Ha pubblicato oltre 230 lavori su riviste scientifiche internazionali di settore e sugli atti di conferenze internazionali. E' membro attivo dell'IEEE-Industry Applications Society * Industrial Drives Committee (Stati Uniti), di cui è attualmente il Presidente. Nel primo semestre 2006 è stato il Technical Co-Chairman della Conferenza IPEMC '06 a Shangai (Cina). E' membro del Consiglio di Amministrazione dell'EPE Association. È inoltre membro del Comitato di Gestione del Laboratorio HySy_Lab (Hydrogen System Laboratory), costituito nel 2002 dall'Environmental Park (Torino), dalla Provincia di Torino, dall'ATM, dalla Sapio e dal Politecnico di Torino. Ha vinto inoltre il premio per il miglior lavoro alla Conferenza IEEE-IAS (Stati Uniti) nel 1992 ed alla Conferenza IPEC a Niigata (Giappone) nel 2005
E' stato Coordinatore o partner di numerosi Progetti finanziati dalla Commissione Europea e di Progetti e Contratti finanziati da Enti ed aziende pubbliche e private in Italia. Dall'autunno 2003 è stato il Preside della I Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino e dal 1° ottobre 2005 è il Rettore del Politecnico di Torino. Egli è inoltre valutatore per numerosi programmi della Commissione Europea e per i Progetti CAMPUS della Conferenza dei Rettori Italiani.

Biografia

Davide GARIGLIO è nato il 3 aprile 1967 a Torino, laureato in Giurisprudenza all’Università di Torino, avvocato iscritto al Foro di Torino. Dal 2003 al 2005 ha ricoperto la carica di amministratore delegato di GTT–Gruppo Torinese Trasporti, dopo quella di amministratore di ATM e di Satti. Si è occupato della riforma della pubblica amministrazione sia come consigliere giuridico del Ministero della Funzione pubblica (dal 1998 al 2000) sia come consulente della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Unione delle Province Piemontesi. Dal 1990 al 1997 è stato consigliere della Circoscrizione San Donato-Parella di Torino per la Democrazia Cristiana, di cui era già membro nel movimento giovanile, poi ha aderito al Partito Popolare Italiano e quindi a La Margherita. Dal 2003 è componente dell’Esecutivo regionale della Margherita, ha partecipato alla costruzione del Partito Democratico a cui è iscritto dal 2007, data della sua fondazione. Nelle elezioni 2005 è stato eletto per la prima volta in Consiglio regionale (quota proporzionale), nella circoscrizione di Torino, con 10.146 voti di preferenza. Nella prima seduta dell’VIII legislatura, il 16 maggio 2005, è stato eletto presidente del Consiglio regionale, riconfermato con un ampio consenso alla scadenza di metà legislatura nella seduta del 27 novembre 2007.



nato il 7 ottobre 1949 ad Avigliana - una cittadina nei pressi di Torino, all’imbocco della Val di Susa - che fu in tempi lontanissimi capitale del regno celtico dei Cozii e in tempi più vicini città sabauda, con un momento di fioritura sotto Amedeo VII e Amedeo VIII di Savoia.
Poco dopo la mia nascita, la mia famiglia si trasferisce a Torino, dove sono cresciuto, ho studiato, prima allievo dei gesuiti, poi frequentando all’Università i corsi di Norberto Bobbio, Leopoldo Elia e Claudio Napoleoni.
Inizio a fare politica, in “Nuova Resistenza” un’associazione giovanile nata sull’onda dei moti democratici del luglio ’60. Una scelta quasi naturale in famiglia: mio nonno materno fu tra i fondatori del Psi, mio padre è stato uno dei capi della Resistenza in Piemonte e poi anch’egli esponente socialista. Non era così scontato, perciò, che nell’ottobre del ’68 scegliessi di iscrivermi al Pci, dopo aver partecipato alla nascita del Movimento studentesco e al suo tumultuoso esplodere.
A Torino conduco la mia esperienza politica per vent’anni, con incarichi politici e nelle istituzioni locali, in una città caratterizzata da forti flussi migratori, da impetuosa espansione produttiva, da crescita demografica e sociale, dall’irrompere sulla scena di una giovane classe operaia nuova linfa per sindacati e partiti della sinistra. Una città segnata anche da conflitti sociali aspri, nei quali cercò di inserirsi il terrorismo contro il quale – insieme a tanti altri – impegnai le mie energie. Mi sono così formato a contatto quotidiano con il mondo della produzione e del lavoro, l’universo Fiat e quel movimento operaio che ha dato un’impronta forte alla mia identità politica e a cui ho dedicato la mia laurea in scienze politiche con una tesi sui “35 giorni dell’ottobre ‘80”.
Nell’87 mi trasferisco a Roma, chiamato da Achille Occhetto a guidare l’organizzazione del Pci nel cruciale passaggio di fondazione del Partito Democratico della Sinistra (PDS). Anni nei quali conosco da vicino, e in tutta Italia, la vita di un partito, la formazione delle sue classi dirigenti, il suo rapporto quotidiano con la società. Un’esperienza che mi sarà preziosa quando, anni dopo, sarò eletto Segretario nazionale dei DS.
Dal ’91 mi dedico alla politica estera, guidando l’ingresso del Pds nell’Internazionale Socialista e nel Pse e occupandomi di integrazione europea, di Balcani, di Medio Oriente, di America Latina. E di politica estera ho continuato ad occuparmi in Parlamento, dal ’94 ad oggi, come membro della Commissione Esteri della Camera dei Deputati, del Consiglio d’Europa e dell’Assemblea parlamentare Nato. Un’esperienza che mi ha portato nel ’96 a entrare nel Governo Prodi come Sottosegretario agli Esteri e nel ’98 nel Governo D’Alema come Ministro del Commercio estero.
Nel 2001 su proposta di Giuliano Amato assumo l’incarico di Ministro della Giustizia nel suo governo. I temi della giustizia diventano così – accanto alle questioni economiche-sociali e alla politica estera – il terzo profilo della mia esperienza politica.
Nel 2001, all’indomani della vittoria elettorale di Berlusconi, mi candido a Segretario nazionale dei Democratici di Sinistra, incarico a cui son eletto nel Congresso di Pesaro. Mi dedico così a ricostruire l’Ulivo e a creare le condizioni perché il centrosinistra torni a governare l’Italia con Romano Prodi. Un obiettivo ottenuto, prima con le vittorie elettorali nelle elezioni regionali, amministrative ed europee del 2002-2005, e poi con il successo alle elezioni politiche del 2006.
In questi ultimi due anni, infine, il mio impegno si è concentrato sull’affascinante progetto di unire le diverse forze politiche riformiste in un unico grande Partito Democratico, che ha visto la luce il 14 ottobre 2007 con le elezioni primarie a cui hanno partecipato oltre tre milioni e mezzo di cittadini.
Dal novembre scorso, inoltre, sono Inviato speciale dell'Unione Europea per la Birmania, un incarico che mi onora e in cui l’esperienza accumulata può essere spesa in un nuovo impegno per la pace e per la promozione dei diritti umani.
Insomma: vivo la politica con grande passione, spendendo ogni mia energia per un’Italia più giusta, più moderna, più competitiva, dove tutti sentano di avere più diritti, più opportunità e più libertà.
Ma la politica non esaudisce la mia vita.
Amo il calcio e la mia squadra del cuore è la Juventus, dove ho anche giocato da ragazzo.
Amo il cinema, a cui mi sono appassionato in gioventù con i film di Visconti, Fellini, Rossellini, Rosi e del nouveau cinema di Truffaut, Godard, Resnais.
Amo la musica, tutta, con una particolare predilezione per Mozart, Ravel, Bizet e i grandi musical di Broadway.
E amo leggere: Calvino, Cassola, Bassani, Pavese, Fenoglio, Vittorini sono stati gli autori della mia gioventù. E in questi anni più maturi Eco, Magris, Camilleri, Mazzantini, Ammanniti. Amo la letteratura americana di Faulkner, Fitzgerald e Steinbeck. Così come amo Amos Oz, David Grossman, Abraham Yehshoua , Meir Shalev che rappresentano quell’universo ebraico con cui fin dai tempi torinesi ho stabilito solidi legami.
E, infine, a dispetto del mio aspetto fisico, mi piace mangiare bene e bere bene, anche grazie alla lunga amicizia che da anni mi lega a Carlin Petrini.

ecco qui
 

·
Turin is My City
Joined
·
5,493 Posts
Discussion Starter · #7 ·
-EVELINA CHRISTILLIN

-DAVIDE GARIGLIO

-PIERO FASSINO (prima e dopo:lol:)

-FRANCESCO PROFUMO
 

·
Cesm Group Founder
Joined
·
8,042 Posts
Chi è che chiama Rino? Un post? ......Ma di SSC??
 

·
Turin is My City
Joined
·
5,493 Posts
Discussion Starter · #11 ·

Michele Coppola, ho 32 anni, sono nato e cresciuto a Torino, Città che negli ultimi 3 anni ho avuto spesso l'onore di rappresentare in qualità di Vicepresidente del nostro Consiglio Comunale.

Sono Consigliere Comunale dal 1999. Il mio impegno in politica è iniziato nel 1994 con la nascita di Forza Italia, partito al quale ho da sempre trasmesso entusiasmo ed energie. Sono laureato in Scienze Politiche Internazionali e lavoro in un'importante impresa di comunicazione.
Ho assolto i miei doveri di leva, con orgoglio, nell'Arma dei Carabinieri, rinnovando così un importante tradizione di famiglia.

mario carossa
..........................
ma mario carossa è preferito


il primo "troppo democratico"
 

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Non ho capito il senso del thread... perché solo candidati del PD? Chiamalo "primarie del PD a Torino" la prox volta.
 

·
concittadino di godot
Joined
·
483 Posts
Profumo, e' l'unico che e' gia' dentro il processo di trasformazione di Torino con il Politecnico, quindi parte bene. Che sia da una parte o l'altra frega poco, interessa gente capace. Lui sembra esserlo.
 

·
Registered
Joined
·
16,446 Posts
Who is CHIAMARINO?! :D :lol:
 

·
Registered
Joined
·
6,240 Posts
Piuttosto di dare la mia preferenza alla Christillin, con quell'aria da "Madama della Collina Torinese con erre moscia e campionessa di Whist" o "Frate Gariglio della Santa Inquisizione" mi trasferisco a... Milano! :bash:
 

·
Registered
Joined
·
6,240 Posts
Chi era lo sfidante di Chiamparino nel 2001 e nel 2006 ?
2001: Roberto Rosso di Forza Italia, un tizio del Monferrato più che altro adatto a presentare una fiera agricola di trattori e trebbiatrici per risaie, con elezione di "Miss Mondina";
2006: Rocco Buttiglione dell'UDC, che improvvisamente si è sentito torinese, forse perchè una volta nella vita ha assaggiato un giandujotto...
 

·
Orto contorto
Joined
·
12,083 Posts
Piuttosto di dare la mia preferenza alla Christillin, con quell'aria da "Madama della Collina Torinese con erre moscia e campionessa di Whist" o "Frate Gariglio della Santa Inquisizione" mi trasferisco a... Milano! :bash:
A essere sicuri che facesse il bene di Torino...

E' molto bene agganciata a parecchi ambienti torinesi....
 
1 - 20 of 63 Posts
Status
Not open for further replies.
Top