SkyscraperCity banner

1 - 20 of 24 Posts

·
ad mos maiorum
Joined
·
3,866 Posts
Discussion Starter · #1 ·
PORTI:GIOIA TAURO;BIANCHI,PER PIANO SVILUPPO STANZIATI 50MLN

(ANSA) - ROMA - Il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, ha firmato il decreto ''che stanzia 50 milioni per lo sviluppo del porto di Gioia Tauro, come previsto dalla Finanziaria 2007''.....
.....Nell'occasione, a margine di un incontro con le Autorita' Portuali sul tema della sicurezza, Bianchi ha fatto anche il punto su altre opere previste per la Calabria ed i collegamenti tra Calabria e Sicilia. Per la nuova metropolitana di superficie tra Mèlito Porto Salvo, Reggio Calabria e Rosarno, ''dove gia' circolano due treni in via sperimentale - ha spiegato Bianchi -, dal 18 febbraio entreranno in funzione sette coppie di treni. Nell'attesa che vengano acquistati treni nuovi Trenitalia impieghera' treni rigenerati. Ci sono stazioni da ristrutturare, Scilla e Bagnara. Ed e' prevista la nuova stazione aeroporto. E piazzali di interscambio. Per farlo i soldi ci sono, 40 milioni''. Per il ministro e' ''un sogno realizzato, almeno - aggiunge - fino a Mèlito''. Bianchi ha parlato di altri ''40 milioni'' per migliorare i servizi di collegamento nello Stretto di Messina, anche con una nave veloce Messina-Aeroporto di Reggio Calabria, e del progetto per l'autostrada del mare Corigliano-Catania, per la quale e' previsto un bando di gara e gia' sono arrivate informali manifestazioni di interesse. Due obiettivi per i quali e' necessario, su richiesta della Corte dei Conti, un nuovo passaggio parlamentare, ed potrebbero essere quindi ritardati dalla crisi di governo. Per Corigliano il ministro ha accennato anche al progetto di farne una tappa sulla rotta delle navi da crociera, promuovendo itinerari turistici della zona.
 

·
Registered
Joined
·
12 Posts
Ciao a tutti innanzitutto, mi presento sono Fabio, abito a Pisa ma sono di Reggio Calabria.Innamorato della mia terra, sono un laureando in Ingegneria dei Trasporti e quindi ho la passione per i trasporti in genere ma per il "mio" aeroporto Tito Minniti in particolare.
Fatta questa doverosa premessa, entro subito in tema, dicendo che la cosiddetta ferrovia metropolitana, funziona bene, tranne alcuni inconvenienti all' inizio.
Purtroppo attendiamo ancora la famisa fermata Aeroporto-RC per riuscire finalmente ad avere la possibilità di fruire appieno di una vera e propria metropolitana.
Tra l'altro a breve dovrebbero essere ristrutturate un paio di stazioni urbane, e inagurata quella di Reggio Marittima, al Porto, attacata al nuovo terminal per gli aliscafi
 

·
Registered
Joined
·
1,854 Posts
sulle vetture ad esempio...fa parte delle ferrovie dello stato o è una compagnia di trasporti privata che gestisce tutto?
 

·
Registered
Joined
·
12 Posts
No no il servizio è svolto da Trenitalia, e attualmente viene fatto con Minuetto ( mi sembra che dei 2 disponibili ne utilizzino solo 1) e per il resto con vecchio materiale rotabile, che ci viene gentilmente spedito dalle altre Regioni.
La tratta è molto utilizzata soprattutto per i numerosi lavoratori e studenti e che si servono di Reggio o vanno ad esempio a Messina (fermando a Villa S.Giovanni).
Il tracciato sino a Rosarno-Reggio Calabria Centrale, è lo stesso tracciato della Tirrenica, per intenderci quello a lunga percorrenza e comprende una serie di stazioni del tessuno urbano reggino, realizzate negli anni passati (tipo le fermate Reggio Calabria S.Caterina o Reggio Calabria Lido).
Da Reggio Calabria Centrale sino a Melito Porto Salvo, si serve del nuovo tracciato raddoppiato ed elettrificato della vecchia ferrovia Jonica.

Ti segnalo che la stazione Reggio Marittima, ubicata al Porto è finita ed attesa di essere inagurata.
Puoi trovare delle foto qui: http://peppecaridi2.wordpress.com/category/stretto-di-messina/ quella che vedi è la nuova stazione passeggeri per gli aliscafi diretti a Messina e nelle immediate vicinanze si trova la Stazione Marittima, eccola qui:


Per avere una idea visita qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Stazione_di_Reggio_Calabria_Lido

Adesso,come ripeto, l'importante è che realizzino la fermata Reggio-Aereoporto.
 

·
Registered
Joined
·
417 Posts
Stazione Reggio Mare

REGGIO CALABRIA: zona compresa tra le stazioni Lido e Santa Caterina.

Dopo una breve pausa di riflessione, i nostri amati politici tornano a colpire con le loro dannose iniziative anti-ferrovia. E' notizia di pochi giorni fa l'acquisizione da parte del Comune di Reggio Calabria dell'area occupata dall'ormai abbandonato scalo merci della stazione di Reggio Calabria Marittima. Il progetto prevede di trasformare l'intero piazzale in un mega parcheggio per automobili ed autobus, che secondo chi ha avuto questa felice idea, dovranno collegare il porto (che verrà completamente aperto al traffico veicolare!) con la zona dell'aeroporto ed il resto della Calabria tramite le ben note autolinee foraggiate dalla Regione.

Perchè l'iniziativa è assolutamente ridicola, inutile, dispendiosa e controproducente per la Città dello Stretto? Prima di tutto riteniamo sia sbagliato affidare i collegamenti pubblici tra la zona portuale e quella aeroportuale alla gomma: il Comune di Reggio Calabria ha notato che esiste una stazione chiamata Reggio Calabria Mare, che si collega alla ferrovia tirrenica a Reggio Calabria Lido, e potrebbe venire utilizzata come capolinea di eventuali treni metropolitani su Melito di Porto Salvo? Il Comune di Reggio Calabria ha notato che la ferrovia Jonica passa a poche centinaia di metri dall'aeroporto, e che basterebbe istituire una semplice fermata dotata di due marciapiedi per dare un servizio ferroviario all'aerostazione?

In una regione governata da persone intelligenti da Reggio Calabria Mare verrebbe istituito un treno Regionale da Melito per ogni partenza di aliscafo, ed uno in partenza per ogni arrivo da Messina, dando così la possibilità ai viaggiatori diretti verso lo Jonio di trovare un treno diretto almeno fino a Melito, oppure con cambio a Reggio Calabria Centrale un treno verso Rosarno/Tropea/Lamezia Terme, o Roccella/Catanzaro/Crotone. Invece in Calabria si preferisce caricare i pendolari del mare su un comunque comodo e frequente autobus dell'ATAM, che però rispetto al treno è molto più lento! Senza contare le miriadi di autolinee a media percorrenza dirette verso lo Jonio o il Tirreno, che partono dal piazzale antistante all'imbarco degli aliscafi!

Voi lettori giustamente penserete: istituire un nuovo servizio metropolitano ferroviario di questi tempi non è molto facile, vista l'attuale situazione finanziaria nazionale, e sicuramente un servizio di bus navetta costa molto di meno. E' anche vero. Ma noi vi dimostriamo ancora una volta la politica anti-ferroviaria che vige nella nostra Regione. Supponiamo di abbandonare l'ipotesi dei treni a Reggio Calabria Marittima: a poche centinaia di metri si trova la stazione di Reggio Calabria Santa Caterina, posta sulla ferrovia per Rosarno-Lamezia. Questa è in servizio regolare, si trova a ridosso delle banchine del porto ed a poche centinaia di metri dall'imbarco degli aliscafi: peccato che non sia possibile alcun tipo di interscambio ferrovia-mare, visto che la stazione è separata dal porto da un muraglione di quasi quattro metri! Allora a questo punto ci chiediamo: ma se il comune di Reggio Calabria ha avuto l'idea di impestare di auto ed autobus l'area portuale, perchè non ha avuto l'idea di installare una semplicissima ed economica scaletta, anche in ferro, per permettere ai viaggiatori scesi dal treno di raggiungere il porto e viceversa? Questa è una vera e propria dichiarazione di guerra al trasporto ferroviario, e soprattutto una dichiarazione di guerra ai cittadini calabresi che hanno voglia di vivere in un ambiente meno inquinato ed intasato dalle solite scatolette gommate, ed in una regione meno collusa con criminalità organizzata e pseudo-imprenditori di quartiere. Prima di chiudere il post ricordiamo che a giorni si terranno le votazioni per la Provincia di Reggio Calabria: dovrebbe essere dovere di tutti protestare contro questi quotidiani insulti alla popolazione, e per questo il nostro consiglio è quello di annullare le schede elettorali in segno di disprezzo verso questa casta politica che sta distruggendo la nostra terra.


L'ex area(circa 3000 mq) dello scalo merci di Reggio Calabria Marittima, che verrà trasformata in mega parcheggio. A parte la questione legata al trasporto viaggiatori, dismettere definitivamente lo scalo significa perdere un'occasione per ripristinare il traffico merci ferroviario: portare i carri merci praticamente fin dentro la città significherebbe decine di tir in meno nelle trafficate vie reggine, sostituiti da piccoli furgoni dedicati alla distribuzione delle merci dallo scalo alle attività commerciali. Ma siamo in Calabria, non in Svizzera...


Il fabbricato viaggiatori di Reggio Calabria Marittima, tra l'altro anche ristrutturato (ne abbiamo già parlato qua:http://ferrovieincalabria.blogspot.com/2010/10/perche.html)... oltre al danno la beffa!



L'autentica muraglia cinese che blocca l'interscambio tra la ferrovia ed i servizi marittimi: perchè nessuno ha mai pensato a far installare una semplice scaletta? La risposta si trova sulla sinistra della foto...


Fonte: Ferrovie in Calabria
 

·
Registered
Joined
·
27 Posts

·
Registered
Joined
·
54,619 Posts
In costruzione le fermate RC Aeroporto e Annà. :)
http://www.regione.calabria.it/ambi...ggettabilit/privati/rfi/studioprogettuale.pdf

Sono previste ulteriori 6 stazioni ferroviarie da aggiungersi alle attuali 14 stazioni del servizio ferroviario metropolitano tra Villa San Giovanni-Reggio Calabria-Melito di Porto Salvo :cheers:

Ottimo!
Grazie per la segnalazione.

E in futuro vedrei bene anche l'integrazione con la prevista metropolitana dello Stretto.
 

·
Registered
Joined
·
3,692 Posts
la stazione di reggio porto è allucinante. inaugurata qualche anno fa,con struttura,biglietteria ecc. nuovo di zecca.
tutta la struttura abbandonata,compreso il tronco ferroviario elettrificato con tanto di tunnel sottorraneo
 

·
Registered
Joined
·
27 Posts
la stazione di reggio porto è allucinante. inaugurata qualche anno fa,con struttura,biglietteria ecc. nuovo di zecca.
tutta la struttura abbandonata,compreso il tronco ferroviario elettrificato con tanto di tunnel sottorraneo
già... secondo me la cosa migliore comunque sarebbe fare una nuova stazione ferroviaria accessibile dal porto e il più vicino possibile all'attracco degli aliscafi visto che la ferrovia passa lungo il porto, per intenderci simile a quella di Santa Caterina ma fatta 600 metri prima e con un sottopassaggio per accedere dal porto... peccato che un'idea del genere non sia stata presa in considerazione... :eek:hno:
 

·
scostumated user
Joined
·
518 Posts
se non ricordo male questo servizio che chiamate "metropolitano" non ha (o almeno non ha ancora) nessuna caratteristica metropolitana. non mi pare sia cadenzato.sbaglio?è un normale servizio regionale.
ho viaggiato parecchie volte su questa tratta in diverse ore della giornata e in diversi periodi dell'anno e non mi è mai parsa realmente utilizzata se si esclude ,forse,la mattina a causa piu che altro degli spostamenti di studenti delle superiori.

Reggio ha uno sviluppo costiero ma se si guarda bene esistono tanti quartieri che si inerpicano nelle colline alle spalle della città. non sarebbe auspicabile (fondi permettendo)la creazione di una buona rete di filobus che permetta il collegamento tra le aree collinari e le stazioni ferroviarie costiere,il centro e magari anche l'hinterland tipo campo calabro,villa,melito?

un altra cosa: avete costruito quel mostro inutile di tapis rulant spendendo (se sbaglio non faccio) 17 milioni di euro con il riultato di avere un drago ingombrante e sottoutilizzato in pieno centro storico e non aver ridotto il traffico cittadino nemmeno di un auto.

con 17 milioni di euro si potevano acquistare una caterva di mini bus ecologici da far girare nel centro storico(magari dopo averlo chiuso al traffico creando parcheggi esterni anche loro collegati con servizi navetta) e fornire un servizio capillare ad una massa di popolazione enormemente superiore a quella che il tapis roulant può intercettare.

il centro storico di reggio sembra quello di un piccolo paesino di provincia dove solo il corso (e d'estate la parallela via marina) sono fruibili e vivi mentre il resto del centro è solo un parcheggio per le auto,poco vissuto e poco inserito nella ''movida'' diurna.il tapis roulant non ha contribuito in alcun modo a migliorare le cose
non sarebbe meglio chiudere in modo totale o parziale il traffico nelle vie parallele al corso e renderle pedonali? non sarebbe meglio far attreversare il centro solo dai mezzi pubblici?
che ne pensate?
 

·
MetroFanatic User
Joined
·
1,387 Posts
se non ricordo male questo servizio che chiamate "metropolitano" non ha (o almeno non ha ancora) nessuna caratteristica metropolitana. non mi pare sia cadenzato.sbaglio?è un normale servizio regionale.
ho viaggiato parecchie volte su questa tratta in diverse ore della giornata e in diversi periodi dell'anno e non mi è mai parsa realmente utilizzata se si esclude ,forse,la mattina a causa piu che altro degli spostamenti di studenti delle superiori.

Reggio ha uno sviluppo costiero ma se si guarda bene esistono tanti quartieri che si inerpicano nelle colline alle spalle della città. non sarebbe auspicabile (fondi permettendo)la creazione di una buona rete di filobus che permetta il collegamento tra le aree collinari e le stazioni ferroviarie costiere,il centro e magari anche l'hinterland tipo campo calabro,villa,melito?

un altra cosa: avete costruito quel mostro inutile di tapis rulant spendendo (se sbaglio non faccio) 17 milioni di euro con il riultato di avere un drago ingombrante e sottoutilizzato in pieno centro storico e non aver ridotto il traffico cittadino nemmeno di un auto.

con 17 milioni di euro si potevano acquistare una caterva di mini bus ecologici da far girare nel centro storico(magari dopo averlo chiuso al traffico creando parcheggi esterni anche loro collegati con servizi navetta) e fornire un servizio capillare ad una massa di popolazione enormemente superiore a quella che il tapis roulant può intercettare.

il centro storico di reggio sembra quello di un piccolo paesino di provincia dove solo il corso (e d'estate la parallela via marina) sono fruibili e vivi mentre il resto del centro è solo un parcheggio per le auto,poco vissuto e poco inserito nella ''movida'' diurna.il tapis roulant non ha contribuito in alcun modo a migliorare le cose
non sarebbe meglio chiudere in modo totale o parziale il traffico nelle vie parallele al corso e renderle pedonali? non sarebbe meglio far attreversare il centro solo dai mezzi pubblici?
che ne pensate?
Mi dispiace ma non sei assolutamente informato.
In primo luogo:
il Comune di Reggio Calabria ha avviato da un po', precisamente dall’uno Dicembre 2011, alcune proposte che puntano all'investimento sul trasporto pubblico utilizzando sistemi a basso impatto ambientale, all'incremento dei sistemi di mobilità intermodali con l'aumento della disponibilità di parcheggi di scambio nei quali l’automobilista potrà lasciare la propria autovettura per proseguire il tragitto utilizzando i mezzi pubblici, la promozione di una mobilità alternativa che spronerà i cittadini a seguire quel percorso di educazione stradale. Il servizio di linea è stato riprogettato in modo da favorire l’interscambio con i diversi vettori mediante un coordinamento degli orari e un adeguamento delle frequenze nelle diverse fasce orarie. Inoltre è stato potenziato il servizio oltre che verso i principali poli attrattivi della città anche verso quelle località che, negli ultimi anni, hanno avuto un aumento consistente di insediamenti abitativi. In più, nell’area centrale (asse piazza De Nava – piazza Garibaldi) è stato previsto un transito di 450 corse al giorno, con un intertempo medio di 2,1 minuti che si riduce a 1,3 minuti nell’ora di punta. Nella ridefinizione del programma di esercizio è stata posta grande attenzione all’integrazione con i servizi ferroviari anche a seguito dell’integrazione tariffaria già avviata con l’istituzione dei Trebus (Melito – Reggio Calabria – Rosarno) permettendo così di migliorare e rendere più frequenti i collegamenti tra la provincia e i principali poli attrattori della città. Si lavora per creare un’altra area sosta per la zona Nord e allo studio, in atto, c’è l’integrazione con il servizio di trasporto extraurbano su gomma previsto a piazzale Botteghelle e al piazzale della Libertà!
Ma veniamo al Tapis Roulant. Ti comunico che esso non rappresenta un intervento fine a se stesso. Gia' consente la mobilita' dalla parte bassa a quella alta della citta', ed è gia' tanto nell'ottica di una sempre maggiore pedonalizzazione del centro storico. C'è un progetto molto articolato.

- Saranno realizzati altri tre Tapis Roulant. Uno, il più lungo e importante, andrà dalla Stazione Lido fino agli Ospedali Riuniti, passando per via Roma e per il parco Caserta. Gli altri due riguardano invece la Cittadella Universitaria e collegheranno le facoltà di Ingegneria, Architettura e Agraria.
- Proprio in funzione dei Tapis Roulant, saranno realizzate opere propedeutiche. Sul Lungomare sarà creata una stazione ferroviaria proprio in corrispondenza di via Giudecca, all’altezza del Tapis Roulant. In cima allo stesso Tapis Roulant, inoltre, saranno realizzati tre ampi parcheggi di scambio multipiani: uno nei pressi del Museo Civico del Sales, in via Reggio Campi, due in via Possidonea. Altri due parcheggi di scambio multipiani, inoltre, saranno realizzati presso gli Ospedali Riuniti, in cima al lunghissimo tapis Roulant che partirà dalla stazione Lido. Uno di questi due parcheggi sarà molto ampio.
- Altri due ampi parcheggi di scambio multipiani saranno realizzati in funzione della linea ferroviaria: uno a piazza Garibaldi e un altro presso la Pineta Zerbi, all’inizio del Lungomare, di fronte al ’Gran Cafè’.
- Saranno realizzati una serie di interventi per migliorare la viabilità legata alla linea ferroviaria. Sarà rimosso il passaggio a livello ’Stadio’ e saranno eliminate altre interferenze della zona del viale Aldo Moro: tutti i passaggi a livello in area urbana spariranno, consentendo un traffico più scorrevole e una migliore fruibilità delle coste e del mare nella zona sud della Città.
- Relativamente al contesto del nuovo waterfront cittadino e della sua estensione, la stazione centrale sarà abbassata e interrata totalmente.
- Saranno creati due sistemi di mobilità sostenibile ed ecocompatibile in sede riservata e protetta a guida vincolata tipo ’City-Mobile’. Si tratta di cabine che si muovono sui binari e che vengono comandate dai fruitori stessi. Una specie di tram sul tipo di quello in corso di realizzazione presso la nuova fiera di Roma. Uno riguarda la zona nord della Città, l’altro la zona Sud. Il primo, si muoverà lungo l’asse mare-monti del Viale della Libertà. I due binari partiranno uno dal Porto, dalla Stazione Marittima, e un altro dalla Stazione Lido. Si congiungeranno in un unico binario proprio sul Viale della Libertà e arriveranno fino in cima, all’inizio della Cittadella Universitaria. Il secondo, invece, si muoverà lungo l’asse mare-monti delle Bretelle lungo il Calopinace, da piazza Garibaldi fino al Ce.Dir.
- Proprio in funzione di questi sistemi di mobilità, saranno realizzate altre opere propedeutiche, e nello specifico due parcheggi di scambio multipiani in cima ad entrambe le tratte. Uno, molto ampio, nell’area del Ce.Dir. e del nuovo Palazzo di Giustizia e un altro alla fine del viale della Libertà, lì dove inizia la cittadella universitaria.
fonte per l'ultima parte: peppecaridi2.wordpress.com/2010/07/16/reggio-in-esclusiva-tutti-i-dettagli-del-piano-di-mobilita-la-citta-si-proietta-nel-futuro/
 

·
Registered
Joined
·
417 Posts
Mi dispiace ma non sei assolutamente informato.
In primo luogo:
il Comune di Reggio Calabria ha avviato da un po', precisamente dall’uno Dicembre 2011, alcune proposte che puntano all'investimento sul trasporto pubblico utilizzando sistemi a basso impatto ambientale, all'incremento dei sistemi di mobilità intermodali con l'aumento della disponibilità di parcheggi di scambio nei quali l’automobilista potrà lasciare la propria autovettura per proseguire il tragitto utilizzando i mezzi pubblici, la promozione di una mobilità alternativa che spronerà i cittadini a seguire quel percorso di educazione stradale. Il servizio di linea è stato riprogettato in modo da favorire l’interscambio con i diversi vettori mediante un coordinamento degli orari e un adeguamento delle frequenze nelle diverse fasce orarie. Inoltre è stato potenziato il servizio oltre che verso i principali poli attrattivi della città anche verso quelle località che, negli ultimi anni, hanno avuto un aumento consistente di insediamenti abitativi. In più, nell’area centrale (asse piazza De Nava – piazza Garibaldi) è stato previsto un transito di 450 corse al giorno, con un intertempo medio di 2,1 minuti che si riduce a 1,3 minuti nell’ora di punta. Nella ridefinizione del programma di esercizio è stata posta grande attenzione all’integrazione con i servizi ferroviari anche a seguito dell’integrazione tariffaria già avviata con l’istituzione dei Trebus (Melito – Reggio Calabria – Rosarno) permettendo così di migliorare e rendere più frequenti i collegamenti tra la provincia e i principali poli attrattori della città. Si lavora per creare un’altra area sosta per la zona Nord e allo studio, in atto, c’è l’integrazione con il servizio di trasporto extraurbano su gomma previsto a piazzale Botteghelle e al piazzale della Libertà!
Ma veniamo al Tapis Roulant. Ti comunico che esso non rappresenta un intervento fine a se stesso. Gia' consente la mobilita' dalla parte bassa a quella alta della citta', ed è gia' tanto nell'ottica di una sempre maggiore pedonalizzazione del centro storico. C'è un progetto molto articolato.

- Saranno realizzati altri tre Tapis Roulant. Uno, il più lungo e importante, andrà dalla Stazione Lido fino agli Ospedali Riuniti, passando per via Roma e per il parco Caserta. Gli altri due riguardano invece la Cittadella Universitaria e collegheranno le facoltà di Ingegneria, Architettura e Agraria.
- Proprio in funzione dei Tapis Roulant, saranno realizzate opere propedeutiche. Sul Lungomare sarà creata una stazione ferroviaria proprio in corrispondenza di via Giudecca, all’altezza del Tapis Roulant. In cima allo stesso Tapis Roulant, inoltre, saranno realizzati tre ampi parcheggi di scambio multipiani: uno nei pressi del Museo Civico del Sales, in via Reggio Campi, due in via Possidonea. Altri due parcheggi di scambio multipiani, inoltre, saranno realizzati presso gli Ospedali Riuniti, in cima al lunghissimo tapis Roulant che partirà dalla stazione Lido. Uno di questi due parcheggi sarà molto ampio.
- Altri due ampi parcheggi di scambio multipiani saranno realizzati in funzione della linea ferroviaria: uno a piazza Garibaldi e un altro presso la Pineta Zerbi, all’inizio del Lungomare, di fronte al ’Gran Cafè’.
- Saranno realizzati una serie di interventi per migliorare la viabilità legata alla linea ferroviaria. Sarà rimosso il passaggio a livello ’Stadio’ e saranno eliminate altre interferenze della zona del viale Aldo Moro: tutti i passaggi a livello in area urbana spariranno, consentendo un traffico più scorrevole e una migliore fruibilità delle coste e del mare nella zona sud della Città.
- Relativamente al contesto del nuovo waterfront cittadino e della sua estensione, la stazione centrale sarà abbassata e interrata totalmente.
- Saranno creati due sistemi di mobilità sostenibile ed ecocompatibile in sede riservata e protetta a guida vincolata tipo ’City-Mobile’. Si tratta di cabine che si muovono sui binari e che vengono comandate dai fruitori stessi. Una specie di tram sul tipo di quello in corso di realizzazione presso la nuova fiera di Roma. Uno riguarda la zona nord della Città, l’altro la zona Sud. Il primo, si muoverà lungo l’asse mare-monti del Viale della Libertà. I due binari partiranno uno dal Porto, dalla Stazione Marittima, e un altro dalla Stazione Lido. Si congiungeranno in un unico binario proprio sul Viale della Libertà e arriveranno fino in cima, all’inizio della Cittadella Universitaria. Il secondo, invece, si muoverà lungo l’asse mare-monti delle Bretelle lungo il Calopinace, da piazza Garibaldi fino al Ce.Dir.
- Proprio in funzione di questi sistemi di mobilità, saranno realizzate altre opere propedeutiche, e nello specifico due parcheggi di scambio multipiani in cima ad entrambe le tratte. Uno, molto ampio, nell’area del Ce.Dir. e del nuovo Palazzo di Giustizia e un altro alla fine del viale della Libertà, lì dove inizia la cittadella universitaria.
fonte per l'ultima parte: peppecaridi2.wordpress.com/2010/07/16/reggio-in-esclusiva-tutti-i-dettagli-del-piano-di-mobilita-la-citta-si-proietta-nel-futuro/
Di tutto ciò non verrà mai realizzato un pelo... ancora i lavori per il sistema ettometrico verticale che arriva alle Tre fontane è in alto mare, quando avrebbero dovuto ultimarlo nel 2010. L'interramento della stazione Centrale, tralasciando che tempo fa circolava la notizia che avevano già stanziato i fondi, lo reputo inutile e dispensivo: al massimo meglio spostare la stazione a monte e trasformarla in fermata; ma non credo sia fattibile.
 

·
Registered
Joined
·
417 Posts
Stazione Reggio Calabria Aeroporto
Ecco qualche foto della stazione inaugurata a Natale 2012:






Questa è la struttura in cui dovrebbero esserci i bagni.


Le rampe.


Il citofonino per chiamare l'aeroporto.


Fonte: AeroportoRC.com

Per l'utilizzo della navetta Aerostazione-Stazione riporto sempre da AeroportoRC.com :
AeroportoRC.com, ha effettuato un sopraluogo alla Stazione Ferroviaria di Reggio Calabria Aeroporto per verificare il collegamento con l’Aerostazione.

Sono ben visibili diversi volantini con su scritto:
Servizio Navetta Info:
0965 – 638478
346 – 1488669

Abbiamo individuato l’esistenza di un citofono installato all’imbocco del sottopassaggio. E’ collegato direttamente con il personale Sogas, che invierà una Navetta gratuita nel giro di 5 minuti a prelevare i passeggeri. Per i passeggeri che dovranno raggiungere la Stazione Ferroviaria dall’Aerostazione, possono rivolgersi alla biglietteria Sogas che provvederà al trasferimento.
 
1 - 20 of 24 Posts
Top