Skyscraper City Forum banner
21 - 40 of 79 Posts

·
Registered
Joined
·
671 Posts
LA CITTA' CHE VERRA'

Il Comune progetta una sede unica in zona stazione
Imminente l'offerta a Rfi dell'area del Dopolavoro ferroviario

RIMINI. Una nuova sede del Comune. Unica e all’avanguardia. Stile Europa del nord. La sta studiano il sindaco Andrea Gnassi e rientra nel progetto di acquisizione dell’area del Dopolavoro ferroviario.

Il fatto. Era ottobre, quando Comune e Rete ferroviaria italiana in un incontro pubblico annunciarono il potenziamento della linea adriatica che per Rimini significa arrivare a Bologna in 45 minuti con treni che possono raggiungere i 200 chilometri all’ora. In quell’occasione Gnassi annunciò altri ragionamenti in corso con Rfi. «L’obiettivo è aprire la porta sud della stazione, il varco per il mare - disse -. Lavoriamo con Rfi a un accordo di programma per dare funzioni specifiche all’intera zona: commerciale, direzionale, parco. Lo stabiliremo entro pochi mesi. Di sicuro parte del terreno, vicino all’Ausa, sarà realizzato per realizzare una ulteriore vasca di laminazione».

Il futuro. Ecco. In questi ultimi mesi il confronto fra i due soggetti è andato avanti e il Comune sta mettendo a punto una proposta per l’acquisizione dell’area del Dopolavoro ferroviario (più un’altra porzione di terreno poco utilizzato) che però tolga dal tavolo della trattativa la originaria richiesta di indennizzo pari a 25mila metri quadrati di “cemento” residenziale, non più in linea con la strategia del Piano strutturale. Questa partita sarà oggetto del confronto con Rfi e non è escluso si possa chiudere mettendo sul piatto una proposta solo economica.

A questo punto, però, capitolo non certo secondario è l’utilizzo dell’area. Alla luce anche e soprattutto del Parco del mare che sta crescendo dall’altra parte. Gnassi ha già detto qualcosa in ottobre (commerciale, direzionale, parco), ma sta maturando un’altra idea forte: costruire una nuova sede del Comune, riunendo tutto quello che ora è disseminato fra Palazzo Garampi, Aquila d’oro e via Rosaspina, più altri uffici sparsi per la città. Il ragionamento alla base di tutto è l’efficienza logistica. L’area è servita da parcheggi, mentre oltre alla stazione passerà il Trc. Aggiungiamo 1.200 persone che lavorano in Comune e si comprende il fine ultimo, oltre agli affitti risparmiati.

Ma non è solo questo. Quella del Dopolavoro è in pratica l’ultima area cittadina rimasta libera. Il nuovo palazzo comunale deve diventare un edificio qualificante, tipo le sedi del Nord Europa. Con soluzione tecniche all’avanguardia, ecologicamente sostenibili. E tutto intorno servizi alla persona, piste ciclabili, spazi culturali, giardini.
http://www.corriereromagna.it/news/home/18232/Il-Comune-progetta-una-sede-unica.html
 

·
Registered
Joined
·
671 Posts
Così cambierà tutta l’area della stazione di Rimini, ecco i progetti



L’amministrazione Comunale di Rimini è da tempo impegnata nel progetto di riqualificazione dell’area della stazione.
Come scritto nel Piano Strutturale: “La trasformazione urbanistica e riqualificazione dell’insieme di aree al contorno della stazione ferroviaria di Rimini costituisce un’occasione strategica unica per la città di Rimini, per l’entità e la collocazione di tali aree e per la pluralità di obiettivi che possono essere congiuntamente perseguiti. Si tratta di circa 124.700 mq che RFI è intenzionata a dismettere e cedere che possono dare luogo ad una straordinaria operazione di trasformazione e valorizzazione urbana”.



D’altra parte sin dal 2001 si sono ipotizzate varie soluzioni per la riqualificazione dell’area. Una delle prime ipotesi vedeva la collocazione del nuovo Palacongressi di Rimini. Fu anche firmato un protocollo d’intesa con Rfi nel 2002 che ne avrebbe permesso la realizzazione. Non si proseguì perché vi erano spazi ristretti per la realizzazione della struttura ed in particolare dell’Auditorium che voleva realizzare Fondazione Carim in adiacenza del Palacongressi.

Oggi gli elementi trainanti del progetto di riqualificazione dell’area sono:
– la stazione come nodo centrale dell’interscambio fra le diverse modalità del trasporto pubblico e privato (treni locali e AV, TRC, altra linea di forza di trasporto Pubblico.
– l’area della stazione come luogo attrazione per la pluralità di funzioni e di servizi offerti, anche con la presenza di funzioni di eccellenza rivolte ai residenti come ai turisti (le ipotesi sul tappeto riqualificazione cinema Settebello)
– La collocazione della nuova sede degli uffici Comunali. Questa esigenza si era manifestata già negli anni passati. Tutta l’area tecnica del Comune di Rimini (via Rosaspina) è in affitto. L’area della stazione è una opportunità per realizzare la sede operativa del Comune di Rimini in adiacenza del Centro Storico e in una struttura moderna e funzionale.
– apertura della stazione su via Principe Amedeo



Per raggiungere questi obiettivi è in via preliminare necessario raggiungere un accordo con RFI.
Il protocollo del 2002 è la base di partenza.
Allora RFI chiedeva per la cessione delle aree non necessarie a ferrovie sia a mare della ferrovia (via Monfalcone) che a monte (l’area parcheggio attuale e quelle limitrofe) 25 milioni di euro oppure un motore immobiliare di 25.000 mq.

Gli strumenti urbanistici approvati recentemente dal Comune di Rimini prevedono sull’area della stazione per quanto riguarda la destinazione residenziale una capacità massima di 28.000 mq. di superficie coperta.
Per quanto riguarda le attività terziarie, commerciali e i servizi pubblici o di interesse collettivo, si rimanda ai singoli accordi territoriali come previsto dalle norme di attuazione del PSC.

A fronte di questa situazione il progetto su cui sta lavorando l’amministrazione comunale potrebbe prevedere:
– Nuova sede uffici Comunali 8/10.000 mq più funzioni commerciali e pubblici esercizi 1.500/2500 mq


La nuova sede operativa del Comune di Bologna

– Miglioramento complessivo della fruibilità della stazione. Apertura zona mare, nuova stazione di attestazione del Trc e connessioni funzionali con attività commerciali attrattive da collocarsi in una funzionale galleria commerciale per mq 6.000
– Riqualificazione dell’area del cinema Settebello e dell’area sportiva con nuove funzioni commerciali di circa 800 mq
– Edilizia residenziale sociale per circa 10.000 mq



– Aumento della dotazione di parcheggi con la realizzazione di multipiani, interrati e a raso funzionali all’interscambio gomma/ferro per circa 700 nuovi posti auto.

Inoltre, è prevista la riorganizzazione della viabilità con la realizzazione della “tangenziale marina” come prevista dai precedenti piani urbanistici.

Per realizzare tutti questi obiettivi occorre trovare un accordo con RFI. Una delle ipotesi è che si preveda la realizzazione di un insediamento residenziale e terziario vendibili oltre all’housing sociale. Questa è il confronto che si è aperto tra amministrazione comunale e RFI. Tradotto quanto metri quadrati di nuova residenza e commerciale necessari per avere le risorse finanziarie per acquistare le aree e realizzare gli interventi di interesse pubblico.
http://www.chiamamicitta.it/cosi-cambiera-tutta-larea-della-stazione-rimini-progetti/]
 

·
Registered
Joined
·
671 Posts
Ma non potrebbero lasciare il dopolavoro ferroviario per i parcheggi (anche per via del mercato che si è avvicinato in quella zona) e andare nell'area della Nuova Questura?
Il sito riminiduepuntozero.it da lo spostamento dell'università dal centro alla nuova questura...stay tuned

"Il sindaco ha poi annunciato che sono in arrivo grandi novità per le sedi universitarie troppo divise. Ma si è subito “censurato” dicendo di non voler dire di più. A occhio, una delle ipotesi è che la sede della nuova-ormai vecchia questura di via Roma possa diventare il “campus” di Rimini. "

http://www.riminiduepuntozero.it/si...-inaugurando-il-tecnopolo-ha-spiazzato-tutti/
 

·
Registered
Joined
·
1,127 Posts
. A occhio, una delle ipotesi è che la sede della nuova-ormai vecchia questura di via Roma possa diventare il “campus” di Rimini. "
Si, ideale per lo studio "full immersion"
https://youtu.be/da0QdIJKRfw

I costi per rendere agibile la Nuova Questura sono enormi.
Nel video, a sinistra nei primi secondi e poi di nuovo verso il minuto 3, si vede una montagna di cavi di gomma.
Sono i cavi elettrici spellati per rubare il rame.
Senza più impanto elettrico, le idrovore non hanno potuto funzionare, sicchè si è formato quel lago. Dal video si notano alcune porte al piano terra aperte, quindi i sotterranei (dove ci sono i locali tecnici e le prigioni) sono completamente sommersi.
I vandali hanno distrutto anche sanitari, pavimenti e tutto quello che si poteva sfasciare.
La stessa struttura portante è stata fatta con le norme antisismiche precedenti e quindi non è più a norma, ma poiché non sono stati fatti i fine lavori (Damerini ha voluto risparmiare pure nella tassazione dell'immobile) occorre adesso mettere mano anche alla struttura portante.
Stiamo parlando di cifre vicine alla completa ricostruzione dell'edificio.
Già Gnassi ha dovuto rimandare l'acquisizione dell'area presso la stazione ferroviaria.

Se fossi Gnassi, mi risparmierei tutti questi soldi per, oltre sistemare almeno la parte davanti della stazione ferroviaria (è il portale d'ingresso dei turisti che vengono via treno), per fare casomai un altro pezzetto del lungomare (quello che stanno facendo verso piazzale Kennedy è più che altro un anticipo), ci sono diversi chilometri attendono di essere sistemati (quella pista ciclabile che volle a suo tempo, per metà sul marciapiede e per metà no, è esteticamente un pugno nell'occhio).
È la spiaggia con il suo lungomare la prima fonte d'introito di Rimini, dovrebbe avere la priorità nei finanziamenti.
 

·
Registered
Joined
·
6,034 Posts
Discussion Starter · #26 ·
secondo me è escluso il discorso della nuova questura come campus, gli investimenti di rimini - università di bologna sono già stati tutti effettuati in centro storico, in questo momento c'è la costruzione del leon battista alberti vicino piazza ferrari e nel 2018 il terzo stralcio del tecnopolo già previsti. piu in la ci potrebbe essere il recupero di palazzo lettimi e l'edificio vicino al duomo malatestiano ma in questo momento mi sfugge il nome.
 

·
Registered
Joined
·
1,127 Posts
piu in la ci potrebbe essere il recupero di palazzo lettimi.
C'è appunto un progetto per il recupero di palazzo Lettimi come studentato, ma francamente lo trovo irrealizzabile: so che tale progetto già approvato dovrebbe essere presentato entro un paio di mesi per prendere dei finanziamenti (adesso non mi ricordo i dettagli del bando) ma manca proprio l'approvazione della Sopraintendenza. Palazzo Lettimi era all'interno un trionfo di stucchi e affreschi, figuriamoci se la Sopraintendenza, anziché un com'era dov'era, permetterà mai di fare uno studentato, con tanto di scale antincendio....
 

·
Registered
Joined
·
1,127 Posts
l'edificio vicino al duomo malatestiano ma in questo momento mi sfugge il nome.
L'ultimo edificio ancora in stato di rudere vicino al Duomo è (parte del) convento di San Francesco.
Hanno puntato gli occhi anche su quello lì?
Viceversa, li vicino appena "recuperato", ma vuoto, c'è un altro palazzo nobiliare in via Mentana, mi pare al civico 25.
Quel restauro non l'ho capito. Sembra che fossero indecisi sulla destinazione d'uso...
 

·
Registered
Joined
·
6,034 Posts
Discussion Starter · #29 ·
L'ultimo edificio ancora in stato di rudere vicino al Duomo è (parte del) convento di San Francesco.
Hanno puntato gli occhi anche su quello lì?
Viceversa, li vicino appena "recuperato", ma vuoto, c'è un altro palazzo nobiliare in via Mentana, mi pare al civico 25.
Quel restauro non l'ho capito. Sembra che fossero indecisi sulla destinazione d'uso...
si, il recupero del convento di san francesco era già stato previsto ai tempi di ravaioli da parte dell'università di bologna e comune di rimini, poi probabilmente si è ragionato per priorità:
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=50282845&postcount=6
 

·
Registered
Joined
·
671 Posts
Grazie a Robom1

Ho pensato di effettuare periodicamente un aggiornamento dei principali progetti in corso in modo tale da avere in un'unica soluzione una vista di quali sono i progetti e lavori attualmente in corso, sia per quelli che frequentano periodicamente il thread ma anche per quelli che lo visitano saltuariamente.
La classificazione è da considerarsi provvisoria poi magari si puo' affinare ma intanto partiamo poi vediamo.

Centro storico
avanzamento ricostruzione teatro galli (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138701838&postcount=2021
Casa del cinema (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137530399&postcount=2001
Castel sismondo e piazza malatesta (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137133337&postcount=1989
CircAmarcord / Piazza d'arti
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137550445&postcount=2002
manutenzione straordinaria ala moderna museo
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136562184&postcount=1977
progetto tiberio comparto 3 (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136562184&postcount=1977
progetto tiberio comparto 4
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=133375897&postcount=1902
anello nuove piazze (manca porzione corso d'augusto) (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136006926&postcount=1964
mare lungo un miglio
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=131563173&postcount=1831


Area stazione
Stazione
Masterplan stazione (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138208026&postcount=2011
Adeguamento infrastrutturale di rimini FS (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=129115065&postcount=1683
Area ex globo e fermate TRC (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138856311&postcount=901


Area mare (dopo la ferrovia)
Masterplan parco del mare e progetto vero e proprio (in corso progetto primo stralcio parte pubblica)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137483417&postcount=1998
Avanzamento rimini nord: parco del mare e potenziamento stradale
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137634426&postcount=2003
nuovo mercato ittico
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=114385055&postcount=1107
casa dei matrimoni (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=134690792&postcount=1925


Viabilità, ciclabili, trasporti
avanzamento circonvallazione santa giustina (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138701487&postcount=2019
ss72 rimini-san marino
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=126960081&postcount=1594
sovrappasso via roma (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138856729&postcount=2033
Avanzamento asse mediano (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138368093&postcount=2013
rifunzionalizzazione circolazione urbana (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137483119&postcount=1997
rotatoria valentini
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=133255072&postcount=1900
rotatoria via della repubblica - via flaminia conca (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138856601&postcount=2032
avanzamento assi di penetrazione viabilità esistente (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136007372&postcount=1967
rotatoria ss16-ss72 e rotatoria ss16-coriano-montescudo
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138856991&postcount=2035
sottopasso portofino e iniziativa residenziale
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=104290490&postcount=777
tracciato e infrastrutture collegamento viario a ridosso del marecchia
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=129894156&postcount=1740
Parcheggio Scarpetti
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=101757337&postcount=708
piste ciclabili
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=128925641&postcount=1675
trc (thread) (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?p=138856311#post138856311
Variante SS16
Asse intermedio retro-costiero


Università di Bologna
complesso storico leon battista alberti (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138168282&postcount=2009
riqualificazione ex macello terzo stralcio
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=134723236&postcount=1934


Impiantistica sportiva

impiantistica sportiva (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=135428675&postcount=1954
casa del volley
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137949463&postcount=2006
acquarena centro commerciale/direzionale e residenziale (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137515391&postcount=1999
Manutenzione straordinaria palazzo 105
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=130884311&postcount=1791


Scuole
nuova sede valgimigli viserba palestra polo scolastico
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=131251111&postcount=1814
nuova sede valgimigli viserba (in corso)


Varie
federalismo demaniale (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136688705&postcount=1981
piano fognario e depurativo (PSBO) (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136836720&postcount=1983
ampliamento fiera di rimini (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=137145225&postcount=1992
cer canale (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=114120307&postcount=1093
garden di città (in corso)
http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=136836896&postcount=1984
mercato coperto
restyling stadio


Principali progetti rimasti al palo (fallimento imprese costruttrici in project-financing)
novarese
murri
nuova questura
campi calcio


http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=138857148&postcount=2036
 

·
Registered
Joined
·
671 Posts
Rimini, ecco le richieste per il Piano Regionale dei Trasporti


Una migliore accessibiltà a Rimini nord, la possibilità di un casello autostrale per la Fiera, rafforzare il porto di Rimini come hub verso la Croazia e la Slovenia, oltre alla promozione di forme innovative e sostenibile di trasporto pubblico a servizio della città: questi e altri argomenti compongono il contributo del Comune di Rimini all’elaborazione del nuovo Prit, Piano Regionale dei Trasporti, ovvero lo strumento di pianificazione con cui la Regione anche attraverso il contributo degli enti locali individua scelte, strategie e obiettivi che poi saranno recepiti e sviluppati dai Comuni.

In particolare nel documento approvato ieri dalla Giunta Comunale si ribadisce l’importanza strategica della variante alla SS16, del potenziamento dei collegamenti ferroviari – sia sull’asse Rimini Bologna sia sulla dorsale Rimini Ravenna – la necessità di innovare il sistema di servizi di trasporto pubblico locale e supportare la mobilità attiva (ciclabile e pedonale) per accompagnare gli importanti processi di rigenerazione urbana in corso, il ruolo strategico dell’aeroporto e l’esigenza di migliorare l’accessibilità al comparto fieristico.

Proprio l’accessibilità alla Fiera di Rimini è uno dei punti chiave del documento presentato alla Regione. Italian Exibition Group, il nuovo gruppo fieristico nato dalle fusioni delle fiere di Rimini e Vicenza, rappresenta uno dei poli più importanti in Italia e motore di sviluppo del territorio. “Chiediamo alla Regione di farsi promotrice di un tavolo di lavoro che approfondisca gli aspetti relativi al potenziamento dell’accessibilità ferroviaria da un lato, e dell’accessibilità veicolare privata dall’altro, coinvolgendo i diversi soggetti competenti (RFI, Trenitalia, Società Autostrade, etc.) – sottolinea l’assessore alla mobilità del Comune di Rimini Roberta Frisoni – Chiediamo anche che si valuti un servizio di trasporto pubblico su gomma che colleghi Rimini con la Fiera e Santarcangelo”.

Per quanto riguarda invece la variante della Statale 16, nel documento si sottolinea come debba “divenire l’asse di scorrimento urbano che consentirà di liberare dalle auto la parte più pregiata e più urbanizzata del territorio comunale”. Nell’ambito della variante, “può essere approfondita la proposta di un terzo casello autostradale, da localizzare a servizio della Fiera di Rimini, o verificare il miglioramento del collegamento tra casello di Rimini Nord con la Fiera”. In attesa della realizzazione della variante alla SS 16 è necessario intervenire per migliorare la fluidificazione del traffico veicolare, attraverso investimenti mirati in nuove infrastrutture viarie e tramite l’ottimizzazione dell’utilizzo delle infrastrutture esistenti. Su questo di stanno ad esempio destinando sul territorio comunale di Rimini finanziamenti derivanti dai FSC, di concerto con l’Amministrazione regionale, i Ministeri e gli Enti competenti. In tale contesto riteniamo necessario aprire un approfondimento con i diversi soggetti coinvolti volto a valutare anche un insieme di misure di breve e medio periodo che riguardano sia la proposta di apertura di ulteriori caselli autostradali – da localizzare a servizio della Fiera di Rimini e di Rimini sud (area Aeroporto/Gros) – sia la realizzazione di interventi puntuali volti a migliorare il funzionamento degli attuali caselli autostradali e i collegamenti degli stessi con il resto della viabilità locale (es. collegamento tra casello di Rimini Nord e la Fiera). Parimenti crediamo importante approfondire anche la possibilità che siano messe in atto azioni che possano incentivare l’utilizzo dell’infrastruttura autostradale in periodi di particolare congestione sul resto della rete viaria.

Nel futuro della mobilità del territorio diviene centrale il Trasporto Rapido Costiero, un sistema di comunicazione e connessione che potrà consentire di integrare la nostra offerta turistica con quella delle altre città della costa.

Il Comune di Rimini propone che il PRIT realizzi un approfondimento specifico sul tema dei collegamenti lungo l’asse ferroviario della Romagna, anche valutando l’integrazione del sistema ferroviario con tecnologie innovative in grado di trasformare la linea Rimini Ravenna in una vera e propria metropolitana di costa. Dobbiamo ricordare che l’’insediamento costiero rappresenta, di fatto, la seconda città della Regione, (che diventa la prima durante il periodo estivo), con una popolazione residente di circa 500.000 abitanti distribuiti negli undici Comuni che la compongono (Ravenna, Cervia, Cesenatico, Gatteo, Savignano sul Rubicone, S. Mauro Pascoli, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Cattolica), comprese stazioni minori quali Rimini Viserba e Miramare.

Il TRC, inteso come sistema di comunicazione e connessione lungo la costa, può consentire di vincere la scommessa di integrare la nostra offerta turistica con quella delle altre città della costa. Dobbiamo guardare ai migliori esempi delle metropoli europee, per raggiungere gli obiettivi della mobilità sostenibile e soprattutto di un radicale programma di riqualificazione urbana lungo la costa. Per quanto concerne il livello locale, invece, il TRC, unitamente alle linee di trasporto pubblico a servizio di Rimini nord e delle aree attigue, deve quindi essere la spina dorsale di un sistema di trasporto pubblico ripensato e rinnovato, integrato con le altre modalità. In particolare le fermate del TRC e delle altre linee di costa dovranno essere perciò stazioni polifunzionali con parcheggi per biciclette, per auto e moto, dotate di servizi di tipo pubblico e privato.

Strategica anche la valorizzazione dell’aeroporto Federico Fellini – comprensiva anche del miglioramento dell’accessibilità allo stesso – e il potenziamento del porto di Rimini, che deve essere dotato di servizi passeggeri e commerciali, in relazione in particolare ai collegamenti veloci marittimi con Croazia e Slovenia. “In tal senso – si legge nel documento – dobbiamo credere in una macro regione adriatica che può crescere negli scambi e nella integrazione tra persone e imprese che hanno storie di diverse ma possono collaborare”.

Altra proposta presentata alla Regione è il collegamento su corsia riservata tra Rimini e la Repubblica di San Marino, approfondendo lo studio già svolto dalla Provincia per verificare il ripristino delle funzioni che assicurava in passato la ferrovia. E’ un intervento di grande suggestione, capace di produrre ricadute importantissime sul turismo e che agevolerebbe i circa 5.000 pendolari che quotidianamente si muovono nelle due direzioni.
http://www.chiamamicitta.it/rimini-le-richieste-piano-regionale-dei-trasporti/
 

·
Registered
Joined
·
6,034 Posts
Discussion Starter · #32 ·
mi sembrano tutte condivisibili come richieste.

Per quanto riguarda il discorso di aprire ulteriori caselli, oltre al fatto che probabilmente non si puo' (mi sembra
ci debba essere almeno una distanza di 1,5 km tra uno e l'altro) svolgerebbe un ruolo veramente importante
la variante ss16.
 

·
Registered
Joined
·
1,127 Posts
Altra proposta presentata alla Regione è*il*collegamento su corsia riservata tra Rimini e la Repubblica di San Marino, approfondendo lo studio già svolto dalla Provincia per verificare il ripristino delle funzioni che assicurava in passato la ferrovia. E’ un intervento di grande suggestione, capace di produrre ricadute importantissime sul turismo e che agevolerebbe i circa 5.000 pendolari che quotidianamente si muovono nelle due direzioni
Ma si rendono conto che negli ultimi 70 anni sono stati costruiti decine di edifici lungo o immediatamente appresso il vecchio tracciato?
Anche a voler individuare un nuovo tracciato, dove lo farebbero passare?
Sacrifichiamo la metà della via Tripoli e la via della Vecchia Fiera? O il Parco Cervi e il parco della Cava? Oppure sacrifichiamo via della Repubblica? Poi ci sono gli abbattimenti da fare a Cerasolo. Poi a Dogana. Poi a Serravalle....
 

·
Registered
Joined
·
6,034 Posts
Discussion Starter · #34 ·
Ma si rendono conto che negli ultimi 70 anni sono stati costruiti decine di edifici lungo o immediatamente appresso il vecchio tracciato?
Anche a voler individuare un nuovo tracciato, dove lo farebbero passare?
Sacrifichiamo la metà della via Tripoli e la via della Vecchia Fiera? O il Parco Cervi e il parco della Cava? Oppure sacrifichiamo via della Repubblica? Poi ci sono gli abbattimenti da fare a Cerasolo. Poi a Dogana. Poi a Serravalle....
sto recuperando tutti i documenti che avevo su questo argomento comunque penso che questo studio sviluppato su due ipotesi prevede la sede riservata dove si puo', dovremmo essere all'incirca sul 30% del tracciato.
 

·
Registered
Joined
·
1,127 Posts
sto recuperando tutti i documenti che avevo su questo argomento comunque penso che questo studio sviluppato su due ipotesi prevede la sede riservata dove si puo', dovremmo essere all'incirca sul 30% del tracciato.
Mettere la corsia riservata in via della Repubblica e poi nel suo proseguimento in via Fada non basta: vi sono moltissimi altri edifici che fanno da sbarramento prima della ferrovia.
Con via Tripoli si riuscirebbe invece ad arrivare fino alla ferrovia.
Ma se mettono la corsia riservata e quindi mettono il senso unico in via Tripoli+via della Fiera+via delle Grotta Rossa, si scatenerebbe un pandemonio tale che a confronto le proteste del TRC sarebbero un'inezia.
 

·
Registered
Joined
·
6,034 Posts
Discussion Starter · #36 ·
Mettere la corsia riservata in via della Repubblica e poi nel suo proseguimento in via Fada non basta: vi sono moltissimi altri edifici che fanno da sbarramento prima della ferrovia.
Con via Tripoli si riuscirebbe invece ad arrivare fino alla ferrovia.
Ma se mettono la corsia riservata e quindi mettono il senso unico in via Tripoli+via della Fiera+via delle Grotta Rossa, si scatenerebbe un pandemonio tale che a confronto le proteste del TRC sarebbero un'inezia.
non penso che la corsia riservata sia li, a mio avviso è quella del vecchio percorso pero' adesso devo cercare di tirare fuori quei documenti che avevamo già visto tempo fa.
 

·
Registered
Joined
·
6,034 Posts
Discussion Starter · #37 ·
C'è appunto un progetto per il recupero di palazzo Lettimi come studentato, ma francamente lo trovo irrealizzabile: so che tale progetto già approvato dovrebbe essere presentato entro un paio di mesi per prendere dei finanziamenti (adesso non mi ricordo i dettagli del bando) ma manca proprio l'approvazione della Sopraintendenza. Palazzo Lettimi era all'interno un trionfo di stucchi e affreschi, figuriamoci se la Sopraintendenza, anziché un com'era dov'era, permetterà mai di fare uno studentato, con tanto di scale antincendio....
oggi la notizia che stanno procedendo.
C'è un progetto su divisare
https://divisare.com/projects/319177-anton-luca-nannini-il-lettimi-un-palazzo-una-citta
 

·
Registered
Joined
·
6 Posts
ritengo che la rotonda viale Tripoli-via Roma sia estremamente pericolosa e si debba limitare ad una sola corsia l'accesso nella direzione ancona-ravenna.
è inutile mettere 2 corsie d'accesso quando la rotonda è a una corsia, si crea solo confusione. tutte quelle rotonde in quella zona dovrebbero avere una sola corsia d'immissione.
riguardo viale tripoli lato monte (la parte nuova per intenderci) ritengo che sia buona l'idea dei posteggi su un solo lato, ma ritengo pericoloso il fatto di dover fare dx o sx lungo la strada. anche gli incroci del viale lasciano spazio ai furbetti di inserirsi in viale tripoli quasi come ci fosse una corsia di accelerazione.
 

·
Registered
Joined
·
671 Posts
Rimini, boom di nuovi locali e ristoranti in centro

E piazzetta San Martino si riaccende grazie al Fulgor

Rimini, 6 ottobre 2017 - E’ la ‘Primavera’ del centro storico. Da tempo non sbocciavano tanti nuovi locali, tutti a così poca distanza di tempo e (di spazio) l’uno dall’altro. Sarà per i tanti interventi di riqualificazione in corso da anni, che culmineranno con la riapertura del Fulgor, a breve, e del Teatro Galli nel 2018. Sarà per il rinnovato interesse dei riminesi per la Vecchia pescheria, per anni rimasta il ‘regno’ quasi esclusivo degli studenti universitari che frequentano Rimini. Sta di fatto che nel giro di pochi mesi, da qui a novembre, nella zona compresa tra corso d’Augusto, piazza Cavour, Vecchia pescheria, via Sigismondo e piazzetta San Martino (dietro al Fulgor), apriranno o hanno già aperto 10 nuovi locali, e altri 7 si rinnovano e cambiano gestione.

Una delle zone più in fermento è proprio quella della Vecchia pescheria. Ha già aperto da alcune settimane il bar ristorantino A Sem Toast, a breve gli farà compagnia lì a fianco il nuovo Foyer, locale aperto dal mattino a sera gestito dagli stessi titolari del chiringuito del bagno 26. Ha inaugurato da poco anche Beerstro, gestito dal giovane Giovanni Pellegrino, mentre Michele Di Croce (titolare anche del Guenda) stasera aprirà Vinolta, una nuova cantinetta che prende il posto de Le Tre Marie. In via Sigismondo manca poco all’inaugurazione della pizzeria gourme Il Cortile in centro, gestita da Thomas Agostini (il titolare della discoteca Satellite) e dal pizzaiolo pluripremiato Ivan Signoretti.

L'effetto Fulgor si è fatto sentire eccome nella piazzetta San Martino, dove apriranno due locali. E uno vedrà la luce a breve: si tratta di Circus, che aprirà a novembre. «Lo abbiamo voluto chiamare Circus per rendere omaggio al circo e a Fellini, visto che siamo dietro al Fulgor e che la piazzetta diventerà uno dei luoghi del museo diffuso dedicato a Fellini», raccontano i titolari del locale. Sono gli stessi (Paolo Zamagni, Riccardo Bianchi, Fabrizio Salvadori e Leo Para) del pub Hasta Luego e del ristorante L’ingrata, che si trovano nella stessa piazzetta. Ma Circus sarà molto diverso dagli altri: «Partiremo già dal mattino, con le colazioni, per poi proseguire con gli aperitivi e i panini gourmet alla sera. Con pane fatto in casa, tanti prodotti a km zero e materie prime di alta qualità. Non sarà insomma la solita paninoteca...».

L’investimento è stato «notevole», tant’è che «abbiamo dovuto rimandare l’apertura del locale di un paio d’anni. A volte ci chiediamo ancora chi ce l’ha fatto fare... Ma noi crediamo nel centro storico, che si sta riqualificando, e con l’apertura del Fulgor finalmente anche piazzetta San Martino non sarà più un parcheggio, com’è stato finora, ma uno degli angoli più vivi della città».
http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cosa fare/mangiare/nuovi-ristoranti-1.3446548
 
21 - 40 of 79 Posts
Top