SkyscraperCity banner

861 - 873 of 873 Posts

·
Registered
Joined
·
361 Posts
io sinceramente avrei pedonalizzato tutta la carreggiata adiacente agli stabilimenti e spostarne una su via delle quinqueremi facendo un ponte sul canale dei pescatori per collegare via delle quinquenneremi a via dell'aquilone.
ancora piu da sogno mettere tutta la strada su via delle quinqueremi/aquilone
 

·
Moderator
Joined
·
9,188 Posts
Qualcuno sa come stanno procedendo i lavori a Largo Brindisi, delle ciclabili, la pedonalizzazione ecc. ?
Sono passato da quelle parti un paio di giorni fa e mi sono sembrati ancora in alto mare; c'era la classica rete arancione da cantiere che si usa per delimitare il percorso per i pedoni in occasione di lavori in corso, ma non ne ho notati.
 

·
Moderator
Joined
·
9,188 Posts
Come era stato precedentemente annunciato al momento della "sparizione". 2mila bici, costo dello sblocco 1 Euro (prima era 50 cents), poi 20 cents al minuto
Trasporti a Roma, Jump ci riprova: tornano in strada le bici elettriche rosse
Erano sparite a giugno. Poi, dopo qualche giorno, l’annuncio del passaggio da Uber a Lime, che nella capitale è presente con 1500 monopattini dalla primavera di quest’anno. Oggi il rientro ufficiale

di VALENTINA LUPIA

 

·
Registered
Joined
·
1,044 Posts
Come era stato precedentemente annunciato al momento della "sparizione". 2mila bici, costo dello sblocco 1 Euro (prima era 50 cents), poi 20 cents al minuto
Trasporti a Roma, Jump ci riprova: tornano in strada le bici elettriche rosse
Erano sparite a giugno. Poi, dopo qualche giorno, l’annuncio del passaggio da Uber a Lime, che nella capitale è presente con 1500 monopattini dalla primavera di quest’anno. Oggi il rientro ufficiale

di VALENTINA LUPIA

come giustamente si evince dal tuo incipit, è comunque bene sottolineare che l'articolo contiene le usuali mistificazioni dirette a gettare fango sulla città (per ragioni politiche che non possono però giustificare questo degrado del giornalismo): è falso che Jump sia stata ritirata per atti vandalici (come scritto nel pezzo), mai registrati (1 sola notizia reperibile in rete, del giornale di Caltagirone, con la foto di 4 bici a terra in serie, in un giorno di vento), Jump è stata ritirata in tutto il mondo a seguito della fusione con Lime e Roma è la quarta città al mondo (unica italiana) in cui il servizio è già stato ripristinato come annunciato da Lime sin dal primo momento. Non è che Jump "ci riprova", è che torna dopo circa 1 mese e mezzo, dopo il cambio societario e di piattaforma, come previsto
 

·
Registered
Joined
·
1,415 Posts
18 Agosto 2020 - 12:15 . Prati . Cronaca
Lavori terminati tra viale Angelico e viale Mazzini, pista ciclabile più sicura
Viale Angelico
VIALE ANGELICO
Proseguono senza sosta a Prati i lavori per rendere più sicura la pista ciclabile. Come confermato dalla sindaca Virginia Raggi in un post su Facebook, “il Dipartimento Lavori Pubblici ha avviato nei giorni scorsi un importante intervento di restyling della segnaletica per delimitare le corsie e consentire ai cittadini attraversamenti più sicuri in prossimità degli incroci stradali”. Il tratto interessato era quello tra viale Angelico e viale Mazzini.
Le foto degli interventi sulla ciclabile, pubblicata dalla sindaca Raggi sui social
LE FOTO DEGLI INTERVENTI SULLA CICLABILE, PUBBLICATA DALLA SINDACA RAGGI SUI SOCIAL
Lavori che proseguiranno anche nei prossimi giorni, approfittando della città semi-deserta dopo il weekend di Ferragosto, con tanti romani ancora fuori per le vacanze. L’intervento, come conferma la prima cittadina, interesserà l’intera pista ciclabile che inizia a piazzale Maresciallo Giardino e termina a Piazza Cavour.
“Abbiamo un duplice obiettivo – ammette la Raggi -: quello di riqualificare tutti i tracciati ciclabili esistenti, che rappresentano una grande risorsa per la città, e realizzare nuovi percorsi per incrementare la nostra rete di ulteriori 150 chilometri mettendo in collegamento i vari itinerari”.
(Romah24)
.......

Peccato che la pista ciclabile sia quasi vuota in un quartiere dove gli over 60 sono la maggioranza...
hanno riverniciato di rosso la ciclabile in corrispondenza degli incroci, a ponte marconi l'hanno fatto almeno due volte ad agosto ma già non si vede più nulla, è tornato tutto nero
 

·
Not cool
Joined
·
3,580 Posts

·
Registered
Joined
·
1,506 Posts
Condivido qui perché le zone 30 garantiscono una ciclabilità sicura, senza la necessità di predisporre percorsi ad uso esclusivo.

ridurre la maggior sicurezza dei pedoni al limite di velocità è una cagata.
andrebbero analizzati molti fattori:

  • il comportamento degli automobilisti negli attraversamenti. (si fermano tutti per dare la precedenza ai pedoni?)
  • il livello di traffico veicolare.
  • lo stato degli attraversamenti (le strisce pedonali sono spesso sbiadite come succede qui in Italia o sono sempre ben visibili?)
  • l'illuminazione delle strade.
  • il comportamento dei pedoni (attraversano sempre sulle strisce?)
per non fare passare il messaggio che basta abbassare il limite per risolvere tutto, il che deresponsabilizza sia i comuni che gli utenti della strada.
 

·
Not cool
Joined
·
3,580 Posts
La fondamentale differenza tra 30 km/h e 50, é che con i 30 di massima, le probabilità di causare un incidente mortale sono sostanzialmente nulle, al netto di altre considerazioni. 30 non é un numero scelto a caso.

In aggiunta le zone 30 servono a disincentivare gli automobilisti a cercare scorciatoie all'interno di aree ad alta residenzialità, nelle quali le strade sono appunto ad uso principalmente ciclopedonale. La sicurezza é quindi garantita sia dal limite in sé, che dalla diminuzione di traffico effetto del limite stesso.

L'idea é semplice e di comprovata efficacia. Addirittura nelle Superilles di Barcellona c'é il limite dei 15, mi pare. Non esiste gerarchia tra mezzi, la strada é letteralmente di tutti (assenti pure le strisce pedonali). Un sogno.

529645


529646


529648
 

·
Registered
Joined
·
1 Posts
allora è solo una questione di fare millemila km di ciclabili spendendo un tubo con risultati quantomeno discutibili.
come a Torino, dopo il lockdown si son messi a fare robe a caso invece delle cose decenti che facevano prima.

hanno partorito robe come questa:
View attachment 339241
Le cose a caso non direi proprio, questa si chiama corsia ciclabile ed è normata dal codice dell strada. Chiaro è che una sede protetta potrebbe essere più idonea in questo contesto ma con poche risorse siamo riusciti a rendere Corso Vittorio Emanuele II più accessibile alle biciclette legittimando la loro presenza. Prima di dire che si fanno le cose a caso io mi documenterei un attimo...
 

·
Not cool
Joined
·
3,580 Posts
Dal minuto 6:07 in poi del primo video, si confrontano le cosiddette "cycle superhighways" londinesi di 1ª generazione (epoca Boris Johnson sindaco) Vs quelle di 2ª (dal 2013 in poi).

Le prime erano concettualmente identiche alle ciclabili "transitorie" romane ed erano praticamente inutilizzate (mmmh... this reminds me of something...).

Le seconde invece - dettagli nel video - hanno riscosso un successo enorme e si capisce il perché.



Lo stile surrealista alla Monty Python della narrazione video é uno spasso, se siete amanti del genere 😄
 
  • Like
Reactions: Glucawax and xadrez

·
Not cool
Joined
·
3,580 Posts
50 km/h Vs 30:

542778
 
  • Like
Reactions: Federicoft

·
Registered
Joined
·
75 Posts
Dalla pagina Facebook di Caudo:

PERCORSI CICLABILI ESISTENTI E IN PROGRAMMA NEL MUNICIPIO III
In un sistema integrato di trasporto pubblico sostenibile la bici ha un ruolo fondamentale. Ciò che stiamo cercando di realizzare nel III Municipio da due anni a questa parte è una rete ciclabile estesa, in cui il nuovo sia rannodato all’esistente in un’ottica di intermodalità e scambio con metropolitane, treni ed autobus. Ieri si è conclusa la Settimana Europea della Mobilità a Emissioni zero e ci sembra importante fornire un quadro aggiornato delle iniziative portate avanti in questo ambito da soggetti diversi (Municipio III, Roma Capitale, Regione Lazio) e che come Municipio stiamo cercando di coordinare e mettere a sistema nel tentativo di modificare le abitudini degli utenti ma anche l'assetto del quadrante di una delle città più congestionate e "malate di traffico" d’Europa.
  • LA CICLOVIA DELLE VALLI , il progetto del Municipio risultato unico vincitore romano nell’ambito del bando regionale 2019, dal Parco Nomentano raggiungerà Viale Tirreno e si collega, attraverso Via Conca d’Oro priama e Via Val d'Ala dopo, all’incrocio tra Prati Fiscali e Via Salaria (Poligrafico). E' in fase di chiusura la progettazione esecutiva e la gara dovrebbe essere fatta entro l’anno.
  • LA PISTA CICLABILE N.13 DEL PON METRO,che collegherà il Parco delle Sabine con la metro B1 a Jonio attraverso Via Monte Cervialto e Via Scarpanto, è già in fase di gara d’appalto.
  • LA PISTA CICLABILE N.14 DEL PON METRO, è in attesa dell’imminente indizione della gara d’appalto e collegherà, attraverso Viale Tirreno, Piazzale Jonio con il Ponte Tazio e quindi con la pista Aniene oggetto, proprio in questi giorni, di lavori di riqualificazione e di rifacimento da parte del Dipartimento Simu.
  • Nelle prossime settimane, poi, dovrebbe essere posta in essere la BIKE LANE TRANSITORIA (quindi senza infrastrutture di protezione) che collegherà Piazza Primoli a Piazzale Jonio, uno dei nuovi percorsi ciclabili fast pensati da Roma Capitale per la mobilità post-Covid (progetto sviluppato dall'Amministrazione comunale senza coinvolgimento del Municipio) .
  • Più incerti i tempi del PONTE CICLOPEDONALE SULL’ANIENE che metterà in comunicazione la pista di Sacco Pastore con Conca D’Oro e quindi con la metro B1 per il quale il progetto definitivo è concluso ed approvato ma si attende, da quasi un anno ormai, che RomaCapitale proceda alla gara d’appalto
543438
 
861 - 873 of 873 Posts
Top