SkyscraperCity Forum banner
1 - 20 of 1048 Posts

·
Frequent Flyer
Joined
·
5,172 Posts
Discussion Starter · #1 · (Edited)
Definite le linee guida della sperimentazione del piano di chiusura al traffico privato, dal 3 agosto, di via dei Fori Imperiali tra largo Corrado Ricci e piazza del Colosseo. La strada, attualmente percorribile dal traffico privato in direzione del Colosseo resterà aperta solo ai mezzi di trasporto pubblico (bus, taxi e Ncc) e a quelli in emergenza. Lo spazio sottratto alle auto private sarà quindi disponibile per realizzare un progetto di riqualificazione dell’area finalizzato al miglioramento della mobilità ciclabile e pedonale.

Il provvedimento andrà a modificare gli attuali schemi di viabilità in un’area compresa tra via di San Gregorio, via Cavour, via Labicana e via Merulana con l’obiettivo di garantire alla viabilità privata un’alternativa funzionale alle attuali direttrici.

In primo luogo, la modifica interessa il flusso di traffico proveniente da piazza Venezia, via Cavour e via Nazionale (attraverso la Salita del Grillo e via Tor de' Conti) e diretto verso via di San Gregorio e via Labicana. Si tratta di un flusso complessivo di circa 1600 veicoli/ora nelle fasce di punta così suddivisi: 700 veicoli provenienti da via Cavour, 500 da piazza Venezia e 400 da via Nazionale/Salita del Grillo via Tor de’ Conti. Di questi il 90% (1.440 veicoli/ora circa) si dirige su via di San Gregorio verso le zone di Circo Massimo/Ostiense/Eur. Il restante 10% (circa 160 veicoli/ora) si dirige su via Labicana verso Porta Maggiore/San Giovanni.
 

·
Stefano (Roma)
Joined
·
7,782 Posts
Da: IL MESSAGGERO Online

Fori, il dossier che preoccupa Marino. In Campidoglio la lista delle criticità. In discussione anche il cronoprogramma dei cantieri che nei prossimi giorni si allargheranno fino al Colosseo.

di Riccardo Tagliapietra


ROMA - Pista ciclabile fino al Colosseo, possibilità di fermata per residenti e negozi lungo le strade a scorrimento, convivenza tra traffico privato e mezzi pubblici agli incroci. Sono solo alcune delle criticità che saranno presentate e discusse oggi sul tavolo convocato in Campidoglio con all’ordine del giorno la pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Ci sarà il sindaco, Ignazio Marino, annunciato. Ma anche i responsabili della polizia municipale e della Mobilità. Tra le carte che arriveranno sul tavolo dell’amministrazione capitolina dovrà esserci anche quella riguardante la cantieristica, un vero e proprio cronoprogramma che consenta alla Municipale di coordinare l’attività di monitoraggio e gestione del traffico, in vista dell’apertura ufficiale della nuova viabilità prevista per il 3 agosto, come annunciato sabato dal vicesindaco, Luigi Nieri.

Per ora, cantieri a parte, non sono partite modifiche sostanziali alla viabilità, previste invece dall’attuazione della prima fase del piano. Salvo un piccolo ripensamento su via Merulana che prima era stata pensata a senso unico e poi riconvertita (com’è attualmente) a doppio senso di circolazione. Ma proprio in via Merulana, oggi una delle strade martoriate dalla sosta in doppia fila, «ci sarà tolleranza zero per i furbetti », annunciano dal Campidoglio. Una direzione obbligata per garantire la necessaria fluidità al traffico, visto che la via sarà il naturale sfogo delle auto che arrivano dal Colosseo, attraverso via Labicana, dirette a Termini-Esquilino.

LE DIFFICOLTÀ
Altri nodi sono l’impianto semaforico tra via Labicana e via Merulana e quello, più complesso, che gestisce il traffico da via Labicana a piazza del Colosseo. Di lì passeranno non solo i veicoli provenienti dal Colosseo (a salire nelle due corsie di marcia previste verso via Merulana), ma anche i tram, in questo caso nei due sensi di marcia. Sembra sfumata a questo punto l’ipotesi pista ciclabile, perché proprio sulle piste la legge prevede ingombri ben precisi, spazi che - a detta dei tecnici - non ci sono. Per questo motivo si pensa a una pista ciclabile lungo Colle Oppio. Osservazioni a cui si aggiungeranno quelle rilevate dalla presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, che ha ascoltato cittadini e negozianti, preoccupati di rimanere intrappolati nella nuova viabilità.

Martedì 16 Luglio 2013 - 09:34
Ultimo aggiornamento: 09:35
 

·
Stefano (Roma)
Joined
·
7,782 Posts
Da REPUBBLICA Online

Mercoledì 17 Luglio 2013

Fori, in via Labicana limite di velocità a 30 km. Proseguono i vertici tra Comune e municipio. Dopo le lamentele dei residenti si punta a limare le criticità. Divieti di sosta e parcheggi i nodi ancora da sciogliere. Allo studio la realizzazione di un'area per lo scarico merci in via Pietro Verri

di MARCO CIAFFONE

Lunedì scorso il minisindaco del I municipio, Sabrina Alfonsi, si è impegnata a presentare in sede comunale le lamentele che residenti e commercianti di via Labicana hanno avanzato sui lavori che interessano la strada in vista della pedonalizzazione dei Fori imperiali. L'occasione di mantenere la promessa è stata la riunione che ieri mattinata ha visto in Comune un tavolo tecnico al quale il municipio era rappresentato. Tra i presenti gran parte dei soggetti che si stanno occupando della realizzazione del progetto, dall'Atac alla metro C, dall'Agenzia per la Mobilità al I gruppo dei vigili urbani.

Le questioni più spinose riguardano l'inversione di marcia della corsia nord di via Labicana, che nei timori di molti aprirebbe alla possibilità che la stessa possa diventare una corsia a scorrimento veloce che potrebbe così danneggiare le attività commerciali limitandone la clientela di passaggio e cancellando, al tempo stesso, le postazioni di carico e scarico. Per ovviare al primo problema i residenti hanno proposto la creazione di dossi di gomma, ma gli addetti ai lavori sembrano orientati verso l'abbassamento del limite di velocità a 30 chilometri orari. Sull'area di carico e scarico merci sembra invece essere stata individuata via Pietro Verri come alternativa, in un tratto di strada posto più o meno a metà tra l'incrocio con piazza del Colosseo e quello con via Merulana.

Ancora da sciogliere è invece il nodo parcheggi e quello collegato delle aree di sosta d'emergenza, sul quale il tavolo tecnico tornerà a stretto giro con una prospettiva più ampia; i divieti di sosta previsti tra via degli Annibaldi e via Salvi rientrano infatti nello stesso quadro. In questo senso, gli incontri come quello di stamattina sono destinati a ripetersi con continuità da qui alle ore che precederanno la chiusura dei cantieri e la Notte bianca del 3 agosto.

Allo studio dei vigili urbani c'è poi una soluzione per i mezzi che imboccano via Labicana da via Nicola Salvi con l'intenzione di svoltare, in fondo, verso San Giovanni; stando al piano attuale infatti le auto si ritroverebbero, una volta raggiunto l'incrocio con via Merulana, ad avere solo due scelte: svoltare a sinistra o proseguire dritti su viale Manzoni (c'era scritto Marconi ma l'ho corretto, voglio sperare fosse solo un refuso), anch'esso, a quel punto, a senso unico.

Le tempistiche dei lavori sono state comunque confermate nonostante le criticità emerse. I lavori vanno avanti su via Labicana, dove la delimitazione coi new jersey (ma sono solo provvisori, spero?!? O hanno intenzione di delimitare la sede tranviaria come fosse una corsia di autostrada? :bash:) della corsia destra è stata completata, e all'incrocio tra via Nicola Salvi e piazza del Colosseo, mentre gli operai si spostano tra gli incroci per microinterventi di adeguamento di marciapiedi, semafori e pali della luce. Il tutto con i tempi strettissimi che vedono la necessità di passare all'ultima fase in pochi giorni.
 

·
Registered
Joined
·
8,955 Posts
Da REPUBBLICA Online

(ma sono solo provvisori, spero?!? O hanno intenzione di delimitare la sede tranviaria come fosse una corsia di autostrada? :bash:)
in un articolo di qualche giorno fa spiegavano che poi sarebbero stati sostituiti con quelli definitivi in pietra
 

·
Stefano (Roma)
Joined
·
7,782 Posts
^^

Ho capito... allora i new jersey di cemento ce li terremo fino alle calende greche... con buona pace della sovrintendenza che magari per quegli orridi muri di cemento non proferirà parola salvo accanirsi contro fili e rotaie del tram in centro... 'sti bastardi!!! :bash:
 

·
Registered
Joined
·
29,661 Posts
I lavori vanno avanti su via Labicana, dove la delimitazione coi new jersey (ma sono solo provvisori, spero?!? O hanno intenzione di delimitare la sede tranviaria come fosse una corsia di autostrada? :bash:)
Ma ti pare che dei new jersey possano essere definitivi??? :coffee:
 

·
Brentered
Joined
·
38,698 Posts

·
Paraboloide Iperbolico
Joined
·
3,830 Posts
^^
Sempre meglio delle borchie

Per me la questione si può risolvere solo con impedire l'attraversamento del centro alle auto, ovvero bloccare completamente i flussi tra Venezia-Labicana-S.Gregorio. In pratica se provieni da ovest fai un altro giro più largo o prendi i mezzi pubblici. Fine della storia.
 

·
Registered
Joined
·
4,032 Posts
mah, sono dubbioso. sulla viabilità non metto bocca perchè ci passo ogni morte di papa e a prescindere ogni novità comporta un periodo iniziale complicato anche nel caso in cui si tratti di modifiche giuste e razionali. quello che più mi lascia scettico è il fatto che ridurre di due corsie una strada già adesso con un senso adibito ai soli mezzi pubblici non mi da l'impressione di essere tutta sta novità e neanche tutta sta sensazione di ricongiungimento.
 

·
Registered
Joined
·
454 Posts
Pare che ci sarà la pista ciclabile da subito su via dei Fori Imperiali, via Labicana e viale Manzoni.

Da: www.ansa.it/

Fori, pista ciclabile a via Labicana

(ANSA) - ROMA, 18 LUG - ''Abbiamo accolto il suggerimento dei cittadini per una ciclabile su via Labicana. Abbiamo quindi modificato il disegno e avremo una corsia dedicata alle bici su via dei Fori, via Labicana e viale Manzoni. Credo che i lavori siano già partiti''. Lo ha detto il sindaco di Roma Ignazio Marino a proposito della pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali.
 

·
Registered
Joined
·
8,955 Posts
Fori Imperiali, Marino: «La pista ciclabile
fino a via Labicana e viale Manzoni»



ROMA - Partiti (in anticipo) i lavori per la pedonalizzazione del l'area dei Fori Imperiali, con novità annunciate dal sindaco sul fronte della pista ciclabile che si accompagna al progetto: «Nell'ambito degli incontri sulla pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali abbiamo accolto il suggerimento arrivato dai cittadini per una ciclabile su via Labicana. Abbiamo quindi modificato il disegno e avremo una pista dedicata alle bici su via dei Fori, via Labicana e viale Manzoni». È quanto ha annunciato il sindaco di Roma, Ignazio Marino, a margine di un incontro sul bombardamento di San Lorenzo all'Istituto superiore di sanità.

VIA AI LAVORI - «Credo che i lavori siano già partiti - ha aggiunto il primo cittadino di Roma - la pedonalizzazione procede molto bene e personalmente ho ricevuto migliaia di mail da parte dei cittadini, praticamente tutte positive nei confronti del progetto».

IL PROGETTO - Dal 30 luglio il progetto dei «Fori pedonali» prevede lo stop alle auto e moto private su via dei Fori Imperiali, nel tratto da largo Corrado Ricci a piazza del Colosseo. Qui potranno transitare solo i mezzi di trasporto pubblico, con l'istituzione di un limite di velocità a 30 km/h. Poi, tra dicembre e gennaio 2014, l'allargamento del marciapiede e la costruzione della pista ciclabile verso il parco di Colle Oppio.

COLOSSEO - Tra 10 giorni poi verrà dato il via ai lavori di restauro del Colosseo. Marino è convinto della «valorizzazione dell'area archeologica più importante del nostro pianeta», di una «rivoluzione per un'area unica al mondo».
 

·
Stefano (Roma)
Joined
·
7,782 Posts
Da REPUBBLICA Online:

Fori chiusi, in via Merulana più 30% di auto - Stop al traffico privato, proteste all'Esquilino.
La relazione dell'Agenzia della mobilità: "Prevista una stretta sui bus turistici in centro". Il sindaco Marino: "In via Labicana una corsia per le bici". E boccia la richiesta di consultazione popolare avanzata da Alemanno: "Il referendum è stata la mia elezione"

di MARCO CIAFFONE

Una lunga giornata quella di ieri al Consiglio del I municipio, impegnato sui lavori di pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Dopo il sopralluogo compiuto delle commissioni Lavori pubblici e Urbanistica a via Labicana è stata la relazione di Alessandro Fuschiotto, ingegnere dell'Agenzia per la mobilità, a scaldare gli animi nella sala del consiglio, alla presenza di residenti e cittadini: "Le regole non ci imponevano l'incontro col tecnico - dichiara il minisindaco Sabrina Alfonsi - ma abbiamo voluto impegnarci in un atto di trasparenza".

E così Fuschiotto ha toccato i punti nevralgici del progetto: "Prevediamo un moderato aumento del traffico su via Salvi e via degli Annibaldi, mentre su via Labicana verranno deviati circa 1500 veicoli e si perderanno una trentina di posti auto. Per quanto riguarda via Merulana, il problema sarà gestire il rispetto dei divieti di sosta per un tratto nel quale, in alcuni momenti, prevediamo un aumento dei veicoli tra il 25 e il 30%".

E qui scoppia la bagarre: "Questo è un attentato alla salute di chi vive all'Esquilino", grida a ripetizione un residente. Il diverbio scoppia anche tra una rappresentante di #Salvaciclisti e un cittadino di via Labicana sulla possibilità di istituire una pista ciclabile.

L'ingegnere però riesce a sedare le polemiche e chiarisce: "Innanzitutto, è allo studio con l'assessore comunale alla Mobilità, Guido Improta, un piano di divieto di accesso al centro per i bus turistici, che già da agosto non potranno accedere a piazza del Colosseo, né imboccare via Merulana venendo da via dell'Amba Aradam. Sulla pista ciclabile - ha proseguito - al massimo ci potrà essere una corsia, perché il marciapiede di via Labicana, in alcuni punti largo solo un metro e trenta, non permette nulla di più".

Di corsia dedicata, a distanza, parlava anche il sindaco Ignazio Marino, "felice per le migliaia di email arrivate per suggerire una ciclabile".
Il consiglio del municipio tornerà ad esaminare queste spinose questioni nella seduta prevista per il 25 luglio.

"Presenteremo una mozione di indirizzo - dice la consigliera Pd Antonella Pollicita - nella quale diamo un parere positivo al progetto ma chiediamo di non ignorare le criticità emerse finora, per portare a termine un'iniziativa che nasce da una visione migliore della città".

Punto di vista opposto per i consiglieri d'opposizione: "Manca un vero progetto per la sperimentazione - afferma Sergio Marchi - e quindi abbiamo chiesto insieme al M5S la sua immediata sospensione e un referendum popolare". Consultazione chiesta anche da Gianni Alemanno e subito esclusa da Marino: "Il referendum è stata la mia elezione. E anche sul voto promosso online da Marchi è favorevole l'80%". Mentre il cantiere era già a pieno regime anche su viale Manzoni.

(19 luglio 2013)
 

·
Stefano (Roma)
Joined
·
7,782 Posts
Ho appena scritto questa mail all'indirizzo più volte indicato per informazioni e suggerimenti relativi alla pedonalizzazione dei Fori Imperiali:

Da: ... ... ...
Inviato: venerdì 19 luglio 2013 09:12
A: '[email protected]'
Oggetto: Pedonalizzazione Fori Imperiali

Salve,
con riferimento al progetto di pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali volevo avere qualche ragguaglio sulla ipotesi inizialmente ventilata di un collegamento tranviario tra il capolinea del tram 8 di piazza S. Marco/piazza Venezia e le rotaie di Via Labicana onde consentire la creazione di un nuovo funzionale collegamento “su ferro” e limitare se non eliminare del tutto il transito di veicoli comunque inquinanti (bus) su Via dei Fori Imperiali. A parte qualche iniziale riferimento alla creazione di questo impianto tranviario (peraltro con tecniche innovative senza alimentazione aerea… il che mi lascia molto perplesso), poi nei successivi giorni non se ne è più parlato neppure con riferimento alle fasi successive della pedonalizzazione.
Grazie e buon lavoro!!!
 

·
Charlie User
Joined
·
5,185 Posts
Pare che ci sarà la pista ciclabile da subito su via dei Fori Imperiali, via Labicana e viale Manzoni.

Da: www.ansa.it/

Fori, pista ciclabile a via Labicana

(ANSA) - ROMA, 18 LUG - ''Abbiamo accolto il suggerimento dei cittadini per una ciclabile su via Labicana. Abbiamo quindi modificato il disegno e avremo una corsia dedicata alle bici su via dei Fori, via Labicana e viale Manzoni. Credo che i lavori siano già partiti''. Lo ha detto il sindaco di Roma Ignazio Marino a proposito della pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali.
Davvero interessante l'idea della ciclabile! In primavera ci sono passato in bici tra Labicana e Fori Imperiali, e devo dire che è di una scomodità incredibile. Soprattutto a Labicana mi sentivo più tranquillo a stare sul marciapiede :lol:
 

·
Paraboloide Iperbolico
Joined
·
3,830 Posts
Da REPUBBLICA Online:



Per quanto riguarda via Merulana, il problema sarà gestire il rispetto dei divieti di sosta per un tratto nel quale, in alcuni momenti, prevediamo un aumento dei veicoli tra il 25 e il 30%".

E qui scoppia la bagarre: "Questo è un attentato alla salute di chi vive all'Esquilino", grida a ripetizione un residente.
Sarà forse la fine della sosta selvaggia su via Merulana????????????????
 

·
Registered
Joined
·
361 Posts
copio e incollo dal sito FB di Coordinamento Roma Ciclabile https://www.facebook.com/coordinamento.romaciclabile?hc_location=timeline

Breve nota sull’incontro per il Progetti pedonalizzazione (parziale) Fori Imperiali
19 Luglio 2013

All’incontro, convocato con urgenza dall’ag. della mobilità, hanno partecipato i tecnici del comune di roma, rappresentati dal direttore della viabilità del VII dipartimento Goffredo Camilli e dal direttore di dip. VII Giovanni Serra , e dell’agenzia della mobilità impegnati nella redazione del progetti pedonalizzazione fori, Alessandro Fuschiotto, Stefano Giovenali, e altri progettisti, oltre a Marco Contadini, responsabile del piano quadro della ciclabilità. Io e Lorenzo Sturlese abbiamo partecipato per il coordinamento roma ciclabile, Alfredo Giordani, Valeria Pulieri, Marco Pierfranceschi e Ada Becchi per ‪#‎salvaicilisti‬, Fausto Bonafaccia per Biciroma.
E’ stato illustrato il progetto attualmente in corso di realizzazione. Abbiamo sollevato le nostre obiezioni in merito alla mancata previsione di un percorso/pista ciclabile sulla via Labicana, nella direzione Merulana/Colosseo, che impedirà il transito della biciclette, essendo la strada prevista completamente a senso unico in direzione opposta, Colosseo/Merulana.
E’ stata illustrata una proposta di realizzazione di una pista ciclabile ad integrazione del progetto, a doppio senso e sul lato sud di via labicana, in parte utilizzando la controstrada esistente da Merulana a S. Clemente, in parte su marciapiede in promiscuo con i pedoni.
La soluzione prospettata ha trovato contrari tutti i rappresentanti dei ciclisti, per due motivi:
- sottrae spazio e mette in pericolo la circolazione pedonale, e proprio nel tratto più utilizzato, quello verso il colosseo;
- è insoddisfacente per il ciclista urbano che mantiene una andatura “veloce” (ciclisti lepre)
La soluzione prevalentemente sostenuta da tutti i ciclisti invece è quella di puntare sulla riduzione delle carreggiate carrabili di via labicana ad una corsia soltanto, quella lato sud direzione Merulana, e trasformare quella nord in pista ciclabile bidirezionale, allargando anche lo spazio per i pedoni.
Le obiezioni dei tecnici sono state sostanzialmente motivate dal volume di traffico che si genera sommando le auto provenienti da via di S. gregorio, che attualmente si dirigono verso via Cavour e dopo non potranno più farlo (via annibaldi e via Salvi cambiano senso) con quelle che già ora si dirigono su via Labicana da S. Gregorio e dai Fori. Il rischio che tale volume di traffico produca il blocco della circolazione è alto, anzi per i tecnici sicuramente insostenibile con una sola corsia. Tale eventualità metterebbe a rischio l’intero progetto Fori.
La nostra posizione (almeno la mia) è la seguente:
- il progetto attuale deve avere come obiettivo, oltre la salvaguardia del Colosseo e del parco archeologico (ricordiamoci che il numero dei turisti attuali, già quasi ingestibile, raddoppierà nel giro di 10/15 anni, previsioni ONU), la riduzione del traffico auto privato (nel caso specifico in entrata e uscita dal centro storico); in questo senso è un progetto di valore strategico;
- per questo occorre incentivare in alternativa, e non in coabitazione impossibile, il tpl e la mobilità sostenibile (pedonale e ciclabile); finché con l’auto sarà “facile” muoversi, l’alternativa non verrebbe praticata; è chiaro che questa scelta deve prevedere lo sviluppo delle altre mobilità, quindi sia la doppia pista protetta per le bici, sia il potenziamento del servizio di TPL
- la riduzione ad una carreggiata di Via Labicana dovrebbe avere come effetto proprio quello di rendere più difficile l’uso dell’auto e quindi di disincentivarlo; è vero che oggi il volume di traffico è ingestibile con una sola carreggiata ma l’effetto del progetto dovrebbe essere quello di ridurre tale traffico, indurre ad un uso più intenso del TPL e delle bici, e quindi rendere sufficiente una sola carreggiata;
Ipotesi di mediazione sono state immaginate. Una ipotesi prevede di mettere in programma la trasformazione della corsia carrabile nord in ciclabile e pedonale entro x anni (2?3?). La nostra proposta, in alternativa, è di sperimentare invece subito la chiusura della corsia nord di via Labicana alle auto, ma come misura sperimentale (agosto ci aiuta), da modificare nel caso il traffico risultasse effettivamente ingestibile, tornando quindi all’ipotesi precedente (ciclabile e pedonale fra x anni).
Poi ci sono le misure alternative o integrative, nel caso non passasse la nostra ipotesi, da attuare subito. La principale direttrice alternativa per le biciclette che è emersa potrebbe essere costituta dall’asse Via Galilei, via Bonghi, parco colle Oppio (con chiusura serale posticipata); andrebbe considerata anche la direttrice Via di S. Teodoro/Via Claudia, soprattutto per chi proviene da S. Giovanni/via Appia.
La direttrice Colosseo Merulana, seppure percorribile in promiscuo con le auto, richiederebbe, per la sicurezza, la effettiva trasformazione della corsie in area 30, con dossi negli attraversamenti e controllo della velocità. Un percorso alternativa si può comunque realizzare facilmente utilizzando via di s. giovanni in laterano dal Colosseo a S. Clemente, per poi tornare su Via Labicana e utilizzare la controstrada esistente.
Per ultimo, in ogni caso, qualsiasi scelta verrà fatta, si è concordato sul fatto che questo progetto deve esplicitamente configurarsi come il primo passo di una strategia che va elaborata e poi resa esplicita (obiettivi, tempi e risorse), e che deve avere come obiettivo appunto la riduzione del traffico auto privato, misurabile (20% in cinque anni?) e lo sviluppo della mobilità sostenibile (+ 50% pedonale in area fori e 10% ciclabile?). Tale strategia va elaborata non fra qualche anno ma subito (due/tre mesi), deve concretizzarsi nel Piano del traffico locale dell’area Esquilino, in modo da coordinare efficacemente un insieme di azioni tali da raggiungere in modo più efficiente e condiviso gli obiettivi indicati, per tutta l’area.
E’ stato anche fatta e raccolta positivamente la proposta di aggiungere agli interventi previsti nella core area del progetto, altri interventi “leggeri” ma importanti per segnalare il sistema a rete, da sviluppare a partire da subito, nel quale l’area di progetto è inserita. In particolare subito il disegno a terra di una corsia ciclabile per senso di marcia nel tratto fra Largo Corrado Ricci e piazza Venezia e nel tratto di via di S. Gregorio, fra il Circo Massimo e Piazza del Colosseo/Labicana.
Mi riservo di aggiungere altro se mi segnalate quello che ho dimenticato.
(Roberto Pallottini)
 
1 - 20 of 1048 Posts
Top