SkyscraperCity banner

5041 - 5052 of 5052 Posts

·
Registered
Joined
·
49,659 Posts
Discussion Starter #5,041
La Sicilia perderà quasi il 40% delle presenze turistiche nel 2020
DUCCIO GENNARO 28/04/2020



La Sicilia perderà quasi il 40% delle presenze turistiche nel corso di quest’anno ma nonostante tutto sarà la regione che avrà la perdita minore. Lo studio dell’Enit (Ente nazionale per il turismo) ha messo in risalto l’impatto del covid 19 sul turismo in Italia elaborando alcune proiezioni significative. Lo studio si basa sulle prenotazioni per questa estate pervenute fino allo scorso 12 aprile dalle quali risulta che la filiera turistica dell’Isola subirà una contrazione di “appena” il 39,5% (dato riferito a Palermo, ma estendibile alle altre città d’arte del circuito siciliano come Taormina, Cefalù, Siracusa, il trapanese e gli Iblei). La perdita maggiore è nel turismo internazionale (-22,7%) mentre quello nazionale regge ancora (-16,8%). Sarà dunque il turismo nazionale a salvare la Sicilia con visitatori che viaggeranno verso il sud evitando di andare all’estero. Anche l’impatto del turismo straniero sarà meno grave in Sicilia rispetto mete turistiche più tradizionali come Venezia, Roma ,Napoli e Firenze.

L’Enit si proietta anche al prossimo biennio e conclude che “entro il 2023 tutte le città accoglieranno un numero di viaggiatori maggiore rispetto al 2019. Ciò riflette il trend dei viaggiatori domestici, in quanto il viaggiatore internazionale verso l’Italia ritornerà (e non supererà) i livelli del 2019 entro il 2023. Le città con una quota maggiore di viaggiatori domestici (e internazionali a corto raggio) sperimenteranno una ripresa più rapida nel 2021 e nel 2022, poiché si prevede che i viaggi nazionali e a corto raggio si riprenderanno dal post pandemia più rapidamente».

Il Bollettino dell’Ufficio studi dell’Enit realizza un “termometro Italia” dalle sedi Enit nel mondo tenendo conto delle prenotazioni aeroportuali internazionali, dei pernottamenti italiani e stranieri, della spesa turistica, dei focus sui mercati e degli strumenti europei per la ripresa. L’Italia in atto è la più colpita in Europa con un -57,5% di prenotazioni. Si prevede un impatto sulla spesa turistica in entrata dall’estero che si traduce in un calo di quasi 20 miliardi di euro nel 2020 rispetto al livello del 2019. Per i pernottamenti internazionali si prevede un calo di 102 milioni nel 2020 rispetto al 2019. Gli hotel a 3 e 4 stelle hanno perso finora un fatturato di circa 2,5 miliardi. In Sicilia tocca ora ad imprenditori turistici, albergatori, agenzie e tutto il comparto farsi trovare all’altezza del compito e soddisfare la domanda al meglio anche nella prospettiva di migliorare il dato negativo indicato dall’Enit almeno per i restanti mesi dell’anno in corso. Un dato che potrà essere migliorato anche allungando la stagione a settembre ed all’autunno quando la morsa dell’emergenza sanitaria dovrebbe allentarsi, se non scomparire.
 

·
Registered
Joined
·
17,336 Posts
Le presenze delle strutture alberghiere ed extra alberghiere di Taormina sono straniere all’85%, considerando che per quest’anno il turismo straniero sarà pressoché zero, si preannuncia un ecatombe per Taormina altro che 40%...

Probabilmente andrà meno peggio in altre località siciliane che hanno una percentuale di presenze straniere minore
 

·
Registered
Joined
·
49,659 Posts
Discussion Starter #5,044
Le presenze delle strutture alberghiere ed extra alberghiere di Taormina sono straniere all’85%, considerando che per quest’anno il turismo straniero sarà pressoché zero, si preannuncia un ecatombe per Taormina altro che 40%...

Probabilmente andrà meno peggio in altre località siciliane che hanno una percentuale di presenze straniere minore
E' vero, Taormina su tutte è quella che risentirà maggiormente della crisi turistica post-Covid. Qualche speranza, tuttavia, potrebbe arrivare dai turisti nazionali, i quali potrebbero optare per località italiane invece che estere (almeno stando a qualche previsione da parte di esperti del settore).
 

·
Registered
Joined
·
49,659 Posts
Discussion Starter #5,045
In Sicilia nasce una nuova "Luxury Lighthouse", nonostante il Covid-19
Apre il ristrutturato Faro di Brucoli, dove è già possibile prenotare una lussuosa vacanza di prossimità...
06 MAGGIO 2020

In Sicilia nasce una nuova ''Luxury Lighthouse'', nonostante il Covid-19

Nell'ambito di una stagione turistica che sarà inevitabilmente segnata dall'emergenza Covid-19, in Sicilia apre una nuova struttura in grado di rispondere alle esigenze di una clientela luxury alla ricerca di una vacanza all'insegna dell'assoluta intimità.
Si tratta del Faro di Brucoli, trasformato in una "luxury lighthouse", una dimora esclusiva e intima che rappresenta la perfetta sintesi di un recupero architettonico rispettoso dell'ambiente e della storia e allo stesso tempo il giusto equilibrio tra turismo e sostenibilità.
Il Faro di Brucoli prima della ristrutturazione

Il progetto di riconversione del faro, costruito nel 1912, è stato affidato alla società Azzurra Capital ed è inserito nell'ambito del programma "Valore-Paese-Dimore" dell'Agenzia del Demanio e del Ministero della Difesa ed Enti Territoriali che ha l'obiettivo di valorizzare il patrimonio pubblico dismesso, potenziare l'offerta turistico-culturale e lo sviluppo dei territori, promuovendo le eccellenze italiane.
Il Faro di Brucoli ristrutturato

Il Faro, così, è stato trasformato in una dimora esclusiva dall'architetto Giuseppe Di Vita, che può essere riservata interamente ad un unico ospite/coppia o nucleo familiare ed è dotata di tutti i massimi livelli di comfort, con accesso diretto al mare e una vista che spazia sul borgo di Brucoli, il quattrocentesco Castello Aragonese e l'Etna.
La terrazza superiore del faro di Brucoli

Il progetto prevede due suite con vasche di design in camera e bagno turco, una camera singola di supporto, una piccola zona benessere privata, una living room con camino centrale per i mesi invernali, una cucina con attrezzature professionali, una terrazza sovrastante accessibile attraverso la torre della lanterna, un giardino di inverno, ampi spazi esterni attrezzati, e l'accesso diretto al mare.
L'obiettivo è anche quello di fare del sito una vetrina d'eccellenza enogastronomica, dove poter degustare i prodotti tipici locali con la possibilità di organizzare eventi culturali per promuovere il territorio.

È già possibile prenotare attraverso il sito web FarodiBrucoli – Luxury LightHouse

 

·
Registered
Joined
·
49,659 Posts
Discussion Starter #5,046
L RICONOSCIMENTO
Bandiere Blu 2020, da Menfi a Castel di Tusa: premiate 7 spiagge siciliane
09 Maggio 2020




La Sicilia quest'anno si aggiudica sette le Bandiere Blu. Sette le spiagge che hanno meritato il riconoscimento della Fee, l’Ong danese Foundation for Environmental Education, per l'edizione numero 34.
Si tratta più che altro di una riconferma per le località siciliane. La Bandiera blu è stata assegnata a: Menfi, nell’Agrigentino, con il Lido Fiori Bertolino, Porto Palo Cipollazzo, a Castel di Tusa con la spiaggia delle Lampare e spiaggia Marina. Presenti anche le isole Eolie con Lipari, Stromboli Ficogrande, Vulcano Gelso, Vulcano Acque Termali, Canneto ed Acquacalda.

Sempre nel Messinese ma nella zona jonica ha conquistato il riconoscimento il lungomare di Santa
Teresa di Riva
mentre in provincia di Ragusa sono tre le località che vedranno sventolare la Bandiera Blu: Ispica con i tre tratti di Punta Ciriga e Santa Maria del Focallo, Pozzallo con le spiagge di Pietre Nere e Raganzino e il capoluogo con Marina di Ragusa.
 

·
Registered
Joined
·
49,659 Posts
Discussion Starter #5,047
La stampa internazionale riscopre la Sicilia
Iniziative Regione per rilanciare settore dopo crisi pandemia

Redazione ANSA PALERMO
10 maggio 2020

 © ANSA




(ANSA) - PALERMO, 10 MAG - L'ultimo a parlarne è stato 'De Telegraaf', il più importante quotidiano dei Paesi Bassi, che ha dedicato una pagina, scritta dal corrispondente da Roma Maarten van Aalderen, con una bellissima immagine della Valle dei Templi di Agrigento, per raccontare agli olandesi progetti e proposte dell'assessorato al Turismo della Regione Siciliana, a partire dalla idea dei 'voucher' per chi desidera visitare l'Isola, ma anche per spiegare che l'Italia vuol salvare il turismo della prossima estate.

L'assessore regionale al Turismo Manlio Messina parla dell'iniziativa di una notte gratis ogni tre prenotate, delle negoziazioni con le compagnie aeree per acquistare biglietti e far arrivare anche turisti stranieri quando sarà possibile, dei servizi da offrire ai turisti: dalle visite ai siti archeologici, ai tour sull'Etna, alle immersioni per chi desidera fare snorkeling, fino ai corsi di cucina o di enogastronomia. "Quando un turista prenota una vacanza in Sicilia - dice Messina a De Telegraaf- potrà scegliere quello che più gli interessa" .

Venerdì il sito internet del giornale olandese aveva pubblicato in apertura sulla 'homepage' l'articolo che ha fatto registrare un vero boom di visite. Ma in questi giorni un pò tutta la stampa internazionale ha scoperto come la Sicilia, nonostante i problemi legati alla pandemia, continui ad essere una meta fortemente attrattiva, anche grazie al basso indice di contagi registrato nell'isola. I primi a lanciare le iniziative erano stati The Times e la Reuters ed ancora gli altri inglesi Daily Mail, The Sun, The Guardian, Mirror, Telegraph, Time Out; ma anche i prestigiosi americani Washington post e New York Post, gli spagnoli Lavanguardia e 20minutos; ed ancora Forbes, , Lonely Planet Time of India, Huffington Post del Canada, Vogue Australia, fino al New Zeland Herald per citarne alcuni. Tutti a raccontare le iniziative che metterà in campo la Regione Siciliana con i 75 milioni varati nei giorni scorsi con la legge finanziaria approvata dall'Ars. "Da alcuni giorni - sottolinea l'assessore Manlio Messina - tutti i giornali del mondo parlano della Sicilia e di quello che stiamo pianificando per cercare di dare un aiuto concreto alla filiera del turismo e a tutti gli operatori siciliani che si sono visti azzerare all'improvviso una stagione fondamentale come la primavera che da sempre porta nella nostra Isola turisti da tutto il mondo. Nessuno sarà escluso dagli interventi, a partire dagli agenti di viaggio e tour operator, albergatori, guide turistiche e tutti coloro che lavorano nell'indotto del turismo ". (ANSA).
 

·
Registered
Joined
·
154 Posts
Sono veramente contento per Alì Terme, mi è sempre piaciuta la sua spiaggia ed il suo lungomare, personalmente lo ritengo migliore di quello di S. Teresa di Riva
 

·
Registered
Joined
·
49,659 Posts
Discussion Starter #5,050
Estate dopo lockdown in ville con piscina e wifi: Sicilia meta più desiderata
19/05/2020
di Redazione
Secondo i dati Airbnb i turisti italiani si orienteranno, per le vacanze, su case e ville che devono però rispondere a precise caratteristiche
Estate dopo lockdown in ville con piscina e wifi: Sicilia meta più desiderata



ROMA - Sarà un’estate italiana, in casa o villa, con tutta la famiglia. E con la Sicilia al primo posto tra le mete più ricercate. Alla vigilia della riapertura totale della circolazione tra le regioni, sono i primi trend dell’estate 2020 secondo Airbnb, la piattaforma globale di viaggi, che registra «un aumento di ricerche» e, dice il Country manager Italia, Giacomo Trovato, «il primo segnale di ripresa». Secondo i dati Airbnb l’estate 2020 ricorderà un pò quelle degli anni Sessanta, quando si partiva per le ferie, auto stracarica di bagagli e famiglia. L’82% degli italiani le trascorrerà in Italia, contro il 55% dell’anno scorso.
Tra le destinazioni più cercate, Sicilia, Sardegna, Puglia, Trentino Alto-Adige e Costa Etrusca (in Toscana e Lazio). Complice poi la necessità di distanziamento sociale, si cerca soprattutto una casa «indipendente» (62% contro il 7% degli appartamenti, con un +21% sullo stesso peridoo nel 2019), che diventa essa stessa la vera destinazione del viaggio. Sarà un’estate diversa anche nella durata e nei «contenuti». Terminata per ora l’epoca dei week-end mordi e fuggi e dei tour a tappe, il 66% delle ricerche riguarda soggiorni di durata superiore a una settimana (lo scorso anno era il 32%) mentre calano vistosamente i week end (-70%).


Smaltite poi gran parte delle ferie disponibili durante il lockdown, si cercherà di proseguire a lavorare in smartworking. Ecco allora che due elementi diventano fondamentali nella scelta della casa: piscina e wifi. Uno per lavorare a distanza, l’altra (che per la prima volta sale in cima alle richieste) per intrattenere nel frattempo i bambini e forse anche come ancora nel caso di improvvise nuove restrizioni alla circolazione o all’accesso alle spiagge. Seguono la possibilità di portare il proprio animale domestico (almeno 1 famiglia su 3 con ricerche quadruplicate), cucina accessoriata, jacuzzi e aria condizionata.
 
5041 - 5052 of 5052 Posts
Top