SkyscraperCity banner
Status
Not open for further replies.
1 - 20 of 62 Posts

·
ad mos maiorum
Joined
·
3,906 Posts
Discussion Starter · #1 · (Edited)
CORRIERE.IT

Domenico Nesci ha fatto rinascere il mito del maschio italiano in America
È tornato il Vitellone
Bergamasco conquista la tv Usa con un reality «seduzione e spaghetti» su Mtv

MILANO—Negli Stati Uniti è tornato di moda il «vitellone». Almeno stando allo show di Mtv — «That’s amore» — che si è concluso da poco negli Usa, mentre da noi è in onda sulla rete giovane (stasera e domani, alle 22.30 le ultime due puntate). E il vitellone ha un nome e un cognome: Domenico Nesci, bergamasco, 27 anni. Molti giornali — il New York Post ha titolato: «A furor di popolo è nata una stella»—gli hanno dedicato articoli e copertine. Inneggiano al nuovo maschio italiano, al «Mastroianni del Duemila» come si definisce lui. A un certo punto della sua giovane vita, Domenico parte per Los Angeles: fa il cameriere in un noto locale di star, e si presenta a tutti i provini possibili.


Viene preso da Mtv per «A shot at love with Tila Tequila» un reality show un po’ hot, dove questa Tila deve scegliere — essendo bisex — la donna o l’uomo da amare. Lui viene scartato in malo modo, ma il suo fare esuberante, simpatico, genuino colpisce telespettatori e dirigenti. Che lo inseguono e gli propongono un programma cucito su di lui: «That’s amore », appunto. Il sogno di tutti gli uomini: 15 splendide fanciulle, a dir poco intraprendenti, disposte a qualunque cosa pur di essere scelte da Domenico. Scusi ma davvero lei ha fatto rinascere il mito del maschio italiano in America? «Beh sì, hanno apprezzato il mio modo di essere: dolce, simpatico, passionale. Qui in America i maschi sono un po’ rozzi. Io invece ci so fare con le ragazze. Le invito a cena a casa, apro una bottiglia di champagne, cucino piatti italiani, dico cose carine. È una tecnica infallibile. In poche ore sono già nel letto...».

Ormai Domenico si sente chiaramente un maître à penser della seduzione. Nello show—girato in una villa faraonica colorata di rosso bianco e verde, nulla di più kitsch al mondo—lui indossa spesso un costumino attillato tricolore con scritto «That’s amore» sul sedere. «Ora quando vado in giro nelle discoteche — racconta — devo mostrare le mie mutande e le donne, tutte, vogliono toccare il mio fondoschiena. Un noto stilista italiano sta creando mutande apposta per me». Insomma più che «il Mastroianni del Duemila» sembra lo sponsor vivente del made in Italy. Ma lui se la gode. Nella famosa villa le girls lo seducono usando ogni mezzo, lo baciano, per lui si buttano in enormi vasche piene di spaghetti (con effetti disgustosi e raccapriccianti). Nella casa c’è pure una sorta di confessionale, in stile «Grande fratello», che è una piccola stanzetta con tovaglia a quadrettini, e una corda cui sono appesi provoloni, salsicce, pomodorini. Certo che dei luoghi comuni del nostro Paese non manca proprio niente... Ride Domenico: «Sì è vero, ci sono tutti, ma qui piacciono molto. Specie quelli legati alla cucina».

Ma ora che il reality show in America è già finito, lui guarda avanti: vaglia richieste e proposte. Come per esempio un programma radiofonico dove elargisce consigli ai ragazzi che gli chiedono aiuto su come conquistare una ragazza. Quali sono i suoi punti forti? «Dolcezza, sfrontatezza, genuinità». Ma non a tutti piacerà la sua «italianità»? «Con la passionalità si rischia la galera per sexual harassment, qui. Una volta ho chiesto a una ragazza di uscire a cena per due volte di fila... Voleva chiamare la polizia». Lei invece cosa guarda in una donna? «Il sedere, poi gli occhi. E mi colpisce la dolcezza. A Los Angeles c’è una superficialità che fa paura. Alle ragazze interessa solo come ti vesti e che macchina guidi». Domenico invece ha un’anima e un cuore. Forse per questo piace così tanto. Del resto — come spiega lui — «è da molto tempo che in America gli italiani non andavano forte. Dopo Rocky, Stallone, gli anni ’80, l’italiano era passato di moda. Ora finalmente "siamo tornati". Ovunque io vada non riesco più a camminare per i fan. Mi riconoscono più di Harvey Keitel. Fu lui, quando facevo il cameriere, a dirmi: "Se ti va, fallo questo reality show che ti offre Mtv. Ma sii te stesso». E lui l’ha preso alla lettera.

Maria Volpe

Commento. Se avesse studiato negli USA, nel mio caso proprio a L.A., la giornalista avrebbe fatto un articolo completamente diverso.....ancora mi ricordo la fila all'UCLA di giovani americani per rimorchiare le ns. ragazze.
C'era una romana, piuttosto carina, abitava in via Teulada, che s'innamorò e si sposò...
L'ascendente ce l'hanno le femmine italiane...molto meno i nostri maschietti, che comunque accendono le fantasie di molte americane tanto abissale è la differenza con i loro coetanei.
Cmq. preme sottolineare il cambiamento dei tempi. un reality così sarebbe stato impensabile solo 5 anni fa.
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,387 Posts
Paxromana; said:
"Scusi ma davvero lei ha fatto rinascere il mito del maschio italiano in America? «Beh sì, hanno apprezzato il mio modo di essere: dolce, simpatico, passionale. Qui in America i maschi sono un po’ rozzi. Io invece ci so fare con le ragazze. Le invito a cena a casa, apro una bottiglia di champagne, cucino piatti italiani, dico cose carine. È una tecnica infallibile. In poche ore sono già nel letto...».

Devo correre a brevettare la mia tecnica di rimorchio prima che altri me la rubino.

Se volete rimorchiare facendo i dolci, i simpatici ed i passionali dovete pagarmi le royalties.

Che mondo, ti giri un attimo e subito qualcuno cerca di rimorchiare come fai tu, o tempora, o mores!!
 

·
Flame Lurker?
Joined
·
170 Posts
L'ho visto, un gran baraccone di stereotipi al 100%. Poi com'è che adesso il tipo è diventato bergamasco? E' calabrese, e ha vissuto a Milano per un po'. In una puntata ha portato le due finaliste al suo paese natale, Acquaro; secondo il programma, e riportato anche sul sito, "a tiny town in the north of Italy with only one butchers shop, one bakery, and a church doesn't exactly scream 'romance'". Certo, se la provincia di Vibo Valentia la vogliamo chiamare north! Lui si è spacciato per milanese per tutto il tempo. Io se fossi di VV lo troverei un pelo offensivo, o sgradevole. A parte tutto questo, è un coglione, ma non è antipatico :)
 

·
Registered
Joined
·
9,766 Posts
mamma mia....ci manca anche che mettano un pò di spazzatura in giro per la villa e siamo a posto!
 

·
ad mos maiorum
Joined
·
3,906 Posts
Discussion Starter · #9 ·
Effettivamente è inguardabile...ma significa passi da gigante per l'appeal della comunità italoamericana...nella bestiale lotta interetnica degli States.
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,387 Posts
Venezia è sull'Adriatico (anzi sul Golfo di Venezia).

Ma, adesso, non vorrete dirmi che lo stereotipo dell'italiano all'estero è quello tipico del Veneto o del Milanès?
Certo che no,

soprattutto quando si tratta dello stereotipo del maschio italiano che tromba.
 

·
l'incredibile
Joined
·
1,034 Posts
^^ anfatti, ricordami un po' chi è il trombatore per eccellenza... non tu:D...!!!

a già Giacomo Girolamo Casanova, VENEZIANO:banana:
 

·
Flame Lurker?
Joined
·
170 Posts
sembra carino...ma è tutta una montatura, da quel poco che parla non sembra calabrese.
Devi vedere l'episodio 6, ambientato nel famoso paese del "nord" (Acquaro, VV)... la montatura è che sia milanese o bergamasco! I nonni parlano proprio calabro strettissimo, i genitori solo accento pesante, lui accento moderato :)
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,387 Posts
Alter-Ego; said:
^^ anfatti, ricordami un po' chi è il trombatore per eccellenza... non tu:D...!!!

a già Giacomo Girolamo Casanova, VENEZIANO:banana:
E prima ancora Caio Giulio Cesare, che andava in Egitto e si trombava Cleopatra. :D

Massimo rispetto per un maestro come Casanova ;) ma non è lui ad impersonificare lo stereotipo del maschio italiano latin lover occhi neri capelli scuri abbronzato affabulatore seduttore simpatico un po' canaglia.

Direi piuttosto un maschio dalla Romagna alla Sicilia.

Non tutti gli stereotipi sugli italiani sono poi così negativi ;)
 

·
Venetian User
Joined
·
4,065 Posts
Massimo rispetto per un maestro come Casanova ;) ma non è lui ad impersonificare lo stereotipo del maschio italiano latin lover occhi neri capelli scuri abbronzato affabulatore seduttore simpatico un po' canaglia.
Ci mancherebbe che fosse lui a impersonificare lo stereotipo del maschio italiano...italiano non lo era!

All'estero dicono di lui ...his name remains synonymous with the art of seduction...
...ben diverso, insomma, dal tipico stereotipo del maschio italiano


 
1 - 20 of 62 Posts
Status
Not open for further replies.
Top