SkyscraperCity Forum banner
121 - 140 of 152 Posts

·
Toret Proud User
Joined
·
3,932 Posts
Leonardo dovrebbe farsi una torretta da una ventina di piani, seminascosta verso Collegno, peccato che a vederla così sembri abbastanza kitsch

View attachment 2437664
Già. Dovrebbero proprio recuperare il disegno della compianta torre dello Studio Amati...😉

Scherzi a parte, il progetto in sè ed il masterplan sono davvero molto promettenti, sperando che come al solito non finisca tutto presto nel dimenticatoio. Trovo giusto un po' eccessivo il people mover in forma di monorotaia; per un'area così basterebbe un sistema di navette elettriche ma immagino che la monorotaia sia giustamente di effetto per i rendering :ROFLMAO:
 

·
Registered
Joined
·
24,707 Posts
Discussion Starter · #124 · (Edited)
distretto lombardo = varese = lega nord = giorgetti, ministro dello sviluppo economico nonchè il politico più vicino a Draghi
distretto laziale = a' capitale = mezza politica
distretto piemontese = stocazzo

siamo un vaso di coccio in mezzo a vasi di ferro, da decenni. non a caso torino patì molto la fusione selenia - aeritalia da cui nacque l'alenia (con spostamento di peso verso roma) e la fabbrica degli f35 a cameri, benchè sia in piemonte va a vantaggio del distretto lombardo il cui cuore dista pochi km, mentre torino, il cuore di quello locale, sta a più di un centinaio di km di distanza.
 

·
Registered
Joined
·
24,707 Posts
Discussion Starter · #126 ·
nel frattempo... ahahah

Leonardo si attacca al teleriscaldamento
[...] L’ultimo cliente della rete, gestita a Torino da Iren Energia, è lo stabilimento Leonardo di corso Francia. Le due società hanno messo in piedi un progetto che prevede di realizzare un nuovo impianto di teleriscaldamento al servizio del sito industriale [...]. Il sistema consentirà di azzerare i consumi diretti di gas metano dello stabilimento e di risparmiare così un milione di metri cubi l’anno, evitando l’emissione in atmosfera di circa 600 tonnellate di anidride carbonica (pari a quelle prodotte da oltre 400 auto che circolano in città). Nell’area di Leonardo sarà installata una sottostazione di scambio della potenza termica e l’impianto di riscaldamento sarà riconvertito attraverso la rimozione delle centrali a vapore e tramite la posa di un nuovo sistema di teleriscaldamento interno. In questo modo, tra l’altro, l’azienda aeronautica eliminerà i rischi legati alla generazione e alla circolazione del vapore nello stabilimento.
(Repubblica)
 

·
Registered
Joined
·
24,707 Posts
Discussion Starter · #127 ·
Torino candidata per ospitare una sede Nato
L’Italia propone di ospitare la sede dell’ufficio regionale della Nato dedicata allo sviluppo di un acceleratore per la Difesa nella città dell’Aerospazio in corso Marche. La candidatura è stata ufficializzata durante l’incontro che si è svolto nella sede della regione Piemonte dove il generale di Corpo d’Armata, Luciano Portolano ha ricevuto David van Weel, Assistant Secretary General for Emerging Security Challenges della Nato. Nel corso dell’incontro il presidente Cirio e il sindaco Lo Russo hanno illustrato la grande disponibilità e le grandi opportunità che il territorio offre per l’insediamento dell’ufficio regionale Nato in Europa, grazie a un ecosistema particolarmente solido. In attesa del completamento della Città dell’Aerospazio saranno messi a disposizione gli uffici delle Ogr Gli uffici regionali (uno in Europa e l’altro negli Usa) diventeranno hub della rete Diana e sovraintenderanno alle attività degli acceleratori.
(La Stampa)
 

·
Toret Proud User
Joined
·
3,932 Posts
⬆ ⬆ ⬆
«Museo della scienza e tecnologia aeronautica del Piemonte».

Un moderno scrigno di sapere […] 10 mila metri quadrati, di cui seimila coperti, che andranno ad affiancarsi allo Space Center concepito da Altec insieme allo studio Camerana & Partners. Se quest’ultimo avrà uno sguardo al domani e all’esplorazione dello spazio, il Museo […] metterà insieme tutte le collezioni legate all’aviazione presenti sul territorio, quindi i motori custoditi al dipartimento Energia del Politecnico e gli alianti e i cimeli della Collezione Gabrielli del dipartimento Aeromeccanica dell’ateneo di corso Duca. Poi i pezzi del Museo dell’Industria Aeronautica di Leonardo a Caselle, ovvero velivoli costruiti in legno e con le superfici alari ricoperte in tela, oltre a quelli in fibra di carbonio e titanio, fino agli aerei pilotati da remoto toccando il caccia Typhoon in uso alle forze armate europee e l’Ansaldo 491 con cui D’Annunzio sorvolò Vienna nel «Folle volo». «Ma faremo posto anche ai documenti d’archivio di Leonardo, come i disegni di aerovelivoli, e a laboratori in cui bambini e ragazzi potranno effettuare ad esempio esperimenti di aerodinamica. […] »

Fitte riunioni con i ministeri romani per reperire i fondi necessari alla costruzione del Museo. Una prima stima si aggira intorno a 20 milioni di euro. Meno definita è invece l’ubicazione del museo: sarà sicuramente dentro alla futura Cittadella, ma ancora non si sa bene dove collocarlo, se in un edificio già esistente o se costruirlo ex novo. […]
 

·
Registered
Joined
·
8,536 Posts

·
Registered
Joined
·
24,707 Posts
Discussion Starter · #134 ·

·
Registered
Joined
·
24,707 Posts
Discussion Starter · #135 · (Edited)
Il sogno con Bezos Torino-Australia in soli trenta minuti

CLAUDIA LUISE
[...] In corso Marche, nella futura Cittadella dell’Aerospazio, si gettano le basi per azzerare le distanze grazie ai voli suborbitali. [...] «Abbiamo appena firmato [...] un protocollo di intenti con Blue Origin, la società fondata da Jeff Bezos per i voli spaziali. Sapevano poco del Piemonte e dopo l’incontro abbiamo stretto rapporti per collaborare» racconta il presidente del Ceipiemonte [...]. Un primo passo che potrebbe portare a sviluppi futuri, utili sia per la filiera dell’aerospazio sia a immaginare una sede della società anche in Piemonte. Tra le novità c’è anche il sogno, sempre più concreto, di abbattere le distanze. Altec e Virgin Galactic, infatti, stanno portando avanti un progetto per aprire uno spazioporto a Torino, in corso Marche, per i voli sub orbitali, l’addestramento degli astronauti e per sviluppare il turismo nello spazio. «Ci stiamo specializzando nei voli suborbitali [...].
 

·
Registered
Joined
·
8,536 Posts
Dalla Luna a Marte: il Distretto aerospaziale Piemonte rilancia i suoi progetti
I piani delle aziende aerospaziali non si fermano nonostante il conflitto in Ucraina: «Torino determinante per le nuove frontiere dell’esplorazione»
Nel frattempo il programma della Città dell’aerospazio procede, con il progetto di riqualificazione del primo nucleo, in corso Marche. E il piano coinvolge Pmi e grandi aziende: dalla Lma di Pianezza, con il suo ceo, Fulvio Boscolo, alla Apr di Pinerolo, rappresentata dal ceo, Andrea Romiti.
«Il programma della missione ExoMars e del suo rover procede, in attesa di decisioni da parte dell’agenzia spaziale europea – spiega Cugno, in riferimento alla missione marziana, già in programma con l’agenzia spaziale russa, e che vista la situazione attuale quasi certamente verrà rinviata – Noi per adesso abbiamo fermato l’invio di nostri tecnici che dovevano partire per la base di Bajkonur, in programma per metà marzo».
Rinviare il lancio, previsto a luglio, significa posticiparlo di almeno altri 2 anni.
 

·
Torino è elettronica!!
Joined
·
29,943 Posts
Nella futura Città dell’aerospazio, il centro di sviluppo – tecnicamente definito acceleratore – della Nato per l’Italia
uno dei nove sul territorio europeo.

 

·
Registered
Joined
·
24,707 Posts
Discussion Starter · #139 · (Edited)
Fulvia Quagliotti, presidente del distretto aerospaziale del Piemonte “Oltre un miliardo di fondi pubblici e privati per la città dello Spazio”

[...] «È previsto un investimento di un miliardo e 150 milioni di euro, finanziati con fondi pubblici e privati, anche grazie al Pnrr [...] l’incubatore per le start up nel settore dello spazio promosso dall’Esa [...]. Uno dei fiori all’occhiello del progetto: un edificio di due piani con oltre 30mila metri quadri di superficie». [...] Nelle vicinanze del Campo Volo sorgerà l’edificio forse più spettacolare: una cupola del diametro di centometri [...] Sotto la cupola verrà ricreato artificialmente l’ambiente extraterrestre. Un luogo di sperimentazione essenziale. Ancora, nell’area troveranno spazio residenze universitarie e servizi, un vero campus universitario del volo». [...]
(La Stampa).

se davvero l'incubatore ESA sarà di 30k mq, stiamo parlando di uno spazio che è 10 volte l'I3P e 2,5 volte le OGR Tech...
 
121 - 140 of 152 Posts
Top