Skyscraper City Forum banner
5681 - 5700 of 5708 Posts

·
Registered
Joined
·
7,716 Posts
Aggiungo pure che anche qui alcune linee ferroviarie le gestisce GTT ...
Sottoscrivo tutto tranne questo. GTT non gestisce più la SFM1 e la SFMA non arriva più a Torino con i treni, e quando ritornerà non sarà comunque più gestita da GTT (e probabilmente non sarà più SFMA).
Vero che le ha gestite per una decina d'anni abbondante dopo l'avvio del SFM, ma ormai è il passato.
 

·
Registered
Joined
·
7,711 Posts
Guarda Darth, lungi da me l'intenzione di discutere! Anzi, prendiamo atto che non ci sarà più la possibilità di usare il treno, e basta. Certo non si va nella direzione giusta.
Non posso però esimermi dal far notare che:
  • stiamo imitando i peggiori anziché i migliori. La scusa dei "4 gatti" è sempre la stessa, che in Piemonte viene addotta per causare peggioramenti del servizio di ogni tipo, compresa la sospensione delle ferrovie secondarie. Ovvio che se un servizio si gestisce male (soppressioni continue e coincidenze inesistenti nel caso dei treni, biglietti sconosciuti e introvabili nel caso degli integrati) alla fine la gente non lo usa perché non sa che esiste o non riesce a usarlo! Sai quante volte avrei voluto usare SFM ma non ho potuto perché il biglietto da 2€ era introvabile in TUTTE le tabaccherie nel raggio di 15' da casa mia?
  • come fanno notare anche altri, sei male informato perché non è solo a Roma che il biglietto è integrato, ma anche in una serie piuttosto nutrita di altre città italiane. Se poi usciamo dai confini.. beh. Siamo ben oltre al concetto di "biglietto" (penso alla Chipkaart o a Oyster).
Nei confini nazionali, oltre a Roma e Milano, sulle quali non serve nemmeno discutere, vorrei far presente che perfino a Napoli (!) i biglietti sono integrati, e valgono su circa 20 vettori (ANM Web Site). Esistono poi una serie di casi in cui magari il biglietto di corsa semplice non è integrato, ma i giornalieri e i biglietti "turistici" si, come Venezia.
Insomma... dobbiamo veramente imitare i peggiori? Anzi.. fare peggio dei peggiori, e non consentire l'utilizzo del treno nemmeno con supplemento?
Aggiungo pure che anche qui alcune linee ferroviarie le gestisce GTT - dato che dici che a Roma le gestisce ATAC, che tra l'altro le gestirà solo fino a fine anno. GTT che gestisce pure gran parte delle autolinee extraurbane. E non riescono a integrare manco quelle, che invece sono integrate in tutta Italia, praticamente.
Ripeto: il problema non sono le imprese che gestiscono il servizio, ma la politica e, in questo caso, AMP.
Penso di aver detto tutto quanto avevo da dire su questa scelta a mio parere scellerata e da ora mi taccio. Per quanto possa servire, scriverò ad AMP.
Per Milano ho finalmente decifrato le nuove regole, a quanto pare nel biglietto corsa semplice ci sono i treni, fatto alzando i prezzi per tutti, vabbè, facile così.
Le restanti città hanno i biglietti integrati paralleli all'urbano. L'Unico Campania è identico al Formula, solo che è a livello regionale e non metropolitano come a Torino.

Per il resto non sto dicendo che tu abbia torto nel richiedere una maggiore integrazione, ma ci sono diversi ostacoli da parte di aziende come Trenitalia, che in primis vorrebbe l'abolizione del Formula, poi a cascata si passa a tutto il resto. I biglietti integrati son rimasti cartacei per anni perchè i (de facto) monopolisti ferroviari non volevano spendere per i chip on paper, figurati.

Fosse per me rivedrei il Formula, creando un sistema a fasce concentriche, superando le incomprensibili fasce attuali. La nuova area tariffaria dovrebbe comprendere grosso modo il territorio dello screen.

Se scrivi ad AMP fammi sapere allora. :D
 

·
Registered
Joined
·
1,248 Posts
No, a Milano sono almeno 40 anni che si possono prendere i treni col biglietto urbano, già da prima del 1997 che è quando hanno aperto il Passante. Mi ricordo che si potevano usare i biglietti urbani per fare Centrale-Greco, già negli anni '80.
 

·
Registered
Joined
·
779 Posts
Secondo me da utente del bit di Roma e Torino posso assicurarvi che rispetto a Roma vi è un abisso enorme. Il biglietto integrato a Torino non ha funzionato per tre motivi:

Scarsa campagna comunicativa (molta gente e esercizi come tabaccherie e bar non ne sono a conoscenza del biglietto);
Non include tutta la regione ma solo pochissime città riconducibili alla cintura;
Validità del titolo che andava estesa a tutta la giornata.
 

·
Turin is My City
Joined
·
5,733 Posts
Ma l'infrastruttura non è di RFI ora?
L infrastruttura, essendo Regionale é sempre GTT, fino a quando non ci sarà un passaggio formale, che potrebbe avvenire solo quando l intera linea non abbia almeno l scmt. Idem con patate per l altra infrastruttura.

Trenitalia paga il canone a gtt per il servizio. Cmq anche rfi dove ha un segnalamento vetusto succede che vada down. Non a caso é tecnologia che ad ora ha 40 anni con performance molto ridotte e nessuna unita di gestione delle criticità.
 

·
Registered
Joined
·
7,716 Posts
L infrastruttura, essendo Regionale é sempre GTT, fino a quando non ci sarà un passaggio formale, che potrebbe avvenire solo quando l intera linea non abbia almeno l scmt. Idem con patate per l altra infrastruttura.
SCMT che stanno installando, peraltro, però ci vorrà ancora un po' di tempo
 

·
Registered
Joined
·
7,865 Posts
e per l'ennesima volta, col cambio orario non vengono sanate le gravi mancanze del servizio ferroviario metropolitano la domenica, nei giorni festivi e fuori dalle fasce pendolari.
Il servizio ferroviario continua ad essere visto esclusivamente come servizio diretto a lavoratori e studenti, non in ottica di mobilità vera e propria
 

·
Registered
Joined
·
7,716 Posts
Sulla SFM1 hanno messo treni nuovi. I pop e i vivalto in attesa dei rock che dovrebbero arrivare l'anno prossimo
 

·
Turin is My City
Joined
·
5,733 Posts
Che fine hanno fatto le mirabolanti promesse dell’offerta fatta da Trenitalia per aggiudicarsi il bando?
Trenitalia gestisce gli orari secondo contratto e secondo il budget definito annualmente dalla regione. Ora la regione destina meno budget dell iniziale a gara quindi di conseguenza trenitalia si assume il minimo rischio gestendo il tutto secondo il minimo previsto dal contratto stesso (fase 1 A) . Inoltre per entrambe gli enti non si é in una situazione di normalità quindi... per vedere un aumento del servizio in termini quantitativi non sarà prima del 2024 e non oltre il 2026, come da obblighi contrattuali di entrambe le parti
 

·
Registered
Joined
·
111 Posts
Caro Babbo Natale,
vorrei tanto che il prossimo anno PNRR ci porti questi regali per il Servizio Ferroviario Metropolitano:
– sostituire l’impronunciabile acronimo da codice fiscale con un più semplice RR o ReRe (rete regionale)
– finire Dora e Zappata (ma questo lo sai già) e realizzare San Paolo e Gru
– aggiungere una fermata dove la linea storica di Collegno interseca la tangenziale, con parcheggio di interscambio
– allungare di un pochino la M1 dopo Bengasi in modo che incroci SFM1 con una fermata all’altezza di via Sestriere.
– treni il più possibile simili a una metropolitana, con ingresso a raso, due porte simmetriche, arrivo–partenza veloci, aria condizionata come Gesù Bambino comanda, wifi, spazio per biciclette, ecc.
– livree dei treni non in stile “Poveri ma belli”, bensì chiare e riconoscibili (tutto bianco o rosso Italo andrebbero bene)
– almeno nell’area di Torino, allestire tutte le fermate con binari dedicati e tornelli
– un solo biglietto digitale a QR code (dopo il covid anche i neonati sanno come usarlo) valido su tutta la rete urbana: si appoggia e dice “ti addebiteremo una corsa sul prossimo conto mensile, un po’ come si fa con il bancomat in autostrada, e questo copre anche l’auto che hai lasciato al parcheggio di interscambio”. All’uscita si appoggia di nuovo e dice il totale.
– sostituire i tristi annunci acustici (“il treno Servizio Ferroviario Metropolitano per…”) con tanti tabelloni luminosi e sintetici, ad es. “RR1 Chieri tra 7 minuti”. Gli stessi tabelloni, ben grandi, sulle autostrade o i grandi viali di scorrimento, dove intersecano la rete regionale, ad es. sul passante prima di Rebaudengo

Ci sarebbe altro, ma intanto vedi un po’ se riesci a convincere Draghi o Giorgetti.
 

·
Registered
Joined
·
1,643 Posts
Più che Draghi devi convincere RFI. Diverse di quelle cose non sono compatibili con le attuali norme, mentre praticamente tutte non sono compatibili con la mentalità che quel carrozzone esprime.
Per il materiale rotabile.. devi convincere Trenitalia, o la regione. Non è che i pop non vadano bene comunque...
 

·
Registered
Joined
·
7,716 Posts
Caro Babbo Natale,
vorrei tanto che il prossimo anno PNRR ci porti questi regali per il Servizio Ferroviario Metropolitano:
– sostituire l’impronunciabile acronimo da codice fiscale con un più semplice RR o ReRe (rete regionale)
Regionale ha un'altra accezione, per me basterebbe togliere l'inutile "S" di "servizio" (sono tutti servizi, mica solo questo) e lasciare FM "Ferrovia Metropolitana". Lo trovo comunque un problem marginalissimo.
– finire Dora e Zappata (ma questo lo sai già) e realizzare San Paolo e Gru
Sarebbe ora! E anche le altre stazioni previste (Rebaudengo, S.Luigi)
– aggiungere una fermata dove la linea storica di Collegno interseca la tangenziale, con parcheggio di interscambio
Non sono così convinto della sua utilità, sinceramente. A poca distanza c'è una bretella semi-autostradale che fa arrivare rapidamente al capolinea della metro1.
– allungare di un pochino la M1 dopo Bengasi in modo che incroci SFM1 con una fermata all’altezza di via Sestriere.
Questo sì, senz'altro, è anche già previsto ma chissà quando (e se) lo vedremo.
– treni il più possibile simili a una metropolitana, con ingresso a raso, due porte simmetriche, arrivo–partenza veloci, aria condizionata come Gesù Bambino comanda, wifi, spazio per biciclette, ecc.
Io prendo ogni tanto la SFM1 e i POP non sono niente male. I Vivalto un po' più datati ma a breve dovrebbero arrivare i Rock. Comunque mi pare che ormai sul nodo di Torino le banchine sono tutte a raso, a parte Lingotto, e i treni hanno l'accesso ribassato. Forse solo sulla SFM3 girano ancora treni tradizionali, non so bene, non la conosco.
– livree dei treni non in stile “Poveri ma belli”, bensì chiare e riconoscibili (tutto bianco o rosso Italo andrebbero bene)
Mah, anche qui, non mi pare fondamentale.
– almeno nell’area di Torino, allestire tutte le fermate con binari dedicati e tornelli
Tornelli ok, i binari a P.Susa, Rebaudengo, Stura sono già di fatto dedicati. A Lingotto no ma non so se è fattibile.
– un solo biglietto digitale a QR code (dopo il covid anche i neonati sanno come usarlo) valido su tutta la rete urbana: si appoggia e dice “ti addebiteremo una corsa sul prossimo conto mensile, un po’ come si fa con il bancomat in autostrada, e questo copre anche l’auto che hai lasciato al parcheggio di interscambio”. All’uscita si appoggia di nuovo e dice il totale.
Magari. I biglietti (cartacei) che ti fanno in stazione hanno già il QR code, ma poi devi timbrarli nelle macchinette :rolleyes:
– sostituire i tristi annunci acustici (“il treno Servizio Ferroviario Metropolitano per…”) con tanti tabelloni luminosi e sintetici, ad es. “RR1 Chieri tra 7 minuti”. Gli stessi tabelloni, ben grandi, sulle autostrade o i grandi viali di scorrimento, dove intersecano la rete regionale, ad es. sul passante prima di Rebaudengo
Non è che puoi togliere gli annunci sonori, mica tutti ci vedono bene. Ma sburocratizzarli sì, attualmente sono terribili e anche poco comprensibili
Ci sarebbe altro, ma intanto vedi un po’ se riesci a convincere Draghi o Giorgetti.
 
5681 - 5700 of 5708 Posts
Top