Skyscraper City Forum banner
1 - 20 of 44 Posts

·
Risorto User
Joined
·
2,512 Posts
Discussion Starter · #1 · (Edited)
Ragazzi mi e' venuto un dubbio...guardando proprio l'immagine della galleria del sempione che vi ho postato è proprio vecchia come galleria e non solo lo sono anche quella del frejus, del colle di tenda, infatti sono tutte del 1870 in poi possibile che non abbiamo una galleria ferroviaria moderna come il traforo
del monte bianco che e' stradale ? e poi ci sono sistemi di sicurezza in quei trafori ferroviari vi risulta qualcosa, e una domanda fessa?
 

·
Moderator
Joined
·
7,762 Posts
Le gallerie di per se non invecchiano. E comunque quelle ferroviarie sono molto più sicure di quelle stradali, di incidenti gravi ne hanno avuti pochi.

Anzi, la galleria de Sempione è molto moderna pur avendo 100 anni, essendo composta da due tubi a binario unico collegati fra loro ogni 3-400 metri, ed avendo un collegamento fra i due tubi al centro della galleria.
 

·
Risorto User
Joined
·
2,512 Posts
Discussion Starter · #4 · (Edited)
Si si va bene pero' io volevo immaginare qualcosa come il tunnel sotto la manica lo so e' un paragone azzardato ma mi piacerebbe immaginare che anche in italia ci fosse una struttura ferroviaria almeno paragonabile,cosi terribilmente moderna.
 

·
Moderator
Joined
·
7,762 Posts
L'hanno ripristinato qualche anno fa (2004?). C'è un treno ogni 90 minuti.

Poi c'è qualche treno Kandersteg-Iselle durante le vacanze che quindi passa sia ilLötschberg che il Sempione (lunghetto, 15 km tunnel + 25 km rampa + 20 km tunnel).

Sul Lötschberg (Kandersteg-Goppenstein) le navette ci sono sempre state.
 

·
Risorto User
Joined
·
2,512 Posts
Discussion Starter · #8 · (Edited)
Perché costruire tanto per costruire?
non si tratta di costruire tanto per costruire lo dicevo solo perche' so che si devono fare nuovi tunnel per la tav,e li immaginavo come il tunnel sotto la manica un semplice gioco di fantasia,per il resto lo so che quelle opere non invecchiano mai. La francia ed altre nazioni le hanno costruite di recente,noi eravamo un paese all' avanguardia gia' nel 1870 infatti abbiamo i trafori ferroviari e autostradali piu' lunghi d'europa.
 

·
amateur facial
Joined
·
3,652 Posts
questo tipo di avanguardia nasce anche dall'esigenza: se le alpi si fossero trovate in inghilterra,questo primato dei trafori più lunghi ce lavrebbero gli inglesi
..e se la manica fosse in italia non esisterebbe nessun tunnel ferroviario
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
Ieri, andando a Zurigo, ho visto quello dell'Alp Transit. Oramai sono all'85% di realizzazione per lo scavo. :)

Cmq. ho capito la signature di Coccodrillo. Ho fatto Milano-Zurigo con il Cisalpino delle 7.10 :eek:hno:, con relativo cambio a Lugano. :eek:hno:

Vedo che sul sito dell'Alp Transit sono previste moltissime visite guidate. Ci farò un pensierino. :)
 

·
Moderator
Joined
·
7,762 Posts
^^ le prossime porte aperte sono fra poco:
Sigirino: 16 maggio 2009
Sedrun: 20 giugno 2009

(il cambio a Lugano salta spesso, il record di mancata coincidenza è di circa di 10 giorni di fila, quindi con un'ora di ritardo per chi ha dovuto aspettare il treno successivo)
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
Ma, Coccodrillo, tu che sei esperto della linea e del Cisalpino, poi, gentilmente spiegare a tutti il perchè della rottura di carico a Lugano, così la gente si rende conto del motivo?
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
^^ le prossime porte aperte sono fra poco:
Sigirino: 16 maggio 2009
Sedrun: 20 giugno 2009

(il cambio a Lugano salta spesso, il record di mancata coincidenza è di circa di 10 giorni di fila, quindi con un'ora di ritardo per chi ha dovuto aspettare il treno successivo)
si ed invito la gente ad andarsi a fare un giro:

www.alptransit.ch

Sito fatto benissimo e molto esaustivo, anche in termini di avanzamento lavori e grafici esplicativi.
 

·
Moderator
Joined
·
7,762 Posts
A dicembre 2008 è entrato in vigore un nuovo orario, completamente nuovo, nel quale praticamente tutti i treni da Arth Goldau (stazione a nord del Gottardo) a Milano, e praticamente tutti i treni regionali e diretti sulla linea Milano-Monza e diramazioni (Como, Molteno, Lecco, Valtellina), hanno cambiato orario.

L'idea era di creare nodi e migliorare le coincidenze.

Da qui l'idea di treni ad assetto variabile, che permettono di ridurre i tempi di percorrenza quel tanto che basta ad entrare nei nodi.

Per farla breve, un passeggero da Brescia arriva a Milano Centrale alle 8.55, ovvero poco prima delle 9.00, dove trova un Cisalpino che parte da Milano alle 9.10, ovvero poco dopo le 9.00. Lo prende ed arriva alle 12.51 a Zurigo, ovvero poco prima delle 13.00, dove trova un treno per, che so, Stoccarda, che parte poco dopo le 13.00.

Se il Cisalpino impiegasse 15 minuti in più, pochi su 3h40 per chi va solo da Milano a Zurigo, perderebbe le coincidenze a Milano o Zurigo.

Il problema è che un viaggio di 3h40 è possibile solo con treni ad assetto variabile (che non devono essere per forza Pendolini Fiat). Però, senza gli ETR 610, è impossibile gestire il servizio pianificato, dato che i 9 ETR 470 non bastano. Da qui l'idea di usare ETR 470 da Milano a Lugano e ICN da Lugano a Zurigo. Gli ICN sono treni ad assetto variabile, derivati dai Pendolini, anche se non lo sono. Il problema è che gli ICN non possono circolare in Italia. Quando e se i 610 entreranno in servizio non sarà più necessario cambiare treno.

Resteranno comunque, anche con i 610, alcuni problemi:
1) da 14 coppie di treni Milano-Zurigo/Basilea (alternati, il treno per Zurigo con coincidenza ad Arth Goldau per Basilea e viceversa) si passerà a 9, in pratica i treni Milano-Basilea partiranno da Chiasso o Lugano invece che da Milano
2) non faranno salire e scendere i passeggeri a Chiasso anche se i treni ci si devono fermare per 3 minuti per motivi tecnici
3) hanno messo alcuni treni Milano-Bellinzona, però in orari a caso, col risultato che ci sono due treni che in ora di morbida vanno insieme da Chiasso a Bellinzona, però non in coincidenza: uno arriva a Chiasso da Milano alle 8.56, uno parte da Chiasso per Basilea alle 8.52: si fanno 50 km insieme, ma non in coincidenza: il doppio dei treni, la emtà dei viaggi (non è possibile fare Milano-Basilea col treno delle 8, perché esiste, ma diviso in due pezzi non in coincidenza)
4) i CIS sono comunque in ritardo, sarebbe stato meglio studiare una variante con treni trazionali lenti ma senza cambio, non so come però (per via dei nodi)
5) mantenere il vecchio orario non era comunque possibile perché avrebbe voluto dire modificare anche i treni per Lecco, Valtellina, eccetera.
 

·
Banned
Joined
·
11,998 Posts
^^ Tutto cambierà con l'entrata in esercizio dell'ALP Transit...basta avere un po' di pazienza, giusto un po'. :lol:

Scherzi a parte, mi avevi sono andato a Zurigo perchè mi avevi incuriosito con la tua descrizione sulla rete tramviara, fattami quando ci siamo visti in occasione della MT Milano-Cinisello.
 

·
Moderator
Joined
·
7,762 Posts
Tenere bassa la velocità, vicina a quella dei treni merci, aumenta la capacità.

Comunque...anche se ufficalmente i CIS fanno guadagnare tempo (come ho scritto), è talvolta capitato che un EC sostituivo, con traccia per Pendolini, con cambio locomotiva a Chiasso (o a Domodossola) sia arrivato in orario a Zurigo (o a Ginevra). Forse anche con materiale tradizionale, ma con loco politensione, sarebbe stato possibile averegli stessi tempi di viaggio degli ETR. Ma è una mia supposizione, non una certezza.
 
1 - 20 of 44 Posts
Top