SkyscraperCity banner

30401 - 30414 of 30414 Posts

·
Torino è elettronica!!
Joined
·
28,607 Posts
Che decisione inutile, uno spreco di risorse.

Non c'è niente di particolare su quell'isoletta e non diventerà una nuova Capri, una nuova Palmaria o un'Isola Borromea.
Adesso lo stato non saprà fare manutenzione, che invece sarebbe stata a totale carico del proprietario privato, come è sempre stato in passato. Era degli eredi Terruzzi, se non sbaglio.

Ma vuoi mettere l'azione populistica di strappare al cattivo magnate russo due rocce davanti ad Albenga?

Con i soldi risparmiati lo Stato o la regione avrebbe potuto mettere a posto, per dire, il ponte romano di Albenga, deviando il traffico, scavandolo, e isolandolo in uno specchio d'acqua, un po' come fatto per il Ponte di Augusto a Rimini.

E sarebbero avanzati dei soldi.
Isola di Gallinara, business sfumato per i venditori dopo l’intervento del Mibact
L’esercizio della prelazione del ministero sulla villa più grande dell’isola ha fermato il compratore ucraino che voleva tutti gli edifici. I prorietari degli altri immobili restano a terra

 

·
Registered
Joined
·
1,971 Posts
Ma infatti, ma che senso ha viaggiare di sti tempi? Non capisco chi in questo periodo sta prenotando viaggi approfittando dei prezzi bassi. Al netto del rischio contagio, tra restrizioni, chiusure anticipate, divieto di assembramenti, ma che gusto c’è a visitare una qualsiasi città europea oggi?
Dipende dal destinazione. Sono tornato ieri da Porto e devo dire che, al netto delle basilari norme di sicurezza, non sembrava nemmeno di trovarsi nel mezzo di una pandemia globale.
Stesso discorso per un breve tour della Baviera circa tre settimane fa.
 

·
jazz & funk user
Joined
·
3,631 Posts
Turismo. Corrao M5S: Settore alberghiero sull’orlo del baratro. Rischio speculazioni e infiltrazione mafiosa

Redazione 2 |Mer, 28/10/2020 - 13:01

E’ in atto una vera e propria speculazione silenziosa sugli alberghi italiani in crisi e sulle piccole e medie imprese del settore ricettivo. In queste settimane molte strutture alberghiere italiane in difficoltà economica, dalla Sicilia al Veneto, stanno ricevendo proposte da parte di intermediari di fondi internazionali di investimento. La crisi dovuta al coronavirus potrebbe favorire anche la criminalità organizzata. L’Europa lo impedisca”.
A denunciarlo è l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao che, con una interrogazione alla Commissione Europea espone il problema del rischio di speculazioni finanziarie e dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle acquisizioni delle strutture alberghiere e ricettive in ginocchio a causa degli effetti economici della pandemia da Covid-19.“E’ evidente – spiega Corrao che si stanno attivando grandi cordate nazionali e internazionali che speculano sulla crisi per rafforzare la concentrazione il loro potere economico ed eliminare la concorrenza. Un momento pericolosissimo per la tenuta del nostro sistema turistico che rischia di perdere per sempre i suoi pezzi pregiati. Inoltre, esiste il rischio concreto che tali acquisizioni avvengano da parte di soggetti contigui alla criminalità organizzata di stampo mafioso. In tale contesto, molte strutture, in assenza di tutela e supporto economico adeguato, soprattutto in vista di una seconda ondata pandemica e il connesso rischio di ulteriore lockdown, potrebbero decidere di cedere”.“La crisi causata dalla pandemia si è abbattuta sul settore alberghiero italiano, causando il crollo delle prenotazioni (circa 6,8 milioni di presenze in meno solo in Sicilia), degli introiti, con il rischio di fallimento per molte strutture. Nell’ultima settimana di ottobre è addirittura prevista, in alcune zone della Sicilia, la chiusura dell’80% delle strutture. In tutto ciò, l’Europa ha fatto poco o nulla per sostenere il settore. Per questo ho sottoposto la questione alla Commissione UE, spingendola a vigilare ed intervenire con un supporto economico al settore alberghiero, combattendo il fenomeno speculativo e contrastando l’infiltrazione mafiosa” – conclude Corrao.
(Il Fatto Nisseno)
 

·
IN VINO VERITAS
Joined
·
3,350 Posts
Sono stato a Roma qualche gg fa per lavoro e ne ho approfittato per un giro notturno a piedi.

Visto Colosseo, Fori, Campidoglio, Trevi, Navona e Spagna completamente deserte.

In via del Corso potevo mettermi in mezzo alla strada a scattare foto che non passava nessuno, tranne qualche rara auto della polizia.

Che dire: magnifico e surreale, mai vista Roma così.
 

·
Registered
Joined
·
1,711 Posts
dato che lavoro in remoto sono scappato a Malta per un mesetto visto il clima favorevole e lockdown quasi inesistente (solo bar e discoteche sono chiusi), altrimenti mi sarei diretto verso la Sicilia.
Che posto assurdo, sembra di essere in una cittadina siciliana, però con una popolazione molto internazionale, camminando per strada si ascolta parlare spagnolo, inglese, olandese, tedesco, italiano... sembra quasi di essere a Londra.
Livelli di pulizia e manutenzione paragonabili a quelli italiani, piste ciclabili inesistenti.
Molte parti dell'isola sono state sfigurate negli anni 70-80, tutt'ora sta costruendo tantissimo ma con più gusto, immobili di pregio, tra i vari progetti, questa torre di Zaha Hadid.

729330


729332


Bello avere regimi fiscali bassissimi, mi chiedo come sarebbe l'Italia se non ci fossero le tasse che ci sono. Mi chiedo però se sia solo questo il motivo del successo di Malta.
 

·
Registered
Joined
·
52,549 Posts
Discussion Starter #30,407
L'allarme di Federalberghi: 'perderemo 14 miliardi, -245 mln presenze'
Le imprese ricettive e termali sono tra le più colpite dall'emergenza della pandemia


24 novembre 2020

"In Italia, la pandemia ha colpito duro sulle imprese ricettive e termali, che sono senza dubbio tra le più colpite, se non le più colpite in assoluto. In queste settimane, stiamo assistendo a una replica di quanto già visto durante il lockdown primaverile, quando Istat registrò un calo del 91% delle presenze negli esercizi ricettivi (7 milioni di pernottamenti nel trimestre marzo ‐ maggio 2020, a fronte degli 81 milioni del corrispondente periodo dell'anno precedente).

Fosche prospettive incombono sulle festività natalizie e sulle vacanze invernali". Lo denuncia il direttore generale di Federalberghi Alessandro Massimo Nucara nell'audizione sul disegno di legge n. 2790 bis davanti alla Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera dei deputati.

Nel 2020 verranno meno 165 milioni di presenze straniere (-74,6%) e 81 milioni di presenze italiane (-37,5%). Le presenze totali saranno ben 245 milioni in meno (-56,2%). Il fatturato del comparto ricettivo subirà una perdita di 14 miliardi di euro (-57%)- Tra agosto e dicembre il Governo ha stimato per i settori turismo e terme una riduzione del 70% delle assunzioni rispetto allo stesso periodo del 2019.
 

·
Registered
Joined
·
4,683 Posts
^^ che di solito non è particolarmente gradito "ai locali"...e cmq "il falò notturno attorno al quale raccontarsi storie" mi sembra l'esatta antitesi del distanziamento sociale
 

·
Registered
Joined
·
52,549 Posts
Discussion Starter #30,411





...
L'integrazione dei parchi divertimento nelle imprese turistiche rientra a pieno titolo nel processo evolutivo del comparto, che nel corso degli anni ha acquisito un peso sempre più importante nell'offerta turistica del Belpaese: nel 2019 sono stati 20 milioni i visitatori provenienti dall'Italia, a cui si aggiungono 1,5 milioni di stranieri, per un totale di 1,1 milioni di pernottamenti in hotel. Sempre nel 2019, il settore, che conta circa 230 parchi in tutta Italia tra tematici, acquatici e faunistici, ha generato un giro d'affari di 450 milioni di euro e 25.000 posti di lavoro. Cifre che salgono rispettivamente a 2 miliardi di euro e 60.000 occupati considerando l'indotto composto da hotel, ristorazione, merchandising, manutenzione e altri servizi complementari.
[...]
 

·
Registered
Joined
·
52,549 Posts
Discussion Starter #30,412
Crolla il turismo in Italia (calo di oltre il 50% in nove mesi)
Istat: 192 milioni di presenze in meno sul 2019
Crolla il turismo in Italia (calo di oltre il 50% in nove mesi)



Roma, 29 dic. (askanews) – Nel 2020, a seguito della pandemia da Covid-19, in tutti i Paesi europei i flussi turistici subiscono un “profondo shock”. Nei primi 8 mesi del 2020, Eurostat stima che il numero delle notti trascorse nelle strutture ricettive nell’Unione europea (Ue) a 27 sia pari a circa 1,1 miliardi: un calo di oltre il 50% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Lo rileva l’Istat che sottolinea come “i dati provvisori del nostro Paese, relativi ai primi nove mesi del 2020, sono in linea con il trend europeo (-50,9% rispetto allo stesso periodo del 2019, con quasi 192 milioni di presenze in meno) ed evidenziano l’entità della crisi del turismo interno generata dall’emergenza sanitaria, dopo anni di crescita costante del settore. Il 2019, infatti, aveva fatto registrare un ulteriore record dei flussi turistici negli esercizi ricettivi italiani, con 131,4 milioni di arrivi e 436,7 milioni di presenze e una crescita, rispettivamente, del 2,6% e dell’1,8% in confronto con l’anno precedente”.
....
...
 
30401 - 30414 of 30414 Posts
Top